Malation (Aftir) rimedio per i pidocchi: funziona?

Ultima modifica 28.05.2019

Introduzione

Sinonimi: Malation, Malatione, Malathion, 0,0 – dimetil ditiofosfato del dietil mercaptosuccinato

Il malatione è un insetticida appartenente alla famiglia degli organofosfati, con tossicità relativamente bassa per l’uomo, che viene utilizzato per il trattamento della pediculosi (pidocchi del capo). Il farmaco, in grado di uccidere sia il parassita adulto che le uova (lendini), è reperibile in Italia con il nome commerciale di Aftir, sotto forma di gel, mentre lo shampoo e la lozione della stessa linee sono prodotti cosmetici per la prevenzione dall’infestazione.

Pur avendo un odore particolarmente sgradevole, manifesta una buona efficacia nel contrastare i parassiti, così come un’elevata tollerabilità quando usato correttamente: per una riuscita ottimale del trattamento è fondamentale lasciare il prodotto a contatto con la capigliatura a lungo (il prodotto venduto in Italia riporta l’indicazione di 10 minuti), poiché l’azione insetticida sulle uova richiede più tempo.

Fotografia di una bambina che si gratta i capelli a causa della presenza di piddochi

iStock.com/STUDIO GRAND OUEST

Meccanismo d’azione

Il malathion uccide i parassiti attraverso un’azione di disturbo perpetrata sul sistema nervoso, impedendo una corretta trasmissione dei segnali e causando paralisi e blocco della respirazione.

Persone e animali domestici possono essere colpiti allo stesso modo in caso di esposizione ad elevate quantità di antiparassitario, ma un utilizzo corretto dei prodotti in vendita in genere esclude a priori quest’evenienza grazie ad un assorbimento cutaneo trascurabile.

Rischi e tossicità del malation

Si premette innanzi tutto che i prodotti antipediculosi, se utilizzati seguendo le indicazioni della casa produttrice o del pediatra/famacista, non hanno generalmente effetti collaterali degni di nota; è tuttavia importante sottolineare che si tratta di prodotti potenzialmente pericolosi anche per l’ambiente, il cui utilizzo va pertanto limitato ai casi di effettiva infestazione e mai a scopo preventivo se non espressamente prescritti dal pediatra/dermatologo.

Il malation di per sé non è tossico per l’uomo quando utilizzato esternamente, tuttavia l’ingestione o l’assorbimento all’interno del corpo umano porta conseguenze immediate nel metabolismo a causa del malaossone, sottoprodotto del malatione, che è tossico se presente in quantità elevate.

L’esposizione cronica (cioè ripetuta quotidianamente per periodi di tempo molto lunghi) a bassi livelli di malation è stata correlata da alcune ricerche ad una possibile riduzione della memoria, ma non sono mai state trovate conferme definitive: non esiste infatti attualmente alcuna informazione affidabile sugli effetti negativi per la salute dell’esposizione cronica al malation, mentre l’esposizione acuta a livelli estremamente elevati causa sintomi la cui intensità dipende dalla gravità dell’esposizione.

Possibili sintomi di intossicazione comprendono

Gli animali domestici esposti alla sostanza manifestano generalmente sintomi sovrapponibili a quelli appena elencati e necessitano d’immediato intervento veterinario.

Con le modalità di applicazione topica (sui capelli) normalmente consigliate è ovviamente impossibile incorrere in avvelenamenti seri, mentre possono comparire irritazione cutanea e mucosa soprattutto in soggetti sensibili. La maggior parte dei sintomi tendono comunque a risolversi entro alcune settimane.

Il malation presente in acque non trattate viene convertito in malaossone durante la fase di clorazione del trattamento delle acque, perciò l’antiparassitario non dovrebbe essere utilizzato in acque che possono essere utilizzate come fonte per l’acqua potabile, o qualsiasi acqua a monte.

Nel 1976, numerose persone impegnate nello studio della malaria in Pakistan sono state avvelenate da isomalathion, un contaminante presente in alcune preparazioni a base di malation. Si è scoperto che le pratiche di lavoro avevano portato ad un eccessivo contatto diretto della pelle con l’isomalathion contenuto nelle soluzioni di malation. Applicazione di pratiche di lavoro più igieniche e la contemporanea cessazione dell’uso di malation contaminato con isomalathion ha portato alla scomparsa dei casi di avvelenamento.

Un unico trattamento è sufficiente?

Poiché il tempo di schiusa delle uova è pari a circa una settimana, si consiglia in genere di ripetere il trattamento a distanza di 7-10 giorni per colpire eventuali pidocchi nati da lendini sopravvissute al primo trattamento.

Approfondimenti

Fatti salvi questi casi estremi, riportati più che altro a titolo di curiosità, si sottolinea che l’antiparassitario rimane un prodotto con un ottimo profilo rischio-benefici per l’uso domestico; per approfondire segnalo infine un’interessante revisione del problema dei pidocchi, sul sito Medico e Bambino, redatto in collaborazione con l’Associazione Culturale Pediatri.

Fonti e bibliografia

Articoli Correlati

Domande e risposte
  1. Domanda -

    Ma quindi Aftir shampo non serve per il trattamento?

    1. Dr. Roberto Gindro -

      No, non ha una diretta azione antiparassitaria; da solo non è quindi sufficiente.