Capillari antiestetici e rotti nelle gambe: cause e rimedi

Ultimo Aggiornamento: 196 giorni

Introduzione

La presenza di capillari evidenti e ramificati (“teleangectasie” in termine medico) a livello degli arti inferiori è un fenomeno che interessa una parte importante della popolazione, in particolare quella femminile, e che spesso viene percepito quale problema di carattere unicamente estetico. In alcuni casi è effettivamente così, in altri invece si tratta di veri e propri campanelli d’allarme rispetto al funzionamento del sistema vascolare, tali da meritare un percorso dedicato di diagnosi e trattamento.

Le teleangectasie degli arti inferiori possono evidenziarsi in qualunque zona delle gambe, anche con ramificazioni molto estese, simili a ragnatele, ma sono frequentemente localizzate in specifiche zone:

  • caviglie,
  • parte esterna della coscia,
  • parte interna del ginocchio.

Il loro calibro varia da circa 0,3 a 1,5 millimetri e possono essere di colore rosso, blu, viola o verde.

Sono causate da ipertensione (pressione troppo alta) venosa limitrofa all’area in cui insorgono; alla base di questo problema spesso si trovano delle vene chiamate “reticolari” che sono la fonte delle varici.

Cause

Le teleangectasie possono essere il segno di un problema più esteso, la cui corretta diagnosi e terapia deve essere affrontata prima dell’inizio di un trattamento estetico.

Le cause e i fattori di rischio che portano allo sviluppo dei capillari sono molteplici e tra le più diffuse troviamo:

  • Familiarità: i capillari rotti sono un disturbo ereditario. Le persone con genitori che soffrono di fragilità capillare hanno più probabilità di sviluppare a loro volta questo disturbo.
  • Età: le varici sono più visibili all’età di 50-60 anni. Quando si invecchia la pelle diventa più sottile e i capillari perdono l’elasticità, le valvole all’interno delle vene (che hanno il compito di direzionare il flusso del sangue verso il cuore evitando il reflusso verso il basso) si indeboliscono e la conseguenza è che il sangue ristagna all’interno delle vene. Ciò aumenta la pressione all’interno di vene e capillari e provocandone la rottura. Questi capillari rotti diventano più evidenti quando la pelle si assottiglia, condizione che si accentua appunto con l’età.
  • Gravidanza: in gravidanza aumenta la quantità di sangue che scorre nel corpo, causando la dilatazione delle vene. L’ingrossamento dell’utero, inoltre, può comprimere la vena cava, sul lato destro del corpo. La conseguenza è l’aumento della pressione all’interno delle vene della gamba che causa la dilatazione venosa. A volte le valvole presenti all’interno delle vene non funzionano correttamente a causa di questo fenomeno, quindi il sangue ristagna e provoca lo sviluppo di vene varicose.
  • Sesso: sono più comuni nelle donne.
  • Squilibri ormonali: lo squilibrio ormonale è un altro fattore che può colpire la resistenza delle vene e dei capillari. Un elevato livello di estrogeni e progesterone può dilatare le vene e i capillari, pertanto la gravidanza, la pillola anticoncezionale e gli altri tipi di trattamento agli estrogeni possono aumentare il rischio di avere i capillari deboli sulle gambe. D’altra parte un livello troppo basso di estrogeni e progesterone può ridurre la capacità delle vene di resistere alla pressione; un basso livello estrogeni può aumentare il rischio di ipertensione nelle donne, quindi i capillari rotti sono molto frequenti in menopausa.
  • Insufficienza venosa cronica: le vene portano il sangue dalle gambe al cuore contro la forza di gravità. Come già detto il reflusso del sangue verso il basso a causa della gravità è bloccato da alcune piccole valvole presenti nelle vene. Quando queste valvole non funzionano correttamente il sangue si accumula nelle vene e nei capillari delle gambe. I piccoli vasi sanguigni si indeboliscono a causa dell’aumento della pressione e si rompono. Questo disturbo è detto insufficienza venosa cronica, i cui principali fattori di rischio sono
  • Stile di vita: il rischio di sviluppare le varici e le vene varicose è maggiore nelle persone che conducono una vita sedentaria. L’insufficienza venosa cronica può peggiorare quando si rimane per molto tempo in posizione seduta o in piedi.
  • Attività professionale: sono particolarmente colpite le persone che stanno molte ore in piedi o vicino a fonti di calore, come ad esempio i fornai.

Altre possibili cause sono rappresentate da:

  • esposizione eccessiva a fattori ambientali, come sole e temperature calde in generale,
  • una lesione o un trauma alle gambe,
  • alcolismo,
  • disturbi del fegato,
  • presenza di cellulite (in questo caso è presente una difficoltà del sangue a rientrare dalla cute in profondità, per cui si formano dei circoli di compenso, appunto i capillari).

Alla base del problema delle teleangectasie e delle venulectasie spesso si trovano le vene così dette “reticolari”, che sono piccole varici localizzate più spesso a livello della faccia mediale e laterale di coscia e alla faccia posteriore del ginocchio (cavo popliteo).

Prima di procedere con il trattamento delle venulectasie bisogna quindi trattare le vene reticolari.

È importante tenere sempre presente è che i capillari rappresentano il I stadio della Malattia Venosa Cronica degli arti inferiori (per intendersi, è la stessa patologia di chi soffre di vene varicose o di ulcere) e in quanto tale tenderà sempre a peggiorare nel tempo.

Ciò significa che è normale vedere sulle proprie gambe un numero sempre maggiore di capillari di dimensioni diverse a cui spesso si associano disturbi come un senso di pesantezza.

Sintomi

I Sintomi clinici delle teleangectasie possono essere diversi:

  • presenza di vene rosse, blu o viola evidenti sugli arti inferiori,
  • dolori alle gambe o bruciore,
  • prurito alle gambe,
  • gambe e caviglie gonfie,
  • gambe pesanti,
  • alterazione del colorito della pelle,
  • lieve sanguinamento dei capillari sottocutanei (capillari rotti).

Diagnosi

Una visita specialistica è fondamentale per una corretta diagnosi.

Non è raro riscontrare un problema a carico di vene più profonde che necessitano di essere trattate per prime (con immediato miglioramento del quadro estetico), è opportuno pertanto che lo specialista effettui al momento della visita anche un esame ecocolordoppler per definire con certezza la natura e l’origine del problema; questo servirà per una corretta programmazione e scelta del trattamento da effettuare.

Ad esempio la presenza di capillari in corrispondenza di aree di cellulite è dovuta a un difetto di scarico del sistema venulo-capillare e non dal reflusso di una venula.

Si capisce quindi che il tipo di trattamento cambia a seconda del caso ed ecco perché è importante che lo specialista cui ci si rivolge sia in grado di integrare la visita con l’esame ecocolordoppler.

Rimedi e terapie

Come abbiamo visto una diagnosi accurata è un passaggio imprescindibile in un percorso sensato di cura dei capillari. Una volta effettuata la diagnosi si passa al trattamento vero e proprio; tra le metodologie più sicure ed efficaci oggi troviamo la scleroterapia e la laserterapia.

Scleroterapia

La scleroterapia consiste nell’iniettare una soluzione all’interno dei capillari in forma liquida o sotto forma di schiuma attraverso l’utilizzo di piccoli aghi. Questo innesca un processo infiammatorio che porta all’occlusione dei vasi capillari con conseguente schiarimento e scomparsa degli stessi.

Generalmente sono necessarie più sedute intervallate da una pausa di circa quattro settimane. Questo intervallo è necessario per consentire all’organismo di rispondere allo stimolo infiammatorio e ripristinare un corretto drenaggio.

La scleroterapia non richiede anestesia e viene effettuata in regime ambulatoriale. Dopo il trattamento il paziente può camminare e tornare alle propria attività. Si consiglia l’applicazione di una crema per prevenire la formazione di pigmentazioni.

Tra gli effetti collaterali ci sono:

  • prurito alle gambe,
  • gonfiore,
  • alterazione del colorito cutaneo.

Laseterapia

Il disturbo viene trattato attraverso l’uso di una luce laser che blocca la fuoriuscita di sangue dai capillari. Si usa anche per restringere i vasi sanguigni, prevenendo così la futura rottura dei capillari.

In genere serve solo una seduta che dura circa 15-20 minuti e nei casi più gravi si può eventualmente.

Le metodologie disponibili sono in questo caso due:

  • applicazione transdermica, la luce è esterna e colpisce direttamente il vaso sanguigno chiudendolo;
  • applicazione endoperivenosa, il capillare viene chiuso per contatto diretto con la fibra ottica.

Prima di intervenire è a volte possibile raffreddare l’area da trattare al fine di alleviare la percezione di calore prodotta dal laser stesso, evitando possibili sensazioni di dolore.

La laserterapia non richiede anestesia e viene effettuata in regime ambulatoriale. Dopo il trattamento il paziente può camminare e tornare alle propria attività. Si consiglia l’applicazione di una crema cicatrizzante e idratante.

I possibili effetti collaterali sono:

  • formazione di piccoli lividi,
  • arrossamento,
  • prurito,
  • gonfiore.

Terapia farmacologica

Una possibile alternativa al trattamento laser è rappresentata dalla terapia farmacologica, attraverso:

  • farmaci per via orale (tra i più utilizzati c’è l’Oxerutina, Venoruton®),
  • creme medicinali che si possono utilizzare per i capillari rotti,
  • pomate che contengono vitamina K, C ed E (l’applicazione di una pomata con la vitamina K localmente due volte al giorno può essere molto utile contro la rottura dei capillari),
  • creme che contengono una grande quantità di flavonoidi come Antistax®.

I rimedi di erboristeria per curare i capillari rotti prevedono il ricorso a numerosi principi fitoterapici, tra cui:

  • mirtillo e ippocastano (rinforzano le vene),
  • rusco (vasocostrittore dei muscoli lisci della parete venosa),
  • centella asiatica,
  • amamelide,
  • vite rossa.

Prevenzione

È opportuno seguire alcune buone regole utili a prevenire la comparsa e il peggioramento dei capillari. Nello specifico:

  • adottare una dieta equilibrata ricca di vitamine, flavonoidi e fibre; mangiare molta frutta e verdura ricche di vitamina C e K (per esempio agrumi, spinaci, cavolfiori, cavoli, …),
  • evitare i cibi salati, perché il sodio in eccesso provoca ritenzione idrica che può aumentare la pressione nei vasi sanguigni,
  • svolgere regolare attività fisica (anche solo camminare quotidianamente per venti minuti è ottimo, ma uno stile di vita attivo o l’attività fisica regolare possono ulteriormente migliorare la circolazione sanguigna e rinforzare le vene); le attività più utili per migliorare la circolazione sono camminare e nuotare;
  • evitare le cerette a caldo,
  • evitare tacchi alti e indumenti troppo aderenti,
  • indossare calze elastiche per chi sta molte ore in piedi,
  • evitare l’abitudine di accavallare le gambe in posizione seduta,
  • mantenere un peso corporeo adeguato per evitare di applicare più pressione sulle vene,
  • evitare di stare nella stessa posizione (seduto o in piedi) per molto tempo; quando non fosse possibile è consigliabile fare delle brevi pause sollevando le gambe per pochi minuti.

 

A cura della Dr.ssa Elisabetta Fabiani

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Quando si hanno problemi di insufficienza venosa è possibile esporsi al sole? Ho sentito pareri contrastanti.

  2. Anonimo

    Grazie per la risposta! Ovviamente le dico che ad oggi sono molto insoddisfatta dei risultati delle sclerosanti, in quanto le macchie sono veramente antiestetiche! Diciamo che la prova costume è bocciata in partenza…
    L’auriderm xo se non sbaglio non contiene lattoferrina che forse sarebbe più indicata per il mio problema (?). Non so … Proverò… Grazie. Saluti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Spesso in questi casi più che la singola sostanza entra in gioco la risposta soggettiva.

  3. Anonimo

    Buonasera dottore! In seguito a sclerosanti fatte circa circa 4 mesi fa, mi sono uscite delle macchie scure sulla pelle… Il medico mi ha detto che la risposta a questo trattamento è soggettiva e che le macchie col tempo andranno via…
    Per accelerare i tempi Mi ha consigliato la crema kelairon o auriderm xo. Secondo lei quale può essere la più adatta al problema?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, non vedendo direttamente la situazione è difficile risponderle, tuttavia le due creme sono assimilabili, agendo sullo stesso substrato. Se provandone una non vede grandi miglioramenti potrebbe sempre passare all’altra. Saluti.

  4. Anonimo

    Buongiorno dottore ! Ho fatto 3 sedute di sclerosanti alle gambe da un mese. Ho ancora delle macchie scure e dei capillari blu che prima non c’erano… Andranno via secondo lei con il tempo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Senza vedere è difficile giudicare, ma in linea di massima sì, andranno via.

  5. Anonimo

    Salve dottore.sto iniziando ad usare. Le calze a compressione. Da 15 mmHg .volevo sapere se sono a scopo terapeutico o solo preventivo.e se riescono a migliorare. La situazione..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono preventive, nel senso che non possono curare eventuali disturbi, ma ne avrà gran sollievo anche sui sintomi.

  6. Anonimo

    Grazie dottore faro’ un controllo . Sperando che e tutto ok .sono un po preoccupata

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. La mia sensazione è che sia un po’ di suggestione, ma può eventualmente valutare con il medico se verificare per scrupolo la funzionalità della tiroide.
      2. Lasciamo che a decidere sia lo specialista a cui deciderà di rivolgersi.

  7. Anonimo

    Ha cosa e dovuta la reazione del freddo? In piu a novembre vorrei rimuoverle quale intervento mi consiglia ? La ringrazio per la sua disponibilita’

  8. Anonimo

    Dottore ho notato che ho la pelle delle gambe molto secca e a volte ho brividi di freddo…. e. Normale mi.devo preoccupare ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In linea di massima dipende da quello, quindi al limite provi anche metodi diversi fino a trovare quello che le crea meno problemi.

  9. Anonimo

    Dottore buona sera volevo gentilmente sapere visto che ho i capillari quale tipo di depilazione usare di solito eseguo il silk epil …non so se peggioro la situazione … cosa mi consiglia … ringraziandola in anticipo la saluto .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A seguito dell’uso del dispositivo verifica un peggioramento?

  10. Anonimo

    Buongiorno, ho una grave insufficienza venosa sin dalla gravidanza del mio secondo figlio. Anni fa ho subito l’asportazione della safena destra, ma visto che sono le varici sono ricomparse non ho fatto l’altro intervento alla gamba sinistra. Ho una paura tremenda per tutto questo. Vorrei ricoverarmi in una struttura molto avanzata e molto sicura (se necessario anche all’estero). Mi potrebbe cortesemente indicarmi quello che fa al mio caso? Non so proprio come muovermi e a chi rivolgermi. Grazie di cuore.

    1. Anonimo

      Egregio Dottore,
      alla luce di quello che ho letto su questo sito circa le varie possibilità di cura, mi interesserebbe molto conoscere un Suo parere su quanto Le ho esposto, poichè dalle tante visite presso Angiologi non ho avuto risposte esaurienti se non prescrizioni di creme e compresse (Venoral – Venoruton – Vessel). Potrebbe cortesemente indicarmi cosa in concreto potrei fare? La ringrazio.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non essendo specialista non sono in grado e non posso effettuare prescrizioni di trattamenti specifici.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La ringrazio per la segnalazione, questo articolo è in realtà vecchio e redatto da personale non medico, quindi è possibile che i contenuti siano superati.

  11. Anonimo

    salve,ho anch’io il famoso problema delle vene capillari! ho 27 anni e da circa qualche anno noto sulle gambe delle venuzze e anche intorno le caviglie…parto dal presupposto che è un problema che hanno tutti in famiglia quindi è ereditario,devo dire che è molto antiestetico specialmente nel periodo estivo quindi vivo una situazione di disagio nell’esporre le gambe al mare. ho problemi di circolazione e quando cammino troppo le gambe si gonfiano e me le sento pesanti….mi sono informata da un chirurgo vascolare per un preventivo! ora non sò se la tecnica laser sia la stessa di cui lei ci parla…ma il prezzo a me richiesto non sembra così eccessivo parlo di 50 euro a seduta! non sò quante ne occorreranno ma nel mio caso penso poche perchè non ne ho tantissime…1.500 euro mi sembrano eccessive.

  12. Anonimo

    io ho 30 anni ma gia da molto tempo ho vene cappillari a livello estetico mi fanno shifo ma oltrettututto mi fanno male anche le gambe a fine giornata poi mi ritrovo sempre la pelle secca ma io penso che e dovuto alla mala circolazione. ho fatto anche eco dopller e sono usciti problemi di circolazione e dovrei mettere la calza a 140 den.pensate che questa situazione peggiori vi prego rispondetemi.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se non userà la calza come consigliato sì, è possibile e probabile che peggiori.

    2. Anonimo

      grazie per il suo consiglio ma un altra domanda vi voglio fare se e possibile ma nel mio caso potrei sottopormi a qualche intervento se e si quale e poi devo usare per forza da 140 den non posso usare quelle da 70 den che cambia e le devo usare sempre o in momenti in particolari grazie e buona sera

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ideale sarebbe usare sempre i 140, le 70 stringono meno e sono quindi meno efficaci e probabilmente non sufficienti nel suo caso.

    4. Anonimo

      salve ho le vene capillari sulle gambe non si notano tanto ma a me danno fastidio volevo sapere il prezzo per fare l’intervento grazie

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non conosco gli attuali prezzi (che possono comunque variare considerevolmente da una struttura all’altra).

  13. Anonimo

    Buonasera,mi scusi il disturbo ma ho molta preoccupazione.ho il piede notissimo che mi fa un male che non immagina non posso neanche muovermi penso sia dovuto a un storta ma la cosa che mi preoccupa tantissimo è che ho lavena del piede sinistro ovvero quello che mi fa male che è confissina non immagina neanche quanto è gonfia eè come se stesse per esplodere ho molta paura la prego mi dia lei un gran consiglio è troppo gonfia e attendo al più presto una sua risposta.grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Nel frattempo impacchi di ghiaccio, ma è da far vedere ad un medico.

  14. Anonimo

    per risolvere un problema fastidioso e brutto esteticamente,se ne crea uno nuovo…il costo.non lo trovo giusto,perchè non vengono convenzionate queste terapie?perchè solo chi puo’ permettersi di spendere queste cifre puo’ curarsi?anche io ho fatto le sclerosanti senza eliminare il problema.ho 39 anni e per me è un fattore congenito,pratico molto sport e non sono sovrappeso,anzi.con sacrificio ho fatto le punturine,come dicevo,ma oggi che ci sarebbe,forse,una soluzione,cioè il laser,bisogna pagare cosi’tanto?anche questo è razzismo!!!!!

    1. Anonimo

      sono pienamente d’accordo non è giusto che chi non puo permetterselo deve tenersi i capillari rotti

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Mi trovate d’accordo, il sistema sanitario in Italia spesso non prevede nemmeno la convenzione per situazioni anche molto più gravi…ci sarebbe da parlare per giorni! saluti.

  15. Anonimo

    Io 3 anni fa mi sono sottoposta al laser per risolvere il problema dei capillari ed è stato più doloroso delle punture sclerosanti e dopo poco tempo sono riapparse come mi era già successo quando avevo optato per le sclerosanti.Allora dov’è la soluzione.Premetto che non sono fumatrice e neanche sovrappeso.

    1. admin
      admin

      Credo che la soluzione migliore sia di rivolgersi ad uno specialista, che valutata visivamente la situazione potrà suggerirle la procedura più indicata.

  16. Anonimo

    Ha fatto bene a sottolineare quest’aspetto, e mi scuso se l’articolo presenta la tecnica con eccessiva leggerezza.

  17. Anonimo

    penso che ogni intervento possa presentare qualche complicazione e di conseguenza non sono concorde con chi parla di queste cose con leggerezza. Ho inteso questo tra le vostre righe.

La sezione commenti è attualmente chiusa.