Il vaccino per la varicella in adulti e bambini

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 3 marzo 2018

Introduzione

La varicella è una malattia molto contagiosa, causata dal virus varicella-zoster.

Il virus si diffonde nell’aria quando la persona infetta tossisce o starnutisce, ma si può inoltre diffondere toccando o inspirando le particelle di virus che si liberano dalle vescicole.

La varicella può in teoria anche essere trasmessa dai pazienti che soffrono di fuoco di Sant’Antonio, perché il virus che provoca entrambe la malattie è lo stesso. Chi ha il fuoco di Sant’Antonio può trasmettere il virus a chi non ha mai contratto la varicella o a chi non ha mai ricevuto il vaccino e, in questi casi, il paziente che si espone al virus può essere colpito dalla varicella. Di fatto è in ogni caso una situazione poco comune, perché il paziente colpito dallo zoster è contagioso solo a livello delle vescicole della manifestazione cutanea e non attraverso le goccioline di saliva.

Il CDC americano consiglia la somministrazione di due dosi di vaccino antivaricella per i bambini, gli adolescenti e gli adulti. I bambini dovrebbero la prima dai 12 ai 15 mesi, e la seconda dai 4 ai 6 anni.

Questa è la stessa posizione adottata anche dal Ministero della Salute, che con decreto legge del giugno 2017 e successive modifiche ha reso obbligatorio il vaccino.

Il vaccino è associato a circa il 98% circa di efficacia.

Protegge chi lo riceve e le altre persone della comunità, è quindi fondamentale anche per chi non può farsi vaccinare, ad esempio per le persone con problemi al sistema immunitario o per le gestanti. Alcuni pazienti vaccinati vengono comunque contagiati, ma in questi casi la varicella si manifesta in forma più lieve, con meno vescicole e con alterazione della temperatura lieve, oppure senza febbre.

In Italia, per i soggetti che non rientrano tra quelli previsti per accesso gratuito, è disponibile in vendita dietro presentazione di ricetta medica in farmacia (Varivax® il nome commerciale, € 90,90).

Fotografia di un medico che pratica la vaccinazione anti-varicella ad un bambino

iStock.com/yangna

Quando si è contagiosi

Chi ha la varicella è contagioso da 1-2 giorni prima della comparsa dell’eruzione cutanea, fino a quando tutte le vescicole hanno formato le croste.

Dopo l’esposizione al virus di norma passano da 10 a 21 giorni prima di ammalarsi, mediamente sono due settimane (periodo di incubazione).

Se un paziente vaccinato contro la varicella si ammala, in questi casi tipicamente in forma più lieve, può comunque contagiare chi lo circonda.

Nella maggior parte delle persone contrarre la malattia significa diventarne immuni tuttavia, in rari casi, una stessa persona può fare la varicella due volte nel corso della vita.

 

Chi dovrebbe valutare il vaccino

Al di là dei bambini e degli adolescenti con meno di 16, per cui il vaccino è obbligatorio, il ricorso alla somministrazione può essere utile a:

  • medici e infermieri,
  • persone che si occupano, anche professionalmente, dei pazienti con sistema immunitario compromesso,
  • insegnanti,
  • educatori e persone che entrano in contatto coi bambini,
  • residenti e personale delle strutture che ospitano bambini,
  • studenti delle superiori e dell’università,
  • ospiti e personale dei riformatori,
  • militari,
  • donne in età fertile, ma non incinte,
  • adolescenti e adulti che entrano in contatto coi bambini,
  • persone che compiono viaggi internazionali.

Alcuni pazienti con sistema immunitario compromesso e che non sono immuni dalla varicella possono essere sottoposti al vaccino previo parere positivo del medico; tra di essi ricordiamo i pazienti:

  • colpiti dal virus HIV,
  • affetti da tumore in fase di remissione,
  • che assumono cortisonici, a basse o alte dosi.

Chi non deve farsi vaccinare

Non è necessario fare il vaccino antivaricella se siete certi di averla già fatta (è possibile verificarlo attraverso specifici esami del sangue, che vanno alla ricerca degli anticorpi IgG).

Alcuni pazienti non devono farsi vaccinare contro la varicella, oppure devono aspettare per sicurezza; per esempio non è consigliabile farsi vaccinare se in passato si è manifestata una grave reazione allergica a una dose di vaccino antivaricella o a uno qualsiasi dei componenti del vaccino, compresa la gelatina o l’antibiotico neomicina.

Se il paziente è affetto da una malattia lieve o grave nel momento in cui è programmato il vaccino, dovrebbe aspettare di guarire completamente prima di farsi vaccinare.

Le gestanti non dovrebbero farsi vaccinare contro la varicella, è considerato più sicuro aspettare fino a dopo il parto; tra il vaccino antivaricella è il concepimento si consiglia di lasciar passare almeno un mese.

Per i pazienti affetti da una delle malattie seguenti è infine opportuno valutare caso per caso:

  • HIV/AIDS o altre malattie del sistema immunitario.
  • Pazienti in terapia con farmaci che agiscono sul sistema immunitario, come i cortisonici, da 2 o più settimane.
  • Pazienti colpiti da tumore (di qualsiasi tipo).
  • Pazienti in terapia antitumorale (radioterapia o chemioterapia).
  • I pazienti che hanno subito di recente una trasfusione o hanno ricevuto emoderivati dovrebbero consultare il medico per capire quando farsi vaccinare.

Pericoli

Ricevere il vaccino anti-varicella è molto più sicuro rispetto a contrarre la malattia; la maggior parte delle persone che ricevono il vaccino non manifesta alcun disturbo tuttavia, come avviene per tutti i farmaci, c’è sempre un rischio minimo di effetti collaterali.

Gli effetti indesiderati del vaccino sono molto rari e di solito sono più probabili dopo la prima dose, che non dopo la seconda.

Tra le possibili reazioni al vaccino ricordiamo:

  • dolore, rossore o gonfiore nella zona dell’iniezione,
  • febbre,
  • lieve eruzione cutanea o comparsa di diverse vescicole dopo il vaccino. Se dopo il vaccino compare l’eruzione cutanea, siete contagiosi, tuttavia si tratta di un’eventualità molto rara. In caso di eruzione cutanea, dovreste evitare il contatto con i pazienti con problemi al sistema immunitario,
  • convulsioni, che possono essere causate dalla febbre.

Gli effetti collaterali più pericolosi del vaccino anti-varicella sono estremamente rari e possono comprendere

  • reazioni cerebrali gravi,
  • importanti alterazioni dell’emocromo.

Questi effetti collaterali sono cosi rari che di fatto i ricercatori non sono in grado di stabilire se siano effettivamente causati dal vaccino.

Se compaiono effetti collaterali gravi dopo il vaccino:

  1. Chiamate immediatamente il medico,
  2. Prendete nota di ciò che succede e del momento esatto in cui succede,
  3. Contattate il vostro medico o l’ASL per riferire l’effetto collaterale.

Aspirina e possibili effetti collaterali dopo il vaccino

Per 6 settimane dopo il vaccino anti-varicella non si dovrebbe assumere l’aspirina, perché, dopo l’esposizione al virus l’aspirina ha maggior probabilità di causare la sindrome di Reye (una malattia potenzialmente letale che colpisce il cervello).

Dosi

I bambini di età inferiore ai 16 anni, secondo le attuali disposizioni di legge, dovrebbero ricevere due dosi di vaccino:

  • la prima dose tra i 13 e i 15 mesi di vita.
  • la seconda dose al sesto anno.

Tecnicamente la seconda dose può essere somministrata prima, ma comunque ad almeno 3 mesi di distanza dalla prima.

Gli adulti di età superiore ai 13 anni che non hanno mai fatto la varicella né ricevuto il vaccino dovrebbero ricevere due dosi, ad almeno 28 giorni di distanza l’una dall’altra.

Vaccino post-esposizione

Se non siete immuni alla varicella e siete entrati in contatto con una persona che ha la varicella o il fuoco di Sant’Antonio, è possibile valutare con il medico se sia opportuno procedere alla vaccinazione.

La prima dose di vaccino andrebbe eseguita al più tardi da 3 a 5 giorni dopo l’esposizione.

Se in passato avete già ricevuto una dose di vaccino anti-varicella, dovreste ricevere la seconda.

Farsi vaccinare dopo l’esposizione può essere utile per:

  • prevenire la malattia o renderla meno grave,
  • proteggervi da eventuali esposizioni future al virus.

Contatto intenzionale con i malati

Alcuni adulti organizzano feste in cui i bambini vengono fatti esporre volontariamente al virus della varicella, ad esempio a casa di un compagno d’asilo malato, perché ritengono che sia meglio esporre il proprio figlio al virus quando è ancora piccolo.

La varicella, soprattutto per i neonati ma anche per alcuni bambini, può essere molto pericolosa, quindi non vale la pena di esporli volontariamente al virus. Il modo migliore per proteggere i neonati e i bambini dalla varicella è quello di farli vaccinare.

Le gestanti e i pazienti con sistema immunitario compromesso corrono un rischio maggiore di complicazioni gravi della varicella, dovrebbero quindi evitare del tutto il contatto accidentale od intenzionale con i malati.

Fonti Principali:

(adattamento a cura di Elisa Bruno)

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    Salve. Ho 40 e un mese fa ho fatto il vaccino per la varicella. Quanto tempo devo aspettare per il richiamo? Saluti

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Verifichi con il medico, ma per esempio la scheda tecnica di Varivax riporta: “Soggetti di età pari o superiore a 13 anni devono ricevere due dosi somministrate a distanza di 4-8 settimane l’una dall’altra.”

  2. Anonimo

    Buongiorno ho una bambina di 3 anni che 26 giorni fa è stata a contatto per una settimana con un bambino la quale mamma aveva contratto la varicella e le bolle le erano apparse proprio in quei giorni quindi era il momento di maggior contagio, visto che si sono dati qualche bacino come fanno spesso tra bambini sulle labbra, e ovviamente mia figlia ha dato baci anche a mia figlia più piccola di 10 mesi è possibile che ancora adesso si sviluppi la varicella, visto che ho saputo che il bambino ha avuto la varicella 6 giorni fa quindi a distanza più di tre settimane rispetto alla mamma?? Lo chiedo perché tra 2 giorni dovrei vaccinare la più piccola ed è il suo primo vaccino, che oltretutto ha appena assunto collirio antibiotico per congiuntivite. Grazie molte.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A distanza di 26 giorni è improbabile, in ogni caso segnali l’accaduto anche al pediatra.

  3. Anonimo

    Buongiorno,
    mio figlio ha iniziato l’asilo da poco e volevo sapere quale malattia ho contratto da bambino per regolarmi con eventuali vaccini. Ho chiamato il mio dottore di base per chiedere l’impegnativa e fare l’esame del sangue per verificare quale malattia avessi eventualmente contratto in passato ma lui mi ha sconsigliato vivamente di procedere con qualsiasi vaccino in quanto secondo lui dopo i 15 anni risulterebbe più dannoso che altro.
    Vorrei avere un vostro parere in merito.
    Grazie molte

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Pericoli non ne vedo, ma non è in genere una prassi che si segue; valuterei al limite la sola varicella, che potrebbe essere effettivamente presa da adulto con possibili complicazioni.

    2. Anonimo

      Grazie Dr. Cimurro,
      la mia preoccupazione infatti è nata dopo aver parlato con un caro amico che è stato contagiato dal figlio che aveva la varicella, lui stesso mi consigliava di fare il vaccino perché nel suo caso la varicella ha creato diversi solchi su tutto il corpo che a distanza di 5 mesi sono ancora visibili.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, sulla varicella condivido che potrebbe valerne la pena.

  4. Anonimo

    Salve dottore mia figlia mercoledì ha ftt il vaccino varicella e già da due giorni la temperatura è salita 38 e mezzo 39 può essere ke ciò è causa dl vaccino è contagiosa x i due bimbi ke ho

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, la febbre verosimilmente è dovuta al vaccino ma non dovrebbe durare molto. Se non compaiono segni di malattia cutanea il rischio di contagio è basso anche se non nullo. saluti

  5. Anonimo

    Gentile Dottore,alla mia bimba di 5 anni è stata diagnosticata 2 giorni fa la varicella. sono preoccupata per mio marito affetto da morbo di Crohn in cura con topster e mesavancol..vorrei sapere come dobbiamo comportarci. sono inoltre preoccupata per il piccolino di 13 mesi vorrei capire se è possibile vaccinare marito e figlio secsono ancora in tempo.
    grazie

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, se suo marito non ha mai avuto la varicella dovrebbe cercare di evitare contatti stretti con la bimba oppure potrebbe essere utile valutare con il suo medico l’opportunità di farsi vaccinare , tuttavia la prima dose di vaccino andrebbe eseguita al più tardi da 3 a 5 giorni dopo l’esposizione. Per quanto riguarda il bimbo di 13 mesi potrebbe già ricevere la prima dose di vaccino ma se è in buona salute non è obbligatorio. saluti

  6. Anonimo

    Buongiorno..ho fatto 8 gg fa seconda dose di vaccino al mio bimbo di 19 mesi..ora ha febbre a 38 potrebbe essere il vaccino? Premetto che ha pure naso chiuso e catarro…grazie mille..posso dare antalfebal?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Sembra passato un po’ troppo tempo, probabilmente si tratta di una forma parainfluenzale.
      2. Mi dispiace, ma non posso avallare l’uso di farmaci.

    2. Anonimo

      Grazie ..ora ha pure vomitato..quindi credo sia proprio un virus..nel caso di vomito l unica cosa che si può fare e dargli da bere? Dovrebbe passare in 24/48 ore?sono molto in ansia..grazie..

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Finchè il vomito è molto frequente anche farlo bere potrebbe essere controproducente, ma le confermo che in genere si risolve in 24-48 ore; se cominciasse a trovare pannolini troppo asciutti, pianti senza lacrime, … valuti il PS per reidratarlo.

      Va da sé che domani è opportuno sentire il pediatra.

  7. Anonimo

    Buonasera dottore. Le scrivo per chiederle un’informazione. Giovedì 1 dicembre mia figlia di quasi 8 anni si è sottoposta alle seguenti vaccinazioni: antidifterite-tetano-pertosse-polio-antimorbillo-parotite-rosolia-varicella. Fatti tutti lo stesso giorno. Già dalla sera stessa la bambina manifesta rossore e gonfiore ad un solo braccio dove è stata effettuata una puntura e le ho messo un po’ di hirudoid, questo rossore, gonfiore e dolore continua anuora oggi pur essendo passati già 3 gg. In più in questi giorni lamentava mal di testa e stasera mentre era a letto diceva di sentire stanchezza alle gambe. Sono tutti normali questi sintomi o dovrei preoccuparmi?grazie mille

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sembrano normali effetti collaterali ad vaccino, ma senta anche il parere del pediatra.

  8. Anonimo

    Il vaccino è disponibile anche a sé stante, senza dover per forza rifare morbillo, parotite, …?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì (Varivax è il nome commerciale).

  9. Anonimo

    È gratuito per i bambini?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, fa parte di quelli obbligatori.

  10. Anonimo

    Come faccio a sapere se ho già fatto la varicella? Ho 36 anni e mia mamma non ricorda…

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      È possibile verificarlo con un esame del sangue che ricerchi gli anticorpi IgG relativi al virus varicella zoster.