1. Domanda

    Buongiorno dottore io avevo le transaminasi alt 115 ast 41 dopo due mesi di cura con qcido ursodesossiolico o ast 18 alt 31 e positiva come cosa

    1. Dr. Roberto Gindro

      Ottimo!

  2. Domanda

    Dottore b sera. ma acido ursodessosiolico rathioparm e acido.. zentiva e uguale il farmacista a detto si vorreibun suo parere grz

    1. Dr. Roberto Gindro

      A parità di dosaggio sono identici.

  3. Domanda

    Buonasera dottore.vorrei sapere se,una ipotetica Nash,non ancora accertata,con valori delle transaminasi ai limiti della norma e gamma gt a 300[Val.Riferimento 0-85],con ecografia che mostra segni di steatosi, può far rientrare i valori con la sola cura di Deursil, o si può trascurare l’ipotesi di Nash,e attribuire i valori elevati a bile densa diagnostica ecograficamente? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro

      Mi dispiace, ma non mi sento di esprimere giudizi sulla situazione, temo di non avere l’esperienza per farlo.

  4. Domanda

    buongiorno.
    erroneamente mi sono lasciata trasportare dai medici e mi hanno lasciata come si dice con nota nefasta non sapendo dirmi più per colpa dei valori alterati delle mie analisi del sangue se potessi sopravvivere o meno al carcinoma secondario da seno, al fegato, che sembrerebbe ingrossato , mi hanno per 9 mesi testato almeno tre chemio e svariati ormonali , mi hanno crocifissa , perdo sangue dal naso ho sintomi di paresi e ho sangue dalle gengive, forse nelle urine e mi hanno sospeso per questo il bombardamento di chemioterapia ‘inutile’ per il fegato.
    adesso mi chiedo oltre ad avermi curato solo per il seno, perchè non concentrarsi prima di far andare alla deriva il mio fegato anche su di lui?
    grazie e se conoscete un modo per ridurre le dimensioni del fegato e riportare i parametri bilirubina ecc a dei valori appena accettabili vi prego di indicarmi una strada…

    1. Dr. Roberto Gindro

      Temo che sia una situazione al di là delle mie competenze, posso solo consigliarle quello che farei io, ossia rivolgermi ad un centro specializzato come l’Istituto Europeo Antitumori di Milano.

    2. Domanda

      Buonasera a tutti.
      Mi chiamo Antonio, ho 34 anni, alto 1,65m , leggermente sovrappeso.. Sono stato a fare una “prima visita” epatologica a seguito di valori fuori “range” che riporto nel seguito
      -Transaminasi GOT 45
      -Transaminasi GPT 137
      -Colesterolo 225
      -Colesterolo HDL 39
      -Colesterolo LDL 164
      -Uricemia 8.4

      Dalla visita e’ risultato un fegato ingrossato, a seguito dei valori che ho fatto vedere al medico mi e’ stata diagnosticata una “insufficienza epatica su base alimentare”
      Attualmente ( una ventina di giorni ) sto prendendo un integratore alimentare, Armopilid, acido usrisosossicolico ed altro per evitare la gotta..
      Per adesso sto cercando di eliminare pasti in eccesso, limitando l’uso di pane e pasta e cercando di abbassare il peso corporeo.
      Il fegato e’ compromesso in modo irrimediabile ?
      Grazie

    3. Dr. Roberto Gindro

      Probabilmente no.

      È stato il medico a consigliare di eliminare pane e pasta?

    4. Domanda

      La ringrazio, cio’ mi rassicura..
      No, non e’ stato il dottore, sto semplicemente limitando l’uso che prima era sicuramente eccessivo di pane e pasta.. Dopo la visita epatologica mi e’ stato detto di togliere l’acido ursodesossicolico, sostituito con 2 integratori alimentari, Brufold plus ( se non erro ) e liposcudil da prendere per qualche mese, poi devo fare l’ecografia completa all’addome e fare altre analisi del sangue

    5. Dr. Roberto Gindro

      I carboidrati complessi (pane, pasta, riso, …) sono alla base dell’alimentazione dopo la frutta e la verdura, quindi a mio parere è un errore limitarli eccessivamente. Quello che serve nel suo caso, ma la invito a verificarlo con il medico o con lo specialista, è invece ridurre la quantità di grassi (soprattutto quelli “cattivi”, ossia in genere in grassi animali escluso il pesce) per aiutare il fegato e per perdere peso.

  5. Domanda

    Ho 47 anni, Mi hanno diagnosticato la NASH da circa 10 anni perchè ho le transaminasi alte (da 140 in su ALT e l’ultima ad agosto 246) da anni. Assumo Deursil 300 dopo i pasti ma non ho ottenuto molti risultati. Ho avuto un episodio di fibrillazione atriale a febbraio 2015. Ora ho cominciato una dieta eliminando latte e derivati e un piccolo riscontro in termini di peso si è avuto. Ho cominciato a prendere alche Realsil ed esapent. Esclusi tutti i fattori virali. E’ la terapia giusta?

    1. Dr. Roberto Gindro

      Mi dispiace, ma data la situazione complessa non mi sento di esprimere giudizi.

  6. Domanda

    Da circa 30 anni ho i valori delle GAMMA GT alterati senza aver contratto virus epatici. Ho fatto il fibroscan con un valore di fitness=8,6 cresciuto rispetto al 5,0 di 2 anni fa nonostante l’assunzione di acido ursodesossicolico 600 mg.al giorno e Legalon e.
    Attualmente le GAMMA GT sono a 150 e le transaminasi nella norma.
    L’ecografia ha evidenziato steatosi epatica. Cosa mi consigliate? Ci sono farmaci da evitare?
    Grazie per la collaborarazione.

    1. Domanda

      Farmaci ed alimenti da evitare?

    2. Dr. Roberto Gindro

      Le verrà probabilmente consigliato di evitare gli antinfiammtori e tutti i farmaci con potenziale effetto epato-tossico; la dieta dovrà essere leggera e povera di grassi (soprattutto se di origine animale).

      Il medico saprà comunque essere più preciso.

  7. Domanda

    Buonasera dottore sono un ragazzo di 20 anni, alto 1.80, faccio palestra e peso 80kg…a marzo di quest’anno durante un’ecografia mi è stato trovato un fegato “brillante” ma con limiti nella norma senza alcun aumento volumetrico e dagli esami del sangue mi sono state trovate le transaminasi un po alte. Dopo due mesi di “mangiar e viver sano” (eliminando alcolici, bevande gassate, riducendo i dolci e le fritture) i valori delle transaminasi si sono dimezzati e rientrati totalmente nei parametri ma da una successiva ecografia il fegato risultava ancora brillante. Volevo ora porle una serie di domande:
    Quanto tempo ci vuole per far si che il fegato possa ritornare, se possibile, al suo stato naturale?
    causa stress esame, prima della seconda ecografia ho dimenticato che dopo qualche ora dovevo fare tale esame e quindi ho pranzato (fritture e pasta). Può aver influito sul risultato Dell’ecografia modificando la realtà?
    Volevo inoltre chiederle se qualche birra e shot di superalcolici presi una volta ogni due mesi possono portare ad una steatosi di tipo alcolico?
    Grazie e aspetto sue notizie

    1. Dr. Roberto Gindro

      1. Dipende dalle cause.
      2. Un singolo pasto non può aver inciso sull’esito dell’ecografia.
      3. Un superalcolico occasionale ogni due mesi non è un problema, ma ovviamente lo valuti anche con il medico.

    2. Domanda

      Ad esempio, se la steatosi fosse alcolica e come già detto il consumo di alcool si aggira a qualche birra e qualche shot superalcolico ogni due mesi, secondo lei in quanto tempo il fegato può ritornare allo stato salutare dopo aver eliminato il consumo di alcool? Circa sei mesi potrebbero andare o ha bisogno di più tempo?
      ( ovviamente so che Lei non può dare una risposta certa e sicura perché ci sono molte variabili in gioco ma a me serve una linea indicativa per farmi un idea)

    3. Dr. Roberto Gindro

      Non è detto che si riesca ad ottenere una completa regressione, comunque diciamo qualche mese almeno.

  8. Domanda

    Salve dottore mi scusi ma un fegato steatosico può comportare un alterazione del marker tumorale.ca19.9 ..(215 valore riscontrato)

    1. Dr. Roberto Gindro

      Non è impossibile rilevare falsi positivi del marker, ma è indispensabile approfondire con una certa urgenza con l’aiuto del medico.

  9. Domanda

    Buongiorno, ho fatto le analisi del sangue complete di tutto e solo le gpt risultano leggermente aumentate io le ho a 61 e dovrebbero essere <55 in base al valore di riferimento. Colesterolo, trigliceridi e tutto il resto, comprese le got e le ggt ampiamente nei margini. La settimana prima delle analisi, dopo alcuni mese di inattività, ho condotto attività fisica abbastanza impegnativa…..potrebbe essere qualche sforzo muscolare ad avere fatto alterare leggermente il valore? O quel valore pensa possa dipendere da qualche sofferenza del fegato? Grazie dottore.

    1. Dr. Roberto Gindro

      Piccole fluttuazioni rispetto ai valori di riferimento in genere non preoccupano, ma verifichi comunque con il medico; l’esercizio fisico potrebbe in effetti aver in qualche modo influito.

  10. Domanda

    Sono diabetici da 27 anni peso 80 kg sono alto 1,65 emoglobina glicata 8,5 fibroscan valore 21 dicono che ho una steatosi epatica,non bevo alcolici,e mangio poco,il parere del mio patologo : dieta rigida da 1000 calorie al giorno per dimagrire e dice che già sono in uno stato cirrosi o, ma non mi ha dato nessuna cura oltre la dieta,mi ha detto anche che se continua così ho una spettativa di vita al massimo dai 5 ai 7 anni cosa ne pensa lei,la saluto

    1. Dr. Roberto Gindro

      Mi dispiace, ma non mi sento in grado di esprimere giudizi.