1. Domanda

    Ripeto il rapporto è stata una stimolazione con mani e seno

    1. Dr. Roberto Gindro

      Non credo che la Dr.ssa Fabiani intendesse una malattia infettiva sessualmente trasmessa, ma più in generale una patologia non correlata a quanto avvenuto 10 giorni fa; è tuttavia solo attraverso la visita che in questi casi è possibile formulare una diagnosi.

  2. Domanda

    Dottore salve,
    Non so se questo sia lo spazio più ideale per poterlo chiedere ma nonostante ‘rassicurazioni’ mediche cmq.. Non mi tolgo l idea.
    Ho fatto circa un mese fa un check up infettivologico. Negative tutte (hiv1 e hiv2) hcv. Antigene Australia pure negativi… vdrl negativa. Tra queste opzioni c’era pure il treponema pallidum totali che invece di essere con voce negativa hanno messo un valore (<0.10) index fino a 1 (negativo, da uno a uno dubbio… sup a 1 positivo). Io non capisco e ho il dubbio ma ce il batterio nel sangue? Se è negativo non potevano scrivere direttamente negativo oppure è il metodo in laboratoril cosi ? Sarebbe stato più rassicurante no?conosce questi parametri?

    1. Dr. Roberto Gindro

      Non si lasci spaventare, è un modo comune di esprimere il risultato, ma non c’è alcun dubbio che sia negativo.

    2. Domanda

      Modo comune ? Si senz altro per il momento e negativo ma non hanno comunque scritto ‘NEgativo’ senza tanti parametri etc … credo che se un esame e negativo non servano parametri o sbaglio?

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      … di certo il batterio nel sangue non c’è, se ci fossero stati dubbi glie l’avrebbero detto, come anche dell’eventuale necessità di accertamenti ulteriori, per cui può stare comunque tranquillo.

  3. Domanda

    brucione mentre urino nel rapporto sessuale iaculazione precoce.

    1. Dr. Roberto Gindro

      Potrebbe trattarsi di un’infezione delle vie urinarie o a livello di prostata, non la sottovaluti e si rivolga con fiducia al medico.

  4. Domanda

    Egregio Dottore, io ho 45 anni e sto avendo dei sintomi come prurito sull avanbraccio destro e sinistro e mani, formicolio su tutto il volto e capo, bruciore e prurito agli occhi e a volte vedo un pó sfuocato, dolori a volte muscolari a tratti su tutto il corpo, fatica nel respirare quando sono nel letto per dormire e mi devo mettere sempre poggiato di fianco e non steso a pancia in sú o giú. Secondo lei potrebbe essere un sintomo di qualche malattia trasmessa sessualmente ?

    1. Dr. Roberto Gindro

      In tutta onestà la mia sensazione è che si tratti di ansia, ma ovviamente potrei essere in errore; è assolutamente indispensabile una visita medica per chiarire la situazione (non mi viene da pensare a MST).

  5. Domanda

    Salve dottore , 182 giorni (6 mesi) fa ho avuto un RAPPORTO ORALE NON protetto con una prostituta … A circa 25 giorni Ho avuto qualche sintomo come un po’ di febbre, dolore all’apparato genitale e malessere (tutta roba da una settimana di durata) già dal 26esimo giorno, parlando con un infettivologo ho fatto una profilassi antibiotica con Doxiciclina Azitromicina per dieci giorni.
    -A 45 giorni dal rapporto ho fatto test: HIV, HCV, SIFILIDE,URINOCOLTURA …tutto NEGATIVO
    -A 75 giorni ho fatto : clamidia pcr (tampone uretrale) , gonorrea pcr (tampone u), hpv (tampone) ,,,TUTTO NEGATIVO
    -A 95 gg : hiv, hcv, sifilide ,Emocromo.. TUTTO NEGATIVO

    Oggi sono a 180 giorni :
    1) mi sono accorto che ho tre piccole “petecchie” sul palmo della mano e mi è venuta di nuovo la paura della sifilide
    2) l’antibiotico che ho assunto a 26 gg può aver falsato VDRL E TPHA del 95 gg?
    3) a suo avviso posso mettermi l’anima in pace con le mts? Perché ogni volta che combino qualcosa con una ragazza “normale” mi viene la paura …

    1. Domanda

      Intendo, dovrò fare test a sei mesi per essere certo di non aver contratto queste malattie già testate? O posso stare finalmente tranquillo così senza sorpresine?

      Ps. Le “petecchie” sul palmo hanno un diametro di circa 2mm e sono 3

    2. Dr. Roberto Gindro

      A mio avviso può stare tranquillissimo, ma l’ultima parola spetta sempre al suo medico curante.

      Raccomando il preservativo a prescindere dalla partner.

    3. Domanda

      Questa è la mia paura ora…dopo il 95 giorno dato che comunque l’HIV e hcv sono state escluse definitivamente, con la mia ragazza qualche volta ho fatto qualche eccezione per poco tempo e poi ho messo il preservativo…ed ora sto morendo dalla paura dottore l,non voglio averla infettata

    4. Domanda

      Ho parlato con molti medici ,, dermatologi , infettivologi (otto in precisione) nei vari periodi di tempo ,,tutti mi hanno detto di non preoccuparmi ma non lo so…non vorrei avessero sottovalutato la cosa

      1) secondo lei le petecchie sulla mano non sono sifilide?

    5. Dr. Roberto Gindro

      Stia tranquillo!

    6. Domanda

      Grazie dottore lei mi è stato sempre vicino in questi sei mesi… È che ogni tanto mi ritorna la paura, specialmente di infettare, è che una volta che ti tranquillizzi e fai tanti test e parli con medici ,,, poi pensi “e se il medico non ha ben capito che ho preso un antibiotico e magari questa è un informazione fatale” ecc ecc poi vedi delle macchioline sulla mano ed esci pazzo ….

    7. Dr. Roberto Gindro

      8 medici consultati permettono assoluta tranquillità.

    8. Domanda

      Lasciando stare i medici (che non mi hanno convinto molto chi per un motivo e chi per un altro) i test sono attendibili invece?

    9. Dr. Roberto Gindro

      Certamente!

    10. Domanda

      Grazie dottore le voglio bene ..davvero

    11. Dr. Roberto Gindro

      🙂

  6. Domanda

    Buongiorno, dottore, i primi di giugno ho avuto una eruzione cutanea diagnosticata poi il 26/06 da un dermatologo come Pitiriasi rosea di Gibert . Nonostante gli abbia detto che un po’ di tempo fa il mio compagno a avuto la stessa cosa per un periodo di 2 mesi cca. e presentavo chiazze rosee diffuse a soma e arti con lesioni rotondeggianti desquamative palmoplantari mi ha prescritto solo antistaminici. A SETTEMBRE consultando un altro dermatologo (sempre privato) mi ha prescritto le analisi del sangue specifici ; risultato: sifilide . Mio compagno quando l’ha saputo mi ha detto che prima di conoscermi (12/13 anni fa) ha avuto ancora qualcosa di questo genere con la allora compagna ,ma che si è risolto da se . Adesso io vorrei sapere con certezza, se possibile, 1) se dopo tanti anni c’è la possibilità di un ritorno della sifilide (sempre se all’epoca si trattava di sifilide) , 2) come mai io durante 11 anni di rapporti non ho manifestato alcun sintomo , 3) se è una una cosa recente,invece, se è possibile che l’abbia presa dal dentista,visto che era in cura . 4) se è possibile che lui dopo tanto tempo e io dopo 4/5 mesi dobbiamo fare altri accertamenti oltre analisi di sangue per sifilide.Faccio queste domande in quanto lui nega alcun tradimento . In attesa di una sua risposta porgo cordiali saluti. Grazi.

    1. Dr. Roberto Gindro

      1. Va sicuramente verificato lo stato sierologico che, insieme a un minimo di anamnesi, permetterà al dermatologo di provare a fare ipotesi sulla situazione (riattivazione o meno).
      2. Il contagio potrebbe essere molto più recente, per esempio perchè il partner potrebbe essersi trovata per anni in stadio di sifilide latente.
      3. No, non può essere stata contratta dal dentista.
      4. In questi casi si fa per scrupolo anche un test HIV, ma raccomando di fare il punto con il dermatologo su tutto, in modo da chiarire la situazione.

    2. Domanda

      Grazie mille, è stato molto chiaro; io ho fatto HIV ed è negativo e ho iniziato la terapia di 3 gg di amoxicilina prima della puntura di penicillina. Lui inizierà a breve il percorso. Un’ultima domanda : siccome il percorso è lungo , i rapporti protetti si possono avere oppure nulla fino alla parola FINE . La ringrazio ancora.

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, si ma solo con preservativo. saluti

  7. Domanda

    Salve ho scoperto due anni fa che ho la sifilide ma non ho mai incontrato nessun sintomo fino ora mi fanno male le ossa dolori alle articolazioni e le macchie sul le mani. Ultimo test che ho fatto il VDRL – e negativo invece TPHA e 1 160 Il mio partner e negativo Vorrei sapere da quando mi sale la malattia da quanto tempo fa mi sono infetata

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, non è possibile sapere quando e se svilupperà sintomi di sifilide ma occorre comunque fare la terapia antibiotica del caso, per cui ne parli con il suo medico. saluti

    2. Domanda

      Dotore ho fatto due volte la terapia e possibile contattarla per spiegare meglio la vicenda i c’è un numero di telefono per il pubblico

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      No non è possibile dare consigli e contatti telefonici

  8. Domanda

    Buona sera dottore volevo sapere se oggi mi trasmettono la sifillide, giustamente io non lo so – il giorno dopo posso la posso trasmettere a altri – se la risposta e no – allora quando inizio a trasmettere la sifilide a altri.
    La ringrazio anticipatamente

    1. Dr. Roberto Gindro

      Il giorno successivo probabilmente no ed è difficile dare un tempo esatto, ma consideri che il tempo di incubazione è in genere di qualche settimana, ma è possibile essere veicolo di contagio anche prima.

  9. Domanda

    Buongiorno dottore,
    qualche anno fa mia moglie ha contratto la sifilide (io risultai negativo), ma ha sempre giurato di non aver avuto rapporti extra coniugali. Considerando che lavora in ospedale come operatore sanitario (OSS), le chiedevo se era plausibile considerare il contaggio per possibile causa professionale.
    Mi interessava solo per conoscere realmente le probabilità che possa essere avvenuto non per via sensuale.
    Grazie in anticipo.

    1. Dr. Roberto Gindro

      Il contagio può avvenire per contatto diretto con le lesioni di un paziente sifilitico; la trasmissione al di fuori dei rapporti sessuali è un’eventualità quindi rara, ma possibile.

  10. Domanda

    Buonasera dottore,io sono fidanzato da 5 anni con la mia ragazza,lei è donatrice,io mi controllo più o meno 1 volta all’anno con prelievo…proprio la settimana scorsa l’hanno contattata per dirgli che non erano usciti bene degli esami e hanno consigliato di ripetere gli esami e farmi fare test vdrl tpha anche a me….com’è possibile e abbiamo contratto questa malattia ( premetto che al di fuori di lei non ho avuto nessuna ) grazie

    1. Dr. Roberto Gindro

      Non saltiamo a conclusioni, potrebbe essere un falso positivo.