Setto nasale deviato: operazione, cause e conseguenze

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 3 marzo 2018

Introduzione

Il setto nasale è la parete che divide la cavità nasale in due narici; è costituito da uno scheletro osseo centrale di supporto posteriormente e una struttura cartilaginea anteriormente (ossia nella parte di naso visibile all’esterno).

È ricoperto su entrambi i lati da una membrana mucosa riccamente irrorata di vasi sanguigni, per questo è particolarmente soggetto a sanguinamento in caso di lesioni anche minime.

Il setto nasale ideale divide il naso esattamente a metà, separandolo in due narici di uguali dimensioni, ma in realtà moltissimi soggetti presentano fisiologicamente delle asimmetrie più o meno marcate e significative. In parole semplici, in molti pazienti è possibile rilevare un setto nasale che suddivide in modo imperfetto il naso (setto nasale deviato), anche se entro certi limiti non rappresenta un problema e non è causa di sintomi.

Si parla invece di deviazione patologica nel caso in cui diventi causa di disturbi respiratori in seguito alla riduzione della dimensione delle cavità nasali.

Fotografia ravvicinata di un setto nasale deviato

Jeff and Mandy G (https://www.flickr.com/photos/mandyandjeffg/2666015255)

Cause

Una deviazione fisiologica è per sua stessa definizione congenita, ossia si nasce con una leggera deviazione che non è causa di disturbi o sintomi.

Una deviazione del setto di tipo patologico può invece avere essenzialmente due origini:

  • congenita (si nasce così, ma la deviazione per quanto naturale è tale da creare sintomi),
  • traumatica, ossia in seguito a un trauma (sportivo, incidente stradale, caduta, …).

Lo spostamento del setto causa una diminuzione dello spazio disponibile all’interno della narice, con conseguente riduzione del flusso d’aria e una sua canalizzazione anomala.

Sintomi

Un setto nasale deviato è causa di sintomi rilevanti solo nei casi di deviazione più severa.

Il sintomo più comune è la difficoltà a respirare, che può essere avvertita dal paziente solo da un lato o da entrambi.

A causa dell’alterazione del flusso dell’aria all’interno della narice è possibile manifestare la formazione di crosticine e altre piccole lesioni sulla mucosa nasale,  ma non è raro che il paziente sviluppi anche ricorrenti sinusiti (spesso si tratta di sinusite cronica) o altre forme di infezione a causa dell’alterazione dello scarico del muco nasali. Comune è anche la predisposizione allo sviluppo di altre patologie respiratorie.

Possono inoltre comparire:

Un soggetto che non respira facilmente è inoltre più incline allo sviluppo di altri problemi più o meno importanti, come occhiaie, borse sotto gli occhi, labbra screpolate (a causa dell’abitudine a respirare con la bocca), …

In alcuni pazienti con deviazioni minime i sintomi possono comparire solo durante episodi di raffreddore, quando la congestione nasale peggiora.

Pericoli

Raramente un setto nasale deviato espone a complicazioni gravi, ma è frequente lo sviluppo di criticità in grado di influire significativamente sulla qualità di vita del paziente.

Possono infatti comparire:

  • bocca secca,
  • mal di testa in grado di influire sulla capacità di concentrazione,
  • disturbi del sonno in grado di ridurre la qualità del riposo notturno.

Secondo alcuni autori i soggetti ipossigenati (dove si verifica una riduzione dell’afflusso e quindi dell’assorbimento di ossigeno) potrebbero inoltre essere inclini allo sviluppo di fibromialgia e malattie cardiovascolari.

Diagnosi

In molti casi il paziente con setto nasale deviato si rivolge allo specialista (otorinolaringoiatra) a causa di sinusiti croniche, che tuttavia potrebbero avere anche altre cause (allergie, ipetrofia delle mucose, …) ed è quindi necessario procedere a un’attenta diagnosi differenziale.

Il primo passo è la raccolta di una minuziosa anamnesi, che consiste in:

  • descrizione dei sintomi avvertiti dal paziente,
  • storia clinica,
  • stato di salute generale,
  • presenza di fattori di rischio (traumi recenti, per esempio), …

Il passo successivo consiste nell’osservazione dell’esterno del naso e dell’interno delle cavità nasali, attraverso l’utilizzo dello speculum nasale.

Dal punto di vista strumentale è tuttavia la rinoscopia l’esame d’elezione per la diagnosi del disturbo; si tratta di un esame rapido e indolore, effettuato ambulatorialmente, che consiste nell’inserimento di un piccolo tubicino lungo e flessibile all’interno delle narici. L’estremità di questo strumento consiste in una piccola telecamera che consente al medico di procedere a una dettaglia ispezione della mucosa e delle strutture anatomiche nasali.

Più raramente si ricorre a tecniche di imaging più sofisticate, come ad esempio la tomografia computerizzata (TAC).

Cura e terapia

Nei casi di deviazioni meno severe è possibile tentare un approccio conservativo attraverso il ricorso occasionale/periodico a farmaci in grado di dare sollievo ai sintomi tipici del setto nasale deviato:

Nei casi in cui queste soluzioni non siano sufficienti, perché ovviamente non è possibile in questo modo correggere anatomicamente il setto, si ricorre in genere alla settoplastica, l’intervento chirurgico d’elezione.

L’operazione è eseguita interamente attraverso le narici, in modo tale da non provocare cicatrici o segni visibili sul volto.

Per alcuni pazienti è possibile provvedere nella stessa seduta a una rinoplastica, per correggere anche l’aspetto estetico del naso (in questo caso l’aspetto del naso cambierà e ci saranno cicatrici e gonfiori evidenti sul viso).

La durata dell’intervento è variabile, ma indicativamente pari a circa 30-60 minuti; viene in genere eseguito in anestesia totale, di solito in regime di day-hospital.

Con le attuali tecniche la settoplastica non è considerato un intervento doloroso e l’eventuale ricorso a blandi antidolorifici è in genere più che sufficiente.

La presenza dei tamponi post-operatori, quando necessaria, è limitata a 2-3 giorni e serve a mantenere in asse il setto operato, oltre a consentire il drenaggio di eventuali sanguinamenti; il recupero del paziente e il miglioramento dei sintomi avviene in genere entro 4 settimane, spesso anche più rapidamente (una leggera congestione nasale nei primi giorni è del tutto normale).

Soprattutto nei primi giorni a seguito dell’operazione è necessario evitare docce/bagni troppo caldi per il rischio di emorragia e, per lo stesso motivo, è opportuno non assumere Aspirina.

L’intervento è associato a elevatissimi standard di sicurezza e le complicazioni importanti sono rare, benché possibili:

  • sanguinamento,
  • infezioni,
  • perforazione del setto,
  • deformità nasale (molto rara e possibile solo in caso di danni particolarmente estesi alla cartilagine),
  • formazione di aderenze tra le pareti laterali e il setto,

Quest’intervento non viene di norma proposto né sui bambini né sugli adolescenti, perché il setto nasale cartilagineo continua a crescere fino a 16-18 anni circa.

Fonti principali:

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    Scusi alla non palle! Aggiungo che mi sembra come se avessi una crosta Ma in realtà Non c’è Scusi ancora

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sembra assolutamente plausibile l’ipotesi fatta dal Dr. Cracchiolo, ma è purtroppo solo attraverso la visita che è possibile una diagnosi esatta.

  2. Anonimo

    Scusate ho letti Che bisogna operarsi per risolvere il problema ma qui vedo Che statisticamente il problema non viene risolto

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Questa pagina non rappresenta una statistica affidabile, perchè chi risolve non ha più alcun interesse a cercare informazioni e lamentarsi di un problema non risolto.

  3. Anonimo

    Salve Dott. Due anni fa sono stata operata al setto nasale e turbinati,ma dopo qualche mese ero punto è a capo. Non respiro bene..dovrei dilatare con le dita sotto gli zigomi e così mi sento riavere.avendo un naso aquilino e spostato verso sinistra potrei rioperarmi di nuovo e raddrizzare anche il naso?? Ovviamente senza spendere nulla visto che si tratta di salute. Premetto che sono nata così anche se può sembrare che qualcuno mi abbia dato un pugno. Grazie dell attenzione.

    1. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, sì il reintervento è comunque possibile, ovviamente va rivalutata la situazione dallo specialista otorinolaingoiatra, mediante rinoscopia ed eventualmente TC naso e seni paranasali.

  4. Anonimo

    Ho..la..stenosi..nasale..fossa..dx…Non..sento..gli..odori…ne..cattivi..ne…forti…ogni..tanto..qualcosa…mi..nocciola.il..naso..ed..ho..fatto..il..detto..nasale…mi..può”…aiutare…

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      L’otorino cosa ne pensa?
      Fuma?

  5. Anonimo

    salve. dovrei essere operata per una deviazione del set nasale dove ho subito pure una frattura due settimane fa. vorrei se e possibile sapere al piu o meno le tempistice sia del intervento che la progniusi?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Credo circa un’ora o poco più.
      L’obiettivo è risolverle il problema che ha portato il chirurgo a suggerire l’intervento.

  6. Anonimo

    Salve, è da 14 mesi che soffri di sinusite cronica con setto nasale deviato , nella narice sinistra.
    Ho fatto tanti test ed esami perchè ho un ipersensibilità alle narici .. tanto muco denso e mischioso scende ogni volta che faccio uno starnuto e durante il giorno ne faccio oltre 10.
    Tra 3 settimane dovrò fare una tac e poi sottopormi all intervento di settoplastica in anestesia totale credo ..
    Secondo voi .. finirà questo inferno ?
    Ho dovuto lasciare scuola e sport e ho perso vari kg per colpa di questo problema .
    Mille grazie

    1. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Sicuramente migliorerà di netto, parlo per esperienza personale essendomi sottoposta allo stesso tipo di intervento; sarà un po’ fastidioso il post-operatorio, ma ne vale la pena comunque.

    2. Anonimo

      Ma per il post – operatorio è prevista qualche altra cura ?
      Perchè io prendo già ogni giorno un antistaminico ( senza miglioramenti se non per qualche ora ) e ne avrò presi a migliaia

    3. Anonimo

      Ah speriamo bene
      Perchè prima di arrivare a questa conclusione , si pensava che fosse allergia ma invece non è così evidentemente.
      Spero che sia risolutiva questa soluzione .. perchè è invivibile la situazione

    4. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      No, è prevista una terapia post-operatoria nell’immediato, ma non da seguire a vita.

  7. Anonimo

    Cosa servono esattamente le irrigazioni con acqua fisiologica? È la stessa che si usa nei bambini? Che differenza c’è con l’ipertonica?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Servono a effettuare un lavaggio delle cavità nasali, favorendo l’eliminazione del muco.
      2. Sì, è la stessa, in alcuni casi con erogatori leggermente diversi (per i bambini possono essere usati spruzzi più delicati).
      3. L’ipertonica è dotata anche di una leggera azione decongestionante, si usa in genere nelle fasi acute.

  8. Anonimo

    C’è modo di sottoporsi a una chirurgia estetica per il naso attraverso la mutua?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      No, gli unici interventi che è possibile eseguire attraverso il SSN sono quelli a scopo funzionale (ossia quelli utili a ripristinare o correggere un difetto di funzione e non estetico).

  9. Anonimo

    Che tipo di anestesia si usa per l’intervento?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Generalmente la totale, in alcuni pazienti è possibile procedere con la locale (a prezzo di un disagio talvolta leggermente superiore per il paziente).