Pancreatite cronica: cause, sintomi e cura

Ultima modifica 01.06.2020

Introduzione

Il pancreas è una grande ghiandola che trova posto dietro lo stomaco e vicino alla prima parte dell’intestino tenue; semplificando possiamo distinguere due funzioni principali:

  • pancreas esocrino: secerne succhi digestivi nell’intestino tenue attraverso un tubo chiamato dotto pancreatico;
  • pancreas endocrino: rilascia gli ormoni insulina e glucagone nel flusso sanguigno, i principali responsabili della regolazione della glicemia (concentrazione di zucchero nel sangue).
Posizione anatomica del pancreas

iStock.com/magicmine

La pancreatite è l’infiammazione del pancreas e può essere classificata in:

  • pancreatite acuta, una forma che si manifesta improvvisamente e che di solito si risolve in pochi giorni se correttamente riconosciuta e trattata a livello ospedaliero (attraverso l’idratazione per via endovenosa, antibiotici e medicinali per alleviare il dolore). È spesso legata alla presenza di calcoli biliari e i sintomi più comuni sono la presenza di dolore acuto nell’addome superiore, nausea e vomito. Per approfondire la pancreatite cronica clicca qui.
  • pancreatite cronica, una forma che non guarisce né tende a migliorare, anzi, tende a peggiorare con il tempo fino a causare danni permanenti. La causa più comune è l’abuso di alcool, ma può essere causata anche da fibrosi cistica e altri disturbi ereditari, concentrazioni eccessive di calcio e grassi nel sangue, alcuni medicinali e malattie autoimmuni. I sintomi includono nausea, vomito, perdita di peso e comparsa di feci oleose.

Il resto dell’articolo farà riferimento alla pancreatite cronica, mentre per quanto riguarda la pancreatite acuta fare riferimento alla scheda dedicata.

Cause

La più comune causa di pancreatite cronica è l’abuso di alcolici di lunga durata, ma può anche essere la conseguenza di un attacco acuto che danneggi il dotto pancreatico. Il dotto danneggiato causa un’infiammazione del pancreas, da cui origina tessuto cicatriziale ed una progressiva distruzione della ghiandola.

Altre possibili cause di pancreatite cronica:

Un’ampia percentuale di casi di pancreatite cronica è tuttavia idiopatica, ossia priva di causa apparente.

Le forme ereditarie di pancreatite possono insorgere in individui sotto i 30 anni, ma potrebbero rimanere non diagnosticate per diversi anni. Episodi intermittenti di dolore addominale e diarrea della durata di vari giorni possono evolvere in pancreatite cronica.  Se il paziente ha due o più consanguinei in più generazioni affetti da pancreatite, è possibile che si tratti di pancreatite ereditaria.

Fattori di rischio

Gli uomini sono più soggetti delle donne allo sviluppo delle infiammazioni del pancreas.

Tra gli altri fattori di rischio ricordiamo:

  • famigliarità per pancreatite
  • presenza di calcoli biliari
  • diabete
  • obesità
  • fumo

Sintomi

Nella maggior parte dei casi di pancreatite cronica il dolore addominale è il sintomo iniziale, benché alcuni individui non presentino alcuna sintomatologia dolorosa. Il dolore può

  • irradiarsi alla schiena,
  • peggiorare con l’assunzione di cibo e bevande
  • e diventare costante e invalidante.

In alcuni casi il dolore addominale scompare quando le condizioni peggiorano, verosimilmente perché il pancreas non produce più enzimi digestivi.

Altri sintomi includono:

I soggetti con pancreatite cronica spesso dimagriscono, anche se appetito e alimentazione sono normali. La perdita di peso avviene perché l’organismo non secerne una sufficiente quantità di enzimi pancreatici deputati alla digestione, non consentendo così l’assorbimento normale dei nutrienti. La cattiva digestione porta infine a malnutrizione a causa dell’inevitabile eliminazione dei grassi non assorbiti con le feci.

Complicanze

Continuare a consumare alcolici in grande quantità può indurre nei portatori di pancreatite cronica violenti ed improvvisi attacchi di forte dolore addominale.

Tra le altre possibili complicanze ricordiamo il possibile sviluppo di

La pancreatite cronica può portare anche alla calcificazione del pancreas: l’organo si indurisce a causa di depositi di sali di calcio insolubili, in alcuni pazienti fino a rendere necessaria la rimozione chirurgica di parte dell’organo.

La distruzione del tessuto pancreatico dovuta alla pancreatite cronica può coinvolgere le cellule che producono insulina (cellule beta), generando così una condizione di diabete (gli individui con anamnesi famigliare di diabete hanno maggiori probabilità di sviluppare la malattia); quando questo succede diventa indispensabile l’assunzione di insulina o altri farmaci per mantenere la glicemia a livelli normali.

Diagnosi

La pancreatite cronica è spesso confusa con la forma acuta perché i sintomi sono simili.

Il primo passo del percorso diagnostico consiste nella raccolta di un’anamnesi dettagliata e nell’esame obiettivo.

Gli esami del sangue aiutano a stabilire se il pancreas stia ancora producendo quantità sufficienti di enzimi digestivi, che possono tuttavia risultare normali anche in caso di pancreatite cronica conclamata:

  • amilasi
  • lipasi

Negli stadi più avanzati, quando sopravvengono diabete e malassorbimento, il medico può prescrivere esami del sangue, dell’urina e delle feci, di ausilio alla diagnosi e necessari a monitorare la progressione della malattia.

Dopo una radiografia dell’addome, verranno eseguiti uno o più test di diagnostica per immagine:

  • ecografia addominale ed endoscopia,
  • TAC,
  • CPRE, una procedura invasiva che permette di visualizzare le vie biliari e pancreatiche.

Cura

La pancreatite cronica può richiedere il ricovero ospedaliero con tre obiettivi principali

  • gestione del dolore,
  • garanzia di una sufficiente idratazione (per via endovenosa),
  • supporto nutrizionale.

Se il paziente continua a perdere peso diventa necessario alimentarlo per via nasogastrica per diverse settimane.

La comparsa di complicanze può necessitare di trattamenti più invasivi (chirurgici e/o endoscopici).

Dieta

Il ripristino di una dieta normale può essere accompagnato dall’assunzione di enzimi pancreatici sintetici  nel caso in cui l’organo non ne produca più quantità sufficienti. Gli enzimi andranno assunti a ogni pasto, in modo da aiutare il soggetto a digerire il cibo e riprendere peso.

Il passo successivo consiste nell’instaurare una dieta nutritiva adeguata, povera di grassi e basata su pasti piccoli e frequenti. Il piano alimentare può essere messo a punto con l’aiuto di un dietologo.

Sarà importante anche bere molti liquidi e limitare bevande contenenti caffeina.

I soggetti con pancreatite cronica devono evitare il fumo e l’assunzione di alcolici, anche se la pancreatite è di lieve entità o in fase precoce.

Per approfondire il tema pancreatite e dieta si rimanda all’articolo dedicato.

Fonti e bibliografia

Adattamento dall’inglese a cura della Dr.ssa Greppi Barbara, medico chirurgo

Domande e risposte
Che cos'è la pancreatite cronica?
La pancreatite cronica è l'infiammazione persistente del pancreas che, anziché guarire come nel caso della pancreatite acuta, persiste e peggiora nel tempo.
Quali sono i sintomi della pancreatite cronica?
I sintomi più comuni sono:
  • dolore addominale, peggiorato dal comsumo di grassi e alcolici
  • steatorrea (feci con presenza di grassi)
  • perdita inspiegabile di peso
  • diarrea/stitichezza
In fase avanzata possono comparire ittero e diabete.
Come si cura?
È necessario innanzi tutto evitare il consumo di alcolici e adottare una dieta ipolipidica (povera di grassi).
È possibile somministrare farmaci per il controllo del dolore ed eventualmente enzimi digestivi per curare il malassorbimento.
Nei casi più gravi si adottano interventi più invasivi (chirurgici ed endoscopici).
Quanto si vive?
Il tasso di sopravvivenza complessivo è del 70% a 10 anni e del 45% a 20 anni. Fonte: MedScape