Malocclusione dentale: cause, sintomi, conseguenze e rimedi

Ultimo Aggiornamento: 45 giorni

Introduzione

Per malocclusione dentale si intende un’alterata chiusura delle arcate dentali, si verifica cioè un allineamento anomalo tra i denti superiori e quelli inferiori in senso antero-posteriore o più raramente trasversale.

Le cause della malocclusione possono essere:

I sintomi principali della malocclusione dentale sono:

  • problemi estetici più o meno gravi con importante ripercussione dal punto di vista sociale,
  • aumentato rischio di soffrire di patologie odontoiatriche (carie, tartaro, sanguinamento gengivale,…),
  • disturbi della masticazione,
  • disturbi della fonazione e più raramente della respirazione,
  • disturbi della colonna vertebrale (torcicollo, mal di schiena).

La malocclusione, in base alla gravità, può essere trattata con:

  • apparecchio ortodontico mobile o fisso,
  • intervento chirurgico, nelle forme molto gravi.

Cause

Le cause della malocclusione possono essere:

  • Ereditarie: il difetto di chiusura viene ereditato dai genitori,e tale anomalia è presente in diversi individui di una stessa famiglia;
  • Acquisite, che a loro volta possono essere secondarie a:
    • Patologie: tumori del cavo orale (carcinoma della lingua, tumori ossei, …), artrite reumatoide, fratture mandibolari o mascellari.
    • Atteggiamenti e comportamenti scorretti: vizio infantile nel succhiarsi il pollice, utilizzo di ciuccio e biberon oltre i 3 anni.
    • Perdita di alcuni denti nell’anziano o post-traumatica.
    • Bruxismo: tendenza a serrare e digrignare i denti, soprattutto di notte.
    • Cause iatrogene da complicanze di otturazioni dentali, impianti o capsule dentali.

Classificazione

In base alle sue caratteristiche la malocclusione viene classificata come:

  • malocclusione di I classe: Detta anche normo-occlusione, è la forma riscontrata più frequentemente. Il morso, ovvero la chiusura delle arcate dentali, è tendenzialmente normale, con i denti dell’arcata superiore che sovrastano leggermente quelli inferiori.
  • malocclusione di II classe: È anche detta retrognatismo o sovramorso; in questo caso tutti i denti dell’arcata superiore sovrastano quelli inferiori, con le ossa mascellari che sovrastano la mandibola.
  • malocclusione di III classe: È anche detta prognatismo o sottomorso; in questo caso sono i denti dell’arcata inferiore che sovrastano i denti dell’arcata superiore.

Altre anomalie che possiamo integrare nel capitolo delle malocclusioni sono:

  • Morso profondo: i molari si allineano normalmente in chiusura, ma gli incisivi superiori coprono troppo quelli inferiori.
  • Morso aperto: la chiusura dei molari è corretta, ma i denti anteriori delle due arcate non si toccano e gli incisivi non si sovrappongono.
  • Morso crociato: alcuni denti dell’arcata inferiore coprono troppo i corrispettivi superiori.
  • Diastema interdentale: spazio vuoti tra due denti i quali non si toccano; è tipico riscontrarlo tra gli incisivi superiori ed inferiori.
  • Affollamento: quasi tutti i denti si sovrappongono tra di loro in maniera anomala; spesso è causato dal poco spazio disponibile nella bocca per la corretta crescita dei denti.

Sintomi

La comparsa di specifici sintomi e la loro gravità dipende dall’entità della malocclusione, ma si riscontrano soprattutto:

  • disturbi di natura estetica: al giorno d’oggi rappresentano un problema da non sottovalutare, soprattutto quando coinvolgono bambini all’inizio del loro sviluppo. Le ripercussioni sociali possono essere talvolta piuttosto problematiche, da qui l’importanza di trattare quanto prima questo tipo di disturbi;
  • mal di testa,
  • aumentato rischio di sviluppare patologie odontoiatriche: la malocclusione si ripercuote su tutto il funzionamento del cavo orale portando a complicanze come:
    • carie e tartaro,
    • sanguinamento gengivale e parodontite,
    • ascesso e avulsione dentali;
  • disturbi della masticazione
  • disturbi della fonazione: alterazione nella pronuncia di alcune lettere come la S (sigmatismo), la R (rotacismo), la Z (zetacismo), …
  • disturbi della respirazione:
  • Disturbi otorinolaringoiatrici:
    • otalgia (mal di orecchie),
    • acufeni (suoni, fischi, sibili e ronzii),
    • vertigini oggettive (vediamo ruotare l’ambiente circostante intorno a noi);
  • disturbi a livello della colonna vertebrale: la malocclusione può ripercuotersi anche in zone lontane dal cavo orale. Può provocare

Diagnosi

La malocclusione dentale in tutte le sue forme è facilmente diagnosticabile basandosi sulla semplice osservazione visiva. L’odontoiatra durante la visita specialistica è in grado di diagnosticare e classificare la tipologia di malocclusione e programmare di conseguenza i rimedi più efficaci.

Dal punto di vista strumentale è necessario in genere effettuare

  • una radiografia delle arcate dentarie,
  • un calco in gesso delle arcate dentarie, necessario alla produzione di un apparecchio ortodontico specifico.

Cura

Il trattamento più appropriato dipende dall’entità della malocclusione.

  • Nei casi più lievi spesso non è necessario nessun tipo di trattamento, se non l’esortazione a rimuovere fattori che porterebbero ad un futuro aggravamento della malocclusione (estrazione dei denti del giudizio, applicazione di bite per il bruxismo,…).
  • Nei casi medio-gravi viene utilizzato un apparecchio ortodontico di tipo fisso o mobile, il quale nel corso di diversi mesi o anni è in grado di modifica i rapporti dentari fino alla completa scomparsa di malocclusione.
  • Nei casi molto gravi, o qualora siano comparse complicanze importanti, l’utilizzo degli apparecchi ortodontici diventa insufficiente; in tal caso è indicato un intervento chirurgico di correzione.

 

A cura del Dr. Dimonte Ruggiero

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

La sezione commenti è attualmente chiusa.