Linfonodi ingrossati, tumore e altre cause

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 10 ottobre 2018

Linfonodi: cosa sono e a cosa servono

Il sistema linfatico è costituito da una fitta rete di tessuti e organi e più in particolare:

  • linfa, un fluido che contiene i globuli bianchi, cellule che difendono l’organismo da microrganismi come batteri e virus,
  • vasi linfatici, ossia tubi che trasportano la linfa in tutto il corpo e rappresentano una rete circolatoria diversa da quella sanguigna,
  • linfonodi, ghiandole che fungono da snodi dei vasi linfatici, con funzione di filtro. Insieme alla milza sono i distretti dove i globuli bianchi si attivano contro le minacce esterne.

Questa rete è quindi parte integrante del sistema immunitario, ed è in grado di raccogliere dai tessuti corporei liquidi, scorie e altri scarti, come virus e batteri, contribuendo a mantenere l’equilibrio dei fluidi. Questo liquido si accumulerebbe e causerebbe gonfiore se non venisse in qualche modo drenato, a ciò sono preposti i vasi linfatici, che convogliano la linfa ai linfonodi attraverso il corpo.

La linfa fluisce dalle pareti dei capillari per bagnare le cellule dei tessuti, trasporta anche ossigeno e altri nutrienti e raccoglie prodotti di scarto come il biossido di carbonio.

Ci sono centinaia di linfonodi in tutto il corpo.

Ciascun linfonodo filtra liquidi e sostanze raccolti dai vasi che vi afferiscono. La linfa del seno, per esempio, viene drenata verso le braccia fino alle ascelle, dove viene filtrato dai linfonodi ascellari. La linfa di testa, cuoio capelluto e viso affluisce ai linfonodi del collo. Alcuni linfonodi, come quelli tra i polmoni o intorno alle anse intestinali, sono siti in profondità per filtrare il liquido in tali aree. La linfa scorre lentamente da tutto l’organismo, affluendo al torace. Alla fine del percorso, liquido, sali e proteine filtrati rientrano nel circolo sanguigno.

Ricostruzione grafica del sistema linfatico

iStock.com/Eraxion

Linfonodi ingrossati

In caso di problemi, come

  • infezioni,
  • lesioni
  • o cancro,

uno o più linfonodi possono tumefarsi o ingrossarsi durante il lavoro di filtro delle cellule “cattive”. Questa condizione viene detta linfoadenopatia. Linfonodi ingrossati sono segno che qualcosa non va, ma non dobbiamo pensare subito a qualcosa di grave; altri sintomi potranno aiutare a inquadrare il problema. Per esempio dolore, febbre e linfonodi ingrossati vicino all’orecchio indicano che si è probabilmente affetti da un’otite.

Aree interessate da frequenti linfoadenopatie sono il collo, l’inguine e le ascelle.

Nella maggior parte dei casi si ingrossa a un dato momento una sola area linfonodale. Il riscontro di più distretti linfonodali ingrossati viene detto linfoadenopatia generalizzata. Alcune infezioni (come l’angina da streptococco e la varicella), alcuni farmaci, malattie del sistema immunitario e cancri come i linfomi e le leucemie possono essere la causa di questa condizione.

Il gonfiore dei linfonodi è spesso originato da motivi diversi dal cancro; inoltre linfonodi ingrossati che fanno anche male, di per sé o quando vengono palpati, indicano di norma un processo infiammatorio dovuto a un’infezione e non a un tumore.

Molto frequentemente i linfonodi, soprattutto quelli situati ai lati del collo, sotto il mento o la mandibola, si ingrossano per cause assolutamente benigne (linfonodi reattivi), come ad esempio un raffreddore o un mal di gola, e tornano quindi rapidamente alle loro dimensioni normali. I linfonodi inguinali possono raggiungere un diametro di 1-2 centimetri anche in adulti altrimenti sani, soprattutto se trascorrono molto tempo a piedi nudi all’aperto. Anche i linfonodi ascellari spesso si gonfiano in risposta a infezioni o traumi a livello del braccio o della mano, nonchè a seguito di depilazione o uso di deodoranti aggressivi.

È meglio però chiedere il parere del medico quando il rigonfiamento persiste per alcune settimane o aumenta col passare del tempo.

Le ghiandole possono raggiungere qualche centimetro di grandezza anche in risposta a infezioni o malattie. Ghiandole gonfie, ossia linfoadenopatie, possono essere sentite sotto il mento o nel collo, nelle ascelle o nell’inguine, dove si trovano i gruppi maggiori.

In alcuni casi, tempo e impacchi caldi sono tutto ciò che serve a trattare linfonodi ingrossati.

Molti tipi diversi di infezione possono causare ingrossamenti linfonodali, anche un raffreddore o un semplice mal di gola. Meno frequentemente ghiandole tumefatte sono dovute a condizioni non infettive, come l’artrite reumatoide o anche un tumore.

Sintomi

Il sistema linfatico si compone di una rete di organi, vasi e numerosi linfonodi disseminati attraverso il corpo, ma quelli che più frequentemente tendono a ingrossarsi sono quelli di

  • testa,
  • collo,
  • ascelle,
  • inguine.

I sintomi caratteristici che possono colpire i linfonodi sono:

  • aumento della dimensione (possono raggiungere le dimensioni di un fagiolo o anche molto di più),
  • aumento della sensibilità,
  • in alcuni casi anche comparsa di dolore.

A seconda della causa di ingrossamento, ci possono essere altri segni e sintomi, ad esempio:

oppure più raramente:

  • AIDS: ingrossamento generalizzato dei linfonodi, calo delle difese immunitarie con comparsa di infezioni opportunistiche,
  • lupus: stanchezza, dolore e/o gonfiore articolare, febbre,
  • ostruzione del sistema linfatico: arti gonfi, a causa dell’interessamento di un linfonodo troppo profondo per essere palpabile,

e molti altri.

Ancora più raramente l’ingrossamento dei linfonodi può essere segno di tumore che sta metastatizzando, oppure in grado di colpire i globuli bianchi (per esempio il linfoma di Hodgkin o alcune forme di leucemia). In questo caso i linfonodi appaiono:

  • costantemente ingrossati per settimane e/o in lenta crescita,
  • assenza di dolore,
  • induriti e fermi,
  • e può comparire sudorazione notturna.

Il gonfiore ai linfonodi causato da un’infezione virale passerà da solo in circa 2 – 4 settimane. Nel caso di bambini con infezioni batteriche, il medico potrà prescrivere antibiotici per trattare la causa all’origine del gonfiore.

Quando chiamare il medico

Consultare il medico curante in caso di linfoadenopatia con:

In molti casi si opta inizialmente per una vigile attesa di qualche settimana, soprattutto in assenza di altri fattori di rischio (età, ambiente, …); il percorso diagnostico a seguito del riscontro di uno o più linfonodi ingrossati è generalmente multi-disciplinare, ossia coinvolge il medico curante in prima battuta, che può inviare il paziente a specialisti (tipicamente infettivologo ed ematologo).

La priorità è ovviamente discriminare i casi di linfonodi reattivi (o benigni), cioè ingrossati a causa di processi infiammatori o infettivi; per perseguire questo fine vengono generalmente prescritti alcuni esami del sangue come

  • emocromo,
  • VES,
  • PCR,
  • esame delle urine,
  • elettroforesi proteica,
  • esami sierologici per ricercare alcuni tipi di infezione virale (toxoplasmosi, citomegalovirus, …).

Il passo successivo consiste in esami di imaging, a partire dall’ecografia, esame in grado di fornire indicazioni affidabili sulla natura del linfonodo in esame sulla base di parametri quali forma e dimensione.

In presenza di dubbi residui è infine possibile la prescrizione di ulteriori approfondimenti, quali ad esempio:

  • TAC,
  • biopsia (viene prelevato ed esaminato un piccolo campione linfonodale).

 

Bambini

In presenza di ingrossamento dei linfonodi consultare sempre il pediatra, soprattutto se:

  • c’è presenza di febbre,
  • è presente mal di gola,
  • i linfonodi continuano a ingrossarsi e non ridiventano normali nell’arco di poche settimane,
  • compaiono lividi non usuali,
  • si assiste a un sanguinamento eccessivo da naso o bocca,
  • si assiste a perdita di peso.

Chiamare il 118 o andare al pronto soccorso se:

  • la pelle intorno alla ghiandola è rossa e dolente,
  • il linfonodo cresce oltre i 4 cm di diametro,
  • un linfonodo del collo è molto tumefatto e il bambino ha difficoltà a respirare o muovere la testa.

Cause frequenti

In genere, l’ingrossamento linfonodale è dovuto a infezioni minori virali o batteriche, come per esempio:

Le ghiandole della zona colpita spesso diventeranno improvvisamente dolenti o sensibili al tatto. Ci potranno essere sintomi associati, come

  • mal di gola,
  • tosse,
  • febbre.

Queste infezioni in genere guariscono da sole e i linfonodi ripristinano le loro normali dimensioni. Sarà necessario solo assumere molti liquidi, riposarsi e alleviare i sintomi a casa, con farmaci da banco come paracetamolo o ibuprofene.

Consultare il proprio medico se i sintomi non migliorano entro qualche settimana.

Cause meno frequenti

Più raramente, l’ingrossamento linfonodale può essere conseguente a:

  • rosolia, un’infezione virale che determina un’eruzione rosso-rosa, composta da puntini.
  • morbillo, una malattia virale molto contagiosa che determina un esantema caratteristico, con macchie rosse o marroni .
  • citomegalovirus (CMV), un virus comune diffuso tramite liquidi corporei, come saliva e urina.
  • tubercolosi (TBC), un’infezione batterica che causa una tosse persistente.
  • sifilide, un’infezione batterica in genere contratta tramite rapporti sessuali con qualcuno di infetto.
  • malattia del graffio da gatto, un’infezione batterica causata dal graffio di un gatto.
  • HIV, un virus che attacca il sistema immunitario e indebolisce le capacità di combattere infezioni.
  • lupus, una condizione in cui il sistema immunitario attacca articolazioni, pelle, cellule del sangue e organi.
  • artrite reumatoide, una condizione in cui il sistema immunitario attacca i rivestimenti delle articolazioni.
  • sarcoidosi, una malattia in cui negli organi si formano piccoli noduli di tessuti rossi e rigonfi, detti granulomi.

Linfoadenite

Una linfoadenite (l’infiammazione NON tumorale dei linfonodi, per esempio per le cause appena descritte) può diffondersi in poche ore.

Prognosi

L’impiego tempestivo di antibiotici in genere porta a una completa guarigione.

Il gonfiore di uno o più linfonodi può tuttavia richiedere settimane o mesi per scomparire.

Complicazioni

Una linfoadenite non trattata può portare a:

  • formazione di ascessi,
  • cellulite (un’infezione della pelle e non l’inestetismo cutaneo),
  • fistole (in linfoadeniti dovute a tubercolosi),
  • sepsi (infezione del circolo sanguigno).

Trattamento

Il trattamento dovrà cominciare quanto prima è può consistere in:

  • antibiotici per trattare un’eventuale infezione,
  • analgesici per controllare il dolore,
  • farmaci antinfiammatori per ridurre l’infiammazione,
  • può essere necessaria una procedura chirurgica di drenaggio di un ascesso.

Stile di vita e rimedi casalinghi

Se i linfonodi sono dolenti spontaneamente o al tatto, si potrà alleviare la sintomatologia con:

  • Impacchi caldi: applicare sulla zona colpita compresse calde e umide, come un asciugamano immerso nell’acqua calda e poi strizzato.
  • Analgesici: analgesici da banco, come aspirina, ibuprofene e paracetamolo, possono aiutare a ridurre dolore e febbre. Non somministrare l’aspirina a bambini senza consultare il medico perché in grado di scatenare la sindrome pediatrica di Reye, una reazione rara ma grave che può colpire sangue, fegato e cervello di bambini o adolescenti in convalescenza da infezioni virali.
  • Riposo: il riposo sarà spesso necessario per riprendersi dalla malattia sottostante.

Evitare di comprimere o spremere i linfonodi ingrossati, perché potrebbe aumentare l’irritazione e impedire il ripristino delle dimensioni normali. In alcuni casi, può essere necessario anche più di un mese per la scomparsa completa dell’ingrossamento.

Dolore o febbre nel bambino, possono essere alleviati con paracetamolo o ibuprofene, seguendo le istruzioni riportate sulla confezione o le raccomandazioni del pediatra.

Tumore

Le dimensioni dei linfonodi interessati da un tumore possono essere maggiori di quelli che si ingrossano in risposta a un’infezione, ma quel che fa la differenza è soprattutto il fatto che il loro diametro non torni alla normalità nel giro di qualche settimana o anzi tenda ad aumentare con il tempo.

Meglio rivolgersi subito al curante se la zona dove si rilevano i linfonodi ingrossati si rivela anche arrossata, calda e dolente (anche se questo aspetto indirizza verso diagnosi una causa infettiva), oppure se toccandola si sente una superficie irregolare, dura, oppure i linfonodi sembrano adesi ai piani sotto o sovrastanti.

Occorre poi segnalare immediatamente al medico se compaiono

  • febbre,
  • sudorazioni notturne
  • o soprattutto un’inspiegabile perdita di peso.

Particolarmente sospetto è l’ingrossamento dei linfonodi che si trovano al di sopra della clavicola: un loro aumento di volume è spia di un tumore maligno nel 90% dei casi se il paziente ha più di 40 anni, e in un quarto dei casi nelle persone più giovani.

Il cancro può colpire i linfonodi in due modi:

  • può originare dalla ghiandola
  • o invaderla da qualche altra origine.

Il cancro che origina nei linfonodi prende il nome di linfoma, di cui ricordiamo il linfoma di Hodgkin e il linfoma non Hodgkin.

Più frequentemente il cancro origina in qualche altra parte del corpo e si diffonde poi ai linfonodi o ad altre aree attraverso il circolo sanguigno o attraverso quello linfatico.Se si diffondono nel sistema linfatico, le cellule possono raggiungere linfonodi. Qualunque sia il modo, la maggior parte delle cellule cancerose circolanti muore o viene uccisa prima di poter cominciare a crescere in altre zone, ma se anche solo una cellula sopravvive può colonizzare la nuova area, iniziare a crescere e formare nuovi tumori. Questa replica del cancro in una nuova parte dell’organismo è detta metastasi.

Di solito i linfonodi ingrossati sono in prossimità della parte del corpo interessata dalla malattia, ma non è sempre così.

Per riuscire a colonizzare nuove zone, le cellule cancerose devono alquanto modificarsi.

  1. Anzitutto devono riuscire a separarsi dal tumore originale e quindi ad attaccarsi alla parete esterna di un vaso linfatico o sanguigno.
  2. Poi, devono migrare attraverso la parete del vaso per entrare nel sangue o nella linfa e arrivare in un nuovo organo o in un linfonodo.

Quando un cancro cresce all’interno di linfonodi, in genere colpisce i linfonodi nelle sue vicinanze. Sono i linfonodi che hanno fatto la maggior parte del lavoro di filtraggio o soppressione delle cellule cancerose.

Linfonodo sentinella

In questo contesto riveste una grande importanza il concetto di linfonodo sentinella, ossia il primo linfonodo a essere raggiunto da eventuali metastasi (cellule cancerose) veicolate dal sistema linfatico a partire da un tumore.

L’esempio classico che si porta in questi casi è la mammella, il cui sistema linfatico drena soprattutto attraverso i linfonodi ascellari; in caso di tumore al seno si analizza quindi il linfonodo sentinella ascellare e, se non si trova traccia del tumore in questo distretto, si può affermare con buona sicurezza che non ci sono metastasi in altre parti del corpo.

L’acquisizione di questa informazione è spesso cruciale per impostare la terapia successiva, ma soprattutto perchè può consentire di evitare alla donna un intervento invasivo come lo svuotamento ascellare (asportazione di tutti i linfonodi presenti sotto l’ascella).

  • Il prelievo di un linfonodo è detta biopsia.
  • La rimozione di più linfonodi è invece chiamata campionamento o dissezione linfonodale.

Diagnosi

I linfonodi normali sono piccoli e difficili da trovare, ma si possono ingrossare in caso di infezioni, infiammazioni o cancro. Quelli vicini alla superficie del corpo spesso diventano abbastanza grossi da diventare palpabili, se non addirittura visibili.

Una prima verifica può essere fatta attraverso l’uso dell’ecografia, che permette spesso di distinguere tra:

  • linfonodi reattivi (dovuti per esempio a infiammazione o infezione),
  • linfonodi maligni (legati alla presenza di tumore).

Quando esiste il sospetto di tumore i linfonodi possono anche essere campionati usando aghi. In genere, questa procedura viene eseguita su linfonodi ingrossati e si chiama ago-biopsia. Una volta rimosso, il tessuto viene osservato al microscopio da un patologo (un medico che compie diagnosi analizzando campioni di tessuti) per evidenziare eventuali cellule cancerose.

Al microscopio, queste avranno lo stesso aspetto delle cellule del tumore primario. Per esempio, quando un cancro della mammella invade i linfonodi, le cellule isolate in questi ultimi saranno simili a quelle del cancro. Il patologo scrive un referto dettagliando le sue scoperte. Se un linfonodo contiene cellule cancerose, il referto ne descrive l’aspetto e la quantità.

Il medico può anche usare la diagnostica per immagini per cercare ingrossamenti di linfonodi posti in profondità nel corpo. Spesso, si assume che linfonodi ingrossati in prossimità di un cancro contengano cellule cancerose.

Più cellule cancerose nei linfonodi possono significare che il cancro cresce rapidamente e/o ha maggior predisposizione a diffondersi ad altre aree del corpo. Se però i linfonodi vicini sono l’unico altro sito in aggiunta a quello primario, l’intervento di rimozione chirurgica del tumore principale e dei linfonodi locali può essere in grado di eradicare il cancro completamente.

Cellule cancerose che invadono linfonodi più lontani dal cancro primario richiederanno verosimilmente anche un trattamento chemio o radioterapico.

Effetti della rimozione di linfonodi

La rimozione di linfonodi può privare una parte del corpo del sistema di drenaggio della linfa nella zona interessata. Molti vasi linfatici si troveranno privi di sbocco; la linfa potrebbe quindi stagnare. Questa situazione è detta linfedema e può diventare un problema cronico, soprattutto nel caso in cui i linfonodi rimossi siano particolarmente numerosi.

Fonti:

Adattamento dall’inglese a cura della Dr.ssa Greppi Barbara

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    Gentili dott ho 29 anni da un paio di giorni mi ha male il collo tipo dolori cervicali sino a sotto la colonna, in concomitanza ho avvertito un linfonodo che si muove sulla cervicale. Oggi ho iniziato un antidolorifico, devo preoccuparmi?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Preoccuparsi no, sono sintomi comuni, ma sottoponga il linfonodo gonfio al medico.

  2. Anonimo

    Un banale mal di gola può causare l’ingrossamento dei linfonodi sotto la bocca? Il medico dice che è normale, ma sono un po’ preoccupata.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Ha perfettamente ragione il medico, stia tranquilla! 🙂

  3. Anonimo

    Un normale mal di gola, diagnosticato dal pediatra, può causare ingrossamento dei linfonodi sotto la bocca?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, è plausibile, soprattutto in assenza di altri sintomi importanti.