Laringospasmo in adulti e bambini: sintomi e rimedi

Ultima modifica 15.02.2020

Introduzione

Il laringospasmo è una contrazione muscolare incontrollata ed involontaria (spasmo) delle corde vocali; è una condizione che dura di norma da pochi minuti a 20-30 minuti, ma che causa una sensazione di soffocamento, inducendo panico e paura nel soggetto interessato.

La crisi inizia improvvisamente e, altrettanto repentinamente, termina; le difficoltà respiratorie possono lasciare sintomi residui quali

  • vomito,
  • spossatezza
  • e inappetenza.

Le cause più comuni vanno cercate in tre possibili macro-condizioni:

  • infiammazioni,
  • infezioni,
  • allergie.

Di norma il laringospasmo non rappresenta un’emergenza medica e la prognosi è ottima, ma soprattutto al primo episodio può causare panico sia nel paziente che in chi gli sta accanto; nel caso di bambini si raccomanda di segnalare sempre l’accaduto al pediatra.

Che differenza c’è tra CROUP e laringospasmo?

Il laringospasmo è un’entità clinica poco ben definita, con quadro clinico molto simile al croup virale; da questo lo differenzia

  • l’assenza di sintomi premonitori, quali
    • segni di raffreddamento,
    • scolo nasale,
  • l’esordio improvviso e prevalentemente notturno.

Fonte: SIMRI.

Ricostruzione grafica della posizione anatomica della laringe, che comprende anche le corde vocali

Le corde vocali fanno parte della laringe, il canale evidenziato in rosso (Photo Credit: iStock.com/janulla)

Cause

Colpisce in particolare i bambini da 1 a 3 anni, ma possono esserne soggetti anche gli adulti, sopratutto di notte, quando provoca un immediato risveglio. Il laringospasmo, specie nei bambini, può essere ricorrente nella stagione fredda, perché quasi sempre causato da infezioni delle vie aeree.

Le principali cause di laringospasmo sono:

Può essere scatenato anche dal contatto con sostanze irritanti come fumo, polvere, liquidi (per esempio in caso di annegamento in acque salata), nonché in conseguenza dell’anestesia generale (per esempio durante l’estubazione).

Sono a maggiormente esposti al rischio di sviluppare episodi di laringospasmo bambini con pre-esistenti problemi di allergie e asma.

Soprattutto nei soggetti adulti è infine possibile manifestare laringospasmo anche a seguito di stress o ansia.

Sintomi

La crisi di laringospasmo ha esordio improvviso ed altrettanto improvvisamente finisce: può durare anche alcune decine di minuti, ma generalmente gli episodi si superano in meno di un minuto.

Il laringospasmo è caratterizzato dai seguenti sintomi:

Pur essendo particolarmente impressionante, da vivere o da vedere nel caso di bambini colpiti, non rappresenta in realtà un pericolo reale per la vita del paziente, anche se nel caso di bambini possono verificarsi in seguito alla crisi

Quando ad essere colpiti sono neonati o bambini nella prima infanzia è comunque opportuno ricorrere ad un consulto medico immediato.

Cura e terapia

La terapia nei casi meno gravi può essere fatta umidificando il più possibile l’ambiente ed evitando tassativamente le essenze balsamiche che nel caso di pazienti pediatrici possono peggiorare il quadro clinico: alcuni pediatri consigliano ad esempio di chiudersi nel bagno con tutti i rubinetti aperti sull’acqua calda per saturare la stanza di vapore acqueo.

Nelle forme più gravi si ricorre a terapia aerosolica/spray con cortisone (ed eventualmente adrenalina), oppure cortisone assunto per via orale, che a queste dosi non è correlato ad effetti collaterali sistemici (sopratutto se per aerosol o spray).

Il bambino colpito da laringospasmo non deve essere fatto sdraiare, nemmeno a seguito della terapia, in quanto una posizione eretta o leggermente rialzata consente un maggior sollievo; è molto importante tranquillizzare il paziente di qualsiasi età e aiutarlo a respirare lentamente, perché il panico indotto dall’episodio può peggiorare i sintomi.

Nel caso di laringospasmo da reflusso gastroesofageo la terapia prevede di trattare ovviamente il problema alla base, per esempio attraverso la prescrizione di inibitori di pompa.

Articoli Correlati

Domande e risposte
  1. Domanda

    Cos’è il laringospasmo?

    1. Dr. Roberto Gindro

      È una contrazione muscolare incontrollata ed involontaria delle corde vocali.

  2. Domanda

    Quanto dura?

    1. Dr. Roberto Gindro

      Dura di norma da pochi minuti a 20-30 minuti.

  3. Domanda

    Come si riconosce?

    1. Dr. Roberto Gindro

      Il laringospasmo è una manifestazione molto più comune nei bambini che negli adulti ed è caratterizzato da fame d’aria e senso di soffocamento, per questa ragione induce paura e panico nel paziente colpito.

  4. Domanda

    Cosa fare in caso di laringospasmo?

    1. Dr. Roberto Gindro

      Il fenomeno è fortunatamente di norma destinato a risolversi spontaneamente entro pochi istanti, ma nel frattempo è consigliabile cercare di invitare il paziente a calmarsi e provare a respirare senza affannarsi; a giudizio del pediatra si può eventualmente ricorrere all’esposizione dal vapore (chiudendosi in bagno e aprendo la doccia calda per saturare l’aria di vapore).

  5. Domanda

    Può verificarsi anche negli adulti?

    1. Dr. Roberto Gindro

      Sì, è possibile.
      Nel paziente adulto è spesso legato a problemi di reflusso gastroesofageo.

  6. Domanda

    Può essere causato dall’ansia?

    1. Dr. Roberto Gindro

      Può succedere che l’ansia, o un vero e proprio attacco di panico, scatenino sintomi sintomi o addirittura sovrapponibili al laringospasmo.