Calli e duroni su piedi e mani: sintomi, prevenzione e cura

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 6 giugno 2018

Introduzione

Calli e duroni sono aree ispessite e indurite della pelle che si formano quando questa viene sottoposta a pressioni o frizioni eccessive.

In genere si sviluppano sui piedi, che possono risultare dolorosi e fastidiosi quando si cammina, ma non è raro che si manifestino calli anche sulle mani.

Se siete sani dovete preoccuparvi di curare calli e duroni solo se causano specifici fastidi, nella maggior parte delle persone scompaiono infatti semplicemente eliminando la causa dell’attrito o della pressione.

Se invece soffrite di diabete o di altre patologie che ostacolano la circolazione nei piedi, i calli e i duroni corrono un rischio maggiore di complicazioni.

Fotografia di due piedi femminili, con particolare attenzione ai talloni

iStock.com/supershabashnyi

Cause

Calli

I calli sono aree dure e ruvide della pelle, spesso di colore giallastro. Possono svilupparsi:

  • nel piede, in genere intorno al tallone o sulla pelle sotto l’avampiede,
  • nei palmi delle mani,
  • nelle nocche.

I calli sono più grossi dei duroni, rispetto ai quali hanno anche confini meno netti. Poiché la pelle callosa è spessa, in genere è meno sensibile al tocco rispetto a quella circostante.

Si sviluppano quando la pelle si strofina contro qualcosa, per esempio una superficie ossea, una scarpa o il terreno. Si formano frequentemente sulla pianta del piede, nella parte anteriore, perché questa è l’area che riceve il maggior peso corporeo quando si cammina.

Le attività che esercitano pressioni ripetute sul piede, come correre o camminare scalzi, possono causare calli. Gli atleti ne sono particolarmente suscettibili.

Altre cause di calli possono essere:

  • pelle secca,
  • riduzione dei cuscinetti adiposi; i soggetti anziani tendono ad avere meno tessuto adiposo nella pelle,
  • indossare scarpe e sandali senza i calzini può causare sfregamenti e attriti sul piede. Anche i calzini troppo stretti o troppo larghi possono causare problemi,
  • attività che implichino l’uso ripetuto di oggetti come una racchetta o un martello, senza l’utilizzo di guanti di protezione.

Duroni

I duroni sono cerchietti di pelle ispessita che si formano perlopiù sopra e sui lati delle dita o sulla pianta del piede, ma possono comparire anche in qualsiasi altra zona.

I duroni sono spesso dovuti a scarpe non adatte:

  • per esempio, scarpe troppo grandi che permettono al piede di scivolare e sfregare,
  • oppure modelli che esercitano una pressione eccessiva in una specifica area del piede; per esempio, i tacchi alti possono essere causa di eccessiva pressione sulle dita.

I duroni si sviluppano spesso su piedi ossuti, cui manca l’azione protettiva dei cuscinetti adiposi. Possono svilupparsi anche a seguito di altri problemi del piede, come:

  • una borsite dell’alluce (in caso di alluce valgo): l’articolazione dell’alluce sporge in fuori poiché l’alluce tende a deviare verso le altre dita dello stesso piede,
  • dita a martello: le dita si piegano in corrispondenza dell’articolazione intermedia.

Sintomi

Calli e duroni sono caratterizzati dalla presenza di uno o più dei seguenti sintomi:

  • presenza di pelle ispessita e ruvida,
  • piccola massa di pelle indurita e in rilievo,
  • dolore o dolorabilità sottopelle,
  • pelle a scaglie, secca o dall’aspetto ceroso.

I calli e i duroni spesso vengono confusi, ma in realtà sono due disturbi diversi:

  • I calli sono più piccoli dei duroni ed hanno un centro duro che si estende in profondità, circondato da una zona di pelle infiammata. Tendono a svilupparsi nelle parti dei piedi su cui non si scarica il peso, ad esempio sulla sommità e sui lati delle dita, ma possono anche trovarsi nelle zone su cui si scarica il peso oppure addirittura tra le dita. Se vengono compressi, possono fare male.
  • I duroni di solito si sviluppano sulla pianta dei piedi, soprattutto sotto il tacco o i polpastrelli, oppure sui palmi delle mani o sulle ginocchia. Di norma non sono dolorosi (danno maggiormente una sensazione di bruciore) e possono essere di forme e dimensioni diverse, ma di solito più grandi dei calli.

Quando chiamare il medico

Se il callo o il durone inizia a fare molto male o si infiamma, andate dal medico.

Se soffrite di diabete o di problemi di circolazione chiedete consiglio al medico prima di iniziare una qualsiasi terapia fai da te, perché le eventuali lesioni ai piedi, anche piccole, potrebbero causare un’ulcera difficile da curare.

Diagnosi

Il medico (o il podologo) è in grado di diagnosticare facilmente un callo o un durone valutando visivamente il piede e cercando di escludere altre possibili cause dell’ispessimento della pelle, come ad esempio verruche o cisti.

In casi dubbi è possibile ricorrere a una radiografia per capire se il callo o il durone sia causato da una deformità fisica.

Cura e terapia

Per curare calli e duroni di solito è sufficiente evitare le azioni ripetitive che li hanno provocati.

Il trattamento di quelli più ostinati e dolorosi richiede innanzi tutto la rimozione della causa delle pressioni/frizioni che ne hanno determinato la comparsa e l’eliminazione della pelle ispessita.

Può essere consigliata l’adozione di scarpe comode e senza tacco. Se i calli si sviluppano sulle mani, indossare guanti protettivi durante attività ripetitive aiuterà l’area colpita a guarire.

In caso di dubbi sulle cause di un callo o di un durone, consultare il proprio curante. Il medico potrebbe richiedere il consulto di un podologo o di un callista. Il podologo è specializzato nella diagnosi e nel trattamento dei problemi del piede. Esaminerà l’area colpita e raccomanderà il trattamento appropriato.

Non cercare di asportare il durone o il callo da sé. Potrebbe diventare ancora più doloroso e infettarsi. Si può usare eventualmente una pietra pomice o una lima da piede per assottigliare la pelle che si sta indurendo, oppure i prodotti specifici disponibili in farmacia e nei negozi specializzati.

Prodotti per la cura del piede

Le farmacie offrono un’ampia gamma di prodotti che permettono la guarigione della pelle ispessita e indurita, con conseguente ridistribuzione della pressione in eccesso. Chiedere consiglio al medico, al podologo al farmacista.

Esempi di prodotti che possono essere utili per trattare calli e duroni sono:

  • creme idratanti speciali per pelli ispessite,
  • appositi cerotti protettivi,
  • cuscinetti morbidi o suole di gommapiuma personalizzate,
  • piccoli cunei di gommapiuma o silicone che possono essere messi tra le dita per alleviare i duroni morbidi,
  • speciali cunei in silicone che cambiano la posizione delle dita e ridistribuiscono la pressione,
  • acido salicilico.

Alcuni prodotti da banco usati per trattare calli e duroni contengono acido salicilico, una sostanza che viene impiegata come ausilio per ammorbidire lo strato superficiale di pelle morta, in modo da poterlo rimuovere facilmente. I prodotti sono blandi e non dovrebbero causare dolore.

I composti a base di acido salicilico sono disponibili per l’applicazione diretta (come liquido o gel) o in cerotti premedicati.

È importante evitare prodotti a base di acido salicilico se portatori di:

  • una condizione che causa problemi circolatori, come diabete, arteriopatia o neuropatia periferica,
  • pelle fissurata o aperta, sopra o intorno al callo o durone,
  • pelle fragile,

perché che esiste un maggior rischio di danneggiare pelle, nervi e tendini.

L’acido salicilico talvolta può irritare la pelle intorno al callo o durone, come prevenzione si può usare vasellina o un cerotto per proteggere e coprire la pelle di questa zona.

Leggere attentamente le istruzioni prima di applicare il prodotto. Informarsi con il medico, il podologo o il farmacista in caso di dubbi.

Duroni infettati

Quando si infetta, il durone diventa infiammato e doloroso; può trasudare pus o un liquido trasparente. L’infiammazione si può estendere lungo il piede. La situazione richiede la visita del medico o del dermatologo.

Stile di vita e rimedi pratici

Se soffrite di diabete o di altri disturbi che provocano problemi di circolazione, chiedete sempre consiglio al medico prima di provare a curare i calli e i duroni con rimedi fai da te.

Se invece non avete altri problemi di salute, potete seguire questi consigli per guarire i calli e i duroni:

  1. Usate i cuscinetti protettivi. Queste protezioni, in vendita in farmacia vanno applicate sulle zone in cui si sviluppano i calli e i duroni.
  2. Fate attenzione a usare i callifughi liquidi o i cerotti medicati a base di acido salicilico, perché sono grado di irritare la pelle sana e causare infezioni, soprattutto nei pazienti affetti da diabete e problemi di circolazione.
  3. Lavate le mani e i piedi. Lavate le mani e i piedi in acqua tiepida e sapone per ammorbidire i calli e i duroni e rimuovere più facilmente la pelle ispessita.
  4. Togliete la pelle in eccesso, senza tagliarla. Durante o dopo la doccia, sfregate il callo o il durone con la pietra pomice o un asciugamano per rimuovere il primo strato di pelle. Non usate le forbici o il tagliaunghie per tagliare la pelle. Se soffrite di diabete non usate la pietra pomice, perché siete maggiormente soggetti alle infezioni.
  5. Idratate la pelle. Mettete la crema idratante sulle mani e sui piedi per tenere morbida la pelle.
  6. Indossate scarpe e calzini comodi. Indossate scarpe comode con i plantari finché il callo o il durone non guarisce. Scegliete calzini comodi, fatti di poliestere e di cotone, perché lasciano traspirare meglio l’umidità rispetto a quelli di solo cotone.

Prevenzione

La prevenzione di calli e duroni richiede l’attenzione ai propri piedi e la scelta di scarpe adeguate.

I consigli seguenti aiutano a contrastare lo sviluppo di pelle secca e dura.

  1. Asciugare completamente i piedi dopo averli lavati e applicarvi una crema idratante dedicata (non una lozione per il corpo).
  2. Usare regolarmente una pietra pomice o una lima da piedi per rimuovere delicatamente eventuali indurimenti. Se si adopera una pietra pomice, assicurarsi che si asciughi completamente tra gli usi successivi e che non ospiti batteri.
  3. Calzare scarpe adatte e comode. Comprare le scarpe sempre di pomeriggio, perché il piede tende a gonfiarsi nel corso della giornata. Quindi, scarpe che nel pomeriggio vanno bene risulteranno comode. Le dita dovrebbero potersi muovere liberamente all’interno della calzatura, con un piccolo spazio tra l’alluce e la punta della scarpa. Se possibile, evitare i tacchi alti perché aumentano la pressione sulla punta del piede.
  4. Non pensare che il mal di piedi sia normale. Consultare un podologo o il proprio curante, che potrà optare per un consulto specialistico. Il medico sarà in grado di identificare la causa all’origine del dolore.

Fonte principale:

  • NHS, licensed under the OGL

Traduzione a cura della Dr.ssa Greppi Barbara

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    Meglio i cerotti o il liquido per i calli?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In genere l’efficacia è paragonabile.

  2. Anonimo

    Perché i diabetici non possono usare la maggior parte dei prodotti per i calli?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Perché potendo andare incontro a problemi di cicatrizzazione e di infezione non è opportuno l’utilizzo di acidi che potrebbero aprire piccole ulcere.