Ansia, tra attacchi, rimedi e cure

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 10 ottobre 2018

Introduzione

disturbi d’ansia vengono curati principalmente attraverso i farmaci, con approcci psicoterapici specifici o con entrambe le terapie.

La scelta della cura dipende dal problema e dalle preferenze del paziente. Prima di prescrivere eventuali farmaci è indispensabile procedere a un’accurata diagnosi, per stabilire se i sintomi siano causati da un disturbo d’ansia oppure da un problema fisico.

Se la diagnosi è ansia, in una qualsiasi delle sue forme, il passo successivo è identificare con precisione il tipo di disturbo o la combinazione di disturbi, ma anche eventuali patologie concomitanti, come la depressione o l’abuso di sostanze (ad esempio l’alcolismo), che possono avere un impatto sull’individuo così forte che è indispensabile risolverle, prima di poter iniziare a curare gli attacchi di ansia.

I pazienti già curati in passato dovrebbero dare al loro medico attuale tutti i dettagli sulla terapia; se si trattava di una terapia farmacologica dovrebbero comunicare al medico attuale il nome del farmaco e il dosaggio iniziale, dovrebbero poi precisare se il dosaggio sia stato diminuito o aumentato nel corso della terapia, se si sono verificati effetti collaterali e se la terapia si è rivelata efficace.

Se si trattava di una terapia psicologica dovrebbero invece precisare il tipo, la frequenza delle sedute e se la terapia si è rivelata efficace.

Spesso i pazienti ritengono che la terapia sia stata un fallimento o che non abbia funzionato quando, in realtà, non è stata seguita per un tempo sufficiente o è stata somministrata in modo scorretto.

In altri casi è effettivamente necessario provare diversi approcci o differenti combinazioni di terapia prima di trovare quella più adatta alla propria situazione.

Donna seduta per terra in una camera buia, con la testa tra le mani.

iStock.com/kitzcorner

Farmaci

La terapia farmacologica non è una vera e propria cura per i disturbi d’ansia, ma è in grado di tenere sotto controllo i sintomi mentre il paziente viene curato con la psicoterapia.

I farmaci devono essere prescritti da medici specialisti, normalmente psichiatri che possono offrire anche le sedute di psicoterapia, oppure con la possibilità di collaborare con una squadra di psicologi, assistenti sociali o counselor in grado di aiutare il paziente nel suo percorso.

I farmaci usati con maggior frequenza per curare i disturbi d’ansia sono:

Con una terapia adeguata molti pazienti affetti da attacchi d’ansia possono condurre una vita normale e soddisfacente.

Antidepressivi

Gli antidepressivi sono stati creati per curare la depressione, ma si sono rivelati efficaci anche nella terapia dei disturbi d’ansia. Questi farmaci iniziano a modificare i processi chimici cerebrali già dopo la primissima dose, ma per diventare pienamente efficaci devono modificare equilibri che richiedono un’assunzione regolare per almeno 4-6 settimane prima che i sintomi inizino ad attenuarsi.

È importante proseguire la terapia per tutto il tempo necessario al suo buon funzionamento.

SSRI

Alcuni degli antidepressivi di ultima generazione sono detti inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, o SSRI. I farmaci SSRI alterano i livelli cerebrali della serotonina, un neurotrasmettitore che, come altre sostanze simili, aiuta i neuroni a comunicare tra di loro.

Tra i farmaci SSRI prescritti più di frequente per la cura del disturbo da attacchi di panico, del disturbo ossessivo-compulsivo, del disturbo post-traumatico da stress e della fobia sociale troviamo:

  • fluoxetina (Prozac®),
  • sertralina (Zoloft®),
  • escitalopram (Cipralex®),
  • paroxetina (Sereupin®),
  • citalopram (Seropram®).

I farmaci SSRI vengono anche usati per curare il disturbo da attacchi di panico, quando si verifica contemporaneamente al disturbo ossessivo-compulsivo, alla fobia sociale o alla depressione.

Per curare il disturbo d’ansia generalizzato, invece, viene usata la venlafaxina (Efexor®), un farmaco strettamente imparentato con gli altri SSRI. Questi farmaci all’inizio vengono somministrati a basso dosaggio e poi gradualmente aumentati fino a trovare un equilibrio soddisfacente per il paziente.

I farmaci SSRI presentano meno effetti collaterali degli antidepressivi classici, ma a volte possono provocare lieve nausea o nervosismo nei primi giorni di terapia. Questi sintomi scompaiono nelle fasi successive. Alcuni pazienti soffrono anche di disfunzioni sessuali durante la terapia con SSRI: il problema può essere alleviato adeguando il dosaggio oppure passando a un altro farmaco della stessa categoria.

Triciclici

I triciclici sono farmaci meno recenti rispetto agli SSRI, ma altrettanto efficaci per la cura di quasi tutti i disturbi d’ansia (fa eccezione il disturbo ossessivo-compulsivo).

Anche il dosaggio dei triciclici all’inizio è basso e in seguito viene aumentato gradualmente.

Questi farmaci potrebbero inizialmente provocare capogiro, sonnolenza, secchezza delle fauci e aumento di peso: di solito questi problemi scompaiono adeguando il dosaggio o passando a un altro farmaco della stessa categoria.

Tra i triciclici più usati ricordiamo per esempio

  • imipramina (Tofranil®), prescritta nei casi di disturbo da attacchi di panico e ansia generalizzata,
  • clomipramina, l’unico antidepressivo triciclico efficace per la terapia del disturbo ossessivo-compulsivo.

IMAO

Gli inibitori delle monoaminossidasi (IMAO) sono la categoria più vecchia di farmaci antidepressivi. Tra gli IMAO prescritti con maggior frequenza per i disturbi d’ansia troviamo:

  • fenelzina (Margyl®),
  • tranilcipromina (Parmodalin®),
  • isocarboxazide, utili nei casi di disturbo da attacchi di panico e di fobia sociale.

Chi è in terapia con farmaci IMAO deve prestare grande attenzione ed evitare alcuni alimenti (come il formaggio e il vino rosso) che contengono la tiramina, oltre a numerosi farmaci:

queste sostanze, infatti, sono in grado di interagire con gli IMAO e causare pericolosi aumenti della pressione sanguigna.

Gli IMAO, inoltre, possono interagire con i farmaci SSRI e scatenare una sindrome molto grave (sindrome serotoninergica), in grado di provocare:

Ansiolitici

Le benzodiazepine combattono l’ansia e hanno pochi effetti collaterali, sonnolenza a parte.

Chi le assume può tuttavia sviluppare assuefazione, cioè può aver bisogno di dosi sempre più massicce di farmaco per ottenere lo stesso effetto: le benzodiazepine, quindi, vengono prescritte di solito per periodi brevi, soprattutto nei casi di abuso di alcol o stupefacenti e nei pazienti che già sono soggetti a dipendenza dai farmaci. L’eccezione alla regola sono i pazienti affetti da disturbo da attacchi di panico, che possono assumere le benzodiazepine più a lungo mantenendo un buon rapporto efficacia-rischio di effetti collaterali.

Ricordiamo ad esempio:

  • clonazepam (Rivotril®), usato nei casi di fobia sociale e disturbo d’ansia generalizzato;
  • lorazepam (Tavor®), efficace per il disturbo da attacchi di panico,
  • alprazolam (Xanax®), efficace sia per gli attacchi di panico sia per l’ansia generalizzata.

Alcuni pazienti soffrono di sintomi da sospensione se smettono di assumere le benzodiazepine da un giorno all’altro, anziché diminuire il dosaggio con gradualità come sarebbe corretto fare: in questi casi l’ansia può ripresentarsi dopo la fine della terapia. Questi rischi potenziali hanno portato alcuni medici a prescrivere questi farmaci con eccessiva prudenza o a prescriverli in dosi inadeguate.

Betabloccanti

I betabloccanti come il propranololo (Inderal®), un farmaco usato per curare le patologie cardiache, possono prevenire i sintomi fisici che accompagnano alcuni disturbi ansiosi, in particolar modo la fobia sociale.

Quando è possibile prevedere la situazione che scatena l’ansia (ad esempio un discorso in pubblico), il medico può prescrivere un betabloccante per tenere sotto controllo i sintomi ansiosi come la tachicardia..

Assumere i farmaci

Prima di assumere un farmaco per un qualsiasi disturbo d’ansia è necessario:

  1. Chiedere al proprio medico quali sono gli effetti e gli effetti collaterali del farmaco.
  2. Comunicare al medico quali terapie alternative state seguendo e quali altri farmaci (anche senza ricetta) state assumendo.
  3. Chiedere al medico quando e in che modo dovrete interrompere la terapia. Alcuni farmaci non possono essere interrotti bruscamente, ma il dosaggio deve essere diminuito gradualmente sotto la costante supervisione del proprio medico.
  4. Decidere insieme al medico quale farmaco fa al caso vostro e qual è il dosaggio più adatto.
  5. Ricordare che alcuni farmaci sono efficaci solo se assunti con regolarità e che i sintomi potrebbero ripresentarsi se smetterete di assumerli.

Psicoterapia

La psicoterapia consiste in colloqui con uno specialista di salute mentale (di norma psichiatra o psicologo), volti a scoprire le cause del disturbo d’ansia e i modi migliori per affrontare i sintomi.

Terapia cognitivo-comportamentale

La terapia cognitivo-comportamentale (TCC) è molto efficace per curare i disturbi d’ansia. L’approccio cognitivo aiuta il paziente a cambiare gli schemi di pensiero che stanno alla base delle sue paure, mentre l’approccio comportamentale modifica il modo di reagire alle situazioni che scatenano l’ansia.

Ad esempio la TCC può aiutare i pazienti affetti da disturbo da attacchi di panico a rendersi conto che gli attacchi in realtà non sono attacchi di cuore e i pazienti affetti da fobia sociale a superare il pensiero che gli altri stiano sempre con gli occhi puntati su di loro, pronti a giudicarli.

Quando il paziente è in grado di affrontare le sue paure gli viene insegnato come usare particolari tecniche di esposizione che lo desensibilizzeranno nelle situazioni che scatenano l’ansia.

Alle persone affette da disturbo ossessivo-compulsivo che hanno paura dello sporco e dei germi viene consigliato di tenere le mani sporche e attendere sempre più tempo tra un lavaggio e l’altro. Il terapeuta aiuta il paziente a lottare contro l’ansia che l’attesa del lavaggio produce: dopo molte ripetizioni dell’esercizio, l’ansia diminuirà.

Le persone affette da fobia sociale possono essere incoraggiate a passare del tempo in contesti sociali che le impauriscono senza cedere alla tentazione di fuggire e a commettere piccoli errori per osservare le reazioni degli altri. La reazione degli altri di solito è molto meno grave di quella temuta dal paziente e questo contribuisce alla diminuzione dell’ansia.

Le persone affette da disturbo post-traumatico da stress possono essere aiutate riproducendo o ricordando l’evento traumatico in un contesto sicuro, contribuendo così alla diminuzione della paura. I terapeuti insegnano anche tecniche di respirazione e altri tipi di esercizio in grado di alleviare l’ansia e favorire il rilassamento.

La terapia comportamentale basata sull’esposizione è stata usata per molti anni per curare le fobie specifiche. Il paziente viene gradualmente messo a contatto con l’oggetto o la situazione che scatena l’ansia, magari in un primo tempo con immagini o registrazioni e solo in un secondo momento direttamente. In molti casi il terapeuta accompagnerà il paziente durante l’esposizione, aiutandolo e guidandolo.

La TCC si può iniziare solo quando il paziente si sente pronto, e solo con il suo permesso e la sua cooperazione. Per essere efficace la terapia deve essere mirata alle ansie specifiche del paziente e deve essere costruita su misura sulle sue necessità. Non ci sono effetti collaterali, tranne il lieve disagio dovuto all’aumento temporaneo dell’ansia.

La TCC o terapia comportamentale in molti casi ha una durata di 12 settimane. Le sedute possono essere individuali oppure condividse da un gruppo di pazienti con problemi simili. La terapia di gruppo è particolarmente efficace nel caso di fobia sociale. Spesso ai partecipanti vengono assegnati dei compiti da completare tra una seduta e l’altra.

Alcune ricerche dimostrano che i benefici della TCC hanno una maggiore durata rispetto a quelli della terapia farmacologica, almeno nel caso dei pazienti affetti da disturbo da attacchi di panico; le stesse conclusioni potrebbero valere anche per il disturbo ossessivo-compulsivo, per il disturbo post-traumatico da stress e per la fobia sociale. Se il disturbo si ripresenta in una fase successiva della vita, è possibile usare di nuovo la stessa terapia per sconfiggerlo nuovamente.

Per i disturbi d’ansia specifici, la terapia farmacologica può essere combinata con la psicoterapia: si tratta dell’approccio più efficace per molti pazienti.

A chi chiedere aiuto

Se pensate di soffrire di un disturbo d’ansia la prima persona a cui chiedere aiuto è il vostro medico di famiglia. Il medico può scoprire se i sintomi che vi spaventano siano dovuti a un disturbo d’ansia, a un’altra patologia oppure a entrambi i fattori.

Se la diagnosi è di attacchi d’ansia il passo successivo di solito è la visita presso uno specialista di salute mentale.

È importante sentirsi a proprio agio quando parlate con lo specialista che avete scelto, se non lo siete dovreste cercare qualcun altro che vi aiuti. Una volta che si è instaurato un clima di fiducia è indispensabile fare gioco di squadra con lui ed elaborare insieme una terapia per curare il disturbo d’ansia.

Ricordate che, una volta iniziata la terapia, è importante non smettere di assumere i farmaci da un giorno all’altro. Il dosaggio di alcuni farmaci deve essere diminuito solo sotto controllo medico, altrimenti potrebbero verificarsi effetti collaterali da sospensione. Ricordatevi di informare il medico che vi ha prescritto il farmaco prima di interrompere la terapia. Se gli effetti collaterali vi danno problemi, è possibile eliminarli adeguando il dosaggio del farmaco oppure gli orari o la frequenza a cui lo assumete.

La maggior parte delle terapie farmacologiche contro i disturbi d’ansia è mutuabile. Chiedete comunque consiglio al vostro medico o al farmacista. Per quanto riguarda la psicoterapia potete rivolgervi a uno specialista che lavora privatamente oppure presso una struttura pubblica.

Aumentare l’efficacia della terapia

Molti pazienti che soffrono di disturbi d’ansia riescono a guarire più facilmente se partecipano a un gruppo di aiuto o supporto, condividendo i propri problemi e anche i risultati raggiunti con altre persone. Da questo punto di vista anche le chat su Internet possono essere utili, ma ricordiamo che qualsiasi consiglio ricevuto in rete dovrebbe essere verificato con attenzione, perché provenienti da sconosciuti.

Parlare con un amico fidato o con un religioso può rivelarsi prezioso, ma non può sostituire l’aiuto fornito da uno specialista di salute mentale.

Le tecniche di gestione dello stress e di meditazione possono aiutare le persone affette da disturbi ansiosi a calmarsi e possono rendere la terapia ancora più efficace.

Alcune ricerche, per ora solo preliminari, dimostrano che l’esercizio aerobico potrebbe avere un effetto calmante.

È inoltre necessario evitare la caffeina, alcune droghe e persino alcuni farmaci antinfluenzali da banco, perché potrebbero aggravare i sintomi dei disturbi d’ansia.

Durante la terapia, prima di assumere qualsiasi farmaco aggiuntivo, è necessario chiedere il parere del proprio medico o di un farmacista.

La famiglia è essenziale nel percorso di guarigione del paziente affetto da disturbi d’ansia. Idealmente, la famiglia dovrebbe sostenere il paziente, ma non lasciare che i suoi sintomi si incancreniscano. I famigliari non dovrebbero sottovalutare il disturbo, né pretendere che avvengano miglioramenti senza alcuna terapia. Se i vostri famigliari si comportano già così, potreste far leggere loro quest’articolo: li educherete a diventare vostri alleati e vi aiuteranno a guarire presto e bene.

Stile di vita e dieta

Alimentazione

Affrontare l’ansia non è sempre facile e fare attenzione a ciò che si mangia è importante per farvi sentire meglio.

Anche se i disturbi d’ansia non si possono curare con il cibo, una dieta equilibrata o il fatto di limitare o evitare alcuni cibi può aiutare a sentirsi meglio e a migliorare il proprio stato d’animo. Può anche aiutare a mantenere un livello costante di energia per tutto il giorno.

Provate a seguire questi suggerimenti:

  1. Mangiare pasti non abbondanti, ma frequenti. Ciò contribuirà a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue per tutta la giornata.
  2. Aumentare il consumo di carboidrati (amidi). I pasti e gli snack ricchi di carboidrati portano ad aumentare la quantità di serotonina nel cervello, che ha un effetto calmante. Preferite i cibi ricchi di carboidrati complessi (come i cereali integrali), e cercate di mangiare meno carboidrati semplici (zuccheri).
  3. Bere molta acqua. Una disidratazione anche lieve può influenzare l’umore.
  4. Limitare o evitare l’alcol. L’effetto immediato dell’alcol può essere tranquillizzante per la maggior parte delle persone, ma nel momento in cui l’alcol viene metabolizzato dall’organismo può causare sintomi simili all’ansia.
  5. Limitare o evitare la caffeina. La caffeina è uno stimolante in grado di farvi sentire agitati e nervosi e può interferire con il sonno.
  6. Prestare attenzione alla sensibilità alimentare. In alcune persone, alcuni cibi o additivi alimentari possono causare reazioni avverse, anche di umore , che possono portare a irritabilità o ansia. Gli alimenti che comunemente causano reazioni sono: grano, mais, soia, latte, uova, noci e frutti di mare.
  7. Mangiare alcuni alimenti che contengono triptofano. Il triptofano aiuta il cervello a produrre sostanze chimiche che migliorano l’umore e hanno un effetto rilassante. Latte, banane, avena, soia, pollame, formaggi, noci, burro di arachidi e semi di sesamo sono una buona fonte di triptofano.

Attività fisica

Gli effetti positivi di una vita attiva, basata su una regolare pratica di attività fisica, sono ormai assodati da tempo in termini di prevenzione cardiovascolare, ma ciò che molti pazienti ignorano o sottovalutano è l’impatto che possono avere anche nella gestione di disturbi psicologici come depressione a ansia, attacchi di panico compresi.

L’esercizio fisico è essenziale per mantenere in forma il cuore, ma è in grado di ridurre lo stress e gli studi dimostrano la sua efficacia anche in termini di vigilanza, concentrazione e memoria.

I meccanismi sottesi ai benefici psicologici sono essenzialmente due:

  • durante lo sforzo fisico l’organismo produce molecole chiamate endorfine, sostanze chimiche agiscono nel cervello come antidolorifici naturali, migliorando al contempo la qualità del sonno;
  • la pratica sportiva permette di distarsi dalle preoccupazioni e dai pensieri che affliggono costantemente il soggetto ansioso.

La ricerca ha dimostrato che una costante attività aerobica (come correre, nuotare, camminare a passo svelto, …) è in grado di:

  • diminuire i livelli di tensione,
  • aumentare e stabilizzare l’umore,
  • migliorare il sonno,
  • incrementare l’autostima.

D’altra parte, come tutte le forme di terapia, l’effetto reale può variare:

  • alcuni pazienti possono rispondere positivamente,
  • altri potrebbero trovare benefici minimi,
  • alcuni potrebbero infine sperimentare solo un modesto beneficio a breve termine.

Se pensiamo ai grandi vantaggi in termini di prevenzione verso infarti e ictus è tuttavia chiaro come l’attività fisica sia comunque consigliabile a tutti i pazienti, salvo eccezioni da valutare con il proprio medico; alcuni lavori recenti hanno infine dimostrato che anche gli sporti di resistenza (come il sollevamento pesi), non solo quelli aerobici, possono fornire un concreto supporto al paziente colpito da attacchi di panico.

Fonte principale: NIH (adattamento a cura di Elisa Bruno)

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    Buona sera dotore ! Sono una ragaza rumena che lavoro come badante 24 su 24 , e da un puo di tempo nu stau tantto bene o la anzia e una tensione indietro al colo e una testa sempre pezante e dormo pochisimo vi prego di dirmi cosa devo prendere per tranquilizarmi ! Vi ringrazio buona serata !

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, è probabile che abbia accumulato dello stress e che necessiti di un pò di riposo. Cerchi di riposare un numero di ore sufficienti la notte, può anche assumere con qualche prodotto come valeriana o melatonina per aiutarsi. saluti

    2. Anonimo

      Grazie mille dottore ! Ma la melatonina come lo devo prendere?

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Alla sera, 15-30 minuti prima di coricarsi.

  2. Anonimo

    Salve dottore sofro dansi da tre anni uso entact 20mg ne prendo circ tre pillole al giorno …volevo sapere se continuando così. Questo farmaco può causarmi problemi nella testa o fisicamente

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Cosa intende per “circa” tre pillole al giorno? Perchè “circa”?

    2. Anonimo

      La ringrazio.. qndi anke qst disturbi di gastrite mal di pancia fanno parte Dell ansia smx??

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, l’ansia si può manifestare o può comunque aumentare i disturbi digestivi, ma ovviamente è un aspetto che va valutato a parte. saluti

  3. Anonimo

    Salve, dottore e da 2 anni k convivo con ansia attacchi di panico cefalea, nausea respiro affannoso.. sto facendo della psicoterapia ma non vedo tanti risultati.. sn andato da un psichiatra e mi ha prescritto mezza compressa di sereupin al gg xò ho paura di prenderla.. che ne Pensa?

    1. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, i farmaci possono essere di grande aiuto specie nelle fasi iniziali e più acute, oltre alla psicoterapia ovviamente, per cui lo assuma come prescritto e vedrà che ne gioverà.

    2. Anonimo

      Salve dottoressa ho paura di prendere qst antidepressivi xk posso gonfiare o impazzire.. k effetto danno? Mi sconsiglia se prenderli o no?? La ringrazio! !

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Li assuma con fiducia, entro 2-3 settimane vedrà che inizierà a sentirsi meglio senza andare incontro a particolari effetti collaterali.

    4. Anonimo

      Ma nn fanno gonfiare? Ho sentito in vari forum di ragazzi i primi gg k li prendi devi stare attento xk porta a fare cose brutte anke al suicidio.. ma mi sembra strano xò.. aspetto vostre risposte grazie

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Si fida più di testimonianze lette in Rete o del suo medico? 😉

    6. Anonimo

      Il psichiatra una volta solo lo incontrato e mi ha prescritto qst sereupin .. qndi nn so se fidarmi.. ho paura di prenderli.. xk mi hanno detto k se la dose nn fa nt si va sempre ad aumentare.. aspetto risposte

    7. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      No non è vero in assoluto questo, non sono farmaci che creano per forza dipendenza, se la terapia non funziona può essere cambiata con altri farmaci, non per forza aumentando il dosaggio.

    8. Anonimo

      La prossima settimana andrò da un psichiatra vi farò sapere cosa mi dice!

    9. Anonimo

      E da 3 volte k mi metto per partire per la Svizzera e appena arriva il giorno nn c’è la faccio ho paura k mi sento male.. mi aiuterà andare dal psichiatra?

    10. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Sì, certamente, abbia fiducia.

    11. Anonimo

      La ringrazio dottoressa.. un ultima cosa anke mio padre e mia mamma hanno paura a farmeli prendere..

    12. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Li assuma con fiducia, se prescritti è perchè i vantaggi superano di gran lunga i (pochi) rischi.

    13. Anonimo

      Grazie vi farò sapere..

    14. Anonimo

      Un’ultima cosa ma è vero e assumendo qst antidepressivi per i primi gg i sintomi aumentano e si sente stordito aspetto rx

    15. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Improbabile, mentre è vero che possono servire fino a 2-4 settimane per iniziare a sentire i primi benefici.

    16. Anonimo

      Salve gg ho fatto l’altra seduta di psicoterapia e il psicologo mi ha detto k nn c’è bisogno di prendere farmaci.. aspetto rx

    17. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Io sono sempre del parere che alla base ci deve essere una buona psicoterapia, i farmaci possono aiutare in determinate situazioni, ma non sono sempre necessari, per cui continui col percorso intrapreso seguendo le indicazioni dello specialista.

    18. Anonimo

      Ma con la psicoterapia può passare la paura la cefalea ecc i farmaci nn sarebbero meglio??

    19. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Impossibile generalizzare, ogni caso è a sé.

    20. Anonimo

      Salve mi sono deciso di andare dallo psichiatra mi ha prescritto mezza compressa di sereupin al gg x 15 gg? Che ne dite

    21. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Bene, seguirei la terapia prescritta.

    22. Anonimo

      Ma si sta davvero male i primi giorni?

    23. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      No, semplicemente il farmaco potrebbe non fare ancora effetto, ma non starà peggio di prima.

    24. Anonimo

      E poi si andrà sempre ad aumentare se non fa effetto ed è qll k nn vorrei fare oppure cambiare farmaco…

    25. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Dalla 3-4a settimana inizierà a fare effetto in modo pieno e comincerà a stare meglio.

    26. Anonimo

      Posso prenderli sicuro sono un ragazzo di 24 anni nn posso rovinarmi la vita con qst antidepressivi

    27. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Segua fiduciosamente la terapia prescritta, queste sono situazioni delicate che devono essere trattate quanto prima e idoneamente, per evitare peggioramenti del quadro clinico.

    28. Anonimo

      Ho paura di prenderli

    29. Anonimo

      Rispondete

    30. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo non c’è molto da aggiungere, deve sforzarsi di avere fiducia nel medico e i risultati arriveranno.

    31. Anonimo

      Facendo qst cura adesso secondo lei posso partire per metà gennaio per la Germania per lavoro?

    32. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      È possibile, ma ogni caso è a sé ed è difficile fare previsioni.

    33. Anonimo

      L’indecisione fa parte anche di qst problema?

    34. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì.

    35. Anonimo

      Sto x convincermi xl con qst mal di pancia nn c’è la faccio più. . Penso k mezza compressa di sereupin nn si può morire

    36. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Certamente no, è davvero molto usato.

    37. Anonimo

      Un ultima cosa appena inizio a prenderlo cosa può succedermi?

    38. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Niente di che, piano piano si sentirà meglio, ma ci vorrà un poco di tempo affinché il farmaco faccio effetto in modo notevole.

    39. Anonimo

      Ho paura di prenderli ma xk? Non c’è la faccio

    40. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Ha paura perchè spesso si sentono tante troppe notizie improprie sulla depressione e sui farmaci antidepressivi; ma sono disturbi molto comuni che necessitano di una cura come qualsiasi altra malattia, e i farmaci come il suo sono usati da moltissime persone senza nessun tipo di problema riuscendo a migliorare la loro qualità di vita. Per cui se vuole realmente provare a stare meglio provi a prendere il farmaco suggerito. saluti

    41. Anonimo

      Ma assumendorli possono mettermi paranoie di più?

    42. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      No.

    43. Anonimo

      Quindi non fanno perdere la testa e ne fanno impazzire qst antidepressivo?

    44. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Nella mia esperienza ritengo che se anche i medici continuassero a risponderle, si finirebbe per peggiorare ansie e paure. Rassicurarla, oltre una certa soglia, significa far aumentare i dubbi, perchè non si potranno mai fornire le “certezze” che chiede e, paradossalmente, risposte dettagliate sarebbero causa di nuove domande.

      Mi dispiace davvero, ma ritengo quindi che sia nel suo interesse farci da parte.

    45. Anonimo

      Va bene allora farò la cura

  4. Anonimo

    Sono piu mesi che soffro di attacchi di panico ho sempre un dolore al petto nn dormo bene la notte durante la giornata mi capita spesso di avere smania e forti mal di testa sto incominciando ad avere paura sul serio sulla mia vita poi ho respiro corto brividi di freddo ho paura.che mi venga un infarto ma da premettere che ogni volta poi sto.meglio durante.la notte come.posso trovare una soluzzione aiutamtemi per.favote

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il medico ha escluso problemi organici e diagnosticato ansia?

    2. Anonimo

      Salve a gennaio o avuto secondo i medici una crisi di ansia tutto e iniziato con tachicardia senso di svenimento poi dopo al pronrosoccorso la cosa peggiora e si chiudono le mani e comincio a tremare tutto poi passa e ogni tanto mi viene dinuovo poi per un Po di tempo niente e ora di nuovo poi si è messo un dolore leggero allo stomaco e sotto la costola destra e dolori al petto o fatto molti controlli cardiologici e sembra tutto buono tranne che ora sento fitte al cuore il cardiologo a detto che sono extrasistole ed è tutto normale ogni giorno ora sto sempre con la paura che mi stia per succedere qualcosa mi potet aiutarr

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Farei il punto con il medico curante, se venisse confermata l’assenza di problemi organici valuterei di affrontare l’ansia (farmaci e/o psicoterapia).

  5. Anonimo

    Salve da 4anni sono menopausa soffro di ansia ,sento pressione al petto ,il cuore betteveloce ..se io lo ascolto perde un battito,ho qualcosa al cuore ?mio mdico dice ansia…ma non so…dura un po..ma sento sempre questo fastidio al petto..mi manca l’aria. …la notte niente ma quando metto piedi a terra ricominciamo.

    1. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, se è un disturbo che persiste da tanto e soprattutto il medico non ha riscontrato nulla di allarmante non mi preoccuperei, sono sintomi che possono essere facilmente causati dall’ansia.

    2. Anonimo

      Ho fatto eletroradiogramma tutto ok 2015.2 mesi fa analisi sangue tutto ok.tiroide.ok prendo alprazolam 1 mattina metà sera….grazie di avermi risposto

  6. Anonimo

    Buongiorno,
    Soffro di disturbi di ansia negli ultimi mesi e sto cercando di farmi seguire da uno psicologo per curare la cosa, ma spesso senza reale motivo mi attaca l ansia e non riesco a pensare e mi batte il cuore e sudo e non vedo bene le cause anche se so che il motivo e` perche pretendo sempre il massimo da me su ogni singola cosa.
    vorrei prendere per un breve periodo qualcosa che mi dia il tasto reset per avere forza di affrontare questa cosa bene senza essere agitato. Posso prendere il bromazepam tre volte al giorno per 20 giorni senza rischi di dipendenza? ho 30 anni e peso 80 kg.
    Grazie mille

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi dispiace, ma non posso avallare farmaci; ne parli con fiducia al medico, troverà sicuramente il farmaco più adatto al suo caso (bromazepam o altro).

    2. Anonimo

      Grazie, lo farô.
      Per avere un secondo parere. La dipendenza da questi farmaci si sviluppa su periodi lunghi oltre il mese o anche per periodi piu brevi?
      Grazie mille

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Dipende dalle dosi, dalla sostanza, dal paziente, dalla frequenza di somministrazione, …

    4. Anonimo

      Il dottore mi aveva parlato di bromazepam gocce
      5 al mattino 5 prima di pranzo e 20 prima di coricarmi
      Per 10 giorni e poi a scalare.
      Io ancora non ho iniziato perche ho paura di sviluppare una dipendenza dopo e non stare bene se non lo assumo (30 anni, 80kg).
      E` possibile?
      Grazie mille e scusi se la sto disturbando

    5. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, mi sembrano dosaggi bassi e limitati ad un breve periodo di tempo, non c’è motivo di pensare che possa sviluppare problemi di dipendenza importanti. Saluti

  7. Anonimo

    Salve dottore vi volevo chiedere un’informazione sto prendendo entact da 10 mesi 12 gocce al mattino dopo colazione ho parlato con il farmacista dell’erboristeria e mi ha dato altre gocce biancospino possono andare bene?secondo voi?ha detto che le posso abbinare la sera 20 gocce e va bene anche per la pressione è vero?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Non ci sono interazioni.
      2. Sono utili alla pressione soprattutto se questa risente dell’ansia e dell’agitazione.

  8. Anonimo

    ok dottore la ringrazio mi ha detto il farmacista di prenderne 20 gocce mi sono dimenticato di chiedere se prima o dopo i pasti?la sera dopo cena o prima di cenare

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Magari le prenda prima di andare a dormire.

  9. Anonimo

    Salve dottore,ormai sono anni che ho perso la padronanza della guida dell auto specie di sera,non so se chiamarla ansia o panico,quando raggiungo l’apice del problema le braccia si irrigidiscono,Cerco di stare tranquillo ma non ci riesco,vorrei guidare come ero un tempo

    1. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Ne ha parlato col medico? c’è stato un episodio come possibile causa scatenante di questa situazione? potrebbe parlarne con uno psicologo per farsi aiutare.

  10. Anonimo

    Meglio i farmaci o la psicoterapia per gli attacchi di panico?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A mio avviso non esiste una risposta univoca, ogni paziente è un caso a sé e in certi casi è una sapiente combinazione dei due approcci a dare i risultati migliori.

    2. Anonimo

      Non sono medico, ma mi permetto di suggerirti la psicoterapia cognitivo comportamentale. Con me è l’unico approccio che ha funzionato (e ho poi avuto modo di approfondire da profano, scoprendo che è uno dei pochi o forse l’unico approccio psicologico con basi scientifiche verificabili).