Aderenze intestinali e addominali: sintomi e rimedi

Ultima modifica 08.09.2020

Cosa sono le aderenze?

Le aderenze addominali (intestinali, pelviche, …) sono zone di adesione che si formano tra i tessuti e gli organi presenti nell’addome; se normalmente tessuti e organi interni sono caratterizzati da una superficie scivolosa, che permette loro di muoversi facilmente seguendo i movimenti del corpo, con la presenza di aderenze s’incollano tra loro e viene così meno lo scorrimento delle reciproche superfici.

Di solito le aderenze non provocano sintomi né problemi, ma in alcuni pazienti possono causare dolore addominale o pelvico cronico; le aderenze inoltre sono una delle cause principali delle ostruzioni intestinali e dell’infertilità femminile.

Donna che si tocca la regione addominale a causa di dolore da aderenze

iStock.com/elenaleonova

La cavità addominale

La cavità addominale è l’area interna del corpo compresa tra petto e anche, che contiene tra l’altro:

  • la parte inferiore dell’esofago,
  • stomaco,
  • intestino.

L’esofago è il canale in grado di portare cibo e liquidi dalla bocca allo stomaco, da cui più lentamente verranno trasferiti verso l’intestino per terminare l’assorbimento delle sostanze nutritive, prima di espellere i residui con le feci.

La pelvi

La regione pelvica è quella parte del corpo compresa tra l’addome e gli arti inferiori; comprende tra l’altro

  • vescica,
  • parte terminale dell’intestino (fine del colon e retto),
  • apparato riproduttore,
    • nella donna l’utero, le tube, le ovaie e la vagina,
    • nell’uomo la prostata, i dotti deferenti e le vescichette seminali.

Cause

La causa più frequente delle aderenze addominali sono gli interventi chirurgici:

Il rischio di sviluppo di adesioni è maggiore in seguito ad interventi sulla parte bassa dell’addome e sulla zona pelvica (ad esempio gli interventi all’intestino e quelli ginecologici); con l’andare del tempo le aderenze possono ingrandirsi e indurirsi, causando problemi anche ad anni di distanza dall’operazione.

Tra le cause chirurgiche delle aderenze addominali ricordiamo:

  • incisioni dei tessuti, soprattutto quelli degli organi interni,
  • manipolazione degli organi interni,
  • asciugamento dei tessuti e degli organi interni,
  • contatto dei tessuti interni con corpi estranei, come garze, guanti chirurgici e punti di sutura,
  • sangue o coaguli non perfettamente puliti durante l’intervento.

Tra le cause meno frequenti delle aderenze addominali ricordiamo l’infiammazione dovuta a cause non collegate all’intervento chirurgico; ad esempio:

  • appendicite, e in particolare rottura dell’appendice,
  • radioterapia,
  • infezioni ginecologiche,
  • infezioni addominali.

In rari casi le aderenze addominali si formano infine senza un motivo apparente.

Sintomi

Nella maggior parte dei casi le aderenze addominali sono asintomatiche.

Quando causano fastidi il sintomo più frequente è il dolore addominale o pelvico cronico, che spesso assomiglia a quello provocato da altri disturbi come l’appendicite, l’endometriosi e la diverticolite, ossia una sensazione intermittente sotto forma di fastidiosi crampi.

In altri pazienti le aderenze danno segno di sé anche attraverso un peggioramento dei sintomi del colon irritabile o in forma di dolori durante i rapporti sessuali.

Nei casi più gravi, in presenza di adesioni che causano ostruzioni importanti, possono comparire:

Pericoli

Aderenze addominali e ostruzioni intestinali

Le aderenze intestinali possono spostare l’intestino e/o causare torsioni in grado di determinare un’ostruzione intestinale. L’ostruzione intestinale impedisce completamente o parzialmente il movimento degli alimenti o delle feci nell’intestino, è una situazione pericolosissima per la quale è necessario ricorrere immediatamente al medico e spesso anche all’intervento chirurgico.

Tra i sintomi dell’ostruzione intestinale ricordiamo:

  • dolore o crampi addominali severi,
  • vomito,
  • sensazione di gonfiore o di “aria ferma” nella pancia,
  • pancia che brontola,
  • gonfiore addominale,
  • stitichezza.

Chi soffre di questi sintomi dovrebbe rivolgersi immediatamente al medico o al Pronto Soccorso.

Aderenze e infertilità femminile

Le aderenze intestinali possono essere causa di infertilità femminile se impediscono agli ovuli fecondati di raggiungere l’utero, dove dovrebbe svilupparsi il feto. Le aderenze possono far torcere o spostare le tube (i tubicini che permettono il passaggio degli ovuli dall’ovaio, dove vengono conservati, all’utero).

Diagnosi

Per diagnosticare le aderenze purtroppo non esiste alcun esame specifico: le aderenze, infatti, non possono essere diagnosticate con gli esami tradizionali come le radiografie o le ecografie.

Nella maggior parte dei casi vengono scoperte durante nuovi interventi chirurgici; fanno eccezione le ostruzioni intestinali, che possono invece essere diagnosticate con radiografia e/o tomografia computerizzata.

Come curare ed eliminare le aderenze

La maggior parte delle aderenze addominali non causa alcun problema e quindi non richiede terapia.

L’intervento chirurgico attualmente è l’unico modo per eliminare le aderenze che provocano dolore, ostruzioni intestinali o problemi di fertilità, però fa aumentare il rischio di formazione di ulteriori nuove aderenze e quindi dovrebbe essere evitato a meno di assoluta necessità.

Per l’ostruzione intestinale completa normalmente è necessario un intervento chirurgico d’urgenza; l’ostruzione parziale, in alcuni casi, può essere affrontata ricorrendo ad una dieta liquida o comunque molto povera di scorie. La dieta povera di scorie è povera di latte e derivati e fibre, composta quindi principalmente da alimenti facilmente digeribili.

Prevenzione

È molto difficile prevenire le aderenze addominali, tuttavia alcune precauzioni permettono di minimizzare il rischio.

Scegliere quando possibile interventi minimamente invasivi:

  • La laparoscopia è una tecnica chirurgica che evita di praticare incisioni vistose sull’addome, l’addome viene gonfiato con un gas, mentre gli strumenti chirurgici e la videocamera vengono inseriti attraverso alcune piccole incisioni. Il gas serve per gonfiare l’addome e per aumentare lo spazio di manovra del chirurgo.
  • Se invece si deve forzatamente procedere con un intervento tradizionale (a cielo aperto), alla fine dell’operazione può essere inserita dal chirurgo una sorta di pellicola tra gli organi oppure tra gli organi interni e l’incisione addominale. La pellicola, simile alla carta oleata, verrà riassorbita dall’organismo nel giro di una settimana, ma nel frattempo manterrà idratati gli organi prevenendo la formazione di aderenze.

Per diminuire il rischio di aderenze durante gli interventi chirurgici è inoltre possibile:

  • usare guanti senza amido né lattice,
  • maneggiare con prudenza i tessuti e gli organi,
  • diminuire la durata dell’intervento,
  • non permettere ai tessuti di disseccarsi, eventualmente ricorrendo ad esempio all’idratazione con soluzione salina.

Non si conoscono influenze della dieta in ottica di prevenzione, mentre in caso di ostruzione (parziale o totale) il medico suggerirà una dieta a basso tenore di fibra o, nei casi più gravi, una dieta liquida.

Fonti e bibliografia

Domande e risposte

Cosa sono le aderenze?
Le aderenze addominali sono fasce di tessuto che si formano all'interno dell'addome e che causano un'adesione fra due organi normalmente in grado di scivolare uno sull'altro per assecondare i necessari movimenti.
Quali sintomi causano?
Generalmente le aderenze addominali non causano alcun problema, ma in alcuni possono causare dolore o problemi ancora più seri, come ostruzioni intestinali ed infertilità.
Quale esame fare per vedere le aderenze addominali?
Purtroppo non esiste alcun esame in grado di evidenziarne la presenza, salvo in presenza di ostruzione intestinale; in alcuni casi selezionati è possibile ricorrere ad un intervento di laparoscopia diagnostica per osservare direttamente l'interno dell'addome o dell'area pelvica.
Come curare/eliminare le aderenze?
Aderenze che non causano disturbi non necessitano di alcun trattamento, mentre in caso di sintomi severi non ci sono alternative alla chirurgia.

Articoli Correlati