Ibuprofene (Moment®, Brufen®, …): uso ed effetti collaterali

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 11 novembre 2018

Introduzione

L’ibuprofene è un principio attivo che appartiene alla famiglia dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

Il farmaco è dotato di proprietà

  • antidolorifiche,
  • antinfiammatorie
  • e antipiretiche (è cioè in grado di abbassare la febbre).

Questa classe di farmaci rappresenta la categoria di più largo impiego nel trattamento delle malattie reumatiche e dei dolori in genere, essendo ampiamente presente anche nel mercato dei farmaci da banco (automedicazione).

Tra i medicinali più conosciuti contenenti ibuprofene ricordiamo per esempio:

  • OTC (senza ricetta): Moment®, Moment-Act®, Nurofen®, Antalgil®, Buscofen®, Spididol®, …
  • Fascia A/C (con ricetta): Brufen®, Spidifen®, …

oltre a numerosi sciroppi per i bambini, in quanto il farmaco rappresenta un’ottima alternativa al paracetamolo (Tachipirina®):

  • Nurofen®, Moment Kid®, Antalfebal®, …

Sono infine disponibili ulteriori formulazioni (compresse effervescenti, cerotti antidolorifici, …), ma si tratta di farmaci di utilizzo meno comune.

Essendo un farmaco di cui è già scaduto il brevetto è spesso possibile trovare equivalenti a prezzo inferiore rispetto alle formulazioni brand.

Fotografia di un blister di compresse di ibuprofene

iStock.com/breathtakinbluesky

A cosa serve

L’ibuprofene è un farmaco anti-infiammatorio non steroideo (FANS) di impiego comune, disponibile a seconda del dosaggio come farmaco da banco o in vendita su ricetta medica. È considerato uno dei FANS più sicuri ed è generalmente ben tollerato, anche se come tutti i farmaci può comunque causare alcuni effetti collaterali più o meno gravi.

Rispetto ad altri FANS mostra un rischio ridotto di alcuni effetti indesiderati come il sanguinamento gastroenterico; se a dosi basse non sembra associato ad un aumento del rischio di infarto miocardico, ad alte dosi lo potrebbe essere.

Può determinare un peggioramento dell’asma.

Come gli altri FANS funziona inibendo la sintesi delle prostaglandine, molecole simili al grasso r derivate dall’acido arachidonico, che sono coinvolte nella mediazione di

  • reazioni infiammatorie (gonfiore),
  • dolore,
  • febbre.

Questi effetti sulla sintesi delle prostaglandine sono ottenuti mediante l’inibizione della ciclossigenasi (COX), un enzima presente in vari tessuti del corpo.

L’ibuprofene viene tra l’altro prescritto per alleviare il dolore, la debolezza, il gonfiore e la rigidità conseguenti all’osteoartrite (artrite causata da lesioni del rivestimento articolare) e all’artrite reumatoide (artrite causata dal gonfiore del rivestimento articolare). Viene anche usato per alleviare dolori lievi o moderati, tra cui il dolore mestruale (dolore insorgente prima o durante il ciclo mestruale).

Come farmaco da banco l’ibuprofene viene impiegato a basse dosi per ridurre la febbre e per dolori di limitata entità, come

Se paragonato alla Tachipirina (paracetamolo), l’ibuprofene risulta superiore per efficacia sia in termini di controllo del dolore che della febbre, anche se probabilmente esponendo a qualche leggero rischio in più di effetti collaterali. (Fonti: Revisione Cochrane, Cleveland Clinic).

Dosi

La dose massima giornaliera è di 1800 mg, ripartiti in 3 o più somministrazioni, anche se in genere ci si limita a dosi inferiori; nel caso di farmaci da banco troviamo formulazioni in compresse o bustine da

  • 200 mg (Moment®, per esempio): 1-2 compresse/bustine, 2-3 volte al giorno.
  • 400 mg (Moment-Act®, BuscofenAct® 400, …): 1-3 compresse/bustine al giorno.

Nel caso di farmaci in fascia A/C (cioè che richiedono ricetta medica) ricordiamo per esempio:

  • 400 mg (Brufen® 400): 2-4 compresse al giorno, a giudizio del medico.
  • 600 mg (Brufen® 600): 1-3 compresse/bustine al giorno a giudizio del medico.
  • 800 mg (Brufen® 800): 2 compresse in una dose unica, alla sera, molto prima di coricarsi.

Nel caso dei bambini la dose viene suggerita dal pediatra e, alla luce del fatto che esistono formulazioni a diversa concentrazione (100mg/5 ml e 200 mgl/ml) si preferisce non riportare alcun esempio di seguito.

Si raccomanda l’assunzione a stomaco pieno, per ridurre il rischio di effetti collaterali a carico dello stomaco (fa eccezione, quando suggerito dal medico, l’uso per il mal di testa, che beneficia maggiormente di un assorbimento che sia il più rapido possibile all’insorgere dei primi sintomi).

Cosa fare se si dimentica di assumere una dose?

Se il trattamento richiede l’assunzione regolare di ibuprofene, prendere la dose saltata appena viene in mente. Se tuttavia è quasi l’ora della dose successiva, non assumere la dose saltata e riprendere il proprio schema terapeutico abituale. Non assumere una dose doppia per compensare quella saltata.

Il farmaco andrebbe sempre preferibilmente assunto a stomaco pieno.

Farmaci e alimenti da evitare

Consultare il medico o il farmacista prima dell’uso di qualunque altro farmaco, inclusi quelli da banco, vitamine e prodotti a base di estratti fitoterapici (vegetali e naturali in genere).

Alcuni farmaci possono interagire con il funzionamento dell’ibuprofene. In particolare riferire al medico l’eventuale assunzione di

  • litio,
  • metotrexate,
  • anticoagulanti (warfarin) ed antiaggreganti (acido acetilsalicilico),
  • cortisonici,
  • diuretici,
  • farmaci anti-ipertensivi ACE-inibitori.

Non usare contemporaneamente nessun altro FANS senza l’esplicito consenso del medico. Esempi di altri FANS sono l’aspirina, il diclofenac, il naproxene,…

Non bere alcolici durante i periodi di assunzione del farmaco, perchè in grado di aumentare il rischio di effetti a carico dello stomaco.

Controindicazioni

Questo farmaco non è adatto a tutti. Non usarlo se in passato si hanno avuto reazioni allergiche a farmaci a base della stessa sostanza e valutare con il medico l’assunzione nel caso di allergie all’aspirina o a un altro FANS; non assumerlo immediatamente prima o dopo interventi di chirurgia cardiaca.

Avvertire il medico se in gravidanza o se si sta allattando al seno. Il farmaco non va usato in gravidanza.

Avvertire il medico se affetti da malattie renali, epatiche, asma, lupus o altra simile malattia del connettivo, o se si è sofferto di ulcere o altri problemi digestivi. Informare il medico se fumatori, portatori di problemi cardiaci o circolatori, come l’ipertensione arteriosa o l’insufficienza cardiaca, o problemi di sanguinamento.

Possibili effetti collaterali

Il farmaco è generalmente ben tollerato, ma all’aumentare delle dosi può aumentare il rischio di effetti collaterali; gli effetti indesiderati osservati sono generalmente comuni agli altri analgesici, antipiretici, antinfiammatori non-steroidei.

Reazione allergica

L’ibuprofene può causare gravi reazioni allergiche, specie in soggetti allergici all’aspirina. I sintomi possono includere:

  • orticaria,
  • gonfiore della faccia,
  • asma (sibili),
  • shock,
  • rossore della pelle,
  • eruzione cutanea,
  • vescicole.

In presenza di una reazione allergica, sospendere il farmaco e ricorrere tempestivamente a un ausilio medico.

Stomaco

Le probabilità di manifestare gastrite o sanguinamento gastrico sono maggiori in soggetti che:

  • hanno 60 anni o più,
  • hanno una storia di ulcere gastriche o di problemi di sanguinamento,
  • assumono anticoagulanti (fluidificatori del sangue) o farmaci cortisonici,
  • assumono altri antinfiammatori,
  • consumano alcolici durante la terapia,
  • assumono il farmaco in quantità o per una durata maggiori di quanto prescritto.

Dopo somministrazione di Brufen® od altri farmaci con lo stesso principio attivo sono stati riportati:

Altri effetti collaterali

In associazione a trattamento con antinfiammatori sono stati riportati

Gli studi disponibili che l’uso di ibuprofene, specialmente ad alti dosaggi (2400 mg/die) e per trattamenti di lunga durata, può essere associato ad un modesto aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi (vedere paragrafo successivo).

Raramente ricordiamo che, tra gli altri, sono stati osservati

Avvertire il medico se compaiono effetti collaterali gravi che si pensa siano dovuti al farmaco.

Sospendere il farmaco e informare il medico se

  • ci si sente molto deboli, si vomita sangue o in presenza di feci sanguinolente o nere; sono segni di sanguinamento gastrico,
  • il dolore peggiora o dura più di 10 giorni,
  • la febbre peggiora o dura più di 3 giorni,
  • il dolore o fastidio gastrico peggiora o perdura,
  • l’area dolente presenta rossori o gonfiori,
  • compaiono nuovi sintomi.

Fertilità

Su PNAS è stata pubblicata una ricerca effettuata su 31 pazienti maschi volontari che avrebbe rilevato un potenziale calo della fertilità in caso di assunzione di dosi elevate (1200 mg al giorno). Le conclusioni dello studio mostrano un peggioramento reversibile, che tuttavia gli autori non escludono che possa diventare permanente in caso di assunzione cronica.

La ricerca ha destato grande attenzione da parte dei media perché l’antinfiammatorio è uno dei più usati al mondo, spesso in regime di automedicazione, ma al momento è a mio avviso prematuro trarre conclusioni definitive, sia per l’esiguo numero di partecipanti allo studio che per le conclusioni, di fatto travisate dalla maggior parte degli articoli pubblicati in rete.

Infarto e ictus

L’FDA (l’agenzia statunitense preposta al controllo di alimenti e farmaci) sta potenziando l’avvertenza esistente sul foglietto illustrativo, relativa al fatto che i FANS aumentano le probabilità di attacco cardiaco o ictus.

  1. Il rischio di attacco cardiaco o ictus può palesarsi fin dalle prime settimane di assunzione di un FANS. Il rischio può aumentare in funzione della durata del trattamento.
  2. Il rischio sembra maggiore a dosi più elevate.
  3. Dapprima, sembrava che tutti i FANS avessero un rischio similare. Da dati più recenti, sembra meno chiaro che tutti i FANS comportino rischi simili di attacco cardiaco o ictus; comunque, non ci sono dati sufficienti per stabilire che uno specifico FANS abbia rischi certamente maggiori o minori rispetto a un altro.
  4. I FANS possono aumentare il rischio di attacco cardiaco o ictus in pazienti con o senza cardiopatie o fattori di rischio per cardiopatie. A sostegno di tale ritrovamento, esiste un ampio numero di studi con stime variabili dell’incremento del rischio, dipendentemente dai farmaci e dalle dosi considerati.
    In generale, i pazienti con cardiopatie (o fattori di rischio per cardiopatie) hanno una maggior probabilità di subire un attacco cardiaco o un ictus dopo l’assunzione di FANS dei soggetti senza fattori di rischio, perché di base hanno un rischio più elevato.
  5. I soggetti trattati con i FANS dopo un primo attacco cardiaco avevano maggiori probabilità di morire nel corso del primo anno dopo l’attacco rispetto ai pazienti non trattati.
  6. L’uso di FANS comporta un rischio più elevato di insufficienza cardiaca.

I farmaci (Moment®, Moment Act®, Brufen®, …) e le dosi comunemente usate sono considerate ragionevolmente sicure per la maggior parte dei pazienti, ma si raccomando il parere del medico o del farmacista per qualsiasi dubbio in proposito.

In caso di emergenza/sovradosaggio

In caso di sovradosaggio, chiamare subito il centro antiveleni (02.66.10.10.29) più vicino. Nel caso ci sia collasso o arresto respiratorio, chiamare subito il pronto intervento medico (118).

I sintomi di sovradosaggio possono essere:

  • vertigini,
  • rapidi movimenti involontari degli occhi,
  • respiro lento o episodi di apnea (brevi periodi senza respirare),
  • colore bluastro intorno a labbra, bocca e naso (cianosi).

Conservazione e smaltimento

Conservare il farmaco nel suo contenitore originale, ben chiuso e fuori dalla portata dei bambini. Conservarlo a temperatura ambiente e lontano da fonti eccessive di calore e umidità (non in bagno). Gettare i farmaci scaduti o non più necessari negli appositi contenitori.

Fonti e bibliografia

Adattamento dall’inglese a cura della Dr.ssa Greppi Barbara, medico chirurgo

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    Buona sera,mi si sono infiammate le ghiandole sul collo,sia quelle sotto la mandibola che quelle ai lati del collo,il tutto accompagnato dal mal di gola. In attesa di andare dal medico lunedì, pensavo di assumere delle compresse di tachifene,cosa ne pensa?

    1. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Mi dispiace ma non possiamo avallare l’uso di farmaci, e senza una visita medica non assumerei nulla; se non ha modo di sentire il medico neanche per telefono si rivolga alla guardia medica.

    2. Anonimo

      Giusto,la ringrazio del consiglio.

  2. Anonimo

    Buena será sonó al terzo trimestre di gravidanza e ho presso soltanto 1 pastiglia di brufen cosa sucede a mio bambino ? Non sapevo che non potevo prenderlo . Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Probabilmente non succederà nulla, ma contatti comunque anche il ginecologo.

  3. Anonimo

    Buona sera a voi..e grazie per la vostra cortesia..volevo un informazione..ho iniziato a prender questa mattina il Medrol 4mg due pastiglie..per possibile artrite reumatoide..ma dolore..gonfiore non si sono mai attenuati da questa mattina tranne per brevissimi periodi..chiedo a voi se posso utilizzar l’Oki bustine come facevo precedentemente oltre a questa cura di cortisone..od i due farmaci mi possono crear dei problemi?Grazie infinitamente..

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, probabilmente nel corso dei giorni la terapia cortisonica inizierà a fare maggiore effetto. Io non conoscendo bene la situazione non posso che consigliare di evitare di associare più tipi di farmaci antiinfiammatori senza chiederlo ai medici che la seguono. Saluti

  4. Anonimo

    Buonasera, febbre alta da 5 gg.. il medico mi prescritto lucoxacina 500 7 gg e per togliere i forti dolori alla testa 600 mg pranzo e cena per due gg. Ho letto gli effetti collaterali della lucoxacina associata con i fans!!! Si parla di rotture di tendini, danni neurologici!! Ma stiamo scherzando.. Un suo parere, io mi tengo la febbre e butto tutto nel cestino..

    1. Anonimo

      scusi ho omesso l ibuprofene 600 mg per due gg

    2. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Tutti i farmaci hanno effetti collaterali, più o meno comuni, bisogna valutare il rapporto rischio/beneficio, non si può non fare una terapia che serve per paura che forse potrebbe presentarsi un effetto indesiderato; probabilmente il suo medico ha constatato una possibile infezione batterica per averle prescritto l’antibiotico,quello che potrebbe fare è assumere l’ibuprofene al bisogno invece che come terapia fissa, anche perché è una terapia antinfiammatoria abbastanza importante.

  5. Anonimo

    Quale Brufen è meglio usare per il mal di testa? Da 200, 400, 600 o 800? Bustine o compresse?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Usi la dose minima efficace, ossia la dose più bassa possibile per far passare completamente i sintomi; per il mal di testa in genere è particolarmente utile assumere l’antidolorifico ai primissimi sintomi.

  6. Anonimo

    Che differenza c’è tra il Moment normale e quello capsule molli? Funziona meglio?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il capsule molli si scioglie più velocemente nello stomaco, permettendo quindi la comparsa dell’effetto antidolorifico molto più rapidamente. L’efficacia è invece paragonabile a parità di dosaggio.

  7. Anonimo

    È vero che il Moment va bene anche per il mal di gola e la febbre?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, l’ibuprofene ha grande efficacia e tollerabilità anche in queste condizioni (in pediatria è una delle molecole di prima scelta in questi casi).

  8. Anonimo

    Ho appena letto un post su medicitalia dove si dice che chi ha problemi di pressione alta non dovrebbe assumere antinfiammatori. Assumo Cardura 4 mg da anni e un paio di giorni fa il mio medico, per un dolore alla spalla, mi ha prescritto Dicloreum 150 per una settimana.
    Devo preoccuparmi? Lo sospendo?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Proceda con fiducia, il suo medico ha sicuramente valutato che con una pressione attualmente sotto controllo, una cura ridotta nel tempo e probabilmente l’assenza di altri fattori di rischio i benefici in questo momento fossero superiori ai rischi.

  9. Anonimo

    Dottore sono in panico… Credo di aver dato una dose doppia di Nurofen a mio figlio di 2 anni… cosa devo fare? Lo porto in Pronto Soccorso?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il margine di tolleranza è elevato, quindi niente panico; parliamo comunque di un bimbo piccolo, quindi al suo posto telefonerei immediatamente al centro antiveleni per avere un loro parere e per valutare se portarlo o meno in PS.

      http://www.centroantiveleni.org/
      02.66.10.10.29