Cimicifuga racemosa per la menopausa: funziona?

Ultima modifica 25.02.2020

Introduzione

Originaria del Nord America, la Cimicifuga Racemosa (Actaea racemosa L, Black Cohosh) è una pianta appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae, conosciuta e utilizzata già centinaia di anni fa dai nativi americani, che la impiegavano come rimedio per diversi disturbi, dai problemi ginecologici (coliche uterine, dismenorrea), all’artrite, ai morsi di serpente [1,21].

La Cimicifuga racemosa contiene numerosi composti bioattivi, tra essi i principali sono:

  • Glicosidi triterpenici
  • Acidi fenolici (tra cui acido salicilico)
  • Resine
  • Acidi grassi
  • Tannini

Viene utilizzata con buoni risultati per il controllo dei sintomi legati alla menopausa, quali

Per tali indicazioni è stata approvata dalla Commissione E tedesca (organo di riferimento per preparati fitoterapici della tradizione occidentale) e riconosciuta dalla World Health Organization (WHO o OMS) e dalla North American Menopause Society [1,20,21]: quest’ultima, in particolare, suggerisce il ricorso alla fitoterapia (isoflavoni, cimicifuga) e all’adozione di stili di vita adeguati (alimentazione, moderato esercizio fisico) per il trattamento dei sintomi da lievi a moderati, riservando alla terapia farmacologica solo quelli più severi e non diversamente trattabili.

La Cimicifuga è altresì approvata dalla Commissione E tedesca per il trattamento di problemi ginecologici quali

anche se, in merito a queste ultime indicazioni, mancano ancora studi scientifici rigorosi che ne confermino l’efficacia [1].

Ramo di cimicifuga racemosa su sfondo bianco

iStock.com/emer1940

Meccanismo d’azione

Sono state formulate diverse ipotesi su come la Cimicifuga eserciti il proprio effetto. In base agli studi preclinici pubblicati finora [3], sebbene i risultati non siano conclusivi, sembra che la agisca contemporaneamente come

  • modulatore selettivo degli estrogeni (SERM) – pur non contenendo estrogeni naturali al proprio interno
  • agonista della serotonina e inibitore del suo reuptake (attività evidenziata da studi in vitro)
  • antiossidante
  • antinfiammatorio (attività evidenziata da studi in vitro)
  • agonista del recettore mu per gli oppiodi (il che ne spiegherebbe l’azione antidolorifica nel suo utilizzo in caso di artrite e dismenorrea)

In particolare l’attività della Cimicifuga come modulatore degli estrogeni sarebbe confermata da numerosi studi che hanno evidenziato come essa possieda un effetto simile al 17-beta-estradiolo (il più importante estrogeno prodotto dalle ovaie, utilizzato come farmaco per il trattamento dei sintomi della menopausa) – sebbene meno potente [1,4].

I modulatori selettivi degli estrogeni sono molecole che non possiedono attività estrogenica pura – agonista o antagonista – bensì attività “mista”, comportandosi da agonisti o antagonisti a seconda del tessuto bersaglio: il vantaggio terapeutico dell’uso di farmaci ad azione mista è quello di ottenere ad esempio un’attività estrogenica a livello di tessuti quali ossa o cervello, dove potrebbe essere di beneficio, senza che la stessa si manifesti in altri distretti, come quello mammario o dell’endometrio, dove gli effetti estrogenici potrebbero essere invece potenzialmente pericolosi [1]. Secondo alcuni studi, la Cimicifuga racemosa avrebbe effetto a livello dell’ipotalamo e dell’osso, senza agire invece a livello dell’endometrio: in uno studio in doppio cieco, l’estratto di Cimicifuga si è dimostrato di efficacia equivalente agli estrogeni coniugati (utilizzati nella terapia ormonale sostitutiva) nel ridurre i sintomi della menopausa, influenzando positivamente anche il metabolismo osseo, senza alterare l’equilibrio ormonale a livello uterino [5].

Cimicifuga per i problemi della Menopausa

In linea generale, i test clinici pubblicati sinora sembrano supportare l’utilizzo della Cimicifuga racemosa, da sola o in combinazione con altre erbe come l’Iperico, per alleviare i sintomi legati alla menopausa, come alternativa non-estrogenica.

Uno dei primi lavori di revisione in merito all’efficacia della Cimicifuga racemosa nel trattare i sintomi collegati alla menopausa risale al 1998 [7]: lo studio riportava gli effetti positivi della pianta nel trattare vampate di calore, secchezza vaginale, sudorazione notturna, disturbi del sonno, ansia e depressione. Due successivi lavori di revisione, pubblicati nel 2005 e nel 2007 e comprendenti studi randomizzati e controllati versus placebo, riportavano sostanzialmente le medesime conclusioni [8,9].

Studi più recenti giungono alle stesse considerazioni, ma evidenziano altresì un certo grado di eterogeneità nei risultati dei singoli lavori – il che rende più difficile delineare un adeguato profilo di efficacia e sicurezza sull’utilizzo della Cimicifuga [10]. La variabilità dei risultati può essere dovuta all’ampio range di dosi utilizzate, alle differenti tecniche di estrazione e al profilo chimico della materia prima di origine. Un lavoro di revisione del 2014, per esempio, ha posto l’attenzione sul fatto che si siano ottenuti risultati migliori – in termini di efficacia contro placebo – utilizzando preparazioni di matrice europea (tedesca e svizzera principalmente) rispetto a quelli di origine statunitense: la differenza potrebbe essere dovuta alla contaminazione della Cimicifuga americana con quella asiatica – differente come profilo chimico e sul cui grado di efficacia non esistono ancora dati sperimentali [1,11].

Per questa ragione sono necessari ulteriori approfondimenti, come riportato anche sul sito del National Center for Complementary and Integrative Health (NCCIH), l’agenzia governativa statunitense che esplora la medicina complementare e alternativa. Lo stesso NCCIH, peraltro, sta finanziando ulteriori studi in materia [2].

Per quanto riguarda l’associazione Cimicifuga-Iperico (erba di San Giovanni), sono stati effettuati studi in doppio cieco e prospettici che attestano la validità dei due rimedi presi in combinazione per alleviare i sintomi legati alla menopausa. Per di più, sembra che la combinazione sia persino più efficace dei singoli rimedi, soprattutto quando vi sia un’importante componente psicologica (ansia, depressione, sbalzi di umore) [12-15].

La Cimicifuga si è rivelata utile anche in associazione con il Tamoxifene – uno dei farmaci d’elezione utilizzato nei casi di tumore al seno estrogeno-dipendenti – per il trattamento delle vampate di calore indotte da quest’ultimo. In uno studio condotto su 136 pazienti, di età compresa tra 35 e 52 anni, in cura con tamoxifene dopo intervento chirurgico e/o radio e chemioterapia per carcinoma mammario, è stato testato un estratto di Cimicifuga racemosa per 12 mesi, alla dose di 90 mg al giorno: nel gruppo trattato con tamoxifene ed estratto di Cimicifuga, circa la metà delle pazienti non ha manifestato vampate di calore, a fronte del 73,9% delle pazienti nel gruppo trattato con la sola terapia farmacologica [6]. Stesso risultato in un recente lavoro di revisione sulla somministrazione di Cimicifuga e Iperico in concomitanza al trattamento con Tamoxifene: in questo caso è stato evidenziato anche un possibile effetto antiproliferativo delle due piante nei confronti di eventuali recidive [24].

Per quanto riguarda la terapia tradizionale per i disturbi della menopausa, la Cimicifuga è stata utilizzata in studi comparativi a confronto con

  • estrogeni coniugati (di origine equina)
  • fluoxetina (un farmaco antidepressivo)
  • tibolone (Livial®, farmaco utilizzato nella terapia ormonale sostitutiva)

Dai risultati ottenuti, la Cimicifuga si è dimostrata di efficacia pari al farmaco di volta in volta utilizzato (o addirittura maggiore nel caso della fluoxetina), ma con minor frequenza di comparsa di effetti collaterali indesiderati [16-19].

Dose e modo di somministrazione

La Cimicifuga racemosa si può utilizzare come decotto o infuso, come tintura, come estratto secco o fluido. In base agli studi pubblicati, i dosaggi suggeriti risultano i seguenti:

  • radice in polvere per decotto/infuso: 0,3-2 g tre volte al giorno
  • tintura (1:10): 2-4 mL tre volte al giorno
  • estratto fluido (1.1 g/mL): 0,3-2 mL tre volte al giorno
  • estratto secco (capsule o compresse): 40-160 mg al giorno per trattare i sintomi legati alla menopausa
    [1].

Sono necessarie dalle 4 alle 12 settimane di assunzione continuata per avere risultati in termini di sollievo dai sintomi della menopausa.

Controindicazioni ed effetti collaterali

In generale la Cimicifuga racemosa è un rimedio ben tollerato, se assunto alle dosi raccomandate.

Un revisione della Cochrane (una rete internazionale di ricercatori indipendenti che si occupa di raccogliere e analizzare criticamente i lavori di ricerca pubblicati su temi inerenti la salute) del 2012 su 16 studi randomizzati controllati, per un totale di 2027 donne coinvolte, non ha trovato differenze nell’incidenza di effetti collaterali tra Cimicifuga e placebo [1]. Sempre secondo gli stessi ricercatori, gli effetti collaterali, quando presenti, sono rari, lievi e reversibili con la sospensione del trattamento.

Gli effetti indesiderati più comuni risultano essere

Sono stati segnalati singoli casi di tossicità epatica: anche se la correlazione non appare del tutto certa, è consigliabile evitare l’uso di Cimicifuga in pazienti con problemi al fegato (o che assumano farmaci potenzialmente epatotossici).

Sebbene gli studi più recenti non mostrino correlazioni tra Cimicifuga e rischio di ricadute di cancro al seno, si consiglia comunque di consultarsi col proprio medico curante prima di assumerla, in caso di pregressi tumori ormono-dipendenti [1,23].

Nonostante il fatto che la Cimicifuga sia utilizzata nella medicina popolare come aiuto nelle fasi finali della gravidanza, in mancanza di studi approfonditi, l’utilizzo, soprattutto nel primo trimestre, è sconsigliato – così come lo è in fase di allattamento [1,22].

Fonti e bibliografia

  1. Herbs and Natural Supplements- An evidence-based guide,4th ed.
    L.Braun, M.Cohen. Elsevier Editions
  2. National Center for Complementary and Integrative Health
  3. Integrative Medicine Insights 3 (2008):21–32. Black cohosh: insights into its mechanism/s of action. Ruhlen RL, Sun GY, Sauter ER.
  4. J Steroid Biochem Mol Biol 107.3–5 (2007): 262–269. Estrogen-like effect of a Cimicifuga racemosa extract sub-fraction as assessed by in vivo, ex vivo and in vitro assays. Bolle P et al.
  5. Maturitas. 2003 Mar 14;44 Suppl 1:S67-77. The Cimicifuga preparation BNO 1055 vs. conjugated estrogens in a double-blind placebo-controlled study: effects on menopause symptoms and bone markers. Wuttke W, Seidlová-Wuttke D, Gorkow C.
  6. Maturitas 44 (Suppl 1) (2003): S59–65. Cimicifuga racemosa for the treatment of hot flushes in women surviving breast cancer. Hernandez MG, Pluchino S.
  7. J Womens Health 7(5) (1998):525–529. A review of the effectiveness of Cimicifuga racemosa (black cohosh) for the symptoms of menopause. Lieberman S.
  8. J Womens Health (Larchmt) 14.7 (2005): 634–649. Botanical and dietary supplements for menopausal symptoms: what works, what does not. Geller SE, Studee L.
  9. Menopause 14.3 (Pt 1) (2007): 541–549. Botanical and dietary supplements for mood and anxiety in menopausal women. Geller SE, Studee L.
  10. Altern Ther Health Med 16.1 (2010): 36–44. Efficacy of black cohosh-containing preparations on menopausal symptoms: a meta-analysis. Shams T et al.
  11. J Steroid Biochem Mol Biol 139 (2014): 302–310. The non-estrogenic alternative for the treatment of climacteric complaints: Black cohosh (Cimicifuga or Actaea racemosa). Wuttke W et al.
  12. Obstet Gynecol 107 (2006): 247–255. Black cohosh and St John’s wort for climacteric complaints: a randomized trial. Uebelhack R et al.
  13. Maturitas 57.4 (2007): 405–414. Black cohosh with or without St. John’s wort for symptom-specific climacteric treatment — results of a large-scale, controlled, observational study. Briese V et al.
  14. Yonsei Med J 48.2 (2007): 289–294. Black cohosh and St. John’s wort (GYNO-Plus) for climacteric symptoms. Chung DJ et al.
  15. Gynecol Endocrinol 28.9 (2012):703–9. Efficacy of Cimicifuga racemosa, Hypericum perforatum and Agnus castus in the treatment of climacteric complaints: a systematic review. Laakmann E et al.
  16. Maturitas 55(Supplement 1) (2006b): S83–91 Efficacy and tolerability of the Black cohosh (Actaea racemosa) ethanolic extract BNO 1055 on climacteric complaints: a double-blind, placebo- and conjugated estrogens controlled study. Wuttke W, Raus K, Gorkow C.
  17. Maturitas 58.1 (2007): 31–41. Efficacy and tolerability of a medicinal product containing an isopropanolic black cohosh extract in Chinese women with menopausal symptoms: a randomized, double blind, parallel-controlled study versus tibolone. Bai W et al.
  18. Adv Ther 24.2 (2007): 448–461. Black cohosh and fluoxetine in the treatment of postmenopausal symptoms: a prospective, randomized trial. Oktem M et al.
  19. Maturitas 44 (Suppl 1) (2003): S67–77 The Cimicifuga preparation BNO 1055 vs conjugated estrogens in a double-blind placebo controlled study: effects on menopause symptoms and bone markers. Wuttke W, Seidlova-Wuttke D, Gorkow C.
  20. Menopause, 11 (1), 11-33, Jan-Feb 2004 Treatment of Menopause-Associated Vasomotor Symptoms: Position Statement of The North American Menopause Society North American Menopause Society
  21. Herbal Medicine: Expanded Commission E 
  22. Can J Clin Pharmacol 13.3 (2006): e257–261 Safety and efficacy of black cohosh (Cimicifuga racemosa) during pregnancy and lactation. Dugoua JJ et al.
  23. Integr Cancer Ther. 13 (1), 12-29 Jan 2014 Black Cohosh and Breast Cancer: A Systematic Review. Fritz H et al.
  24. Climacteric. 2019 Aug;22(4):339-347. Benefit-risk profile of black cohosh (isopropanolic Cimicifuga racemosa extract) with and without St John’s wort in breast cancer patients. Ruan X, Mueck AO, Beer AM, Naser B, Pickartz S.

Articoli Correlati