Secchezza vaginale ed intima: cause, sintomi e rimedi

Ultima modifica 15.10.2020

Introduzione

La secchezza vaginale è un problema particolarmente comune nel periodo pre e post menopausa, anche se di fatto una lubrificazione vaginale insufficiente può presentarsi a qualsiasi età; può essere talvolta sintomo di atrofia vaginale (vaginite atrofica), condizione caratterizzata dall’ispessimento e dall’infiammazione della mucosa vaginale a causa di un calo degli estrogeni.

Insieme alla secchezza vaginale si può soffrire di prurito e bruciore intorno all’apertura e nella parte inferiore della vagina.

La secchezza vaginale può rendere difficoltosi i rapporti. La maggior parte del liquido lubrificante prodotto dall’organismo è costituito da un fluido trasparente che fuoriesce dalle pareti dei vasi sanguigni che circondano la vagina; quando si è eccitati si osserva un aumento dell’afflusso di sangue verso gli organi genitali e quindi la secrezione vaginale aumenta, ma i cambiamenti ormonali dovuti a condizioni quali

possono alterare questo processo (comunque variabile nell’arco del mese; la produzione di muco è massima durante l’ovulazione, nelle donne fertili).

Si tratta di un disturbo in grado di impattare profondamente sulla qualità di vita di una donna, in modo simile ad altre condizioni croniche più note; mentre gli altri sintomi tipici della menopausa, come le vampate di calore, in genere diminuiscono nel tempo, la secchezza vaginale tende a persistere, perché causata e sostenuta da da cambiamenti fisici nella vagina.

Si stima che il problema interessi circa la metà delle donne in postmenopausa, la maggior parte delle quali (fino a 9 su 10) non si adopera per risolvere il disturbo; è importante invece non ignorare il problema né tanto meno sentirsi in imbarazzo a cercare aiuto se il sintomo diventa un ostacolo o un fastidio alla propria sessuale o anche solo relativamente al proprio benessere; ci sono numerosi trattamento in grado di gestire efficacemente la situazione.

Primo piano del ventre di una donna, con le mani incrociate a livello pelvico

iStock.com/Goldfinch4ever

Cause

Le pareti vaginali sono rivestite da uno strato sottile di secrezione trasparente, la maggior parte di questo lubrificante naturale è prodotta dalle pareti dei vasi sanguigni che circondano la vagina.

I cambiamenti ormonali dovuti al ciclo mestruale e all’invecchiamento influiscono sulla quantità e sulla consistenza di questo fluido, per esempio a distanza dai giorni fertili la produzione può apparire sensibilmente ridotta e la poca quantità secreta avere consistenza diversa (tant’è che l’osservazione del muco cervicale è un metodo affidabile per individuare i giorni fertili).

La secchezza vaginale può tuttavia avere molte altre cause diverse, di cui possiamo analizzare le principali.

Diminuzione dei livelli di estrogeni

La diminuzione dei livelli di estrogeni è la causa più comune della secchezza vaginale.

Gli estrogeni, una tipologia di ormoni femminili, contribuiscono a mantenere in salute il tessuto vaginale, perché in grado di garantire una corretta lubrificazione, elasticità dei tessuti e acidità dell’ambiente vaginale, fondamentali fattori di difesa naturale contro le infezioni vaginali e delle vie urinarie. Quando i livelli di estrogeni calano, diminuiscono anche le difese naturali e le pareti vaginali si assottigliano, diventano meno elastiche e più fragili.

I livelli di estrogeni possono diminuire per molte ragioni diverse:

  • Fluttuazioni ormonali fisiologiche e parafisiologiche
    • menopausa o perimenopausa,
    • gravidanza,
    • allattamento,
  • effetti collaterali della terapia antitumorale (radioterapia, terapia ormonale e chemioterapia),
  • intervento chirurgico di rimozione delle ovaie,
  • disturbi immunitari,
  • fumo di sigaretta.

Farmaci

I farmaci antiallergici (antistaminici) e alcuni antinfluenzali (decongestionanti), come pure certi antidepressivi, sono responsabili di una diminuzione dell’idratazione di diverse parti dell’organismo, compresa la vagina. Anche gli antiestrogeni, ad esempio quelli usati per curare il tumore al seno, possono provocare la secchezza vaginale. Alcuni trattamenti antitumorali come la radioterapia possono essere causa del disturbo.

Purtroppo anche la pillola anticoncezionale può talvolta essere causa di secchezza vaginale.

Sindrome di Sjörgen

Come per tutte le malattie autoimmuni, anche nel caso della sindrome di Sjörgen si osserva un’attività del sistema immunitario contro il proprio stesso organismo; i sintomi più comuni sono

Uso e abuso di lavande vaginali

Se si irriga l’interno della vagina con una preparazione liquida (lavanda), l’equilibrio chimico della zona risulta compromesso e può verificarsi un’infiammazione (vaginite) e la vagina può diventare secca o irritata; per questo motivo si raccomanda di non ricorrere MAI a lavande se non espressamente prescritte dal medico.

Altro

Ci sono poi numerose altre possibili cause, come ad esempio la mancanza di eccitazione durante i preliminari che precedono un rapporto sessuale, che possono impedire una corretta lubrificazione.

Sintomi

La secchezza vaginale può essere accompagnata da sintomi come:

Quando chiamare il medico

La secchezza vaginale rappresenta un problema per molte donne, che tuttavia si trovano in imbarazzo a parlarne con il proprio medico o con il ginecologo.

Se la secchezza vaginale ha ricadute negative sulla vostra vita, in particolare sulla vita sessuale e sulle relazioni con il vostro partner, vi consigliamo di rivolgervi con fiducia al medico; anche se non siete più giovanissime, non siete costrette a convivere con il disagio dovuto alla secchezza vaginale.

Diagnosi

Per giungere alla diagnosi di secchezza vaginale di solito sono necessari:

  • Visita ginecologica. Il ginecologo procede all’analisi visiva dei genitali esterni, della vagina e del collo dell’utero e inserisce in vagina due dita coperte da un guanto per palpare gli organi e andare alla ricerca di eventuali sintomi di malattie.
  • Pap test. Il ginecologo raccoglie un campione di cellule del collo dell’utero da esaminare al microscopio. Contestualmente può anche raccogliere un campione di secrezioni vaginali per controllare se ci sono sintomi di un’infezione vaginale (vaginite) o per confermare un cambiamento legato a carenza di estrogeni.
  • Esame delle urine. Serve per diagnosticare eventuali problemi delle vie urinarie, se soffrite di sintomi urinari associati alla secchezza vaginale.

Cura e terapia

Estrogeni vaginali

In generale, è più semplice curare la secchezza vaginale usando gli estrogeni per uso topico (vaginale) anziché quelli per uso orale. Gli estrogeni applicati in vagina possono entrare in circolo più facilmente, ma in minime quantità. Gli estrogeni per uso vaginale, inoltre, non fanno diminuire il livello di testosterone (fondamentale per una corretta funzionalità sessuale) come invece avviene se si assumono estrogeni per via orale.

Gli estrogeni per uso vaginale sono in commercio in diverse forme:

  • Crema: viene applicata direttamente in vagina usando un applicatore, di solito di sera prima di andare a dormire. il medico vi indicherà la quantità e la frequenza di applicazione, di solito una volta al giorno nelle prime settimane e in seguito due o tre volte a settimana.
  • Tavolette. La tavoletta viene inserita in vagina usando un apposito applicatore usa e getta. Il medico vi dirà con quale frequenza usarle, ad esempio una volta al giorno nelle prime due settimane e poi due volte a settimana.

Se la secchezza vaginale è accompagnata da altri sintomi della menopausa, ad esempio da vampate di calore e/o sudorazione notturna, il medico può consigliarvi la pillola, il cerotto o una crema a base di estrogeni, oppure ancora un anello con un’alta dose di estrogeni combinati con un progestinico. Chiedete al vostro medico se la terapia ormonale può fare al caso vostro e quale tipo può essere più adatto.

In alcuni casi il ginecologo può decidere di ricorrere alla terapia ormonale sostitutiva per le donne in menopausa, in modo da supportare la produzione dell’organismo che via via diminuirà gradualmente; la scelta dovrà tuttavia tenere conto del rapporto rischio/beneficio, non sempre favorevole.

Lubrificanti e idratanti

Un’alternativa efficace, probabilmente paragonabile alle terapie ormonali, è rappresentata dai gel idratanti e lubrificanti; si tratta di creme e gel di libera vendita, disponibili in farmacia, in grado di essere usati sia in concomitanza dei rapporti che, quando necessario, in modo quotidiano e sistematico (perché privi di effetti collaterali).

  • Lubrificanti. I lubrificanti a base acquosa lubrificano la vagina per diverse ore. Applicate il lubrificante all’ingresso della vagina oppure sul pene del partner prima del rapporto.
  • Prodotti idratanti. Questi prodotti imitano le secrezioni vaginali naturali e alleviano la secchezza fino a tre giorni con una sola applicazione. Usateli come protezione continua dalle irritazioni provocate dalla secchezza vaginale.

In caso di utilizzo del preservativo si raccomanda di verificare la compatibilità della crema con il dispositivo.

Imparate a conoscervi

La secchezza vaginale temporanea durante i rapporti può indicare che non siete abbastanza eccitate: prendetevi più tempo per godervi l’intimità con il partner e far sì che il vostro corpo si ecciti e ci sia una lubrificazione ottimale. Può essere utile dire al vostro partner che cosa preferite e che cosa vi fa sentire meglio; per una miglior lubrificazione può anche essere utile avere rapporti con frequenza maggiore del solito.

Prodotti da evitare

Probabilmente sarete tentate di provare qualsiasi cosa pur di alleviare il disagio, tuttavia vi consigliamo di non usare i prodotti seguenti per curare la secchezza vaginale, perché potrebbero irritare la vagina:

  • aceto, yogurt o altri tipi di lavanda casalinga,
  • creme per le mani,
  • saponi,
  • bagnoschiuma per il corpo.

Fonti e bibliografia

Domande e risposte

Cosa fare in caso di secchezza vaginale?
Dopo aver escluso cause patologiche con l'aiuto del proprio ginecologo, è possibile trovare sollievo dalla secchezza vaginale attraverso i seguenti comportamenti:
  • applicare regolarmente idratanti vaginali
  • scegliere saponi delicati per l'igiene intima, adatti alla propria età (prepubere, età fertile, menopausa) e privi di profumi
  • prendersi il tempo necessario all'eccitazione prima dei rapporti sessuali
  • utilizzare lubrificanti prima dei rapporti
  • evitare il ricorso a lavande vaginali, se non prescritte.

Articoli Correlati