Ultima modifica 13.07.2019

Introduzione

La scelta del titolo è stata volutamente esagerata, perché solo il proprio ginecologo è in grado di consigliare la miglior pillola anticoncezionale, indicazione fornita sulla base degli esami del sangue e degli eventuali fattori di rischio cardiovascolari e caratteristiche della paziente.

La pillola Yaz, prodotta da Bayer, è stato il primo contraccettivo orale a richiedere un’assunzione ormonale per 24 giorni al posto dei canonici 21 ed è una pillola autorizzata per 3 differenti indicazioni:

Yaz è venduta ad un prezzo di € 18.10 (Yasmin costa € 17.40, Yasminelle € 17.80), ma sono disponibili da diversi anni equivalenti a prezzo inferiore per tutte e tre le formulazioni.

Facciamo ora un passo indietro per spiegare meglio vantaggi e svantaggi di questa opportunità terapeutica; Yaz, commercializzatata da Bayer, è in realtà stata messa a punto dalla Schering, casa farmaceutica facente parte oggi della galassia Bayer che per prima ha lanciato una pillola anticoncezionale in Europa nel 1961 (Anovlar). Schering è in questo momento leader di mercato nella contraccezione femminile e Yasmin, con 150 milioni di confezioni vendute, è la pillola più usata al mondo.

Praticamente ogni pillola contraccettiva moderna contiene una combinazione di piccole quantità di

  • un estrogeno (generalmente etinilestradiolo)
  • e di un progestinico,

l’assunzione quotidiana di questi due ormoni impedisce la catena di reazioni che porta all’ovulazione. Tra i diversi effetti collaterali che possono essere provocati dalla pillola, la ritenzione idrica causata dagli estrogeni presenti è storicamente una delle maggiori cause di rinuncia alla contraccezione orale: a partire dall’introduzione di Yasmin (poi Yasminelle ed ora Yaz) il drospirenone presente nelle 3 pillole nominate sembra aver eliminato questo effetto collaterale, perché agisce come progestinico (per l’effetto anticoncezionale) e come diuretico per contrastare la ritenzione idrica (è un analogo dello spironolattone, un diuretico usato per esempio in terapia antipertensiva).

Quella che è stata la vera novità in Yaz è tuttavia l’assunzione di 24 dosi ormonali più 4 placebo, contro le 21 più 7  (o 7 giorni di pausa) tipiche di ogni altra formulazione; in altre parole in Yaz sono contenute 24 pillole da assumere per 24 giorni consecutivi, più 4 non contenenti alcun principio attivo per facilitare il ciclo di assunzione, ossia non si interrompe mai l’assunzione per evitare ogni dubbio di assunzione (devo ricominciare oggi o domani?, quanti giorni devo interrompere? l’ultimo giorno di assunzione si conta?).

Con Yaz non si deve saltare nemmeno un giorno, anche se 4 pillole non contengono alcuna sostanza.

Oltre a questo aspetto pratico, l’assunzione di ulteriori 3 dosi rispetto alle pillole classiche consente di migliorare l’efficacia contraccettiva e, sopratutto, sfumare sensibilmente la sintomatologia definita come Sindrome Disforica Premestruale (ossia nausea, cattivo umore, ansia, mal di testa, …) grazie alla riduzione degli sbalzi ormonali.

Fotografia di un blister di pillola

iStock.com/Herhurricane

Yasmin, Yasminelle, Yaz e spotting

Con il termine spotting si intende un sanguinamento fra un ciclo e l’altro.

Le 3 pillole in esame possono provocare spotting, in particolar modo nei primi mesi di assunzione; si consiglia di consultare immediatamente il proprio ginecologo, che potrà consigliare di insistere ancora per qualche mese oppure potrebbe decidere di sostituire la pillola in uso con una a dosaggio più elevato, che di norma risolve il problema.

Eventuali perdite di sangue non sono di solito segno di mancata efficacia anticoncezionale, tuttavia si consiglia di valutare la situazione con il proprio medico specialista.

Come assumere Yaz

Le compresse di Yaz devono essere assunte ogni giorno alla stessa ora con una piccola quantità di liquido e nell’ordine in cui si presentano nella confezione blister. È necessario assumere una compressa rosa al giorno per 24 giorni consecutivi e poi una bianca (placebo) al giorno per ulteriori 4 giorni.

A questo punto si inizia immediatamente una nuova scatola, senza alcun giorno di sospensione, anche se il ciclo non dovesse essere ancora del tutto risolto.

  • Se si inizia un trattamento anticoncezionale con Yaz ed il mese precedente non si sono assunte altre pillole, la prima compressa deve essere assunta il primo giorno della mestruazione.
  • Se si sta effettuando un passaggio da un altro anticoncezionale si deve iniziare l’assunzione il giorno dopo l’intervallo senza trattamento o dopo l’ultima compressa di placebo del precedente estroprogestinico orale.

Se ti sei dimenticata di prendere una pillola:

  • prendila appena ti ricordi e prendi la successiva alla tua solita ora, anche se questo significa prendere 2 pillole in un giorno; in questo caso è tuttavia importante fare riferimento al foglietto illustrativo per valutare eventuali rischio di gravidanze indesiderate.

Yaz, sopratutto durante il primo mese di assunzione, tende a tardare il ciclo fin verso l’ultima bianca o addirittura le prime rose del blister successivo, quindi non ci si deve allarmare se il ciclo si facesse attendere più del solito.

Domande frequenti

Si raccomanda di fare sempre riferimento al proprio ginecologo o al foglietto illustrativo prima di adottare qualsiasi decisione.

Quando iniziare la pillola?

S’inizia al primo giorno di mestruazione.

Dopo quanti giorni si possono avere rapporti non protetti?

Se l’inizio dell’assunzione della pillola avviene al primo giorno di mestruazione l’effetto contraccettivo è immediato, pertanto si possono avere fin da subito rapporti non protetti; si ricorda tuttavia che:

  • la pillola non protegge dalle malattie sessualmente trasmesse,
  • durante il primo mese consiglio di proteggere ugualmente i rapporti, sia per cautelarsi nel caso in cui si debba per qualche motivo sospendere, sia per evitare problemi in caso di dimenticanze (frequenti quando si inizia).

Se l’assunzione della pillola inizia invece tra il secondo ed il quindi giorno del ciclo è indispensabile proteggere i rapporti per i primi 7 giorni, ad esempio con preservativo.

Quando arriva il ciclo?

In genere la mestruazione compare dopo 2-3 giorni dalla fine delle compresse con principio attivo, quindi con Yasmin e Yasminelle a 2-3 giorni dalla fine del blister, con Yaz a 2-3 giorni dalla fine delle compresse rosa.

In particolare con Yaz, a causa della riduzione del periodo privo di somministrazione ormonale, può talvolta accadere che il flusso non si presenti, ma questo di per sé non indica una mancata efficacia contraccettiva se l’assunzione è stata corretta.

Come anticipare il ciclo?

Per anticipare il giorno di comparsa del flusso è necessario che il mese precedente si riduca il numero di giorni in cui si assumono le compresse bianche; essendo solo quattro la possibilità di modifica è ridotta, quindi talvolta è più semplice farlo ritardare (vedi domanda successiva).

Se effettuata correttamente (“Se deve modificare il giorno d’inizio, può diminuire (mai aumentare – 4 giorni è il massimo!) i giorni placebo, quando prende le compresse placebo bianche. “) la modifica non riduce l’efficacia anticoncezionale.

Come ritardare le mestruazioni?

Anche se non è raccomandato, è possibile ritardare la mestruazione evitando di assumere le compresse placebo (bianche) e proseguendo con un nuovo blister di YAZ (oppure saltando la pausa nel caso di Yasmin/Yasminelle) per il tempo desiderato, per poi assumere le quattro pillole placebo (o effettuare la consueta pausa).

Durante l’uso del secondo blister potrebbe comparire spotting.

Se voglio interrompere l’assunzione devo aspettare la fine del blister?

No, si può interrompere in qualsiasi momento, ma consiglio per scrupolo di attenere almeno 7 giorni dall’ultimo rapporto non protetto.

Quanto dura il ciclo?

Il nome corretto delle perdite che si presentano tra un blister e l’altro di pillola è emorragia da sospensione e la durata è in genere di pochi giorni; si noti che:

  • con il passare dei mesi/anni la durata può diminuire,
  • con Yaz è molto comune osservare una durata estremamente limitata, talvolta addirittura l’emorragia da sospensione è assente (verificare con il proprio ginecologo, ma da un punto di vista fisico non è considerato un problema).

Acne e pillola: dopo quanto migliora?

In genere il miglioramento si percepisce dopo i primi 3-6 mesi d’utilizzo; si noti che nei primi tre mesi è normale andare incontro ad un possibile leggero peggioramento.

Articoli Correlati

Domande e risposte
  1. Domanda

    Come funziona la pillola?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      La pillola anticoncezionale consente di impedire la catena di eventi ormonali che porta all’ovulazione; questo permette di ridurre quasi a zero la probabilità di rimanere incinta in caso di rapporti non protetti.

  2. Domanda

    Come si assume la pillola?

    1. Dr. Roberto Gindro

      Si assume in genere una compressa al giorno e, a seconda della pillola scelta, può esserci o meno la necessità di una pausa mensile.

  3. Domanda

    Quando prendere la pillola?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      In genere si consiglia di assumerla tutti i giorni alla stessa ora con una piccola quantità di liquido. In caso di errori di assunzione può venire meno l’efficacia anticoncezionale.

  4. Domanda

    Quando iniziare la pillola?

    1. Dr. Roberto Gindro

      In genere si consiglia di iniziare con l’assunzione al primo giorno di mestruazione.