Sindrome di Raynaud: sintomi, cause, cura

Ultimo Aggiornamento: 859 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La sindrome di Raynaud è una malattia rara che colpisce le arterie, cioè i vasi sanguigni che trasportano il sangue dal cuore al resto dell’organismo.

La sindrome di Raynaud è anche detta fenomeno di Raynaud: è caratterizzata da brevi episodi di vasospasmo, cioè di restringimento dei vasi sanguigni.

Il vasospasmo delle arterie fa diminuire il flusso di sangue diretto verso le dita delle mani e dei piedi. I pazienti di solito sono colpiti dalla sindrome di Raynaud alle dita delle mani; nel 40 per cento circa dei casi, la sindrome interessa le dita dei piedi. In rari casi, colpisce il naso, le orecchie, i capezzoli e le labbra.

In molti casi i medici non riescono a diagnosticare la causa della sindrome di Raynaud, in questi casi la sindrome allora è anche detta Raynaud primario.

In altri casi, invece, il disturbo è causato da un’altra patologia o da altri fattori, quindi viene detto fenomeno di Raynaud, o Raynaud secondario.

Il Raynaud primario è più frequente e in genere è meno grave del Raynaud secondario.

Se soffrite della sindrome di Raynaud, primaria o secondaria, il freddo o lo stress possono provocare un attacco, durante il quale la circolazione diretta alle zone colpite si interrompe completamente o parzialmente.

La pelle, quindi, diventa biancastra o bluastra per un breve periodo di tempo. Quando la circolazione ritorna alla normalità, le zone colpite possono diventare rosse, e iniziano a pulsare, a formicolare, a bruciare o a intorpidirsi.

In entrambe le forme di sindrome di Raynaud, gli attacchi possono essere causati da cambiamenti di temperatura anche minimi o molto brevi: ad esempio le dita possono diventare blu anche quando si tira fuori qualcosa dal freezer o ci si espone per pochi attimi a temperature inferiori ai 15 °C.

La maggior parte dei pazienti che soffrono di sindrome di Raynaud non riporta danni ai tessuti né disabilità permanenti, però chi ne soffre in forma grave può presentare ulcere o cancrene dovute ad attacchi prolungati o ripetuti. “Cancrena” significa morte e decomposizione dei tessuti.

Prognosi

Il 5% circa della popolazione degli Stati Uniti è colpito dalla sindrome di Raynaud. Il Raynaud primario è, nella maggior parte dei casi, poco più di un fastidio e di norma lo si può gestire con semplici modifiche dello stile di vita.

Il Raynaud secondario può essere più difficile da tenere sotto controllo, tuttavia i pazienti hanno a disposizione diverse terapie per prevenire o alleviare i sintomi. In caso di Raynaud secondario, è fondamentale curare il disturbo o la patologia a monte.

Cause

In molti casi i medici non riescono a diagnosticare la causa della sindrome di Raynaud. Il disturbo, quindi, è detto sindrome di Raynaud o Raynaud primario.

In altri casi, la causa del disturbo è un’altra patologia o sono altri fattori. Questo tipo di disturbo è detto fenomeno di Raynaud o Raynaud secondario.

Cause del Raynaud secondario

Il Raynaud secondario può essere causato da diversi fattori, ad esempio:

  • disturbi e patologie che danneggiano direttamente le arterie o i nervi che controllano le arterie delle mani e dei piedi,
  • movimenti ripetitivi che danneggiano i nervi responsabili del controllo delle arterie delle mani e dei piedi,
  • traumi alle mani e ai piedi,
  • esposizione a determinate sostanze chimiche,
  • farmaci che ostruiscono le arterie o influiscono sulla pressione.

Disturbi e patologie

Il Raynaud secondario è connesso a disturbi e patologie che danneggiano direttamente le arterie; può essere inoltre provocato da malattie che danneggiano i nervi responsabili del controllo delle arterie delle mani e dei piedi.

La sclerodermia e il lupus sono due patologie che possono provocare la sindrome di Raynaud. Il 90 per cento circa dei pazienti affetti da sclerodermia soffre della sindrome di Raynaud. Uno su tre dei pazienti affetti dal lupus soffre anche di sindrome di Raynaud.

Tra gli altri esempi di patologie e disturbi che possono provocare la sindrome di Raynaud ricordiamo:

  • artrite reumatoide,
  • aterosclerosi,
  • disturbi del sangue, ad esempio la crioglobulinemia e la policitemia,
  • sindrome di Sjögren, dermatomiosite e polimiosite,
  • morbo di Buerger.

La sindrome di Raynaud può essere causata dall’ipertensione polmonare o da problemi alla tiroide.

Movimenti ripetitivi

La sindrome di Raynaud può essere causata da movimenti ripetitivi che danneggiano le arterie o i nervi responsabili del controllo delle arterie delle mani e dei piedi.

Scrivere a computer, suonare il pianoforte o ripetere altri movimenti simili molte volte di seguito può causare la sindrome di Raynaud secondaria. Usare utensili o apparecchiature che vibrano, come il martello pneumatico o il trapano, può far aumentare il rischio di soffrire di Raynaud secondario.

Traumi alle mani o ai piedi

I traumi alle mani o ai piedi, causati da incidenti, congelamento, interventi chirurgici o altri fattori, possono provocare la sindrome di Raynaud.

Sostanze chimiche

L’esposizione a determinate sostanze chimiche sul luogo di lavoro può causare un disturbo simile alla sclerodermia, connesso alla sindrome di Raynaud. Un esempio di sostanza chimica pericolosa è il cloruro di vinile, usato nell’industria della plastica.

Anche la nicotina contenuta nelle sigarette può far aumentare il rischio di soffrire della sindrome di Raynaud.

Farmaci

La sindrome di Raynaud secondaria può essere causata da determinate farmaci, tra cui ricordiamo:

  • Farmaci contro l’emicrania che contengono l’ergotamina, una sostanza che ostruisce le arterie.
  • Alcuni chemioterapici, come il cisplatino e la vinblastina.
  • Alcuni farmaci da banco per il raffreddore e l’allergia e alcuni farmaci dimagranti, in grado di ostruire le arterie.
  • Betabloccanti che fanno diminuire la frequenza cardiaca e la pressione.
  • Pillola anticoncezionale che modifica la circolazione.

Fattori di rischio.

I fattori di rischio per la sindrome di Raynaud (Raynaud primario) e per il fenomeno di Raynaud (Raynaud secondario) sono diversi.

Tra i fattori di rischio per il Raynaud primario ricordiamo:

  • Sesso. Le donne sono più a rischio degli uomini.
  • Età. Il Raynaud primario di solito compare prima dei trent’anni.
  • Precedenti familiari. Il Raynaud primario può colpire diversi membri della stessa famiglia.
  • Clima freddo. Le temperature fredde possono scatenare gli attacchi.

Tra i fattori di rischio per il Raynaud secondario ricordiamo:

  • Età. Il Raynaud secondario di solito compare dopo i 30 anni.
  • Presenza di determinati disturbi o patologie. Ad esempio il Raynaud secondario può essere causato dalle patologie che danneggiano direttamente le arterie o colpiscono i nervi responsabili del controllo delle arterie delle mani e dei piedi.
  • Traumi alle mani o ai piedi.
  • Esposizione a determinate sostanze sul luogo di lavoro, ad esempi o al cloruro di vinile usato nell’industria della plastica.
  • Movimenti ripetitivi con le mani, come scrivere a computer o usare utensili o apparecchiature che vibrano.
  • determinati farmaci, come quelli per l’emicrania, i chemioterapici, i farmaci per il raffreddore/l’allergia o quelli per la pressione.
  • Fumo.
  • Clima freddo.

Sintomi

Sindrome di Raynaud, spesso colpisce le mani

Sindrome di Raynaud, spesso colpisce le mani (http://www.flickr.com/photos/greencolander/6043437370/sizes/m/in/photostream/)

Chi soffre di questa malattia può avere attacchi quando si espone alle basse temperature o a stress emotivi.

Gli attacchi di norma colpiscono le dita delle mani e dei piedi. Più raramente, possono colpire il naso, le orecchie, i capezzoli o le labbra.

Durante l’attacco le arterie si restringono per un breve periodo di tempo, quindi la circolazione diretta alle zone colpite si arresta completamente o parzialmente. Le zone colpite quindi possono:

  • diventare pallide e poi bluastre,
  • intorpidirsi, raffreddarsi o iniziare a far male,
  • diventare rosse, pulsare, formicolare, bruciare o intorpidirsi quando la circolazione riprende.

Gli attacchi possono durare meno di un minuto oppure anche diverse ore. Possono verificarsi tutti i giorni o una volta a settimana.
Gli attacchi spesso iniziano da un solo dito delle mani o dei piedi, per poi estendersi anche alle altre dita. A volte possono colpire soltanto una o due dita. Le zone colpite possono cambiare a seconda del momento.
I casi più gravi di sindrome di Raynaud secondaria possono provocare ulcere o la cancrena. La cancrena è la morte o la decomposizione dei tessuti. Fortunatamente, le forme gravi di sindrome di Raynaud sono rare.

Diagnosi

Il medico diagnostica la sindrome di Raynaud (Raynaud primario) o il fenomeno di Raynaud (Raynaud secondario) basandosi sull’anamnesi, sulla visita e sui risultati degli esami.

Specialisti coinvolti

La diagnosi e la cura della patologia spesso spettano ai medici di famiglia o ai medici generici.

Se siete affetti da questo disturbo, probabilmente consulterete anche un reumatologo, cioè un medico specializzato nella diagnosi e nella terapia dei disturbi delle articolazioni, delle ossa e dei muscoli.

I reumatologi possono diagnosticare e curare molti dei disturbi connessi al Raynaud secondario, come la sclerodermia e il lupus.

Anamnesi

Il medico probabilmente vi chiederà se sono presenti i fattori di rischio per il disturbo. Potrà chiedervi quali sono i segni e i sintomi quando vi esponete alle basse temperature o allo stress.

Ad esempio il medico potrà chiedervi se le dita delle mani o dei piedi:

  • si intorpidiscono o iniziano a far male quando sono esposte alle basse temperature,
  • diventano bianche e/o bluastre quando sono esposte al freddo.

Visita

Il medico visiterà le dita delle mani dei piedi per controllare l’integrità della pelle e delle unghie e il comportamento della circolazione nella zona.

Il medico, inoltre, potrebbe effettuare una visita più approfondita per escludere sintomi di altre patologie e malattie connesse al Raynaud secondario.

Esami e modalità di diagnosi

Il medico probabilmente vi consiglierà di eseguire gli esami seguenti per diagnosticare la sindrome di Raynaud e le patologie connesse.

Test da stimolazione da freddo

Il test da stimolazione da freddo può essere usato per scatenare in ambulatorio i sintomi della sindrome di Raynaud. Durante l’esame, un piccolo termometro viene fissato alle dita, poi il paziente espone le mani al freddo, di solito mettendole brevemente in acqua ghiacciata.

Il paziente toglie le mani dall’acqua ghiacciata, poi il termometro aiuta a misurare il tempo impiegato dalle dita per ritornare alla temperatura normale. Se soffrite di sindrome di Raynaud, probabilmente le dita impiegheranno più di 20 minuti per ritornare alla temperatura normale.

Capillaroscopia delle unghie

Probabilmente dovrete eseguire un esame detto capillaroscopia delle unghie. Il medico, prima dell’esame, mette una goccia d’olio alla base dell’unghia, poi la esaminerà al microscopio.

Se il medico diagnostica un’anomalia delle arterie, probabilmente il paziente soffre di una patologia connessa alla sindrome di Raynaud, ad esempio di sclerodermia.

Altri esami

Il medico probabilmente userà altri esami per diagnosticare le patologie connesse al Raynaud secondario. Tra di essi ricordiamo: l’esame degli anticorpi anti-nucleo (ANA), l’indice di eritrosedimentazione e l’esame della proteina C reattiva (CRP).

Cura e terapia

Finora non è stata scoperta alcuna cura né per la sindrome di Raynaud (Raynaud primario) né per il fenomeno di Raynaud (Raynaud secondario), tuttavia le terapie sono in grado di far diminuire il numero di attacchi e la loro gravità. Tra le terapie efficaci ricordiamo:

  • le modifiche dello stile di vita,
  • i farmaci
  • e, in rari casi, l’intervento chirurgico.

La maggior parte dei pazienti affetti da Raynaud primario può gestire il disturbo modificando il proprio stile di vita. Chi è affetto da Raynaud secondario, in aggiunta, probabilmente dovrà ricorrere alla terapia farmacologica. In rari casi, dovrà effettuare un intervento chirurgico o una terapia iniettiva.

Se soffrite di sindrome di Raynaud e siete colpiti da ulcere sulle dita delle mani, sulle dita dei piedi o in altre zone, andate immediatamente dal medico. Una terapia tempestiva può aiutarvi a evitare che si formino lesioni permanenti.

Modifiche dello stile di vita

Modificando il vostro stile di vita probabilmente riuscirete a evitare i fattori e le situazioni che provocano gli attacchi. Tra i fattori scatenanti ricordiamo:

  • le basse temperature,
  • gli stress emotivi,
  • determinate sostanze presenti nell’ambiente di lavoro e nel vostro ambiente quotidiano,
  • il contatto con particolari sostanze chimiche o farmaci.

Proteggersi dal freddo

Per proteggervi dal freddo:

  1. Quando fa freddo, indossate un cappello, le manopole (anziché i guanti), la sciarpa, abiti con polsini comodi e calze e scarpe calde. Per stare più caldi, vestitevi a strati.
  2. Mettete uno scaldamani o uno scaldapiedi nelle manopole, negli stivali, nei calzini o nelle tasche. Gli scaldamani o scaldapiedi sono piccole borse dell’acqua calda oppure funzionano a batteria. Li potete acquistare nei negozi di articoli sportivi.
  3. Quando vi trovate in ambienti con l’aria condizionata, cercate di spegnere il condizionatore, oppure vestitevi bene.
  4. Prima di viaggiare al freddo, fate scaldare bene la macchina.
  5. Quando tirate fuori qualcosa dal frigo o dal freezer, indossate i guanti o le manopole (se avete gravi problemi col freddo).

Evitare tutti gli altri fattori scatenanti

Cercate di evitare tutte le situazioni che vi fanno star male o vi stressano. Cercate di imparare a gestire le situazioni stressanti che non potete evitare. Per alcune persone l’attività fisica può essere utile per gestire lo stress; per altre può essere utile ascoltare la musica oppure concentrarsi su qualcosa di calmo e tranquillo per diminuire lo stress. Alcuni pazienti trovano giovamento dallo yoga, dal tai chi o dalla meditazione.

Cercate di evitare i fattori scatenanti sul luogo di lavoro o nel tempo libero. Ad esempio cercate di usare il meno possibile gli utensili o le attrezzature che vibrano, come il trapano. Indossate tutti gli equipaggiamenti protettivi quando vi trovate a lavorare con sostanze chimiche industriali; cercate inoltre di limitare i movimenti ripetitivi delle mani, ad esempio la scrittura al computer o suonare il pianoforte.

Alcuni farmaci possono provocare gli attacchi di sindrome di Raynaud. Tra di essi ricordiamo:

  • Farmaci contro l’emicrania che contengono l’ergotamina, una sostanza che ostruisce le arterie.
  • Alcuni chemioterapici, come il cisplatino e la vinblastina.
  • Alcuni farmaci da banco per il raffreddore e l’allergia e alcuni farmaci dimagranti, in grado di ostruire le arterie.
  • Betabloccanti che fanno diminuire la frequenza cardiaca e la pressione.
  • Pillola anticoncezionale che modifica la circolazione.

Chiedete sempre al vostro medico se questi farmaci sono sicuri.

Altre modifiche dello stile di vita

Per evitare gli attacchi di sindrome di Raynaud è opportuno effettuare anche altre modifiche del proprio stile di vita, ad esempio introducendo l’attività fisica per uno stile di vita più sano. L’attività fisica migliora la circolazione ed evita che vi raffreddiate troppo.

Diminuite l’uso della caffeina e dell’alcool, sostanze in grado di scatenare gli attacchi. Se fumate, cercate di smettere, perché il fumo può far peggiorare i sintomi. Chiedete al medico quali prodotti e quali terapie potrebbero aiutarvi a smettere; cercate inoltre di evitare il fumo passivo.

Per cercare di interrompere gli attacchi già iniziati potete seguire questi consigli:

  1. Se fa molto freddo, spostatevi in un luogo più caldo, ad esempio al chiuso,
  2. Scaldatevi le mani o i piedi. Mettete le mani sotto le ascelle, oppure mettete le mani o i piedi a bagno in acqua tiepida,
  3. Muovete le dita delle mani o dei piedi, oppure massaggiatele,
  4. Muovete le braccia, oppure scuotete le braccia o i piedi.

Se soffrite di sindrome di Raynaud, cercate di prendervi cura delle mani e dei piedi. Proteggeteli dai tagli, dalle ferite e dagli altri tipi di traumi, ad esempio indossando scarpe comode e cercando di non camminare scalzi. Usate la crema idratante per non far disidratare e screpolare la pelle. Non indossate braccialetti e anelli troppo stretti.

Farmaci e chirurgia

Se le modifiche dello stile di vita, da sole, non riescono a tenere sotto controllo la sindrome di Raynaud, probabilmente dovrete seguire una terapia farmacologica o chirurgica. I farmaci servono per migliorare la circolazione diretta alle dita delle mani e dei piedi.

Tra i farmaci usati per curare la sindrome di Raynaud ricordiamo

  • i calcioantagonisti,
  • gli alfa bloccanti,
  • le creme per la pelle,
  • gli ACE-inibitori (questi ultimi usati con minor frequenza).

I casi più gravi di sindrome di Raynaud secondaria possono provocare ulcere o la cancrena, cioè la morte o la decomposizione. In questo caso, possono essere necessari gli antibiotici o l’intervento chirurgico di rimozione dei tessuti lesionati. Nei casi più gravi, si deve procedere all’amputazione del dito.

Un’altra terapia per i casi più gravi di sindrome di Raynaud consiste nel blocco dei nervi delle mani o dei piedi che controllano le arterie. Quest’intervento può essere utile per prevenire gli attacchi, ed è effettuato per via chirurgica o tramite iniezioni.

L’intervento chirurgico spesso riesce ad alleviare i sintomi, ma a volte solo per pochi anni. Anche le iniezioni probabilmente devono essere ripetute se i sintomi persistono o si ripresentano.

Convivere con la sindrome di Raynaud

Il Raynaud primario (sindrome di Raynaud) e il Raynaud secondario (fenomeno di Raynaud) possono essere disturbi cronici, tuttavia è possibile prendere opportune precauzioni per tenerli sotto controllo. Per gestirli può essere utile modificare il proprio stile di vita e seguire un programma di follow-up.

La maggior parte dei pazienti colpiti da Raynaud primario può tenere sotto controllo il disturbo modificando il proprio stile di vita. Chi è affetto da Raynaud secondario può aver bisogno di una terapia farmacologica, oltre che delle modifiche dello stile di vita; più di rado, si deve ricorrere all’intervento chirurgico o alle iniezioni.

Fonte Principale: NIH (traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

    1. Mary

      Sono affetta dal fenomeno di raynaud con ana positivi ….mi è stato proibito l’esposizione al sole …..vorrei perfavore sapere il perchè grazie

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Credo che il rischio sarebbe di sviluppare rash ed eritemi.

    3. Mary

      Grazie per avermi fornito una spiegazione…..Ho molta fiducia dai medici che sono seguita…ma la cosa tremenda è sentirsi dire smettere di fumare….e ok!!!! Dall’oggi al domani ho smesso… Non bere alcoolici chi se ne frega mai bevuti….infine la cosa più atroce per me non posso più prendere la tintarella al mare potrei ammalarmi ecco cosa mi hanno detto ….dalle 10:00 alle16:00 non potrei uscire ….e quando esco mi dovrei mettere una crema protezione totale e coprirmi il più possibile indossando qualcosa a manica lunga….tutto ció ovvio nel periodo estivo…..la cosa almeno bella è quando mi hanno detto che posso vivere una vita normale senza restrizioni…peró con questi accorgimenti ed altri che non sono di grosso sacrificio….non cè il rischio che mi ammalo..poi comunque periodicamente devo fare degli esami di controllo…. A QUESTO PUNTO LA RINGRAZIO E LA SALUTO.

  1. claudia

    Dottore buonasera, sono una signora di 47 anni e soffro del fenomeno di Raynaud da molti anni ma solo da pochi mesi mi è stato diagnosticato. Nel dicembre scorso ho avuto un attacco così devastante che sono dovuta andare al pronto soccorso ed è da li che ho cominciato a curare questo fenomeno.
    la dott.ssa reumatologa che mi ha in cura mi ha prescritto il plaquenil 200 mg che prendo regolarmente tutti i giorni, mi ha interrotto la piccola contraccettiva, anche sotto parere del mio ginecologo, e mi ha detto di
    ripetere tutti gli analisi del sangue a giugno prossimo. Sono sicura di essere in ottime mani anche perché adesso so cosa devo curare… A questo punto però ho bisogno di farle una domanda… Solo nel primo mese dopo avere interrotto la pillola il ciclo mi è arrivato in ritardo, il mese successivo puntuale, ma dopo appena quindici giorni mi è ritornato.
    dottore può dipendere da questa cura che sto facendo???? Tenga conto che il ginecologo mi ha detto che lo può fare ma io preferisco che anche lei per la sua professione mi risponda..
    grazie tante,
    aspetto con ansia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Le confermo che può succedere, anche in considerazione dell’età.

  2. stella

    Anche io sto facendo degli esami x la sindrome di raynoud e mi hanno fatto fare anche una RMcervicale e lombare, anche l’ernie possono influire x qsta patologia? Io lavoro in pescheria e qsto comporta ulteriori danni?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Le ernie non dovrebbero influire direttamente che io sappia.
      Sicuramente il freddo dei frigoriferi e dei pesci non aiuta.

    2. koko

      oh 45anni soffro di congelamento alle dita sono stato due volte operato di ernie alla schiena faccio il marmista vorrei un consiglio

  3. Gilda

    Buon pomeriggio dott. Cimurro, leggendo il suo articolo ho il sospetto di soffrire di questa sindrome da quamdo ero bambina (ora ho 32 anni) perché ogni volta che sono stressata o fa molto freddo (sotto i 15°) le mie unghie diventano blu-viola il che non mi ha mai spaventato più di tanto. Poi parlando con amici mi hanno parlato di questa sindrome e ho fatto delle ricerche e i sintomi ci sono tutti. Volevo sapere per favore se è una malattia grave?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, soprattutto nel suo caso dove non si vedrebbero altri sintomi.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Manifestazioni più estese, più a lungo e più spesso.

    3. Gilda

      Capisco, beh nei periodi più freddi ho notato che gli episodi aumentano ovviamente e sento sollievo massaggiando le mani o mettendole sotto l’acqua tiepida

  4. Roberto

    ho 54 anni e da due anni soffro di questa sindrome nel mignolo e anulare dx……a volte capita anche nel sx…..tre anni fa’ mi hanno operato i tunnel carpali in tutte due le mani……il problema pero’ riguardava il nervo mediano quindi avevo problemi nei pollici-indici e medi……il problema non e’ esagerato ma mi disturba……dato che sono un motociclista che gira anche d’inverno…..la mia domanda e’ potrebbe essere stato questo il motivo? (cioe’ l’intervento ai tunnel carpali)…..se mi facessi operare l’altro nervo del tunnel carpale (cioe’ quello che interessa il mignolo) potrei avere speranze?……premetto pero’ che non ho formicolii

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, purtroppo le confermo che la moto può aumentare il rischio di sviluppare il problema; l’intervento è l’unica strada, da valutare però con lo specialista se sia già il momento di eseguirlo.

  5. anna

    Da quando ero piccola soffrivo di circolazione alle gambe..ora a 36 anni divento a macchie dalla testa ai piedi ..mokte volte l anulare del piede sinistro non lo sento piu x il freddo e soffro di alcuni crampi ..infatti il dito si piega..ho fatto visite svariate sulle vene ma il problema non deriva da li…quindi ? E ‘ possibile che sia la sindrome di cui parlate ?

  6. nino

    Mio figlio ha spesso i piedi rossi e gonfie e non li può appoggiare che gli fanno male e la stessa sindrome?

    1. Anonimo

      No anche oggi che ce una temperatura estiva non può stare in piedi sta con i piedi alzati si sgonfianoma quando si mette in piedi ricomincia il bimbo assume per causa di tonsille gonfie tinset e aircort potrebbe essere un fattore collaterale?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non credo che sia sindrome di Raynaud; il fastidio è comparso con l’inizio dei farmaci?

  7. ROSINELLA ROSINUCCIA

    SONO MALATA DI MORBO DI ADDISON, SOFFRO DI PRESSIONE ALTA CON SBALZI DA ALT A BASSA E DA ALTA AD ALTA,HO CELLULE IN TESTA NEL CERVELLO CHE DICONO SIA NICOTINA,HO AVUTO UN ISCHEMIA ,MI HA PRESO LA LINGUA.PARLO SENTO SAPORI E TUTTO ,MA E’ COME SE IN BOCCA ( XCHE’ ADESSO SI STA COMPLICANDO CON LE LABBRA E DENTI ) E’ COME SE AVESSI SEMPRE SABBIA IN BOCCA ,MI E’ SUCCESSO GIA 3 VOLTE DI COMINCIARE A MORIR DI FREDDO E METTENDOMI NEL LETTO MI FACEVO COPRIRE SEMPRE DI PIU’ FINO A CHE POI ARRIVA UL SONNO ALL IMPROVVISO E MI RISVEGLIO RISCALDATA, SEMBRA COME SE ANDASSI IN IPOTERMIA,L HO’ DETTO AL MEDICO RISPONDENDOMI CHE SONO LE PILLOLE E CHE NON E’ DA PREOCCUPARSI,MENTRE INVECE IO MI PREOCCUPO E COME,ANDARE IN STRADA IN PIENA ESTATE CON IL CAPPOTTO E’ IL COLMO E QUESTO SUCCEDE A ME,NON POSSO STARE IN POSTI FREDDI ALTRIMENTI COMINCIO A CONGELARMI AUMENTANDOMISI LA PRESSIONE ALTA.DOTTORE NON SO A CHI RIVOLGERMI MI DIA QUALCHE SPIEGAZIONE ,LA RINGRAZIO,ASPETTO CON ANSIA LA SUA RISPOSTA.ARRIVEDERCI.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma purtroppo è una situazione al di là delle mie competenze; per il morbo di Addison è seguita da uno specialista?

    2. Giuliano

      Siccome non capiscono la causa della malattia”Reynault”provate a vedere i filmati yuotube del dottor Piero Mozzi

  8. Alessandro

    Salve,

    L’altro giorno, sono andato a Riva del Garda, mi sono messo la crema solare ad alta protezione, ho mangiato le ciliegie e poi sono andato a fare un bagno, ovviamente era molta fredda ma dopo un pò mi sono abituato (addirittura c’erano bambini che giocavano in acqua) e ci sono stato un quarto d’ora a nuotare, poi sono risalito e sono andato ad asciugarmi al sole, ad un certo punto le mie dita delle mani e dei piedi, hanno cominciato a gonfiarsi e a intorpidirsi ma erano calde e viola e mi sono venute delle macchioline gonfie rosee su buona parte del corpo (sotto le braccia, pancia, fianchi, interno coscia, lombare) mi sono durati qualche ora ma la cosa strana a parte le mani e i piedi non mi facevano prurito, nessun fastidio.
    Vorrei sapere se era la crema solare, le ciliege o l’acqua fredda a causare questa “specie” di allergia o reazione? Ho 27 anni e il fatto delle mani gonfie e intorpidite mi capita anche in inverno da quando passo da freddo a caldo ma mi durava pochi minuti e mai così gonfie

  9. mina

    salve ,anche io soffro per colpa dell raynaud mi dica una cosa per favore ,anche se fa caldo ora che siamo in estate io mi sento le braccia dai gomiti in giu e i piedi dalle caviglie in giu di ghiaccio anche se a volte tocandole il mio fidanzato mi dice che non sono fredde ,io ora chiedo a lei e colpa dell raynaud?cosa dovrei fare?non fumo e evito di bere coffeina ,e soprattuto non bevo caffè,in inverno cioe novembre-dicembre puoi febbraio -marzo sotto il consiglio dell mio medico prendo Angioflux,grazie mille.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, probabilmente sono effetti della sindrome; alcune strategie le trova descritte nell’articolo, purtroppo non sempre sono sufficienti.

  10. Francesca

    Estimato Dottore, da un po’ di tempo ho dolori alle dita delle mani e dei piedi, credo associati a un’insonnia prolungata dovuta a un grande stress per un master di due anni all’estero.
    Pensavo il dolore fosse dovuto a un accenno di tunnel carpale e due ernie cervicali, ma ho fatto i controlli ad aprile, in Italia, e tutto piu’ o meno nella norma. (prima dell’insonnia non avevo i dolori ai piedi)
    Ho fatto anche l’ecocolordoppler per familiarita’ (vasi capillari e vene varicose) ma mi hanno dato solo misure di prevenzione.
    DA VARI GIORNI SENTO PERO’ LE DITA DEI PIEDI COME AVESSI DEI GELONI: non mi sembra abbiano un colore particolare ma sono molto dure per muoversi.
    Torno in Italia tra un paio di settimane, che esami mi consiglierebbe? L’elettromiografia ai piedi? potrebbe ESSERE ARTROSI?
    E nel frattempo cosa potrei fare? (Mi trovo nel sudest del Messico e non ci sono grandi dottori). La ringrazio molto, sono un po’ spaventata.
    Francesca

  11. Francesca

    Spero di si , di riuscire a riposarmi.
    Ma lei crede sia grave? O che posas lo stress ?
    Non riesco a stare tranquilla, ho paura di avere qualcosa.
    Se mi puo’ consigliare qualche visita , per i piedi soprattutto (per le mani mi sembra di averne gia’ fatte abbastanza, e non mi fanno poi tanto male) la ringrazierei moltissimo, cosi’ la prenoto prima di tornare qui.
    Buona serata.
    Francesca

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In tutta onestà al suo posto verrei in Italia e mi dimenticherei di tutto per una settimana, se ancora persistessero i problemi sentirei innanzi tutto il medico di base.

  12. Francesca

    La ringrazio…si verro’ in Italia tra due settimane e spero tutto vada meglio.

    Buona serata,
    Erica

  13. Mauro

    buongiorno,ho mia figlia di diciassette anni che anni da due soffre di questa sindrome (sindrome di raynaud) ho letto il il vostro articolo,capisco la differenza tra primario e secondario. Non capisco perche a mia figlia non solo vengono quei disturbi da voi citati,in forma lieve ma lei accusa dolore alle spalle alle gambe e alla testa avvolte anche con vertigini. Cosa mi consigliate di fare ,anche solo se esistono assciazioni di ricercatori al riguardo o analisi a che il mio dott non pensa…. arrivederci….

  14. umberto46

    i farmaci che controllano la pressione influiscono su questa malattia?

  15. Giulia

    Salve dottore. Soffro da ormai quasi 2 anni del fenomeno di raynaud (o sindrome. .. nn si è ancora molto capito). ho fatto numerosi esami, gli anticorpi nella norma fino ad oggi. Soffro di dolori e contrazioni alle articolaz. ed escludendo l artrite reumatoide ed altro mi e’ stata associata alla fibromialgia. Qst esami fatti un anno fa. diciamo ke il reumatologo nn è stato mlt tempestivo, tanto tempo perso tra esami …. cosi che quest anno mi è iniziato un problema al dito medio, lateralmente mi si rompono i capillari e sono visibili a occhio nudo delle macchie di sangue interne che si espandono x giorni x poi sanarsi pian piano (dolore allucinante, pungente e penso d poterle definire delle microemoraggie dato che dalla capillaroscopia si vedevano ancor prima di spuntare cosi visibilm). ma il fatto è che mi sta succedendo anche in estate dopo aver staccato il trental 600, x riposarmi un po. ma tutto qst pensa sia dovuto sempre al fenomeno di Raynaud?? mi sa dovrò cambiare reumatologo qst anno….. perché tutto qst succede sempre e solo in questo dito? (intendo i capillari k si rompono e portano gonfiore e dolore)

    1. Anonimo

      parlo di non tempestività perché alla fine dopo un anno e mezzo è stato il mio medico di base a prescrivermi il trental vedendomi con questo dito gonfio e segnato da macchie di sangue interne.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma temo sia una situazione al di là delle mie competenze.

  16. Anonimo

    Salve dottore.sono una ragazza di 23 anni. La mia situazione é ancora indefinita. Ho scoperto di soffrire di sindrome di Raynaud con connettivite indifferenziata e fibromialgia. Ho iniziato la cura data dal reumatologo, solo che le mani mi peggiorano sempre di più; variano dal bianco al rosso e per finire blu-viola. come se fosse un blocco circolatorio! Ora la mia domanda è questa.. Lavoro in fabbrica…dopo che torno da lavoro ho la febbre.. Secondo lei questa febbricola, è dovuta dal RAynaud? Cordiali saluti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Anche nel week-end, o comunque quando non lavora, negli orari che coincidono con il ritorno dal lavoro rileva questi valori?

    2. Anonimo

      Quando non lavoro scende di poco e varia dal 36.5 a 36.7. Solo quando torno da lavoro rilevo il valore a 37. Possibile siano i movimenti ripetitivi?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo segnali al medico per un suo parere, ma in questa fase raccomando per quanto possibile di rimanere serena.

  17. morena

    Salve io ho un amica che ha questa sindrome, lei è già in cura, ma io volevo solo sapere per poi consigliarle se in qualche modo queste tipo vescichette che si formano sulla punta delle dita si possono curare ed eventualmente aiutare per farle sparire? grazie in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ci sono delle creme che possono aiutare, ma purtroppo non posso suggerire farmaci.

    2. morena

      A base di?perchè ieri è stata in farmacia ma le hanno dato una pomata antibiotica,va bene? poi volevo chiedere se una crema corpo a base di urea dell eucerin va bene per idratare? grazie

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, l’antibiotico in certi casi può avere senso.
      2. Dipende dai casi, ma è importante che la concentrazione di urea sia molto bassa per evitare effetto scrub.

  18. morena

    urea al 5%… che dice posso consigliarglela o meglio andare in farmacia per eventualmente altre?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ideale in questi casi è farsi consigliare dal centro o dallo specialista che segue il paziente, che ha l’esperienza di numerosi casi simili alle spalle; la crema idratante che va bene per un soggetto sano, non è detto che sia l’ideale nel caso di queste sindromi.

    2. marco

      salve dottore,ho il fenomeno di raynaud secondario accompagnato da una connettivite mista . Ho scoperto di avere questa patologia 4 anni fa ,all’età di 14 anni . il dottore mi ha prescritto il trental 6oo mg x la circolazione, plaquinil, metrothexate, e il deltacortene . sono due anni da questa parte che mi scappano le urcere alle dita ma solo durante la stagione invernale , invece questo ultimo anno mi sono iniziate a uscire anche d’estate .secondo lei dottore quale è la causa?

  19. pietro

    Salve dottore volevo sapere se a palermo conosce qualche centro o magari qualche suo collega a cui possiamo rivolgerci , si tratta di mia madre che a quanto pare visto gli esami fatti tutto porti a questa sindrome di raynoud spero che possa aiutarmi. grazie

  20. Chicca

    Buongiorno Dottore,
    nel 2012 mi stavo recando al lavoro in Svizzera ed ho subito un incidente stradale,contusioni multiple questo il responso degli esami effettuati al pronto soccorso.
    Inizio a lamentare nei controlli successivi un forte dolore all’anca dx.
    Logicamente dal fisiatra che mi aveva in cura viene fatta una diagnosi: disturbi d’ansia,chiudendomi così l’infortunio nel febbraio 2013,consigliandomi però di non rientrare al lavoro e proseguire con la malattia.
    Bene,detto fatto,i dolori però aumentavano….
    A maggio il primo intervento all’anca per l’asportazione della cisti,poi a novembre dati i forti dolori e l’incapacità a deambulare si decide per l’artroprotesi.
    Per non farmi mancare nulla,si aggiungono fortissimi dolori dal ginocchio alla caviglia,eh già!!!!! Poca riabilitazione,usi la carrozzina per gli spostamenti e vista la zoppia metta un plantare di due centimetri negli spostamenti con i bastoni!!!! Vengo così dimessa.
    Decido di fare un elettromiografia,volevate che mi facessi mancare una lesione al nervo popliteo?
    Terapia farmacologica con pregabaldin,miorilassanti,antidepressivi,per forza, la depressione finalmente era arrivata,a 42 anni sfiderei chiunque in quelle condizioni!
    Ma ancora non passano i vari dolori ed il fisiatra,in italia,durante una visita, sospetta la presenza della fibromialgia,tender point 18/18,esami ematici visita reumatologica.
    EVVIVA!!!!! un amica in più!
    A luglio di quest’anno estrazione di un dente,anestesia tronculare.
    Esito? Emiparesi buccale sx,visita neurologica,referto:riconducibile al trauma subito.Quale dei tanti?
    E ora…..mignolo mano sx intorpidimento che si estende lungo il palmo e da due settimane senza alcuna sensibilità al tatto,iniziando adesso ad estendersi all’anulare.
    Lei pensa che possa trattarsi della sindrome di Raynaud?
    Dottore mi aiuti sono stanca!!!
    Aggiungo un ultima cosa,con l’inabilità lavorativa del 100% certificata dal medico curante,la ditta mi ha licenziata e nessuno ancora è stato in grado di aiutarmi per far valere i miei diritti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma purtroppo temo che sia una situazione al di là delle mie competenze.

  21. Anonimo

    Buona sera dottore io ho 42 anni sono cubana e sono 17 anni k sono in italia ..ma sono di circa 4 ho 5 anni che ho questi sintomi le ditte delle mani e piedi mi diventano bianche!! E non li sento!! Sono stata operata dil tunnel carpale all due mani !! Pero y disturvi continuano!!! Alla notte nn dormo con formicolio!!! La mia domanda è puo essere quella malattia di qui parlate? E cosa mi consiglia di fare??ce una cura??

  22. mariela

    Mi scusi dottore ho dimenticato di mettere il mio nome!!! Sono sempre la ragazza di cuba!!!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è possibile; raccomando di rivolgersi al medico per una diagnosi esatta, se venisse confermata questa ipotesi si valuterebbe come ridurre i sintomi.

  23. Anonimo.

    Buonasera dottore, sono un ragazzo di 19 anni.
    Sono sempre stata una persona ansiosa, ed ho spesso convissuto con gli attacchi di panico.
    In virtù di ciò, ho fatto un elettrocardiogramma ad aprile, che non ha evidenziato nulla e catalogato il problema come “ansia”.
    Provavo spesso i battiti, e da quando ho smesso, la tachicardia è diminuita considerevolmente.
    Ieri, tuttavia, mi sono ritrovato le unghie viola alla sera. Questo problema è sparito dopo neanche mezz’ora.
    E oggi nella medesima fascia oraria, si è ripresentato.
    Il dottore dice che può essere dettato dal freddo, difatti sto spesso sù di notte a termo spenti.
    Consiglia l’ecocuore? Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non ne vedo il motivo, ma ovviamente l’ultima parola spetta al medico.

  24. Teresa

    salve dottore, da poco ho avuto un aborto spontaneo al termine del secondo mese di gestazione, puo’ esserne causa il morbo di renoud di cui soffro da diversi anni? grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non che io sappia (quantomeno non direttamente, alcune sindromi associate potrebbero invece avere un certo peso).

    2. Teresa

      ma quindi dovrei capire se ci sono altre sindromi che unita a quella potrebbe essere la causa dell’interruzione? la mia eta’ è 27 anni :(

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo capita molto più spesso di quanto si pensi ed in genere non si fanno esami od analisi se non dopo tre episodi consecutivi, senta comunque il parere del suo ginecologo.

  25. tiziana

    Salve Dottore l’anno scorso ho scoperto di soffrire di questa sindrome…può causare sbalzi nel ciclo mestruale??io ho 38 anni ma ne soffro fin da ragazzina e nn sono mai stata regolare con il ciclo….grazie mille x la sua risposta…

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.