Alito cattivo (alitosi): cause e rimedi

Ultimo Aggiornamento: 995 giorni

Introduzione

Con il termine alitosi, o volgarmente alito cattivo, si indica l’odore sgradevole che si emette durante la respirazione; è un disturbo che può colpire soggetti di qualsiasi sesso ed età, anche se il problema si presenta con maggior frequenza all’aumentare dell’età.

Dal punto di vista sociale è una problematica in grado di provocare un forte imbarazzo in chi ne è colpito, arrivando a mettere a rischio le relazioni interpersonali per la paura di indurre a disagio il proprio interlocutore; esiste anche un disturbo in cui il paziente lamenta una forte alitosi, nonostante l’infondatezza del pensiero (alitofobia).

Si stima che il 25% della popolazione soffra di questo problema ed il 6% presenti alito cattivo in modo permanente.

Cause

Le cause di un alito cattivo sono molteplici e di varia natura; nella maggior parte dei casi, fino al 90%, il cattivo odore ha origine direttamente in bocca, molto spesso per accumulo di residui di cibo che vengono trasformati dal metabolismo dei batteri responsabili della placca, presenti a causa di una insufficiente igiene orale su denti e lingua. E’ inoltre possibile che la causa sia una ridotta idratazione della mucosa orale.

Quando la causa non è in bocca, possono essere diverse malattie a causare l’alitosi:

Più raramente la causa del disturbo è da cercare in alcune sostanze specifiche:

  • Cibi (aglio, cipolla, cibi speziati, …),
  • Altre sostanze (tabacco, alcool, farmaci, …)

Quando l’alitosi nasce in bocca

In quasi il 90% dei casi di alito cattivo dovuto a cause del cavo orale, il problema è legato alla putrefazione di cibo, cellule della mucosa orale morte e componenti microscopici di sangue; a seguito di una complessa serie di reazioni chimiche con i batteri presenti, in particolar modo sulla parte posteriore della lingua, ha origine l’odore sgradevole.

Altri insediamenti batterici responsabili possono essere talvolta individuati in spazi interdentali, ricostruzioni dentali imperfette, ascessi e protesi/dentiere poco pulite.

E’ possibile individuare una serie di alimenti in grado di peggiorare l’alitosi:

  • latticini (latte, fomaggio, yogurt, gelato, …),
  • cipolle ed aglio,
  • alcool (per disidratazione della bocca),
  • zucchero (perchè in grado di fungere da stimolo alla proliferazione batterica),
  • caffè (a causa del suop pH acido).

Esistono poi tutta una serie di concause che possono aggravare il problema:

  • scarsa salivazione,
  • scarsa igiene orale,
  • carie non individuata,
  • resti di cibo,
  • infezioni locali (per esempio mughetto),
  • inspirazione attraverso la bocca (respirare cioè senza l’ausilio del naso),
  • stress,
  • fumo,
  • alcool.

Diagnosi

Una diagnosi medica dell’alitosi può avvenire secondo diverse metodologie:

  • Un operatore sanitario valuta l’alito e, separatamente, l’aria proveniente dal naso a 3 distanze diverse per determinare la severità del problema.
  • Utilizzo dell’alitometro, un dispositivo specifico per la valutazione dell’alitosi;
  • Utilizzo della gascromatografia per rilevare le sostanze presenti;
  • Utilizzo del BANA test, per individuare le specie batteriche presenti nel cavo orale.

Cura e terapia

Lo specialista di riferimento per questo problema è il dentista, che è in grado di valutare e diagnosticare eventuali problemi.

Il paziente, prima di rivolgersi al medico, può provare a mettere in atto una serie di strategie per cercare di risolvere in modo autonomo il problema; inizialmente è opportuno intensificare e, quado possibile, migliorare l’igiene orale quotidiana. Oltre alla normale pulizia dei denti, magari con prodotti specifici, è possibile provare a:

  • pulire la lingua con appositi ed economici strumenti in vendita in farmacia;
  • utilizzare scovolini o filo interdentale per rimuovere depositi di cibo fra i denti.

I colluttori e dentifrici formulati per combattere l’alitosi contengono di norma principi attivi antibatterici, tra cui:

  • Fluoro,
  • Zinco,
  • Eteri aromatici,
  • Oli essenziali.

Prevenzione

  1. Lava i denti almeno 2 volte al giorno, usando un dentifricio al fluoro; assicurati di spazzolare bene lungo il bordo della gengiva e sulla superficie dei denti. Dopo aver spazzolato i denti spazzola anche la lingua, in particolare nella parte più vicino alla gola (meglio sarebbe con un pulisci-lingua).
  2. Usa il filo interdentale o gli scovolini almeno 1 volta al giorno per rimuovere i residui di cibo fra i denti.
  3. Mangia più frutta e verdura tutti i giorno e diminuisci il consumo di carne.
  4. Elimina i cibi contenenti cipolla, aglio e altri condimenti in grado di peggiorare l’alito.
  5. Evita il consumo di alcool.
  6. Evita di fumare.
  7. Consuma una caramella od una gomma senza zucchero alla menta o bevi di più se la bocca sembra essere piuttosto secca.
  8. Se fai uso di un collutorio assicurati di sciacquare per almeno 30 secondi prima di sputare.
  9. Se fai suo di protesi o dentiere disinfettale spesso, se possibile dopo ogni pasto, lasciandola a bagno in una soluzione disinfettante dopo averla spazzolata.
  10. Sottoponiti alla detartrasi (pulizia dei denti) dal tuo dentista 2 volte l’anno.

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Antonio

    Gentile dott vorrei un informazione credo di soffrire di alitosi. Premetto che ho una corretta igiene orale ma sento sempre il mio alito pesante vorrei sapere a quale medico specialista devo rivolgermi e come si chiama l esame specifico x misurare se ci sono problemi di alito come scrive nel suo articolo. Grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Il primo passo sono dentista ed otorino.
      2. Halimeter (alitometro).

  2. Teresa

    Caro dottore volevo sapere se si può curare la alitosi sarebbe imfamazione allo stomaco…..la cura e stato latibiotico smesso la cura dopo e riapparsa …c’è una cura di versa apparte l’antibiotico ……grazie Millie ..Teresa

    1. Anonimo

      È successo anche a me ..come ho smesso la cura m e tornato l alito pesante e il batterio era sconfitto per me c’è qualcosa che non va con lo stomaco

  3. Anonimo

    Anke non mangiare cipolle e aglio e anke pulire bene i denti ce sempre il cattivo odore comemai?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È già stata visitata dal dentista per escludere problemi in bocca?

  4. Anna

    Buonasera dott.vi avevo scritto anche prima per questo problema. Io soffro dal alitosi. Ho fatto il controllo dal dentista non ho problemi in bocca. Ho fatto tutti analisi di sangue .fegato. reni.diabete. ecografia adomme completo. Tiroide. Non avevo nulla.poi ho fatto la gastroscopia e cio ernia iatale da scivolamento legera ho preso la cura riopan .motilex.il medico mi disse che dallo stomacco non hai nulla e che non era necessario di prendere del liquido per fare dei esami. pero Non mi ha fatto nulla sono disperata mi vergogno ad avicinarmi al mio marito soprattutto di mattino.

  5. hagar

    caro Dr. Cimurro io mi lavo i denti piu di 2 volte al giorno ma io ho le gengive molto sensibili e spesso mi capita che esce molto sangue dalla mia bocca mentre mi lavo i denti. questo può essere un motivo della causa dell’alitosi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Diciamo che può essere correlato; raccomando una visita odontoiatrica e, nel frattempo, usi uno spazzolino morbidissimo ed un dentifricio per gengive irritate.

  6. Anna

    Si un po si
    .perché prima di sentiva anche da lontano. Ma ce un altro farmaco più specifico perché io sono sicura che sia l’ernia la causa .ho mi sa dire un altro controllo che posso fare .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, ci sono farmaci più efficaci (gli inibitori di pompa).

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Lasciamo che sia lui a scegliere se fare questo tentativo ed eventualmente con quale farmaco.

  7. peppa

    Mio marito non ha nemmeno 1 caria ,non ha problemi di stomaco ,si prende I famaci x la circolazione xche’ a subito un intervento cardiologico,pero’ ha un alito pestifero,di notte e’ un morire ,cerco un aiuto disperato

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      I problemi di stomaco in che modo sono stati esclusi?
      Quando l’ultima visita odontoiatrica?

  8. Anna

    Buonasera dott ho scritto anche precedentemente per il mio problema di alitosi ho fatto pochi giorni fa un controllo della gola e ho fatto un’analisi per presenza di batteri e mi e uscito che ho il streptococo.puo essere la causa

    questo grazie

  9. Anna

    Ma come e possibile che non ho febre ho altri segni. E per curarlo solo antibiotici?.il fatto che non lo sapevo puo dare qualche conseguenza grave per la salute e soprattutto e contagiosa per i miei familiari e mio marito si deve curare anche lui. Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente il medico prescriverà antibiotici, non credo che verrà trattato anche il medico.

  10. oscar

    Mi scusi Dottore….ma l alitosi puo essere permanente???.io mi trovo solo in germania e mn saprei come muovermi.mi dia un consiglio a parte il dentista ovvio..ma.soprattutto sii sincero…ho molta paura che nn vada piu via.può essere??

  11. Dan

    Salve dottore, sono un ragazzo di 24 anni e soffro di alito cattivo ormai da qualche mese costantemente. L’igiene orale è corretta e ho fatto le analisi del sangue dove è risultata la mia biriturbina alta e indiretta. Il mio medico curante mi ha prescritto XFlor ma il suo effetto al 6 giorno è ancora nullo… come posso agire?? é diventato ormai un vero e proprio disagio.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Una verifica dal dentista va comunque fatta, così come periodiche detartrasi.
      A XFlor diamo ancora tempo.

      È un periodo stressante?

  12. Leonardo

    Salve dottore o in problema che nn posso respirare bene o sempre il naso chiuso e parlo cn il naso o sempre muco e o anche un cattivo odore in bocca poi respiro e o dolori in petto ma nn fumo più di già da tanto e mi fa male sempre la scena cosa posso fare

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita medica, serve prima di tutto capire la causa del problema; non aspetti ulteriormente, in alcuni casi si potrebbe andare incontro ad un peggioramento.

    2. Leonardo

      Ma questo dottore e tutto scemo mi dice sempre sei giovane nn ai nt mi da una pacca della spalla e fa entrare altra gente ma io oggi ci vado e mi ci arrabbio bn

  13. sayf

    Salve dottore,sono ragazzo di 29 anni e soffro di alito cattivo e non so la causa e non so ne anch’e da dove comminciare??! ormai e una problema.
    Grazie.

  14. Anonimo

    Gentile dottore di notte mi alzo spesso per andare in bagno l altra notte mi veniva quasi da vomitare avevo una grande nausea e tutto perché mi sali un senzo di alito cattivo in bocca molto forte quasi un acidità io i denti dice il mio dentista che ho un ottima pulizia di doly quando mi viene questo fenomeno si creano dei calcoli dietro le tonsille la dottoressa non sapendo cosa fossero mi fece fare un esame istologico che dice materiale amorfo necrotico con sezioni multiple una struttura organoide contenente detriti cellulari e poi restanti di cibo può essere qualcosa che viene dallo stomaco?

  15. Anonimo

    Ciao dottore sono una ragazza di 23 anni ultimamente da qualche mese a causa del reflusso gastroesofageo ho sempre un alito cattivo cosa posso prendere

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso prescrivere farmaci od altre terapie.

    2. Alessia

      Dottore grazie mille della risposta e con questo messaggio la volevo ringraziare per quello che fa ogni giorno per tante persone grazie davvero

  16. Ginevra 74

    Buongiorno dottore,sofro di alitosi severissimo da 6 mesi e vedo che la situazione va peggiorando in quanto, da poco, quando parlo con le persone si mettono le mani per tapparsi il naso mentre parlo.
    Tutto questo mi sta mettendo in forte imbarazzo…
    Ho un i gene dentale abbastanza accurata in più noto che dopo la pulizia dei denti per altre 10 minuti il mio alito peggiora. Purtroppo 10 anni fa ho dovuto fare un impianto per 4 denti.
    Potrebbe essere la causa?
    Per favore mi dica da dove devo iniziare per risolvere? e nel fra tempo cosa posso prendere o fare visto che ogni giorno devo parlare con persone?
    La prego mi aiuti sono disperata…..
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non credo che l’impianto in sé possa essere la causa.

      Inizierei con una verifica dal dentista e, a seguire, dall’otorino (per gola e reflusso).

    2. Anonimo

      La ringrazio. In attesa di ricevere gli appuntamenti con i specialisti consigliati ( per il reflusso, gastrointeologo?),cosa posso prendere?

      Grazie

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Molti pazienti hanno tratto beneficio dall’uso di CB12 collutorio.

  17. Paolo

    Buonasera Dr Cimurro, Le scrivo in questa sezione perchè non ho trovato nessua sezione corrispondente al mio problema, che ho sulla lingua. Ho usato un colluttorio alla clorexidina per 5 giorni (non consecutivi), sono consumatore abituale di caffè (2 tz/ dì) e di sigarette. Occasionalmente utitlizzo anche un gel dentale alla clorexidina. Negli ultimi giorni ho consumato anche tanti alimenti a base di cipolla. Due giorni fa ho cominciato a notare degli aloni marroncini sulla lingua, come delle striature parallele, longitudinali. Ho interrotto subito il colluttorio. Per il momento sembra migliorare. Spazzolo la lingua tutti i giorni 3 volte al giorno da anni, con un dentifricio o con bicarbonato, e fino a due giorni fa non faticavo a pulirla. In attesa di consultare il mio medico e il mio dentista, Le chiedo se,secondo Lei o secondo la letteratura medica, un eventuale fungo può avere colorazione marrone.
    Grazie.

    1. Paolo

      capisco.provando a rimuoverlo con un cottonfioc, viene via un po di marrone……

  18. lucky

    Gentile dott. Ho un problematic di alitosi since da pic cola poi email ho problem is al fegato come possible sconfiggere l alitosi

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il primo passo è trovare la causa del problema; che tipo di disturbi ha al fegato?

  19. Nick71

    Gentilissimo dottore,
    ho letto in rete che è possibile risolvere i problemi di alito cattivo mangiando aglio, tutti i giorni per un mese.
    A me la cosa pare strana e su internet si legge di tutto (peraltro, in alcuni forum si racconta la storia che Rocco Siffredi avrebbe addirittura migliorato le sue prestazioni da attore hard !!!).
    So che l’aglio ha effetti benefici per il cuore e la circolazione, ma addirittura per l’alito cattivo !
    Devo credere a queste strane storie ?
    Grazie in anticipo per i suoi consigli.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il ginecologo le ha consigliato riposo? È stata ricoverata?

  20. Anonimo

    Buongiorno dottore, soffro di alito cattivo, sono andata dal dentista ma mi ha detto che è tutto apposto e allora sono andata dalla mia dottoressa e mi ha fatto fare la gastroscopia ed è venuto fuori che ho il reflusso biliare.
    Mi ha detto di iniziare la cura con il riopan è con un inibitore pompa protonico (IPP). Può essere che l’altro cattivo sia per colpa del reflusso? E dopo quanto si vede miglioramento? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, assolutamente possibile.
      Possono servire fino a 3-4 settimane, ma in genere i primi benefici si apprezzano prima.

  21. Lucia

    Salve Dottore,ho una bimba di 2 anni che spesso ha un cattivo alito,può darmi qualche consiglio di cosa fare.
    Grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buongiorno, le cause possono essere molteplici, ha altri sintomi? alterazioni funzionali dell’intestino o forse un piccolo reflusso gastroesofageo, la faccia visitare dal pediatra. Saluti.

  22. anonimo

    Gentile Dottore, vorrei avere dei consigli riguardo l’alitosi perchè penso di soffrirne. Non ho sempre l’alito cattivo ma a volte noto una leggera patina bianca sulla lingua nonostante io la lavo. Per quanto riguarda la pulizia dei denti è ottima e utilizzo sempre il filo interdentale pur avendo l’apparecchio fisso.
    Potrebbe influire lo stomaco?
    grazie in anticipo☺

  23. anonimo

    Mi sono dimenticata di dirle che ho fatto tutte le analisi del sangue e sono uscite positive

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buonasera, se l’igiene orale è corretta e se le analisi non mostrano alterazioni rilevanti, si potrebbe esserci una problematica allo stomaco (o reflusso) oppure un problema dentale non evidente. Sarebbe opportuno fare una visita dentistica e otorinolaringoiatrica. nel momento in cui avverte il fastidio. Saluti

  24. Lena

    Mio compagno da pochi giorni ha un odore e gusto dolciastro e per la prima volta non mi va di baciarlo, da quando stiamo insieme e la prima volta che sento in lui questo odore pensa abbia la sinusite? Questi problemi possono durare molto?Vano via senza andare dal medico?Non ho coraggio di dir le che sento gli odori nel suo respiro e nel gusto del suo bacio, vorrei che andasse dal medico ma non ho il coraggio di chiedergli di fare una visita…grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La sinusite è solo una delle possibili cause, probabilmente nemmeno la più probabile (in prima battuta si consiglia in genere una verifica dal dentista).

  25. Laura

    Il mio problema di alitosi era correlato con la celiachia. E’ scomparso una volta intrapresa la dieta corretta e recuperati i problemi intestinali legati alla patologia

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.