Prostata: i valori corretti di PSA

Ultimo Aggiornamento: 1653 giorni

Link sponsorizzati

Uno degli esami più semplici per evidenziare un eventuale tumore alla prostata è l’analisi dei valori del PSA, che è un esame del sangue in grado di valutare livelli di una glicoproteina prodotta dalla prostata. In presenza di tumore i valori del PSA aumentano, perché le cellule ghiandolari malate producono molto più PSA di quelle normali.

Si rilevano saltuariamente falsi negativi, ossia valori considerati nella media che tuttavia nascondono un tumore in crescita.

Il PSA, di norma più elevato in pazienti anziani per un fisiologico aumento di volume della ghiandola con l’età, funge quindi dal marker per la diagnosi dell’adenocarcinoma prostatico e generalmente il valore considerato limite è pari a 4 ng/ml. Tuttavia è spesso difficile, se non impossibile, distinguere un tumore da un caso di ipertrofia prostatica benigna, che presenta spesso valori di PSA fra 4 e 10 ng/ml.

Allo stesso tempo si rileva che il 25-30% dei pazienti presenta valori di PSA nella norma, ossia nell’intervallo compreso fra 2.5 e 4.0 ng/ml. Quindi si considera che

  • Valori di PSA inferiori a 4 presentano un rischio di tumore pari al 5%
  • Valori di PSA compresi tra 4 e 9.9 sono associati ad un rischio pari al 25%
  • Valori di PSA superiori a 10 si rivelano tumori nel 55% dei casi

Con l’obiettivo di migliore l’accuratezza del test sono stati individuati ulteriori parametri che contribuiscono alla valutazione diagnostica; il PSAD (density), rapporto tra PSA e peso della prostata, è sospetto quando superiore a 0.15 ng/ml/gr

Si studia poi la velocità di aumento dei valori di PSA (PSA velocity), che aumenta fino a superare il valore soglia pari a 0.75 ng/ml/anno.

Si valuta infine il PSA free, che di norma indica patologia tumorale per valori inferiori al 10% ed una patologia benigna per valori superiori al 20%.

In ogni caso nessuno di questi valori risulta determinante nella diagnosi.

L’esame per il PSA non richiede di presentarsi a digiuno, mentre è necessario non avere rapporti sessuali nelle 24 ore che precedono l’esame. Se il paziente sta assumento finasteride (Proscar, Prostide, Finastid) il valore misurato dev’essere moltiplicato per 2 e poi valutato come visto in precedenza.


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Come le ho detto in precedenza sono ragionevolmente tranquillo e condivido il parere del medico.

      PS: Le chiedo cortesemente di non inviare numerosi messaggi, ma di raccogliere le domande in uno unico od al limite usando la funzione “Rispondi”; questo permette di mantenere la pagina più leggibile ed usabile. Grazie mille!

  1. Anonimo

    il suo “probabilmente” non mi tranquilizza mi scusi ma io esco da una depressione post partum

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il PSA da solo non basta mai ad alcuna diagnosi, inoltre essendo io farmacista non posso comunque formulare diagnosi o dare garanzie sulla base di dati che, appunto, non sono da soli sufficienti.

      Il mio parere? Al suo posto sarei tranquillissimo.
      Posso garantirglielo al 100%? No, non garantisco mai nulla per i motivi esposti sopra.

  2. Debora

    Buonasera le ho scritto tempo fa, mio padre all’incirca a metà novembre aveva un PSA a 8 poi andando dall’urologo e fatta Ecografia che andava bene le ha dato una cura ed era sceso a 6 nel frattempo pero ha fatto il fuoco di Sant’Antonio in modo aggressivo che ancora oggi sta male….. Adesso a rifatto il PSA ed e di nuovo a 8…possono essere i farmaci che a preso e sta prendendo per il fuoco… A farglielo di nuovo alterare?? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La diagnosi dell’urologo è stata ipertrofia prostatica benigna?
      Sta assumendo farmaci ad oggi per la prostata?

  3. Debora

    Farmaci no deve andare a controllo lunedì il testosterono e apposto il resto il referto e fibroelastica non sospetta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non sembra davvero nulla di preoccupante, ma è corretto rimanere vigili sulla situazione.

  4. anonimo

    Buona sera,
    mi scusi ma vorrei avere un chiarimento , può il valore PSA variare in modo considerevole nel breve periodo? Un mio stretto parente è passato da un valore vicino a 5 a circa 10 dopo due mesi, tra l’altro con terapia antibiotica standar prevista …
    Grazie mille per qualsiasi chiarimento

  5. anonimo

    Mi scusi ma la causa di un innalzamento così rapido? Dimenticavo ha cinquant’anni,
    Grazie ancora

  6. renato

    ho fatto analisi della prostata a gennaio 2014, con risultato 3. 81 lurologo mi a detto che era un po infiammata .mi a ordinato x 2 mesi Idiprost e poi rifare analisi . o rifatto analisi ad aprile con risultato 2,74 o rifatto a ottobre con esito ancora in aumento pari a 3,89 il mio medico mi a detto di rifarle a gennaio 2015 x vedere . ho rifatto analisi il 9 gennaio con risultato 3,61 sono andato dal medico mi a chiesto cosa mi aveva ordinato lurologoo detto idiprost lui mi fa proviamo a prendere ancora x 2 mesi e poi vediamo .lei cosa mi consiglia e meglio fare cosi o fare ulteriore visita la ringrazio x la sua risposta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      3.61 con la sua età non sembra preoccupante, da qui la relativa tranquillità del medico di base; al momento ne seguirei il consiglio, ma se e solo se anche lei fosse tranquillo, se invece pensa di rimanere in pensiero per due mesi si tolga ogni dubbio e si rivolga allo specialista.

  7. Pierluigi

    Salve
    Ho 57 anni e da qualche anno soffro spesso di prostatite
    Adesso ho rifatto gli esami del psa
    PSA TOTALE 6.61
    PSA LIBERO 0.59
    Ratio PSA 8.93
    Volevo sapere cosa ne pensa
    Grazie

  8. nicola

    volevo chiedere .da qualche anno che faccio le analisi o le piastrine nel sangue basse che continuano a diminuire . adesso ne ho 126.nel 2014 ne avevo .148. cosa mi consiglia di fare devo preoccuparmi ho 36 anni se mi puo dare un consiglio la ringrazzio

  9. Vincenzo42

    Stamani ho ritirato l’esito degli esami PSA + FREE :
    PSA 5,95 FREE 29
    Gli esami di 2 mesi fa erano : 5,86 27
    Quanto prima li farò vedere all’urologa.
    Cosa ne pensa lei?
    La ringrazio per l’attenzione e saluto cordialmente.

    Vincenzo (Torino)

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente si tratta di ipertrofia prostatica benigna; è quindi assolutamente necessario farli vedere alla specialista, ma aspetterei la visita con assoluta tranquillità.

    2. Vincenzo42

      Infatti si tratta di una IPB che ho da diverso tempo e che periodicamente controllo su suggerimento dell’urologa che ho già interpellato e che vedrò al suo rientro a Torino.
      La ringrazio per la sua sollecita risposta e la saluto cordialmente.

      Vincenzo da Torino

  10. Daniel 1980

    Salve per 8 mesi ho fatto uso di finasteride per arrestare la caduta dei capelli, adesso sono 2 mesi che non prendo più nulla, e ancora avverto calo del desiderio sessuale e lo sperma sempre liquido e poco, è possibile che la finasteride mi abbia infiammato La prostata? La ringrazio anticipatamente!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Improbabile, anzi, è un farmaco che a dosi più elevate serve a disinfiammarla.

  11. gigi

    ho 81 anni e i miei esami sono
    PSA totale 3.002
    PSA FRE 0,858
    free/ Totale PSA 29 la ringrazio per una sua risporta.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.