Tumore o Cancro: cos'è?

Ultimo Aggiornamento: 2319 giorni

Link sponsorizzati

Un tumore si sviluppa quando in una parte del corpo le cellule iniziano a crescere a dismisura: esistono numerosi tipi di cancro, ma ciascuno di essi trae origine dallo sviluppo fuori controllo di cellule anomale.

In che modo una cellula normale si trasforma in un tumore?

Quasi tutte le cellule del corpo crescono, si dividono e muoiono in modo regolare: durante i primi anni di vita di una persona le cellule si scindono ad una maggiore velocità per consentire la crescita, mentre in età adulta la gran parte delle cellule si divide solo per sostituire quelle consumate o morte oppure per riparare lesioni.

Le cellule tumorali differiscono dalle sane poiché crescono e proliferano senza controllo: invece di morire le cellule tumorali vivono più a lungo di quanto sarebbe previsto dal codice genetico e continuano a generare ulteriori cellule anomale. Possono inoltre invadere (crescendo) altri tessuti.

La capacità di crescere a dismisura e di invadere altri tessuti è ciò che rende tumorale una cellula.

Le cellule diventano tumorali a causa di danni al DNA: il DNA si trova in ogni cellula e dirige tutte le sue azioni. Nella maggior parte dei casi, quando il DNA viene danneggiato, se la cellula non è in grado risolvere il problema si innesca un meccanismo di protezione che la porta a morte. Nelle cellule tumorali, al contrario, il DNA danneggiato non viene riparato, ma la cellula non muore come dovrebbe. Non solo, esse continuano a proliferare, creando nuove cellule di cui il corpo non ha bisogno. Queste nuove cellule presenteranno tutte lo stesso danno del DNA della cellula generatrice malata.

E’ possibile che il danno al DNA venga ereditato, ma nella maggior parte dei casi questi errori sul codice genetico  sono causati da qualcosa cui siamo esposti nell’ambiente in cui viviamo; a volte la causa del danno è evidente, ad esmpio fumare, altre volta invece non è di facile individuazione.

Una cellula tumorale presenta di solito molti errori nel suo patrimonio genetico, perchè un unico danno non è causa di cancro. Anche quando viene ereditato, è necessario che si presentino ulteriori modificazioni nel DNA prima che il tumore possa svilupparsi.

Evitare le cause più note (ad esempio il fumo) come parte di uno stile di vita sano, riduce la possibilità che possano verificarsi errori non recuperabili al codice genetico; queste precauzioni possono ridurre il rischio di sviluppare cellule tumorali anche in persone che hanno una tendenza ereditaria di esserne colpiti.

Come i tumori crescono e si diffondono

Nella maggior parte dei casi le cellule cancerose sviluppano una massa tumorale. Alcuni tipi di cancro, come la leucemia, non formano ammassi di cellule, ma coinvolgono il sangue e gli organi che lo producono e circolano attraverso i tessuti dove riescono a crescere e riprodursi; in questi tumori del sangue solo in alcuni casi le cellule malate possono anche costituire l’ammasso cellulare tipico degli altri tipi di cancro.

Spesso le cellule cancerogene viaggiano in altre parti del corpo dove iniziano a crescere sino a sostituire i tessuti normali: questo processo è alla base della formazione delle metastasi (disseminazione nell’organismo di cellule tumorali) e si verifica quando le cellule del cancro entrano nel circolo ematico o nei vasi linfatici del nostro corpo.

Non importa poi dove un tumore può diffondersi, esso viene sempre denominato in base al luogo dove ha cominciato a svilupparsi. Ad esempio il cancro al senso che si è successivamente diffuso al fegato viene comunque denominato tumore al seno e non al fegato.

Non tutti i tumori sono cancerosi, quelli che non lo sono vengono denominati benigni. I tumori benigni possono causare problemi, possono per esempio svilupparsi ampiamente e fare pressione sugli organi e sui tessuti sani, ma non possono crescere a tal punto da diventare (invadere) altri tessuti. Poiché non possono invadere i tessuti, non possono neppure propagarsi ad altre parti del corpo (metastasi). Questi tumori non sono quasi mai un pericolo per la vita.

Tipologia di tumore

Diversi tipi di cancro possono comportarsi in modo molto diverso. Per esempio il cancro al seno e il cancro ai polmoni sono malattie estremamente diverse: crescono con ritmi diversi e rispondono a trattamenti differenti. E’ per questo motivo che le persone colpite necessitano di un trattamento specifico per il tipo di tumore sviluppato.

Le varie tipologie di possono essere raggruppate in categorie più ampie, tra cui ricordiamo:

  • Carcinoma, il cancro che inizia nella pella o in tessuti che rivestono o coprono gli organi interni.
  • Sarcoma, il cancro che inizia a svilupparsi nelle ossa, nella cartilagine, nel tessuto adiposo, nei muscoli, nei vasi sanguigni o in altri tessuti connettivi e di sostegno.
  • Leucemia, il cancro che inizia a svilupparsi nel sangue e negli organi dove questo viene prodotto (midollo osseo). E’ causa di un gran numero di cellule anomale che vengono prodotte ed immesse nel sangue.
  • Linfomi e mieloma, tumori che iniziamo nelle cellule del sistema immunitario.
  • Tumori del sistema nervoso centrale, tumori che iniziamo nel tessuto del cervello e del midollo spinale.

Diffusione

Il tumore è la seconda causa di morte negli Stati Uniti, quasi la metà di tutti gli uomini e un po’ più di un terzo di tutte le donne sviluppano un cancro nel corso della loro esistenza.

Oggi milioni di persone convivono con il cancro o ne sono state colpite in passato. Il rischio di sviluppare la maggior parte dei tumori può essere ridotto da cambiamenti nello stile di vita personale, ad esempio smettendo di fumare e seguendo una dieta migliore. In genere, quanto prima viene riscontrata la presenza di un tumore, tanto migliori sono le possibilità di vivere ancora per molti anni.

Per approfondire si consiglia il sito ufficiale dell’Associazione Italiana per la Ricerca su Cancro.

Traduzione ed integrazione a cura di Francesca Giannino.


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Dottore mi scusi ma integratori di creatina aumentano la produzione di sebo? Fanno aumentare la grandezza di una cisti?

  2. Anonimo

    dottore mi scusi tordnando sul fatto del sangue che fuoriesce dalla fistola della cisti pilonidale sta a significare un aggravamento della cisti? o diciamo che avendo una fistola sacrococciggea è normale che ogni tanto fuoriesca? io cmq ripeto non ho ne gonfiore ne pus… ogni tanto diciamo goni 6/8 giorni fuoriesce un pochettino di sangue misti a materiale giallino ma nn che esca motlo solo che macchia un pochettino la carta igienica…che sia da operare lo so ma il fatto del sangue da una certa urgenza? o nn cambia nulla? ammetto che ho molta paura di questa operazione. Grazie e buon anno!!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In questo momento il suo problema maggiore è l’ansia, vedrà che andrà tutto benissimo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Come le ho già detto in passato probabilmente non è un problema; il “probabilmente” è legato al fatto che non posso vedere di persona e per motivi di responsabilità.

  3. Anonimo

    dottore mi scusi ho 25 anni e questa mattina dopo un rapporto con la mia ragazza ho notato delle tracce di sangue rosso vivo nello sperma.ora non so se dipendeva da lei o da me. però io nn ho nessun sintomo o altro. Ora però sono preoccupato. Cosa mi consiglia di fare?

  4. Anonimo

    Dottore ma un eco ai testicoli vescica e prostata puó farmi stare un pó più tranquillo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il primo passo deve sempre essere la visita, potrebbe non essere necessario procedere ad esami.

    2. Anonimo

      Nel senso basta anche solo il medico di base? Nel caso fosse un tumore anche cn una cura il sangue continuerebbe ad uscire?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, in prima battuta il medico di base va benissimo.
      2. Non salti a conclusioni, probabilmente è tutto più banale.

  5. Anonimo

    Ma se capita una sola volta va comunque comunicato? Posso stare tranquillo che alla mia età nn si tratti nulla di serio?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, va verificato.
      2. Al 99% non è nulla di cui preoccuparsi.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dipende da cosa emerge nella visita, ma spesso si fa l’esame dello sperma e l’eventuale spermiocoltura.

  6. Anonimo

    In cosa consiste l esame dello sperma? Nn è la stessa cosa della spermicoltura?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Con l’esame dello sperma se ne verificano le caratteristiche, con la spermiocoltura si cercano eventuali infezioni.

  7. Anonimo

    Dottore mi scusi la domanda 2 sertimane fa ho subito un trauma all’alluce. In pratica l unghia è rimasta normale e nn si sono formati ne ematomi e ne gonfiori. Ora a distanza di tempo mi fa male la base dell alluce e alcne volte ho come delle fitte…secondo lei mica si è danneggiata la radice dell’unghia? O meglio so che nn vedendo nn puó dire nulla ma nel caso si fosse danneggiata l unghia nn doveva farsi scura? O corro il rischio che mi possa cadere ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se si tratta di un dolore molto lieve e non ci sono tracce di ematoma ho speranza che non ci siano traumi permanenti, ma non ho purtroppo modo di garantirglielo.

  8. Anonimo

    Quali potrebbero essere questo traumi permanenti? Comunque ematomi nn ce ne sono..

    1. Anonimo

      In che senso cresita anomala dell’unghia? Nel caso fosse cosa bisognerebbe fare? Si sistema da sola?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non si preoccupi, se ci fossero problemi si vedrebbero già e sarebbe comparso l’ematoma.

  9. Anonimo

    È vero che lunghia per cadere in caso diciamo di un colpo deve essere nera? Se è normale si puó star tranquilli?

  10. Anonimo

    Qualora ci fosse una microlesione sull osso che mi provoca questo dolore se diciamo ad esempio nn viene diagnosticato corro qualche rischio l semplicemente si sana da solo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Senza vedere è impossibile esprimere giudizi certi, ma a mio avviso può stare tranquilla.

  11. Anonimo

    Dottore 2 anni fa ho avuto la mononucleosi…diciamo che ho passato un brutto periodo…io mai fatto vaccini influenzali ma quando lo feci sn stato male…ora mi sn rifattonil vaccino questo puó riattivare il virus?

  12. Anonimo

    Dottore mi aiuti. Circa 3 settimane fa hanno diagnosticato un cancro al fegato a mio zio. Ma la settimana scorsa mio zio visto che al posto della urina c’era del sangue.Io sono preoccupato per lui e mia madre è distrutta. Secondo lei il tumore si è espanso? Mio zio ha possibilità di vita? Attendo una sua risposta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma sono valutazioni che può fare solo l’oncologo che conosce esattamente la situazione di suo zio; mi dispiace molto, ma non sono in grado di aiutarla.

  13. Anonimo

    Dottore salve pggi ho fatto una eco al collo dove mi è stato detto che ho un linfonodo reattivo tonsillare…ma le tonsille sono sgonfie…leggendo su internet si parlava che un linfonodo reattivo puó anche essere l’inizio di un linfoma..dottore lei cosa mi consiglia? Devo andare da un ematologo? Io circa un mese fa ho avuto per alcuni giorni un prurito lungo il corpo ma ora nn più…cosa ne pensa? Sn davvero preoccupato

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi sembra che ci sia più che altro tanta ansia; se il linfonodo è reattivo è improbabile che dia problemi, in ogni caso senta cosa ne pensa il medico.

    2. Anonimo

      Ma puócapitare che un linfonodo reattivo sia anche diciamo un linfoma al tempo stesso?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è possibile una rottura, ma non sono in grado di entrare nel dettaglio su cause e conseguenze.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se non ha sintomi anomali non c’è pericolo che succeda.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sarebbe un linfonodo già gravemente infiammato, non può esplodere da un momento all’altro senza preavviso(!).

  14. Anonimo

    Salve dottore ho una domanda da farle…io ho la bocca sanissima e le gengive buone…solo che ieri guardandomi allo specchio ho notato che su un lato della gengiva si vedono due capillari ben marcati e di un rosso porpora…da cosa dipende? Puó esserci un tumore ed io nn me ne sono accorto?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non c’è motivo di saltare a questa conclusione, ma senza vedere è davvero impossibile esprimere giudizi.

  15. Anonimo

    Buon giorno dottore ho 27 anni praticamente circa 12 anni fa ho fatto una visita al testicolo dx xke avevo una cista il dottore mi disse che era innocua …. però volevo sapere se questa cista che ho ancora nel tempo può diventare qualcosa di brutto …. e un altra cosa cosa da quale dottore mi devo rivolgere x una visita dei testicoli

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Se era innocua non c’è motivo di temere evoluzioni maligne.
      2. Urologo.

  16. Anonimo

    Dottore ma un adenoma pleomorfo risulterebbe fisso al tatto rispetto ad un semplice linfonodo?

  17. Anonimo

    Dottore ho notato sul collo del pene all interno in pratica sotto la pelle una linea bianca di un paio di millimetri…all jnizio era solo un puntino…cosa potrebbe essere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma senza vedere non mi sento di fare ipotesi; raccomando di non trascurarla e di rivolgersi al medico.

    2. Anonimo

      So che non vedendola non sa cosa possa essere. Ma di solito cosa si forma sul pene? Di queste macchie bianche

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sarebbe come tirare ad indovinare, con il rischio di spaventarla o di indurla a trascurare la situazione; purtroppo l’unica strada è la visita dermatologica.

    4. Anonimo

      sisi lo so posso sapere solo di cosa potrebbe trattarsi? perchè con il rischio di spaventarmi? potrebbe essere un tumore?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Le cause possibili sono troppo numerose, in questi casi (come quasi sempre in ambito dermatologico) la visita è essenziale.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.