Papilloma virus (HPV): vaccino, sintomi, test, uomo

Ultimo Aggiornamento: 154 giorni

Introduzione

Il papilloma virus umano (HPV) è la più diffusa tra le malattie sessualmente trasmissibili (MST). Esistono più di quaranta tipi di papilloma virus in grado di colpire gli organi genitali maschili e femminili, ma anche la bocca e la gola: la maggior parte delle persone colpite dal papillomavirus non sa di essere stata contagiata.

Il papillomavirus è diverso sia dall’herpes virus sia dall’HIV, il virus che causa l’AIDS: si tratta in tutti i casi di virus trasmissibili attraverso contatti sessuali, che però provocano sintomi e problemi diversi.

Diffusione

Attualmente negli Stati Uniti circa 20 milioni di persone sono infette (su circa 312 milioni, ossia circa il 6%) e si registrano circa 6 milioni di nuovi contagi ogni anno. Il papillomavirus è talmente comune che circa la metà delle persone sessualmente attive viene contagiata almeno una volta nella vita.

  • Negli Stati Uniti l’1 per cento circa degli adulti sessualmente attivi è stato colpito almeno una volta nella vita dalle verruche genitali.
  • Tumore al collo dell’utero. Negli Stati Uniti ogni anno si registrano 12.000 nuovi casi di tumore al collo dell’utero.
  • Gli altri tipi di tumore causati dal papillomavirus sono meno diffusi rispetto al cancro del collo dell’utero. Ogni anno negli Stati Uniti si registrano:
    • 3.700 casi di tumore alla vulva
    • 1.000 casi di tumore alla vagina
    • 1.000 casi di tumore al pene.

Inoltre:

  • 2.700 donne e 1.700 uomini sono colpiti dal tumore all’ano
  • 2.300 donne e 9.000 uomini si ammalano di tumori della testa e del collo (attenzione: il papillomavirus è responsabile solo di alcuni tipi di tumore della testa e del collo; le altre forme sono connesse al fumo e al consumo eccessivo di alcoolici.)

Alcuni gruppi sono maggiormente a rischio per alcuni problemi connessi al papilloma virus, tra di essi ricordiamo

  • gli uomini gay e bisessuali,
  • le persone con problemi del sistema immunitario (ad esempio chi è sieropositivo).

La papillomatosi respiratoria ricorrente è molto rara, negli Stati Uniti si stima che meno di 2.000 bambini si ammalino ogni anno.

Cause

Il papilloma virus provoca anomalie nelle cellule della pelle infette, nella maggior parte dei casi i cambiamenti cellulari non sono visibili ad occhio nudo e passano inosservati. Quasi sempre l’organismo attiva le proprie difese contro l’HPV e quindi le cellule infette ritornano in breve tempo alla normalità. Quando l’organismo non combatte contro il virus questo provoca cambiamenti visibili, cioè le verruche genitali o il tumore. Le verruche possono apparire dopo settimane o mesi dall’infezione, mentre il tumore il più delle volte impiega diversi anni per svilupparsi.

Sintomi

La maggior parte dei pazienti affetti dal papilloma virus non presenta né sintomi né problemi di salute ad esso collegati: nel 90 per cento dei casi il sistema immunitario distrugge l’HPV naturalmente nel giro di due anni.

In alcuni casi, però, alcuni tipi di papillomavirus possono causare verruche genitali, sia negli uomini sia nelle donne; più raramente si formano anche verruche nella gola, questo disturbo è detto papillomatosi respiratoria ricorrente (RRP).

Altri tipi di papilloma virus sono in grado di provocare il cancro del collo dell’utero ed anche altre forme di tumori, meno comuni ma gravi, che ad esempio colpiscono la vulva, la vagina, il pene, l’ano e alcune zone della testa e del collo (lingua, tonsille e gola).

I tipi di papillomavirus che provocano le verruche genitali sono diversi da quelli responsabili del tumore, dopo il contagio da HPV non è possibile prevedere che cosa succederà, cioè se si svilupperà un tumore o se si avranno altri problemi di salute.

Sintomi e problemi legati all’HPV

  • Le verruche genitali di solito si presentano come un piccolo rigonfiamento o come un gruppo di verruche nella zona genitale. Possono essere indifferentemente grandi o piccole, piatte, in rilievo o a grappolo. Per diagnosticarle è sufficiente una normale visita ginecologica o andrologica. Le verruche possono apparire settimane o mesi dopo il contatto sessuale con un partner infetto, anche se il partner non presenta alcun sintomo visibile. Se non vengono curate possono scomparire, rimanere come sono oppure aumentare di dimensione e di numero. In ogni caso non si trasformeranno in un tumore.
  • Il cancro del collo dell’utero di solito rimane asintomatico finché non è in fase avanzata, proprio per questo è fondamentale sottoporsi regolarmente ad esami di screening, utili per diagnosticare la malattia già nelle prime fasi, e per curarla con tempestività, addirittura prima che si trasformi in tumore.
  • Altri tipi di tumore connessi all’HPV possono rimanere asintomatici finché non sono in fase avanzata e più difficili da curare. Tra di essi ricordiamo i tumori della vulva, della vagina, del pene, dell’ano, della lingua, delle tonsille e della gola.
  • La papillomatosi respiratoria ricorrente causa la crescita di verruche nella gola, in alcuni casi può provocare raucedine o difficoltà respiratorie.

Trasmissione

Il papilloma virus si trasmette tramite contatto sessuale, soprattutto durante i rapporti vaginali e anali, ma può anche trasmettersi durante i rapporti orali o con il semplice contatto tra genitali. Il contagio può avvenire tra partner eterosessuali ed omosessuali, anche se il partner infetto non presenta alcun sintomo.

L’HPV rimane attivo anche dopo anni dal contatto sessuale con un partner infetto. La maggior parte delle persone che sono state contagiate non sanno di esserlo e nemmeno di trasmettere il virus al proprio partner. È inoltre possibile essere contagiati da diversi tipi di HPV.

In casi rarissimi una donna incinta portatrice di papillomavirus può contagiare il bambino al momento del parto, in tali situazioni il bambino rischia di essere colpito dalla papillomatosi respiratoria ricorrente.

Diagnosi

Le analisi per il papilloma virus attualmente in commercio sono usate soltanto per lo screening del tumore del collo dell’utero, non esiste infatti alcun test valido per entrambi i sessi ed in grado di fornire una risposta di “positività” o “negatività” all’HPV, e nemmeno esiste un esame in grado di individuare con certezza il virus sui genitali, nella bocca o nella gola.

Gli esami più diffusi nella pratica clinica sono:

  • Pap test: Durante questo test il medico preleva un campione di cellule dal collo dell’utero, le cellule sono poi esaminati al microscopio per cercare eventuali cambiamenti anomali.
  • Colposcopia: Questo esame viene richiesto in genere in caso di positività al PAP-test; durante l’esame lo studio della cervice uterina avviene tramite un colposcopio, uno strumento che consente di esaminare la zona interessata. Il medico può applicare alla cervice alcuni liquidi che servono a visualizzare meglio eventuali anomalie cellulari.
  • Test DNA HPV: Questo test cerca direttamente il materiale genetico (DNA) di HPV in un campione di cellule. Il test può rilevare il tipo di HPV collegato al cancro cervicale. Il campione utilizzato per questo test è generalmente rimosso durante il PAP-test, o con modalità simili. Questo approccio viene sempre più spesso preferito al PAP-test, a seguito di diverse prove della sua maggior efficacia su larga scala.

Nel caso degli uomini non esistono altrettanti approcci, può in alcuni casi essere consigliata la peniscopia, una tecnica non invasiva per valutare approfonditamente eventuali anomalie cellulari sulla superficie esterna del pene.

Normalmente tuttavia il papilloma virus guarisce spontaneamente, senza causare alcun problema di salute. Se anche per ipotesi oggi fosse diagnosticata un’infezione, probabilmente entro un anno o due sarebbe scomparsa.

Cura e terapia

Per l’HPV in sé non esiste alcuna terapia, invece per le malattie causate dal virus sono disponibili terapie specifiche.

Le verruche genitali visibili possono essere rimosse dal medico oppure direttamente dal paziente, con farmaci appositi. Alcuni pazienti scelgono di non curarle e di aspettare che scompaiano spontaneamente: decidere di aspettare è un’alternativa all’approccio terapeutico.

Il tumore al collo dell’utero ha maggiori probabilità di guarigione se diagnosticato precocemente. Le donne che si sottopongono regolarmente al Pap test e, se necessario, agli esami di follow-up, possono identificare i problemi prima che il tumore si sviluppi. Prevenire è sempre meglio che curare!

Anche gli altri tipi di tumori connessi al papillomavirus hanno maggiori probabilità di guarigione se li si diagnostica precocemente e se li si cura subito con terapie adeguate.

La papillomatosi respiratoria ricorrente può essere curata farmacologicamente o per via chirurgica. In alcuni casi possono essere necessari diversi cicli di terapia o interventi chirurgici nell’arco di anni.

Prevenzione

Il rischio di contagio può essere ridotto in diversi modi:

  • I vaccini proteggono sia l’uomo che la donna da alcuni dei tipi più comuni di papilloma virus. Vengono somministrati in tre dosi ed è importante riceverle tutte per essere protetti al meglio; sono più efficaci se ricevuti prima di iniziare ad avere rapporti, cioè prima della possibile esposizione al virus.
  • Ragazze e donne. Sono in commercio due vaccini (Cervarix® e Gardasil®) che proteggono le donne da quelle forme di HPV che causano la maggior parte dei casi di tumore al collo dell’utero. Uno di essi, il Gardasil®, è in grado di prevenire anche la maggior parte dei tipi di verruche genitali. Entrambi i vaccini sono consigliati per le ragazze, nell’undicesimo e dodicesimo anno di età, e per le donne dai 13 ai 26 anni che non si sono fatte vaccinare in precedenza o che non sono state completamente immunizzate. Questi vaccini possono anche essere somministrati alle bambine, addirittura a partire dai nove anni. Si consiglia di farsi vaccinare, se possibile, sempre con la stessa marca di vaccino.
  • Ragazzi e uomini. Il vaccino in commercio, il Gardasil®, protegge gli uomini dalla maggior parte dei tipi di verruche genitali e può essere somministrato dai 9 ai 26 anni d’età.
  • Per chi è sessualmente attivo, il preservativo può diminuire il rischio di contagio. Per una maggior efficacia si consiglia di indossarlo in tutti i rapporti e per l’intera durata del rapporto. Il papillomavirus, però, può contagiare le zone non coperte dal preservativo; proprio per questo, quindi, non si può parlare di protezione totale.
  • È anche possibile diminuire il rischio di contagio da papilloma virus rimanendo fedeli al proprio partner, diminuendo il numero dei partner e scegliendo un partner vergine o che ha avuto pochi partner in precedenza. Ricordiamo, però, che è comunque possibile contrarre il papillomavirus anche rimanendo fedeli per tutta la vita a un partner solo. Inoltre può essere impossibile capire se un partner che in passato è stato sessualmente attivo sia attualmente infetto. In conclusione, quindi, l’unico modo sicuro al 100 per cento di prevenire l’HPV è l’astinenza.

Prevenzione delle patologie connesse all’HPV

È possibile prevenire i problemi di salute causati dal papillomavirus, compresi i due più diffusi, le verruche genitali e il tumore al collo dell’utero.

  • Prevenzione delle verruche genitali. È in commercio un vaccino, il Gardasil®, che protegge sia le donne sia gli uomini dalla maggior parte dei tipi di verruche genitali.
  • Prevenzione del tumore al collo dell’utero. Sono in commercio due vaccini (Cervarix® e Gardasil®) in grado di proteggere le donne dalla maggior parte delle forme di tumore al collo dell’utero. È anche possibile prevenire il tumore al collo dell’utero con normali esami di screening e follow-up in caso di esiti anomali. Con il pap test è possibile individuare cellule anomale nel collo dell’utero, in modo da rimuoverle prima che il tumore si sviluppi. In alcuni casi, insieme al Pap test, è anche possibile usare un test del DNA apposito, in grado di individuare il papillomavirus nelle cellule del collo dell’utero. Anche le donne vaccinate in giovane età devono sottoporsi regolarmente ad esami di screening, perché il vaccino non è efficace per tutti i tipi di tumore al collo dell’utero.
  • Prevenzione del tumore all’ano e al pene. Per la diagnosi precoce di questi tipi di tumore non è ancora stato individuato né approvato alcun test di screening. Alcuni esperti consigliano di effettuare ogni anno il pap test anale nel caso di uomini gay o bisessuali e di pazienti sieropositivi, perché il tumore all’ano ha una maggiore incidenza tra queste categorie di persone. Questi test, però, non sono ancora consigliati come esami di routine per lo screening del tumore all’ano, perché non si sa ancora con esattezza se siano efficaci o meno.
  • Prevenzione dei tumori della testa e del collo. Non è stato approvato alcun esame per la diagnosi precoce dei tumori della testa e del collo, ma presso gli specialisti è possibile effettuare esami appositi, se si sospetta che i sintomi siano causati proprio da questi tipi di tumori.
  • Prevenzione della papillomatosi respiratoria ricorrente. Per le donne affette da verruche genitali non è consigliabile il parto cesareo per impedire che il bambino contragga la papillomatosi, non si conosce infatti ancora esattamente se questa scelta sia utile per prevenire la papillomatosi del neonato e del bambino.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno

Fonti principali:

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Mya

    Salve dottore io non ho nessun sintomo particolare .. e domani devo fare pap test ma ho paura lei dice che non avendo mai avuto sintomi ciclo sempre regolare io possa avere il papilloma o tumore collo dell’utero? ?

  2. brumbi

    Nell’articolo non si parla di colposcopia o penescopia, perché? Sono gli esami che servono ad individuare la malattia..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La ringrazio per la segnalazione, ha ragione e provvederò ad integrare l’articolo.

  3. Claudio

    Dottore devo bruciare i condilomi e siccome alcuni si vedono difficilmente avevo pensato di segnarli sulla pelle con una matita o penna biro in modo da facilitare la visualizzazione e quindi di bruciarli. Posso usare una penna/ matita o è pericoloso che si infetti una volta bruciato? Ovviamente un puntino minimo per segnare la presenza. So che é una domanda stupida ma una volta che vado vorrei poterli bruciare tutti se non quasi tutti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non faccia nulla di tutto ciò, semplicemente sottoponga i suoi dubbi al dermatologo.

  4. maily

    Salve vorrei un suo parere.La PREGO! SONO DISPERATA mi dia delle risposte..le spiego nel dettaglio..circa due giorni fa ho avuto un rapporto con il mio ragazzo..un po doloroso alla fine fine..Il giorno dopo ho avvertito un bruciore vaginale terribile e sempre costante !sopratutto durante la minzione al muscolo interno vaginale..non riesco a stare seduta devo stare in piedi altrimenti piango dal dolore..Mi era gia capitato l’anno scorso e anche 2 anni fa..Ho fatto vari esami con esito negativo anche per il tampone..cosa puo essere e sopratutto quale farmaco posso usare per la vagina=”””((((! Grazie mille cordiali saluti!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere cistite, raccomando di fare al più presto il punto con il medico per la prescrizione di un farmaco adatto (non posso suggerire medicinali e, soprattutto, serve prima una diagnosi certa).

  5. Roberto

    Salve, settimana scorsa sono andato da medico per farmi controllare una piccola protuberanza carnosa situata sulla punta del pene,più precisamente nel buco urinario,leggermente interna, non mi da nessun dolore o fastidio, ma il medico pensa si tratti di verruca genitale legata al papilloma quindi mi ha prescritto una visita dermatologica che sosterrò il 24 di questo mese, oggi però mi sono accorto che si è rimpicciolita ed è diventata quasi nera, sta guarendo da sola o devo preoccuparmi? Nel caso stia guarendo dovrei sostenere comunque la visita dermatologica?

    1. Roberto

      No sono fidanzato da 7 mesi, però la mia ragazza ne aveva prima di conoscermi, credo sia comprasa poco prima di natale.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Appare plausibile l’ipotesi di condiloma, ma se sparisse così rapidamente e completamente porterebbe ad escludere questa ipotesi. Onestamente però non saprei ipotizzare altro.

    3. Roberto

      Mi sembra sia rimasta solo una lieve cicatrice, a questo punto che devo fare? Faccio comunque la visita dermatologica oppure rivado dal medico di base?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      La visita dermatologica è sicuramente il modo migliore per togliersi il dubbio, ma al suo posto sentirei comunque prima il parere del medico di base, alla luce dell’evoluzione che c’è stata.

  6. Tommaso

    Buongiorno dott. Cimurro,
    ho 32 anni e ieri mattina ho notato di avere una cosa anomala nel pavimento orale ovvero sotto la lingua e credo si tratti di un’ecrescenza lieve di carne, non sento fastidio ne dolore ma lo sento quando muovo la lingua ed essa presenta un color roseo e forse anche bianco come se fosse una vescica.
    cosa potrebbe essere? sono consapevole che è necessario una visita medica ma per avere qualche idea.
    papilloma virus?? io ammetto che ho sempre utilizzato il profilattico e ho fatto poco sesso orale, il papilloma si può contrarre tramite il bacio.
    grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è impossibile contrarlo attraverso un bacio o, più probabile, con un rapporto orale praticato; ovviamente è solo un’ipotesi.

    2. Anonimo

      quindi cosa potrebbe essere? è proprio un lembi di carne vicino al frenulo sotto lingua
      mi devo preoccupare?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, non deve preoccuparsi, potrebbe essere anche una papillomatosi benigna per esempio, ma va verificato.

    4. Anonimo

      la ringrazio!
      comunque la settimana prossima ho la visita otorinolaringoiatrica ed odontoiatrica.

    5. Anonimo

      mi scuso subito se divento tedioso, un’altra domanda se fosse effettivamente il papillomatosi, compare subito dopo il rapporto orale?
      ammetto, senza vergogna, di essere gay e ho avuto l’ultimo rapporto orale mercoledì.
      grazie

    6. Dr. Cimurro (farmacista)

      Assolutamente impossibile, l’incubazione è decisamente più lunga.

    7. Anonimo

      buongiorno,
      diagnosi: infezione dovuta presumibilmente da un cibo, probabilmente si è procurato un taglietto all’interno del pavimento orale e quindi cure per 2 settimane con collutorio.

  7. marco

    salve dottore mi hanno diagnosticato dei piccoli condilomi( se cosi’ possono essere chiamati) al pene causati dal hpv,volevo sapere quali esami potevo effettuare per escludere la presenza di papillomi nella trachea e nella zona polmonare..ho sentito che potrebbe bastare una laringoscopia,ma una tac non sarebbe in grado di vedere eventuali masse,se di grandi dimensioni, papillomatose causate dall’ hpv? giusto per essere piu’ tranquillo,o la tac ancora non riesce a vedere eventuali papillomi in profondità della trachea?ed effettuate tali esami in sede?grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso non c’è alcun motivo di farli, ma nel caso mi rivolgerei semplicemente ad un otorino.

  8. Luca

    Buonasera Dottore,
    ho 21 anni e sto con la stessa partner da 3 anni (prima della quale ho avuto una sola altra esperienza). Questa ragazza è stata vaccinata per HPV. Ho letto recentemente che si suppone che ci sia una correlazione tra HPV e tumori oro-faringei.
    Io posso considerarmi “protetto”, essendo protetta lei dal vaccino?

    La ringrazio molto.

  9. Lorenzo

    Buongiorno,
    visto che ultimamente si parla molto di tumori della testa e del collo legati al virus Hpv, vorrei un chiarimento.
    Io ho 30 anni e nella mia vita ho avuto soltanto una partner (anch’essa senza altre esperienze), con la quale pratichiamo frequentemente sesso orale (senza protezioni) ormai da molti anni.
    Non avendo avuto nessuno dei due rapporti di nessun tipo con altre persone, possiamo contrarre lo stesso questo virus?
    E’ consigliabile effettuare qualche controllo sanitario e/o cessare questo tipo di pratica?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il rischio è pressochè nullo e legato solo al possibile contagio attraverso fomiti (per esempio in bagni pubblici, palestre, …), che è tuttavia molto raro.

  10. vincenzo

    salve, mi hanno diagnosticato dei piccoli condilomi( se cosi’ possono essere chiamati) al pene causati dal hpv,volevo sapere quali esami potevo effettuare per escludere la presenza di papillomi nella trachea e nella zona polmonare..ho sentito che potrebbe bastare una laringoscopia,ma una tac non sarebbe in grado di vedere eventuali masse,se di grandi dimensioni, papillomatose causate dall’ hpv? giusto per essere piu’ tranquillo,o la tac ancora non riesce a vedere eventuali papillomi in profondità della trachea?grazie mille,sul sito nn riesco

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Che io sappia l’unico approccio possibile nei casi di screening è la visita otorinolaringoiatrica.

  11. Dadido

    Io da qualche mese ho delle specie di verruchine bianche sulla pelle esterna del pene, sembrano quasi dei piccoli brufoletti( lo so che non lo sono) ma all’interno nel glande non c’è nulla è un caso di papilloma virus? È se lo è rischio il tumore? Devo preoccuparmi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non saltiamo a conclusioni, serve prima di tutto una diagnosi esatta; se fossero verruche genitali di per sé non sarebbero causa di tumore.

    2. Dadido

      Ok ma sono solo verruche o si tratta di papilloma virus? È se sono solo verruche si risolveranno da sole?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se sono verruche sono causate dal papilloma virus, ma deve rivolgersi ad un medico per una diagnosi certa.

    4. Dadido

      Volevo avvisarla che non ho mai avuto rapporti sessuali e che le verruce sono solo nella parte esterna del pene, poi non mi causano alcun tipo di prurito ,ma la visita la devo fare dal medico di base?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbero non essere verruche e proprio per questo sto insistendo con la visita; sì, il medico di base in prima battuta va benissimo.

    6. Dr. Cimurro (farmacista)

      Diciamo che non serve andare domani mattina alle 08:00, ma procederei comunque con una certa celerità.

  12. filippo

    Salve dottore circa un anno fa ho riscontrato delle verruche al piede destro causa credo una scarpa nuova da lavoro ho curato queste verruche che da una sono diventate 13 con un callifugo tutto risolto credevo dopo circa tre mesi ho un bruciore insistente alla gola tanto che faccio pure una gastroscopia ed e tutto ok faccio esami tutto nella norma solo un po di colesteloro ma rimane un gonfiore all ugula persistente e una sensazione di bruciore nn e per caso che ho un virus ed il mio sistema immunitario fa fatica a combatterlo visto che lugula funziona da filtro xi batteri attendo risposta cordiali saluti…

  13. Anonimo

    Scusi ma non capisco come si fa a sapere se il virus ha contagiato altre zone (tipo l’ano). Il mio medico di base mi ha visitata e mi ha detto che ho una ragade e un’emorroide, ma io ho anche notato un’escrescenza di carne tra la vagina e l’ano, come può non averla notata? Che rischio corro se ho l’HPV?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Si diagnostica attraverso l’ispezione visita; è possibile che quello che vede sia l’emorroide esterna.

  14. anika

    Dottore ho quasi 21 anni, sono vergine e fidanzata da 5 con un ragazzo anche egli vergine. Volevo sapere se è possibile effettuare il pap test essendo vergine, e se è possibile avere il Papilloma virus. Non ho fatto il vaccino. Pratico sesso orale, anche in precedenza con il mio ex. Capita che spesso vada in qualche bagno pubblico per urinare ma non mi appoggio mai. Cosa ne pensa? Ho effettuato solo l’ecografia pelvica ed è tutto ok! Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, si può fare, ma segnali al ginecologo/infermiera che è vergine.
      2. Non ci aspettiamo sorprese, anche se non è impossibile in senso assoluto.

    2. anika

      Quindi cosa mi consiglia di fare? Fare il pap test una volta avuto rapporti? Non c’è modo di pensare al virus?

  15. Sona

    Ciao ho fatto la colposcopia e mia risultati sono HPV Positivo genotipi HPV 52 HPV 68 cosa poso fare???Sono sposata non o bambini ma vorrei farmi grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Niente panico, può tranquillamente progettare una gravidanza; al momento il passo successivo è fare il punto con il ginecologo per pianificare i prossimi controlli.

  16. Ale

    Salve, Dottore. Una mia amica forse ha il papilloma virus e vorrei sapere se è possibile un contagio. Ad esempio se lei è stata in bagno e poi tocchiamo la stessa cosa c’è possibilità di contagio? E se parlando mi arriva sulle labbra uno schizzo della sua saliva ? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Impossibile con la saliva, altamente improbabile usando lo stesso bagno.

  17. Anonimo

    Buonasera dottore, sia io che il mio fidanzato siamo positivi al hpv del tipo 51 e 53. Fare adesso il vaccino ci puo aiutare a sconfiggere il virus? Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente no, ma vi proteggerebbe comunque dagli altri ceppi.

  18. anna

    Buonasera dottore,mi è stato diagnosticato l’hpv e nel mese di dicembre sono stata sottoposta alla procedura di escissione elettrochirurgica (leep). Da mesi ho problemi alla lingua. sempre irritata e rossa, tranne al mattino che si presenta ricoperta da una patina bianca. inoltre ho costantemente la bocca secca forse dovuta alla sicca (sono affetta da partite reumatoide). è possibile che sia stata contagiata dal virus la lingua e la bocca? se sì c’è un rimedio medico o chirurgico per debellare questo male? a quale specialista devo rivolgermi? la prego, mi risponda, sono molto preoccupata. Grazie mille in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Si rivolga con fiducia al medico di base, la causa è sicuramente diversa e magari più banale (candida, reflusso, …).

      Anche gli occhi sono secchi?

  19. Anonimo

    salve dottore,con un sistema immunitario un po debole c’e rischio di contrare il papilloma virus?anche da sesso orale?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il rischio c’è anche per chi ha un sistema immunitario sano.

    2. Anonimo

      le precauzioni da usare quali sono?se ci sono delle verruche sui genitali devo stare attenta?oppure cos’altro?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Preservativo.
      2. Se sono presenti verruche genitali sarebbe opportuno evitare i rapporti fino alla loro rimozione o almeno usare il preservativo (che tuttavia non garantisce assoluta certezza di evitare il contagio).

  20. Gianna

    Buonasera dottore.. volevo chiedere.. da un pap test l’esame citologico nn sono state evidenziate lesioni precancerose ma.. l’esito del test hpv riporta … presenza di almeno uno dei tipi di hpv ricercati. Mi può spiegare… grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      È presente il virus HPV, ma al momento non ha fatto alcun danno.

  21. gianna

    mi scusi.. ancora una domanda…si conoscono i tempi di incubazione.. intendo dal momento del rapporto al momento k si presenta il virus… grazie ancora

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Possono passare anni, quindi è spesso impossibile risalire al momento del contagio; faccia riferimento alla sua ginecologa, che le spiegherà come e ogni quanto verificare.

  22. Anonimo

    Salve dottore in passato ho sofferto di condilomi genitali curati con crioterapia. Ora ieri mi è saltata un otturazione ad un dente e ho notato sulla gengiva un escrescenza. Sono in dolce attesa ma nel caso fosse un condiloma cosa comporterebbe nella mia situazione ?

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.