Leucemia: sintomi, cause, cure e le diverse forme

Ultimo Aggiornamento: 2045 giorni

Introduzione

La leucemia (pagina dedicata nel sito AIRC) è un tumore che si sviluppa nelle cellule del sangue, per capire meglio come funziona è utile sapere come nascono e si sviluppano queste cellule.

Le cellule del sangue

La maggior parte delle cellule del sangue si forma a partire dalle cellule staminali che si trovano nel midollo osseo, cioè nel tessuto spugnoso presente al centro di quasi tutte le ossa.

Le cellule staminali, maturando, si trasformano in diversi tipi di cellule del sangue ed ogni tipo ha la propria funzione:

  • I globuli bianchi (leucociti) aiutano a combattere le infezioni. Ne esistono di diversi tipi.
  • I globuli rossi trasportano l’ossigeno verso i tessuti dell’organismo.
  • Le piastrine contribuiscono a far coagulare il sangue arrestando il sanguinamento.

I globuli bianchi, i globuli rossi e le piastrine sono fabbricati a partire dalle cellule staminali man mano che l’organismo ne ha bisogno. Quando le cellule invecchiano o subiscono danni, muoiono e vengono sostituite da cellule nuove.

Le cellule staminali si trasformano in diversi tipi di globuli bianchi. La singola cellula staminale può trasformarsi in cellula della linea mieloide o in cellula della linea linfoide:

  • La cellula della linea mieloide si trasforma in mieloblasto. Il mieloblasto può evolversi in globulo rosso, piastrina o in uno dei diversi tipi di globulo bianco.
  • La cellula linfoide si evolve in linfoblasto, che a sua volta può formare i diversi tipi di globulo bianco, ad esempio i linfociti B o i linfociti T.

I globuli bianchi che si formano dai mieloblasti sono diversi da quelli che si formano a partire dai linfoblasti.

La maggior parte delle cellule del sangue maturano nel midollo osseo, per poi spostarsi nei vasi sanguigni. Il sangue che scorre nei vasi sanguigni e nel cuore forma il cosiddetto sangue periferico.

Le cellule tumorali

Nei pazienti affetti da leucemia il midollo osseo produce globuli bianchi anomali, cioè cellule tumorali. Diversamente dai globuli bianchi normali le cellule tumorali non muoiono ma vanno ad aggiungersi ai globuli bianchi, ai globuli rossi e alle piastrine normali. In questo modo il lavoro delle cellule normali diventa più difficile.

Tipi di leucemia

I diversi tipi di leucemia possono essere classificati in base alla velocità di sviluppo e di peggioramento della malattia. La leucemia può essere cronica (a decorso lento) o acuta (a decorso veloce):

  • Leucemia cronica: Nelle prime fasi della malattia le cellule tumorali riescono ancora a svolgere in parte il lavoro dei globuli bianchi normali. In un primo tempo i pazienti possono non presentare sintomi ed i medici spesso diagnosticano la leucemia cronica durante una normale visita di controllo, prima che i sintomi si presentino. La leucemia cronica peggiora lentamente, con l’aumento delle cellule tumorali nel sangue iniziano i sintomi, ad esempio il gonfiore dei linfonodi o le infezioni. Se compaiono, i sintomi all’inizio sono lievi e peggiorano gradualmente.
  • Leucemia acuta: Le cellule tumorali non possono svolgere il lavoro dei globuli bianchi normali. Si moltiplicano rapidamente e quindi la leucemia acuta di solito peggiora molto in fretta.

I vari tipi di leucemia possono anche essere classificati in base al tipo di globulo bianco colpito. La leucemia può svilupparsi nelle cellule linfoidi o in quelle mieloidi, il primo tipo è detto leucemia linfoide, linfocitica o linfoblastica; invece la leucemia che colpisce le cellule mieloidi è detta leucemia mieloide, mielogena o mieloblastica.

Esistono quattro forme di leucemia frequenti:

  1. Leucemia linfocitica cronica (o leucemia linfatica cronica, LLC). Colpisce le cellule linfoidi e di solito si sviluppa molto lentamente. Negli Stati Uniti, è causa di più di 15.000 nuovi casi di leucemia ogni anno. Nella maggior parte dei casi i pazienti a cui è diagnosticata hanno più di 55 anni. Non colpisce quasi mai i bambini.
  2. Leucemia mieloide cronica (LMC). Colpisce le cellule mieloidi e di solito in una prima fase si sviluppa molto lentamente. Negli Stati Uniti causa circa 5.000 casi di leucemia all’anno. Colpisce soprattutto gli adulti.
  3. Leucemia linfocitica (linfoblastica) acuta (LLA). Colpisce le cellule linfoidi e si sviluppa molto rapidamente. Negli Stati Uniti provoca più di 5.000 casi di leucemia ogni anno. È la forma di leucemia più frequente tra i bambini, ma può colpire anche gli adulti.
  4. Leucemia mieloide acuta (LMA o LAM). Questo tipo di leucemia si sviluppa nelle cellule mieloidi e ha un decorso molto rapido. Negli Stati Uniti provoca più di 13.000 nuovi casi all’anno. Colpisce sia gli adulti sia i bambini.

La leucemia a tricoleucociti è una forma rara di leucemia cronica. In questo articolo non parleremo né di questo tipo di leucemia né delle leucemie rare che, nel complesso, fanno registrare meno di 6.000 casi ogni anno negli USA.

Cause

Quando si riceve una diagnosi di tumore è naturale chiedersi quali siano le cause della malattia. Le cause della leucemia non sono note, i medici riescono solo in rari casi a capire perché alcuni soggetti si ammalino mentre altri rimangano perfettamente sani, tuttavia le ricerche dimostrano che determinati fattori di rischio fanno aumentare il rischio di ammalarsi di leucemia.

I fattori di rischio, con ogni probabilità, sono diversi per ciascuno dei tipi di leucemia:

  • Esposizione alle radiazioni. Le persone esposte a dosi massicce di radiazioni hanno maggiori probabilità di ammalarsi di leucemia mieloide acuta, leucemia mieloide cronica o leucemia linfocitica acuta.
  • Esplosioni atomiche. Dosi massicce di radiazioni sono state provocate dalle esplosioni atomiche, ad esempio quelle avvenute in Giappone durante la Seconda Guerra Mondiale. I sopravvissuti alle esplosioni, e soprattutto i bambini, corrono un rischio maggiore di ammalarsi di leucemia.
  • Radioterapia. Un’altra fonte di esposizione a dosi massicce di radiazioni è la radioterapia contro il tumore e altre malattie. La radioterapia fa aumentare il rischio di ammalarsi di leucemia.
  • Radiografie. Le radiografie dentali o di altri tipi (ad esempio la TAC) espongono il paziente a dosi di radiazioni estremamente basse. Non è tuttora chiaro se queste quantità minime di radiazioni siano collegate ai casi di leucemia nei bambini e negli adulti. I ricercatori stanno studiando se le radiografie ripetute e se le TAC effettuate durante l’infanzia siano in grado di aumentare il rischio di leucemia.
  • Fumo. Il fumo di sigaretta fa aumentare il rischio di leucemia mieloide acuta.
  • Benzene. L’esposizione al benzene sul posto di lavoro può provocare la leucemia mieloide, la leucemia mieloide cronica oppure la leucemia linfocitica acuta. Il benzene è una sostanza molto usata nell’industria chimica, ma si può trovare anche nel fumo di sigaretta e nel gasolio.
  • Chemioterapia. In alcuni casi i pazienti affetti da tumore e curati con determinati farmaci chemioterapici possono ammalarsi in un secondo momento di leucemia mieloide acuta o di leucemia linfocitica acuta. Ad esempio, la cura con gli agenti alchilanti o con gli inibitori della topoisomerasi è associata a una scarsa probabilità di soffrire di leucemia acuta in una fase successiva.
  • Sindrome di Down e altre malattie ereditarie. La sindrome di Down e alcune altre malattie ereditarie fanno aumentare il rischio di soffrire di leucemia.
  • Mielodisplasia e altre malattie del sangue. chi è affetto da determinate malattie del sangue corre un maggior rischio di soffrire di leucemia mieloide acuta.
  • Virus dei linfociti T dell’uomo di tipo 1 (HTLV-I). Chi è affetto dal virus HTLV di tipo 1 corre un rischio maggiore di ammalarsi di una forma rara di leucemia nota come leucemia a cellule T. Anche se questa malattia rara è provocata dal virus HTLV-I, la leucemia a cellule T dell’adulto non è contagiosa, come tutti gli altri tipi di leucemia.
  • Precedenti famigliari di leucemia. È raro che diversi membri di una famiglia si ammalino di leucemia. Se dovesse succedere, è probabile che si tratti di leucemia linfocitica cronica. Tuttavia solo una piccola percentuale di pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica ha un genitore, un fratello o un figlio affetto dalla stessa malattia.

Avere uno o più fattori di rischio non significa che ci si ammalerà necessariamente di leucemia. La maggior parte delle persone che presentano fattori di rischio non si ammalerà mai.

Sintomi

Le cellule tumorali si spostano all’interno dell’organismo come le normali cellule del sangue. I sintomi della leucemia dipendono dal numero di cellule tumorali e dal luogo dell’organismo in cui si accumulano.

Chi è affetto da leucemia cronica può non manifestare alcun sintomo, i medici normalmente diagnosticano la malattia a seguito di una normale visita di controllo. Chi invece è affetto da leucemia acuta di solito va dal medico perché non si sente bene. Se a essere colpito è il cervello, si può soffrire di:

La leucemia può anche colpire altre parti del corpo, ad esempio

  • l’apparato digerente,
  • i reni,
  • i polmoni,
  • il cuore,
  • i testicoli.

Tra i sintomi frequenti della leucemia cronica o acuta possiamo annoverare:

  • Gonfiore non doloroso dei linfonodi (soprattutto quelli del collo o delle ascelle),
  • Febbre o sudorazione notturna,
  • Infezioni frequenti,
  • Debolezza o stanchezza,
  • Sanguinamento o lividi anomali (gengive che sanguinano, lividi sulla pelle, macchioline rosse sottopelle),
  • Gonfiore o problemi addominali (milza o fegato gonfi),
  • Dimagrimento inspiegabile,
  • Dolore alle ossa o alle articolazioni.

Nella maggior parte dei casi questi sintomi non sono da imputare al tumore, infatti possono essere provocati da un’infezione o da altri problemi di salute. Solo il medico potrà effettuare una diagnosi certa. Chiunque soffra di questi sintomi dovrebbe recarsi dal proprio medico, in modo che i problemi possano essere diagnosticati e curati il prima possibile.

Diagnosi

Spesso i medici diagnosticano la leucemia dopo un normale esame del sangue. Se soffrite di sintomi che possono far pensare alla leucemia, il medico cercherà di scoprire quali sono le cause e probabilmente vi chiederà di quali problemi di salute voi e i vostri famigliari avete sofferto in passato.

Probabilmente vi dovrete sottoporre a uno o più dei seguenti esami:

  • Visita. Il medico controllerà se i linfonodi, la milza o il fegato sono gonfi.
  • Esami del sangue. Le analisi complete controllano il numero di globuli bianchi, di globuli rossi e di piastrine. La leucemia causa un aumento dei globuli bianchi, una diminuzione delle piastrine e dell’emoglobina, una sostanza presente nei globuli rossi.
  • Biopsia. La biopsia è un prelievo di tessuto effettuato per individuare eventuali cellule tumorali. La biopsia è l’unico metodo sicuro per sapere se nel midollo osseo ci sono cellule tumorali. Prima del prelievo vi verrà somministrata l’anestesia locale, che vi aiuterà a non avvertire dolore. Il chirurgo preleverà un campione di midollo osseo dal femore o da un’altra delle ossa principali. Il patologo, usando il microscopio, controllerà se nel tessuto ci sono cellule tumorali. Il midollo osseo può essere prelevato in due modi diversi. Alcuni pazienti devono sottoporsi a entrambi gli interventi seguenti contemporaneamente:
    • Ago aspirato. Il medico usa una specie di grande ago, internamente cavo, per prelevare il campione di midollo osseo.
    • Biopsia. Il medico usa un grande ago internamente cavo per prelevare un minuscolo campione di osso e di midollo osseo.

Altri esami

Gli altri esami che il medico vi prescriverà dipendono dai sintomi e dal tipo di leucemia di cui soffrite. Tra di essi ricordiamo:

  • Analisi citogenetica. In laboratorio si esaminano i cromosomi ricavati dalle cellule del sangue, del midollo osseo o dei linfonodi. Se si evidenziano cromosomi anomali l’analisi può stabilire il tipo di leucemia che provoca il problema; ad esempio i pazienti affetti da leucemia mieloide cronica hanno un cromosoma anomalo detto cromosoma Philadelphia, dalla città in cui fu scoperto.
  • Puntura lombare. Il medico può prelevare un campione di liquor cefalorachidiano (il liquido che riempie gli spazi intorno al cervello e alla colonna vertebrale). Il prelievo viene effettuato nella zona lombare, mediante un ago lungo e sottile. L’intervento richiede circa mezz’ora e viene effettuato in anestesia locale. È necessario rimanere distesi per alcune ore dopo il prelievo, per evitare il mal di testa. Il campione sarà esaminato in laboratorio, alla ricerca di cellule tumorali o altri segni di problemi in atto.
  • Radiografia toracica. La radiografia può evidenziare linfonodi gonfi o altri sintomi a livello del torace.

Cura e terapia

I pazienti affetti da leucemia hanno di fronte a sé diverse possibilità, tra le quali ricordiamo:

  • l’attesa vigile,
  • la chemioterapia,
  • la terapia mirata,
  • la terapia biologica,
  • la radioterapia,
  • il trapianto di cellule staminali.

Se la milza è eccessivamente dilatata il medico può consigliarvi l’intervento chirurgico per asportarla. In alcuni casi invece può essere necessario ricorrere a una combinazione di diverse terapie.

La scelta della terapia dipende principalmente da:

  • Tipo di leucemia (acuta o cronica),
  • Età del paziente,
  • Eventuale presenza di cellule tumorali all’interno del liquido cefalorachidiano.

La scelta della terapia, inoltre, può dipendere da determinate caratteristiche delle cellule tumorali; il medico prenderà anche in considerazione i sintomi e il vostro stato di salute generale.

Chi è affetto da leucemia acuta deve farsi curare immediatamente, lo scopo della terapia è distruggere le cellule tumorali presenti nell’organismo e di far così scomparire i sintomi (remissione). Quando la remissione è iniziata può essere somministrata un’ulteriore terapia che prevenga le recidive: questo tipo di terapia è detto di consolidamento o di mantenimento. La maggior parte dei pazienti affetti da leucemia acuta può essere curata.

Se invece soffrite di leucemia cronica, senza sintomi apparenti, può darsi che non dobbiate ricorrere immediatamente alla terapia. Il vostro medico terrà sotto controllo il vostro stato di salute e la terapia inizierà solo quando avvertirete i primi sintomi. Rinviare l’inizio della terapia e ricorrere a controlli periodici in attesa che i sintomi si manifestino è una modalità terapeutica detta attesa vigile.

Se necessaria per la leucemia cronica, la terapia spesso può tenere sotto controllo la malattia e i suoi sintomi. I pazienti possono ricevere una terapia di mantenimento che contribuisca a mantenere il tumore in stato di remissione, ma solo in rari casi la leucemia cronica può essere curata con la chemioterapia. Per alcune persone affette da leucemia cronica la miglior possibilità di cura rimane infine il trapianto di cellule staminali.

Il medico può descrivervi le opportunità terapeutiche, i risultati attesi e gli eventuali effetti collaterali: potete lavorare insieme a lui per creare un piano terapeutico che venga incontro alle vostre necessità.

Il medico di base può indirizzarvi presso uno specialista, oppure potete essere voi stessi a richiedergli un consiglio riguardo lo specialista da consultare. Tra gli specialisti in grado di curare la leucemia ricordiamo:

  • l’ematologo,
  • l’oncologo,
  • il radiologo.

Gli oncologi e gli ematologi pediatrici curano la leucemia nei bambini.

Prima dell’inizio della terapia, è consigliabile informarsi sugli effetti collaterali e sulle ricadute della terapia sulle normali attività quotidiane. In molti casi la terapia contro il tumore danneggia anche le cellule e i tessuti sani, quindi gli effetti collaterali sono frequenti. Gli effetti collaterali possono essere diversi da paziente a paziente e possono cambiare anche da una sessione alla successiva.

Terapia di supporto

La leucemia e la terapia possono causare altri problemi di salute, probabilmente dovrete sottoporvi a una terapia di supporto prima, durante o dopo quella contro il tumore.

La terapia di supporto è in grado di prevenire o combattere le infezioni, di tenere sotto controllo il dolore e gli altri sintomi, di alleviare gli effetti collaterali della terapia antitumorale e di aiutarvi ad affrontare le ricadute psicologiche della diagnosi di tumore. Potete sottoporvi a una terapia di supporto per prevenire o affrontare questi problemi, in modo da migliorare la qualità della vita durante la terapia contro il tumore.

  • Infezioni. I pazienti affetti da leucemia sono estremamente vulnerabili alle infezioni, quindi devono essere curati con antibiotici e farmaci di altro tipo. Alcuni si fanno vaccinare contro l’influenza e la polmonite. L’équipe che vi segue può consigliarvi di evitare i luoghi affollati e le persone affette da raffreddore e da altri disturbi contagiosi. Se l’infezione vi colpisce può essere molto grave e dovrebbe essere curata il prima possibile. Può essere necessario il ricovero in ospedale.
  • Anemia e sanguinamento. L’anemia e il sanguinamento sono gli altri due problemi per cui spesso si rivela necessaria la terapia di supporto. È probabile che il paziente si debba sottoporre a una trasfusione di globuli rossi o di piastrine. Le trasfusioni sono utili per curare l’anemia e fanno diminuire il rischio di emorragie gravi.
  • Problemi dentali. La leucemia e la chemioterapia possono aumentare la sensibilità della bocca, favorire le infezioni e il sanguinamento nel cavo orale. I medici spesso consigliano ai pazienti di fare una visita dentistica completa e, se possibile, di curare i problemi ai denti prima dell’inizio della chemioterapia. Il dentista vi insegnerà le pratiche di igiene dentale necessarie durante la terapia.

Alimentazione e attività fisica

È fondamentale prendersi cura di se stessi seguendo un’alimentazione sana e cercando di mantenersi il più attivi possibile.

Per mantenere un peso corretto è necessario assumere la giusta quantità di calorie, è anche importante assumere proteine a sufficienza per salvaguardare la propria forza. Mangiare bene vi aiuterà a sentirvi meglio e ad avere maggiori energie.

In alcuni casi, soprattutto durante la terapia o nelle fasi immediatamente successive, potreste non aver voglia di mangiare, perché vi sentite stanchi o avete la nausea. Probabilmente avrete la sensazione che gli alimenti abbiano un gusto diverso dal solito ed inoltre gli effetti collaterali della terapia (ad esempio la mancanza di appetito, la nausea, il vomito o le ulcere in bocca) potranno impedirvi di mangiare bene. Il medico, il dietologo o altri componenti dell’équipe che vi segue possono suggerirvi i modi migliori per affrontare questi problemi.

Molte persone affermano di sentirsi meglio se riescono a mantenersi attive. Camminare, fare yoga, nuotare o fare altre attività vi aiuteranno a salvaguardare la forza e ad aumentare le energie. Con l’esercizio fisico si può diminuire la nausea e il dolore e si può sopportare meglio la terapia e lo stress. Prima di iniziare una qualsiasi attività fisica ricordatevi di chiedere il parere del medico; inoltre, se l’attività causa dolore o altri problemi, informate immediatamente il medico o l’infermiere.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Sara

    Buongiorno Dottore. Mio figlio di due anni ha avuto il virus influenzale che gira in questi giorni, in modo piuttosto forte. (Durato una settimana) siamo anche stati al ps, dove gli hanno fatto esami e ricoverato una notte a causa di neutrofilia che loro riconducono al virus e al fatto che stesse già prendendo antibiotico. Vorrei dire che comunque negli esami oltre alla neutropenia aveva anche globuli bianchi alti, piastrine basse emoglobina bassa (di poco) e altri valori alterati riconducibili a virosi. ora non, so esattamente di quanto possano essere sballati perché i range riportano i valori degli adulti, ma alla fine la loro diagnosi è stata comunque di virosi. Consigliano di rifare emocromo tra una settimana. Comunque il bambino ora sta bene gioca attivo, vitale e mangia. Unica cosa ha due piccole macchiette sottopelle tipo cistine (fuori sono rosse). Lividini sulle gambe ne ha spesso perchè è un bambino molto vivace.Sono preoccupata che sotto questo virus si nasconda altro.molto preoccupata…un suo parere?

    1. Anonimo

      Dimenticavo,hanno fatto uno striscio che “conferma la neutropenia, alcuni linfociti attivati e non si rilevano aggregati piastrinici”

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso non c’è motivo di pensare ad altro, soprattutto se il bambino sta bene, ma è corretto ripetere gli esami a verifica come le è stato consigliato.

    3. Anonimo

      Quindi anche secondo lei i valori sballati possono essere ricondotti al virus? (Soprattutto le piastrine e i neutrofili)

    4. anonimo 51

      una persona affetta da leucemia acuta può avere dei rapporti sessuali con il compagno? e se si ci possono essere contagi durante il rapporto?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. In generale sì, ma lo valuti anche con il medico del partner.
      2. No.

  2. Anonima

    Mia nonna da parte di mio padre è morta di leucemia, a causa di un problema ai globuli,mio padre ha la stessa cosa però non è malato,ma a rischio.
    Per fortuna non ho ereditato questa ‘malattia’
    soffro di colon irritato, da un mesetto ho questi dolori sotto la costola sinistra, del meteorismo, alternato a diarrea,quindi mi son subito allarmata vedendo i sintomi di questa malattia e dell’ingrossamento della milza, può essere qualcosa inerente al colon,a qualcosa che ho mangiato (avverto anche dei bruciori) o a qualche semplice infezione intestinale? Il dolore mi è venuto dopo che un mesetto fa ho mangiato cibo fatto al forno un pò pesante e da li ogni tanto ho queste fitte

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il solo colon irritato può spiegare i dolori, ma raccomando comunque di verificare con il medico.

  3. Laura

    Salve dottore Mi figlia di sei anni ha un linfonodo mobile ingrossato sul collo. E nello stesso periodo è un anche dimagrita di due kg. Premetto che un kg l ha perso con una forte influenza. L ho portata dal pediatra ma dice che è stato tutto ok. Posso star tranquilla secondo lei?

  4. Demetrio

    Buonasera dottor Cimurro,mi scuso del disturbo, vorrei chiederle un’informazione…da tre giorni mi sento un pó stanco,anche se faccio ancora tutto senza problemi…due mattine fa mi sono svegliato con un mal di testa intorno all’occhio destro (ciò non mi ha preoccupato in quanto soffro di emicrania con aura),questo mi é diminuito ora lo sento a fasi alterne , solo che mi si sono aggiunti dolore al collo, sensazione di calore e brividi di freddo e gola che raspa con muco….essendo ipocondriaco un pó mi é venuta in mente questa brutta malattia…peró non sanguino ne ho lividi sulla pelle…non c’entra la leucemia acuta giusto? ( mi preoccupo perché sei mesi fa é morto un mio coetaneo di leucemia acuta fulminante in un mese).
    Grazie mille Della cortese attenzione! Buona serata!
    Demetrio

  5. demetrio

    Ho 21 anni e aggiungo che ho anche un pó di dolori alla pancia e sensazione vaga di nausea (anche se mangio tutto con appetito lo stesso). Mi scuso ancora

  6. Demetrio

    Buongiorno dottor Cimurro,mi scuso ancora per un’ultima consultazione…dopo due giorni mangio bene,ovvero ho sempre appetito,peró ho ancora mal di testa leggero , prurito in alcune parti del corpo e talvolta nausea …é normale? É ancora un pó di influenza giusto? Ho anche leggere sudorazioni notturne..grazie mille per la cortese attenzione
    Demetrio

  7. Anonimo

    Salve dottore ho 21 anni,e soffro di colon irritabile,vedendo questo documento mi sono preoccuopata,perché é da un po che soffro anche di mal di testa,non ho molto appetito e ogni tanto mi ritrovo dei lividi strani… inoltre ho sempre dolori allo stomaco e talvota nausea e vomito..devo preoccuparmi? Grazie per il consiglio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono tutti sintomi spiegabili con il colon irritabile, senta comunque anche il parere del medico.

  8. Jhgbbc

    Salve.
    Sono una ragazza di 21 anni e ho scoperto che il cugino di mia madre ( 16 anni ) ha la leucemia.
    Vorrei sapere un po di cose al riguardo:
    1- la leucemia è curabile oggi giorno sopratutto per un ragazzo così giovane ? Io non lo conosco principalmente, l’ho visto un paio di volte in vita mia, ma mia madre ne è molto legata, e vorrei tranquillizzarla
    2- io da un mese e mezzo soffro di gastrite, mi sono ammalata spesso negli ultimi tre mesi, cosa che non è mai successo ( non ho mai preso il morbillo e altre malattie di questo tipo che vengono nell’infanzia nonostante mia madre mi metteva in contatto con bambini con morbillo e quant’altro )
    L’unica cosa che ho preso nell’arco della mia vita è l’influenza A, ma poi ho sempre avuto ottima salute.
    Il medico mi ha prescritto la tachipirina è un altro medicinale per la gastrite, e questa sembra essersi curata del tutto, tranne negli ultimi giorni ho forti dolori di pancia e diarrea.
    Mi ha prescritto anche gli analisi , perché già in vista non ho un bel colorito di viso, ho le occhiaie mi sento sempre stanca e non riesco nemmeno a studiare per l’università, inoltre quando cammino per strada ho un senso di vista offuscata e mi sento disorientata ( un anno e mezzo fa, l’oculista mi disse di portare gli occhiali per miopia a 0,50 gradi entrambi gli occhi,inutile dire che ho portato gli occhiali per qualche mese) secondo lui ho una grande carenza vitaminica è un sistema immunitario indebolito, è ovvio che farò gli analisi, ma secondo lei è normale avere questi problemi o sono dovuti a qualcosa di molto più grave ?
    ( mi scusi per gli errori ortografici, ma il telefono scrive di testa sua )
    Grazie mille.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Purtroppo dipende dai casi.
      2. Non c’è motivo di pensare a spiegazioni più gravi, ma chiaramente se i sintomi non migliorassero andrebbe segnalato al medico.

    2. Hhhvghn

      grazie mille farò gli analisi..
      Anche se sarò molto preoccupata perché su internet spesso leggo e risulta che ho tutte le malattie impossibili ed immaginarie.
      Ma se nel caso negli analisi si riscontra una carenza vitaminica, io ho preso il betotal a compresse per qualche giorno, ma non mi ha fatto chissà che, posso anche fare una dieta ricca di alimenti ?
      Ho fatto una dieta un paio di anni fa, ero in sovrappeso, ma ultimamente sono ingrassata, in quella dieta mangiavo di tutto e stavo bene con il mio corpo sia a livello psicologico che fisico, andavo in bagno tutti i giorni mi sentivo meglio, senza altri malesseri.. Da quando ho iniziato a mangiare male, mi sento con questi sintomi, non mangio uova, di carne solo pollo o maiale, non faccio colazione al mattino, e mangio pasta tutti i giorni e raramente lenticchie, e altri legumi, spesso mangio patate ( al forno, fritte, con la pasta)
      E insalate con il limone.
      La frutta mai.
      Come ho già detto soffrivo di gastrite per un mese, però se ricordo l’alimentazione di quel periodo era tutto tranne che salutare. Pasta alla carbonara a tarda notte, il pomeriggio non mangiavo quasi mai e nemmeno la colazione, la cena a base di hamburger e patatine.. Cose così
      Il mio malessere sarà dovuto a questa cattiva alimentazione?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Le confermo che uno stile di vita poco sano può manifestarsi sotto forma di sintomi e disturbi molto reali e concreti come quelli descritti.

  9. Teodora

    Buongiorno Dottore.
    Mio compagno ha 42 anni. Di professione fa il muratore. Da sempre a fatto attività fisica, 3 volte alla settimana faceva 6 km di corsa. A fine Gennaio pensava di avere influenza intestinale. Il dottore di base gli a prescritto Plasil. Dopo 2 settimane , continuava a non stare bene . Si sentiva sempre stanco e nel pomeriggio li veniva la febbre a 37,4. È ritornato dal dottore e gli a prescritto le gocce Valpinax pensando che fosse stressato. Dopo un altra settimana è ritornato ancora e gli a dato le vitamine Argivit . Però lui continuava a sentirsi male . Lo ho portato nel pronto soccorso , e li gli hanno tolto il sangue per vedere se sta avendo un infarto . Dopo 4 ore di pronto soccorso lo hanno dimesso dandoli dolo la Tachipirina da 1000. Lui stava sempre male . Così ho deciso di portarlo in un altro pronto soccorso e lo hanno ricoverato subito per Leucemia Acuta . Dottore, gli voglio chiedere se c’è la speranza che vive . Noi abbiamo un bimbo di 4 anni . Ho bisogno di una speranza .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La speranza c’è sicuramente, ma non so purtroppo quantificarla, mi dispiace.

      Se mi tiene al corrente mi fa piacere.

  10. Francesco

    Salve il mio amico e fidanzato con una ragazza con lucemia o nodoli comunque da un tumore lui la baciata e tutto .. poi il mio amico si è preso un alcolico ed io o bevuto vicino al suo bicchiere mischia ??

    1. Francesco

      Mi anno detto che ci sono lucemia che mischiano allora mi è presa l ansia

    2. Francesco

      Grazie adesso sono più sollevato … Non dormivo da due giorni

  11. aaa

    buonasera dottore, ho 22 anni faccio un’attività fisica intesa e seguo una dieta piuttosto rigida.
    Le scrivo perchè a inizio anno, da quando ho preso un aereo per andare all’estero, ho avuto il primo episodio di sudorazione notturna. Dopo 2 o 3 giorni, rientrato in Italia, mi si è manifestata un’infezione al dente del giudizio con ingrossamento del linfonodo in corrispondenza (la notte continuavo a sudare), così ho preso per 2 giorni un antibiotico e pensavo di aver risolto.
    Purtroppo qualche tempo dopo sono riniziate le sudoroziani che, seppur molto meno e non tutti i giorni, mi hanno perseguitato fino ad oggi. A queste, si sono aggiunte da circa 5 settimane a questa parte problemi digestivi (feci poco formate).
    In questi due mesi, oltre a quelli che ho già descritto ho avuti altri sintomi come eruzione cutanee prurignose che apparivano improvvisamente e sparivano altrettanto in fretta (situazione che si è protatta per qualche tempo). Raffreddori e mal di gola che si manifestano spesso dopo l’attività fisica. Fino ad oggi non ero incline a questo genere di malanni. Nell’ultima settimana ho notato un sanguinamento alla gengiva. Ho fatto gli esami del sangue.
    Dall’emocromo è saltato fuori che ho le piastrine basse, a 105.. i valori normali sarebbero 150-440. Dalla formula leucocitaria risulta un’inversione neutrofili a 35.8 su 50.0-75.0 e linfociti a 54.6 su 20.0-45.0.
    leucociti, eritroci, emoglobina ok
    ferro, ferritina, proteine totali ok
    elettroforesi siero proteine ok
    bence jones negativo
    inutile dirle che sono molto allarmato e in attesa di fare la visita ematologica. mi piacerebbe avere un suo parere.

    PS: non ho mancanza di appetito e fisicamente mi sento informa. 3 anni fa ho avuto la mononucleosi.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La tiroide è stata verificata?
      Soffre d’ansia?

    2. aaa

      la tiroide l ho verificata due anni fa. tutto regolare. Mi sono dimenticato di dire che a fine novembre dunque solo un mese prima di questo periodaccio, sono stato operato al setto. Ho fatto tutte le analisi del caso, ero sano come un pesce.
      Non soffro d’ansia. ma indubbiamente mi sta venendo. Il pensiero di avere la leucemia mi sta un po’ mandando in crisi.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Quando aveva verificato la tiroide soffriva già di questi sintomi (penso più che altro alla sudorazione notturna)?

    4. aaa

      no.. l’unico momento in cui ho sofferto di sudorazione notturna e stato quando avuto la mononucleosi, in concomitanza a febbre. Ora invece presento solo sudurazione. piu precisamente al collo escluse le ascelle e alle cosce.

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo indaghi con il medico, ma non c’è motivo a mio avviso di pensare a situazioni gravi. Mi tenga al corrente.

    6. aaa

      dottore la ringrazio per il tempo, spero che davvero non ci sia motivo. Ho prenotato per domani la visita ematologica.

  12. Vanessa

    Salve dottore, le scrivo per chiederle delucidazioni ed eventualmente consigli. Ho due linfonodi abbastanza evidenti, uno sul collo e uno cervicale, in più è da molto tempo che sento una pallina sopra lo sterno. Soprattutto per quest’ultima sono preoccupata. Potrebbe essere qualcosa di grave o semplicemente un processo xifoideo sporgente? Faccio periodicamente le analisi del sangue ed è tutto nella norma, a settembre in particolare le ho ripetute spesso per valutare eventuali anomalie alla tiroide dato un dimagrimento repentino (di 2 kg circa nel periodo agosto-settembre). Non ho avuto malattie di rilevanza se non Mononucleosi nel periodo Gennaio- Giugno 2013 quindi esattamente 3 anni fa. Le volevo chiedere consigli su come agire.
    La ringrazio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Procederei ad una semplice visita medica con il curante, dovrebbe essere sufficiente a dissipare ogni dubbio.

  13. aaa

    buonasera come chiesto mi sono fatto risentire.
    Dottore le scrivo per aggiornarla sulla mia situazione, non che ci sia molto da dire… sono stato dall’ematologo. Ha escluso la leucemia ciononostante mi ha prescritto esami più approfiditi. Mi ha inoltre prescritto un sacco di altri esami, in base alla mia storia clinica e al fine di sfatare qualsiasi dubbio sul fatto che si tratti di qualcosa di grave. E altri mirati per capire da dove possa aver origine questa sudorazione. Mi ha anche preso uno striscio di sangue per esaminarlo personalmente. Mi è parso molto professionale. Tra due settimane ne saprò di più. Incrocio le dita.

  14. aaa

    Io purtroppo non lo sono. Ieri ho tralasciato un particolare che ho sottovalutato fino a stamane. L’ematologo sospetta possa trattarsi anche di diabete. Non sono un esperto ma in effetti la sintomatologia la presento oltre la sudorazione notturna noto secchezza delle fauci, fastidio tipo spillo a un muscolo, per citarne qualcuno. La sete non saprei come valutarla, essendo uno sportivo, anche perchè bevo quando non ne sento necessariamente il bisogno solo per il fatto di idratarmi.
    Mangio molta frutta, mele e banane principalmente, dalle 2 alle 4 al giorno in tutto. Non manco di mangiare anche frutta secca, con parsimonia.. . C’è anche da dire che stamattina ho fatto la visita medico sportiva. Mi sono state analizzate le urine. Tutto ok.
    Può essere sufficiente o dovrei fare un esame del sangue?
    Mi scuso fin da ora dottore.
    L’ipocondria, quella sì che mi è venuta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Glicemia a digiuno e glicata sono state richieste?

    2. aaa

      l’ematologo mi ha prescritto la glicemia. Se invece si riferisce alla visita non le so dire.. mi hanno preso le urine tempo 2 minuti e mi hanno detto che ero ok. Stamattina ero a digiuno non ho mangiato la solita frutta e le due gallette di miele. In bagno non ho avuto problemi.
      All’estero ho avuto la sudorazione perchè non mangiavo frutta o zuccheri in genere (non so se tra gli zuccheri conta anche l’alcool). Me lo sto praticamente diagnosticando dottore. Quanto spero di sbagliarmi.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo ritengo davvero poco probabile, ma aspettiamo di vedere l’esito dell’esame del sangue.

  15. aaa

    Sentendo stamattina l’ematologo sono andato a fare il test in farmacia. Non potevo attendere oltre.
    Ho il valore a 81, si può dire che non è diabete! Mi sono tolto un enorme peso. Non intendo fasciarmi la testa ulteriormente, mi farò sentire quando avrò notizie concrete sulla mia condizione.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      OK, sono felice di saperla più tranquillo ed aspetto notizie.

  16. Anonimo

    Salve dottore mio figlio e un ragazzo di 15 anni da quando e piccolo ogni inverno si becca la febbre…e sta a casa per 3 giorni…ha avuto per 2 anni ossiuriasi ancora in cura…ha un po di afte in bocca…forse per la poca igene nn si lava spesso i denti e lo vodo sempre con le penne in bocca…la mia preoccupazione e che potrebbe avere una leucemia…lo so sono una madre molto ansiosa…non ha sudorazioni notturne…pero ha dei linfonodi nella zona inguinale sia a destra che a sinistra…sono piu o meno mobili ma non dolenti…non lo vedo che sta male…pero ho un po di preoccupazione

    1. Anonimo

      pero anche lui e un po in ansia perche lui e venuto a riferirmelo e allora anche io mi sono allarmata … volevo dire che non e che ho notato che e dimagrito

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Senta ovviamente il parere del medico, ma a mio avviso non c’è alcun motivo di pensarlo.

  17. Anonimo

    Dottore sono preoccupata perché da tempo come forse avrà letto in altri post, soffro di eccessivo gonfiore addominale con annessa difficoltà respiratoria. E a distanza di oltre un anno ancora non siamo riusciti a risalire ad una diagnosi. Ho eseguito persino una gastroscopia, che è risultata però del tutto negativa (anche se sembra strano, ma anche se l’avessero fatta male non credo che le foto forniteci del mio stomaco,ecc possano risultare ottime se invece sono malate) ho fatto anche un ecografia alla tiroide dato che mi sento soffocare (a volte) e soffro di disfagia e ultimamente di più salivazione. Da poco ho letto un articolo sulla leucemia che mi ha preoccupata, poiché molti malati di questa malattia hanno per l appunto uno stomaco/pancia così tanto gonfi come me. E se il mio problema fosse una cosa del genere? Dato che dalla gastroscopia non è uscito niente? Dato che dai RX al torace non è risultato niente nemmeno?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non c’è motivo di fare questa ipotesi, mentre l’ansia può essere una causa più di quanto non si pensi.

    2. Anonimo

      L’ultima analisi risale a Giugno, ed è la seguente:
      GLOBULI ROSSI (RBC) 4.460.000 /ul 4200000-5800000
      GLOBULI BIANCHI (WBC) 7.030 /ul 4000-11000
      PIASTRINE 228.000 /ul 150000-450000
      EMOGLOBINA 13,1 g/dL 11,5-16,5
      EMATOCRITO 39,3% 36-47
      VOLUME CORPUSCOLARE MEDIO (MCV) 88,1 fL 76-96
      CONTENUTO MEDIO DI Hb (MCH) 29,4 pg 27-32
      CONCENTRAZIONE MEDIA DI Hb (MCHC) 33,3 g/dL 30-35
      FORMULA LEUCOCITARIA
      Granulociti Neutrofili 62,3% 45-75
      Linfociti 27,9% 20-45
      Monociti 7,5% 0-10
      Granulociti Eosinofili 2,0% 0-6
      Granulociti Basofili 0,3% 0-1
      Granulociti Neutrofili 4,38 10^3/ul 2-7,5
      Linfociti 1,96 10^3/ul 1,5-4
      Monociti 0,53 10^3/ul 0,8
      Granulociti Eosinofili 0,14 10^3/ul 0-0,4
      Granulociti Basofili 0,02 10^3/ul 0-0,1

      A lei cosa ne sembra?
      Io non sono medico, però ad esempio i granulociti Basofili che sono 0,02 10^3/uL (0-0,1) vanno bene? O i monociti che sono 0,53 ed il massimo è 0,8?
      A parte questo, a lei come sembrano?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sembra tutto OK, ma come sempre l’ultima parola spetta al medico.

    4. Anonimo

      Il medico non mi ha detto nulla a riguardo, ciò significa che è tutto nella norma presumo. Ma il punto è questo: nel lontano caso (giusto anche per apprendere) che fossi affetta da leucemia si sarebbe potuti vedere qualcosa da queste analisi?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’emocromo avrebbe probabilmente presentato numerose anomalie.

  18. Marco

    Dottore ho una fifa assurda.
    Ho decimi do febbre e dolori fortissimi alle gambe! Oggi ho avuto un attacco di panico dirato 4 ore che mi ha stremato.
    Jo paura sia leucemia. Ho una carenza di vitamina b9 b12 d3 e spesso mi sottopongo a controlli sel sangue x vedere se la dieta sta aneando bene dall ultimo emocromo risultaca tutto nella norma
    Emoglobolina 14,2
    Globuli rosso 4,5 mln
    5600glpbuli bianchi…
    Piastine 230mila tutto normale?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Deve assolutamente affrontare questa paura con l’aiuto di un medico, il rischio è che le ansie con il tempo possano peggiorare.

  19. Marco

    Sono con un bravissimo psicoterapeuta e prendp farmaco x l ansia (zoloft) nn avevo una tale crisi da meso.
    Questi sintomi possono essrre dovuti all ansia e allo stress? Magari un po di raffreddore?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, assolutamente plausibile che ansia, stress ed un po’ di malessere di stagione possano aver scatenato l’attacco.

  20. luigi 29 anni

    Salve dottore da un paio di giorni ho una febbricola la sera sui 37.3 è brividi solo di sera è le urine solo al mattino le faccio rosso-arancio è sangue’? sono preoccupato è in più ho tachicardia sui 104 battiti al minuto ho paura che fosse l eucemia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente è cistite o simile, non la trascuri e si rivolga al medico.

    2. luigi 29 anni

      a grazie dottore per la risposta quindi è una cistite ,perché ieri sera oltre a quello che vi ho descritto mi sono venute anche delle macchie 3 o 4 pruriginose con un ponfo in mezzo dietro alla schiena è che scomparivano dopo un oretta che sarà dipende anche dalla cistite?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, non dovrebbe essere collegato; sente bruciore mentre urina?

      Segnali in ogni caso i sintomi al medico.

    4. luigi 29 anni

      no dottore non ho nessun bruciore quando urino solo un po’ di riscaldamento sul glande ma lieve dopo una mezz oretta dopo urinato. Ora ho anche bocca secca che sarà quest altro sintomo ?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente sta subentrando anche un po’ di ansia, ma segnali in giornata il colore dalla pipì di ieri mattina al medico.

    6. luigi 29 anni

      Salve dottore in questo momento ho di nuovo le macchie pruriginose sulla schiena è tachicardia che sarà

    7. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso che invitarla a verificare con la guardia medica.

  21. Silvia

    Gentile dott. mia figlia di quasi 4 anni ha già avuto un episodio di zoppia alla gamba destra, fatti gli accertamenti visita ortopedica e ecografica all’anca non è risultato nulla e dopo un po la zoppia e il dolore lamentato sono passati. Sin da piccola la bambina si ammala molto spesso, prende qualsiasi tipo di infezione giri all’Asilo Materna ( facciamo un ciclo di antibiotici quasi con frequenza mensile). da qualche settimana la bambina ha raffreddore (con muco verde giallo), vescicole in bocca, e cammina male (porta avanti le gambine quali “lanciandole”).
    Sono molto preoccupata, oltre alla vista ortopedica che indendo programmare al più presto, quali esami del sangue o quale specialista posso interrogare per escludere il peggio?
    La ringrazio anticipatamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi appoggerei ad un centro pediatrico specializzato, lasciando ovviamente che sia lo specialista a valutare esami ed analisi necessarie.

  22. luigi 29 anni

    Sale dottore dopo quei episodi che vi ho raccontato sopra,macchie pruriginise urine con sangue ecc, ieri mi sono uscite delle placche bianche sulle tonsille che fanno male ho fatto le analisi del sangue che evidenziano queste alterazioni:GLOBULI BIANCHI 13.630 valori di riferimento 4.000-10000, LUC 12,8 (0-5),Neutrofili 23,6 (40-75),Linfociti 58,5 (20-45), Transaminasi (GOT) 243 (5-37),Transaminasi GPT 518 (5-40),Gamma gt 539(15-85),Bilirubina totale 1,62 (fino a 1.20 ), Bilirubina diretta 0,74(fino a 0,20),Albumina 50,60 (55,8-66.1) ecco i valori alerati che ne pensate.grazie in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Questi valori indicano un fegato in sofferenza, contatti urgentemente un medico.

  23. Perla

    Dottore buonasera. In un mesetto circa ho avuto 3 episodi di epistassi da narice sx. In realtà il tutto si è risolto in poche soffiate di naso. Premetto che prendo compressa X pressione, starnutisco selvaggiamente ed ho una tosse da parecchi anni che mi sconquassa: sono allergica alla polvere ai pollini, alle bollicine dell’acqua tonica, ho esofagite da reflusso se mangio qualcosa dal sapore forte tossisco come una matta..Dopo aver avuto l’epistassi ho misurato la pressione e la minima era 82/83. Nel complesso mi sento bene a parte un indolenzimento del muscolo ileopsoas che soprattutto la notte mi annichilisce😳 Per il dolore quasi paralizzante. Le ho raccontato tutto perché tutto può interessarla .. N.B Dimenticavo di dirle che da ottobre vivo una situazione stressantissima per via della grave malattia di un mio congiunto. La ringrazio anticipatamente. Perla

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente un piccolo capillare che fatica a chiudersi, ma verifichi comunque con il medico.

  24. maria

    buona sera sono quasi 8 anni che faccio controlli ematologici e ecogafrie in quanto mi hanno diagnosticato la LLC Giorni fa mi hanno consigliato la TAC dalla quale hanno deciso per una biopsia e successiva cura Ho 67 anni e vorrei chiedere che aspettative ho per un futuro sebbene con medicine di vivere abbastanza serenamente??ringrazio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non mi sento in grado di formulare una risposta.

  25. Anonimo

    Salve dott. ..mio nipote a la sindrome di down. .mica gli potrebbe venire la leucemia…in futuro

  26. Gianna

    Gent.mo Dottore,
    ho letto con interesse questa pagina dedicata alla leucemia e vorrei chiederLe delucidazioni circa la LMC. Nel caso di un paziente che ha già sostenuto in passato la cura con chemioterapia (un breve periodo di una settimana) e imatinib, ora passato a desatinib, e i cui valori progressivamente migliorano, è possibile che alcuni sintomi persistenti riconducano ad una fase “dormiente” della malattia, la quale potrà rimanifestarsi in futuro? I sintomi che persistono sono a cominciare dal classico affaticamento e la molta sete, fino al dolore osseo ed articolare che colpisce soprattutto la gamba destra nella zona dell’anca e la zona lombare sinistra. La passata diagnosi è avvenuta anche grazie ad un rigonfiamento ed un dolore continuo alla gamba sinistra, dove è stata scoperta una “colonia” di cellule bianche in eccesso; potrebbe ricapitare un caso simile, nonostante la cura? Oppure questi sintomi sono regolari e dovuti agli effetti collaterali della terapia stessa? O, ancora, sono semplicemente svantaggi con cui bisogna convivere a causa della cronicità della malattia?
    Nel caso in cui fosse possibile una nuova colonizzazione e ricrescita da parte delle cellule leucemiche nei tessuti adiacenti l’osso o l’articolazione della gamba destra, con quale strumento è possibile monitorare la situazione (intendo TAC, risonanza, ecografia, raggi…)?
    Mi scuso per le molte domande, ma come può immaginare è molta anche la mia confusione. La ringrazio in anticipo per l’attenzione e la risposta e porgo cordiali saluti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo le cause ipotizzate per spiegare i sintomi sono tutte plausibili e quindi i disturbi vanno segnalati al medico per i necessari approfondimenti e/o verifiche.

    2. Gianna

      La ringrazio per la risposta. Ha un suggerimento circa quali potrebbero essere gli esami da fare, come per esempio una risonanza o una ecografia?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      In prima battuta è sufficiente la visita medica, in base a quanto emergerà in quella sede si deciderà se e cosa verificare.

  27. elena

    Buonasera dottore le scrivo per chiederle un consulto. ho 48 anni martedì non ero proprio in forma ma sono andata a lavoro nel pomeriggio avverto un linfonodo ingrossato alla base del collo sopra la clavicola sinistra, inoltre già dalla mattina avevo una sensazione di peso nella parte alta della spalla in corrispondenza della zona fra il seno e il collo, quindi avvertivo questa sensazione di peso sulle spalle e di dolore fra il seno e il collo, e quando mi abbassavo per fare qualcosa avevo la sensazione che all’interno qualcosa si abbassasse insieme a me. questo mi comporta grosse difficoltà respiratorie, infatti tutt’ora quando provo a respirare a fondo ho dolore fortissimo. in tutto ciò martedì pomeriggio arriva anche la febbre. vado dal medico il quale mio prescrive l’antibiotico e mi visita sia le spalle nella parte bassa, che dice essere pulite, e il linfonodo scatenandomi un forte dolore che tutt’oggi avverto anche lungo il braccio sinistro.
    ad oggi sto ancora male con i dolori sopra descritti e un malessere generale con febbre a 38 nelle ore pomeridiane. le scrivo perchè sono veramente preoccupata il mio medico non si espresso sul linfonodo per le spalle dice che sono pulite e quindi mi ha detto di prendere appunto l’antibiotico e successivamente di fare le analisi.
    Ah dimenticavo questo dolore sopra il petto che non riesco a descrivere bene si attenua quando prendo la tachipirina ma non passa del tutto. secondo lei e il caso che faccia altri accertamenti? mi devo preoccupare per questa pallina sopra la clavicola di dimensioni quanto circa una nocciola
    la ringrazio per l’attenzione

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Aspettiamo di vedere come evolvono i sintomi dopo l’antibiotico, se dovessero persistere i disturbi lo segnali al medico per ulteriori indagini.

  28. Enrico

    Dottore buongiorno scrivo.perche ho paura di aver preso la leucemia ho appena fatto l emocromo e l amoglobina e a 13.6 lho sempre avuta a 14.8 non vorreinche col tempo tutto si delineasse verso una leucemia i GB sono nella norma come pure I gr e pstrine… grazie e scusi

  29. Maria

    Salve Dottore, sono una donna di 40 anni che é più o meno sempre stata in salute, ho due figli e un lavoro che non mi affatica tanto. Ho sempre sofferto di un mal di testa e negli ultimi mesi tendo a sentirmi continuamente stanca (anche al mattino appena sveglia) nelle ultime settimane ho avuto improvvisamente un gonfiore a mani, alle ginocchia e piedi, con un forte dolore al petto (le premetto che la mia alimentazione non é ricca di sale e non ho mai avuto problemi di ritenzione, sono alta 1,70 e peso 53 kg, dovrei essere nella media) Ho fatto le analisi del sangue e le riporto i risultati alterati:
    Globuli rossi 3.79
    Globuli bianchi 5.1
    Emoglobina 11
    Ematocrito 32.9
    MCV 80
    Linfociti 22
    Monociti 12
    e nelle urine ci sono tracce di cellule basse vie – leucociti –
    Sono preoccupata per quello che ho letto, le sarei grata se mi dicesse cosa ne pensa. La ringrazio in anticipo per l’attenzione.
    Cordiali saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Valori di riferimento dei risultati che mi ha riportato?

    2. Maria

      Globuli rossi 3.79
      Globuli bianchi 5.1
      Emoglobina 11
      Ematocrito 32.9
      MCV 80
      Linfociti 22
      Monociti 12

      Questi sono i valori di riferimento:
      Globuli rossi 3.8-5.5
      Globuli bianchi 3.5-10
      Emoglobina 11.5-17
      Ematocrito 37-50
      MCV 80-100
      Linfociti 22.5-48
      Monociti 1-11.5

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non vedo nulla di drammatico che possa far pensare a cose gravi, ma in ogni caso verifichi con il medico.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.