Diarrea e stitichezza durante chemioterapia e radioterapia

Ultimo Aggiornamento: 127 giorni

Costipazione

Si soffre di costipazione quando si va di corpo con meno frequenza e le feci diventano dure, secche e difficili da espellere. Andare in bagno può essere doloroso, si può avvertire gonfiore o avere la nausea. Flatulenze, aria e crampi allo stomaco o sensazione di pressione sul retto sono altri disturbi frequenti.

Cause

La costipazione può essere provocata dal tumore in sé, dagli antidolorifici o dagli altri farmaci, dal fatto che non si assumono liquidi e fibre a sufficienza oppure dalla mancanza di attività fisica.

Consigli alimentari

  1. Bevete il più possibile, almeno 8 bicchieri d’acqua o altri liquidi al giorno, cioè 2 litri circa.
  2. Bevete qualcosa di caldo. Molte persone trovano che bere qualcosa di tiepido o caldo (ad esempio il caffè, il tè o la minestra) possa alleviare la costipazione. È anche possibile bere qualcosa di caldo subito dopo i pasti.
  3. Mangiate alimenti ad alto contenuto di fibre, ad esempio il pane e i cereali integrali, la frutta secca, i fagioli o i legumi secchi. Provate gli omogenizzati di mela e prugna. Chi soffre di determinate forme di tumore non deve assumere troppe fibre, quindi chiedete al vostro medico se nel vostro caso è opportuno aggiungere fibre alla dieta.
  4. Prima di assumere lassativi, ammorbidenti o altri farmaci per alleviare la costipazione, chiedete consiglio al vostro medico.

Altri consigli

  1. Consultate un dietologo che potrà suggerirvi quali sono gli alimenti migliori per alleviare la costipazione.
  2. Tenete un “diario intestinale”. Mostratelo al medico o all’infermiere per far loro capire qual è il vostro ritmo intestinale normale. Il diario può essere usato per formulare una diagnosi di costipazione.
  3. Fate un po’ di movimento ogni giorno. Essere attivi può aiutarvi a prevenire e ad alleviare la costipazione. Chiedete al vostro medico quanta attività fisica potete e dovete fare e quali tipi di attività sono indicati per la vostra situazione.
  4. Informate il medico se è da più di due giorni che non andate in bagno. Il medico potrà consigliarvi un integratore di fibre, un lassativo, un ammorbidente o un clistere. Non usate nessuno di questi prodotti senza il consiglio del medico o dell’infermiere.

Diarrea

Si ha la diarrea quando si va di corpo con troppa frequenza e le feci sono molli, liquide o acquose. Gli alimenti e i liquidi transitano nell’intestino talmente in fretta che l’organismo non riesce ad assorbire sostanze nutritive, vitamine, minerali e acqua a sufficienza. Come conseguenza si può avere la disidratazione (cioè la carenza di acqua nell’organismo). La diarrea può essere lieve o grave e può durare per tanto o per poco tempo.

Cause

La diarrea può essere causata dalle terapie, ad esempio dalla radioterapia nella zona addominale o pelvica, dalla chemioterapia o dalla terapia biologica. Queste terapie provocano la diarrea perché danneggiano le cellule sane che formano la mucosa dell’intestino tenue e crasso. La diarrea può anche essere causata da infezioni, dai farmaci usati per combattere la costipazione o dagli antibiotici.

Consigli alimentari

  1. Bevete molti liquidi per reintegrare quelli persi con la diarrea, ad esempio acqua e bevande sportive come il Gatorade®.
  2. Fate sgasare le bevande gassate prima di berle. Se vi fanno venire sete o nausea, mischiatele con l’acqua.
  3. Fate cinque o sei spuntini al giorno, anziché tre pasti principali.
  4. Assumete cibi e bevande ad alto contenuto di sodio e di potassio. Con la diarrea, l’organismo perde queste sostanze, quindi è fondamentale reintegrarle. Tra i liquidi ad alto contenuto di sodio ricordiamo il brodo, sgrassato o meno. Tra gli alimenti ricchi di potassio, invece, ci sono le banane, le albicocche sciroppate, il purè e le patate al forno o bollite.
  5. Mangiate alimenti poveri di fibre. Gli alimenti ricchi di fibre possono far peggiorare la diarrea.
  6. Consumate gli alimenti e le bevande a temperatura ambiente, né troppo freddi, né troppo caldi.
  7. Evitate gli alimenti o le bevande che possono far peggiorare la diarrea, ad esempio:
    1. Alimenti ricchi di fibre, ad esempio il pane e la pasta integrali,
    2. Le bevande molto zuccherate, ad esempio le bevande gassate e i succhi di frutta,
    3. Le bevande molto calde o molto fredde,
    4. I cibi unti, grassi o fritti, ad esempio le patatine e gli hamburger,
    5. Gli alimenti e le bevande che possono causare flatulenza, ad esempio i legumi secchi, la frutta e la verdura crude.,
    6. I prodotti a base di latte, a meno che siano a basso contenuto di lattosio oppure senza lattosio,
    7. La birra, il vino e gli alcolici in generale,
    8. Le spezie e gli alimenti speziati, ad esempio il pepe, le salse piccanti e il peperoncino,
    9. Gli alimenti o le bevande che contengono caffeina, ad esempio il caffè, il tè, alcune bevande gassate e la cioccolata,
    10. I prodotti senza zucchero, dolcificati con lo xilitolo o con il sorbitolo. I più diffusi sono i chewing-gum e le caramelle senza zucchero. Leggete le etichette per scoprire se contengono questi dolcificanti,
    11. Il succo di mela, perché è ricco di sorbitolo.
  8. Dopo un attacco improvviso di diarrea assumete soltanto bevande leggere per un periodo variabile tra le 12 e le 14 ore, così l’intestino riposerà e l’organismo reintegrerà i liquidi persi. In caso di diarrea improvvisa, consultate il medico.
  9. Prima di assumere farmaci contro la diarrea, consultate il medico o l’infermiere.

Altri consigli

  1. Consultate un dietologo, che potrà aiutarvi a scegliere gli alimenti giusti per prevenire la disidratazione. Il dietologo, inoltre, potrà dirvi quali cibi preferire e quali evitare in caso di diarrea.
  2. Pulitevi con delicatezza. Evitate la carta igienica: preferite le salviette umidificate o uno spruzzatore con acqua. Dite al medico se la zona rettale presenta piaghe o sanguinamenti oppure se soffrite di emorroidi.
  3. Informate il medico se avete avuto la diarrea per più di 24 ore. Il medico vorrà sapere se la diarrea è accompagnata da mal di pancia o crampi; probabilmente vi prescriverà dei farmaci per tenere sotto controllo questi problemi. Per reintegrare l’acqua e le sostanze nutritive perse potrà essere necessario ricorrere alle flebo, cioè vi verranno somministrati liquidi usando un ago inserito in vena. Non assumete farmaci contro la diarrea senza il consenso preventivo del medico o dell’infermiere.

Traduzione a cura di Elisa Bruno

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.
  1. Anonimo

    Complienti! Trovo molto interesanti i Vostri articoli, sia come argomenti che
    nell’esposizione, sintetica ma completa e facilmente comprensibile anche da profani.

  2. Anonimo

    ho 73 anni, ho fatto radioterapia alla prostata , 28 sedute finite a luglio scorso. prima della terapi, mi scaricavo due /tre volte al giorno e mi ritenevo a posto. ora mi succede di scaricarmi anche tre/quattro volte AL GIORNO E CIò MI Dà FASTIDIO,in quanto alle volte assumonocarattere d’urgenza. Lei pensa che quessto sia dovuto alla radioterapia o si tratta di colon irritabile? Non sono risultato allergico al glucosio. Mi può dare qualche consiglio? lLa ringrazio tanto eLe invio cordiali saluti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      E’ molto probabile che sino gli effetti della radioterapia, se non ha mai avuto prima questo problema.

La sezione commenti è attualmente chiusa.