Tumore alla prostata, i sintomi

Ultimo Aggiornamento: 2114 giorni

Il tumore alla prostata viene di norma scoperto e diagnosticato in seguito ad un’analisi dei valori PSA o dopo un esame rettale (in cui il medico valuta manualmente la grandezza della ghiandola), anche in pazienti totalmente privi di sintomi evidenti; il tumore alla prostata rimane infatti molto spesso asintomatico, ma in altri casi può manifestare sintomi che sono tuttavia rilevabili in condizioni anche diverse dall’adenocarcinoma prostatico. Questi sintomi sono:

  • Necessità di urinare particolarmente frequente
  • Dolore o bruciore durante la minzione
  • Flusso dell’urina debole o con tendenza ad interrompersi
  • Sangue nelle urine
  • Necessità di urinare frequentemente anche durante la notte

Nessuna di queste condizioni è prerogativa unica del tumore alla prostata, gli stessi sintomi possono infatti manifestarsi negli uomini con iperplasia prostatica benigna od in caso di semplici infezioni dell’apparato urinario.

Un tumore alla prostata che si estende ad altri distretti provoca:

  • Mal di schiena, fianchi, cosce, spalle o di altra zona per diffusione di metastasi
  • Inspiegabile perdita di peso
  • Affaticamento

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Carlo

    Dottore e il forte mal di schiena e il dolore alle cosce cosa potrebbe essere sapendo che ho anche problemi alla minzione cioè ritardo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se dalle visite non è emerso nulla non posso che pensare che sia una somatizzazione dell’ansia.

  2. Carlo

    Dottore e che può essere il ritardo a urinare e il getto debole???I farmaci???

  3. Carlo

    Ho fatto una corsa Dottore e mi sento affaticatissimo con il solito mal di schiena

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non ho davvero la possibilità di tranquillizzarla tutte le volte e, soprattutto, se lo facessi non farei il suo bene perchè alla lunga alimenterebbe l’ansia.

  4. Anonimo

    Gentile dottore ha da qualche settimana che durantre l eiaculazione ho un fastidio in fase di uscita dello sperma come la sensazione é come se espellessi un corpo estraneo tipo qualcosa di non liquido ho notato tipo sperma granuloso in passato é capitato ma dureava tipo 2giorni adesso persiste. dalla visita ed esami di urina cultura e spermiocutura e tampone é tutto ok, il mio urologo mi ha prescritto una dieta senza grassi con poco sale e senza cibi irritanti in piu delle bustine rubis ai frutti rossi, .
    Non bruciori durante la minzione ne pelvici. Ogni tanto mi vienebun dolore al testicolo che dura anche un ora ho fatto anche radiografia e palpazione ed é a posto, cosa poitrebbe essere ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dai consigli ricevuti probabilmente l’urologo sospetta un po’ di congestione della prostata; aggiungo solo di provare a bere abbondantemente.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.