Bocca secca e/o intolleranza al lattosio in chemioterapia

Ultimo Aggiornamento: 1464 giorni

Link sponsorizzati

Bocca secca

Si ha la bocca secca quando viene prodotta meno saliva del solito: è più difficile parlare, masticare e deglutire. Se la bocca è secca, il gusto degli alimenti può cambiare.

Cause

La chemioterapia e la radioterapia eseguite nella zona della testa e del collo possono danneggiare le ghiandole salivari, la bocca secca può anche essere causata dalla terapia biologica e da alcuni farmaci.

Consigli alimentari

  1. Bevete acqua, spesso e a piccoli sorsi. In questo modo la bocca rimarrà idratata e sarà più facile deglutire e parlare. Molti pazienti portano sempre con sé una bottiglia d’acqua.
  2. Assumete alimenti e bevande molto dolci oppure acidi (ad esempio la limonata), che vi aiuteranno a produrre più saliva, ma non mangiate o bevete nulla di acido o dolce se avete problemi di ulcere alla bocca o mal di gola, perché i vostri problemi potrebbero peggiorare.
  3. Tenete in bocca un chewing-gum, una caramella dura, un ghiacciolo o un cubetto di ghiaccio, che vi aiutano a produrre la saliva e a idratare la bocca. Scegliete chewing-gum o caramelle senza zucchero, perché l’eccesso di zucchero può provocare carie. Se soffrite anche di diarrea, chiedete al medico se è opportuno usare prodotti senza zucchero, perché alcuni di essi potrebbero far peggiorare il vostro problema.
  4. Scegliete alimenti facili da deglutire. Provate a tritare i cibi o a passarli con il passaverdure.
  5. Ammorbidite gli alimenti usando salse, sughi o condimenti liquidi, così saranno più facili da deglutire.
  6. Non bevete birra, vino o alcolici di qualsiasi genere, perché la bocca potrebbe seccarsi ancora di più.
  7. Evitate gli alimenti che potrebbero far male alla bocca, compresi quelli molto speziati, aspri, duri o croccanti.

Altri consigli

  1. Consultate un dietologo, potrete chiedergli consigli su come alimentarvi anche quando la bocca secca ostacola la masticazione.
  2. Idratate le labbra con il burro cacao.
  3. Risciacquate la bocca ogni ora od ogni due ore. Mescolate 1/4 di cucchiaino di bicarbonato e 1/8 di cucchiaino di sale con un bicchiere di acqua tiepida. Dopo questo risciacquo, risciacquatevi una seconda volta con l’acqua.
  4. Non usate colluttori che contengano alcool, l’alcol fa peggiorare la secchezza della bocca.
  5. Non fate uso di tabacco ed evitate il fumo passivo, perché potrebbero far male alla bocca e alla gola.
  6. Consultate il medico o il dentista. Chiedetegli se è opportuno assumere la saliva artificiale o altri prodotti in grado di proteggere, rivestire e idratare la bocca e la gola. Questi prodotti possono essere utili per combattere la secchezza della bocca.

Intolleranza al lattosio

L’intolleranza al lattosio si verifica quando l’organismo non è in grado di digerire o assorbire il lattosio, uno zucchero contenuto nel latte. Il lattosio si trova, oltre che nel latte, anche nei derivati, ad esempio nel formaggio, nei gelati e nei budini. I sintomi dell’intolleranza al lattosio possono avere intensità variabile e possono comprendere flatulenza, crampi e diarrea. I sintomi possono durare per settimane o addirittura per mesi dopo la fine della terapia. In alcuni casi, l’intolleranza al lattosio diventa un problema cronico.

Cause

L’intolleranza al lattosio può essere causata dalla radioterapia nella zona addominale o pelvica oppure da altre terapie che coinvolgono l’apparato digerente, ad esempio gli interventi chirurgici o la terapia antibiotica.

Consigli alimentari

  1. Usate latte di soia, di riso o latte senza lattosio.
  2. Scegliete prodotti a basso contenuto di lattosio o senza lattosio. Nella maggior parte dei supermercati sono in vendita tipi di latte o di gelato che, nelle etichette, hanno scritto “senza lattosio” o “a basso contenuto di lattosio”.
  3. Provate i prodotti a base di soia o di riso (ad esempio il latte e i gelati di soia o di riso) che non contengono lattosio. I prodotti a base di soia possono essere controindicati se si è affetti da determinati tipi di tumore, quindi chiedete consiglio al dietologo prima di introdurli nella vostra dieta.
  4. Scegliete derivati del latte a basso contenuto di lattosio. I formaggi stagionati e lo yogurt causeranno più difficilmente problemi.

Altri consigli

  1. Consultate un dietologo, che potrà aiutarvi a scegliere alimenti a basso contenuto di lattosio.
  2. Parlate con il medico che potrà prescrivervi farmaci in grado di combattere l’intolleranza al lattosio, ad esempio le compresse di lattasi, un enzima che digerisce il lattosio.

Traduzione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Simona

    Buonasera Gentile Dott.Cimurro,
    ho un problema alla saliva che mi causa molti problemi ed è anche molto fastidioso;le spiego:ho come una saliva infetta che è molto molto liquida contiene liquido in eccesso come fosse acqua fuori dalla norma..non appena parlo tutto questo liquido diventa una saliva schiumosa in eccesso.Questo mi porta anche problemi legati alla masticazione ,alla deglutizione e alla digestione..infatti quando mangio mi restano tutti i pezzi di cibo in bocca,e le gli alimenti liquidi restano “intrappolate”in questa saliva molto ma molto liquida,dopo aver mandato con fatica questi pezzi di cibo giù subito mi arriva il reflusso fortissimo di riflusso acido e (scusi la parola) faccio un sacco di rutti uno dopo l’altro legati alla difficile digestione per via di questa saliv che come sa aiuta alla masticazione,alla digestione e alla deglutizione.Non ne posso davvero più di che malattia può trattarsi?ha dei consigli utili prima di recarsi a fare una visita?sa se si possono effettuare dei test alla saliva o uncontrollo alle ghiandole salivari e soprattutto sa dirmi se questa malattia alla saliva è curabile?Aspetto con impasienza una sua rispota,nel frattempo la ringrazio e la saluto cordialmente.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.