Unghia incarnita: rimedi

Ultimo Aggiornamento: 1333 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

 

Unghia incarnita

Unghia incarnita (http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Vandenbosbefore1.jpg)

Se tagliate le unghie dei piedi troppo corte, soprattutto ai lati dell’alluce, potreste iniziare a notare che hanno tendenza a incarnirsi. Molte persone, e magari anche voi, quando tagliano le unghie dei piedi sono tentate di arrotondare gli angoli, in modo che il profilo dell’unghia segua quello del dito: in realtà questa tecnica può indurre l’unghia a penetrare sotto la pelle. Gli angoli dell’unghia possono piegarsi e penetrare sottopelle. L’unghia può incarnirsi anche se indossate scarpe troppo strette o troppo corte.

Sintomi

In un primo momento il dito in cui compare l’unghia incarnita può diventare duro, gonfio e dolorante. Poi può diventare rosso e infettarsi e iniziare a fare davvero male. Le unghie incarnite sono un disturbo frequente e molto doloroso, soprattutto tra gli adolescenti. Qualsiasi unghia può incarnirsi, però il problema nella maggior parte dei casi colpisce l’alluce. Si ha un’unghia incarnita quando la pelle su uno o su entrambi i lati dell’unghia inizia a crescere sopra agli angoli dell’unghia, oppure quando è l’unghia stessa a penetrare dentro la pelle. Come conseguenza si manifestano rossore, dolore e gonfiore ai lati dell’unghia, poi nel giro di breve tempo può comparire l’infezione. A volte è possibile notare una piccola quantità di pus prodotto dalla ferita.

Le unghie possono incarnirsi per molti motivi. In alcuni casi, sono congenite, cioè sono semplicemente troppo larghe per il dito corrispondente. Anche i traumi, come ad esempio quando vi fate male al dito o qualcuno vi pesta il piede, possono far incarnire le unghie. Tuttavia la causa più frequente sono le scarpe troppo strette o le unghie tagliate male o poco pulite.

Cura e terapia

Rimedi non chirurgici

Le unghie incarnite dovrebbero essere curate non appena ci si rende conto del problema e il podologo è una delle figure più indicate per farlo; se vengono riconosciute con tempestività, cioè prima della comparsa dell’infezione, alcuni semplici rimedi potranno evitarvi di ricorrere ad altre terapie:

  • Fate un pediluvio tiepido tre o quattro volte al giorno.
  • Per tutto il resto della giornata tenete il piede asciutto.
  • Indossate scarpe comode che lascino spazio sufficiente alle dita. Se possibile, indossate i sandali finché non sarete guariti.
  • Se il dolore è forte, assumete farmaci contenenti ibuprofene (Moment®, Brufen®) o paracetamolo (Tachipirina®).
  • Se l’unghia non migliora entro due o tre giorni, o se peggiora, rivolgetevi al medico.
  • Può essere necessario sollevare leggermente l’angolo dell’unghia incarnita e mettere un po’ di cotone o di filo interdentale tra di esso e la pelle. Questa specie di cerotto va cambiato una volta al giorno.

Terapia chirurgica

Se sono presenti infiammazione, gonfiore e presenza di pus eccessivi, l’unghia probabilmente è infetta ed è necessario l’intervento del medico. Forse dovrete assumere antibiotici e l’unghia magari dovrà essere rimossa totalmente o in parte. Il medico è in grado di intervenire chirurgicamente per rimuovere una parte dell’unghia, una parte del letto ungueale sottostante, parte dei tessuti molli circostanti e persino parte della matrice ungueale.

L’intervento chirurgico è utile per impedire agli angoli dell’unghia di penetrare ulteriormente all’interno della carne man mano che l’unghia cresce. La rimozione permanente dell’unghia può essere consigliabile per i bambini che soffrono di unghie incarnite croniche e ricorrenti.

Se l’unghia incarnita fa molto male e/o l’infezione è ricorrente, il medico può rimuoverla parzialmente (avulsione ungueale parziale). Il dito del piede sarà sottoposto ad anestesia locale e il medico userà forbici apposite per tagliare la parte incarnita, facendo attenzione a non danneggiare il letto ungueale sottostante. Se il letto ungueale è lasciato esposto, infatti, può fare molto male. La rimozione totale dell’unghia incarnita (avulsione ungueale totale) aumenta la probabilità che l’unghia cresca con qualche deformità. Perché l’unghia ricresca completamente potranno essere necessari tre o quattro mesi.

Prevenzione

A meno che il problema sia congenito, il modo migliore per prevenire le unghie incarnite è proteggere i piedi dai traumi e indossare scarpe e calzini che lascino spazio sufficiente per le dita. Le unghie dovrebbero essere tagliate a forma quadrata, con un tagliaunghie pulito e perfettamente funzionante, senza limare né arrotondare gli angoli. Non dovrebbero mai essere più corte della punta del dito. È consigliabile tenere sempre i piedi puliti e asciutti.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Maria Grazia

    Buongiorno dottore
    Dopo una pedicure piuttosto accurata mi sono accorta che si è infiammato l’alluce del piede destro in basso a destra e si è gonfiato diventando rosso quasi viola e vedo all’interno del pus
    Sento male con qualsiasi tipo di calzatura e ho anche un febbre ma non so dirle se è dovuta a questo oppure all’influenza di stagione
    Sta di fatto che mi sono limitata a pediluvio con acqua tiepida e sale grosso ma senza grossi risultati
    Potrebbe suggerirmi cortesemente qualcosa da poter applicare localmente?
    Ho un ritardo nel ciclo e potrei essere in attesa di un bimbo
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso consigliare farmaci e temo che serva un approccio abbastanza incisivo in quanto i sintomi che descrive fanno pensare ad un’infezione.

      Ci sono sintomi respiratori?

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.