Creme antirughe

Ultimo Aggiornamento: 121 giorni

Attenzione: Essendo l’articolo frutto di un adattamento da fonti americane, non tutti i prodotti ed i rimedi presentati sono disponibili anche in Italia.

Creme idratanti

I prodotti idratanti servono per prevenire la secchezza della pelle, la formazione di lividi e di lesioni, ma da soli non hanno alcuna efficacia contro le rughe. Vanno applicati in genere sulla pelle umida e sono di diversi tipi:

  • Gli occlusivi, come la vaselina, impediscono all’acqua di evaporare dalla superficie della pelle.
  • Gli umettanti, come la glicerina, riportano l’acqua sulla superficie della pelle. Chi ha la pelle grassa dovrebbe usare un prodotto idratante umettante.
  • Altri composti, come la monolaurina, contengono un misto di lipidi (molecole di grassi), che aiuta a ripristinare le difese naturali della pelle contro la disidratazione e le lesioni.

La maggior parte delle creme idratanti è una combinazione di questi composti, ma di solito contiene anche altri ingredienti, come gli alfaidrossiacidi, un filtro solare, il collagene e la cheratina. Il collagene e la cheratina creano uno strato protettivo di proteine, stirano temporaneamente la pelle e creano così un effetto protettivo contro le rughe.

Creme per il contorno occhi

La pelle del contorno occhi è molto sottile, e non produce gli oli protettivi necessari a mantenerla morbida ed elastica. Le pubblicità affermano che i prodotti per il contorno occhi sono in grado di far diminuire le borse e le occhiaie ed i principi su cui si basano sono fondamentalmente due:

  • causano una vasocostrizione temporanea ed evitano l’accumulo di fluidi,
  • rafforzano la pelle proteggendola con una specie di pellicola invisibile.

È importrante seguire le istruzioni per l’uso contenute nell’etichetta, in fatti i genere queste preparazioni necessitano di essere picchiettate leggermente sulla pelle per facilitarne l’assorbimento. Non strofinateli sulla pelle, perché potreste causare la formazione di rughe che col tempo potrebbero diventare permanenti.

Cosmetici

I cosmetici possono essere efficaci per mascherare i segni dell’invecchiamento della pelle, ad esempio le rughe e le macchie; sono anche in grado di mantenere la pelle idratata e molti di essi contengono un filtro protettivo.

  1. Creme idratanti. Mettete la crema idratante prima del fondotinta. Se la pelle è molto arrossata o il colorito non è perfetto, una crema colorata può essere utile: potete metterla da sola oppure prima del fondotinta.
  2. Fondotinta. L’eccesso di trucco è visibile in corrispondenza delle rughe e le peggiora. Coprite ampie zone del volto con un fondotinta poco coprente mat o semi-mat. La cipria riflette la luce e quindi è ottima per nascondere le rughe. Chi ha la pelle molto secca, però, non dovrebbe usarla.
  3. Correttore. Se le imperfezioni sono molto visibili, può essere utile nasconderle con un correttore colorato da applicare prima del fondotinta.
    • Il correttore di tonalità verde maschera le imperfezioni tendenti al rosso.
    • Il correttore di tonalità gialla maschera le borse sotto gli occhi o i lividi.
    • Il correttore color malva neutralizza il colorito giallastro o le imperfezioni giallastre.
    • Il correttore bianco e perlato serve per minimizzare le rughe.
  4. Blush. Il blush serve per mascherare i capillari dilatati sul naso e sulle guance. I blush in polvere sono i migliori perché si distribuiscono uniformemente sopra il fondotinta.
  5. Ombretti. Gli ombretti in polvere, applicati sopra a una base idratante, sono meglio di quelli in crema. Per non far sembrare gli occhi troppo infossati, può essere utile mettere un ombretto chiaro nella piega della palpebra superiore e sopra l’iride (la parte colorata degli occhi). Una tonalità leggermente più scura dello stesso colore può essere applicata più vicino all’occhio, sfumandola verso l’esterno.
  6. Rossetto. Bisognerebbe mettere una base o un po’ di fondotinta prima del rossetto, per impedire che sbavi nelle rughette ai lati della bocca. Un pennellino con le setole rigide è meglio della matita. Il pennello aiuta a far penetrare il rossetto e non lo fa sbavare. Alcune donne usano la matita su tutto il labbro per ottenere un effetto più naturale. I truccatori preferiscono il rossetto in crema.

Creme, lozioni e unguenti a base di antiossidanti

Gli antiossidanti sono sostanze che contrastano gli effetti dei radicali liberi. L’esposizione al sole diminuisce la quantità di antiossidanti nella pelle, ma è possibile reintegrarli.

Le creme, gli unguenti e le lozioni a base di antiossidanti possono essere utili per diminuire la formazione di rughe e per proteggere dai danni causati dalla luce solare. Diversamente dai filtri solari, si accumulano nella pelle, e non sono idrosolubili, quindi durano per più tempo. Tra gli antiossidanti ricordiamo il selenio, il coenzima Q10 (CoQ10) e l’acido alfa lipoico. Attualmente la loro efficacia non è stata dimostrata, quindi sono necessari ulteriori ricerche. Elenchiamo qui gli antiossidanti più diffusi, e vi consigliamo di chiedere al dermatologo quale fa al caso vostro.

Vitamina A

La vitamina A è fondamentale per la salute della pelle, ma i raggi UV ne fanno diminuire le scorte. La vitamina A per uso topico (applicata sulla pelle) è stata sperimentata e approvata per la cura dei problemi della pelle causati dall’invecchiamento. Tra i prodotti di questo tipo ricordiamo: la vitamina A naturale (retinolo, retinaldeide) e i retinoidi (tretinoina, tazarotene), sostanze chimiche imparentate con la vitamina A. Questi prodotti servono per riparare le lesioni della pelle causate dalle scottature e dall’invecchiamento, ad esempio le rughe, le macchie e l’ispessimento della pelle.

Per vedere i benefici possono volerci diversi mesi.

Tra gli effetti collaterali ricordiamo: rossore, desquamazione, bruciore e prurito, che possono essere risolti con creme a base di corticosteroidi. Quando ci si espone al sole bisogna applicare un filtro solare, perché i prodotti a base di vitamina A aumentano la sensibilità della pelle al sole.

Le gestanti o o le donne che pensano di essere incinte non devono usare nessun prodotto a base di vitamina A. La tretinoina per uso orale causa malformazioni nel bambino e anche la tretinoina per uso topico potrebbe avere lo stesso effetto.

Vitamina C

La vitamina C, o acido ascorbico, è un potente antiossidante che può essere utile per ricostruire il collagene. Esistono diversi prodotti a base di vitamina C, ma nessuno di essi è stato approvato come terapia per i disturbi della pelle connessi all’invecchiamento. La maggior parte delle ricerche sugli effetti degli antiossidanti sulla pelle è relativa a questa vitamina. Nelle ricerche di laboratorio la vitamina C sembra far diminuire o addirittura cessare completamente le lesioni delle cellule della pelle causate dai raggi UV e inoltre sembra che aiuti le cellule della pelle a sopravvivere dopo l’esposizione ai raggi UV.

Altri antiossidanti

Sono in corso ricerche anche su altri antiossidanti, per capire se sono utili per proteggere la pelle. Come i prodotti a base di vitamina C, nessuno di questi antiossidanti è stato approvato per la terapia dei disturbi della pelle legati all’invecchiamento. La maggior parte di essi contiene concentrazioni molto basse di antiossidanti.

  • La vitamina E, in particolare le creme a base di alfa tocoferolo (una forma di vitamina E), può rendere la pelle più liscia, diminuire la lunghezza e la profondità delle rughe.
  • La niacinamide, una vitamina del complesso B, può avere un effetto positivo sulle rughe e combattere le rughe intorno agli occhi.
  • Il melograno e l’estratto di soia possono essere utili per ringiovanire la pelle.
  • L’aloe, lo zenzero e l’estratto di semi d’uva e l’estratto di corallo contengono antiossidanti e vengono pubblicizzati come utili per la pelle, tuttavia le prove della loro efficacia come antirughe sono scarse.

Peeling fai da te: scrub e alfaidrossiacido

Il peeling o esfoliazione è uno dei metodi fondamentali per migliorare l’aspetto della pelle ed eliminare le rughe più piccole e meno profonde. Esfoliare significa asportare delicatamente lo strato superiore della pelle per far crescere la pelle nuova. I metodi per il peeling fai da te comprendono lo scrub e speciali creme. I metodi di esfoliazione più aggressivi possono non essere adatti per chi ha la pelle scura perché potrebbero causare cicatrici o cambiamenti del colore dellla pelle. Se un prodotto non vi convince, chiedete consiglio al dermatologo.

Scrub abrasivi

Gli scrub usano una sostanza abrasiva per rimuovere lo strato superficiale di pelle vecchia e far crescere la pelle nuova. Tra le sostanze abrasive ricordiamo: lo zucchero o il sale, i semi macinati, le particelle di ossido di alluminio e minuscole palline di plastica (sfere di polietilene o microsfere). Le microsfere sono il tipo di scrub più delicato, perché le sfere sono lisce. I semi macinati e l’ossido di alluminio, al contrario, sono il tipo di scrub più aggressivo, perché le particelle hanno spigoli vivi che possono danneggiare la pelle. La sostanza abrasiva è mescolata a una base, come una crema o un gel. Lo scrub può far peggiorare alcuni tipi di disturbi della pelle, come l’acne o la rottura dei capillari, e non è indicato per le pelli sensibili.

Alfaidrossiacidi e altre sostanze per uso topico

Gli alfaidrossiacidi facilitano il distacco delle cellule morte e forse sono anche in grado di stimolare la crescita del collagene e dell’elastina. Tra gli alfaidrossiacidi presenti in natura ricordiamo:

  • acido lattico (si trova nel latte),
  • acido glicolico (si trova nella canna da zucchero),
  • acido malico (si trova nelle mele e nelle pere),
  • acido citrico (nelle arance e nei limoni),
  • acido tartarico (nell’uva).

La maggior parte dei prodotti a base di alfaidrossiacidi contiene l’acido glicolico. I prodotti per la cura della pelle possono anche contenere polidrossiacidi (PHA) e betaidrossiacidi (BHA). Le ricerce indicano che i prodotti a base di polidrossiacidi causano meno irritazioni rispetto a quelli contenenti alfaidrossiacidi o betaidrossiacidi.

La concentrazione di acido nei prodotti a base di alfaidrossiacidi varia tra il 2 e il 10 per cento. Le creme in vendita in farmacia con apposita ricetta contengono almeno il 12% di acido glicolico. I peeling con una concentrazione di acido glicolico variabile tra il 30 e il 70% vengono eseguiti in ambulatorio, con cadenza settimanale o mensile.

Il risultato della terapia con gli alfaidrossiacidi è variabile. Tra gli effetti collaterali ricordiamo:

  • bruciature,
  • prurito,
  • dolore,
  • formazione di cicatrici.

Gli alfaidrossiacidi possono far aumentare il rischio di lesioni della pelle causate dal sole, anche a una concentrazione bassa come il 4%. Gli effetti collaterali possono continuare anche per una settimana dopo aver smesso di usare il prodotto. Per le terapie fai da te gli esperti consigliano di usare una concentrazione massima di alfaidrossiacidi del 10%. In farmacia sono in vendita senza ricetta peeling a base di alfaidrossiacidi con una concentrazione fino al 60%, però è opportuno di usarli solo sotto stretto controllo medico. Se notate degli effetti collaterali, dovete interrompere immediatamente la terapia. Durante la terapia non dovete esporvi al sole e dovete ricordare di usare un filtro solare.

Altri tipi di prodotti per la pelle

Peptidi del rame

Alcuni composti del rame sono in grado di proteggere la pelle, perché il rame è un antiossidante. I peptidi del rame possono anche di riparare la pelle, perché stimolano la crescita del collagene e dell’elastina. Il rame, se raggiunge un’alta concentrazione nell’organismo, diventa pericoloso. Quando usate questi prodotti vi consigliamo quindi di seguire attentamente le istruzioni sull’etichetta. Se non siete sicuri che il prodotto faccia al caso vostro, chiedete consiglio al dermatologo.

Creme a base di fluorouracile

Sono prescritte per la cura di lesioni della pelle precancerose e cancerose e probabilmente sono efficaci anche per migliorare l’aspetto della pelle danneggiata dal sole. Con queste creme si possono correggere le rughe e le macchie, con effetti simili a quelli della laserterapia.

Integratori e rimedi erboristici

Molti rimedi e integratori erboristici sono pubblicizzati per la loro presunto effetto positivo sulla pelle. Il Ministero della Salute non regolamenta questo tipo di di prodotti, cioè chi li produce non subisce controlli approfonditi in merito ad efficacia e sicurezza.

Vi ricordiamo che tutte le sostanze che influiscono sull’organismo, anche se naturali, possono provocare potenziali effetti collaterali, anche pericolosi.

Prima di usare prodotti e integratori erboristici vi consigliamo di chiedere il parere del medico.

Alcuni prodotti erboristici fanno aumentare la sensibilità della pelle alla luce (fotosensibilità). Vi consigliamo di non usarli, a meno che ve li abbia consigliati il vostro medico:

  • Iperico o erba di San Giovanni (Hypericum perforatum), un rimedio contro la depressione,
  • Kava (Piper methysticum), un’erba calmante e antistress,
  • Yohimbe (Pausinystalia yohimbe), ritenuto un rimedio contro la disfunzione erettile,
  • gli oli essenziali contenuti in diversi prodotti per l’aromaterapia possono provocare la fotosensibilità. Tra di essi ricordiamo: l’olio di citrus (pompelmo, limone, lime, arancia, bergamotto), l’olio di cumino, l’olio di zenzero e quello di radici di angelica.

Traduzione a cura di Elisa Bruno

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.
  1. Anonimo

    ciao Guido,
    hai mai sentito queste? xxxxxxx
    io le ho provate e sono creme antirughe davvero potenti.
    Secondo te l’effetto è transitorio? e a cosa è dovuto?
    ciao

  2. Anonimo

    Buongiorno, ho sempre utilizzato creme specifiche per uomo. Tutto nella norma. Da qualche tempo ho iniziato ad utlizzare le creme da banco generalmente utilizzate dal pubblico femminile (anche se non è specificato sul prodotto). Ho iniziato ad avere pelle non correttamente idratata, con tendenza a rugosità e scropolature evidenti maggiormante sulla fronte. Le rughe frontali chiamate volgarmente di espressione paiono più evidenziate che attenuate. Ora ho ripreso una crema sempre da banco ma linea specifica uomo. Da subito la pelle è al tatto più morbida. Mi chiedo: ma le creme “da donna” (mi conceda il termine) non vanno bene davvero per l’uomo? Coincidenza? (forse un periodo di stress). Tanto per capire, idratando con semplice acqua dopo l’utilizzo delle creme non da uomo avevo benefici (come se lavando via la crema la situazione migliorasse). Reazione a qualche componente?
    Grazie dell’attenzione…buona giornata

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Soprattutto le creme destinate a un pubblico femminile sono di norma declinate secondo diversi tipi di pelle (grassa, mista, secca) e una scelta non corretta potrebbe essere la spiegazione dei problemi avuti (posto che comunque la pelle dell’uomo ha caratteristiche diverse da quella femminile).

  3. Anonimo

    Dottore sto usando Airol 0,5 datami dal dermatologo per eiminare delle macchie scure sul viso so per esperienza che mi “spellero’ ” e se metto il fondotinta la cosa diventa ancora più evidente come posso fare per mascherare un po’ l’esfoliazione?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non la so aiutare; valuterei però il problema con il dermatologo, nessuno meglio di lui può consigliarla in proposito.

La sezione commenti è attualmente chiusa.