Allattamento al seno: 12 cose che forse non sai

Ultimo Aggiornamento: 266 giorni

 

Prima di mettere al mondo vostro figlio ovviamente andrete alla ricerca di informazioni sulla gravidanza e sul parto, ma noi vi consigliamo di documentarvi anche sull’allattamento al seno. Mettete alla prova le vostre conoscenze sull’allattamento al seno: leggete le curiosità che vi proponiamo e scoprite quant’è straordinario il corpo delle donne!

  1. I bambini allattati al seno di solito si ammalano di meno. L’allattamento al seno fa diminuire il rischio di infezioni all’orecchio, diarrea e problemi allo stomaco.
    I bambini allattati al seno rischiano meno di soffrire di determinate malattie una volta cresciuti. I bambini non allattati al seno corrono un rischio maggiore di soffrire di asma, diabete e obesità.
  2. Il bambino sente il profumo della mamma. I neonati hanno un senso dell’olfatto molto sviluppato e riconoscono il profumo del latte della mamma. Questo è il motivo per cui il bambino gira la testa verso di voi quando ha fame.
  3. Il bambino vede la mamma da vicino e la riconosce. I neonati riescono a vedere distintamente a breve distanza: riescono a vedere le cose fino a 20, 40 centimetri di distanza, che, non a caso, è la distanza tra il volto del neonato e quello della mamma durante l’allattamento. Il momento in cui vostro figlio vi guarda negli occhi, quindi, è preziosissimo per l’attaccamento.
  4. L’allattamento permette all’organismo della madre di riprendersi più velocemente dalla gravidanza e dal parto. Gli ormoni prodotti durante l’allattamento fanno contrarre l’utero più velocemente, riportandolo più in fretta alle dimensioni di prima della gravidanza.
  5. L’allattamento espone il bambino a molti gusti diversi. Il latte artificiale ha un gusto standard, invece attraverso l’allattamento al seno il bambino alla fine riesce a sentire il gusto leggero di ciò che mangia la madre, anche se non direttamente. In questo modo lo svezzamento sarà più facile.
  6. L’allattamento al seno può aiutare la madre a perdere peso. Le madri che allattano il figlio esclusivamente al seno bruciano fino a 600 calorie al giorno, e in questo modo possono ritornare con più facilità al peso che avevano prima della gravidanza.
  7. L’allattamento fa diminuire il rischio di tumore al seno e alle ovaie.
  8. L’allattamento al seno può far risparmiare alla famiglia circa 1000 euro di spese connesse al latte artificiale solo per il primo anno di vita del bambino.
  9. L’organismo della madre inizia a prepararsi all’allattamento già durante la gravidanza. Dopo il parto l’organismo della madre riceve il segnale definitivo di prepararsi a produrre il latte, di solito in quantità maggiore rispetto a quella necessaria per un solo bambino. Perché? Il vostro organismo non sa se avrete uno o più bambini da nutrire. La produzione di latte, poi, si regola sulle necessità di vostro figlio o dei vostri figli.
  10. Prima che arrivi il latte, nei primi giorni dopo il parto il seno produce un liquido denso, appiccicoso e giallastro, che spesso viene detto “oro liquido”. Questo liquido si chiama colostro e contiene il calcio, il potassio, le proteine, i sali minerali e gli anticorpi necessari al bambino. Il bambino ha bisogno solo di alcuni cucchiai di questo liquido per saziarsi e rimanere in buona salute finché il latte non aumenta, dopo circa 2, 5 giorni dalla nascita.
    Il latte materno cambia, anche nel corso della poppata. Quando il bambino inizia a poppare, il latte è di colore tendente all’azzurrino ed è piuttosto trasparente. Verso la fine della poppata, il bambino riceve il latte più denso e più grasso, che gli dà le calorie necessarie per crescere forte e sano.
  11. Il latte materno è una medicina per la madre. Il latte materno contiene sostanze particolari che aiutano a combattere l’infezioni e ad evitare i problemi del seno. Se il seno fa male nei primi giorni di vita del bambino, massaggiate delicatamente i capezzoli e il seno con il latte, per alleviare il dolore e guarire più in fretta.

Un’ultima curiosità…

Le mamme riescono ad allattare anche quando sono malate, e questo è un vantaggio per il bambino. Quando la mamma si ammala, il suo organismo inizia a combattere la malattia producendo gli anticorpi, che poi vengono trasmessi al bambino. Nel momento in cui la mamma inizia ad avvertire i sintomi della malattia il bambino è già stato esposto al virus o al batterio, e quindi il suo sistema immunitario risulta rinforzato. Continuando ad allattare non solo si continua a produrre latte, ma si protegge ulteriormente il bambino dalle malattie.

Fonte: womenshealth.gov

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Buongiorno dottore, ho un quesito un po’ strano. Sono mamma da un mese e mezzo e allatto a richiesta. Il bimbo cresce bene e stiamo bene. Però è giusto sentirsi stanca? Non so, alla fine quel che faccio è cambiarlo e allattarlo (almeno 10 voltr al giorno). Mi chiedo se sia giusto chiedere al marito di cucinare la sera dopo che è tornato dal lavoro, o chiedergli di rassettare la cucina. A volte mi sento in colpa.perche io sono a casa. Qualcosa faccio, mantengo tutto in ordine e porto il cane con il bimbo in fascia, se lui non è attaccato cucino e stiro, però non so… Mi sento confusa. L allattamento a volte è sfiancante: è normale? Posso farmi viziare un po’ fino a quando non finisce l allattamento esclusivo? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Assolutamente normale sentirsi stanche e anche normale farsi coccolare, in ogni caso ogni coppia deve (ri)trovare il proprio ritmo e per questo può servire tempo (oltre che pazienza e disponibilità da parte di entrambi).

  2. Anonimo

    Buongiorno dottore, lavoro in un albergo eogni giorno respiro candeggina che a fine giornata mi rimane tutto nel naso volevo sapere se ciò è pericoloso per il mio bimbo dato che allatto ancora

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In linea di massima no, ma cerchi per lei di evitare un’eccessiva esposizione.

    2. Anonimo

      Poi volevo capire un ultima cosa dottore:mai come quest’anno prendo raffreddori e ho una tosse da più di un mese che non mi passa può dipendere anche da ciò?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Poco probabile, me se l’esposizione fosse rilevante potrebbe esporla a un’irritazione delle mucose che potrebbe favorire la comparsa delle forme che descrive.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se i prodotti sono usati correttamente, nelle concentrazioni consigliate, non dovrebbero comunque esserci rischi.

  3. Anonimo

    Dottore io sto allattando e visto che non sono piu protett contro il morbillo volevo rifare la vaccinazione. Posso farla anche se allatto?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Sì non ci sono rischi, informi comunque il suo medico. Saluti.

  4. Anonimo

    Buonasera dottore volevo sapere dato che ho un neonato e sto allattando contemporaneamente ho mia nonna che sta facendo alcuni esami per il cuore e leggendo su internet ho letto che alcuni esami che sono da fare per il cuore non consentono la vicinanza con persone in stato di gravidanza o in allattamento.. O vicino i bambini. È vero? Se si quali esami sono? So solo della scintigrafia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ci sono particolari rischi, in caso di necessità saranno i medici stessi ad avvertire la signora.

  5. Anonimo

    Salve Dottore
    Sto allattando ancora il mio bimbo di 13 mesi. Oggi ho avuto un calo di forze durante il pranzo preceduto da vampate di calore. Il mio bimbo in questo ultimo periodo richiede molto di più il seno. Tutto ciò Può essere causa del mio calo di forze di oggi?
    Grazie

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, è probabile che abbia avuto un calo pressorio, è importante soprattutto durante l’allattamento alimentarsi in maniera adeguata e mantenersi ben idratati ( beva almeno 2 litri di acqua al giorno) saluti

  6. Anonimo

    Dottori è normale avere un seno più gonfio e dolente del altro? Da premettere che all inizio allattavo di più dall altro seno perché in questo avevo le ragadi che mi impedivano e usavo il tiralatte..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, può succedere; se facesse proprio male lo verifichi con il ginecologo per escludere problemi.

  7. Anonimo

    Buon giorno dottore, sono incinta a 18+4 de é la mia prima gravidanza. Ieri mi é uscito molto sangue dal naso… e presa un po’ dal panico chinando la testa all’indietro per cercare di farne colare meno ho ingoiato un bel po di sangue involontariamente fino a che andando al pronto soccorso non mi hanno dato un prodotto cicatrizzante da inserire nella narice sanguinante. Fatta questa premessa volevo chiederle se al bambino possa essere successo qualcosa avendo io come gruppo sanguigno e fattore rh b negativo e mio marito 0 positivo. La ringrazio anticipatamente per la sua attenzione.

  8. Anonimo

    Buongiorno dottore,ho tolto da circa una settimana il seno a mio figlio e prima di allattare e rimanere incinta soffrivo di ansia ho passato tutta la gravidanza con un po di ansia ma nell allattamento Nn ne ho risentito molto dell ansia ora mi sento più ansiosa da quando ho tolto la tetta,può essere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Assolutamente normale, in quanto accusa il distacco da suo figlio; se capisse che peggiora eccessivamente non abbia paura di parlarne con il medico.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È normale che succeda, capita a moltissime mamme quando interrompono l’allattamento.

  9. Anonimo

    Dottore buonasera sto passando un periodo non tanto felice e ora mi chiedevo se fosse vero che piangere durante l allattamento fa latte amaro/cattivo

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      No, non c’è nessuna prova a riguardo però certamente non è una situazione ottimale, si faccia aiutare per affrontare il problema, magari iniziando a parlarne col medico o con la ginecologa.

  10. Anonimo

    Dottore ogginsentivo un odore maleodorante sulla coppetta. Sono stata tutto il gg fuori casa e non ho avuto modo di lavarmi il seno. Può essere puzza di latte assorbito? Può provocare infezione al bambino?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Può darsi sia residuo del latte, ma non credo ci sia un’infezione, avrebbe avuto altri sintomi.

  11. Anonimo

    Dottore buongiorno ho un bimbo di 3 mesi che allatto esclusivamente al seno e da qualche gg continua a non attaccarsi bene al seno nonostante io vedo che ha fame. Sottolineo che da poco mi è finito il ciclo e sto in fase ovulatoria. Possono essere gli ormoni?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, è possibile, chiederei comunque consiglio al pediatra.

La sezione commenti è attualmente chiusa.