Verruche: virus, foto, cura

Ultimo Aggiornamento: 1816 giorni

Introduzione

Molti di noi hanno avuto una verruca in qualche parte del corpo in passato: le verruche sono piuttosto fastidiose, ma per la maggior parte sono inoffensive e scompaiono da sole, senza alcun trattamento.

Più frequenti tra i bambini che tra gli adulti, le verruche di solito non sono dolorose, a meno che si trovino sulle piante dei piedi o in un’altra parte del corpo sottoposta a urti e contatti continui.

I bambini possono essere contagiati dall’HPV (e quindi dalle verruche) se toccano qualcosa che è stato prima usato da qualcuno affetto da verruche, come gli asciugamani o superfici infette: i bambini che di solito si mangiucchiano le unghie o le pellicine tendono a essere colpiti dalle verruche più spesso rispetto ai loro coetanei che non hanno quest’abitudine, perché espongono aree di pelle meno protette e creano zone aperte alla penetrazione del virus che provoca la verruca.

Tra i diversi tipi di verruche distinguiamo:

  • Verruche comuni. Evidenziabile di solito sulle dita, sulle mani, sulle ginocchia e sui gomiti, la verruca comune è una piccola escrescenza dura, di forma arrotondata e solitamente di colore grigiastro marroncino. Ha una superficie ruvida che assomiglia vagamente al cavolfiore e al suo interno presenta dei puntini neri.
  • Verruche piane. Di solito sono della grandezza di una capocchia di spillo; sono più lisce rispetto agli altri tipi di verruche e la loro sommità è piatta. Le verruche piane possono essere di colore rosa, marroncino o giallastro. Nella maggior parte dei bambini che ne sono colpiti le verruche piane compaiono sul viso, ma possono anche manifestarsi sulle braccia, sulle ginocchia o sulle mani e possono comparire a grappoli.
  • Verruche plantari. Compaiono sulla pianta del piede e possono essere estremamente fastidiose, proprio come se si camminasse su una pietruzza.
  • Verruche filiformi. Hanno una forma allungata, di solito sono dello stesso colore della pelle e spesso si formano all’interno o nelle vicinanze della bocca, degli occhi o del naso.
  • A volte le verruche sono sessualmente trasmissibili e appaiono nella zona genitale (condilomi acuminati), ma la maggior parte di esse compare sulle dita, sulle mani e sui piedi.

Foto

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Veruca_right_foot_detail.jpg
http://en.wikipedia.org/wiki/File:Veruca_right_foot_detail.jpg
http://en.wikipedia.org/wiki/File:Plantar_wart.jpg
http://en.wikipedia.org/wiki/File:Plantar_wart.jpg
http://en.wikipedia.org/wiki/File:Large_plantar_warts.jpg
http://en.wikipedia.org/wiki/File:Large_plantar_warts.jpg
http://en.wikipedia.org/wiki/File:Wart_filiform_eyelid.jpg
http://en.wikipedia.org/wiki/File:Wart_filiform_eyelid.jpg
http://it.wikipedia.org/wiki/File:Dornwarzen.jpg
http://it.wikipedia.org/wiki/File:Dornwarzen.jpg

Cause

Le verruche sono infezioni della pelle causate da virus della famiglia del papilloma virus umano (HPV). Possono colpire qualsiasi parte del corpo, ma tendono ad invadere le aree calde e umide, come i taglietti od i graffi sulle dita di mani e piedi.

Trasmissione

Il semplice contatto con una verruca di qualcun altro non garantisce automaticamente che anche voi contrarrete l’infezione. In realtà però i virus che causano le verruche si trasferiscono proprio da persona a persona tramite il contatto fisico ravvicinato o tramite il contatto con una superficie toccata dalla persona infetta, come il tappetino per la doccia o il pavimento della doccia.

E’ invece priva di fondamento l’idea che tenendo in mano una rana o un rospo si contragga una verruca.

Un taglietto o un graffio può rendere qualsiasi area della pelle più vulnerabile alle verruche ed anche pizzicare una verruca può far diffondere l’infezione in altre parti del corpo.

La lunghezza del periodo che trascorre tra l’esposizione al virus che la provoca e la comparsa della verruca è variabile. Le verruche possono crescere molto lentamente e, in alcuni casi, possono impiegare settimane o ancor più tempo a svilupparsi.

Cura e terapia

Le verruche di solito non causano alcun problema, quindi non sempre è necessario asportarle.

Senza alcuna cura, una verruca può impiegare da 6 mesi a 2 anni per scomparire completamente.

Il medico potrebbe decidere di asportare una verruca se causa dolore o interferisce con la normale attività a causa del fastidio che provoca. Esistono diversi metodi per asportare le verruche, come ad esempio:

  • farmaci con o senza obbligo di ricetta da applicare sulla verruca,
  • bruciare la verruca usando una lieve scossa elettrica (elettrocoagulazione),
  • congelare la verruca con l’azoto liquido (questa procedura prende il nome di crioterapia),
  • usare la terapia laser (con le verruche più ostinate).

Sembra tuttavia che nessun trattamento abbia una probabilità di successo superiore al 70% circa.

La verruca potrebbe scomparire entro alcuni giorni dall’inizio della terapia medica, oppure potrebbero essere necessarie diverse sedute di terapia; di norma non si asportano le verruche chirurgicamente perché l’intervento potrebbe lasciare delle cicatrici e la verruca potrebbe ripresentarsi.

Se il paziente è adolescente o più grande ed ha una verruca piccola su una zona non particolarmente delicata (su un dito, per esempio), chiedete al medico od al famacista se sia opportuno usare un medicinale da banco per rimuovere la verruca. Questa cura può impiegare diverse settimane o mesi prima di dare risultati apprezzabili, ma alla fine la verruca dovrebbe staccarsi da sola dalla pelle sana. I farmaci contro le verruche contengono sostanze chimiche pericolose e dovrebbero essere usati con cautela, perché possono anche ustionare le aree di pelle sana.

Chiedete al vostro medico prima di usare un qualsiasi farmaco da banco contro le verruche sul viso o nella zona genitale.

E’ poi importante:

  • Ammorbidire la verruca in acqua tiepida e rimuovere la pelle morta sulla superficie della verruca con una limetta (da non usare mai per le unghie) prima di applicare la medicina.
  • Fare attenzione a non passare la limetta direttamente sulla verruca.
  • Tenere la verruca coperta mentre la medicina fa effetto.

E’ infine consigliabile non grattarla, graffiarla o pizzicarla, per evitare di diffondere il virus in un’altra parte del corpo o farla infettare.

Non ha fondamenta la credenza popolare che la verruca abbia una radice da rimuovere, in quanto non penetra in profondità, ma si limita ai primi strati della pelle.

Prevenzione

Non esiste un modo sicuro per prevenire le verruche, ma è sempre buona norma lavarsi le mani e la pelle regolarmente ed accuratamente. In caso di tagli o graffi usate acqua e sapone per pulire la zona e poi disinfettate bene la ferita, perché piccole ulcerazioni aperte della pelle sono zone maggiormente a rischio per le verruche e le altre infezioni.

È poi buona norma indossare sandali impermeabili o di gomma negli spogliatoi, nelle docce ed in piscina (in questo modo potrete proteggervi contro le verruche plantari e le altre infezioni come il piede d’atleta).

Quando chiamare il medico

Prima di tentare di rimuovere una verruca con un farmaco autonomamente, chiamate il medico se:

  • il paziente che ha una verruca in qualsiasi zona del corpo è un neonato o è davvero molto piccolo,
  • il paziente ha una verruca sul viso, nell’area genitale o nel retto.

Chiamate il dottore se la verruca, o la pelle circostante, ha queste caratteristiche:

  • fa male,
  • è rossa,
  • sanguina,
  • è gonfia,
  • trasuda pus.

Anche se possono causare fastidio, le verruche sono molto comuni nell’infanzia e difficilmente provocano problemi gravi.

Traduzione e integrazione a cura di Elisa Bruno

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Gianni

    Come faccio a capire che la verruche è definitivamente sparita grazie buon lavoro

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sarà stata del tutto rimossa la verruca e ci sarà quindi la pelle “normale” (che peraltro causerebbe dolore, al contatto con il liquido).

    2. Gianni

      Buon giorno. .se dopo aver cavato la superficie pianca con verunec risultasse tutto del color
      pelle viva con al centro un puntino bianco dovrei giudicarla guarita o no grazie buon lavoro

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Senza vedere è difficile giudicare, quindi la invito a verificare con personale sanitario, ma dovrebbe essere guarita.

  2. Luigi

    Buongiorno dottore.da ormai 8,9 anni ho delle veruchette al mento e qualcuna al viso , col tempo sono aumentate in numero e alcune anche in dimensioni.ho pfovato di tutto ma nn vanno via, ho perfino fatto un intervento laser che li ha eliminati solo per qualche settimana , poi ricomparse di nuove e anche negli stessi punti.ora si dtanno facendo piu numerisi forse per il caldo e sono comparse anche a sinistra del mento e viso.il problema e la rasatura che ogni volta e complicata per evitare di tagliarle.cosa posdo fsre per farle sparire definitivamente?grazie

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, purtroppo le terapie contro le verruche sono quelle che immagino già sappia : crema da applicare sopra,elettrocoagulazione,crioterapia e la terapia laser (con le verruche più ostinate). E spesso recidivano . Non può fare altro che fare una nuova valutazione specialistica. Saluti

  3. Anonimo

    Dottore buongiorno ho in escrescenza bianca piccolissima con un puntino scuro sulla pancia. Non mi crea nessun disturbo. Non so se sia una verruca o si tratti di cheratite seborica. Se si tratta di una verruca rischio il contagio in un altra zona o in altre persone in casa? ho anche un neonato e ho paura che si contagi

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Eviti contatti diretti e la sottoponga al medico, è l’unico modo per avere una diagnosi certa.

  4. Antonietta

    Ho una Verruca sull’ alluce che mi duole assai è stata trattata da una persona con metodo di inserimento di carne con sedute settimanali protrarsi per 8-9 volte.Ora riemerge il dolore ed è sanguigna cosa mi consiglia dottore.grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Premesso che non ho capito il metodo di trattamento usato, raccomando di verificare con il dermatologo.

    2. Anna

      Ho mia figlia i sei anni che ha una verruca piana sulla fronte ho fatto la crioterapia ben tre voltr ma ora dopo aver messo per un po di tempo verunec si sono ingrandite cosa posso fare adesso?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso che consigliare di rifare il punto con il dermatologo, sia per l’età che per la posizione.

  5. Paolo

    Gentile dottore ho una verruca nell palmo in un dito , mi era stata bruciata tramite bisturi cauterizzato , purtroppo ahimè é diventata il quadruplo . Allora avendo a casa un acido usato in passato per dei condilomi l ho usato. Leggendo sui vari siti di medicina riportava che prima di applicare una qualsiasi sostanza di passare una limetta sulla superficie e poi passare l olio. Facendolo tutti i gg la verruca era diventata meno spessa ma sempre grande lo stesso. Ora da circa 2 settimane ho mollato questo trattamento e la verruca è diventata molto gonfia . Mi consiglia di procedere con la bruciatura con bisturi , l asportazione o con l azoto? In quanto il mio dermatologo vorrebbe nuovamente bruciarla con bisturi cauterizzato ma oltre il dolore e fastidio successivo Nn vorrei si veroficasss nuovamente l insuccesso

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Nessuno meglio dello specialista può valutare la situazione, soppesando pro e contro di ogni opzione; con delicatezza può comunque fargli presente la sua preferenza.

  6. Francesco

    Buongiorno Dottore.
    Dopo ben 10 sedute dal dermatologo per bruciare delle verruche sui polpastrelli delle dita con crioterapia, queste verruche non accennano a sparire.
    Dopo ogni seduta di rimozione verruca con crioterapia, all’incirca dopo 1 mese, ricompare un’altra verruca localizzata sempre sui polpastrelli ma in dita differenti.
    Questa situazione sta durando da 4 anni (dall’età di 19 anni), in concomitanza con studi universitari. Possibile sia causata da stress?
    Non riesco a dare ulteriori spiegazioni, resta fermo il mio disagio ad ogni ricomparsa di questa verruca.

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, lo stress potrebbe incidere. Ma ovviamente finchè non si elimina del tutto ogni singola verruca c’è sempre la possibilità di farne sviluppare altre. Saluti

  7. Max

    Buongiorno, ad inizio di luglio c.a. (dopo aver camminato due mesi con fastidio) ho deciso di rivolgermi ad uno specialista che ha diagnosticato una verruca all’alluce. Dopo aver effettuato un trattamento con il laser per la rimozione della stessa, con successive medicazioni, continuo ad oggi ad avere forte dolore sulla parte trattata. Lo stesso dermatologo mi ha assicurato che la verruca è stata asportata. Mi domando se esistono dei metodi strumentali per verificare se la stessa sia ancora presente, perché sinceramente ho il sospetto che l’intervento non sia stato completato. Quale consiglio mi può dare? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Effettuare una biopsia in questi casi temo che sia eccessivo, l’ispezione visita in ambulatorio è in genere sufficiente ad escludere la presenza di una verruca.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.