Verruche in mani, piedi, viso, …: foto e rimedi

Ultimo Aggiornamento: 31 giorni

Introduzione

Le verruche sono escrescenze benigne (non tumorali) della pelle che possono svilupparsi su diverse parti del corpo e assumere varie forme. Sono causate da virus, sono contagiose e molto comuni: possono colpire chiunque, ma sono più soggetti i bambini e i ragazzi in giovane età.

La maggior parte delle verruche sono del tutto innocue e spariranno dopo qualche settimana o mese al massimo; possono essere fastidiose e poco attraenti, causando anche imbarazzo in alcune persone, ma non sono in genere dolorose a meno che si trovino sulle piante dei piedi o in un’altra parte del corpo sottoposta a urti e contatti continui.

Ci sono diversi trattamenti che possono accelerare il processo di guarigione, anche se purtroppo non sempre funzionano.

Tra i diversi tipi di verruche distinguiamo:

  • Verruche comuni. Evidenziabile di solito sulle dita, sulle mani, sulle ginocchia e sui gomiti, la verruca comune è una piccola escrescenza dura, di forma arrotondata e solitamente di colore grigiastro marroncino. Ha una superficie ruvida che assomiglia vagamente al cavolfiore e al suo interno presenta dei puntini neri.
  • Verruche piane. Di solito sono della grandezza di una capocchia di spillo; sono più lisce rispetto agli altri tipi di verruche e la loro sommità è piatta. Le verruche piane possono essere di colore rosa, marroncino o giallastro. Nella maggior parte dei bambini che ne sono colpiti le verruche piane compaiono sul viso, ma possono anche manifestarsi sulle braccia, sulle ginocchia o sulle mani e possono comparire a grappoli.
  • Verruche plantari. Possono essere estremamente fastidiose, proprio come se si camminasse su una pietruzza; colpiscono le piante dei piedi e talvolta le caviglie e possono diventare relativamente grandi. Poiché le piante dei piedi devono sostenere il peso del corpo, le verruche plantari non crescono verso l’esterno come altri tipi di verruche, vengono invece premute verso l’interno quando si sta in piedi o  si cammina. Sono talvolta ostiche tra trattare.
  • Verruche a mosaico. Sono bianche e appaiono come piccole crosticine molto vicine tra loro; si trovano spesso sotto le dita dei piedi, ma possono anche diffondersi ad aree più grandi su tutta la pianta del piede. A differenza delle verruche plantari non fanno male quando si cammina, perché più piatte.
  • Verruche filiformi. Hanno una forma allungata, di solito sono dello stesso colore della pelle e spesso si formano all’interno o nelle vicinanze della bocca, degli occhi o del naso.
  • A volte le verruche appaiono nella zona genitale (condilomi acuminati) a seguito di trasmissione sessuale.

Foto

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Veruca_right_foot_detail.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Veruca_right_foot_detail.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Plantar_wart.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Plantar_wart.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Large_plantar_warts.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Large_plantar_warts.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Wart_filiform_eyelid.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Wart_filiform_eyelid.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Dornwarzen.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Dornwarzen.jpg

Cause

Le verruche sono infezioni della pelle causate da virus della famiglia del papilloma virus umano (HPV). Possono colpire qualsiasi parte del corpo, ma tendono ad invadere le aree calde e umide, come i taglietti od i graffi sulle dita di mani e piedi.

A seguito del contagio possono passare anche diversi mesi prima della comparsa della verruca (tempo di incubazione).

Trasmissione

Le verruche sono facilmente trasmissibili attraverso il contatto diretto con l’HPV, il virus responsabile.

  • Ci si può anche auto-infettare toccando la verruca e poi toccando un’altra parte del corpo.
  • Si può infettare un’altra persona tramite la condivisione di asciugamani, rasoi o altri oggetti personali.

Il semplice contatto con una verruca di qualcun altro o il contatto con il virus nell’ambiente (per esempio in piscina) non causerà automaticamente il contagio, ma ci sono soggetti più predisposti di altri a contrarre l’infezione.

Un taglietto o un graffio può rendere qualsiasi area della pelle più vulnerabile al contagio.

L’incubazione è altamente variabile, le verruche possono crescere molto lentamente e, in alcuni casi, possono impiegare settimane o ancor più tempo a svilupparsi.

Quando chiamare il medico

Rivolgersi al medico se:

  • sussistono dubbi sul fatto che una formazione sia una verruca; al medico basta in genere l’osservazione per fare diagnosi,
  • i trattamenti farmacologici non hanno funzionato,
  • compaiono verruche sul viso; non tentare di trattarle da soli,
  • le verruche sono tante o recidivano spesso,
  • la verruca
    • sanguina,
    • cambia aspetto,
    • si diffonde
    • o causa dolore, fastidio, imbarazzo.

Se i trattamenti farmacologici di automedicazione non si rivelassero efficaci, il dermatologo valuterà ulteriori approcci più o meno invasivi.

Prima di tentare di rimuovere una verruca con un farmaco autonomamente, chiamate il medico se:

  • il paziente che ha una verruca in qualsiasi zona del corpo è un neonato o un bambino,
  • il paziente ha una verruca sul viso, nell’area genitale o nel retto.

Chiamate il dottore se la verruca, o la pelle circostante, ha queste caratteristiche:

  • fa male,
  • è rossa,
  • sanguina,
  • è gonfia,
  • trasuda pus.

Anche se possono causare fastidio, le verruche sono molto comuni nell’infanzia e difficilmente provocano problemi gravi.

Diagnosi

Il dermatologo può formulare una diagnosi di verruca attraverso la semplice osservazione.

In rari casi potrebbe essere necessaria una biopsia cutanea di conferma; in questi casi il dermatologo rimuove la verruca e la invia a un laboratorio, dove verrà sottoposta all’esame microscopico.

La biopsia è un procedimento sicuro e veloce. Non c’è ragione di preoccuparsene.

Rimedi per le verruche

Le verruche di solito non causano alcun problema, quindi non sempre è necessario asportarle.

Senza alcuna cura, una verruca può impiegare da 6 mesi a 2 anni per scomparire completamente.

Spesso le verruche si risolvono spontaneamente e ciò è particolarmente vero nelle forme pediatriche. Negli adulti una verruca può non risolversi facilmente e velocemente come nei bambini e quindi, benché la maggior parte sia priva di rischi, spesso si preferisce intervenire per rimuoverla, in particolare se:

  • causa di fastidio e/o dolore,
  • in presenza di un numero elevato di escrescenze.

Il trattamento consigliato dipende dall’età e dallo stato di salute del soggetto, nonché dal tipo di verruca.

Le opzioni terapeutiche sono:

  • Cantaridina: il dermatologo può trattare la verruca in ambulatorio impiegando una tintura a base di cantaridina. Questa sostanza causa la formazione di vescicole sotto la verruca. Dopo circa una settimana, il dermatologo asporterà la verruca morta durante una visita di controllo.
  • Crioterapia: è il trattamento più frequente delle verruche comuni e fa uso dell’azoto liquido per congelare la verruca. Il trattamento non è eccessivamente doloroso. Può causare macchie scure in soggetti con la pelle scura. È comune dover ripetere più volte il trattamento. È disponibile in farmacia un trattamento da poter eseguire a casa, utile se la verruca non è eccessivamente grande.
  • Elettrocauterizzazione e curettage: l’elettrocauterizzazione (bruciatura) è un valido trattamento delle verruche comuni, delle verruche filiformi e delle verruche dei piedi. Nel curettage, la verruca viene raschiata via tramite una lama affilata o un piccolo strumento a forma di cucchiaio. Spesso, le due procedure vengono usate insieme. Il dermatologo può rimuovere la verruca raschiandola via prima o dopo l’elettrocauterizzazione.
  • Escissione: il medico asporta la verruca (escissione).

Se la verruca risultasse particolarmente ostica da curare, il dermatologo potrà ricorrere a una delle tecniche seguenti:

  • Trattamento laser: il laser può essere preso in considerazione in caso di verruche che non rispondano ad altre terapie. Prima del trattamento laser, il dermatologo può somministrare un’iniezione per anestetizzare la verruca.
  • Peeling chimico: in genere, le verruche piane sono tante. Dato il numero elevato, il dermatologo spesso prescrive trattamenti di “peeling” per trattare questa tipologia di verruche. In pratica, il metodo consiste nell’applicarsi da sé quotidianamente un apposito farmaco. Vengono impiegati farmaci come acido salicilico (più forte rispetto al rimedio commercialmente disponibile), tretinoina e acido glicolico.
  • Bleomicina: il dermatologo può ricorrere all’iniezione in ciascuna verruca di un farmaco anti-cancro, la bleomicina. Le iniezioni possono essere dolorose. Possono anche avere altri effetti collaterali, come la caduta delle unghie se vengono trattate le dita.
  • Immunoterapia: questo trattamento si basa su una stimolazione diretta del sistema immunitario del paziente per combattere le verruche. È usato quando le verruche persistono nonostante le terapie, per esempio attraverso l’applicazione di un composto chimico come il difenciprone (DCP) alle verruche. Il farmaco causa una modesta reazione allergica intorno alle verruche trattate, che in genere innesca l’eliminazione delle stesse.

Un’alternativa consiste nell’iniettare interferone. Le iniezioni di interferone possono potenziare il sistema immunitario, aiutando il corpo a combattere il virus responsabile della verruca.

Nessun trattamento garantisce purtroppo un’efficacia assoluta.

La verruca potrebbe scomparire entro alcuni giorni dall’inizio della terapia medica, oppure potrebbero essere necessarie diverse sedute di terapia; di norma non si asportano le verruche chirurgicamente perché l’intervento potrebbe lasciare delle cicatrici e la verruca potrebbe ripresentarsi.

Se il paziente è adolescente o più grande, in presenza di una verruca piccola su una zona non particolarmente delicata (su un dito, per esempio), si può valutare con il medico o con il farmacista al ricorso di rimedi di automedicazione. A seconda del prodotto scelto potrebbero servire diverse settimane o mesi prima di dare risultati apprezzabili, ma alla fine la verruca dovrebbe staccarsi da sola dalla pelle sana.

Molti dei farmaci contro le verruche (liquidi, pomate, cerotti) contengono sostanze chimiche irritanti, che richiedono un po’ di cautela nell’utilizzo per evitare di ustionare le aree di pelle sana.

Questi prodotti sono in genere controindicati per le verruche su viso o nella zona genitale.

È poi importante:

  • Ammorbidire la verruca in acqua tiepida e rimuovere la pelle morta sulla superficie della verruca con una limetta (da non usare più per le unghie per evitare una diffusione del virus) prima di applicare il rimedio.
  • Fare attenzione a non passare la limetta direttamente sulla verruca.
  • Tenere la verruca coperta mentre la medicina fa effetto.

Si raccomanda di non grattarla, graffiarla e nemmeno toccarla, per evitare di diffondere il virus in un’altra parte (autoinoculazione) o rischiare fastidiose sovrainfezioni batteriche.

Non ci sono cure risolutive per il virus della verruca, questo significa che la verruca può recidivare nello stesso punto o comparire in una nuova area.

Talvolta sembra che nuove lesioni si sviluppino alla stessa velocità con cui le precedenti scompaiono, succede quando le vecchie verruche ospitano le cellule virali nella pelle prima del trattamento. Questo consente a nuove lesioni di svilupparsi intorno alle vecchie. La miglior prevenzione consiste nel farsi trattare le nuove non appena compaiono.

Prevenzione

Non esiste un modo sicuro per prevenire le verruche, ma è sempre buona norma lavarsi le mani e la pelle regolarmente ed accuratamente. In caso di tagli o graffi usate acqua e sapone per pulire la zona e poi disinfettate bene la ferita, perché piccole ulcerazioni aperte della pelle sono zone maggiormente a rischio per le verruche e le altre infezioni.

È poi buona norma indossare sandali impermeabili o di gomma negli spogliatoi, nelle docce ed in piscina (in questo modo potrete proteggervi contro le verruche plantari e le altre infezioni come il piede d’atleta).

In caso dei presenza di verruche si consiglia infine di:

  • Coprirle con un bendaggio adesivo quando si va in piscina o in palestra.
  • Non condividere asciugamani, scarpe, guanti o calze.
  • Non andare a piedi nudi nelle piscine o nelle docce comunali o spogliatoi.
  • Non toccare le verruche.
  • Non graffiare le verruche per evitare l’auto-contagio.
  • Mantenere i piedi asciutti.
  • Cambia le calze ogni giorno.

Fonti principali:

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Si può usare Wartner in viso per togliere una verruchina (credo che lo sia…)?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Prima di usare rimedi di automedicazione, per verruche o per qualsiasi altra condizione, raccomando di essere sicuri della diagnosi.
      2. No, Wartner non va utilizzato su zone sensibili come il viso o su mucose.

  2. Anonimo

    È vero che se strofino dell’aglio sopra una verruca questa sparisce?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Si tratta di un rimedio popolare, che purtroppo non è così efficace come viene spesso descritto; l’aglio ha effettivamente una blanda azione antibatterica, ma purtroppo non ha azione sulle verruche (che peraltro hanno causa virale).

  3. Anonimo

    Buonasera dottore,
    il mio fidanzato ha sulla guancia (tra la barba) una piccola escrescenza color biancastra che sembra non essere del tutto omogenea ma come se avesse delle ” creste” non so spiegarlo molto bene, comunque è piccolina…Potrebbe essere una verruca filiforme? Un fibroma pendulo?
    Cosa può fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Onestamente senza vedere è davvero impossibile fare ipotesi.
      2. Visita dermatologica.

  4. Anonimo

    Buonasera dottore, volevo farle una domanda per un problema di mia madre, praticamente lei ha un callo ulceroso così detto dal primo dermatologo che abbiamo consultato tra il quarto e quinto dito piede sx di forma piatta colore biancastro apparentemente guarita con creme dermatologiche. Durante l’estate sembra abbia fatto effetto solo che da un mese si è ripresentato lo stesso problema, al che ci siamo recati da un’altra dermatologa che ci ha prospettato che potrebbe essere una verruca oppure un tumore e ci ha prospettato di fare la biopsia e esame istologico per verificare. Questa cosa ci ha enormemente preoccupato pertanto volevo chiederle secondo lei in questo caso può esserci collegamento oppure dovremmo rivolgerci a qualcun’altro, quale consiglio può darci in merito? La ringrazio anticipatamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Proceda con l’esame consigliato in modo da toglierci ogni dubbio, ma il fatto che fosse sparito in estate permette a mio avviso ragionevole tranquillità.

      Mi tenga al corrente.

  5. Anonimo

    Buonasera dottore mi chiamo Anna e ho 19 anni sono due anni che ciò delle verruche piane che all’inizio ne aveva solo qualcuna in faccia poi con il tempo mi sono comparse un paio sotto la ciglia sono andata da un dermatologo e mi a fatto la criatererapia cosa posso usare oltre questo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo temo che non ci siano alternative a una nuova seduta dermatologica; curi con attenzione lo stile di vita, per cercare di favorire il lavoro del suo sistema immunitario.

  6. Anonimo

    Buongiorno dottore, premettendo che viviamo in Belgio, a mio figlio di 6 anni circa un mese fa gli abbiamo trovato una verruca sotto il piede che abbiamo trattato con Aporil, un liquido utilizzato per trattare verruche. Dopo tre-quattro giorni il puntino nero se ne è andato strofinando con un fazzoletto subito dopo aver messo il liquido. A distanza però di circa tre settimane ha ancora la parte trattare dura. È possibile che la verruca ci sia ancora? Devo continuare con il trattamento fino a completa sparizione della parte dura? Come faccio a capire che la verruca sia eliminata? Grazie mille per la risposta

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, bisognerebbe valutare la lesione dal vivo, è stata vista da un medico? la diagnosi è corretta? altrimenti non ha senso praticare alcuna terapia.

  7. Anonimo

    Salve dottore a mia figlia di 7 sul dito della mano da settembre gli è comparso una verruca comune , almeno credo. Abbiamo usato il farmaco verunec senza risultato alcune volte se viene toccato gli esce il sangue. Cosa mi consigliate visto che nn va ancora via?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Avete consultato il medico? senza una diagnosi non si fa nessuna terapia, nemmeno presunta, si rischia di trascurare una situazione di cui non si conosce la natura e l’evoluzione, rischiando anche di alterare il quadro clinico.

    2. Anonimo

      Il farmacista ci ha consigliato il farmaco verunec. Si stava togliendo ma gli bruciava e nn vuole più metterlo. Ora gli è comparso anche sotto il piede. Cosa devo fare ?

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, è opportuno fare una visita dermatologica per un trattamento più mirato. saluti

  8. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
    Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

    Salve, esistono dei prodotti topici che possono essere utili per le verruche, ma, prima di applicare qualsiasi cosa, è comunque preferibile far valutare la situazione ad un medico. saluti

  9. Anonimo

    Buongiorno, da diverso tempo ho una verrucca sulla palpebra inferiore dell’occhio. Volevo chiederle se si può eliminare con qualche unguento oftalmico? Grazie

  10. Anonimo

    Buongiorno mio figlio ha 8 verruche plantari molto.dolorose . Le ha bruciate una volta e sta applicando Kerafilmver. C’è un modo per diminuire il dolore?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, è insolito che facciano così male, dovrebbe rifare una valutazione dermatologica. saluti

  11. Anonimo

    vorrei sapere se è normale che trattando una presunta verruca con veractive la parte trattata dovrebbe bruciare tantissimo ed essere di colore rosso quasi sangue.

    grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In teoria trattando solo la verruca non dovrebbe bruciare così tanto.

  12. Anonimo

    Salve, oggi dopo essere andato in piscina ho sentito fastidio sotto un dito del piede. Ho guardato e ho un taglietto credo, in quanto confrontato con le immagini sopra e non riscontrando somiglianze. È come un taglietto tondo, e un po’ rosso, non fa male, se non quando provo a puntare il piede per sentire se fa male. Oggi per me è la seconda volta di piscina in quanto per anni non ne ho più frequentata una, secondo lei potrei essermi preso questa presunta verrucca già la prima volta, cioè lo scorso venerdì?
    Inoltre dopo essere uscito dalla piscina ho dovuto camminare per un piccolo tratto scalzo in quanto non so chi e perché mi ha spostato le ciabatte. Secondo lei se non è una verruca, in questo taglietto potrebbero essere penetrati i virus che poi causeranno la verruca?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Difficile fare ipotesi senza vedere; le tenga disinfettato e vediamo come evolve, se non passasse lo sottoponga visivamente al medico.

  13. Anonimo

    Gentile dottore da circa 2 anni combatto contro una verruca al dito medio della mano. La prima volta era piccolissima e dopo la
    Bruciatura mi si è formata circa il doppio. Bruciata nuovamente si è formata nuovamente più grande. Allora ho iniziato a mettere una soluzione che mi era stata consigliata dal dermatologo , senza nessun risultato . Ogni 2 settimane allora tagliavo o con una limetta asportavo la parte superiore fino a dove nn sentivo fastidio. Nn potendo andare avanti così ho consultato un dermatologo che mi ha consigliato Verrunec. Dopo quasi 30 gg la verruca era scomparsa lasciando una vistosa parte sanguinante . Durante la rimozione con la forbice (la parte era dura grazie alla soluzione di verrunec ) sono stato meticoloso , ho tolto tutta la parte sopratutto i puntini neri. Dopo 3/4 gg che la ferita era impossibile toccarla e sopratutto era orribile , medicandola ecc stava iniziando ad avere la forma della pelle, quando oggi però mi son reso conto che la parte è tornata come quando si stava formando la verruca, oltre che essere molto dolorosa al tatto, inoltre dentro la verruca vi sono tanti puntini (nn neri come prima ) ma color sangue, che una volta effettuata della pressione diventano come pieni di sangue. É normale che nn riesco in nessun modo ad eliminarla? Da una punta d ago ora mi ritrovo un fagiolo. Andrà via da sola? ? Cos altro posso fare ? Purtroppo mi trovo all estero nn posso consultare un medico qui

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, purtroppo a volte eliminare una verruca è particolarmente difficile. Non credo possa andare via da sola. Dovrebbe riandare da un dermatologo, nel frattempo provi a continuare con verrunec che comunque un minimo di risultato lo aveva dato. saluti

    2. Anonimo

      MA è normale che questa volta non vedo i punti neri interni della verruca ? Che prima invece erano tantissimi .

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo senza vedere di persona è difficile giudicare, mi dispiace.

  14. Anonimo

    Buongiorno. Da bambina avevo le mani piene di veruche. Ho provato un rimedio naturista e sono scomparse tutte. Strofinare 3volte al giorno AGLIO sopra le verucche per almeno una settimana. Al inizio bruccia un po ma già dopo 4giorni vedrai dei risultati.provare per credere.in fondo non c’è nulla da perdere.e se non ci credi l’aglio male non ne fa.

  15. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
    Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

    Ma la diagnosi di verruca è tata fatta da un dermatologo? Eviti di lavarsi con la mano sulla quale ha fatto il trattamento o copra la zona con un cerotto impermeabile. saluti

  16. Anonimo

    Salve ho bruciato con crioterapia delle verruche piana sul palmo della mano oggi una L ho urtata e si è aperta ma io devo lavarmi ho paura di contagio nelle zone genitali più che altro che poi guardando le foto le mie verruche nn corrispondono a nessuna sono piccole invisilibi come delle palline di acqua sono disperata

  17. Anonimo

    Buona sera. La domanda che vi pongo riguarda mia figlia che da due anni sviluppa delle verruche sul dorso di una mano . Durante la stagione fredda ha sempre le mani screpolate e per motivi di studio prende autobus tram e treni.è possibile che su questi mezzi di trasporto lei peggiori la situazione se la pelle è un po compromessa ? Funzionano bene i prodotti da farmacia o è meglio farle sempre bruciare con azoto liquido? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, è possibile.
      2. Dipende dalla dimensione e dalla quantità.

  18. Anonimo

    Buongiorno, ad inizio di luglio c.a. (dopo aver camminato due mesi con fastidio) ho deciso di rivolgermi ad uno specialista che ha diagnosticato una verruca all’alluce. Dopo aver effettuato un trattamento con il laser per la rimozione della stessa, con successive medicazioni, continuo ad oggi ad avere forte dolore sulla parte trattata. Lo stesso dermatologo mi ha assicurato che la verruca è stata asportata. Mi domando se esistono dei metodi strumentali per verificare se la stessa sia ancora presente, perché sinceramente ho il sospetto che l’intervento non sia stato completato. Quale consiglio mi può dare? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Effettuare una biopsia in questi casi temo che sia eccessivo, l’ispezione visita in ambulatorio è in genere sufficiente ad escludere la presenza di una verruca.

  19. Anonimo

    Buongiorno Dottore.
    Dopo ben 10 sedute dal dermatologo per bruciare delle verruche sui polpastrelli delle dita con crioterapia, queste verruche non accennano a sparire.
    Dopo ogni seduta di rimozione verruca con crioterapia, all’incirca dopo 1 mese, ricompare un’altra verruca localizzata sempre sui polpastrelli ma in dita differenti.
    Questa situazione sta durando da 4 anni (dall’età di 19 anni), in concomitanza con studi universitari. Possibile sia causata da stress?
    Non riesco a dare ulteriori spiegazioni, resta fermo il mio disagio ad ogni ricomparsa di questa verruca.

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, lo stress potrebbe incidere. Ma ovviamente finchè non si elimina del tutto ogni singola verruca c’è sempre la possibilità di farne sviluppare altre. Saluti

  20. Anonimo

    Gentile dottore ho una verruca nell palmo in un dito , mi era stata bruciata tramite bisturi cauterizzato , purtroppo ahimè é diventata il quadruplo . Allora avendo a casa un acido usato in passato per dei condilomi l ho usato. Leggendo sui vari siti di medicina riportava che prima di applicare una qualsiasi sostanza di passare una limetta sulla superficie e poi passare l olio. Facendolo tutti i gg la verruca era diventata meno spessa ma sempre grande lo stesso. Ora da circa 2 settimane ho mollato questo trattamento e la verruca è diventata molto gonfia . Mi consiglia di procedere con la bruciatura con bisturi , l asportazione o con l azoto? In quanto il mio dermatologo vorrebbe nuovamente bruciarla con bisturi cauterizzato ma oltre il dolore e fastidio successivo Nn vorrei si veroficasss nuovamente l insuccesso

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Nessuno meglio dello specialista può valutare la situazione, soppesando pro e contro di ogni opzione; con delicatezza può comunque fargli presente la sua preferenza.

  21. Anonimo

    Ho una Verruca sull’ alluce che mi duole assai è stata trattata da una persona con metodo di inserimento di carne con sedute settimanali protrarsi per 8-9 volte.Ora riemerge il dolore ed è sanguigna cosa mi consiglia dottore.grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Premesso che non ho capito il metodo di trattamento usato, raccomando di verificare con il dermatologo.

    2. Anonimo

      Ho mia figlia i sei anni che ha una verruca piana sulla fronte ho fatto la crioterapia ben tre voltr ma ora dopo aver messo per un po di tempo verunec si sono ingrandite cosa posso fare adesso?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso che consigliare di rifare il punto con il dermatologo, sia per l’età che per la posizione.

  22. Anonimo

    Dottore buongiorno ho in escrescenza bianca piccolissima con un puntino scuro sulla pancia. Non mi crea nessun disturbo. Non so se sia una verruca o si tratti di cheratite seborica. Se si tratta di una verruca rischio il contagio in un altra zona o in altre persone in casa? ho anche un neonato e ho paura che si contagi

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Eviti contatti diretti e la sottoponga al medico, è l’unico modo per avere una diagnosi certa.

  23. Anonimo

    Buongiorno dottore.da ormai 8,9 anni ho delle veruchette al mento e qualcuna al viso , col tempo sono aumentate in numero e alcune anche in dimensioni.ho pfovato di tutto ma nn vanno via, ho perfino fatto un intervento laser che li ha eliminati solo per qualche settimana , poi ricomparse di nuove e anche negli stessi punti.ora si dtanno facendo piu numerisi forse per il caldo e sono comparse anche a sinistra del mento e viso.il problema e la rasatura che ogni volta e complicata per evitare di tagliarle.cosa posdo fsre per farle sparire definitivamente?grazie

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, purtroppo le terapie contro le verruche sono quelle che immagino già sappia : crema da applicare sopra,elettrocoagulazione,crioterapia e la terapia laser (con le verruche più ostinate). E spesso recidivano . Non può fare altro che fare una nuova valutazione specialistica. Saluti

  24. Anonimo

    Come faccio a capire che la verruche è definitivamente sparita grazie buon lavoro

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sarà stata del tutto rimossa la verruca e ci sarà quindi la pelle “normale” (che peraltro causerebbe dolore, al contatto con il liquido).

    2. Anonimo

      Buon giorno. .se dopo aver cavato la superficie pianca con verunec risultasse tutto del color
      pelle viva con al centro un puntino bianco dovrei giudicarla guarita o no grazie buon lavoro

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Senza vedere è difficile giudicare, quindi la invito a verificare con personale sanitario, ma dovrebbe essere guarita.

La sezione commenti è attualmente chiusa.