Varicocele al testicolo: sintomi, dolore, intervento

Ultimo Aggiornamento: 293 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Certamente avrete già sentito parlare delle vene varicose, quelle vene gonfie che a volte diventano visibili sulle gambe, probabilmente avete già sentito vostra nonna e le sue amiche parlarne, ma non ci avete fatto troppo caso.

Il varicocele, un’altra forma di gonfiore delle vene, è una malattia tipicamente maschile, ma probabilmente nessuno dei vostri coetanei oserebbe parlarne apertamente. Tutto questo alone di mistero è dovuto al fatto che il varicocele non colpisce le gambe, ma una zona più privata e delicata: lo scroto. Di solito non è pericoloso ed è essenzialmente lo stesso genere di malattia delle vene varicose delle gambe.

Il varicocele non si verifica in tutti gli uomini, anche se è una patologia piuttosto comune: compare nel 15% circa dei ragazzi tra i 15 e i 25 anni, e nella maggior parte dei casi si verifica durante la pubertà. In questo periodo infatti i testicoli subiscono una rapida crescita e quindi il sangue deve affluire verso di essi in misura maggiore; se le valvole delle vene dello scroto non funzionano come dovrebbero, le vene non riescono a far defluire il sangue in eccesso dai testicoli, quindi anche se la maggior parte del sangue continua a scorrere correttamente, una parte di esso inizia a fluire in senso opposto al normale, creando il varicocele.

Può verificarsi in entrambi i testicoli, ma è interessante notare che compare quasi sempre nella parte sinistra dello scroto: questo avviene perché l’organismo degli uomini garantisce un maggiore afflusso sanguigno proprio in quella parte.

Cause

Tutti gli uomini possiedono una struttura detta funicolo spermatico, che contiene le arterie, le vene, le terminazioni nervose e i condotti; questa struttura collega i testicoli al resto dell’organismo e permette la circolazione sanguigna da e verso di essi. Le vene trasportano il sangue nel resto dell’organismo, verso il cuore, e un gruppo di valvole al loro interno fa sì che il sangue scorra sempre verso il cuore e non in senso opposto. In altre parole, le valvole regolano il flusso sanguigno ed è grazie ad esse che tutto scorre nella direzione corretta.

Ma a volte queste valvole possono non funzionare bene, quando questo avviene una parte del sangue può scorrere in senso contrario, verso il testicolo e non verso il cuore. Il sangue che scorre all’indietro può raccogliersi in sacche all’interno delle vene e a loro volta queste si dilatano e si ingrossano, cioè si gonfiano. Si forma così il varicocele.

Sintomi

Nella maggior parte dei casi non ci sono sintomi.

Addirittura si può non notare la presenza del varicocele tuttavia, se i sintomi si presentano, tendono a farlo nei periodi più caldi, dopo l’esercizio fisico intenso o quando si è rimasti in piedi o seduti per molto tempo. Tra i sintomi troviamo:

  • Dolore sordo a uno o a entrambi i testicoli.
  • Senso di pesantezza o di tensione allo scroto.
  • Vene palpabili nello scroto (le si può vedere sottopelle, e possono assomigliare a vermicelli o spaghetti).
  • Senso di disagio nel testicolo oppure nel lato dello scroto colpito.
  • Il testicolo dal lato dove ci sono le vene dilatate è più piccolo (per via del minore afflusso di sangue).

Diagnosi

Sarebbe una buona idea farsi controllare i testicoli regolarmente: questo esame deve entrare a far parte degli esami di routine.

Oltre all’esame visivo per individuare gonfiori anomali, il medico di solito palpa i testicoli e la zona circostante per accertarsi che tutto sia a posto e che non ci siano problemi.

L’esame dei testicoli può essere fatto quando il paziente è in piedi, in modo che lo scroto rimanga rilassato: alcune anomalie, come il varicocele, possono essere rilevate con maggiore facilità se il paziente sta in piedi. Il medico controlla gli aspetti visibili dei testicoli, come la dimensione, il peso e la posizione e palpa delicatamente ciascun testicolo per evidenziare eventuali gonfiori o rigonfiamenti. Controlla anche se è presente dolore nell’epididimo, il condotto che trasporta lo sperma fuori dai testicoli.

Viene esaminato anche il funicolo spermatico, alla ricerca di un eventuale gonfiore. Se il medico sospetta la presenza di un varicocele può confermare la diagnosi attraverso l’ecografia, che può identificare il malfunzionamento delle vene e misurare il flusso sanguigno.

Pericoli

Il varicocele non può essere prevenuto in alcun modo, ma di solito non serve seguire una terapia specifica per combatterlo. Di solito non è pericoloso e quasi sicuramente non provoca la sterilità, alcuni esperti ritengono però che in alcuni casi il possa danneggiare il testicolo oppure diminuire la produzione di sperma.

In questi casi, il medico probabilmente consiglierà l’intervento chirurgico.

Cura e terapia

Il varicocele di solito non è pericoloso, ma se avvertite dolore e gonfiore il medico potrà prescrivervi un antinfiammatorio per alleviarli. Se il varicocele provoca disagio o dolore, può essere utile indossare biancheria intima comoda (slip al posto dei boxer) oppure un sospensorio. Se il dolore è continuo ed il sospensorio non aiuta a farlo passare, il medico può consigliarvi la varicocelectomia (l’intervento chirurgico che rimuove il varicocele).

La varicocelectomia viene effettuata da un urologo, un medico specializzato nei problemi dell’apparato urinario e genitale. Il paziente normalmente viene operato in anestesia generale o locale, il medico lega semplicemente la vena colpita, in modo da far fluire il sangue nelle altre vene sane.

In alcuni casi, anziché eseguire l’intervento chirurgico, il medico può far passare un tubicino di plastica nella vena che provoca il varicocele: in questo modo si riesce a curare il problema ostruendo il flusso sanguigno che affluisce alla vena gonfia e ingrandita. Chiedete al vostro medico se questo tipo di terapia può fare al caso vostro.

Dopo l’intervento il chirurgo probabilmente vi consiglierà di indossare un sospensorio e mettere la borsa del ghiaccio sulla zona per calmare l’eventuale gonfiore. Il testicolo potrà rimanere dolorante per alcune settimane, ma in seguito tutti i dolori scompariranno e tutto dovrebbe ritornare a funzionare perfettamente.

Scleroembolizzazione retrograda

Un approccio più recente ed ormai più diffuso dell’intervento classico è la scleroembolizzazione retrograda, una modalità che offre il vantaggio di essere solo minimamente invasiva.

Questo approccio non necessita di anestesia generale, essendo sufficiente la locale nella sede di introduzione del catetere, ed il Medico radiologo si occuperà di curare il varicocele in pochi minuti.

I vantaggi sono quindi la rapidità di intervento, l’assenza di ricovero, l’assenza di anestesia generale (e relative possibili complicazioni).

Per approfondire questo tipo di intervento segnalo la scheda su Medicitalia curata dal Dr. Prudenzano.

Traduzione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Così il medico ha detto.. forse intendeva dire che ha avuto un infezione.. ma secondo voi è duvuto a questo il fatto che non riusciamo ad avere bambini perché il risultato dello spermiogramma e uscito tutto nella norma..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente ci sono entrambi i disturbi, ma con un esame dello sperma nella norma non dovrebbero comunque esserci problemi da questo punto di vista.

  2. giovanni

    Salve Doc.
    Circa tre settimane fa mi è stato diagnosticata l’epididimite e sono stato in cure, sotto antibiotico, per due settimane. Ora ho di nuovo dolore e senso di pesantezza ai testicoli. Soprattutto al lato sinistro. Da quello che ho letto su internet, sui vari sintomi, credo sia varicocele anche se durante la visita non mi è stata diagnosticata. Ora la mia domanda è la seguente: possono gli antibiotici calmare il dolore di una eventuale varicocele ed allo stesso tempo curare l’epididimite?
    Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Per il varicocele non servono antibiotici; segnali già oggi al medico il fastidio, potrebbe essere una recidiva dell’epididimite.

  3. Anonimo

    Buonasera dottore da qualche mese ho notato che toccando tra il testicolo destro e inguine mi dava fastidio quasi come un bruciore . Stamattina invece per la prima volta mentre camminavo, sentivo punzecchiare nella stessa parte volevo sapere se è sintomo di pubalgia o altro grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Plausibile, ma è solo attraverso la visita che è possibile una diagnosi certa.

  4. crystel

    Salve dott.
    Mio marito circa da qualche mese avverte dolore al testicolo sinistro maggiormente quando abbiamo rapporti. .. a volte sente anche pulsare. .. cosa può essere? ? So no preoccupata anche perché su internet non ho letto molte cose positive. . Dovrei prenotare una visita ma sicuramente verrà fatta dopo le feste ..grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Le cause di dolore testicolare sono numerose ed alcune legate a problemi completamente diversi, in questi casi sarebbe quindi come tirare ad indovinare.

      So cosa teme, ma non salti assolutamente a conclusioni, è un’ipotesi decisamente meno probabile di altre (come il varicocele, appunto).

  5. crystel

    Buongiorno
    Mio marito è stato già operato di varicocele..nel 2009..quindi può essere una recidiva? Toccando il testicolo.mi è sembrato di toccare come un granello di sabbia. .nn so se mi capisce ..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Improbabile.
      Se è presente un granello potrebbe essere una piccola cisti, ma va verificato con il medico.

  6. crystel

    Salve dott e auguri di buon anno. .
    Oggi sono riuscita a prenotare l eco a mio marito e cm sostenevo ha una recidiva del varicocele😔. . Ma è possibile ?? Il dott ha detto che dovrebbe verificare lo spermiogramma x vedere la gravità. .gli ha anche scritto una pillola venicum (nn ricordo bene) che è innocua e può prenderla senza problemi. ..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è frequente, per questo la escludevo, ma è possibile.

  7. Anonimo

    Salve dottore e buon anno, il mio fidanzato sono un paio di giorni che avverte dolore al testicolo sinistro, ha fatto più di una volta l ecografia ma non ha nulla. Cosa mi consiglia? A chi dovrei rivolgermi?

  8. Anonimo

    Salve dottore sono un ragazzo di 15 anni…ieri masturbandomi mi sono accorto che quando ho ieaculato il liquido seminale era molto meno abbondante rispetto alle altre volte ed inoltre sembra che faccio molta fatica a far ereggere il pene…oggi ci ho riprovato ed è successa la stessa cosa.
    Premetto che questi giorni sono stato male accusavo bruciore di stomaco e Mal di schiena,ma questo l’ho già risolto con il medico di famiglia che si tratta di una gastrite e di una freddata….ho fatto anche un eco-color-doppler qualche mese fa e mi è stato riscontrato un varicocele,cosa potrebbe essere secondo lei?

  9. Ciro

    Salve dottore ho fatto un eco testicolare e ce una varicocele di ll-lll grado cosa devo fare …….ho dolore al testicolo sinistro e debolezza alle gambe ho effettuato anche spermiogramma e motilità e conta dei spermatozoii sono bassi può essere la varicocele la causa di tutto e se intervenendo chirurgicamente tutti può tornare alla normalità grazie dottore

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, probabilmente l’urologo consiglierà di intervenire per curare i sintomi e migliorare la qualità dello sperma.

    2. Anonimo

      Grazie dottore. ………quindi nn ce rischio di sterilità visto che mia moglie già aveva avuto una gravidanza poi persa

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente no, ma non posso purtroppo darle garanzie.

    4. Anonimo

      Dottore ma è normale che mi prendono forti dolori ad entrambi i lati inguinali e al testicolo e anche giu alla schiena e debolezza alje gambe?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      In parte sono dovuti al varicocele e forse, in parte, ad un po’ di ansia. Vanno comunque segnalati al medico.

  10. Nico

    Salve da tre giorni ho dolore a entrambi i testicoli cosa potrebbe essere e a chi dovrei rivolgermi urologo o andrologo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Le cause possibili sono numerose, troppo numerose per poter fare ipotesi.

      Urologo.

  11. Arben

    Salve dottore, io le avevo già scritto un po’ di tempo fa in merito al mio varicocele di 2-3 grado. Non posso attualmente farmi operare ma cerco di fare una vita sana. Volevo chiederle se il varicocele può causare congestione prostatica transitoria o cronica, perché è da tre giorni, da dopo un rapporto sessuale, che noto nell’interno delle mie mutande delle piccolissime macchioline rosso scuro o color ruggine e temo siano macchioline di sangue. Io non conosco bene la medicina, ma da quanto so sono un sintomo della congestione prostatica e infatti, scusi se descrivo la situazione sessuale nella quale mi sono trovato, io ho avvertito un bruciore alla vescica durante il rapporto (non rapporto etero e io passivo mi scusi non la voglio mettere in imbarazzo mi spiace ma dovevo dirlo per chiarire bene le circostanze), che ho attribuito al freddo dell’ambiente, e ho ejaculato nonostante il bruciore, e la sera dopo ho notato una macchietta rossa dove la parte superiore della pelle del prepuzio tocca l’interno del tessuto della mutanda, e sabato e domenica solo queste macchioline di cui le parlavo, come anche oggi. Volevo sapere se sono state causate dal rapporto, se sarebbero spuntate fuori lo stesso anche senza rapporto per via del varicocele o se può essere una causa dello stress o della sedentarietà. Grazie. Mi chiedevo anche se c’è qualche rimedio per far cessare questo problema con un certo tipo di alimentazione o con qualche esercizio di ginnastica o con qualche farmaco, perché ripeto per il momento non mi posso far operare. Inoltre non sento fastidi alla prostata o bruciori o senso di pesantezza. Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Secondo alcuni autori potrebbe in effetti favorire piccoli problemi alla prostata.
      2. Nessun imbarazzo, non si preoccupi assolutamente di questo; nello sperma o nell’urina c’è del sangue?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Rimanga vigile nei prossimi giorni, ma viene il dubbio che non fosse sangue.

    2. Arben

      Ma allora, se non fosse sangue, secondo lei che cosa potrebbe essere? Per curiosità, ma che cosa potrebbe indicare la presenza di sangue nello sperma o nelle feci?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Rispettivamente, per esempio, infezione alla prostata ed emorroidi.

    4. Arben

      Grazie dottore, farò attenzione nei prossimi giorni se compaiono ancora questi puntini. Pensavo anche di fare una visita urologica.

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono sempre favorevole ad un controllo, ma nel suo caso potrebbe davvero non essere necessario, quindi prima ne parlerei piuttosto con il medico di base.

  12. Arben

    Salve dottore, poco fa ho notato due di quei puntini rosso scuro sulla carta igienica che ho usato dopo aver fatto pipì. Però ieri non mi era successo. Inoltre a tratti ho un leggerissimo fastidio dove c’è il varicocele e poco più in su, circa al di sotto dello stomaco o tra il varicocele e lo stomaco. Ma parliamo ripeto di un fastidio leggerissimo, non avverto dolore.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo segnali al medico, potrebbe consigliare un’analisi delle urine.

  13. Arben

    Grazie, farò così. E riguardo all’operazione per il varicocele come funziona? Incidono la pelle della sacca scrotale oppure intervengono sull’inguine? Oppure ci sono ospedali dove intervengono con la microchirurgia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Può approfondire con il link che trova alla fine dell’articolo, ormai è un intervento minimamente invasivo.

    2. Arben

      Un’altra cosa: i miei disturbi potrebbero essere una causa del varicocele in concomitanza con il cambiamento di clima? Perché è da qualche giorno che da me a Verbania fa molto freddo soprattutto la sera e magari il varicocele mi ha indebolito in questo senso. Pensavo anche che ci poteva essere di mezzo un po’ di stress. Oltretutto per alcuni mesi tra il 2014 e il 2015 ho sofferto a tratti di ansia insomma non è stato un periodo facile. E anche adesso qualche problema in questo senso lo ho, non più ansia ma a volte prendo rabbia. Pensavo insomma ad un insieme di cause che può aver provocato fastidi anche alla prostata.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ansia, stress e cambiamento del tempo possono sicuramente spiegare i sintomi, ma raccomando di verificarlo comunque con il medico.

  14. Anonimo

    Salve Dottore,sono un rafazzo di 28 anni, qualche giorno fa sono stato al pronto soccorso per dolore al testicolo destro sottoposto a ecografia hanno notato una ciste di un centimetro.Visitato dal dottore mi ha prescritto un antibiotico e un antinfiammatorio,ora ho notato che sopra la ciste c’è uno strano gonfiore che prima non avevo mai notato.Puo’ essere varicocele?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Improbabile, sarebbe stato visto e non compare da un giorno all’altro.

  15. Anonimo

    La ringrazio per la risposta tempestiva,puo’ essere una cosa preoccupante e puo’ portare a qualche spiacevole sorpresa?Comunque mercoledì pv ho una visita specialistica.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio parere no, essendo sotto antibiotico/antinfiammatorio.

  16. Michele

    Venerdì finalmente operazione del Varicocele tutto bene ma da oggi dolori ai testicoli cosa può essere. Quanto tempo devo stare a riposo.

    1. Anonimo

      Piccoli dolori. L’ intervento non so spiegare bene, (protocollo post trattamento di embolizzazione vascolare) come è scritto (3 spirali in platino)

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Piccoli fastidi sono del tutto normali.
      2. In genere dopo 3-4 giorni la ripresa è completa, ma si aspetta un po’ di più per sforzi maggiori. Raccomando in ogni caso di sentire il suo medico per entrambe le domande, a distanza è facile che nascano incomprensioni ed ovviamente può diventare pericoloso.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso prendermi la responsabilità di darle il via libera; il chirurgo le aveva dato indicazioni a riguardo?

  17. Marco

    Salve dottore, sono un ragazzo di 21 anni.
    Da circa 2 anni ho registrato episodi di dolore al testicolo, in corrispondenza della sacca venosa, che ho sempre attribuito al varicocele (che non ho mai diagnosticato). Capita raramente e soprattutto quando lo scroto non è ben sostenuto da una mutanda aderente. Infatti, da quando ho cominciato a utilizzare solo slip, anche sotto al costume, non ho più avuto problemi. Ieri sera sono stato con la mia ragazza al mare. Siamo stati seduti in spiaggia e mentre ci baciavamo ho avuto delle modeste erezioni. Nelle ore successive e durante la notte ho avuto un forte dolore allo scroto e alla palpazione, le vene erano molto gonfie. Questo episodio mi era già capitato con altre ragazze, senza avere un rapporto sessuale. A me la situazione non ha mai preoccupato ne dato eccessivi fastidi, così non ho mai fatto una visita specialistica. Pensa che dovrei farmi visitare, al ripresentarsi di sintomi così acuti?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Quanto successo ieri è del tutto normale, si verifica a seguito di erezioni prolungate senza la successiva eiaculazione.

      Per il resto merita invece verificare l’eventuale presenza di un varicocele con il medico; il dolore che provava con l’uso dei boxer lo avvertiva a destra o sinistra?

    2. Marco

      Inizialmente avvertito a destra, dove il testicolo è leggermente più alto. In seguito a questi episodi, dolore diffuso da entrambe le parti.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      È raro un varicocele al testicolo destro, motivo in più per verificare (anche se le confermo che questo disturbo può causare un dolore sordo, difficilmente localizzabile).

  18. Salvo

    Salve dott. E da un 4 mesi che accuso dolori al testicolo sinistro sono stato dall’urologo e mi ha detto che potrebbe essere varicocele tra qualche settimana devo fare un ecodopler dei vasi spermatici nn so che sia?. In attesa mi ha prescritto azuma4 cromo E 10 punture nicetile lho fatto la cura ma il dolore e rimasto uguale x comera prima.nn mi riesce di camminare o fitte fortissime e mi tira anche la schiena al punto di nn poter muomermi piu a un consiglio da potermi dare grazie e una buona serata.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Al suo posto procederei privatamente all’esame richiesto per accelerare i tempi (serve a verificare la circolazione sanguigna attorno al testicolo e confermare quindi la diagnosi).

    2. Anonimo

      Buongiorno dott. Grazie x aver risposto volevo chiederle secondo lei devo prepararmi al peggio ? Essendo di aver fatto la cura senza alcun esito positivo. E visto le continue fitte che ho al testicolo sinistro diventa sempre piu persistente il dolore e e molto doloroso nn so che pensare grazie ancora dott.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Intende un tumore? No, non c’è motivo di pensarlo, ma dato il dolore è bene andare a fondo per poi curarlo in modo mirato.

  19. karim

    Bona sera dottore ho problemi nel mio pene si gonfia quando vado a urenare mi brocia mio pene mi viene la febre improvesamenti dolore nel parti bassa di mia skena mi fa male la parti sinistra del testecoli ho fatto l esame urenocultura e sperma resultano negative sopra tutto mi fa male sotto i mie testecoli mi viene da urenarmi subeto

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma temo che sia indispensabile farsi seguire da un urologo.

  20. Salvo

    Grazie dott.x avermi risposto le volevo chiedere una cosa secondo lei con la cura che ho già fatto tra punture e farmaci come le avevo detto ieri e che il dolore nn è diminuito x niente anzi fa piu male di prima secondo lei c’è da preoccuparsi? ? Sia sincero con me nn ho paura qualsiasi cosa sia sono una persona forte nn mi abbatto mai x la qualsiasi cosa.grazie tanto dott. Sempre gentilissimo le auguro una buona giornata

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, come detto non penserei a qualcosa di grave, ma proprio perchè la cura non sta sortendo effetti è consigliabile a mio avviso andare a fondo.

  21. Anonimo

    Dott. tempo fa per uno sforzo pesante mi sono sentito tirare il testicolo destro, faccio il muratore, testa dura continuo con il lavoro, 20 giorni fa mia moglie mi porta dal medico curante e parla di varicocele e prenoto un visita dall’urologo e conferma il vericocele . Io non credo che per uno sforzo mi capita questo. Lui dice che è un piccolo intervento.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Confermo che l’intervento è banale, ad oggi si usano ormai tecniche solo minimamente invasive.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente il varicocele era già presente e lo sforzo ha causato la comparsa dei sintomi.

  22. Andrea

    Buonasera Dottore,
    Ho un varicocele al testicolo sinistro (II livello) e al termine dell’attività agonistica verso maggio dovrò operarmi. Fino ad oggi non ho avvertito mai un dolore sordo ed erano anni che sapevo di avere il varicocele . Ora sono già tre giorni che lo avverto a momenti quando sono steso a letto o seduto a lavoro. Secondo lei devo accellerare o posso aspettare maggio?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Farei il punto con il medico, probabilmente con un antinfiammatorio potrebbe tamponare la situazione (ma è necessario verificare che la causa sia proprio quella).

      Raccomando di evitare l’uso dei boxer.

  23. Anonimo

    salve dott volevo sapere se x il bassado e cernilen ci vuole la ricetta.GRAZIE

  24. Peppe

    Salve dottore,vorrei conoscere la sua opinione..ho un varicocele di 3*,secondi lei i coaguli gelatinosi ed intensa flora batterica nello sperma associati ad una riduzione del numero,possono dipendere dal varicocele o potrebbe trattarsi di un infezione?Grazie!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Improbabile che sia legato al varicocele.

      Può esserci effettivamente un’infezione a spiegare i coaguli, ma non è l’unica causa possibile (anche la disidratazione od una ridotta frequenza di eiaculazione possono spiegare il fenomeno); discorso ancora più complesso per la riduzione del numero di spermatozoi.
      Indispensabile quindi fare il punto con un andrologo.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.