Varicocele al testicolo: sintomi, dolore, intervento

Ultimo Aggiornamento: 1355 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Certamente avrete già sentito parlare delle vene varicose, quelle vene gonfie che a volte diventano visibili sulle gambe, probabilmente avete già sentito vostra nonna e le sue amiche parlarne, ma non ci avete fatto troppo caso.

Il varicocele, un’altra forma di gonfiore delle vene, è una malattia tipicamente maschile, ma probabilmente nessuno dei vostri coetanei oserebbe parlarne apertamente. Tutto questo alone di mistero è dovuto al fatto che il varicocele non colpisce le gambe, ma una zona più privata e delicata: lo scroto. Di solito non è pericoloso ed è essenzialmente lo stesso genere di malattia delle vene varicose delle gambe.

Il varicocele non si verifica in tutti gli uomini, anche se è una patologia piuttosto comune: compare nel 15% circa dei ragazzi tra i 15 e i 25 anni, e nella maggior parte dei casi si verifica durante la pubertà. In questo periodo infatti i testicoli subiscono una rapida crescita e quindi il sangue deve affluire verso di essi in misura maggiore; se le valvole delle vene dello scroto non funzionano come dovrebbero, le vene non riescono a far defluire il sangue in eccesso dai testicoli, quindi anche se la maggior parte del sangue continua a scorrere correttamente, una parte di esso inizia a fluire in senso opposto al normale, creando il varicocele.

Può verificarsi in entrambi i testicoli, ma è interessante notare che compare quasi sempre nella parte sinistra dello scroto: questo avviene perché l’organismo degli uomini garantisce un maggiore afflusso sanguigno proprio in quella parte.

Cause

Tutti gli uomini possiedono una struttura detta funicolo spermatico, che contiene le arterie, le vene, le terminazioni nervose e i condotti; questa struttura collega i testicoli al resto dell’organismo e permette la circolazione sanguigna da e verso di essi. Le vene trasportano il sangue nel resto dell’organismo, verso il cuore, e un gruppo di valvole al loro interno fa sì che il sangue scorra sempre verso il cuore e non in senso opposto. In altre parole, le valvole regolano il flusso sanguigno ed è grazie ad esse che tutto scorre nella direzione corretta.

Ma a volte queste valvole possono non funzionare bene, quando questo avviene una parte del sangue può scorrere in senso contrario, verso il testicolo e non verso il cuore. Il sangue che scorre all’indietro può raccogliersi in sacche all’interno delle vene e a loro volta queste si dilatano e si ingrossano, cioè si gonfiano. Si forma così il varicocele.

Sintomi

Nella maggior parte dei casi non ci sono sintomi.

Addirittura si può non notare la presenza del varicocele tuttavia, se i sintomi si presentano, tendono a farlo nei periodi più caldi, dopo l’esercizio fisico intenso o quando si è rimasti in piedi o seduti per molto tempo. Tra i sintomi troviamo:

  • Dolore sordo a uno o a entrambi i testicoli.
  • Senso di pesantezza o di tensione allo scroto.
  • Vene palpabili nello scroto (le si può vedere sottopelle, e possono assomigliare a vermicelli o spaghetti).
  • Senso di disagio nel testicolo oppure nel lato dello scroto colpito.
  • Il testicolo dal lato dove ci sono le vene dilatate è più piccolo (per via del minore afflusso di sangue).

Diagnosi

Sarebbe una buona idea farsi controllare i testicoli regolarmente: questo esame deve entrare a far parte degli esami di routine.

Oltre all’esame visivo per individuare gonfiori anomali, il medico di solito palpa i testicoli e la zona circostante per accertarsi che tutto sia a posto e che non ci siano problemi.

L’esame dei testicoli può essere fatto quando il paziente è in piedi, in modo che lo scroto rimanga rilassato: alcune anomalie, come il varicocele, possono essere rilevate con maggiore facilità se il paziente sta in piedi. Il medico controlla gli aspetti visibili dei testicoli, come la dimensione, il peso e la posizione e palpa delicatamente ciascun testicolo per evidenziare eventuali gonfiori o rigonfiamenti. Controlla anche se è presente dolore nell’epididimo, il condotto che trasporta lo sperma fuori dai testicoli.

Viene esaminato anche il funicolo spermatico, alla ricerca di un eventuale gonfiore. Se il medico sospetta la presenza di un varicocele può confermare la diagnosi usando uno stetoscopio per auscultare il sangue che scorre in senso anomalo nella vena difettosa; in alternativa potrebbe ricorrere all’ecografia, che può identificare il malfunzionamento delle vene e misurare il flusso sanguigno.

Pericoli

Il varicocele non può essere prevenuto in alcun modo, ma di solito non serve seguire una terapia specifica per combatterlo. Di solito non è pericoloso e quasi sicuramente non provoca la sterilità, alcuni esperti ritengono però che in alcuni casi il possa danneggiare il testicolo oppure diminuire la produzione di sperma.

In questi casi, il medico probabilmente consiglierà l’intervento chirurgico.

Cura e terapia

Il varicocele di solito non è pericoloso, ma se avvertite dolore e gonfiore il medico potrà prescrivervi un antinfiammatorio per alleviarli. Se il varicocele provoca disagio o dolore, può essere utile indossare biancheria intima comoda (slip al posto dei boxer) oppure un sospensorio. Se il dolore è continuo ed il sospensorio non aiuta a farlo passare, il medico può consigliarvi la varicocelectomia (l’intervento chirurgico che rimuove il varicocele).

La varicocelectomia viene effettuata da un urologo, un medico specializzato nei problemi dell’apparato urinario e genitale. Il paziente normalmente viene operato in anestesia generale o locale, il medico lega semplicemente la vena colpita, in modo da far fluire il sangue nelle altre vene sane.

In alcuni casi, anziché eseguire l’intervento chirurgico, il medico può far passare un tubicino di plastica nella vena che provoca il varicocele: in questo modo si riesce a curare il problema ostruendo il flusso sanguigno che affluisce alla vena gonfia e ingrandita. Chiedete al vostro medico se questo tipo di terapia può fare al caso vostro.

Dopo l’intervento il chirurgo probabilmente vi consiglierà di indossare un sospensorio e mettere la borsa del ghiaccio sulla zona per calmare l’eventuale gonfiore. Il testicolo potrà rimanere dolorante per alcune settimane, ma in seguito tutti i dolori scompariranno e tutto dovrebbe ritornare a funzionare perfettamente.

Traduzione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Salve,

    io già mi sono operato di varicocele a dx ma tutt’ora ho fastidio, in particolare un bruciore lato dx del testicolo (sopratutto quando sono in piedi) e per fortuna saltuariamente.

    Può essere sempre dovuto al varicocele se non operato bene ?

    Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere una recidiva, ma non è l’unica spiegazione; indispensabile una visita medica.

  2. Dino

    Salve dottor Cimurro,
    le scrivo perchè ho il sospetto di avere il varicocele al testicolo sinistro.
    Ho iniziato un annetto fa, circa, a percepire di tanto in tanto un leggero fastidio al testicolo in questione, un fastidio che nel ripresentarsi più avanti col tempo sembrava più forte e doloroso. Ho notato che il testicolo sinistro è un pò più grande del destro e che premendo sulla zona pubica nella parte sinistra, sento una sorta di dolore, come collegato al testicolo.
    Le chiedo se, a parer suo, sia necessario farsi vedere.
    In caso affermativo, mi devo rivolgere al mio medico di base?
    Ringraziandola per la cortese attenzione, le porgo i miei cordiali saluti e un augurio per un buon anno nuovo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Benissimo il medico di base; premendo sulla zona pubica come descritto sente qualcosa di più consistente? In quel punto vede gonfiore?

  3. Simome

    Buonasera dottore, ho 18 anni e gioco a pallanuoto a livelli agonistici. Le scrivo perché penso di avere il varicocele al testicolo sinistro. Ieri mentre nuotavo ho dato un colpo di gambe molto forte e mi sono sentito tirare il linguine e ho provato un forte dolore al testicolo sinistro (nonostante non lo abbia toccato). Inizialemente è stato doloroso mentre ora provo solo un leggero fastidio. Questa mattina ho notato che nella parte posteriore dello scroto sinistro sono apparse delle vene palpabili che sono del tutto assenti nella parte destra e in più sembra che il testicolo sia leggermente più basso. Ho notato anche che la parte sinistra dello scroto è più secca rispetto a quella destra. Secondo lei ho davvero il varicocele? Se si è opportuno parlarne con un urologo o un andrologo? La ringrazio in anticipo e le auguro una buona serata.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Data la dinamica non sono così convinto che il dolore acuto provato sia da varicocele, benchè le vene vadano fatte verificare (anche solo al medico di base inizialmente, oppure l’urologo).

    2. Simone

      Prima di questo piccolo incidente non avevo mai provato nessun dolore o fastidio. Il dolore acuto l’ho avuto solamente nel momento della forte gambata, ora sento solo un lievissimo fastidio. Secondi lei allora quale può essere l’eventuale problema? Quanto sarebbe opportuno riposarmi prima di riprendere gli allenamenti? La ringrazio ancora per l’interesse.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ho la sensazione che sia muscolare, utile in ogni caso una verifica medica.

    4. Simone

      Ho avuto la possibilità di essere visitato da un urologo, ha detto che il mio dolore è solo a livello muscolare anche se ha comunque riscontrato il varicocele nel testicolo sinistro. Essendo ancora di primo/secondo grado mi ha consigliato di non fare nulla e di farmi controllare l’anno prossimo. La ringrazio davvero per l’attenzione e le auguro una buona notte

  4. Anonimo

    Buon giorno , l’infiammazione del varicocele può causare una colica renale?

  5. lello

    salve dottore ..io ho un varicocele di quasi 3 grado a sx da molto tempo,ultimamente ho notato che durante una eiaculazione il testicolo sinistro si ritrae sembra scomparire specialmente i posizione supina ,poi subito ritorna normale..i fastidi sono lievi, come senzazione di bruciore e fastidio ..durante la risalita come se si bloccasse senza dolori o altro .tutti i fastidi vengono durante e dopo eiaculazione,poi pian piano va tutto a stabilizzarsi.di sicuro sarà anche una mia fissazzione dato che sono un tipo molto ansioso i questo fastidio anni addietro nn c era ,puo essere che sia causato dal varicocele? grazie cordiali saluti.

  6. Anonimo

    Salve dottore il mio problema e questo: ho dei noduli vicino il testicolo dx e poi non riesco a mantenere l’erezione , devo spesso ricorrere a farmaci tipo(cialis) per poter avere un rapporto soddisfacente. Grazie

  7. Francesco

    Salve
    Io ho 24 anni,da un circa 15 giorni accusavo dei fastidi al testicolo destro,che di giorno in giorno si sono mutati in dolori veri e propri abbastanza forti..Sono andato da un chirurgo (non urologo) che mi ha visitato..che inizialmente mi ha prescritto per 5 giorni un antibiotico (rocefin)..dopo di che,ho fatto l’ecografia..e mi hanno riscontrato un idrocele..e una punticina di varicoele che apparantemente non destava “preoccupazione”.. Per l’idrocele mi è stato prescritto del cortisone per togliere questo liquido all’interno dello scroto(che continuo a prendere)..ma da circa 3 giorni noto che sul pene mi si sono ingrossate delle vene che prima non erano così evidenti..mi sento pizzicare il pene ogni tanto.Queste vene ogni tanto durante la giornata sono + evidenti e le sento tirarare,e a volte no.. D’altro canto il dolore ai testicoli è alleviato decisamente da quando ho cominciato la cura..solo che adesso sto avvertendo questi altri sintomi.. Può essere che quella punta di Varicocele sia questo a provocarmi questi sintomi?
    Grazie,cordiali saluti..

    1. Francesco

      PS: la punta di varicocele riscontrata dopo l’ecofrafia era a sinistra e non a destra..!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ho il dubbio che possa essere un po’ di suggestione, ma ovviamente potrei sbagliarmi.

  8. michael

    Buona sera dottore,
    Volevo sapere siccome mi sono accorto che “i canali”del testicolo sx sono piu pronunciati del dx e all’auto palpazione sento come dei vermicelli all’interno dello scroto e poco piu in basso una parte gelatinosa inoltre il testicolo sx e piu piccolo e basso del dx.
    Sono andato dal mio medico di base a sottoporle la questione e mi ha fatto l’impegnativa per una ecografia al basso ventre.
    La mia domanda e questa ma puo servire a qualcosa questa ecografia?
    E soprattutto,
    Questi “vermicelli”che sento alla palpazione cosa possono essere?
    Grazie in anticipo cordiali saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non mi è chiarissima la situazione, ma il medico ha escludo un varicocele?

  9. michael

    No se e per quello non mi ha nemmeno visitato.
    Quindi potrebbe essere varicocele o pure no.
    E questa ecografia al basso ventre servira a qualcosa o no?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dalla sua descrizione probabilmente sarebbe stata più utile una visita urologica.

  10. emma

    buona sera ,volevo un informazione essendo che al mio ragazzo gia gli hanno detto che ha la varicocella , e sempre fuori per lavoro e non ha un po di tempo per farsi lo spermiatogramma e spermacultura, noi stiamo gia da 1 anno provando ad avere un bambino ma niente ce un po di cura da fare senza ricorrere alla chirulgia facendo in modo che io rimanghi incinta sottolineo che anchio sto facendo da tre mesi una cura prestabilita dal mio ginecologo di acido folico 400g la mattina prima di colazione,e fertifol 500g dopo prenzo quindi lui cosa puo prendere?

    1. luigi

      buona sera dottore,io a circa 3 o 4 gg sento un fastidio vicino al testicolo sinistro,come se prendo corrente che puo essere.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Un dolore riflesso al testicolo può avere molte cause, temo sia necessaria una visita medica.

  11. Grande Fratello

    Salve dottore, ho 24 anni e mi fa male il testicolo destro da circa 2-3 settimane.. ho avuto in passato qualche altro dolorino ma poi è andato via, ora questo si è ripresentato e persiste. Cosa potrebbe essere? PS: mi sono palpato bene e non ho trovato alcuna anomalia.. Comunque il dolore va e viene, non è continuo. Grazie in anticipo, cordialità.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non è facile una diagnosi, perchè il dolore al testicolo può essere riflesso di numerose cause.

  12. francesca

    Dottore volevo chiedere mio marito a un vericoele sinistro di secondo grado questo se non fa operazione cosa succede quali sono i contri

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il rischio principale è che possa creare problemi di fertilità.

  13. MICHELE

    Salve,
    soffro di varicocele e sto facendo gli accertamenti, vorrei sapere però a titolo informativo se è normale sentir fastidio anche a livello addominale e inguinale oppure se sono problemi da ricondurre a qualcosa di più grave a livello testicolare.

    ciao e grazie.

  14. Rodrigo

    Salve dottore. A novembre mi sono sottoposto a una visita chirurgica per una sospetta ernia inguinale ( fortunatamente era solo un falso allarme), ma il dottore mi ha riscontrato un varicocele di primo/secondo grado a sinistra. Mi ha consigliato di fare un eco doppler ai vasi testicolari e testicoli. La visita ha riscontrato questa lieve dilatazione a sinistra ma, per il resto, è tutto a posto. Mi è stato detto di fare anche uno spermiogramma con spermiocoltura ( i risultati sono usciti tutti buoni). I dottori mi hanno detto che non mi devo preoccupare, perchè è tutto a posto e mi hanno consigliato di portare slip al posto dei boxer e di fare sport ( tranne body building). Io da allora porto sempre gli slip e quasi tutti i giorni faccio lunghe camminate, e a breve riprenderò a nuotare, e inoltre mangio molta frutta e verdura. Posso riprendere a nuotare o c’è qualche controindicazione per il varicocele? Grazie

  15. GRA

    Salve ho 39 anni,infertilità di coppia da 15 mesi e mentre a mia moglie è stato diagnosticato le ovaie micropolicistiche,a me varicocele sx di 2-3 grado. L’andrologo mi ha consigliato l’intervento chirurgico,ma mi sono informato e c’è una tecnica meno invasiva che si chiama SCLEROEMBOLIZZAZIONE,lei cosa ne pensa?

    1. Gra

      intanto,mi ha dato una cura per tre mesi con un’integratore,andrositol. Secondo lei cosa può incidere di più nella nostra infertilità,il mio varicocele o le sue ovaie? Io voglio fare la scleroembolizzazione e non l’intervento,ma tentare comunque di risolvere la mia parte di problemi.

    2. Gra

      Letto. Sembrerebbe migliore la scleroembolizzazione,se fatta bene…a saperlo prima,come van le cose!E chi lo sà!! Volevo sapere se comunque fare il varicocele porti dei miglioramenti,o possa anche al contrario peggiorare la situazione.Lo sa?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Senza dubbio lo si fa con l’obiettivo di migliorare, in alcuni casi il salto di qualità è evidente, in altri meno.
      In generale credo pochino agli integratori, ma le confermo che in questi casi sono ampiamente prescritti.

    4. Gra

      Anche noi crediamo poco agli integratori,avendo usato già bioarginina senza grossi benefici per tre mesi. Se agire sul varicocele può portare migliorie,sarà meglio provare.L’importante è che non possa far peggiorare!

  16. ANONIMO

    Salve,da qualche settimana ho notato che il mio testicolo sinistro e diventato un’po piu basso del destro,(circa 2cm)ho sentito un’po di fastidio al testicolo sinistro ma mai dolore.Secondo lei può essere varicocele? grazie in anticipo.

    1. ANONIMO

      Mi sono fatto anche l’autopalpazione ma non ho assolutamente avvertito nulla di strano.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      È possibile, ma una differenza di altezza tra i due testicoli è assolutamente normale.

  17. matteo

    salve,ho 26 anni, un mese fa ho fatto una visita da un urologo il quale mi ha riscontrato varicocele di secondo grado.mi ha segnato le analisi dello sperma,il quale ho fatto.oggi sono ritornato dall urologo e ha riscontrato che ci sono gli spermatozooi quindi non ho problemi di fertilita’,ma mi ha detto cmq che devo operarmi.ma secondo voi e opportuno operarmi o ne posso fare a meno? c e’ qualche cura sostitutiva?da premettere che ho cmq fastidi al testicolo sx ogni qualvolta mi sforzo o sto seduto o in ginocchio x un po’ di tempo.grazie

  18. Davide 1

    Buona sera dottore, ho 16 anni ed è da qualche settima che avverto una “presenza” grumosa sia sopra che al di sotto del testicolo sinistro.
    Questa “presenza” non provoca dolore ne fastidii, crede che possa trattarsi di varicocele?

  19. Davide 1

    C’è qualche metodo per constatarlo a casa o bisogna rivolgersi a un urologo?

  20. io

    Ciao, presi una botta fortissima sui testicoli giocando a calcio 5 mesi fa. Ancora oggi sento lieve dolore al testicolo sinistro e erezione debole. Da consulti medici(urologo compreso) non e’ stato riscontrato nulla, solo varicocele di 1 grado. Cosi dopo ecografia, settimana prossima devo fare risonanza magnetica, il medico ha detto che il problema potrebbe essere di livello muscolare! Già avuti casi del genere!? Grazie in anticipo

  21. Andrea92

    Salve dottore, ho 21 anni mi sono operato 7 giorni fa in laparoscopa per varicocele recidivo a sx diventato poi bilaterale. 2 giorni fa ho fatto la medicazione e l’urologo ha detto che è tutto ok ma io ho un leggere fastidio al testicolo destro. Sia quando lo premo sia quando eiaculo! Questo problema l’ho avuto per un paio di mesi anche prima dell’intervento. Cosa può essere? Sono in ansia. Pensavo fosse l’intensa attività masturbatoria ma ora è una settimana che la mia attività sessuale solitaria e di coppia, chiaramente è sospesa e questo fastidio permane. Ripeto che l’urologo che mi ha visitato post operazione ha detto che non c’è assolutamente nulla.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se persistesse anche nei prossimi giorni lo segnali allo specialista, ma se fosse più un fastidio che dolore potrebbe non essere correlato all’intervento.

    2. Anonimo

      Grazie dottore. Potrebbe essere qualcosa di serio? Oppure un ernia all’inguine?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ritengo improbabile che sia qualcosa di serio, potrebbe essere una leggera infiammazione.

    4. Anonimo

      Salve dottore, ho 15 anni, da un po di tempo ho notato che il testicolo dx è molto più grande dell’altro. Diciamo che è grande quanto il palmo della mia mano, ed è lungo circa 9 cm (da estremità ad estremità), che dovrei fare?

  22. Anonimo

    Salve dottore volevo sapere il mio testicolo sinistro sotto sento tipo un grumo..ma le vene con il varicocele tendono a scendere? Spero non sia nulla di grave

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Utile una visita, potrebbe in effetti essere un varicocele.

  23. Anonimo

    Buon Giorno dottore Sono circa due anni che cerchiamo di avere il secondo Figlio a seguito di analisi eseguite sia su di me che su mia moglie tutto risulta ok tranne la presenza di un Varicocele di 1-2° al testicolo sx —premetto che le analisi dello sperma sono ok l’unico valore cosi’ cosi’ è la Tipicità che risulta in media tra il 20-30% (forme tipiche) Il mio andrologo consiglia ma rimanda l’intervento e io nn riesco a capire se questo intervento possa portare giovamento e aumentare le possibilità di concepimento… lei cosa consiglia?? Grazie!!

  24. Francesco

    Ciao dottore, ho il testicolo sinistra molto grande rispetto al destro, però non provo nessun dolore come devo comportarmi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Una leggera differenza è normale, ma consiglio una visita medica per capire se nel suo caso sia così o sia patologica.

  25. giovanni

    Salve dottore Cimurro…4 giorni fa mi sono svegliato con dolori al testicolo sx che ho avuto per quasi tutto il giorno..i giorni successivi il dolore e scomparso ma ho un fastidio perenne che giorno dopo giorno sembra diminuire…gia ne ho parlato con il mio medico e si sospetta di varicocele per questo a giorni dovrei fare una ecografia.Lei che ne pensa le uniche informazioni che le posso dare e che ho il testicolo sx piu ritirato e senzazione di fastidio che va a diminuire.Poi volevo sapere se e varicocele e possibile rimanerw sterili?La ringrazio in anticipo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è plausibile l’ipotesi di varicocele; è improbabile che causi sterilità permanente.

  26. Carlo

    Buongiorno dottore, per noi uomini è meglio portare gli slip o i boxer? La faccio questa domanda perchè ho letto varie opinioni riguardante la questione e ci sono dei pareri discordanti: alcuni medici affermano che è meglio portare gli slip, in quanto i testicoli hanno un buon sostegno e cosi si evitano danni ( edemi, idrocele, varicocele), altri invece dicono che è meglio portare i boxer, perchè cosi i testicoli respirano meglio e non vanno incontro ad aumento della temperatura (come nel caso degli slip) e di conseguenza non portano alla sterilità. Io personalmente è da qualche mese che porto quasi sempre gli slip, perchè ho un lieve varicocele (che però non mi ha portato danni) e su consiglio di due medici che mi hanno visitato, e qualche volta porto i boxer ( quelli stretti, elasticizzati), che pure mi è stato detto di indossarli perchè sono stretti, non larghi, quindi sostengono abbastanza bene i testicoli. Lei, dottore, cosa pensa: meglio slip o boxer? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Slip senza dubbio (o boxer elasticizzati, ma comunque aderenti).

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.