Varicocele al testicolo: sintomi, dolore, intervento

Ultimo Aggiornamento: 1523 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Certamente avrete già sentito parlare delle vene varicose, quelle vene gonfie che a volte diventano visibili sulle gambe, probabilmente avete già sentito vostra nonna e le sue amiche parlarne, ma non ci avete fatto troppo caso.

Il varicocele, un’altra forma di gonfiore delle vene, è una malattia tipicamente maschile, ma probabilmente nessuno dei vostri coetanei oserebbe parlarne apertamente. Tutto questo alone di mistero è dovuto al fatto che il varicocele non colpisce le gambe, ma una zona più privata e delicata: lo scroto. Di solito non è pericoloso ed è essenzialmente lo stesso genere di malattia delle vene varicose delle gambe.

Il varicocele non si verifica in tutti gli uomini, anche se è una patologia piuttosto comune: compare nel 15% circa dei ragazzi tra i 15 e i 25 anni, e nella maggior parte dei casi si verifica durante la pubertà. In questo periodo infatti i testicoli subiscono una rapida crescita e quindi il sangue deve affluire verso di essi in misura maggiore; se le valvole delle vene dello scroto non funzionano come dovrebbero, le vene non riescono a far defluire il sangue in eccesso dai testicoli, quindi anche se la maggior parte del sangue continua a scorrere correttamente, una parte di esso inizia a fluire in senso opposto al normale, creando il varicocele.

Può verificarsi in entrambi i testicoli, ma è interessante notare che compare quasi sempre nella parte sinistra dello scroto: questo avviene perché l’organismo degli uomini garantisce un maggiore afflusso sanguigno proprio in quella parte.

Cause

Tutti gli uomini possiedono una struttura detta funicolo spermatico, che contiene le arterie, le vene, le terminazioni nervose e i condotti; questa struttura collega i testicoli al resto dell’organismo e permette la circolazione sanguigna da e verso di essi. Le vene trasportano il sangue nel resto dell’organismo, verso il cuore, e un gruppo di valvole al loro interno fa sì che il sangue scorra sempre verso il cuore e non in senso opposto. In altre parole, le valvole regolano il flusso sanguigno ed è grazie ad esse che tutto scorre nella direzione corretta.

Ma a volte queste valvole possono non funzionare bene, quando questo avviene una parte del sangue può scorrere in senso contrario, verso il testicolo e non verso il cuore. Il sangue che scorre all’indietro può raccogliersi in sacche all’interno delle vene e a loro volta queste si dilatano e si ingrossano, cioè si gonfiano. Si forma così il varicocele.

Sintomi

Nella maggior parte dei casi non ci sono sintomi.

Addirittura si può non notare la presenza del varicocele tuttavia, se i sintomi si presentano, tendono a farlo nei periodi più caldi, dopo l’esercizio fisico intenso o quando si è rimasti in piedi o seduti per molto tempo. Tra i sintomi troviamo:

  • Dolore sordo a uno o a entrambi i testicoli.
  • Senso di pesantezza o di tensione allo scroto.
  • Vene palpabili nello scroto (le si può vedere sottopelle, e possono assomigliare a vermicelli o spaghetti).
  • Senso di disagio nel testicolo oppure nel lato dello scroto colpito.
  • Il testicolo dal lato dove ci sono le vene dilatate è più piccolo (per via del minore afflusso di sangue).

Diagnosi

Sarebbe una buona idea farsi controllare i testicoli regolarmente: questo esame deve entrare a far parte degli esami di routine.

Oltre all’esame visivo per individuare gonfiori anomali, il medico di solito palpa i testicoli e la zona circostante per accertarsi che tutto sia a posto e che non ci siano problemi.

L’esame dei testicoli può essere fatto quando il paziente è in piedi, in modo che lo scroto rimanga rilassato: alcune anomalie, come il varicocele, possono essere rilevate con maggiore facilità se il paziente sta in piedi. Il medico controlla gli aspetti visibili dei testicoli, come la dimensione, il peso e la posizione e palpa delicatamente ciascun testicolo per evidenziare eventuali gonfiori o rigonfiamenti. Controlla anche se è presente dolore nell’epididimo, il condotto che trasporta lo sperma fuori dai testicoli.

Viene esaminato anche il funicolo spermatico, alla ricerca di un eventuale gonfiore. Se il medico sospetta la presenza di un varicocele può confermare la diagnosi usando uno stetoscopio per auscultare il sangue che scorre in senso anomalo nella vena difettosa; in alternativa potrebbe ricorrere all’ecografia, che può identificare il malfunzionamento delle vene e misurare il flusso sanguigno.

Pericoli

Il varicocele non può essere prevenuto in alcun modo, ma di solito non serve seguire una terapia specifica per combatterlo. Di solito non è pericoloso e quasi sicuramente non provoca la sterilità, alcuni esperti ritengono però che in alcuni casi il possa danneggiare il testicolo oppure diminuire la produzione di sperma.

In questi casi, il medico probabilmente consiglierà l’intervento chirurgico.

Cura e terapia

Il varicocele di solito non è pericoloso, ma se avvertite dolore e gonfiore il medico potrà prescrivervi un antinfiammatorio per alleviarli. Se il varicocele provoca disagio o dolore, può essere utile indossare biancheria intima comoda (slip al posto dei boxer) oppure un sospensorio. Se il dolore è continuo ed il sospensorio non aiuta a farlo passare, il medico può consigliarvi la varicocelectomia (l’intervento chirurgico che rimuove il varicocele).

La varicocelectomia viene effettuata da un urologo, un medico specializzato nei problemi dell’apparato urinario e genitale. Il paziente normalmente viene operato in anestesia generale o locale, il medico lega semplicemente la vena colpita, in modo da far fluire il sangue nelle altre vene sane.

In alcuni casi, anziché eseguire l’intervento chirurgico, il medico può far passare un tubicino di plastica nella vena che provoca il varicocele: in questo modo si riesce a curare il problema ostruendo il flusso sanguigno che affluisce alla vena gonfia e ingrandita. Chiedete al vostro medico se questo tipo di terapia può fare al caso vostro.

Dopo l’intervento il chirurgo probabilmente vi consiglierà di indossare un sospensorio e mettere la borsa del ghiaccio sulla zona per calmare l’eventuale gonfiore. Il testicolo potrà rimanere dolorante per alcune settimane, ma in seguito tutti i dolori scompariranno e tutto dovrebbe ritornare a funzionare perfettamente.

Traduzione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. mario

    Salve dottore. Ho subito l’intervento circa 13 giorni fa e domani dovrei andare in piscina. Non ce nessun problema vero ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In genere già dopo pochi giorni si possono riprendere le normali attività, ma per sforzi più intensi potrebbe esserle consigliato di aspettare un po’ di più.

  2. alby

    salve dr.cimurro..ho 29 anni anni e a 19 fui operato di varicocele sx di terzo grado col metodo col sondino senza tagli quindi.ora dopo 10 anni mi è stato riscontrato di nuovo di terzo grado.diciammo la sacca scrotale è sempre stata anche dopo l intervento con quella senszaione come di vermicelli dentro e ovviamente ho i testicoli piccoli e il sx più abbassato,noto anche nel dx tipo come vermicelli.pensa potrei rioperarmi con la stessa tecnoca del sondino?io accuso peso al testicolo e capita poche volte che il testicolo se ne risale quando sto per eiaculare,se ne risale verso l’addome.per finire vorrei chiederle..il varicocele può portare problemi di erezione?erezioni deboli e non durature.segnalo inoltre non ho mai erezioni notturne o mattutine.e aggiungo che iho un problema al muscolo pubo coccigeo,infatti evacuo aiutandomi con il dito fin dentro per allargare questo muscolo con conseguente infiammazione penso anche della prostata,dato che soffro anche di eiaculazione precoce.se riuscissi a risolvere i problemi al muscolo pubo coccigeo molti distrubi sparirebbero in primis l’evacuare normalmente.dato che ho fatto 2 interventi..1 di emorroidectomia col metodo milligan morgan e uno col metodo starr l’anno scorso.gradirei mi potesse rispondere alle mie domande poste.io ho riportato tutti i dati se le sono utili,per quanto riguarda esami tipo testosterone ecc tutti apposto mentre lo spermiogramma è da molti anni che non ne faccio,ma sia prima che dopo l’intervento di 10 anni fa erano perfetti.attendo risposte,grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Siamo un po’ oltre le mie competenze, ma:
      1. Credo che potranno rioperarla con la stessa tecnica.
      2. Il varicocele non influisce in genere sull’erezione,
      3. mentre è più probabile che nel suo caso sia la prostata la vera causa.

  3. anonimo

    Dottore l operazione fatta alla varicocele mi ha indebolito lo sperma.c è qualke cura x rinforzarli? Io e la mia compagna vorremmo un figlio.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Al contrario, era il varicocele a peggiorare la qualità dello sperma e nel giro di due mesi dall’intervento dovrebbe migliorare.

  4. Giuseppe Astarita

    Salve Dottore,
    Io ho una formazione (Tipo terzo testicolo) ma collegata al testicolo destro sulla parte frontale. Dalla forma poco precisa e dalla superficie in parte normale (Per intenderci la stessa superficie del testicolo) ed in parte molla. Dalla grandezza di un chicco di mais. Non mi provoca assolutissimamente nessun tipo di sintomo in nessuna situazione. Cosa mi consiglia ? La ringrazio anticipatamente.

    1. Anonimo

      Si ero propenso a questo. Lei a qualche idea in merito ? Grazie ancora.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      In questi casi preferisco non fare alcuna ipotesi e, sottolineo, NON perchè penso che sia grave ma perchè non mi sento di farlo.

  5. Anonimo

    Salve dottore l’urologo ha diagnosticato una varicocele II/III grado e m ha fatto fare anche l’esame del liquido seminale per vedere gli spermatozo . Influisce sulla infertilità la varicocele. Grazie a una vostra risposta

  6. giuseppe latte

    Salve dottore. Il 26 maggio mi sono operato tramite sonda perchè avevo il varicocele. Ormai è passato più di un mese, posso riprendere attività fisiche tipo flessioni oddominali, o pesi non molto pesanti?? Oppure devo stare ancora senza fare sforzi minimi

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In genere la ripresa è molto rapida, quindi chieda conferma al medico ma non dovrebbero esserci problemi.

  7. Simone

    Salve Dottore, scusi il disturbo, è da oggi che avverto uno strano senso come di torpore o addormentamento, un fastidio non doloroso nella zona del testicolo destro….sono molto preoccupato in quanto ansioso….secondo lei di cosa potrebbe trattarsi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente nulla di importante, aspettiamo di vedere domani come evolte, mi aspetto che sparisca.

  8. Andrea S.

    Salve Dottore, sono contento che sia tornato ;).
    Volevo esporle il mio problema…
    Venerdi sera, dopo masturbazione, mi sono accorto di avere del sangue nello sperma e mi sono spaventato tantissimo tant’è che essendo un tipo ansioso non riesco nemmeno a dormire la notte.
    Un mese fa sono stato operato di varicocele ma prima di venerdi mi ero gia masturbato qualche volta senza trovare sangue da nessuna parte. Ieri ho fatto la spermiocoltura e non c’era nemmeno una traccia di sangue, cosa potrebbe essere? Devo preoccuparmi? In attesa delle analisi che sono pronte “solo” tra una settimana aspetto sue notizie…
    Grazie come sempre per la sua disponibilità..
    Andrea.

  9. roberto

    salve dottore da un po’ di tempo (4 mesi)ho dolore come sciatica alla gamba destra…il mio medico a Dicembre mi disse che poteva essere della pubalgia dato che uso spesso la bici e cammino molto a piedi.di solito la curava con siringhe antifiammiatorie.ma da giugno quando feci le siringhe dopo sette giorni(pur non andando in bici)mi tornava dolore e qualche volta sotto testicolo .giorni fa dopo farmi visitare di nuovo dal mio medico mi ha segnato una visita urologica perche’ stranamente ha detto potrebbe essere una punta di ernia o addirittura varicocele..Lei che ne pensa?cosa centra pubalgia con queste cose?Qualche anno fa feci un ecocolordoppler testicoli e mi dissero probabile varicocele 2 grado di sarteschi…assenza di idrocele.I mio dottore disse che non era niente e tantomeno non operabile.che ne dice?

  10. roberto

    dimenticavo non ho gonfiori anche quando dottore mi ha fatto fare colpo di tosse…solo dolore inguinale che scende gamba destra.Grazie attendo risposta .distinti saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì è spiegato bene, ma non mi sento in grado di formulare ipotesi.

  11. michele

    buongiorno dottore
    lo scorso anno mi è stato diagnosticato il varicocele, ma non essendo grave lo specialista mi prescrisse dei farmaci. Oggi ho di nuovo dei fastidi ai testicoli e volevo sapere se la cura farmacologica porta dei benefici?
    grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      È un integratore che migliora la fertilità, ma l’unico modo per curare un varicocele è purtroppo l’intervento.

  12. Anonimo

    Salve dottore. Mi sono fatto una piccola operazione con la sonda perchè avevo il varicocele. Da allora sono passati due mesi e quasi dieci giorni. Ieri sera per la prima volta da quando mi sono operato ho fatto una partita a calcetto, e stamattina ho notato un dolore fastidioso all’addome e la parte sinistra che và dal rene fino al testicolo operato. Secondo lei è solo lo sforzo? Visto che non giocavo da due mesi.

  13. Anonimo

    Domani ho un’altra partita secondo lei posso giocare tranquillamente ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Eviterei, od almeno sentirei prima il medico di base.

  14. Mike

    Dottore ho un leggero dolore al testicolo sinistro.Lo slip mi dà fastidio.
    Non c’è rigonfiamento.Devo preoccuparmi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non necessariamente, ma se il dolore persistesse va indagato con il medico.

  15. Anonimo

    Ciao dottore sono stato operato 5 anni fa al testicolo sinistro per varicocele (con sonde) ad oggi sto molto bene ma da un paio di mesi accuso fastidio al testicolo destro cosa mi suggerisce? La varicocele puó provocare la fertilitá? Attendo sua risposta (dimenticavo ho 17 anni)

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il varicocele può essere causa di infertilità, ma se operato precocemente è improbabile che dia problemi; il dolore al testicolo va valutato con il medico perchè le cause possono essere davvero numerose.

  16. Lucio51

    Salve Dr. sono circa 8/9 giorni che ho un fastidio senso di dolore morto, ma abbastanza sopportabile al testicolo destro che si manifesta piu evidente al mattino al risveglio. Ho chiesto al mio adico, mi ha segnato dell’antibiotico sono al quarto giorno, di cura e il fastidio è tuttora presente, sospetto che gli antobioti non abbiano effetto, cosa ne pense e cosa farebbe lei Grazie

  17. Anonimo

    in che senso il varicocele può danneggiare il testicol? che tipo di danni? può provocare tumore>?

  18. Franco

    Salve dottore.
    Ho sedici anni e circa tre mesi fa con una sonda mi hanno curato il varicocele. Da allora ho notato che la massa scrotale presente nel testicolo sinistro è diminuita molto, anche se delle volte mentre mi sto facendo la doccia ancora sento qualcosa. Quanto tempo ci impiega la cura a funzionare espellendo tutto .?
    Quando si ha il varicocele il testicolo sinistro tende anche ad essere più piccolo, infatti ancora noto una certa differenza fra i due, perchè ?

    GRAZIE PER LA DISPONIBILITÀ

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La differenza tra i due testicoli è in genere del tutto normale, quindi probabilmente l’attuale situazione è già definitiva.

  19. andrea 33 anni

    caro dottore un anno fa sono stato operato di varicocele dopo di che ho seguito delle cure ma sensa alcun risultato.cosa dovrei fare.voglio un altro bebe.
    .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi faccia capire meglio; il problema è un esame dello sperma non ottimale? Ha già un figlio? Quanti anni ha?

  20. andrea 33 anni

    salve dottore sono stato operato di varicocele al testicolo sinisto di secondo grado appena operato ho fatto una piccola cura di antibiotico e di integratori dopo di che ho fatto delle punture di gonasi e un integratori passato un anno di nuovo una cura di gonasi 2000 per otto settimane tre volte a settimana e un integratori chiroman una al giorno per tre mesi ma ancora nessun risultato.io ho un figlio di 11 anni fatto subito non avevo questo problema speriamo che arrivi un secondo figlio grazie dottore.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’esame dello sperma continua ad evidenziare problemi?

  21. Vincenzo

    Salve dottore, vorrei delle informazioni riguardanti eventuali rimedi naturali per il varicocele.
    Cercando su internet ho trovato diversi articoli che consigliano di mangiare alcune cose piuttosto che altre, oppure di fare movimento, oppure di fare impacchi freddi direttamente nella zona dello scroto interessata.
    Sarei curioso di sapere quindi, se queste informazioni possono essere utili o inutili.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Temo che l’unico trattamento possibile sia l’intervento.

  22. sheva 69

    salve il mio medico mi ha diagnosticato varicocele al testicolo sx ma non essendo grave di curare con prisma 50 mg mesoglicano cosa ne pensa grazie

  23. incamas

    Salve dottore ,
    Ho un varicocele di II grado al testicolo sinistro a volte quando mi tratttengo l’urina per un Po di tempo mi capita che i testicoli mi fanno male ( dolore sordo) che dpo un paio di ore dall’espuldsione dell’urina mi passa . Che cosa può essere? Ci sono problemi per quanto riguarda la fertilita?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente l’impatto sulla fertilità è minimo; può succedere di sentire fastidio trattenendo eccessivamente l’urina.

  24. Anonimo

    Salve dottore. Ho un varicocele di 2 grado a sinistra, diagnosticato quasi un anno fa. Dopo opportune visite ed esami, il varicocele non è operabile in quanto lo spermiogramma è nella norma. Il medico mi disse che potevo continuare a fare sport, anzi, dovevo, perchè cosi il sangue sarebbe circolato meglio. Ora, a distanza di quasi un anno, facendo regolare attività fisica quasi tutti i giorni ( camminata veloce per 40 minuti all’aperto o sul tapis roulant, più qualche esercizio aerobico senza eccessivi sforzi) e seguendo una dieta bilanciata (sono anche dimagrito) non avverto più fastidi al livello del testicolo come li sentivo quando me lo hanno diagnosticato. La mia domanda è se posso continuare a svolgere queste attività, magari cercando di non far peggiorare il varicocele? Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Come le ha detto lo specialista, non solo può, ma è consigliabile che continui.

  25. luca

    Buon giorno dottore,ho fatto un ecocolor doppler ai testicoli ed è tutto risultato nella norma,il mio stile di vita è regolare,potrebbe far pensare che la mia fertilità è ok?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Come le ho già spiegato l’unico esame per verificarlo è l’esame dello sperma; è come se lei controllasse la pressione delle gomme di una macchina e mi chiedesse se sia sufficiente a verificarne il corretto funzionamento. La risposta sarebbe ovviamente no, la pressione delle gomme è indispensabile che sia corretta, ma è solo uno dei diversi aspetti che si prendono in considerazione.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.