Ulcera peptica (stomaco o gastrica e duodenale): sintomi e dieta

Ultimo Aggiornamento: 1363 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

L’ulcera peptica è una ferita aperta che si sviluppa sulla mucosa interna dello stomaco, del duodeno (il tratto superiore dell’intestino tenue) o dell’esofago.

Fino a non molto tempo fa i fattori relativi allo stile di vita, come la predilezione per gli alimenti speziati o lo stress lavorativo, erano considerati la causa principale della maggior parte delle ulcere; attualmente i medici ritengono invece che i responsabili di quasi tutti i casi di ulcera peptica siano l’infezione batterica o alcuni farmaci, e non lo stress né la dieta.

Le ulcere sono un disturbo comune che negli Stati Uniti colpisce fino al 10 per cento della popolazione prima o poi nella vita. La buona notizia è che è possibile curarle con efficacia.

A seconda del luogo in cui si presenta, l’ulcera peptica può assumere nomi diversi.

Non deve essere confusa con la gastrite, definibile come infiammazione delle pareti dello stomaco, che nel tempo può portare ad ulcerazione.

Cause

In passato si riteneva che lo stress e gli alimenti speziati fossero le cause principali dell’ulcera peptica: ora invece i medici hanno scoperto che la causa della maggior parte delle ulcere è l’Helicobacter pylori (H. pylori), un batterio flagellato.

L’Helicobacter pylori vive e si moltiplica all’interno della mucosa che ricopre e protegge i tessuti che costituiscono le pareti dello stomaco e dell’intestino tenue. In condizioni normali, questo batterio non causa alcun problema, ma in alcuni casi può intaccare la mucosa e provocare un’infiammazione delle pareti dello stomaco o del duodeno, cioè un’ulcera.

L’infezione da Helicobacter pylori è un’infezione gastrointestinale diffusa: negli Stati Uniti il 20 per cento delle persone di età inferiore ai trent’anni e il 50 per cento degli over 60 sono infetti. Il meccanismo di trasmissione non è noto, ma il batterio potrebbe trasmettersi mediante il contatto ravvicinato, come ad esempio un bacio. È anche possibile che il contagio sia causato dagli alimenti o dall’acqua contaminati.

L’Helicobacter pylori è la causa più frequente delle ulcere peptiche, ma non è l’unica; oltre all’H. pylori, ricordiamo altre cause o fattori aggravanti dell’ulcera peptica:

  • Uso regolare degli analgesici. Gli antinfiammatori non steroidei (FANS) sono in grado di irritare o infiammare la mucosa dello stomaco e dell’intestino tenue. Tra questi farmaci, in vendita con o senza ricetta, ricordiamo: l’aspirina, l’ibuprofene (Moment®, Antalgil®), il naprossene (Momendol®, Aleve®) e il ketoprofene (Ketodol®, Oki®). Per evitare i problemi di stomaco, assumeteli durante i pasti. Se vi è stata diagnosticata un’ulcera, ricordatelo al vostro medico quando vi prescrive un qualsiasi analgesico. Tra gli altri farmaci che contengono FANS ricordiamo l’Alka-Seltzer®, malauguratamente alcune persone la assumono per combattere i sintomi dell’ulcera peptica, senza sapere che in realtà possono far peggiorare il disturbo. Tra gli altri farmaci con obbligo di ricetta che possono provocare l’ulcera troviamo i bifosfonati (Actonel®, Fosamax® e altri), usati per la cura dell’osteoporosi. I FANS inibiscono la produzione di un enzima (cicloossigenasi) che produce le prostaglandine; queste sostanze, che dal punto di vista chimico sono simili agli ormoni, aiutano a proteggere le pareti dello stomaco dai danni fisici e chimici. Senza la loro protezione gli acidi gastrici riescono a intaccare la mucosa gastrica, provocando il sanguinamento e le ulcere.
  • Fumo. La nicotina contenuta nel tabacco accresce il volume e la concentrazione degli acidi gastrici, aumentando il rischio di ulcera. Il fumo può anche rallentare il processo di guarigione dell’ulcera sottoposta a terapia.
  • Abuso di alcool. L’alcool è in grado di irritare e corrodere la mucosa gastrica e di aumentare la quantità di succhi gastrici che viene prodotta dallo stomaco, tuttavia non si sa con certezza se questo fattore, da solo, possa degenerare in ulcera oppure se si limita ad aggravare i sintomi di un’ulcera preesistente.
  • Stress. Lo stress di per sé non causa direttamente l’ulcera peptica, però è un fattore che può contribuire all’insorgenza del disturbo. Lo stress è in grado di far peggiorare i sintomi dell’ulcera peptica e, in alcuni casi, di rallentare il processo di guarigione. Può essere provocato da diversi fattori: un evento o una circostanza disturbante dal punto di vista emotivo, un intervento chirurgico o un trauma fisico, come un’ustione o un’altra lesione grave.

Sintomi

Il sintomo più comune dell’ulcera peptica è il bruciore di stomaco. Il dolore è provocato dall’ulcera e si aggrava a causa degli acidi gastrici che vengono a contatto con la zona ulcerata. Il dolore di solito:

  • Può essere avvertito in una zona che si estende dall’ombelico allo sterno;
  • Ha durata variabile da alcuni minuti a diverse ore;
  • Peggiora a stomaco vuoto;
  • Si scatena durante la notte;
  • Può essere temporaneamente alleviato assumendo determinati alimenti che tamponano l’acidità di stomaco oppure particolari farmaci in grado di ridurre l’acidità;
  • Appare e scompare nell’arco di alcuni giorni o settimane.

Più di rado le ulcere possono provocare sintomi più gravi, tra i quali ricordiamo:

  • Vomito con tracce di sangue, di colore rosso o nerastro;
  • Tracce di sangue di colore scuro nelle feci oppure feci nere o catramose;
  • Nausea o vomito;
  • Perdita di peso inspiegabile;
  • Cambiamenti nell’appetito.

Quando chiamare il medico

L’ulcera non è un disturbo che potete curare per conto vostro, senza l’aiuto di un medico. Gli antiacidi disponibili in farmacia senza ricetta e i farmaci antiulcera possono alleviare il bruciore di stomaco, ma la tregua purtroppo è di breve durata. Se avvertite i segni e i sintomi dell’ulcera, chiedete aiuto al medico che vi suggerirà la terapia più appropriata.

Il primo medico che vi visiterà probabilmente sarà il vostro medico di famiglia o un medico generico, in alcuni casi questi potrà indirizzarvi verso un gastroenterologo, se ci sarà necessità di ulteriori diagnosi e terapie.

Vi consigliamo di prepararvi in anticipo alla visita, in modo da poter avere abbastanza tempo per trattare tutti i punti fondamentali con il vostro medico. Ecco alcune informazioni che vi aiuteranno a prepararvi e vi daranno un’idea delle domande che il medico potrà rivolgervi.

  • Ricordatevi di seguire tutti i consigli per la preparazione della visita. Quando prendete l’appuntamento ricordate di chiedere c’è qualcosa di particolare da fare prima della visita, ad esempio seguire una dieta speciale. Alcuni farmaci potrebbero falsare i risultati degli esami per l’ulcera, quindi il medico probabilmente vi chiederà di smettere di assumerli e comunque vi suggerirà delle alternative.
  • Scrivete tutti i sintomi di cui soffrite, inclusi quelli che apparentemente non hanno nulla a che vedere con il motivo della visita. Vi consigliamo inoltre di annotare tutti i sintomi e gli alimenti che assumete. Per le persone affette da ulcera peptica i sintomi peggiorano a stomaco vuoto.
  • Scrivete tutte le informazioni più importanti che vi riguardano, come ad esempio i motivi di stress principali o i cambiamenti recenti nella vostra vita.
  • Fate un elenco di tutti i farmaci e di tutti gli integratori e farmaci erboristici che state assumendo e presentatelo al medico. È particolarmente importante tenere nota dell’uso dei FANS e del dosaggio a cui normalmente li si assume.
  • Preparate un elenco di domande da rivolgere al medico.

Preparare in anticipo un elenco di domande vi aiuterà a sfruttare al meglio il breve tempo che trascorrerete insieme al vostro medico. Elencate le domande in ordine decrescente di importanza, in caso non abbiate abbastanza tempo. Per quanto riguarda l’ulcera peptica, tra le domande fondamentali da rivolgere al medico ricordiamo:

  • Qual è la causa più probabile dei miei sintomi?
  • Ci sono altre possibili cause dei miei sintomi?
  • A quali esami mi devo sottoporre? Occorre una preparazione speciale?
  • Il mio disturbo è temporaneo o cronico?
  • Quali terapie mi consiglia? Tra quanto tempo inizierò a stare meglio?
  • Che cosa devo fare se i miei sintomi non migliorano?
  • Quali sono le alternative all’approccio principale che lei suggerisce?
  • Devo seguire particolari restrizioni riguardo la dieta?
  • C’è un’alternativa generica o senza obbligo di ricetta al farmaco che mi ha prescritto?
  • Ha dei depliant o del materiale in consultazione? Quali siti web mi consiglia di consultare?

Oltre alle domande che avete preparato, non esitate a rivolgerne altre durante la visita quando non qualcosa non vi è chiaro.

Che cosa farà il medico

Probabilmente il medico vi porrà molte domande. Rispondere potrà occupare il tempo che avevate pensato di dedicare a punti per voi più importanti. Il medico potrà chiedervi:

  • Quando sono comparsi i sintomi?
  • I suoi sintomi sono cronici o si presentano di tanto in tanto?
  • I sintomi sono gravi o sopportabili?
  • I sintomi peggiorano a stomaco vuoto?
  • C’è qualcosa che sembra alleviare i sintomi?
  • C’è qualcosa che sembra peggiorare i sintomi?
  • Assume farmaci analgesici? Con quale frequenza?
  • Soffre di nausea? Ha vomitato di recente?
  • Ha mai vomitato sangue o materiale nerastro?
  • Ha mai notato se è presente del sangue nelle feci o se le feci sono di colore nerastro?
  • Ha già assunto qualche farmaco per alleviare i sintomi?

Che cosa fare prima della visita

In attesa della visita, evitate il fumo, gli alcolici, gli alimenti speziati e lo stress, per alleviare almeno in parte i disturbi. Se usate i FANS per diminuire il dolore, provate a sospenderli e ad assumere in alternativa il paracetamolo (Tachipirina®). Inoltre, per alleviare momentaneamente i disturbi, potete acquistare in farmacia degli antiacidi o degli antiulcera.

Pericoli

Se non viene curata, l’ulcera peptica può degenerare in:

  • Emorragia interna. L’emorragia può verificarsi come lenta perdita di sangue che provoca l’anemia, oppure come intensa perdita di sangue per cui può rivelarsi necessario il ricovero in ospedale o una trasfusione.
  • Infezione. L’ulcera peptica può perforare le pareti dello stomaco o dell’intestino tenue, mettendovi a rischio di grave infezione della cavità addominale (peritonite).
  • Cicatrici. Le ulcere peptiche possono anche trasformarsi in tessuto cicatrizzato in grado di ostruire il passaggio degli alimenti nel canale digerente: le cicatrici vi faranno sentire sazi anche dopo aver mangiato pochi bocconi e provocheranno il vomito e la perdita di peso.

Diagnosi

Per scoprire se i vostri disturbi sono causati da un’ulcera, probabilmente vi dovrete sottoporre a diversi esami, tra i quali ricordiamo:

Esame del sangue. Mira a scoprire la presenza degli anticorpi dell’Helicobacter pylori. Uno svantaggio di questo esame è che a volte non riesce a distinguere tra l’esposizione al batterio avvenuta in passato e un’infezione in corso. Inoltre, è possibile un falso negativo se di recente avete assunto determinati farmaci, come gli antibiotici o gli inibitori della pompa protonica.

  • Test del respiro. In quest’esame viene usato un isotopo radioattivo del carbonio per evidenziare la presenza dell’Helicobacter pylori. Prima dell’esame, dovrete bere un bicchierino di una sostanza trasparente e insapore che contiene la sostanza radioattiva: l’isotopo fa parte di un’altra sostanza (urea) che sarà demolita dall’H. pylori. Dopo meno di un’ora, soffierete in uno speciale contenitore che poi verrà sigillato. Se è in corso un’infezione il campione di aria respirata conterrà l’isotopo radioattivo del carbonio sottoforma di anidride carbonica. Il test del respiro ha un vantaggio importante: è in grado di verificare l’efficacia della terapia usata per debellare l’H. pylori, scoprendo se i batteri sono stati uccisi o completamente debellati.
  • Esame delle feci. Questo esame evidenzia la presenza del batterio in un campione di feci. È utile sia per diagnosticare l’infezione da H. pylori, sia per controllare l’efficacia della terapia.
  • Radiografia del tratto gastrointestinale superiore. Questo esame visualizza l’esofago, lo stomaco e il duodeno. Durante la radiografia berrete un liquido bianco dal sapore metallico (contenente bario), che rivestirà le mucose interne dell’apparato digerente, rendendo visibile un’eventuale ulcera. Le radiografie del tratto gastrointestinale superiore sono in grado di scoprire solo alcune ulcere, e non tutte.
  • Gastroscopia. Questo esame può seguire la radiografia del tratto gastrointestinale superiore, se questa evidenzia che probabilmente è presente un’ulcera. In alternativa il medico può decidere di eseguire per prima l’endoscopia. Si tratta di un esame abbastanza delicato, in cui viene inserito nella gola un tubicino lungo e sottile con una videocamera fissata a un’estremità: il tubicino, poi, viene fatto scendere nell’esofago, nello stomaco e infine nel duodeno. Con questo strumento, il medico è in grado di vedere dall’interno la parte superiore del vostro apparato digerente e di identificare un’eventuale ulcera. Vi dovrete sottoporre a quest’esame se presentate sintomi come difficoltà nella deglutizione, perdita di peso, vomito (soprattutto se vomitate materiale rossastro o nerastro, che assomiglia ai fondi di caffè), feci di colore nerastro o anemia.

Se il medico diagnostica un’ulcera, può rimuovere piccoli campioni di tessuto (biopsia) dalla zona circostante: i campioni, in seguito, vengono esaminati al microscopio per escludere che si tratti di un tumore. La biopsia è anche in grado di identificare la presenza di Helicobacter pylori all’interno della mucosa gastrica. A seconda della posizione dell’ulcera, il medico può consigliare di ripetere l’endoscopia dopo due o tre mesi per confermare che l’ulcera stia effettivamente guarendo.

Cura e terapia

Molte ulcere sono provocate dal batterio Helicobacter pylori, quindi i medici usano un approccio a due vie per la terapia:

  • Uccidere il batterio.
  • Diminuire il livello di acidi nell’apparato digerente per alleviare il dolore e facilitare la guarigione.

Per realizzare questi due obiettivi è necessario usare almeno due (a volte tre o quattro) dei farmaci seguenti:

  • Antibiotici. I medici usano una combinazione di antibiotici per debellare l’H. pylori, perché un antibiotico solo non è sempre sufficiente per eliminare il microrganismo. Affinché la terapia sia efficace, è necessario seguire attentamente le istruzioni del medico. Tra gli antibiotici usati per eliminare il batterio ricordiamo: l’amoxicillina (Zimox®), la claritromicina (Klacid®, Macladin®, Veclam®) e il metronidazolo (Flagyl®). Probabilmente dovrete assumere gli antibiotici per due settimane, a seconda del loro tipo e di quanti sono. I farmaci prescritti insieme agli antibiotici, invece, generalmente dovranno essere assunti per un periodo più lungo.
  • Antiulcera. I farmaci antiulcera, anche detti antistaminici anti-H2, diminuiscono la quantità di acido cloridrico presente nell’apparato digerente, alleviando così il dolore provocato dall’ulcera e accelerandone il processo di guarigione. Gli antiulcera impediscono all’istamina di raggiungere i recettori dell’istamina. L’istamina è una sostanza chimica presente nell’organismo: quando reagisce con i recettori, questi segnalano alle cellule che secernono i succhi gastrici di secernere l’acido cloridrico. Gli antiulcera sono disponibili in farmacia, con o senza ricetta medica; tra di essi ricordiamo: la ranitidina (Zantac®, Ranidil®), la famotidina (Gastridin®), la cimetidina (Tagamet®) e la nizatidina.
  • Antiacidi. Il medico può decidere di includere anche un antiacido nel programma terapeutico. Gli antiacidi possono essere assunti contestualmente ai farmaci antiulcera, oppure possono sostituirli; non diminuiscono la secrezione di succhi acidi, ma neutralizzano gli acidi gastrici già secreti, e sono in grado di alleviare rapidamente il dolore.
  • Inibitori della pompa protonica. Un altro modo per ridurre l’acidità di stomaco è quello di spegnere le “pompe” che si trovano all’interno delle cellule che secernono gli acidi. Gli inibitori della pompa protonica riducono l’acidità bloccando l’azione di queste minuscole pompe. Tra i farmaci di questa categoria, disponibili in farmacia con o senza ricetta, ricordiamo: l’omeprazolo (Mepral®, Omeprazen®), il lansoprazolo (Lansox®, Limpidex®), il rabeprazolo (Pariet®) e l’esomeprazolo (Nexium®). Il pantoprazolo (Peptazol®) può essere assunto per via orale o tramite flebo somministrata in ospedale. I medici spesso prescrivono questi farmaci per accelerare il processo di guarigione dell’ulcera peptica. Se siete stati ricoverati in ospedale a causa di un’emorragia provocata da un’ulcera, gli inibitori della pompa protonica somministrati tramite flebo diminuiscono la probabilità che l’emorragia si ripeta. Si ritiene che gli inibitori della pompa protonica inibiscano anche l’H. pylori, tuttavia l’uso protratto di questi farmaci, soprattutto ad alti dosaggi, può aumentare il rischio di fratture del femore. Se li state assumendo, chiedete al medico se dovete anche assumere un integratore di calcio.
  • Agenti citoprotettivi. In alcuni casi, il medico potrebbe prescrivervi questi farmaci che aiutano a proteggere le mucose interne dello stomaco e dell’intestino tenue. Tra di essi ricordiamo il sucralfato (Sucralfin®) e il misoprostol (Cytotec®), entrambi disponibili in farmacia con obbligo di ricetta.

Se nel vostro apparato digerente non ci sono trace dell’Helicobacter pylori, è probabile che l’ulcera sia provocata dagli antinfiammatori (che, se possibile, non dovreste più usare) o dal reflusso gastroesofageo, che può causare le ulcere esofagee. In entrambi i casi, il medico cercherà di diminuire i livelli di acidità, usando gli antiulcera, gli antiacidi o gli inibitori della pompa protonica, e inoltre potrebbe consigliarvi i farmaci citoprotettivi.

Ulcere che non guariscono

Le ulcere peptiche che non guariscono dopo la terapia sono dette ulcere refrattarie. Un’ulcera può non guarire per diversi motivi, tra cui ricordiamo:

  • Assunzione dei farmaci senza rispettare le indicazioni del medico.
  • Presenza di un ceppo di Helicobacter pylori resistente agli antibiotici.
  • Uso regolare di tabacco.
  • Uso regolare di alcool.
  • Uso regolare di antinfiammatori. In alcuni casi il problema è accidentale: è possibile che il paziente non sappia che un farmaco che sta assumendo contenga un FANS.

In casi più rari, le ulcere refrattarie possono essere provocate da:

  • Sovrapproduzione di acidi gastrici, come avviene nelle persone affette dalla sindrome di Zollinger-Ellison.
  • Infezione non provocata dall’Helicobacter pylori.
  • Tumore allo stomaco.
  • Altre patologie, tra cui la cirrosi e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

La terapia per l’ulcera refrattaria di solito consiste nell’eliminazione dei fattori che possono interferire con la guarigione e nell’assunzione di farmaci antiulcera a dosaggi maggiori. In alcuni casi, possono essere aggiunti altri farmaci. L’intervento chirurgico è necessario solo se l’ulcera non risponde a una terapia farmacologica aggressiva.

Stile di vita e rimedi fai da te

Prima della scoperta dell’H. pylori, spesso i medici consigliavano ai pazienti affetti da ulcera di seguire una dieta rigida e di diminuire lo stress. Ora che l’alimentazione e lo stress sono stati esclusi come fattori scatenanti diretti, non viene più data loro così tanta importanza.

Tuttavia, quando l’ulcera è in via di guarigione, è comunque consigliabile fare attenzione all’alimentazione e tenere sotto controllo lo stress. Gli alimenti acidi o speziati possono far aumentare il dolore e lo stesso discorso vale per il nervosismo, che è in grado di aumentare l’acidità. Se lo stress è molto forte, può rallentare il processo di guarigione dell’ulcera.

Il medico, inoltre, potrà darvi questi utili suggerimenti:

  • Non fumare. Il fumo interferisce con l’azione della mucosa protettiva dello stomaco, rendendola maggiormente soggetta alle ulcere. Il fumo, inoltre, aumenta l’acidità di stomaco.
  • Limitare l’uso di alcool, o evitarlo completamente. L’alcool, se assunto in quantità eccessive, è in grado di irritare e corrodere la mucosa gastrica, provocando infiammazione e sanguinamento.
  • Evitare gli antinfiammatori non steroidei (FANS). Se fate uso regolare di analgesici, provate il paracetamolo (Tachipirina e altri).
  • Tenere sotto controllo il reflusso. Se soffrite di ulcera esofagea, che di solito è collegata al reflusso, potete prendere diversi provvedimenti per tenere sotto controllo il reflusso. Vi consigliamo, ad esempio, di evitare gli alimenti speziati e grassi, di non coricarvi subito dopo i pasti, di usare qualche cuscino in più e di cercare di dimagrire. Per tenere sotto controllo il reflusso gastrico può anche essere utile evitare il fumo, gli alcolici e i FANS.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. luciano

    Carissimo dottore,forse sarò un po lungo per spiegare tutte le mie problematiche che partono dal lontano 1988 quando dopo aver preso dei moment a digiuno e mi sono ritrovato con una emorragia,mi hanno ricoverato e risolto con in pochi giorni, ho fatto spesso delle gastroscopie e diciamo che dopo qualche periodo di cura sono stato sempre bene e sempre abbastanza attento a non prendere antinfiammatori, pero’ da febbraio di quest’anno mi hanno consigliato di prendere la cardioaspirina e nonostante la copertura con esopremazolo , da qualche tempo sto avvertendo dei fastidi nella parte superiore dello stomaco mi sembra di sentire come una ferita , ho smesso di prendere la cardioaspirina , prendo il peridon prima di mangiare però per adesso non avverto sollievi cosa posso fare?, da premettere che ogni tanto ho usato un po di peperoncino ai pasti.
    Grazie per la sua attezione

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Peperoncino da evitare.
      2. La Cardioaspirina per cosa la assumeva? Il medico sa che ha interrotto?
      3. Peridon è un procinetico, potrebbe non essere il più adatto in questa fase.

    2. Anonimo

      caro dottore due giorni fà,ho mangiato una zuppa carica di fagioli,ho avuto dolori alla pancia non molto forti,ma si mantenevano costanti,ho notato oggi un dolore e bruciore,che sinceramente non capivo cosa fosse.Ho provato a premere sotto allo sterno,ho sentito un forte dolore,e bruciore.Faccio aria intestinale e ieri ho avuto stimolo al bagno,erano cremose ,sono andata circa tre volte.Ho notato il gonfiore alla pancia e rumorosa.Cosa posso fare?il bruciore è dolore è causata dall’aria forse presente anche nella bocca dello stomaco?Secondo lei cosa può essere?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Nulla di grave, o non ha digerito oppure una leggera gastroenterite; dieta leggera e fermenti lattici.

  2. flavio

    si puo fare uso di marijuana durante il trattamento con amoxcillina(1000mg);pantoprazol nycomed (40mg) e clarithromycin(500mg) ? attendo una risposta grazie mille :)

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se ci sono problemi di stomaco sarebbe consigliabile evitare ogni forma di fumo.

  3. flavio

    non sono stato molto preciso.. ma il medico ha rilevato la presenza dell H.pyroli..e vorrei sapere se influenza l effetto degli antibiotici.. poichè faccio uso di cannabis

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non fosse altro perchè il fumo è irritante sullo stomaco eviterei almeno per tutto il periodo di cura.

    2. flavio

      Grazie mille ! ero preoccupato pensavo che potesse influenzare in modo accentuato la cura dei farmaci,
      vale lo stesso per le sigarette vero?
      perchè è un po piu complicato non fumare sigarette..

  4. flavio

    Dottore scusi, ultime domande .. è normale che sono alla fine della cura (mancano 2 giorni) e sento ancora dolore sotto le costole a destra?… e i farmaci possono causare dolore,,loro stessi? magari per via del fatto che stanno facendo effetto? grazie mille!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il dolore potrebbe persistere per un po’ anche dopo la fine della cura, ma non ci dice se stia facendo effetto o meno.

  5. marcooo

    buona sera dottore,
    pure io sto facendo la cura per l Hpyroli.. in sè domani a mezzo giorno dovrei finire con gli antibiotici..
    la sera sono stato invitato ad un compleanno di un amico.. pensa che sia un problema se faccio festa per bene?
    :D

  6. Sibilla

    Egregio dottore,le voglio dare notizie su mio marito.Ha ripreso una vita quasi normale,controllato assiduamente dai medici del centro dello scompenso e da una equipe di cardiologi che,a Brescia stanno sperimentando un protocollo.Ci hanno dato un apparecchi etto simile ad un cellulare col quale eseguiamo un eco cardiogramma che trasmettiamo a Brescia attraverso il telefono.Io sono diventata medico(laurea conferitami dai medici).Debbo cercare di reagire ad ogni costo per poter vivere meglio e far vivere veramente bene mio marito che è tornato a sorridere.Io,giorni fa,per un piegamento scomposto,ho incrinato due costole e sto ma luccio.Spero che il Voltaren mi aiuti.Cosa ne dice,dottore?A dire il vero,lo scopo di questo scritto era quello di porgerle tanti auguri per le prossime feste,ma sono certa che non le spiaccia che le abbia dato notizie sulla salute di mio marito.Le sarò sempre grata per l’aiuto morale che mi ha dato.Ossequi e Auguri.Sibilla

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Confermo che Voltaren può aiutare.
      Sono davvero felicissimo di leggere che tutto procede bene e, oltre a rinnovarle la mia stima per quanto sta facendo dal punto di vista medico ed umano, le porgo i miei più cordiali auguri di buone feste.

  7. Lidio

    Non ho fatto nessun tipo di esami. Comunque il mio medico mi ha prescritto Pantoprazolo per due settimane. Sono quasi alla fine, ma il risultato è molto scarso. Qual è il passo successivo da fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Rifaccia il punto con il medico, potrebbe valere la pena insistere e/o passare al 40 mg.

    2. Lidio

      A parte il dosaggio, ma secondo me forse sto sbagliando orario. Il medico mi aveva detto di prenderle al mattino, ma siccome soffro di ansia anticipatoria, al mattino prendo EN cpr 0,5, e allora mi ha detto di prenderle la sera prima di andare a dormire.
      Ma ho letto sul bugiardino che andrebbero prese un ora prima di mangiare.
      E siccome salto quasi sempre il pranzo, consumando panini, mangio di più nel tardo pomeriggio, inizio sera.
      Quindi forse sarebbe preferibile prendere la compressa di Pantoprazolo tra le 16 e le 18, un ora prima di mangiare.
      Tra le cause dei disturbi all’apparato digerente che sto cercando di analizzare, penso che forse un uso esagerato di caramelle comprate all’erboristeria per combattere la faringite dovuta al respirare di notte con la bocca per via della rinite allergica, caramelle dal contenuto sconosciuto, abbiano potuto creare maggiore vulnerabilità allo stomaco, come anche in due occasioni, a distanza di una settimana l’una dall’altra, in un ristorante ho mangiato della carne semi-cruda dallo strano sapore, spacciata per argentina. Che magari poteva essere infettata da qualche batterio. Febbre alta non ne ho avuta, ma da allora ho avuto dei sintomi riconducibili a una via di mezzo tra un raffreddore e una debole influenza.
      Perciò stavo pensando di associare anche degli antibiotici.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Nessun antibiotico, mi raccomando.
      Elimini o riduca le caramelle.
      Il farmaco lo assuma un’ora prima del pasto principale.

  8. Lidio

    A parte le caramelle, che sicuramente hanno inciso, dimenticavo che quest’estate ho fatto largo uso di Gatorade e simili, perché dalle analisi sono usciti valori sotto il limite di sodio e potassio. E ingerire tutte quelle bevande non ne ricevevo buon segno dallo stomaco.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Serve sicuramente qualche attenzione in più, ma nulla che non si possa curare.

  9. Lidio

    Oggi ho preso l’ultima compressa del secondo scatolo di Pantoprazolo. Da un paio di giorni le feci non sono più scure. E mi sembra di non avere più dolori. Ritiene che posso sospendere l’assunzione del Pantoprazolo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se i dolori sono scomparsi solo da due giorni valuterei con il medico di allungare la terapia ancora un pochino.

  10. luca

    Salve dottore, ieri notte mi son dovuto alzare di colpo per un fortissimo dolore nella parte bassa tra inguine e ombelico..non so schiamarlo basso addome…cmq, io soffro di reflusso, ma questa volta io dolore penso non centri molto, e piegato da esso, son andato in bagno di corsa, e cosi per circa 8 volte…poi un pochino ho dormito, ma prima ancora, son dovuto andare in bagno..ora vorrei capire, io ho il terrore dell ulcera, e vorrei chiederle se è possibile che sia un ulcera, anche se al momento non provò dolore ma solo fastidio e gorgoglii nella pancia..grazie

  11. mary

    Buongiorno! Avrei un piccolo problema. Da 3 giorni ho bruciore di stomaco non molto forti, e durante l’arco della giornata piccoli dolori di pancia sopportabili. Potrebbe essere ulcera? 4giorni fa avevo preso una Tachipirina per il mal di testa ma non era passato, così la sera ho preso aulin. Mi avranno causato il danno? Ho giornate stressanti avvolte.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dai sintomi è improbabile che sia ulcera, ma in futuro eviti Aulin per questi disturbi.

  12. mary

    Per il mal di testa cosa mi consiglia? Ne soffro spesso ma per l’appunto vorrei evitare l’aulin. La Tachipirina non fa poi molto.

  13. Mirella

    Salve Dottore, da 5 mesi ho dei problemi con spasmi a livello dello stomaco, che mi causano erruttazione dalla bocca che mi procurano non poco imbarazzo ma ancora peggio questi spasmi ripetuti mi causano dolore a fine giornata sullo stomaco, sull’esofago e sulla gola ed anche alle orecchie. Inoltre soffro di reflusso gastrico ma cerco di contenerlo con Gaviscon. Ho fatto alcuni esami e non si presenta Helicobacter pylori ma mi avevano diagnosticato una piccola ernia iatale che sapevo già di avere e che anzi era diminuita. Il problema era comunque il fatto di avere questi spasmi e quindi il dottore mi ha prescritto un farmaco: Lansox 15 mg. Lo assumo da quasi 23 giorni e non riscontro alcun miglioramento…

  14. zietto

    Salve Dottore,

    Vorrei chiederle in che modo posso capire se sono affetto della presenza dell’helicobacter pylori…esame del sangue anche?o delle feci?o altro?
    Soffro di nausea,mancanza di appetito,acidita’ a stomaco vuoto,dopo un paio d’ore aver consumato i pasti ho di nuovo fame e mi sento debole,stanchezza fisica anche alle gambe e un piccolo dolore al petto sempre costante.Cosa mi consiglia?grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Breath test, ma prima di fare esami consiglio sempre una visita medica, potrebbe essere una più semplice gastrite.

  15. nicol

    dottore 5/6 terapie x sconfiggere l’helicobacter lui nn va via…..ci sara’ una cura anche x me o convivero’ con il batterio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente fa parte del 20-30% di persone che devono conviverci.

  16. aurelio

    Dott io 20giorni fa la dottoressa mi aveva detto che stavo un po depresso e mi ha prescritto delle compresse di zarelis 75mg ma io giorno dopo giorno mi sentivo strano finché un giorno vado in bagno a fare le feci e erano nere catrame ho chiamato il mio dott e mi ha detto di sospendere le compresse e mi ha dato delle compresse omeprazolo e due giorni le feci sono tornati chiare e probabilmente la causa di zeralis che mi ha fatto questo scompiglioallo stostomaco

  17. Pietro

    Buonasera ,
    da molto tempo soffro di un fastidio simile alla fame , localizzato sempre 10-15 cm sopra l’ombelico e ogni tanto anche un dolore al petto . Non ho nausa , le feci sembrano regolari non ho perdita di appetito e/o nausea . Ho solo questo fastidio nell’arco della giornata e spessissimo la notte . Per calmare questo fastidio basta prendere acqua , limone e bicarbonato e dopo 10 minuti riesco a dormire nuovamente ( capita qualche volta di svegliarmi con lo stesso sintomo piu’ volte durante la notte )
    Soffro spesso di mal di testa e come analgesico prendo l’OKI . Per darle un idea 3-4 volte al mese il piu’ delle volte mangio qualcosa prima di assumere il farmaco ( capitato molto di rado a stomaco vuoto )

    Non fumo , non assumo alcolici e bevo circa 4-5 caffe’ durante l’arco della giornata

    Potrei avere cortesemente un suo parere sulle cause e sul da farsi ?

    Grazie 1000 per la disponibilita’
    Pietro

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Viene da pensare ad un problema di gastrite e/o reflusso, ne parli con il medico per una diagnosi esatta e soprattutto una cura adeguata.

    2. Pietro

      Dimenticavo di dirle che questo fastido dura circa 1-2 settimane per poi sparire magari per 1-2-3 mesi pe poi ricomparire :(

      Grazie

    3. salvatore

      salve dottore,vorrei dirle che certe volte mi sento se e come mi stringesse nello stomaco ,e faccio irrutazzioni,pero non mi capita sempre

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      È un po’ vaga come situazione, ma potrebbe essere un problema di gastrite.

    5. salvatore

      dotto` ho fatto pure troppo abuso di cioccolato e roba gassata,puo darsi che e` causata da questa roba e cosa posso prendere

    6. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, potrebbe aver inciso.
      Mi dispiace, ma non posso prescrivere farmaci.

  18. Lidio

    Da una settimana sto prendendo Eutimil compresse da 20 mg. Siccome non è la prima volta che prendo antidepressivi, e sapendo che dopo qualche giorno mi avrebbero creato dolori all’apparato digerente, sto prendendo anche Pantoprazolo da 20 mg. Però il risultato non è soddisfacente. C’è da seguire un orario particolare per assumere i due farmaci, o devo ricorrere a qualcos’altro per ridurre i fastidi dell’Eutimil?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non sono così convinto che siano causati dal farmaco; dopo quanti giorni dall’inizio di Eutimil è comparso il dolore?

  19. Lidio

    Il dolore è comparso dopo 3 o 4 giorni all’incirca. Quando gli antidepressivi li prendevo qualche anno fa, il dolore compariva dopo una decina di giorni.
    Comunque ultimamente tengo sotto osservazione le feci. Ci sono piccole striature mucose contenenti tracce di sangue.
    Ho cercato di leggere qualcosa, prima di andare dal medico, per avere le idee un po’ più chiare. E tra le varie ipotesi, quella che più mi convince, è irritazione dell’intestino.
    Se fosse così, cosa potrei fare per dare sollievo all’intestino?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Soffre di stitichezza da quando ha iniziato il farmaco?

    2. Lidio

      La stitichezza ce l’ho da circa 4 anni, da quando prendo quotidianamente una compressa di EN 0,5. Con l’uso del Pantoprazolo si era ridotta un po’. E anche con l’Eutimil, si riduce un po’.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non sono troppo convinto che sia il farmaco, anche se comunque è possibile; purtroppo non posso prescrivere farmaci, quindi al di là di consigliarle una dieta leggera per qualche giorno non posso fare.

  20. Anonimo

    Dottore mi scusi…ho il virus intestinale e da stamani ho diarrea e vomito….5 min fa ho rivomitato mente 20 min fa avevo preso imodium capsule…la mia domanda é questa…mi é successo che praticamente quando ho vomitato ho cacciaro tipo puntini neri che si sono attaccati al water…premetto che oggi nn ho mangiato nulla…ma da cosa dipedono questi puntini? Puó essere imodium? Perché se vedo su internet mi esce sangue digerito ma essendo ansioso ho chiuso subito…io ho 25 anni…la ringrazio.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente no, ma vomitando spesso potrebbe comunque capitare e non deve spaventare.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Basta un piccolo capillare rotto per lo sforzo o per gli acidi gastrici.

  21. Anonimo

    Dottore ma anche sw sn molti questi.puntini? Assomigliano terriccio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Stia sereno, se sono molti puntini è probabile che NON sia sangue.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.