Tubercolosi o TBC: sintomi, durata e cura

Ultimo Aggiornamento: 57 giorni

Introduzione

La tubercolosi (anche conosciuta come TBC o tisi)  è causata da un batterio chiamato Mycobacterium tuberculosis. I batteri di solito attaccano i polmoni, ma sono in grado di attaccare qualsiasi parte del corpo, come reni, colonna vertebrale e cervello. Non tutti i soggetti infettati si ammalano, di conseguenza si individuano due condizioni:

  • infezione latente,
  • malattia tubercolare.

L’infezione tubercolare latente è una condizione in cui il soggetto è venuto a contatto con il batterio, ma non presenta una malattia attiva, ossia

  • non presenta sintomi,
  • non è infettivo,
  • e potrebbe non ammalarsi mai (90% dei casi).

Una delle più temute malattie del XIX secolo, la tubercolosi fu l’ottava causa maggiore di morte infantile tra 1 e 4 anni nel corso del 1920. Con il miglioramento del tenore di vita e dell’assistenza sanitaria l’incidenza della TBC diminuì, dal 1960 non figurava nemmeno tra le prime 10 cause di morte nei gruppi di bambini di qualsiasi età.

Oggi la tubercolosi ha segnato un inaspettato ritorno negli Stati Uniti e nel resto del mondo occidentale, specialmente tra i senza tetto, i carcerati ed i malati di HIV.

Dall’infezione, quando si ha accesso ai farmaci, è possibile guarire nel 95% dei casi.

Causa

La tubercolosi è una malattia causata dal batterio Mycobacterium tuberculosis che colpisce principalmente i polmoni, sebbene possa interessare anche altri organi.

I batteri della TBC si diffondono nell’aria da persona a persona. I batteri vengono immessi nell’aria quando un soggetto con TBC tossisce, starnuta, parla o canta. Gli individui nelle vicinanze possono respirarli e venire infettati.

Fattori di rischio

Un rischio aumentato di infezione tubercolare esiste per soggetti che:

  • hanno contatti prolungati con un malato di TBC,
  • provengono da un paese o sono stati di recente in un paese in cui la malattia tubercolare sia molto comune,
  • soggiornano o lavorano in ambienti in cui la TBC è più frequente, per esempio i ricoveri per senza tetto, prigioni o case di cura per problemi cronici,
  • lavorano come personale sanitario con pazienti a rischio di TBC.

Il rischio di sviluppare la malattia tubercolare dopo il contagio è maggiore in:

  • portatori di infezione HIV,
  • bambini con meno di 5 anni di età,
  • soggetti infettati da meno di due anni,
  • persone con altri problemi di salute che indeboliscano le difese dell’organismo,
  • individui che fumano, alcolisti e/o consumatori di droghe,
  • pazienti con TBC non trattata adeguatamente.

Trasmissione

La diffusione della TBC avviene da persona a persona. I batteri vengono immessi nell’aria quando un soggetto con TBC del polmone o della gola tossisce, starnutisce, parla o canta. Gli individui nelle vicinanze possono respirarli e venire infettati.

La TBC non si diffonde con:

  • strette di mano,
  • condivisione di cibo o bevande,
  • contatto con lenzuola o tavolette del gabinetto,
  • condivisione di spazzolini da denti,
  • baci.

È possibile essere stati esposti ai batteri della TBC se si passa del tempo vicino a qualcuno affetto da tale malattia. I batteri vengono immessi nell’aria quando un soggetto con focolai attivi di TBC del polmone o della gola tossisce, starnuta, parla o canta. Non è possibile contagiarsi tramite:

  • vestiti,
  • bicchieri,
  • posate,
  • strette di mano,
  • gabinetti,
  • contatto con altre superfici.

Infezione tubercolare latente e malattia tubercolare

I batteri della TBC possono vivere nell’organismo senza causare malattia. Questa condizione è nota come infezione tubercolare latente. La maggior parte dei soggetti che inalano i batteri della TBC e ne vengono contagiati è in grado di combattere i batteri e arrestarne la crescita. Soggetti con TBC latente non si ammalano e non sviluppano alcun sintomo. Questi soggetti non sono contagiosi e non possono diffondere i batteri della TBC ad altri. Però, se i batteri rimangono attivi nell’organismo e si moltiplicano, il soggetto passerà dallo stadio di infezione tubercolare latente a malattia tubercolare.

I batteri della TBC si attivano se il sistema immunitario non riesce a fermarne la crescita. Quando sono attivi (proliferano nell’organismo), i batteri causano la malattia tubercolare. I soggetti colpiti sono ammalati. Diventano anche potenzialmente contagiosi per le persone con cui entrano quotidianamente in rapporto per periodi significativi.

Molti soggetti con infezione latente non sviluppano mai la malattia tubercolare. Alcuni sviluppano la malattia tubercolare poco dopo l’infezione (entro settimane) prima che il sistema immunitario possa combattere i batteri della TBC. Altri possono ammalarsi anni dopo, se il loro sistema immunitario si indebolisce per altri motivi.

Globalmente, circa il 5-10% dei soggetti contagiati che non vengono trattati per infezione latente sviluppa la malattia tubercolare nell’arco della propria esistenza. Nei soggetti con sistema immunitario debole, specialmente quelli affetti da HIV, il rischio di sviluppare la malattia tubercolare è molto più alto rispetto a individui con sistemi immunitari normali.

In generale, sono ad alto rischio di malattia tubercolare queste due categorie di persone:

  • soggetti infettati di recente con batteri della TBC,
  • soggetti con condizioni di salute deteriorate che indeboliscono il sistema immunitario.

Sintomi

I batteri della TBC possono anche vivere nell’organismo senza causare malattia. Questa condizione è nota come infezione tubercolare latente. La maggior parte dei soggetti che inalano i batteri della TBC e ne vengono contagiati è in grado di combattere i batteri e arrestarne la crescita. I soggetti con infezione tubercolare latente non stanno male, non hanno sintomi e non possono trasmettere la TBC ad altri.

Adulti

I sintomi della tubercolosi dipendono dalla sede del corpo in cui i batteri stanno proliferando. Di solito, crescono nei polmoni (TBC polmonare). La TBC polmonare può causare i seguenti sintomi:

  • una brutta tosse perdurante 3 settimane o più,
  • dolore al petto,
  • tosse con espettorato sanguinolento o catarro.

Altri sintomi di malattia tubercolare:

  • debolezza o stanchezza,
  • perdita di peso,
  • perdita di appetito,
  • brividi,
  • febbre,
  • sudorazione notturna.

I sintomi di TBC in altre zone corporee dipendono dall’area colpita.

I soggetti con infezione tubercolare latente non si sentono ammalati, non hanno sintomi e non possono trasmettere la TBC ad altri.

Bambini

Nei bambini la tubercolosi polmonare primaria, quella cioè che si manifesta alla prima infezione da batteri della tubercolosi, non produce nessun segno o sintomo e nemmeno con una radiografia al torace si possono individuare segni o infezione. Raramente si possono verificare un ingrandimento dei linfonodi e  la tosse.

Nella maggior parte dei casi se una tubercolinoreazione alla pelle, usata per capire se qualcuno è stato infettato dai batteri della tubercolosi, risulta positiva questo indica che il bambino è stato infettato. I bambini con tubercolinoreazione positiva, anche se non sembrano malati, di solito hanno bisogno di cure.

L’infezione primaria tende di norma a risolversi spontaneamente, perché un bambino sviluppa immunità nel giro di 6 o 10 settimane. In alcuni casi può tuttavia progredire e distendersi al polmone prendendo il nome di tubercolosi primaria progressiva o ad altri organi. Questo sintomi più evidenti come febbre, perdita di peso, stanchezza, inappetenza e tosse.

Si riconosce poi un altro tipo di infezione, la tubercolosi secondaria. In questo caso l’infezione primaria è risolta, ma i batteri rimangono inattivi e quiescenti. Quando le condizioni diventano favorevoli, per esempio per ridotta immunità, i batteri diventano attivi. Il sintomo più evidente è una febbre persistente, con sudorazione durante la notte. Potrebbero seguire poi stanchezza e perdita di peso. Se la malattia progredisce e si formano delle cavità nei polmoni si può avere tosse e produzione di saliva, muco che potrebbe contenere anche tracce di sangue.

Durata

La tubercolosi è una malattia cronica, che può persistere per anni se non viene curata.

Quando chiamare il medico

Chiama il dottore se il tuo bambino o il paziente:

  • è stato in contatto con una persona che ha (o è sospettato di avere) la tubercolosi,
  • ha febbre persistente,
  • manifesta una tosse persistente che non risponde ai farmaci standard per la tosse.

Diagnosi

Le linee guida del Ministero della salute suggeriscono come test di prima scelta l’intradermoreazione secondo Mantoux, ossia un test da eseguire sulla pelle del braccio in cui viene viene iniettata una piccola quantità di tubercolina (l’iniezione non è dolorosa).

È un esame senza alcun tipo di rischio, anche per bambini, donne incinta e soggetti immunodepressi.

A distanza di 48-72 ore il medico verificherà sul braccio l’eventuale reazione, positiva in presenza di un piccolo indurimento sottocute, di solito inferiore al centimetro. La positività al test della tubercolina non vuol dire essere malato, potrebbe significare semplicemente un’infezione latente.

Il test sul sangue viene invece usato come test di conferma.

Cura e terapia

Non tutti i soggetti infettati dai batteri della tubercolosi si ammalano, quindi come visto in precedenza distinguiamo due casi:

  • infezione TBC latente,
  • malattia tubercolare.

Entrambe possono essere trattate, senza trattamento l’infezione latente può passare allo stadio attivo più facilmente che, se a sua volta non trattato, può diventare fatale.

I pazienti con infezione latente non hanno sintomi e non sono contagiosi, ma spesso si preferisce iniziare comunque una terapia per evitare il rischio di passaggio allo stadio attivo; secondo il Ministero nei bambini di età uguale o inferiore a 5 anni anche in presenza di un test TST e/o IGRA negativo il trattamento è raccomandato subito dopo l’esposizione, una volta che sia stata esclusa la forma attiva.

La terapia in stato di gravidanza viene valutata caso per caso.

Il dottore potrebbe consigliare un ricovero in ospedale per una valutazione iniziale e cura della tubercolosi, specialmente se:

  • si tratta di un bambino,
  • si verificano gravi reazioni ai farmaci,
  • il paziente soffre di altre malattie concomitanti (per esempio HIV).

La maggior parte dei bambini con la tubercolosi possono essere curati a casa: la cura avviene di norma per via orale, mentre in alcuni casi potrebbero essere prescritte combinazioni di tre o quattro farmaci.

Anche se la cura potrebbe richiedere da 6 a 24 mesi per completarsi è estremamente importante che tutti i farmaci prescritti vengano assunti correttamente per sconfiggere definitivamente l’infezione.

Prevenzione

La tubercolosi si può cercare di prevenire:

  • evitando contatti con chi ha la malattia attiva,
  • usando farmaci come misura di prevenzione in casi di alto rischio,
  • mantenendo degli standard igienici adeguati.

Nuovi casi e pazienti potenzialmente contagiosi vengono identificati attraverso l’interpretazione della tubercolinoreazione della pelle; un vaccino chiamato BCG (Bacille Calmette-Guérin) viene utilizzato in diversi paesi con l’obiettivo del contenimento della malattia, tuttavia questo vaccino risulta abbastanza efficace nei bambini, ma scarsamente in adolescenti ed adulti.

Sono al momento allo studio nuovi vaccini, con l’obiettivo di conferire un’immunità maggiore.

Domande frequenti

In cosa consiste l’infezione tubercolare latente?

La maggior parte dei soggetti che inalano i batteri della TBC e ne vengono contagiati è in grado di combattere i batteri e arrestarne la crescita. I batteri diventano inattivi, ma rimangono vivi e possono riattivarsi successivamente. Questa condizione è nota come infezione tubercolare latente. I soggetti con infezione tubercolare latente:

  • non hanno sintomi,
  • non si sentono male,
  • non sono contagiosi,
  • in genere hanno una reazione cutanea o un esame del sangue positivi per TBC,
  • possono sviluppare la malattia conclamata se l’infezione latente non viene trattata.

La maggior parte dei soggetti con infezione latente non sviluppano mai la malattia tubercolare. In questi individui i batteri rimangono inattivi per tutta la vita senza causare malattie. In altri, soprattutto se con sistemi immunitari deboli, i batteri invece si attivano, si moltiplicano e causano la malattia tubercolare.

Se esposti a soggetti con malattia tubercolare, è possibile risultare contagiosi?

Se esposti a qualcuno affetto da tubercolosi, è possibile essere infettati dal batterio, ma non si diventa automaticamente contagiosi. Solo persone con malattia tubercolare possono diffondere la TBC ad altri. Per diventare contagiosi, bisogna prima respirare i batteri della TBC e infettarsi. Occorre quindi che i batteri si moltiplichino nel corpo e causino la malattia. A questo punto, è possibile che si diventi contagiosi.

Alcuni sviluppano la malattia tubercolare poco dopo l’infezione (entro settimane) prima che il sistema immunitario possa combattere i batteri della TBC. Altri possono ammalarsi anni dopo, se il loro sistema immunitario si indebolisce per altri motivi. Molti soggetti con infezione latente non sviluppano mai la malattia tubercolare.

La maggior parte dei soggetti che inalano i batteri della TBC e ne vengono contagiati è in grado di combattere i batteri e arrestarne la crescita. I batteri diventano inattivi, ma rimangono vivi e possono riattivarsi successivamente. Questa condizione è nota come infezione tubercolare latente. Questi soggetti non sono contagiosi e non possono diffondere i batteri della TBC ad altri. Le persone con infezione tubercolare latente possono essere trattati per prevenire lo sviluppo della malattia conclamata.

I bambini positivi possono frequentare la scuola?

In caso di positività al test, se il bimbo non ha sviluppato un’infezione attiva può tranquillamente venire a contatto con i suoi coetanei, in quanto NON è contagioso; in questi casi è probabile inoltre che tutti i famigliari vengano sottoposti a verifica per escludere casi in famiglia.

Fonti principali:

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.
Leggi le condizioni d'uso dei commenti.
  1. Anonimo

    gentilissimo dottore posso assumere il broncho-vaxom mentre sto in cura con reumaflex? grazie per una risposta e cordiali saluti

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, nella scheda tecnica del farmaco tra le controindicazioni c’è anche ‘ malattie autoimmuni’; lei prende reumaflex verosimilmente per artrite che è una forma di malattia autoimmune, per cui io per sicurezza chiederei ai reumatologi che la seguono prima di assumere questo prodotto. saluti

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Il test di Mantoux serve per verificare un’eventuale tubercolosi, consiste nell’iniezione sottocute di una sostanza di derivazione dalla tubercolina, e leggere la reazione sulla cute stessa a distanza di 72 ore.

  2. Anonimo

    vorrei sapere quanto tempo ci vole per infetarsi di tuberculoze e posibile un meze e mezo prima di aver scoperto la malatia,se uno a avuto un contato lavorativo.

La sezione commenti è attualmente chiusa.