Tubercolosi o TBC: sintomi, durata e cura

Ultimo Aggiornamento: 2030 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La tubercolosi (generalmente conosciuta come TBC o tisi) è una malattia causata dal batterio Mycobacterium tuberculosis che colpisce principalmente i polmoni, sebbene possa interessare anche altri organi.

Quando un malato di tubercolosi non sta seguendo alcuna cura, tossendo o starnutendo, espone al contagio chi sta attorno perché l’aria si riempie di goccioline contenenti batteri; inalando queste goccioline infette si può facilmente contrarre la TBC.

Una delle più temute malattie del XIX secolo, la tubercolosi fu l’ottava causa maggiore di morte infantile tra 1 e 4 anni nel corso del 1920. Con il miglioramento del tenore di vita e dell’assistenza sanitaria l’incidenza della TBC diminuì, dal 1960 non figurava nemmeno tra le prime 10 cause di morte nei gruppi di bambini di qualsiasi età.

Oggi la tubercolosi ha segnato un inaspettato ritorno negli Stati Uniti e nel resto del mondo occidentale, specialmente tra i senza tetto, i carcerati ed i malati di HIV.

Sintomi

Nei bambini la tubercolosi polmonare primaria, quella cioè che si manifesta alla prima infezione da batteri della tubercolosi, non produce nessun segno o sintomo e nemmeno con una radiografia al torace si possono individuare segni o infezione. Raramente si possono verificare un ingrandimento dei linfonodi e  la tosse.

Nella maggior parte dei casi se una tubercolinoreazione alla pelle, usata per capire se qualcuno è stato infettato dai batteri della tubercolosi, risulta positiva questo indica che il bambino è stato infettato. I bambini con tubercolinoreazione positiva, anche se non sembrano malati, di solito hanno bisogno di cure.

L’infezione primaria tende di norma a risolversi spontaneamente, perché un bambino sviluppa immunità nel giro di 6 o 10 settimane. In alcuni casi può tuttavia progredire e distendersi al polmone prendendo il nome di tubercolosi primaria progressiva) o ad altri organi. Questo sintomi più evidenti come febbre, perdita di peso, stanchezza, inappetenza e tosse.

Si riconosce poi un altro tipo di infezione, la tubercolosi secondaria. In questo caso l’infezione primaria è risolta, ma i batteri rimangono inattivi e quiescenti. Quando le condizioni diventano favorevoli, per esempio per ridotta immunità, i batteri diventano attivi. Il sintomo più evidente è una febbre persistente, con sudorazione durante la notte. Potrebbero seguire poi stanchezza e perdita di peso. Se la malattia progredisce e si formano delle cavità nei polmoni si può avere tosse e produzione di saliva, muco che potrebbe contenere anche tracce di sangue.

Trasmissione

La tubercolosi è contagiosa per via aerea: in genere i bambini non sono considerati contagiosi e di solito contraggono l’infezione da adulti malati. Il periodo d’incubazione, ossia il tempo che impiega una persona ad infettarsi dopo l’esposizione, varia da settimane ad anni, in relazione all’individuo e la relativa infezione (primaria, progressiva o secondaria).

Durata

La tubercolosi è una malattia cronica, che può persistere per anni se non viene curata.

Cura e terapia

Il dottore potrebbe consigliare un ricovero in ospedale per una valutazione iniziale e cura della tubercolosi, specialmente se:

  • si tratta di un bambino,
  • si verificano gravi reazioni ai farmaci,
  • si verificano altre malattie insieme alla TBC.

La maggior parte dei bambini con la tubercolosi possono essere curati a casa: la cura avviene di norma per via orale, mentre in alcuni casi potrebbero essere prescritte combinazioni di tre o quattro farmaci.

Anche se la cura potrebbe richiedere mesi per completarsi è estremamente importante che tutti i farmaci prescritti vengano assunti correttamente per sconfiggere definitivamente l’infezione.

Prevenzione

La tubercolosi si potrebbe prevenire:

  • evitando contatti con chi ha la malattia attiva,
  • usando farmaci come misura di prevenzione in casi di alto rischio,
  • mantenendo dei buoni tenori di vita.

Nuovi casi e pazienti potenzialmente contagiosi vengono identificati attraverso l’interpretazione della tubercolinoreazione della pelle; un vaccino chiamato BCG (Bacille Calmette-Guérin) viene utilizzato in diversi paesi con l’obiettivo del contenimento della malattia, tuttavia questo vaccino risulta abbastanza efficace nei bambini, ma scarsamente in adolescenti ed adulti.

Sono al momento allo studio nuovi vaccini, con l’obiettivo di conferire un’immunità maggiore.

Quando chiamare il medico

Chiama il dottore se il tuo bambino:

  • è stato in contatto con una persona che ha (o è sospettato di avere) la tubercolosi,
  • ha febbre persistente,
  • manifesta una tosse persistente che non risponde ai farmaci standard per la tosse.

Libera traduzione da KidsHealth a cura di Alessandra


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Eliana

    Dottore gli è l’ho detto non trovano necessità di fare esami; il punto è un altro io sono in pena per mio nipote che ha 1 mese, sà meglio di me che difese ne ha ben poche, i sintomi per i bambini così piccoli sono gli stessi? Perché sono capitati gli episodi che se n’è andato in apnea e non respirava più secondo lei c’entra qualcosa?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      No, quanto accaduto a mio parere è del tutto indipendente; per lei non si preoccupi, se non è stato ritenuto necessario fare esami è perchè i rischi di contagio nel caso specifico sono trascurabili.

  2. Luana

    Io ho avuto la tbc nel 2006 e sono stata ricoverata 2 mesi e mezzo adesso sto bene ..vorrei sapere se mi porto dietro qualche sintomo associato alla tbc ke nn so ..grazie mille

  3. giusina

    Buonasera, volevo sapere quali sono i sintomi di tbc su un adulto, visto che sopra si citano solo i bambini. Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tosse (eventualmente con sangue), perdita di peso, dolore toracico, febbre e sudorazioni.

  4. gilly

    buonasera. sono andata a pronto soccorso per tosse col sangue.fatto una tac e ho polmonite con addenso di muchi.quello che nn riesco a capire che nn ho febbre respiro normale,e pochii colpi di tosse e da 2 giorni con poco sangue anzi piu muchi e sangue piu scuro.volevo dire nn è che ho la tbc? le volevo dire che io mi sento bene e sono 3 giorni che sto facendo la cura di rocefin e bentelan .grazie .

  5. gilly

    grazie x avermi risposto. un consiglio..posso mette le gocce di timo bianco sul termosifone.. vanno bene .per il mio problema?

  6. Claudia

    Buonasera. Lavoro in un ospedale in Belgio come addetta pulizie da un mese. Mi è capitato due volte di dover pulire due stanze con pazienti contaminati tbc. Ho usato il camice, i guanti e la maschera ultrafiltrante come indicato. Sono un po preoccupata, secondo lei devo fare il test tubercolina per preucazione o dovrei non correre rischi? Ho provato a pulire le stanze nel minor tempo possibile e stare lontana dal paziente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Con le precauzioni suggerite non dovrebbe esserci rischio.

  7. Loredana

    Buon giorno mi chiamo Loredana e le scrivo perché da più di 4 mesi o problemi di tose e non riesco a farla andare via anche se prendo qualche cura in giro di 2 o 3 settimane mi ritorna con mucco e dolore nell petto o fatto la lastra ai polmoni e mi era uscito adesso un mese fa che avevo dell catarro adesso sto facendo della penicillina in punture da mille e sembra un Po migliorata ma però sento nella parte sinistra dell torace dietro e di fianco come di tipo avessi un gato che fa le fuse ogni tanto o un bambino piccolo e mi preoccupo molto anche perché o avuto un amica con più o meno gli stessi sintomi della Tbc che ora è ricoverata a Pavia in ospedale alle contagiose e non riesco a capire e a sapere che cosa ha comunque era dimagrita di bruto e non aveva appetito per niente e aveva una leggera tosse per di più le salivava la bocca tanto perché mentre mi parlava precipitava la saliva quindi sono un Po in dubbio a fare o non fare il test lei cosa mi consiglia?? Grazie .

  8. Loredana

    Si nel senso che mi si è avvicinata abbastanza mentre parlava e ogni tanto mentre parlava sentivo qualche goccia di saliva sul mio viso

  9. Loredana

    Buongiorno sono sempre io o fatto una visita in ospedale sabato con una lastra al torace e analisi dell sangue e il medico mi a detto che non risulta niente pero io o sempre paura che io o presso il microbo o sentito di un analisi che si fa con un ago nell braccio per poter capire meglio se o il microbo o no lei mi consiglia farlo ???e se si come si chiama questa analisi o pure test ??

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Si fidi del suo medico, non procederei ad esami non prescritti.

  10. Franco

    Salve, ho avuto la tbc circa due anni fa
    Mi è stata diagnosticata in fase embrionale, quando ancora si parlava di un focolaio.
    Non avevo ancora i sintomi, se non un po’ di tosse pesante, e quindi non sono mai stato infettivo.
    Sono stato ricoverato due settimane fini allo scongiurato pericolo infettivo, dopodiché ho fatto per circa un anno una terapia a base di Nicozid, Benadon (per la carenza di Vitamina B6 che provocano le compresse) e Piraldina a casa. Il decorso è stato abbastanza lieve e poco invasivo, tanto da garantirmi tutti i privilegi di un uomo sano.
    Ho smesso di fumare da allora, ma nel caso ricominciassi potrebbe ritornare la malattia?
    Sporadicamente ho alcuni dolori intercostali nella zona interessata dalla caverna, che ormai è praticamente cicatrizzata ed invisibile (era di 2cm di diametro), a cosa possono essere ricondotti?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. A mio avviso no, ma chiaramente andrebbe incontro a tutti i rischi classici del fumatore (quindi tenga duro).
      2. A questo non le so rispondere.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.