Tigna e piede d’atleta: sintomi, cura e prevenzione

Ultimo Aggiornamento: 17 giorni

Introduzione

Praticando molto sport le docce nello spogliatoio e le pile di abiti sudati probabilmente fanno parte della vostra vita quotidiana, al pari del rischio di contrarre infezioni della pelle definite micosi.

La tigna dell’inguine, il piede d’atleta e la tigna tricofitica sono tre tipi comuni di micosi cutanee che insieme ad altre forme sono noti nel complesso come tigna; sono causate da funghi chiamati dermatofiti che vivono sulla pelle, nei capelli e nelle unghie e proliferano nelle zone calde e umide.

I sintomi di queste infezioni possono variare a seconda della parte del corpo in cui compaiono. Il fungo può trovarsi nel terreno, su un animale (più di frequente un cane, un gatto o un roditore) o, nella maggior parte dei casi, su un’altra persona. I traumi della pelle di lieve entità (come i graffi) e la scarsa igiene della pelle aumentano la possibilità di contrarre l’infezione.

È importante insegnare ai bambini a prendere precauzioni contro le micosi cutanee, che possono causare prurito e forte disagio. Lla maggior parte delle infezioni possono essere curate con medicinali da banco, ma per alcune forme potrebbe rivelarsi necessaria una terapia medica.

Tigna

La tigna è una micosi del cuoio capelluto o della pelle: può produrre dei piccoli anelli oppure una serie di anelli concentrici sulla pelle.

Tigna dell’inguine

La tigna dell’inguine si chiama così perché è un’infezione dell’inguine e della parte superiore delle cosce: è una malattia piuttosto comune tra chi pratica sport e quindi suda molto. In realtà il fungo che provoca quest’infezione può proliferare sulla pelle di qualsiasi persona che si espone per molto tempo al calore e all’umidità, indossa abiti stretti come i costumi da bagno che causano attrito sulla pelle, condivide gli asciugamani e gli abiti con qualcun altro e non si asciuga completamente. Se non curata opportunamente, l’infezione può durare per settimane o mesi.

Piede d’atleta

Il piede d’atleta di solito colpisce la pianta dei piedi, le zone tra le dita e, a volte, le unghie dei piedi. Se vostro figlio tocca il piede infetto e poi tocca un’altra parte del corpo, può anche diffondersi verso i palmi delle mani, la zona inguinale o le ascelle. Il piede d’atleta si chiama così perché di solito colpisce i piedi soggetti a maggior sudorazione e traspirazione, come spesso capita nel caso degli atleti.

Foto

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Ringworm_on_the_arm,_or_tinea_corporis_due_to_Trichophyton_mentagrophytes_PHIL_2938_lores.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Ringworm_on_the_arm,_or_tinea_corporis_due_to_Trichophyton_mentagrophytes_PHIL_2938_lores.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/File:4809_lores.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/File:4809_lores.jpg

http://nl.wikipedia.org/wiki/Bestand:Intertrigo-1.jpg

http://nl.wikipedia.org/wiki/Bestand:Intertrigo-1.jpg

Sintomi

Tigna

La tigna si manifesta all’inizio come un piccola piaghetta che assomiglia a una pustola e in un secondo momento può dare origine a chiazze, scaglie o squame. Le scaglie potrebbero essere scambiate per forfora. Come possibile conseguenza di questa micosi, i capelli cadono o si spezzano facilmente. La tigna può anche causare gonfiore, fragilità e rossore nel cuoio capelluto.

A volte, può presentarsi una piccola escrescenza gonfia e infiammata, nota come kerion, che trasuda liquido. Questi sintomi possono essere scambiati per impetigine o cellulite. Le caratteristiche distintive della tigna sono il prurito, il rossore della pelle e una lesione circolare e a chiazze che si diffonde verso l’esterno ed è più chiara nella zona centrale.

La tigna delle unghie può colpire una o più unghie delle mani o dei piedi. Le unghie possono diventare più spesse, bianche o giallastre e fragili.

Tigna dell’inguine

Tra i sintomi della tigna dell’inguine possiamo trovare:

  • prurito, irritazione o bruciore nella zona inguinale, nelle cosce o nella zona anale,
  • rossore nella zona inguinale, nelle cosce o nell’area anale,
  • pelle che si squama, che si spella o si screpola.

Piede d’atleta

I sintomi del piede d’atleta possono comprendere:

  • prurito, bruciore, rossore e dolore pungente alle piante dei piedi.
  • La pelle può squamarsi, spellare, presentare vesciche o screpolature.

Trasmissione

La trasmissione di questi funghi avviene di norma per contatto con persone o superfici infette.

Cura e terapia

Tigna

La cura e la diagnosi della tigna sono abbastanza facili. Il più delle volte il dottore può diagnosticarla semplicemente guardando il paziente oppure grattando via un piccolo campione (una scaglia) di pelle infetta per controllare che il fungo sia effettivamente presente. Il medico può consigliare una crema antifungina per la tigna della pelle oppure un farmaco da assumere per via orale nel caso della tigna tricofitica e delle unghie.

Tigna dell’inguine

La tigna dell’inguine di solito può essere curata con creme e spray antimicotici senza obbligo di ricetta. In associazione a questo è importante:

  • lavare e asciugare la zona colpita con un asciugamano pulito,
  • applicare la crema, la polvere o lo spray antimicotico seguendo le indicazioni presenti nella confezione,
  • cambiarsi d’abito (specialmente la biancheria intima) ogni giorno,
  • continuare la cura per due settimane, anche se i sintomi spariscono, per evitare che l’infezione diventi ricorrente.

Se la crema o lo spray non è efficace, rivolgetevi al medico, che potrà prescrivervi una cura diversa.

Piede d’atleta

Il medico spesso può diagnosticare il piede d’atleta semplicemente esaminando il piede oppure prendendo un piccolo campione di pelle infetta per evidenziare la presenza del fungo che provoca l’infezione.

Le creme e gli spray antifungini senza obbligo di ricetta possono rivelarsi efficaci entro poche settimane nella cura dei casi meno gravi di piede d’atleta Il piede d’atleta può essere ricorrente oppure manifestarsi con sintomi più gravi. In quest’ultimo caso, chiedete al medico se è opportuno provare una terapia più aggressiva.

Prevenzione

Tigna

Il contagio della tigna avviene di norma se si entra in contatto con un’altra persona infetta, quindi è importante non condividere pettini, spazzole, cuscini e cappelli con nessun altro.

Tigna dell’inguine

È possibile prevenire la tigna dell’inguine tenendo la zona inguinale pulita e asciutta, soprattutto dopo la doccia, dopo essere andati in piscina o aver svolto qualsiasi attività che implichi un’elevata sudorazione.

Piede d’atleta

Poiché il fungo che provoca il piede d’atleta prolifera nelle zone calde e umide, è possibile prevenire le infezioni tenendo puliti e asciutti i piedi e le zone tra le dita.

Il piede d’atleta è contagioso è può diffondersi nei luoghi umidi, come gli spogliatoi, le docce o le piscine, quindi è prudente prendere qualche precauzione aggiuntiva per evitarlo:

  • indossare calzature impermeabili o sandali di gomma quando utilizzano le docce condivise come quelle negli spogliatoi,
  • non indossare sempre le stesse scarpe o scarpe da ginnastica, per prevenire l’accumulo di umidità e la proliferazione dei funghi
  • evitare i calzini che impediscono la traspirazione o fanno sudare i piedi e scegliere invece quelli di cotone o di lana oppure quelli fatti di materiali che non fanno ristagnare l’umidità
  • scegliere scarpe da ginnastica che favoriscono la traspirazione e hanno dei forellini, per mantenere i piedi asciutti.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. paolo

    buongiorno dottore, da quest’estate ho un fastidioso prurito nella parte interna della pianta del piede…quella più morbiba per capirci meglio..
    il prurito prevalentemente sembra essere nel punto in cui fa la curva per salire sul fianco del piede….solitamente si fa sentire di più ala sera quando sono senza scarpe…non è fastidioso ed è più un leggero solletico che però se inizio a grattare aumenta.
    Facendo la doccia alla sera ho notato che in quel punto la pelle appare più secca e si notano alcune macchie grosse come monetine da 1cent sul fianco dove prude di più….ne avro 5-6 di queste.
    ho provato a fare tre volte un pediluvio con acqua e candeggina x disinfettare bene ma non è cambiato niente….potrebbe essere un problema di circolazione?
    grazie

  2. gialla

    salve dottore mi hanno consigliato di fare dei pediluvi nell’acqua e candeggina x delle infezioni fungine che mi si presentano tutte le estati….lei cosa ne pensa?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non vedo controindicazioni, ma non aspettiamoci miracoli.

  3. Marcolatino

    Buongiorno dottore
    ho un fungo nei due alluci sia destro che sx;
    ho provato creme e altre cose (non voglio prendere pastiglie) ma il fungo non sparisce e sono oramai due anni!
    non c’è un rimedio naturale? lei cosa consiglia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo di naturale nulla di efficace; come smalti cosa ha provato?

  4. Daniela

    Io ho avuto il piede d atleta, mi prudeva tra le dita causando delle ferite, ho risolto il problema:lavando bene i piedi e asciugando bene, e poi mettevo molto borotalco, sopratutto tra le dita. Penso che il borotalco uccide il fungo, che a lui piace l umidità….

  5. Anonimo

    Gentile dr ho una tigna sulla gamba da quasi un mese, sto utilizzando la crema trosyd ma non va via
    Cosa dovrei fare?

  6. Salvatore

    Buongiorno dottore da circa 10 giorni ho un po’ di prurito e rossore nella zona inguinale e nelle scotto! Ho cercato di risolvere il problema con il talco di fissan ma ogni volta che camminavo la zona inguinale si irritava e trasudava. Da circa 2 giorni sto applicando il canesten crema 2 volte al giorno e la situazione sembra essere migliorata! Cosa far per asciugare la zona il più rapidamente possibile? Usare un talco dopo le doccia! Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ci sono polveri antimicotiche che può valutare con il medico (mi dispiace, ma non posso consigliare farmaci).

  7. Marco

    Gentile dottore come distinguere una semplice irritazione da sudore che provoca parecchio fastidio da una micosi dovuta a qualche fungo?Grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Persistenza del problema, forma e posizione della manifestazione permettono in genere al medico di distinguere i due casi; per esempio le micosi sono spesso, ma non sempre, di forma tendente ad un cerchio.

  8. simona

    Bona sera dottore io cello i problemi con i piedi sa quando uso scarpe antifortunistica ho questi problemi ma prima no ormai sono 5 ani ho usato le creme per scrie dal la dottoressa ma ritornano sempre cosa devo fare?

  9. gerry

    b.giorno dottore. da tempo dal plantare del l piede tutte le sere noto una parte della pelle e come se fosse stata in ammolo, ed emana un odore sgradevole solo al mio piede sx. devo preouccuparmi ? grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente una piccola micosi, lo verifichi con il medico.

  10. Al Darr

    Buonasera dottore, da un po di mesi ho alla parte interna del piede una specie di cerchio infiammato che si sta espamdendo sempre di piu’.Quando gratto fa un sollievo assurdo ma poi sono dolori.Cosa potrebbe essere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Viene da pensare ad un fungo, ma senza vedere è quasi come tirare ad indovinare; raccomando di verificare con il medico (aspettare potrebbe essere controproducente).

  11. Mirko

    Salve Dottore, avendo ad entrambi i piedi l’alluce valgo per un breve periodo ho utilizzato dei separa dito in silicone, c’ho camminato e sudato per un paio di settimane; dopodiché, proprio con la stessa forma del separa dita, mi è venuto un rossore ad entrambi i piedi, prurito e screpolatura della pelle. Ho smesso di portarli, secondo lei dipende da quello? Potrei avere un fungo dovuto al sudore ristagnato dato che non sono traspiranti? Adesso sto mettendo una crema anti fungina ma ho appena cominciato e non vedo miglioramenti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Probabilmente sì.
      2. Da quanti giorni l’ha iniziata? Come si chiama?

    2. Mirko

      Buona sera, la crema si chiama “Lomexin 2%” ed ho iniziato ad usarla da 2 giorni. Volevo inoltre chiederle se ci sono dei rimedi naturali (ad esempio pediluvi) e se l’acqua del mare può peggiorare la situazione. Grazie

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È decisamente presto per vedere i risultati, ammesso e non concesso che la sua ipotesi sia corretta.
      Se vuole può associare dei pediluvi con il bicarbonato.
      Il bagno in mare può essere utile.

  12. Lucia

    Buongiorno dottore, sono alla 16 settimana di gravidanza, e ho delle macchie sulla pancia riconducibili alla mi cosi presa dai gatti. Può essere pericoloso per il bambino? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      No, ma ovviamente lo verifichi con il ginecologo.

  13. tigna

    Salve! Il mio vicino ha due cani con la tigna che non vuole in alcun modo curare. e uno di questi (cani) passa anche davanti casa mia sdraiandosi sulla strada o sui gradini. Mi chiedevo se, pur non toccandolo si rischia di portare a casa la malattia sotto le scarpe. Il problema è che io ho molti animali in casa e ho paura di contagiarli in questo modo! Mio padre andando dal medico si è ritrovato il piede d’atleta…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ritengo poco probabile un nesso con il piede d’atleta di suo padre, mentre ritengo non impossibile un contagio dei suoi cani.

    2. tigna

      Quindi, faccio un esempio: io ho i gatti che dormono dentro, io entrando con le stesse scarpe usate sulla strada in casa posso contagiarli?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non glielo do per certo, ma qualche dubbio mi viene; sentirei in proposito il veterinario.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Viene usato solo nei casi più severi e resistenti ad altri approcci.

  14. jennifer

    La tigna quando inizia ad essere meno contagiosa verso altre persone o animali una volta messa la pomata?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, quando inizia a regredire il rischio di contagio diminuisce.

  15. Sonia

    Buongiorno, ho avuto una micosi al piede vorrei sapere che accorgimenti devo prendere con le scarpe indossate mentre l’ avevo per non riprenderla? Devo disinfettare anche vestiti asciugamani ecc.? Grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, non dovrebbero esserci rischi, le comuni norme igieniche sono solitamente sufficienti.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.