Tigna e piede d’atleta: sintomi, cura e prevenzione

Ultimo Aggiornamento: 1801 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Praticando molto sport le docce nello spogliatoio e le pile di abiti sudati probabilmente fanno parte della vostra vita quotidiana, al pari del rischio di contrarre infezioni della pelle definite micosi.

La tigna dell’inguine, il piede d’atleta e la tigna tricofitica sono tre tipi comuni di micosi cutanee che insieme ad altre forme sono noti nel complesso come tigna; sono causate da funghi chiamati dermatofiti che vivono sulla pelle, nei capelli e nelle unghie e proliferano nelle zone calde e umide.

I sintomi di queste infezioni possono variare a seconda della parte del corpo in cui compaiono. Il fungo può trovarsi nel terreno, su un animale (più di frequente un cane, un gatto o un roditore) o, nella maggior parte dei casi, su un’altra persona. I traumi della pelle di lieve entità (come i graffi) e la scarsa igiene della pelle aumentano la possibilità di contrarre l’infezione.

È importante insegnare ai bambini a prendere precauzioni contro le micosi cutanee, che possono causare prurito e forte disagio. Lla maggior parte delle infezioni possono essere curate con medicinali da banco, ma per alcune forme potrebbe rivelarsi necessaria una terapia medica.

Tigna

La tigna è una micosi del cuoio capelluto o della pelle: può produrre dei piccoli anelli oppure una serie di anelli concentrici sulla pelle.

Tigna dell’inguine

La tigna dell’inguine si chiama così perché è un’infezione dell’inguine e della parte superiore delle cosce: è una malattia piuttosto comune tra chi pratica sport e quindi suda molto. In realtà il fungo che provoca quest’infezione può proliferare sulla pelle di qualsiasi persona che si espone per molto tempo al calore e all’umidità, indossa abiti stretti come i costumi da bagno che causano attrito sulla pelle, condivide gli asciugamani e gli abiti con qualcun altro e non si asciuga completamente. Se non curata opportunamente, l’infezione può durare per settimane o mesi.

Piede d’atleta

Il piede d’atleta di solito colpisce la pianta dei piedi, le zone tra le dita e, a volte, le unghie dei piedi. Se vostro figlio tocca il piede infetto e poi tocca un’altra parte del corpo, può anche diffondersi verso i palmi delle mani, la zona inguinale o le ascelle. Il piede d’atleta si chiama così perché di solito colpisce i piedi soggetti a maggior sudorazione e traspirazione, come spesso capita nel caso degli atleti.

Foto

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Ringworm_on_the_arm,_or_tinea_corporis_due_to_Trichophyton_mentagrophytes_PHIL_2938_lores.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Ringworm_on_the_arm,_or_tinea_corporis_due_to_Trichophyton_mentagrophytes_PHIL_2938_lores.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/File:4809_lores.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/File:4809_lores.jpg

http://nl.wikipedia.org/wiki/Bestand:Intertrigo-1.jpg

http://nl.wikipedia.org/wiki/Bestand:Intertrigo-1.jpg

Sintomi

Tigna

La tigna si manifesta all’inizio come un piccola piaghetta che assomiglia a una pustola e in un secondo momento può dare origine a chiazze, scaglie o squame. Le scaglie potrebbero essere scambiate per forfora. Come possibile conseguenza di questa micosi, i capelli cadono o si spezzano facilmente. La tigna può anche causare gonfiore, fragilità e rossore nel cuoio capelluto.

A volte, può presentarsi una piccola escrescenza gonfia e infiammata, nota come kerion, che trasuda liquido. Questi sintomi possono essere scambiati per impetigine o cellulite. Le caratteristiche distintive della tigna sono il prurito, il rossore della pelle e una lesione circolare e a chiazze che si diffonde verso l’esterno ed è più chiara nella zona centrale.

La tigna delle unghie può colpire una o più unghie delle mani o dei piedi. Le unghie possono diventare più spesse, bianche o giallastre e fragili.

Tigna dell’inguine

Tra i sintomi della tigna dell’inguine possiamo trovare:

  • prurito, irritazione o bruciore nella zona inguinale, nelle cosce o nella zona anale,
  • rossore nella zona inguinale, nelle cosce o nell’area anale,
  • pelle che si squama, che si spella o si screpola.

Piede d’atleta

I sintomi del piede d’atleta possono comprendere:

  • prurito, bruciore, rossore e dolore pungente alle piante dei piedi.
  • La pelle può squamarsi, spellare, presentare vesciche o screpolature.

Trasmissione

La trasmissione di questi funghi avviene di norma per contatto con persone o superfici infette.

Cura e terapia

Tigna

La cura e la diagnosi della tigna sono abbastanza facili. Il più delle volte il dottore può diagnosticarla semplicemente guardando il paziente oppure grattando via un piccolo campione (una scaglia) di pelle infetta per controllare che il fungo sia effettivamente presente. Il medico può consigliare una crema antifungina per la tigna della pelle oppure un farmaco da assumere per via orale nel caso della tigna tricofitica e delle unghie.

Tigna dell’inguine

La tigna dell’inguine di solito può essere curata con creme e spray antimicotici senza obbligo di ricetta. In associazione a questo è importante:

  • lavare e asciugare la zona colpita con un asciugamano pulito,
  • applicare la crema, la polvere o lo spray antimicotico seguendo le indicazioni presenti nella confezione,
  • cambiarsi d’abito (specialmente la biancheria intima) ogni giorno,
  • continuare la cura per due settimane, anche se i sintomi spariscono, per evitare che l’infezione diventi ricorrente.

Se la crema o lo spray non è efficace, rivolgetevi al medico, che potrà prescrivervi una cura diversa.

Piede d’atleta

Il medico spesso può diagnosticare il piede d’atleta semplicemente esaminando il piede oppure prendendo un piccolo campione di pelle infetta per evidenziare la presenza del fungo che provoca l’infezione.

Le creme e gli spray antifungini senza obbligo di ricetta possono rivelarsi efficaci entro poche settimane nella cura dei casi meno gravi di piede d’atleta Il piede d’atleta può essere ricorrente oppure manifestarsi con sintomi più gravi. In quest’ultimo caso, chiedete al medico se è opportuno provare una terapia più aggressiva.

Prevenzione

Tigna

Il contagio della tigna avviene di norma se si entra in contatto con un’altra persona infetta, quindi è importante non condividere pettini, spazzole, cuscini e cappelli con nessun altro.

Tigna dell’inguine

È possibile prevenire la tigna dell’inguine tenendo la zona inguinale pulita e asciutta, soprattutto dopo la doccia, dopo essere andati in piscina o aver svolto qualsiasi attività che implichi un’elevata sudorazione.

Piede d’atleta

Poiché il fungo che provoca il piede d’atleta prolifera nelle zone calde e umide, è possibile prevenire le infezioni tenendo puliti e asciutti i piedi e le zone tra le dita.

Il piede d’atleta è contagioso è può diffondersi nei luoghi umidi, come gli spogliatoi, le docce o le piscine, quindi è prudente prendere qualche precauzione aggiuntiva per evitarlo:

  • indossare calzature impermeabili o sandali di gomma quando utilizzano le docce condivise come quelle negli spogliatoi,
  • non indossare sempre le stesse scarpe o scarpe da ginnastica, per prevenire l’accumulo di umidità e la proliferazione dei funghi
  • evitare i calzini che impediscono la traspirazione o fanno sudare i piedi e scegliere invece quelli di cotone o di lana oppure quelli fatti di materiali che non fanno ristagnare l’umidità
  • scegliere scarpe da ginnastica che favoriscono la traspirazione e hanno dei forellini, per mantenere i piedi asciutti.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. paolo

    buongiorno dottore, da quest’estate ho un fastidioso prurito nella parte interna della pianta del piede…quella più morbiba per capirci meglio..
    il prurito prevalentemente sembra essere nel punto in cui fa la curva per salire sul fianco del piede….solitamente si fa sentire di più ala sera quando sono senza scarpe…non è fastidioso ed è più un leggero solletico che però se inizio a grattare aumenta.
    Facendo la doccia alla sera ho notato che in quel punto la pelle appare più secca e si notano alcune macchie grosse come monetine da 1cent sul fianco dove prude di più….ne avro 5-6 di queste.
    ho provato a fare tre volte un pediluvio con acqua e candeggina x disinfettare bene ma non è cambiato niente….potrebbe essere un problema di circolazione?
    grazie

  2. gialla

    salve dottore mi hanno consigliato di fare dei pediluvi nell’acqua e candeggina x delle infezioni fungine che mi si presentano tutte le estati….lei cosa ne pensa?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non vedo controindicazioni, ma non aspettiamoci miracoli.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.