Tenia o verme solitario: sintomi, prevenzione e cura

Ultimo Aggiornamento: 1460 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La tenia (Taenia) è un verme piatto parassita, di aspetto nastriforme, in grado di vivere anche nell’intestino umano; i vermi comunemente identificati come tenia (od anche verme solitario) sono in realtà appartenenti a diverse specie:

Tenia adulta (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Taenia_saginata_adult_5260_lores.jpg)

Verme solitario e ciclo vitale

I parassiti adulti sono vermi nastriformi, piatti, segmentati ed ermafroditi appartenenti alla famiglia dei platelminti.

La loro lunghezza varia generalmente dai 5 ai 10 metri e sono costituiti dallo scolice, dal collo e da segmenti non maturi, in fase di maturazione e maturi in successione lineare.

Le proprietà che caratterizzano il parassita adulto dal punto di vista morfologico e fisiologico rispecchiano il fatto che, da un lato, la tenia è straordinariamente specializzata per sopravvivere nell’intestino dei vertebrati e, dall’altro lato, ha considerevoli capacità riproduttive, rese possibili dalle unità sessuali multiple, i segmenti o proglottidi. La specie riesce così a far fronte all’enorme tasso di perdita di segmenti o uova che vengono espulsi con le feci, e dalla probabilità piuttosto remota che l’uovo riesca a raggiungere l’ospite intermedio e quindi si trasferisca all’interno di un altro essere umano.

La parte terminale del parassita (una frazione variabile dalla metà a un terzo) è costituita da segmenti in fase riproduttiva, che al loro interno ospitano le uova: sono fatti di tessuto muscolare e si muovono esattamente come i millepiedi, quindi possono raggiungere lo sfintere anale ed essere espulsi nell’ambiente. In questo modo sono in grado di infettare gli ospiti intermedi erbivori.

La ciste larvale della tenia, detta cisticerco, è una ciste a contenuto liquido, delle dimensioni di un pisello, che si insedia nei muscoli dell’ospite intermedio. All’interno della ciste c’è un scolice invertito, formato da una porzione germinativa della parete interna della cisti.

Ciclo vitale

La figura illustra il ciclo vitale della Taenia saginata. I segmenti in fase riproduttiva si staccano dal parassita che vive nell’intestino e giungono al suolo, mescolati con le feci oppure muovendosi autonomamente, dove si staccano dal materiale fecale e aderiscono all’erba. Se ingeriti da un ospite intermedio di razza bovina (mucca), si aprono durante la digestione e ognuno di essi produce dalle 50.000 alle 100.000 uova. Le uova si schiudono e ciascuna di esse produce una larva esacanta (oncosfera) con sei uncini, che penetra all’interno delle pareti intestinali e raggiunge i muscoli grazie alla circolazione sanguigna.

Qui l’oncosfera si riempie di liquidi e si trasforma nel cisticerco, delle dimensioni di 8 mm. Se un essere umano mangia carne bovina infetta cruda o non ben cotta, il cisticerco viene digerito, si apre e inverte lo scolice, che si attacca alle pareti dell’intestino tenue e inizia a produrre la lunga catena di segmenti. Dopo circa tre mesi il parassita avrà già raggiunto i 4, 5 metri di lunghezza e i segmenti in fase riproduttiva inizieranno a essere espulsi. Il verme è estremamente longevo: può sopravvivere anche per 5, 20 anni o più.

Sintomi

I sintomi dell’infezione da Taenia si limitano a:

  • episodi di nausea o vomito,
  • diminuzione dell’appetito,
  • dolore epigastrico o ombelicale,
  • diarrea,
  • stitichezza,
  • dimagrimento.

È anche possibile rilevare un’eosinofilia (quantità di eosinofili nel sangue) moderata. Una manifestazione piuttosto allarmante e imbarazzante della presenza della tenia è la fuoriuscita dei segmenti del parassita in grado di muoversi dall’ano.

In rari casi può verificarsi anche la perforazione intestinale.

Trasmissione

La tenia, il più frequente dei parassiti platelminti dell’essere umano, viene trasmesso sottoforma di cisticerchi ai bovini: è possibile vedere che il bovino è infetto perché la sua carne presenta piccole macchie caratteristiche. La carne bovina non ben cotta, affumicata od in salamoia può essere infetta, ma il meccanismo di trasmissione più frequente dell’infezione è la carne cruda (carne alla zingara o tritata), come testimonia la frequenza della teniasi nei paesi come l’Etiopia e l’Argentina, dove la carne cruda o non ben cotta è un alimento molto comune.

I parassiti adulti possono crescere di 15-30 centimetri al giorno nell’intestino umano e sono in grado di produrre dieci segmenti al giorno, che possono rilasciare fino a un milione di uova nell’ambiente per tutto il ciclo vitale del parassita. Le uova possono anche essere presenti nei campi irrigati o fertilizzati con liquami di origine umana.

Pericoli

Il contatto tra il parassita adulto e il tessuto epiteliale dell’uomo è limitato, quindi la tenia scatena poche reazioni infiammatorie, allergiche, cellulo-mediate od umorali. L’azione di succhiamento dello scolice sembra avere effetti immunogenici relativamente limitati. La lunghezza del ciclo vitale del parassita sembrerebbe indicare l’assenza di un meccanismo inibitore efficace.

Sono stati riferiti rari casi di ostruzione intestinale o di perforazione, ma l’infezione di solito non ha conseguenze gravi: tuttavia lo stress psicologico dovuto all’espulsione di segmenti mobili può essere molto intenso.

Diagnosi

La presenza del parassita adulto viene diagnosticata grazie alla presenza dei segmenti nelle feci. Le diverse specie di tenia possono essere identificate solo grazie ai segmenti, perché le uova sono identiche. L’utero della Taenia saginata di solito forma da 12 a 20 diramazioni su ogni lato del segmento uterino principale, mentre il segmento della Taenia solium presenta da 7 a 10 rami ed è più piccolo e relativamente più largo.

Cura e terapia

La terapia in caso di infezione intestinale di parassiti adulti è semplice. La niclosamide (Yomesan®) è un farmaco non assorbito dall’intestino umano che, entrando in contatto con lo scolice e i segmenti anteriori del verme solitario, li uccide, provocando l’espulsione del parassita.

Il praziquantel, un derivato di sintesi dell’isochinolina-pirazina, è un composto ugualmente efficace contro il parassita e relativamente poco tossico. Lo scolice viene ucciso nella maggior parte dei casi, ma alcune volte riesce a sopravvivere: un nuovo parassita può rigenerarsi se lo scolice e una minima parte del collo sopravvivono, quindi il paziente deve rimanere sotto osservazione per alcuni mesi, perché i segmenti in grado di riprodursi possono comparire di nuovo dopo dieci, dodici settimane.

Questi ed altri medicinali vengono impiegati spesso in associazione a lassativi, per favorire la naturale eliminazione del parassita e delle uova. Qualora tali farmaci non fossero sufficienti si può ricorrere ad un piccolo intervento chirurgico.

Prevenzione

Il controllo della carne per evidenziare la presenza dei cisticerchi è la miglior misura preventiva possibile. Nelle aree endemiche la carne deve essere sempre consumata ben cotta e deve raggiungere una temperatura di almeno 56 °C in tutte le sue parti. Può essere difficile realizzare una cottura del genere nel caso di tagli grandi di carne grassa, in particolare di maiale. Il congelamento a -10 °C per dieci giorni di solito neutralizza i cisticerchi, che però sono in grado di sopravvivere anche per settanta giorni a una temperatura di zero gradi.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. GLORIA

    BUONASERA DOTTORE! UN MIO PARENTE MI A DETTO CHE HA!ESPULSO IL VERME SOLITARIO DALLA BOCCA!!!PUÖ ESSERE VERO? O MI A DETTO UNA BUGIA? A DETTO CHE ERA LUNGO 50 CM DISTINTI SALUTI

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Vivendo nell’intestino non credo che sia possibile.

    2. sonia..

      Mia zia l ha espulso dalla bocca…posso confermarlo….la cura??? Una tazza di latte bollente di cui loro sono ghiotti…si esala il vapore con la bocca aperta…e dopo un po ha cominciato ad avere i conati di vomito ed ecco che sono usciti 4 vermicelli…

  2. lello

    Salve
    Credo di averlo avuto da piccolo nel mío paese,e da piu de 10 anni che vivo qua,e non ho avuto piú sintomi,saró guarito?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono un po’ dubbioso sul fatto che l’abbia avuto, ma se attualmente non ha sintomi può ragionevolmente stare tranquillo.

  3. Anonimo

    buongiorno dottore dopo quanto iniziano a sentirsi i sintomi della presenza del verme dopo la sua crescita? la ringrazio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dipende dai casi e dalle sensibilità individuali.

  4. Sonu

    dott dopo aver mangiato me fa unpoo de bolle in pancia no iin stomaco puo essere questo ma se sto in piedi sto bene ma quando sto al letto fa unpo de bolle anke quando sto a sede? può essere il verme?

  5. Sonu

    Si ma anche se mangio bene perchè me prende fame,di corpo vado male pure

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Come le ho detto è necessario un parere di un gastroenterologo.

  6. Simone

    qualche giorno fa mi è venuta la nausea e da allora non è più passata. Mi è già successo in Agosto ed è durata circa un mese, poi è sparita inspiegabilmente. Quel periodo è stato un inferno, la nausea era fortissima e non riuscivo a fare nulla. La maggior parte del tempo la passavo a letto. Alcune volte, quando la nausea era insopportabile dormivo circa 20 ore al giorno e i pochi momenti che stavo sveglio avevo brividi alternati a vampate di calore. I dottori non hanno saputo dire nulla. Ora ho paura che mi stia ritornando può essere il verme?

    1. Erika

      Salve, anche io sto avendo più o meno lo stesso probema.
      sono due giorni che ho nausea e ogni 2 ore mi viene mal di stomaco come se avessi sempre fame anche se in realta nn ho fame.
      Può essere questo verme ??
      grazie mille.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dopo due giorni viene da pensare ad una sindrome parainfluenzale.

    3. Erika

      Grazie per la risposta Dottore spero sia quello anche perchè i crampi allo stomaco li ho comunque anche quando mangio e dopo mangiato e a volte in passato mi è capitato di trovare delle specie di fili nelle feci soprattutto quando capitavano episodi di stipsi, spero non c’entri nulla.

  7. Anna

    SALVE DOTTORE, vorrei sapere se è possibile sentire muovere il verme solitario, ho dei sintomi che penso non siano riconducibili al verme, sono dimagrita 3 kg in una settimana, sono abbastanza magra e da due settimane ho una pancia molto gonfia, 6 gg fa ho avuto una scarica di diarrea gialle/verde senza dolori addominali, e mentre ero in bagno forte voglia di vomitare, ma mai episodi di vomito, sento dei movimenti intestinali ma non so se possa essere aria nello stomaco o altro. La mia domanda e’ il verme solitario si può sentirsi muovere nell intestino.
    Grazie Anna.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sinceramente non credo che lo possa avvertire muoversi, ma il dimagrimento va assolutamente approfondito con il medico.

  8. Giuditta

    Dopo aver dato una lunghissima tenia da l ano ora continua la cura con vermox

  9. lena

    Salve Dottore. Nel suo articolo ha parlato solo di carne ma, è possibile che il parassita possa essere preso attraverso la verdura cruda non lavata bene?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La tenia non mi risulta, mentre possono essere contratti altri parassiti intestinali.

  10. Aurora

    è possibile che dopo vari cicli di combantrin ho ancora proglottidi di tenia nelle feci? ……non dovrebbe non esserci più nulla???….meglio il vermox il combantrin o lo yomesan???….grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Purtroppo è possibile.
      2. Quello che funziona, nel senso che se con uno non ha risolto provi a cambiare.

  11. Aurora

    Ma secondo suo parere professionale quale farmaco è più indicato fra i tre?

  12. anna

    Buongiorno dottore io ho un problema da 17 anni io mangio ma mi sento lo stomaco sempre vuoto e dimagrisco sempre di piu cosa posso fare dammi un consiglio grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La tiroide è già stata verificata?
      Problemi intestinali?

  13. Mattia

    Buongiorno, ho avuto la diarrea da inizio maggio, fino a fine maggio, ora da 4 giorni non c’è l’ho più, ma ora ho un pò di gonfiore nella pancia, il peso rimane l’ho stesso, a volte sento dei rumori molto strani nell’intestino, solo una volta ho visto un pezzo bianco nelle feci, premetto che 2, 3 giorni prima dell’inizio della diarrea ho mangiato in una torta salata pochissima pancetta, da 3,4 giorni vado poco in bagno e quando rido sento abbastanza dolore addominale, questo da 2 giorni. Mercoled devo fare un esame alla tiroide. Può essere il verme? E se non si combatte con mrdicinale o operazioni chirurgiche può uscire dall’ano? Se si dopo quanto tempo può uscire? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ritengo che possa essere una tenia, ma se ricomparisse diarrea si potrebbe verificare; il medico cosa ne pensa?

    2. Anonimo

      La dottoressa non ha nemmeno accennato la tenia, mi ha detto che non è niente di cui preoccuparsi e che è solo un pò di gastroenterite… ho preso dei fermenti lattici e una medicina per la gastroenterite e infatti adesso non ho più diarrea..

  14. Seba

    Dottore io i non ho i sintomi che lei ha elencato ma ogni volta che vado al bagno faccio sempre delle palle a volte mi sento a disagio dalla parte dell’intestino. Secondo lei può essere la tenia?
    Grazie.

  15. filippo

    Dottore senta mio figlio ha 17 mesi e mia moglie mentre cambiava il pannolino ha visto un vermetto bianco che si muoveva il bambino nn prende peso e volevo sapere se puo aver preso i vermi pure mia moglie e se si puo prendere questo verme mentre si hanno rapporti sessuali?mi faccia sapere al piu’presto grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il contagio in famiglia è abbastanza comune, indipendentemente dai rapporti.

  16. filippo

    Ma con i rapporti sessuali la percentuale di contagio aumenta?o e’ uguale?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è una valutazione che si fa di solito, ma per ragionamento direi rischio soprattutto per rapporti orali (lei a sua moglie).

  17. valerio

    salve dottore, da circa un mese ho problemi intestinali che non accennano molto a guarire, ho spesso la nausea e di cobseguenza inapettenza e vado spesso in diarrea! mi sento debole e ho perso molto peso.. ho avuto una visita con un gastroenterologo pochi giorni fa, e mi ha prescritto una cura a base di antibiotici, probiotici e inbitori di pompa, ma dopo due giorni ancora non vedo miglioramenti! controllo spesso le feci ma non noto nessun filamento o cose strane. Secondo lei potrei avere una tenia? grazie in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Due giorni è davvero troppo presto per giudicare.

    2. valerio

      due giorni, ma va avanti da un mese! in precedenza avevo già preso fermenti lattici per due settimane mangiando in bianco come tutt’ora! poi sono anche celiaco, e sto molto attento a cosa mangio! Non capisco..

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Dalla prescrizione lo specialista ha diagnosticato un’infezione, dal momento in cui inizia l’antibiotico serve un po’ di pazienza.

    4. nik

      salve dottore..sono un ragazzo di 23 anni, sono alto più o meno 185cm e peso attorno ai 60/63 kg, mangio molto, ma davvero molto e faccio abbastanza attività fisica, ma non vado su di peso….e gia da tanti anni che ho questa condizione fisica che io ricordi.
      di solito vado di corpo all’incirca 1 volta per settimana, a volte anche quasi ogni 2 settimane, ma sto benissimo, non ho dolori addominale ne niente…e cosi!
      potrei avere contratto la tentia un paio di anni fa ed e per tale motivo che sono in una condizione fisica cosi sottopeso?
      grazie mille in anticipo

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Poco probabile; la tiroide è già stata verificata?

  18. silvia

    Dottore premetto che andro da pediatra, ma volevo comunque un parere mia figlia di 3 anni e mezzo stamane ha fatto delle feci con piccoli frammenti bianchi, sembrava qualcuno ci avesse sparso del parmigiano, ha un po di tosse ma non secca e non ha febbre potrebbe essere tenia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Forse ha ragione a pensare a parassiti, ma penso più a ossiuri.

  19. Francesca

    Buongiorno dott, 3 sere fa ho mangiato delle polpette di macinato di carne bovina e suina, tolte dal fuoco e avendo visto che all interno erano ancora al sangue le ho rimesse sul fuoco e tolte non erano nemmeno rosa ma ben cotte alla vista; oggi avverto dolore al basso ventre, ho fatto diverse volte le feci ( non diarrea) e avverto dei rumori dallo stomaco!!! Avverto che soffro di gastrite e colite, stamattina e ieri sera ho bevuto caffè che evito di bere e sono molto stressata da qualche giorno! A cosa posso attribuirlo! Scusi ma sono un po ipocondriaca ! Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente solo un po’ di stress, ma se persistessero i fastidi lo segnali al medico.

  20. ANNA NAPOLI

    Gentilissimo dottore, ieri sera dopo essere andato in bagno, lavandomi ho notato qualcosa che pendolava dall’ano. ho iniziato a tirarlo fuori ed e’ uscito come un filamento come di verdura di circa 10, 12 cm avendolo fra le mani ,ho cercato di spezzarlo,ma non ci sono riuscita,se e’ una tenia morta non si spezza? la ringrazio x una sua risposta

  21. Adriano

    sera dotire io oquesto problema i mieisintmi sono mal ditesta plurito nel ano in feriore poi sonolenza poi non o fame

  22. Adriano

    Buona sera DOTIRE mi puo dare, un conziglio o questi sintomi
    1 dolore nel colo parte sinistra
    2 bracio sinistro
    3 al torace sinistro
    4 nervosismo capogiri di testa
    5gli analisi sono usciti un po cosi cosi
    6 e misento senpre molto stresato

  23. Adriano

    Quando avevo 12 ani o vomitato un verme di circa 20 centimetri
    Adeso io o questi sintomi
    1 DOLORE Adominale
    2 O delle palpitazioni del cuore ongi tantto
    3 Dolore ne cervello e anche capogiri di testa,
    4 moltto nervoso non miriesco a controlare
    5 Dlore colo sinistro e nello steso tenpo ariva alatestta e nl bracio sinistro
    6 e miesce il colisterolo altto e anche anemia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sembrano ansia e stress, ma potrebbe esserci un problema di gastrite; il medico cosa ne pensa?

  24. simone

    buon giorno.. i miei cani (3 amstaff) hanno avuto la tenia… il vet ha fatto il esame feci.. e poi mi ha datto delle pastiglie antiparasitari… questo gia un mese fa….ma ad oggi continuo ad trovare i chicchi di riso nelle loro feci.. La mia domanda e: puo essere colpa delle crochette che mangiano? Possono essere le crocchette infestate da questo parasita? pensavo magari non sonno cotte abbastanza.. e magari la carne e infestata… scusate l’ignoranza, ma visto che gli ho sverminati 2 volt, e pulito tutta la terazza con canna del aqua e candegina.. 2 volte al gg.. non so piu cosa fare..di pulci non ne hanno…0 proprio.grazie mile e spero che lei mi risponda.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ritengo pressochè impossibile che la causa siano le crocchette; mi perdoni la domanda, ma avendo io stesso un Amstaff con comportamenti poco simpatici… Nei giorni di trattamento riesce a far sparire immediatamente le feci dei cani?

  25. simone

    ciao. grazie per la risposta.. mi era venuto questo dubbio delle crocchette perche nello stesso periodo che abbiamo scoperto la tenia, avevamo cambiato le crocchette.. siamo passati a farmina. Pero magari e solo una coincidenza.. comunque con ”comportamenti poco simpatici” intendi la caprofagia? si anche i miei hanno questo abbitudine, lo facevano da cuccioli o lo fanno ancora… abbiamo provato il forbid, che ci ha consigliato il vet, ma non ha funzionato.. sembrava che funzionasse i primi gg poi appena finiva la scatola, (che e veramente piccola e basta pochi giorni, e costa un occhio dalla testa) ricominciavano…. Mia moglie essendo casalinga gli tiene d’occhio.. e pulisce spesso… appena lo si fa si tira su… pero altro rimedio per adesso non ho trovato…ps: avendo una bimba di 16 mesi, consigli un esame delle feci? puo averla contagiata? e che lei spesso toca i cani, loro vivono sia dentro che fuori. sai magari tocando per tera con le manine, poi in bocca e cosi via.. ho paura …

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Un contagio della piccola è possibile, ma non così scontato.

      Per quanto riguarda i cani in casi a questo punto sono due, o il farmaco non ha fatto effetto, oppure c’è un continuo ri-contagio; propendo per il primo caso se li ha trattai contemporaneamente, ma non posso darle la certezza.

  26. F

    Salve dottore, dunque a quanto ho capito è possibile che un cane con tenia possa contagiare un uomo? Come è possibile? Sono un pò pensierosa ultimamente, perché al cane di mia sorella è stata trovata la tenia e io ultimamente vedo, non sempre, dei pezzetti bianchi nelle mie feci, ma non ho perso peso (sono abbastanza magra, ma credo che sia equilibrato come peso), ne appetito…tra l’altro soffro spesso di bruciore di stomaco/ possibile reflusso…la ringrazio anticipatamente della risposta

    1. Anonimo

      Si vive in casa…comunque ho anche la pancia gonfia, ma non sono proprio preoccupata perché il mio stomaco è quasi sempre sottosopra perché sono ansiosa

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Premesso che ritengo poco probabile un contagio, questo può avvenire per esempio portando le mani alla bocca senza essersele lavate dopo aver giocato con il cane.

    3. Anonimo

      Addirittura anche così…beh non sono certa al 100%, ma solitamente le mani me le lavo subito…non mi rimane che controllarmi le feci piu spesso e sperare che quelle poche volte che non ho lavato le mani subito, magari senza volerlo le abbia messe in bocca. Grazie mille.comunque

  27. patich

    Buona sera dottore io mangio e mangio ma nn ingrasso e quando vado al bagno nelle feci ci sono molti vermicelli ma sn piccolini e escono anke da soli nn solo tramite le feci devo andate in farmacia? Solo che essendo giovane e timido ho vergogna e sn anni che persiste sto problema cosa dovrei fare? O devo aspettare che escano da soli?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      È un problema banale, che può capitare a tutti, ma che deve essere risolto; ne parli con fiducia al suo medico, non c’è nulla di cui vergognarsi.

  28. Anonimo

    Gentile Dottore, sono un 30enne e vivo in Cina da circa 7 mesi, nei quali ho sempre mangiato in mense o ristoranti. Ora lo stomaco mi dice basta ed ho iniziato a cucinarmi da me. I sintomi che avverto sono: gonfiore addominale, irregolarità, diarrea alternata a stitichezza, feci sempre e comunque liquide, colore vario (a volte gialle, marroni, nere), nessuna traccia di sangue. Questi sintomi ormai li ho da oltre un mese. Due giorni fa ho avuto febbre a 38.4 per un giorno e forte debolezza fisica (io ho associato la febbre al forte sbalzo termico fra l’esterno e l’interno, fuori 40 gradi e dentro 20 con aria condizionata al massimo). Qual è la sua diagnosi? vermi, gastrointerite … ? grazie mille per la sua disponibilità ed il servizio che rende. Cordialmente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Da quanto cucina da solo? Cosa mangia? Oggi ha ancora febbre?

    2. Anonimo

      la febbre per fortuna è durata solo 24 ore, il giorno dopo ho continuato ad avere dolori e gonfiore alle ghiandole lungo il collo e alle orecchie. Oggi mi sento decisamente meglio.
      Ho iniziato a cucinarmi da solo (da una settimana): pasta al tonno, qualche salsa di pomodoro d’importazione, carne, uso poco olio e d’oliva, verdure di stagione. Evito di mangiare fuori.
      Non ho avuto un calo di peso nell’ultimo mese, e non ho attacchi di fame improvvisi.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      La febbre non credo che fosse legata al cibo, ma insista con un’alimentazione più leggera e se possibile abbini fermenti lattici; se non migliorasse la situazione entro qualche giorno senta un medico.

  29. Fede

    Gentile dottore ,
    Ultimamente soffro di dolori nella parte alta della pancia ,inoltre il mio andare in bagno non é regolare.
    All’inizio ho pensato che potesse essere l’ eccessivo quantitativo di dolci ,ma non sono piú di un gelato e un cornetto al giorno .Il mio peso umenta si mantiene sulle 52/53per 1.70.Oggi ho notato una presenza di qualcosa di bianco attaccata alle feci di un paio di centimetri .puó essere qualcosa relativa ad un verme?non si muoveva peró o era muco .come consistenza sembrava uguale alle feci.
    Grazie anticipatamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Possibile, ma probabilmente era solo muco; nel dubbio valuti un esame delle feci con il suo medico.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.