Tendinite e borsite: sintomi, cause e cura

Ultimo Aggiornamento: 48 giorni

Introduzione

Il dolore provocato dalla tendinite o dalla borsite, che di solito colpisce la spalla, il gomito, il polso, il femore, il ginocchio o la caviglia può essere anche abbastanza intenso: si manifesta all’improvviso e di solito peggiora col movimento. L’infiammazione dei tendini, costituiti da tessuto molle, e delle borse, che si trovano vicino alle articolazioni, spesso possono essere scambiate per artrite. Tuttavia, anche se in alcuni casi possono ricorrere o cronicizzarsi, di solito sono disturbi temporanei, soprattutto se sono individuati e curati per tempo.

Riassumendo:

  • La tendinite e la borsite sono infiammazioni dei tessuti molli che circondano i muscoli e le ossa della spalla, del gomito, del polso, del bacino, del ginocchio o della caviglia.
  • Il dolore provocato dalla borsite o dalla tendinite può essere molto forte e deve essere curato con tempestività.
  • Se non si mette a riposo l’arto o l’articolazione dolorante, almeno temporaneamente, il problema potrebbe cronicizzarsi.

Tendinite

La tendinite è l’infiammazione dei tendini, le strutture fibrose che si trovano in prossimità del raccordo tra il muscolo e l’osso. I tendini sono più fibrosi e densi rispetto ai muscoli, che invece sono più morbidi ed elastici, e trasmettono la spinta del muscolo all’osso, permettendo così il movimento. L’infiammazione dei tendini comporta un aumento del flusso sanguigno diretto verso la loro zona, gonfiore, dolore e diminuzione della funzionalità.

Borsite

La borsite è l’infiammazione di una borsa, cioè del piccolo cuscinetto che attutisce gli urti tra due strutture che si muovono (ossa, muscoli, tendini o pelle). Se un muscolo o un tendine tende a fuoriuscire dalla sua zona, o preme contro un osso, le borse servono per proteggerlo dal logoramento e dal sovraccarico. L’irritazione o l’infiammazione delle borse è detta borsite (il suffisso “ite” indica appunto che si tratta di un’infiammazione).

Cause

La tendinite può essere causata da un trauma improvviso, ma nella maggior parte dei casi è la conseguenza di una serie di microtraumi provocati da movimenti ripetuti. Ad esempio un uomo sedentario di mezza età che passa un pomeriggio a pitturare i soffitti di casa può iniziare a soffrire di tendinite o borsite alla spalla. Chi invece trascorre molto tempo davanti a una tastiera con le mani e i polsi non ben posizionati può iniziare a soffrire di tendinite al polso. Le prime partite di tennis della stagione e i primi colpi di rovescio possono causare uno sforzo del tendine della parte esterna del gomito. La borsite al ginocchio può colpire se si sta per lungo tempo in ginocchio su una superficie dura. In altri casi l’infezione può colpire la guaina della borsa o del tendine. I cristalli, associati alla gotta, possono formarsi all’interno delle borse e, esattamente come le infezioni, possono presentarsi anche in assenza di eventi scatenanti.

La tendinite e la borsite possono verificarsi nei pazienti affetti da: artrite reumatoide, gotta, artrite psoriasica, disturbi della tiroide e diabete.

Sintomi

Il sintomo che caratterizza la tendinite è il dolore, ovviamente nella zona in cui si trova il tendine o la borsa infiammata nel caso di borsite. Questa sensazione di dolore aumenta, o addirittura compare esclusivamente a seguito di pressione esercitata nell’area interessata, oppure durante movimenti effettuati attraverso l’uso del tendine stesso. E’ frequente rilevare un calo della forza muscolare causata dalla lesione.

La rottura del tendine, sia completa che parziale, provoca un dolore acuto ed improvviso a seguito di un particolare movimento. A seguito dell’attività fisica è possibile che il dolore tenda ad attenuarsi a seguito del riscaldamento, per poi ricomparire al termine dell’esercizio.

Pericoli

Per conservare la mobilità è fondamentale completare tutto il programma di esercizi consigliati, soprattutto quelli per l’articolazione della spalla, perché la tendinite o la borsite della spalla in molti casi si trasformano in un problema grave che non permette più di muovere l’articolazione.

Diagnosi

Per diagnosticare tendinite e borsite il medico deve procedure all’anamnesi (analisi del passato del paziente) e a una visita approfondita.

Durante la visita spesso si evidenzia dolore nella zona in cui è presente il tendine, dolore che aumenta quando il muscolo a cui è attaccato il tendine lavora sotto resistenza.

Le radiografie non mostrano direttamente le borse o i tendini, però possono essere utili per escludere problemi alle ossa o alle articolazioni. Gli esami del sangue non hanno alcuna utilità per questa diagnosi e infatti non vengono usati. La risonanza magnetica e le ecografie invece potrebbero essere utili, ma in genere non sono necessarie né consigliate.

In molti casi, le radiografie alla spalla rivelano la presenza di calcificazioni all’interno della guaina tendinea o intorno all’articolazione tendinea. La tendinite della spalla può quasi sempre essere risolta senza doversi preoccupare dei depositi di calcio. Molti pazienti infatti presentano calcificazioni nella spalla che rimangono asintomatiche.

Cura e terapia

La terapia di questi due disturbi varia a seconda della causa che li provoca. Se la causa è il sovraccarico od un trauma, è fondamentale ridurre la fonte dello stress e la pressione sul tendine o sulla borsa. Ad esempio, se si lavora al computer, occorre assumere una postura corretta e mantenerla per non affaticare il polso. Se il problema è a carico del bacino, è utile non fare sforzi e cercare di risolverlo prima di riprendere l’esercizio fisico.

In generale:

  • Mettete a riposo il tendine: non fate sforzi ed evitate i traumi.
  • Usate la borsa del ghiaccio per 10, 15 minuti una o due volte al giorno.
  • Se il problema non migliora entro due o tre mesi, chiedete aiuto al medico.
  • Evitate i movimenti ripetitivi e il sovraccarico degli arti.
  • Prima di fare uno sforzo o di fare attività fisica, riscaldatevi ad un ritmo non troppo sostenuto.

Se si continua a sovraccaricare la zona irrimediabilmente i sintomi continueranno. Le stecche o i tutori sono un modo per riposare le zone colpite e per ridurre il sovraccarico, soprattutto della mano e del polso. Possono essere sufficienti stecche e tutori standard, ma in genere si rivelano necessari ausili fatti su misura. Per diminuire l’infiammazione ed il dolore può essere utile la classica borsa del ghiaccio. In molti casi possono servire anche gli ultrasuoni, una forma di terapia disponibile presso i fisioterapisti.

Per quanto riguarda le gambe, è necessario ridurre temporaneamente il sovraccarico e le attività che comportano il sollevamento di pesi per far sì che l’infiammazione diminuisca. L’uso di un bastone da passeggio sul lato opposto a quello colpito può essere d’aiuto.

Se il problema colpisce la caviglia o il piede, è opportuno ricorrere a un plantare ortopedico, cioè a una specie di cuscinetto inserito nella scarpa che permette di modificare l’angolazione del piede, di migliorarne la meccanica e di alleviare il dolore o la pressione. Anche i plantari possono essere standard oppure realizzati su misura.

Se è presente un’infezione di solito c’è un’infiammazione intensa, con rossore, calore e dolorabilità (per la diagnosi in questo caso può essere necessario un esame del sangue). Nel caso di infezione si dovrà assumere un antibiotico oppure farsi drenare quotidianamente l’articolazione (i fluidi saranno prelevati con una siringa) o ci si dovrà far operare il tendine o la borsa. Se nel liquido articolare sono presenti i cristalli sintomo della gotta occorre assumere i farmaci appositi che ne impediscono la formazione. Una complicazione potenzialmente grave della tendinite è la rottura del tendine: nella maggior parte dei casi si tratta del tendine d’Achille, nel retro del polpaccio, per cui è necessario l’intervento chirurgico.

Il diclofenac per uso topico (Voltaren Emulgel®) può essere applicato direttamente sulla pelle, sopra il tendine o la borsa doloranti. Questi farmaci rendono possibile l’uso locale degli antinfiammatori con un minor rischio di effetti collaterali.

In rari casi i problemi a carico dei tendini non migliorano con le misure conservative descritte in precedenza, costringendo il paziente a ricorrere all’intervento chirurgico. È possibile prevenire le situazioni di immobilità alla spalla se la tendinite o la borsite, che di solito la precedono, sono curate per tempo. Sdraiatevi supini, unite le mani e usate il braccio sano per aiutare quello malato ad estendersi completamente all’indietro, sopra la testa. Si può parlare di movimento completo se si riesce a portare l’avambraccio superiore verso l’alto e poi indietro, sfiorando l’orecchio. Riabbassate di nuovo il braccio e ripetete per cinque volte. Se siete in piedi, potete cercare di raggiungere con le dita la massima altezza possibile lungo una parete, estendendo così la spalla il più possibile, e mantenendo la posizione per circa venti secondi. Riabbassate il braccio e ripetete per cinque volte.

Se ci si rivolge immediatamente al medico, si può risolvere il problema più in fretta, prevenendo la rigidità articolare e i problemi cronici che ne possono derivare. Se non si mette a riposo l’arto o l’articolazione, almeno temporaneamente, il problema potrà impiegare più tempo per guarire.

Prevenzione

Il riscaldamento e lo stretching prima dell’esercizio fisico vi aiuteranno a prevenire questi problemi. È consigliabile iniziare qualsiasi attività fisica con calma e arrivare alla massima intensità solo in un secondo momento. Ad esempio chi gioca a calcetto con gli amici dovrebbe riscaldarsi bene prima delle partite.

Chi passa molto tempo alla tastiera dovrebbe controllare che questa sia ad un’altezza corretta. È inutile usare i cuscinetti per riposare i polsi, ma si dovrebbe cercare di scrivere con i polsi estesi, magari leggermente arcuati. E, anche se sembra di non stancarsi, è sempre opportuno fare qualche pausa di tanto in tanto.

Gli esercizi di stretching e quelli per la forza sono molto utili per rafforzare le zone dove i muscoli sono più deboli. Una postura corretta è sempre importante, sia quando si lavora, sia quando si fa ginnastica, sia quando si cammina. Il condizionamento corretto dei muscoli coinvolti è una componente fondamentale della terapia.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Buonasera, erano 3 giorni che avevo dolore al gomito, non gli ho dato peso ma oggi faceva molto male, arrossato e molto caldo al tatto.
    Così che sono andato dal medico che però non ha constatato problemi tipo fratture o simili, mi ha detto che si tratta di infezione e ha prescritto degli antibiotici per 10 giorni ed una pomata a base di cortisone.
    Non è stato più specifico riguardo cosa possa essere stata la causa, secondo voi cosa potrebbe essere stato?
    Grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, ha avuto traumi recentemente o forse ha assunto posizioni abnormi, anche nel sonno? penso ci sia un’infiammazione, possibile la sottostante infezione, ma bisognerebbe capire di che tipo si tratti, come l’ha presa, ha lacerazioni o ferite sul o vicino al gomito?

  2. Anonimo

    No, nessun trauma, me ne sono reso conto da un momento all’altro,non è successo qualcosa di specifico che me lo ha procurato.
    Non ho alcun tipo ferita o lacerazione..

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Bene, aspettiamo di completare la terapia e poi si farà rivalutare.

  3. luana

    Buongiorno,dopo aver intensificato il mio allenamento con corsa e trx, mi è successo di sentire un giorno mentre ero ferma in piedi una fitta un bruciore, dolore fortissimo nel lato interno della gamba sx all’altezza del ginocchio(non al ginocchio) da non riuscire a muovere la gamba.
    Poi dopo 5 minuti si è alleviato.
    Solo che da quel momento ho iniziato ad avere dolori alla gamba in tutta la parte interna come bruciore e pizzichio e perdita di forza facendo fatica a camminare, caricando sempre l’altra gamba
    ora ho la stessa sensazione anche alla gamba dx
    inoltre debolezza e spossatezza generale.
    il medico dice che il tendine si è infiammato e mi ha dato ghiaccio e riposo ma dopo 3 settimane il dolore e debolezza persistono… secondo voi cosa può essere?
    Puo’ essere sufficiente questa terapia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È probabilmente ora di rivalutare la situazione se non ci sono stati miglioramenti apprezzabili.

  4. Mauro

    Buongiorno,da un po sotto il piede mi si è formato una sorta di cuscinetto, dolente e arrossato, sono due giorni che anche il ginocchio,sempre dalla stessa parte, mi si è gonfiato, stanotte ho avuto un po di febbre,crede che sia correlato il gonfiore e la febbre?

  5. francesco

    buongiorno dott. e una settimana dolore allucinante alla spalla destra mi e venuto con un piccolo dolorino e giorno per giorno mi preso anche due ditta formicolio e come se non circolasse il sangue e la notte forti dolori in qualsiasi posizione fitte di dolore a rigirami prendo farmaci anti dolori niente adesso il gomito spalla e ditta mi di consiglio e dei farmaci che mi aliava dolori e infiammazione cordiali saluti francesco

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno, ma ha subito traumi ultimamente? Oltre al dolore si addormentano le mani o ha sensazione di formicolio?

  6. francesco

    buongiorno no non subito trauma il formicolio li ho in due ditta adesso da quando mi sono alzato dal letto un forte bruciore a dalla spalla alle mani specialmente mi e venuto sul gomito adesso o preso una bustina di Aulin .Sono la persona cheche una settimana non dormo dai dolori la ringrazio francesco

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Indispensabile rivalutare con il medico se il dolore è tale da impedire il riposo notturno.

  7. Prince

    Salve io mi alleno in palestra 4 mesi fa dp aver finito allenamneto mi è venuto un dolore alla spalla sinx tra trapezio .. Nn mi passava alla fine sn andato da un oseopata mi ha messo apposto ha detto era uscita la spalla.. Fa hai problema alla cuffia hai tendini infiammati io infatti non alzo più peso sn fermo.. Quanto tempo ci vuole che si sfiammano? .. Ho ancora male diverso dal prima sn migliorarto qualcosina ma nn mi passa ancora ..

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Serve diverso tempo, non è uguale per tutti e dipende dal tipo di infiammazione e dalla gravità; non faccia sforzi e segua i consigli del medico per evitare danni peggiori.

    2. Anonimo

      Per far sffiamare tendine cosa dovrei fare ? Primo riposo quello sto facendo non alzo pesi non muovo tanto il braccio.. Ma qualcosa in piú che posso fare per sfiamarli ?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Valuterei con il medico di base o con un ortopedico la situazione, potrebbe essere necessario intervenire in modo più mirato.

  8. anonimo

    Buongiorno dott….mi sta capitando di avere dolore lungo le caviglie a salire sopra ..io credo siano i tendini quando premo con le dite avverto più dolore a volte anche all’ inquine …ho iniziato a scuola di ballo 3 volte a settimana un’ora ..documentandomi ho letto che il ballo fa bene per chi effetto da osteoporosi visto che io lo sono …ho una gravissima scoliosi …sono 48 chili ho 55 anni …il mio lavoro si svolge dalle 7 alle 10 ore al giorno in piedi ..da 19 anni ..mi chiedo questo disturbo che sto avvertendo e colpa del ballo ? ho fatto sei lezioni per la prima volta in vita mia..grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, probabilmente ha forzato un po’ troppo e non era abituata; lo segnali al medico per porre rimedio e all’insegnante in modo da rallentare un pochino fino a completa ripresa.

  9. Valentino

    Buongiorno dottore…un anno fa,in palestra ho fatto un movimento sbagliato con la spalla destra…all inizio credevo il peggio..ma dato che non faceva male più di tanto pensavo che col passare del tempo sarebbe ritornato tutto come prima…solo che col lavoro..se sforzavo un po’ in più mi ritornava il dolore..e allora due mesi fa non ce l’ho più fatta e sono andato da uno specialista…mi ha detto che ho il tendine sovraspinoso infiammato..mi ha prescritto 10 giorni di cortisone più 10 di terapia con laser tecar e tens…sono arrivato al 6 giorno di terapia e proprio al centro della spalla sento tipo come se si fosse un po’ gonfiato…e se tocco fa male più di prima…il braccio lo riesco a muovere ..non mi fa tanto male…solo se lo porto in alto mi tira un po’…cosa può essere?? Poi alla fine della terapia faremo una risonanza…ma secondo lei ritornerà tutto come prima?? Potró ritornare a fare lavori “pesanti” e di nuovo a fare palestra??..p.s ho 22 anni e non vorrei proprio fermarmi a questo!!…grazie mille…!!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, sono assolutamente fiducioso su un completo recupero, ma raccomando al momento di riposare per quanto possibile il braccio e di attenersi scrupolosamente alle indicazioni ricevute.

    2. valentino

      Grazie mille dottore!! lo spero vivamente!!! p.s sisi per ora…riposo e ghiaccio! le farò sapere….grazie ancora!!

  10. david

    salve sono quasi 4 anni che soffro di epicondilite bilaterale ad etrambe le braccia,il sx e’ da’ un mese che e’ migliorato mentr il dx e’ peggiorato,oltre all’epitrocleo ed epicondilo,mi ha preso un pezzo di bicipite e l’avanbraccio.Il fisiotrapista mi ha detto che,oltre all’infiammazione ci sono problemi muscolari,ho eseguito negli anni tutto cio’ che consiglia la medicina,vari tipi di pomate,infiltrazioni cortisoniche,onde d’urto ,laser ,chiropratica e mesoterpia ma,il dolore non passa,cosa posso fare?lascio la mia mail..in attesa di una vs risposta,

    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È mai riuscito ad affiancare i trattamenti con un po’ di riposo?

      Mi dispiace, ma non posso offrire il servizio di risposta via mail.

  11. osvaldo

    d
    buon giorno – a causa di una caduta ho la rottura quasi perforante del tendine della spalla dx – quali sono le migliori cure da fare – grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso consigliare/prescrivere nulla; sarà l’ortopedico a decidere cosa sia più adatto al suo caso.

  12. Anonimo

    Buongiorno…vorrei sapere se e possibile togliere un tendine dalla spalla?mi hanno detto che una ragazza gli hanno tolto tendine portante…e possibile?grazie

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Non credo sia possibile senza avere nessun tipo di ripercussione. Ad ogni modo occorre una valutazione specialisitica. saluti

  13. anonimi

    buona,sera da un 3 mesi ho una dendinite spalla sx con una piccola lesione parziale del tendine lnteressante il versante bursale sovraspinato mi dia qualche sugerimento grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, serve una valutazione ortopedica per capire il corretto procedimento terapeutico. Eviti di sollevare carichi.

  14. Anonimo

    Buonasera non ricordo vhe ho intruppato sotto al gomito ed e’ gonfio come puo’ essere causato puo’ anche dipendere da stress esaurimento ansia che ne so da cosa puo’ dipendere e cosa posso fare per curarlo

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, parebbe un’infiammazione, per capire di cosa si tratti e quale sia la giusta terapia serve però una valutazione medica, con visita, specie se non ha avuto traumi.

  15. Annalisa

    Buongiorno, le spiego brevamente la mia situazione. 4 gg fa ho avuto l’influenza con febbre a 38.2 e dolori forti alle ossa. Ieri notte però ho avvertito dei dolori fortissimi tra il polloce e l’indice e su tutto il polso parte interna. Stamane non riesco a muovermi, dolori fortissimi dietro al polpaccio e lungo tutto il braccio … come se avessi fatto attività fisica. Può essere collegato al’inflienza che ho avuto?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è possibile, ma se i dolori sono così forti vanno comunque segnalati al medico.

  16. Alessandro

    Buonasera, 3 giorni fa dp pranzo ho avvertito un senso di vertigini e stavo quasi x perdere i sensi, dp essermi ripreso un pò mi è venuto un dolore al braccio destro k si manifesta maggiormente quando sn a riposo, inoltre ho avuto mal di stomaco x tutto il giorno. Da 3 giorni il braccio destro lo sento stanco e indolenzito a questo si accompagnano dei capogiri. Cosa può essere?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, soffre di patologie?età? Potrebbe essere solo una reazione nervosa o un possibile problema di stomaco, ma farei una visita quanto prima, magari con un elettrocardiogramma per sicurezza.

    2. Alessandro

      Grazie x la risposta tempestiva, ho 26 anni, nn ho patologie k io sappia, ho frequenti mal di testa ma visite effettuate nn hanno riscontrato niente. Il giorno k ho avuto questo episodio avevo un senso di vomito k è poi durato x ttt il giorno. Durante il capogiro poi k è durato qualche minuto avevo una sudorazione eccessiva.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha mai sofferto di ansia o attacchi di panico?

      Condivido in ogni caso la necessità di approfondire di persona con il medico.

    4. Alessandro

      Grazie della risposta. Attacchi di panico nn direi ma di ansia credo di soffrirne, nn so in k misura ma direi di si. Domani andrò dal medico x saperne di più.

    5. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      È giovane, non credo ci siano cose importanti ma è sempre meglio controllare per tranquillità.

  17. Sofia

    Buona sera, ho 23 anni e ho da un po di giorni male non doloroso alla spalla sinistra e braccio.. mi prende soprattutto la sera.. e mi viene un po d ansia.. poi faccio fatica un po a digerire premetto che ho anche helicobacter pilory .. secondo voi potrebbe essere magari un nervo infiammato della spalla? Ah e poi anche la gola sempre dalla parte sinistra me la sento un po chiusa.. mando giù cibo tranquillamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Non credo un nervo, magari l’articolazione un po’ infiammata.
      2. Il fastidio in gola potrebbe essere male di stagione, reflusso, … ma il medico sarà più preciso.

  18. Sofia

    Quindi è l articolazione ? Se prendo una mesulide ? Poi ho notato che il male lo sento di più quando sto ferma.. quando mi muovo no

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Sentirei comunque il medico, l’antinfiammatorio può avere un effetto antidolorifico momentaneo, ma potrebbe non essere curativo.

    2. Sofia

      Si il mio dottore però non c’è fino a lunedì.. io la notte dormo senza male adesso mi sono svegliata e ho ancora fastidio.. ieri sera ho preso una vivin c che è anche per dolori muscolari un pochino ha fatto effetto.. proverò a prenderle fino a domani poi lunedì vado dal medico.. potrebbe andare bene?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Bene tamponare con antidolorifici, ma se il dolore fosse molto forte può fa valutare la guardia medica già oggi.

    4. Anonimo

      Capito, no be dolori forti non ne ho.. ho solo fastidio.. ma ho paura che c’entri con il cuore o polmoni.. poi anche mangiare non ne ho tanta voglia..

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’unico modo per avere una diagnosi (e una causa) certa è proprio solo la visita, mi dispiace.

  19. Alba

    Buongiorno, ho usato il braccio sx per mesi avendo al dx un pic , quindi ho cominciato ad avvertire fastidio alla notte , ho fatto rx ed eco . Ho una capsulite , il tendine infiammato , attualmente faccio sia meso che onde d’urto , non mi sembra di migliorare molto . Mi sembra un poco gonfio la parte dolorante . É normale ?

    1. Anonimo

      Ho fatto 5 trattamenti di onde d’urto in un mese e 15 giorni . La meso per ora 4 volte . Dalle lastre si evidenzia solo infiammazione e qualche micro calcificazione , il problema è la poca mobilità. Non alzo il braccio quindi in certi movimenti sento dolore . Il fisioterapista mi dice che ci sono aderenze .

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente serve solo pazienza; è seguita anche da un ortopedico?

  20. rosa

    buonasera
    oggi mi sono accorta di avere una borsite al ginocchio però senza dolore posso tranquillamente piegare il ginocchio non è arrossato ho messo del ghiaccio ogni 3 ore per 20 minuti più volte al giorno , e metto la gamba a riposo con un cuscino sotto il ginocchio,oggi è sabato dovrò attendere lunedi per consultare il mio medico…lei cosa mi consiglia di fare? accetto volentieri un suo suggerimento grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso consigliare farmaci o altri trattamenti.

  21. TaninoT.

    Ho 69 anni e da un pò di mesi soffro di dolori alle spalle che si irradiano alle braccia e ai polpacci delle mani sotto i pollici, questi dolori si acutizzano maggiormente la notte durante il riposo. Nei giorni scorsi ho fatto un’ecografia muscolo tendinea spalla destra e sinistra con il seguente referto:
    – Assottigliamento, ipoecogeni e disomogenei i tendini sovraspinoso e sottospinoso della spalla destra, con minuscole calcificazioni in sede inserzionale.
    – Ispessito, con minimo versamento a carico della guaina, il tendine del capo lungo del bicipite branchiale di destra.
    – Modicamente ispessiti i tendini sovraspinoso e sottospinoso della spalla sinistra con minuscole calcificazioni nel tratto medio e in sede inserzionale.
    – Minimo versamento a carico della guaina del tendine del capo lungo del bicipite branchiale di sinistra.
    – Quadro ecografico di tendinosi della cuffia dei rotatori delle spalle, più accentuata a destra.
    In atto non ho ancora fatto nessuna terapia, cosa mi consiglia di fare ?
    Sarei grato di un Suo suggerimento in merito a questo referto, grazie e buon lavoro.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Deve sottoporre il referto all’ortopedico, che valuterà il quadro completo dopo aver fatto un’accurata visita medica.

    2. Tanino T.

      Dottoressa Fabiani, la ringrazio del consiglio provvedererò al più presto a consultare un ortopedico. Un cordiale saluto e buon lavoro.

  22. meronera

    Buongiorno, ho 54 anni e sono una donna abbastanza attiva vado in palestra acquaginn tre volte a settimana, e’ sempre andato tutto bene tranne che qualche mese fa ho iniziato ad avere un disturbo al secondo dito della mano dx, dopo 4 mesi quasi totalmente risolto da ortopedico con prognosi tenosinovite stenosante con un infiltrazione, ora sono 10 giorni che ho stesso disturbo al secondo dito del piede sx , e’ gonfio e molto dolorante, e sotto il piede mentro lo appoggio sento come se avessi un sasso, secondo lei e’ lo stesso che avevo alla mano e a cosa e’ dovuto? centra qualcosa il fatto che sto entrando nella fase della menopausa da tre mesi il ciclo non c’e’ e in effetti sento che la circolazione e’ cambiata. la ringrazio della sua risposta .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Non è detto che il problema sia lo stesso.
      2. Sì, la menopausa potrebbe influire, ma solo in parte.

  23. fabio7

    salve dottore
    io ho un dolore che dura da 15 mesi nella parte del bacino tra il muscolo piriforme e il muscolo grande e il bicipite femorale
    questo dolore si sente di piu quando mi piego o faccio un movimento brusco
    e mi toglie forza e resistenza
    ho pensato che fosse la sciatica ma i medici dicono di no
    la sindrome del piriforme neanche
    ho fatto lecografia ed esce fuori che ho una tendinite nelliserzione del muscolo e l’osso..
    da li ho fatto 5 sedute di tecar terapia in modalita antiinfiammatoria
    ma nulla ..
    non so piu cosa fare

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      5 sedute sono ancora poche, è un pò presto per aspettarsi grossi miglioramenti, dipende poi dall’estensione e dalla gravità dell’infiammazione stessa.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.

Ho preso atto del Disclaimer e dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy