Stress: cause sintomi e cura

Ultimo Aggiornamento: 14 giorni

Introduzione

Stress

Stress (http://www.flickr.com/photos/frield/95509221/sizes/s/in/photostream/)

Lo stress è la risposta di mente e fisico a una qualsiasi forma di sollecitazione interna (per esempio una malattia) o esterna, come ad esempio:

  • esercizio fisico,
  • lavoro,
  • scuola,
  • cambiamenti di vita importanti,
  • eventi traumatici.

Lo stress può influenzare la salute, nel bene e nel male; Taleb, autore fra l’altro de “Il cigno nero”, ci ricorda per esempio che tutti gli organismi viventi beneficiano di piccole quantità di stress, mentre trovarsi costantemente sotto la spinta di forti pressioni diventerebbe ovviamente controproducente.

Chiunque può sentirsi stressato occasionalmente: tutti gli animali hanno una risposta allo stress programmata da millenni di evoluzione per fungere da salvavita in caso di situazioni di pericolo.

Lo stress cronico, al contrario, può causare danni fisici e mentali.

Riconosciamo almeno tre diverse forme di stress:

  • Stress periodici legati alle pressioni del lavoro, della famiglia e di altre responsabilità quotidiane.
  • Stress provocato da un improvviso cambiamento negativo, come la perdita del lavoro, un divorzio o una malattia.
  • Stress traumatico, che si verifica quando si è in grave pericolo (incidente, guerra, atto terroristico, disastro naturale, …). Questo tipo di stress può causare il cosiddetto disturbo da stress post-traumatico.

Ogni persona vive e reagisce allo stress in modo diverso, manifestando per esempio:

Alcune persone riescono ad affrontare lo stress più efficacemente di altri, quindi è molto importante conoscere i propri limiti per evitare gli effetti sulla salute più gravi e pericolosi.

Cause

I grandi cambiamenti di vita spesso creano stress, anche eventi felici come avere un bambino o pianificare un matrimonio.

Avvertire la perdita di controllo sulla propria vita, per esempio in caso di diagnosi di una grave patologia, può essere un evento particolarmente difficile da gestire; ma lo stress può essere correlato anche a:

  • lavoro (disoccupazione, carico di incombenze eccessivamente elevato, pensione, …),
  • famiglia (divorzio, difficoltà di relazione, assistenza di una persona cara malata),
  • casa (trasloco, difficoltà con i vicini, …),
  • problemi personali (lutto, problemi economici, …).

Da un punto di vista generale è importante affrontare direttamente le cause di stress, evitare i problemi piuttosto che affrontarli può rendere le cose peggiori.

Purtroppo non è sempre possibile intervenire per cambiare una situazione stressante, in questi casi è necessario accettare la propria impotenza e rifocalizzare le energie altrove.

Sintomi

Lo stress può influire sul modo in cui ci si sente emotivamente, mentalmente e fisicamente e può arrivare a influenzare anche il comportamento.

Ci si può sentire emotivamente:

  • sopraffatti
  • irritabili e feriti,
  • ansiosi o impauriti,
  • privi di autostima.

Ci si può sentire mentalmente

  • preoccupati,
  • incapaci di concentrarsi,
  • in difficoltà nel prendere decisioni.

Fisicamente si possono manifestare (somatizzando)

Si è portati a

  • bere e/o fumare di più,
  • rispondere in modo brusco,
  • evitare persone e situazioni con cui si hanno problemi.

Quando vissuto in modo positivo e in tempi adeguati lo stress può anche motivare il soggetto che lo vive, per esempio preparandosi per un colloquio di lavoro o per una prestazione sportiva; avvicinandosi al mondo animale lo stress può infine aumentare la possibilità di sopravvivenza in condizioni estreme, perchè in grado di

  • aumentare il battito cardiaco,
  • tendere i muscoli,
  • aumentare la frequenza di respirazione per assorbire maggior ossigeno,
  • che verrà usato dal cervello per aumentare l’attività.

Pensiamo per esempio al caso di un terremoto notturno, questa reazione dell’organismo può fare la differenza tra la vita e la morte nei ristretti tempi disponibili per svegliarsi e fuggire.

Pericoli

Uno stress eccessivamente prolungato o addirittura cronico può avere un impatto concreto e devastante sulla salute dell’organismo; in questi casi le stesse reazioni utili a mettersi in salvo in situazioni di emergenza sono mantenute attive e sono quindi in grado di sopprimere la funzionalità

  • immunitaria (infezioni più frequenti e severe, minor risposta anticorpale ai vaccini, …),
  • digestiva (cattiva digestione, diarrea, diminuzione dell’appetito, …),
  • del sonno (peggioramento della qualità del riposo con conseguente stanchezza cronica, …),
  • riproduttiva (infertilità),

impedendo la normale funzionalità fisiologica.

Nel corso del tempo la continua pressione dei fattori stressanti sull’organismo possono arrivare a favorire la comparsa di gravi problemi di salute, come ad esempio:

Le persone che vivono uno stress cronico potrebbero cercare di alleviarlo con sostanze illecite, come fumo o alcol. Stimolanti come questi potrebbero sembrare in grado di ridurre lo stress, ma la sensazione di sollievo durerà per poco tempo; alla fine lo stress peggiorerà ulteriormente nel momento in cui la persona diventerà dipendente.

Cura e terapia

Non è sempre possibile prevenire lo stress, ma si può imparare a gestirlo ed affrontarlo in molti modi, per esempio:

  • condividere le difficoltà con amici e parenti,
  • prendersi più tempo per sé stessi e per i propri interessi,
  • prendersi una vacanza,
  • praticare regolare esercizio fisico e assicurarsi di mangiare in modo sano,
  • assicurarsi di riposare a sufficienza.

La risposta peggiore possibile allo stress è canalizzare rabbia e tensione in fumo, alcolici o altre abitudini poco salutari, che sortiranno l’effetto diametralmente opposto; l’obiettivo è invece sempre prendere il controllo della situazione, per evitare che questa peggiori. Per farlo può essere utile seguire i 10 consigli del Prof. Cary Cooper, docente presso la University of Lancaster.

  1. Sii attivo: L’esercizio fisico non farà scomparire lo stress, ma ridurrà l’intensità emotiva percepita, libererà il pensiero consentendoti di affrontare con calma problemi e sfide. Si pensa che l’attività fisica possa causare reali cambiamenti chimici nel cervello, che possono contribuire a modificare positivamente il tono dell’umore. Alcuni ricercatori ritengono poi che essere attivi possa favorire uno stato di benessere attraverso la stimolazione di senso di maggiore autostima, autocontrollo e capacità di affrontare una sfida.
  2. Prendi il controllo: C’è una soluzione a ogni problema, sempre. Rimanendo passivo nei confronti di una difficoltà non cambierà nulla e lo stress non potrà fare altro che peggiorare, perchè la sensazione di impotenza è una delle principali cause di stress e mancanza di benessere.
  3. Fatti aiutare: Un buon supporto da parte di colleghi, amici e famigliari può fare la differenza affrontando le sfide di ogni giorno e può aiutarti a vedere gli ostacoli in modo diverso, trovando magari soluzioni alternative; inoltre perdendo il contatto con gli altri non potrai ricevere supporto esterno quando ti sarà necessario. Il beneficio di stare con gli altri va però al di là di questo aspetto: le attività svolte con gli amici, siano essere uno sport o altro, sono un eccellente sollievo dallo stress quotidiano.
  4. Prenditi del tempo per te stesso: Puntare a ritagliarsi almeno un paio di sere alla settimane per sé stessi è una tappa spesso fondamentale per stare bene.
  5. Sfidati: Fissare obiettivi e sfide, che siano professionali o personali (imparare una nuova lingua o uno sport), aiuta a costruire autostima e confidenza con i propri mezzi, offrendo le migliori armi disponibili per affrontare lo stress. Non smettere mai di imparare ti permetterà di sentirti emotivamente resiliente (cioè capace di far fronte in maniera positiva agli stress), dimostrando a te stesso che attraverso le competenze si possono affrontare le difficoltà in modo più attivo ed efficace rispetto al farsi travolgere passivamente.
  6. Persegui uno stile di vita salutare: Non fare affidamento su alcool, fumo e caffeina come risposta allo stress; gli specialisti definiscono questo approccio “evasione” e gli uomini, molto più delle donne, tendono a reagire in questo modo. Le donne invece sono spesso più brave a cercare il loro sostegno dal proprio circolo sociale.
  7. Aiuta gli altri: Le evidenze dimostrano che aiutare gli altri, per esempio attraverso il volontariato, è un efficace stimolo in grado di aumentare la resilienza; fornire supporto a persone che si trovano in problemi più grossi aiuta ad affrontare i propri con la giusta prospettiva, facendoti sentire acquisire consapevolezza e serenità.
  8. Lavora in modo più intelligente, non più duro: Concentrarsi su ciò che conta davvero, imparando a dare la giusta priorità alle diverse attività, è fondamentale nel fare la differenza quando ci si trova a combattere lo stress sul lavoro.
  9. Sforzati di essere positivo: Cerca sempre i lati positivi e gli aspetti della tua vita per cui essere grato; spesso semplicemente non si apprezza quello che si ha, dandolo per scontato, mentre è importante vedere il bicchiere mezzo pieno e non mezzo vuoto.
  10. Accetta quello che non puoi cambiare: Cambiare una situazione difficile non è sempre possibile, quindi è importante rimanere focalizzati e concentrati su tutti gli aspetti dove invece possiamo esercitare il nostro controllo e fare così la differenza; se l’azienda per cui lavori sta fallendo probabilmente non c’è nulla che tu possa fare al riguardo, ma rimanere positivi e iniziare da subito la ricerca di una nuova occupazione può fare la differenza.

Respirazione e stress

Questa tecnica di respirazione calmante per gestire stress, ansia e attacchi di panico richiede solo pochi minuti e può essere eseguita ovunque; si otterrà il massimo beneficio imparando a praticarla regolarmente, come parte della propria routine quotidiana.

È possibile eseguirla in piedi, seduti su una poltrona che supporti la schiena o anche sul letto.

Mettiti nella posizione più comoda e, ove possibile, apri un pochino eventuali abiti o accessori che potrebbero limitare la capacità inspiratoria.

Se sei sdraiato posiziona le braccia appena un po’ distanti dai fianchi, con i palmi verso l’alto; puoi lasciare che le gambe siano distese, oppure puoi piegare le ginocchia appoggiando le piante dei piedi sul pavimento.

Se sei seduto appoggia le braccia sui braccioli e i piedi per terra.

Qualunque sia la posizione in cui ti trovi, porta i piedi a larghezza pari a quelle delle anche.

  1. Lascia che l’aria inspirata scenda in profondità nel ventre, ma senza forzarla.
  2. Provare a inspirare attraverso il naso ed espirare dalla bocca.
  3. Inspira con delicatezza e regolarità. Alcune persone trovano utile contare costantemente da uno a cinque (inizialmente può essere normale non riuscire a raggiungere il 5).
  4. Quindi, senza interrompere né trattenere il respiro, espirate dolcemente, riprendendo eventualmente a contare da uno a cinque se può essere utile.
  5. Ripetere per 3-5 minuti.

Prevenzione

Gli effetti dello stress tendono ad accumularsi nel tempo. Adottare misure pratiche per imparare a gestirlo può ridurre o prevenire questi effetti, per esempio è possibile:

  • Imparare a riconoscere i segnali di risposta dell’organismo allo stress, come ad esempio difficoltà a prendere sonno, aumento del consumo di alcolici e altre sostanze, irritabilità, depressione e diminuzione di energia.
  • Praticare regolarmente esercizio fisico; anche solo 30 minuti al giorno di camminata veloce possono contribuire ad aumentare il tono dell’umore e ridurre lo stress.
  • Praticare un’attività rilassante può essere di grande aiuto, ad esempio meditazione, yoga, tai chi, …
  • Impostare obiettivi e priorità. Decidere cosa sia necessario fare subito e cosa possa aspettare, imparare a dire no a nuove incombenze nel caso non fosse possibile gestirle.
  • Imparare a notare a fine giornata quello che si è fatto, non quello che non è stato possibile terminare.

Fonti principali:

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, a causa del rilascio di ormoni dello stress (adrenalina, cortisolo, …).

  1. Anonimo

    Buonasera..sono 7 mesi che mi capita di avere giramenti di testa,ho costantemente una sensazione di stranezza e sento di avere i muscoli sempre tesi e spesso mi accorgo di stringere i denti..Ho svolto visite alla vista,neurologiche, otoneurologiche, risonanze, sangue pressione ma tutte con esito negativo. Come potrei risolvere secondo lei?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Qual è la diagnosi attuale? Il neurologo come spiega i sintomi? Ansia?

    2. Anonimo

      Secondo lui potrebbe dipendere dal setto nasale deviato o da emicrania visto che mia madre ne soffre..leggendo su Internet iniziò a pensare che sia stress visto che in due occasioni ho avuto attacchi di panico

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, le confermo che lo stress può sicuramente incidere.
      Per l’emicrania sono state provate cure?

    4. Anonimo

      Cynazin per tre mesi..tre mesi di sospensione e adesso mi ha fatto riniziare

  2. Anonimo

    Buongiorno dottore le volevo chiedere un parere. In pratica credo di aver avuto un esaurimento nervoso e di esserlo tuttora….durante il giorno mi capitò di avere L impulso di ridere ma in realtà nn c’è nessun motivo di ridere e nemmeno che io lo voglio ma che comunque ho questo impulso secondo lei può dipendere che io sia esaurita per questo? Soprattutto mi viene quando sono fuori in giro per la citta

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      L’ansia e lo stress possono avere influenze di questo tipo, se crede che ci sia qualcosa che non va dovrebbe parlarne col medico, magari è utile avere un supporto psicologico per qualche tempo.

  3. Anonimo

    Dottore buongiorno,
    è da tanto tempo che ho tantissima stanchezza anche se ho dormito bene durante la notte. Ho anche scosse e “tironi” in testa, bruciore e dolore che si espande dalla parte alta alla fronte. Sentivo anche la testa girare qualche tempo fa con sensazione di freddo e debolezza del corpo. Lo stress potrebbe causare questi sintomi? vorrei dormire tutto il giorno, a volte ho gli occhi rossi e stanchi.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, lo stress è una causa plausibile, ma è sicuramente ora di approfondire e risolvere con l’aiuto del medico.

    2. Anonimo

      Come si può risolvere questo problema? so che non potete prescrivere farmaci, ma mi chiedevo come posso fare. Il mio medico ora è in ferie, quindi devo aspettare un’altra settimana e vorrei provare a stare bene.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’approccio migliore sarebbe quello di rimuovere la fonte di stress, ma mi rendo conto che non sia sempre praticabile.

    4. Anonimo

      Ma lo stress può provocare bruciore alla testa? secondo lei è opportuna una visita neurologica oppure devo cercare aiuto da uno psicologo?

    5. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Intanto dovrebbe farsi visitare dal medico, per capire se ci può essere una causa organica o meno, e da lì ci si orienterà sul da farsi.

    6. Anonimo

      Grazie per le risposte.. ma secondo voi i sintomi sono preoccupanti da attribuire a qualche patologia o può essere solo lo stress? perché mi sento dire solo questo ma non ne sono sicura di essere così sotto tensione

    7. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ipotesi di stress è assolutamente plausibile, chiaramente non possiamo darle la certezza che sia corretta.

  4. Anonimo

    Salve dottore volevo sapere sono mamma di una bimba di 18 mesi da quando la mia bimba a fatto 6 mesi He ho cominciato a sentirmi male xk con il rigurgito mi si strozzava quindi o preso parecchi spaventi da quella volta in poi o dormito poco sempre a controllarla e a volte mi alzo stanco di quello che voglio chiedergli e che il pomeriggio dopo le sei comincio a sentirmi stanca un senso di vuoto allo stomaco mi dura una mezz’oretta a tal punto che a volte mi viene anche da rimettere e di fare ruttini il dottore mi ha detto che e stress emotivo può essere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Eviti il caffè e la caffeina in genere, aumenta l’ansia.
      L’ipotesi di stress è assolutamente plausibile.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Stress, stanchezza, ritmi circadiani, … sono molte le possibili spiegazioni.

    3. Anonimo

      Si dottore cm di più mi capitano quando non dormi bene la notte xk gli altri mesi che ho dormito benissimo ero in gran forma quando invece dormi poco comincio a sentirmi stanca mal di testa giramenti di testa e anche voglia di piangere .. ci ripeto quando dormo serena tutta la notte sto benissimo..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Tecniche di rilassamento (yoga, training autogeno, …), psicoterapia, farmaci, …

  5. Anonimo

    Salve mi sento molto nervosa ultimamente con battiti accelerati può darmi consigli su come calmarsi? Non so più cosa fare …il cuore è ok. ..tutte le visite al riguardo fatte ma ho sempre una pressione al petto

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, fa un lavoro molto stressante o è una persona particolarmente ansiosa?

  6. Anonimo

    Buongiorno dottore. Le volevo chiedere un parere. A giugno m sono sposata e avevo perso circa 8kg. (Facendo una vita normale,quindi mangiando,lavorando etc….). Finito io matrimonio,fatto il viaggio ho ripreso a ingrassare,ma pesantemente. Ho sempre fame….ho già ripreso 6kg,sono disperata. Ho sempre fame,mangerei sempre. Cosa posso fare?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, se ingrassa verosimilmente o ha qualche problema ormonale ( ma dubito in quanto prima non ingrassava..) o assume più calorie di quanto il suo corpo necessita. E’ consigliabile fare una visita da uno specialista/ nutrizionista per valutare e correggere eventuali errori di alimentazione e fare attività fisica. Saluti

    2. Anonimo

      Tutto questo é iniziato dopo che sono tornata dal viaggio di nozze e ho anche dato la colpa al jet lag. Siamo stati in Giappone e c’erano 8 ore di fuso. Ultimamente m sono usciti anche tantissimi brufoli…..boh…..

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Ha fatto un test di gravidanza? Sempre che ci sia la possibilità..il jet lag non penso abbia influito, altrimenti probabilmente in vacanza ha mangiato di più di ciò che consumava.

  7. Anonimo

    Salve. Ho perso mio padre all’improvviso a gennaio. Da allora è stato un susseguirsi di problemi e preoccupazioni molto importanti. Per me ci sono delle preoccupazioni molto molto importanti che veramente mi hanno portato a Nn avere più voglia di fare nulla, piangere spesso, non avere un sonno tranquillo e in più sono dimagrita 4 kg in sei mesi. Non ho moltissimo appetito perché ho dei pensieri e la mia mente e’ sempre in lavoro e ho un ritmo di lavoro di 10 ore al giorno molto stressanti proprio per seguire l’attività di mio padre. Può essere depressione? E lo stress fa dimagrire?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo è possibile e, a causa di un minor appetito, si può verificare un dimagrimento anche importante; non aspetti oltre e ne parli con fiducia al medico.

    2. Anonimo

      Ne ho parlato con il medico e conoscendo tutta la mia storia dice che da sei mesi sono sotto stress pazzesco e forti preoccupazioni ed è normale. Sono preoccupata perché ho perso l’interesse per qualsiasi cosa. Non ho voglia di nulla e spesso piango per la disperazione.
      Può aiutarmi la psicoterapia? Lo stress incide sull’apoetito? Sono sempre stata anche da giovane così che con preoccupazioni perdevo appetito.
      Purtroppo si cerca su internet delle risposte e poi ci si spaventa delle risposte.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, può aiutare.
      2. Sì, può incidere in modo determinante.
      3. Il medico non ha prescritto nulla?

    4. Anonimo

      Mi ha prescritto Linfabet gelso, Nutribana e dormi dal gocce per dormire.
      Conoscendomi mi dice che ho bisogno di distacco da tutti questi problemi che mi danno tensione

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      OK, prosegua con scrupolo la cura e gli segnali se non ci fossero miglioramenti.

  8. Anonimo

    Quando ho questi sintomi o pensiere come devo comportarmi?grazie e scusi per le tante domande..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Deve sforzarsi di rimanere lucido e convincersi che se ci fosse qualche problema con le visite sarebbe emerso.

  9. Anonimo

    Posso stare tranquillo dottore?quando mi vengono questi sintomi ..o pensieri cosa posso fare ?il cambiamento di vita in germania..può avermi creato questo problema ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, il cambio di vita, di abitudini, … può sicuramente aver influito.

  10. Anonimo

    Salve dottore.. durante un lungo periodo di lavoro in Germania ho iniziato a soffrire di cardiopalmo ogni volta che andavo a letto, durante le ferie in Italia ho avuto un brutto attacco di panico è sono andato in ospedale convinto fosse infarto, ma fatte tutte le analisi possibili andava tutto bene mi hanno detto che è solo stress ed io mi sono calmato, ma tornato in Germania a lavoro dopo un periodo di tranquillità ho iniziato di nuovo a sentirmi male giramenti di testa debolezza mancanza di appetito e di sonno che mi hanno portato a stare veramente male sono andato dalla dottoressa tedesca e dopo le analisi del ferro del globuli e della tiroide e ecg era tutto apposto, ma io non riuscivo a calmarmi e sono tornato in Italia dove ho ripreso a mangiare e a dormire ma alle volte mi sento un po strano e ho paura di stare di nuovo male e mi preoccupo di avere qualcosa di grave. Secondo lei è solo stress? Grazie per la sua attenzione

  11. Anonimo

    Buona sera, vorrei chiedere il suo parere riguardo al mio stato attuale: circa un mese fa ul mio medico mi ha diagnosticato ub lichen orale che oramai sta svanendo. Ma mi disse che la causa erano le mia difese immunitarie basse, e la causa della mia bassa difesa e’ lo stress. Io in effetti mi sono ammalato due volte nel corso di aprile (raffreddore con nessuna febbre ma tanto catarro) ma non mi sento stressato o altro. Il dottore mi ha prescritto axil da 400mg ma vorrei sapere se mi devo preoccupare per qualcos’altro. Al momento non lavoro ma tendo a volte a fare le ore piccole.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      No, non c’è motivo di pensare a problemi più seri (attenzione al riposo, incide davvero molto se insufficiente).

    2. Anonimo

      La ringrazio per la risposta. La mia unica preoccupazione e’ di riammalarmi, e in piu’ ho un genitore stressante che mi fa sentire a disagio ( gia parlava di cancrena, e io sono piuttosto ipocondriaco e mi spavento facilmente).
      Vorrei chiederle, mi potrebbe dare qualche consiglio generale per aumentare le difese e migliorare lo stress? (Io almeno mangio sano e non bevo o fumo)

    3. Anonimo

      Ci proverò allora, non sono in una buona zona per camminare ed è difficile trovare un buon luogo per farlo.
      E un ultima cosa ma non volendo ripetere la situazione della pagina, quando mi dovrei preoccupare se le mie difese sono basse? Voglio dire, al momento non mi pare di avere nulla, ma in quale momento dovrei veramente fare qualche cosa di specifico?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Nel caso dovessero comparire nuovamente numerose patologie, ma vedrà che non capiterà.

  12. Anonimo

    Buonasera dottore, è da qualche giorno che ho alcuni sintomi strani. Ho delle piccole scosse alla testa e ogni tanto mi sento proprio tirare sul cranio, ho alcuni scatti involontari nella diverse parti del corpo e mi capita di avere formicolio alle mani ed ai piedi. Potrebbe essere stress o altro? Grazie in anticipo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, lo stress è una causa plausibile, ma raccomando di verificare con il medico.

  13. Anonimo

    …e dimenticavo, quasi sicuramente a causa del ballamento della testa è dovuto anche un leggero mal di testa che di tanto in tanto mi accompagna!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente stress, ma è assolutamente corretto e necessario verificare.

  14. Anonimo

    salve dottore, è da 5 anni circa che soprattutto nei periodi scolastici ( ma alcune volte anche durante le vacanze) mi capita di avere dei ballamenti della vista, a volte molto forti, altre volte meno, ma molto fastidiosi. (è come se fossero dei giramenti di testa, ma se guardo in un punto fisso vedo che l’oggetto preso in causa si muove come quando si è ubriachi) A volte faccio dei periodi dove è più marcata questa sensazione, altri dove è meno marcata. Ho notato una cosa: quando vado in moto o in bici, di colpo passa tutto, quando scendo ritorno come prima; succede ovunque e in qualsiasi posizione: seduto, in piedi, tranne che in moto e bici. Anche quando mi svago, andando in montagna o giocando a calcio, a volte c’è, a volte no. Sono andato dal dottore e ho provato a fare dei controlli alla vista e all’udito, dove è risultato tutto ok; ho preso degli integratori per la debolezza, ma anche lì niente. L’ultima volta che sono andato dal dottore mi ha detto di provare a fare un controllo del labirinto….ce l’ho martedì. Secondo lei dottore, potrebbe trattarsi di stress oppure di qualche altra cosa?
    GRAZIE DELL’ATTENZIONE!

  15. Anonimo

    Sono una ragazza 17 anni soffro d’ansia da circa un’ anno…..sono molto stressata e mi fa male il petto ho paura ke ho preso qualcosa al cuore….

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ansia è la causa più probabile, ma non posso che consigliare di verificare con il medico.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Calo della massa magra (dovuto alla diminuzione dell’esercizio fisico), fumo, riduzione dei pasti, stress.

      Raccomando la ripresa dell’attività fisica, la aiuterebbe moltissimo dal punto di vista dell’ansia e dello stress.

  16. Anonimo

    Dottore sono una ragazza di 16 anni e all’inizio dell’anno scolastico pesavo 54 kg,poi ho iniziato a fare palestra,ho messo massa e sono arrivata a pesare 56 kg..nell’ultimo periodo ho smesso e ho cominciato a fare pomeriggi sani a scuola(È UN PERIODO MOLTO STRESSANTE PER ME) Faccio pasti rapidissimi al bar con un panino almeno 2/3 volte a settimana..ho cominciato a fumare da luglio e so che non si dovrebbe fare alla mia età e per questo sto cercando di smetterla ora che sono in tempo..sono tornata a pesare 54kg ora..sono un soggetto ansioso e ipocondriaco,secondo lei a cosa è dovuto il ritorno al mio peso iniziale?

  17. Anonimo

    Dottore sicuramente è psicologica e quello che potrebbe avere un significato che sicuramente nn è una coincidenza che l altro anno a maggio in un contrasto cadendo si è rotto tutti e due i polsi insieme e d e ststo così da quando è uscito tutta la partita tutta quella dopo tutto il viaggio di ritorno 300 km tutta la notte e poi al mattino portato ospedale io ! Perché purtroppo nn c ero in quel viaggio dottore questo potrebbe essere il motivo perché comunque nn ha più giocato Fini a quest anno dove si verificano questi episodi

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, in qualche modo potrebbe aver inciso; data la giovanissima età cercherei di evitare di medicalizzare troppo la situazione e, valutando con il pediatra, cercherei forse qualche rimedio placebo che gli dia sicurezza e serenità.

  18. Anonimo

    Dottore nn è normale che nn va a scuola per mal di pancia ogni volta dopo il giorno che gioca sono parecchi lunedì e mi creda a scuola va bene nei voti le insegnanti contente perché è bravo anzi dicono che si sottovaluta per come e

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se a livello di abitudini non ci sono differenze tra sabato-domenica e domenica-lunedì viene spontaneo pensare che la causa sia psicologica; magari è stato male due volte per caso e adesso la paura di star di nuovo male dopo la partita della domenica fa il resto.

  19. Anonimo

    Dottore si sveglia intorno sette mezza otto ma è un orario abituale anche in vacanza

  20. Anonimo

    Comunque il medico mi ha dato esami del sangue da fare però nn sono tranquillo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se gioca al sabato a che ora si sveglia la domenica mattina dopo la notte?

  21. Anonimo

    Il medico dice che sforza allora brucia tutto e gli zuccheri allora prende allo stomaco però nn credo perché il venerdì va a scuola con colazione fatta purtroppo per orari mangia un panino alle undici e all una e mezza magia un Po di prosciutto bresaola perché alle tre ha l allenamento !lo fa e alla sera o il giorno dopo nn ha niente nn so se mi ha capito

  22. Anonimo

    Il medico dice che può essere carenza di zuccheri a fine partita però nn capisco le altre quatto volte nella settimana nn succede certo qualche carenza c e l’ha perché è stanco ma deve reintegrare con mangiare

  23. Anonimo

    Prima della partita mangia adeguato carboidrati un o di proteine e tre ore prima della partita !penso sia una cosa di tensione ma nn capisco perché capita la domenica e nn il sabato e poi comunque in settimana sicuramente è stanco però il giorno dopo va a scuola e nn ha male

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente il dubbio che sia psicologico viene; il medico cosa ne pensa?

La sezione commenti è attualmente chiusa.