I sintomi del diabete: scopri se sei diabetico

Ultimo Aggiornamento: 74 giorni

I sintomi iniziali della malattia dipendono innanzi tutto dal tipo di diabete: nel caso di diabete di tipo 1 si assiste di norma a:

  • un esordio improvviso,
  • spesso associato a febbre,
  • poliuria (aumentata quantità di urine),
  • polidipsia (sete),
  • astenia (sensazione di stanchezza),
  • perdita di peso,
  • secchezza cutanea (pelle secca),
  • perdita di peso inspiegabile,
  • maggiore sensibilità alle infezioni.

Ultimamente vai sempre più spessi in bagno a fare pipì? Questo potrebbe succedere perchè l’eccessiva quantità di zuccheri nel sangue non consente ai reni di lavorare in condizioni ottimali, costringendoli ad eliminare un’aumentata quantità di liquidi per diluire sufficientemente lo zucchero presente. La poliuria viene diagnosticata quando la produzione giornaliera di urina supera i 2 litri al giorno.

Se ti senti come se non riuscissi a bere a sufficienza e questo ti porta ad assumere quantità eccessive di liquidi potrebbe essere un sintomo di diabete: questo è una diretta conseguenza dell’aumentata produzione di urine: se espelli più pipì l’organismo invia segnali di sete per non disidratarsi.

Normalmente gli zuccheri assunti con la dieta, una volta assorbiti, vengono trasportati dal sangue in tutti i distretti dell’organismo dove le cellule sono in grado di prelevarlo grazie all’insulina; se questa sostanza non è prodotta in quantità sufficiente o le cellule diventano insensibili alla sua presenza, l’energia prodotta dagli zuccheri non è più disponibile e il corpo si affatica, manifestando stanchezza e debolezza muscolare.

Esistono poi altre manifestazioni del diabete, che intervengono però solo sul medio lungo periodo: neuropatie, visione offuscata, …

In caso di diabete tipo 2 i sintomi sono meno evidenti, al punto da non consentire una diagnosi rapida e certa: il paziente presenta quindi un elevato valore di glicemia e potrebbe in alcuni casi non presentare alcun sintomo per lungo tempo. I sintomi che potrebbero comparire sono per la maggior parte comuni al tipo 1:

  • minzione più frequente, soprattutto notturna,
  • sete,
  • stanchezza,
  • perdita di peso inspiegabile,
  • frequenti episodi di candida genitale (con prurito),
  • guarigione rallentata delle ferite,
  • occhi secchi.

È chiaramente indispensabile, per la diagnosi, rilevare un alto valore di glicemia, ossia la quantità di zucchero nel sangue, sintomo imprescindibile di diabete. È possibile conoscere questo valore con un esame del sangue, sia esso fatto in ospedale o presso diverse farmacie che offrono questo servizio.

Hai il diabete?

Per una corretta e sicura diagnosi di diabete basta che si rilevi una sola delle seguenti condizioni, in almeno due occasioni:

  • Sintomi di diabete (aumentate urine, sete, perdita di peso inspiegabile) in presenza di un valore di glicemia misurata in un momento qualunque della giornata superiore a 200 mg/dl.
  • Glicemia a digiuno superiore a 126 mg/dl, per digiuno s’intende la assoluta mancata assunzione di cibo da almeno 8 ore.
  • Glicemia maggiore o uguale a 200 mg/dl durante una curva da carico; questo test lo si effettua di norma in ospedale, somministrando una quantità nota e definita di zuccheri e rilevando in seguito come cambia il valore misurato.
  • Emoglobina glicata uguale o superiore a 6.5%

Esistono infine alcune situazioni in cui, pur non superando i valori indicati di glicemia, si parla di intolleranza glucidica:

  • Glicemia a digiuno tra 100 e 125 mg/dl
  • Glicemia durante una curva di carico tra 140 e 200 mg/dl
  • Emoglobina glicata compresa tra 6.0 e 6.4.

Molto spesso queste condizioni si registrano in presenza di altre condizioni patologiche come sovrappeso, dislipidemia (semplificando, colesterolo e/o grassi in eccesso nel sangue), ipertensione (ossia pressione alta).

La condizione di intolleranza glucidica è una situazione clinica, spesso sottovalutata, che precede il diabete di tipo 2; si tratta spesso di una condizione reversibile (per questo motivo si preferisce non usare più il termine (pre-diabete, come in passato), a patto di impegnarsi in modo costante e scrupoloso in un deciso miglioramento dello stile di vita:

  • perdere peso se necessario,
  • diminuire drasticamente il consumo dei dolci,
  • aumentare la quantità di attività fisica.

A seconda dei casi potranno essere presi in considerazioni interventi più particolari, come ad esempio il ricorso già in questa fase alla metformina, il ricorso a diete povere di carboidrati, … Si tratta di approccio che non godono dell’unanimità dei pareri della comunità scientifica e sono quindi da valutare con un endocrinologo.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Buongiorno, io è da qualche settimane, che ho un fastidio al prepuzio, esattamente la via urinale, vado in bagno regolarmente, ma il fastidio mi da preoccupazioni, e ha volte la notte mi sveglio per il fastidio sapete darmi qualche risposta? Grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Probabilmente c’è un’infiammazione, forse un’infezione, dovrebbe farsi visitare dal medico, eventualmente dall’urologo per avere una diagnosi circostanziata.

  2. Anonimo

    Salve, all’inizio di questo mese, avendo fatto una cena piuttosto ricca di dolci e dessert, ho deciso subito dopo di misurare la glicemia per vedere come ero messo. La prima volta mi da 141 mg. Incredulo per il risultato la rimisuro nemmeno 10 secondi dopo per ottenere questa volta 91 mg. La prima misurazione è stata fatta subito dopo aver cenato. Adesso mi chiedo se ci sono i presupposti per considerare che io possa essere affetto da diabete? Ho 31 anni e sono in sovrappeso.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se a distanza di 10 secondi ha rilevato una differenza così elevata è probabile che uno dei due sia un risultato errato, in ogni caso anche il 141 è un valore tutto sommato accettabile.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      È normale, il sangue si concentra a livello gastrointestinale, dove serve, e si può avere sensazione di freddo.

  3. Anonimo

    Buonasera io ho mia madre che soffre di diabete insulinodipendente,dopo la mia gravidanza gemellare ho dei problemi con le gambe da tre mesi circa urino tantissimo,avverto molti malesseri interiori,ho un allergia al glutine non lo mangio da quasi un anno,ho 31 anni potrei avere il diabete grazie

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, ha una familiarità positiva per cui conviene fare i test specifici per escluderlo. saluti

    2. Anonimo

      Buonassera,ho 24 anni e da 3 mesi che ho partorito.durante la gravidanza avevo spesso episodi di tremori stanchezza confuzione,tacchicardia.submit dopo il parto la tacchicardia ce l’avevo spesso non riuscivo a stare in piedi avevo la senzazione di svenire.adesso e da 3 setimane che gli sintomi pegiorano.ho anche le vertigini e un beaccio mi sembra di moverlo con fatica.2 giorni fa ho misuratto la glicemia a digiuno era 40.ho un rene e questi giorni ho la sensazione di andare spesso in bagno.sto allatando la bambina non so se la glicemia e bassa per quello.grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. La glicemia è stata misurata in laboratorio? Il ginecologo come spiegava i sintomi durante la gravidanza?
      2. Sollecitare non serve, rispondiamo comunque appena ci è possibile.

  4. Anonimo

    Da qualche giorno ho una grande sete, sarò diabetico?
    Tenga presente che peso 109 kg, ma sto già seguendo una dieta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Le cause possono essere numerose, ma essendoci almeno un fattore di rischio (sovrappeso) raccomando di segnalare il sintomo al medico.

  5. Anonimo

    Oggi ho fatto la glicemia in farmacia ed è venuto 83 a digiuno, cosa ne dice?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, ma si tratta di una complicazione che in genere compare nelle fasi più avanzate.
      Può invece comparire un disturbo temporaneo (vista offuscata) in caso di oscillazioni importanti della glicemia.

  6. Anonimo

    Ieri sera ho davvero esagerato con i dolci e questa mattina avevo la glicemia un po’ alta, devo ripetere la misurazione stando più attento? Posso essere diventato diabetico per essermi lasciato andare una volta?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Senza qualche dettaglio in più (età, valore trovato, …) è difficile fare considerazioni concrete, ma la misuri fra qualche giorno per verificare e poi faccia il punto con il medico.
      Se ha esagerato una sola volta o quasi non si preoccupi, è capitato a chiunque e per un unico strappo non si sviluppa certamente diabete.

La sezione commenti è attualmente chiusa.