Sindrome di Gilbert e bilirubina: cause, sintomi e cura

Ultimo Aggiornamento: 139 giorni

Introduzione

La sindrome di Gilbert è una patologia benigna del fegato, lieve e piuttosto frequente, in cui il fegato non riesce a smaltire correttamente la bilirubina, cioè la sostanza prodotta dalla disgregazione dei globuli rossi.

La bilirubina, una sostanza di colore arancione-giallastro, viene prodotta dalla disgregazione dei globuli rossi. Viene espulsa dall’organismo solo dopo aver subito una reazione chimica nel fegato, che converte la forma tossica della bilirubina (bilirubina non coniugata) nella forma non tossica (bilirubina coniugata). Nei pazienti che soffrono della sindrome di Gilbert la bilirubina non coniugata si accumula nel sangue (iperbilirubinemia non coniugata).

Nei pazienti colpiti, i livelli della bilirubina sono variabili e solo di rado aumentano fino a causare l’ittero, cioè la colorazione giallastra della pelle e della parte bianca degli occhi.

La sindrome di Gilbert di solito non provoca alcuna conseguenza grave e non richiede alcuna terapia.

E’ causata da una mutazione genetica ereditaria, quindi si manifesta già alla nascita, ma di norma non viene diagnosticata per molti anni. La sindrome di Gilbert spesso viene diagnosticata per caso, ad esempio quando dagli esami del sangue risulta che il paziente ha la bilirubina molto alta.

I più colpiti sono gli uomini, di solito viene diagnosticata durante l’adolescenza. Se i pazienti affetti manifestano episodi di iperbilirubinemia, questi episodi di norma sono lievi e di solito si verificano quando l’organismo è sotto stress, ad esempio quando si è disidratati, dopo un digiuno prolungato, quando si è malati, si fa esercizio fisico con troppa intensità o durante il ciclo mestruale.

Alcuni pazienti affetti dalla sindrome di Gilbert soffrono di fastidi addominali o di stanchezza, tuttavia il 30 per cento circa dei pazienti non avverte alcun sintomo e in essi la diagnosi avviene quando gli esami del sangue di routine indicano l’eccesso di bilirubina non coniugata.

Cause

La sindrome di Gilbert è causata dall’anomalia di un gene che si eredita dai genitori.

Il gene controlla un enzima che serve per disgregare la bilirubina all’interno del fegato, se il gene non funziona correttamente si accumula una quantità di bilirubina eccessiva nel sangue.

Come viene smaltita la bilirubina?

La bilirubina è un pigmento giallastro derivato dalla disgregazione dei globuli rossi vecchi. La bilirubina, attraverso il sangue, raggiunge il fegato. In condizioni normali un enzima presente nelle cellule epatiche la disgrega e la separa dal sangue. La bilirubina, quindi, abbandona il fegato e raggiunge l’intestino, mescolata con la bile. Qui viene smaltita insieme alle feci. Solo una piccola quantità di bilirubina rimane nel sangue.

Come avviene la trasmissione del gene?

L’anomalia del gene che provoca la sindrome di Gilbert è piuttosto diffusa. Molte persone possiedono una copia di questo gene anomalo, ma, per causare la sindrome di Gilbert, normalmente ne sono necessarie due copie.

Fattori di rischio

Il rischio di soffrire della sindrome di Gilbert aumenta se entrambi i genitori sono portatori del gene anomalo che causa la malattia

Sintomi

Il sintomo caratteristico della sindrome di Gilbert è il colore giallastro (ittero) della parte normalmente bianca degli occhi e della pelle, che si manifesta solo occasionalmente ed è causato dai livelli di bilirubina nel sangue leggermente più elevati del normale.

Alcuni disturbi e alcune situazioni possono far aumentare i livelli di bilirubina, e quindi l’ittero, nelle persone affette dalla sindrome di Gilbert, tra di essi ricordiamo:

L’ittero scompare quando questi disturbi o queste condizioni cessano.

Altri sintomi che sono stati talvolta riportati da pazienti colpiti dalla sindrome sono:

  • affaticamento e sensazione di stanchezza,
  • difficoltà a mantenere la concentrazione,
  • ansia,
  • perdita di appetito,
  • nausea,
  • dolore addominale,
  • perdita di peso,
  • prurito (senza rash)

ma la letteratura scientifica su questi aspetti non è ancora chiarissima sugli eventuali nessi causali.

Quando chiamare il medico

Prendete un appuntamento dal medico se soffrite di itterizia, perché questo disturbo può avere diverse cause.

Pericoli

Ittero

La sindrome di Gilbert può causare episodi di ittero che tuttavia sono lievi, guariscono spontaneamente e non causano alcun problema fisico. Se l’ittero non scompare, vi consigliamo di consultare il medico.

Effetti collaterali di alcuni farmaci

La carenza dell’enzima che disgrega la bilirubina causando la sindrome di Gilbert può anche far aumentare gli effetti collaterali di alcuni farmaci, perché l’enzima serve a eliminarli dall’organismo.

In particolare l’irinotecan, un farmaco chemioterapico, può raggiungere livelli tossici se si soffre della sindrome di Gilbert, e può quindi causare gravi episodi di diarrea. Alcuni inibitori delle proteasi usati per curare l’HIV possono provocare un aumento dei livelli di bilirubina nei pazienti affetti dalla sindrome di Gilbert.

Se soffrite della sindrome di Gilbert consultate sempre il medico quando dovete assumere un nuovo farmaco, per scongiurare il rischio di effetti collaterali.

Diagnosi

La sindrome di Gilbert spesso viene diagnosticata per caso, in seguito a:

  • esami del sangue che evidenziano livelli di bilirubina molto alti,
  • ittero apparentemente inspiegabile.

Il medico vi visiterà e vi chiederà se manifestate i classici sintomi delle malattie epatiche, ad esempio i dolori addominali e le urine più scure della norma. Vi può consigliare gli esami del sangue per escludere i problemi al fegato che potrebbero far aumentare la bilirubina. Tra gli esami del sangue eseguiti con maggior frequenza ricordiamo:

  • esame della bilirubina,
  • emocromo completo,
  • esami della funzionalità epatica.

Se gli esami del sangue e della funzionalità epatica sono normali ma la bilirubina è alta, molto probabilmente il paziente soffre di sindrome di Gilbert. Di solito non è necessario alcun altro esame per diagnosticare il disturbo.

Nonostante sia presente fin dalla nascita, la sindrome di Gilbert di solito non viene diagnosticata prima della pubertà o dell’età adulta, perché la produzione di bilirubina aumenta durante la pubertà.

Cura e terapia

Per la sindrome di Gilbert non è necessaria alcuna terapia.

I livelli della bilirubina nel sangue possono variare e si può soffrire occasionalmente di ittero, che tuttavia scompare spontaneamente e non causa alcun effetto indesiderato.

Stile di vita e rimedi pratici

Alcuni eventi, ad esempio le situazioni stressanti, possono far aumentare improvvisamente la bilirubina, provocando l’ittero. Per cercare di mantenere la bilirubina sotto controllo, si possono prendere alcuni provvedimenti pratici, ad esempio i seguenti.

  1. Dite a tutti i medici che vi seguono che soffrite della sindrome di Gilbert. Questo disturbo, infatti, influisce sul modo in cui l’organismo elimina alcuni farmaci, quindi c’è il rischio che possa far peggiorare gli effetti collaterali. Dite a tutti i medici che vi seguono che soffrite della sindrome di Gilbert, in modo che le terapie siano scelte anche sulla base di questo fatto.
  2. Seguite una dieta sana, ricca di frutta e verdura. Evitate le diete troppo aggressive per dimagrire. Attenetevi a un programma giornaliero e cercate di non digiunare e di non saltare i pasti.
  3. Tenete sotto controllo lo stress. Cercate i modi per gestire le situazioni stressanti. Prendete in considerazione l’esercizio fisico oppure cercate di trascorrere alcuni momenti tranquilli da soli per gestire lo stress.

 

Fonti Principale:

(traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Christian

    Buonasera dottore, volevo chiederle se il dolore e bruciore al fegato sono sintomi di Gilbert. Mi hanno diagnosticato questa sindrome dopo aver fatto esami del sangue specifici sulla bilirubina…risultava più alta quella indiretta, proprio come la sindrome.tutta via i dolori addominali sono forti e la pelle si presenta gialla. La buona notizia è che le feci e le urine sono normali.lei cosa ne pensa?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, probabilmente sono sintomi legati alla sindrome (a meno che i dolori non siano molto forti).

  2. Giuseppe

    In un esame di controllo il dottore in presenza dei valori alti bilirubina diretta e indiretta ha diagnosticato questa sindrome,ora aspettiamo due ulteriori controlli,un ecografia dell’addome e un altro esame esame ematico.Nell’esame in cui si è evidenziato i valori alti della bilirubina,c’erano alcuni valori bassi nell’emocromo legati al ferro.Chiedo questa sindrome può influire negativamente nella pratica dello sport e in particolare della corsa?
    Grazie di tutto e auguri per un buon 2016
    Giuseppe

  3. Gaetano

    Salve dottore, ho da poco fatto gli esami del sangue perché ho frequenti vertigini. Tutti i risultati sono nella norma ma quello che mi preoccupa è proprio la bilirubina totale alta.
    Le scrivo i risultati relativi alla bilirubina:

    Bilirubina totale 2,301 Valore Prev. 0,0 – 1,0
    Bilirubina diretta 0,52 Valore Prev 0,0 – 0,2

    Potrebbe essere sindrome di Gilbert?
    Oltretutto, mi sono usciti alterati CK (227 e dovevano essere massimo 174) e Omocisteina (17,77 e doveva essere massimo 15).

    Ho 23 anni, non pratico sport ma nella giornata prima del prelievo sono stato a letto con la mia ragazza, non so se questo, effetticamente, potrebbe alterare il valore CK. Grazie mille in anticipo!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Da questi valori risulta una indiretta

      1.78 (0-0.8)

      quindi sì, la sua ipotesi è senza dubbio plausibile.

      L’omocisteina merita attenzione (acido folico?); se sono stati fatti giochi da circo ( 😉 ) per diverso tempo sotto le coperte non è escluso che possa aver influito, ma appare comunque un po’ alto il CK.

    2. Gaetano

      Ho avuto anche un fortissimo attacco di panico la sera prima e sino stato al pronto soccorso. Mi hanno misurato pressione e fatto elettrocardiogramma, il secondo risultato normalissimo e la pressione 120 – 80. Sono andato per fortissime vertigini e dolore al collo insieme a sensazione di pressione al petto e dolore. Potrebbe essere stato questo?

    3. Gaetano

      Il mio medico ha detto che potrebbe essere una sofferenza muscolare dovuta alla cervicale. Potrei prendere, oltretutto, degli integratori di Acido Folico (sempre a detta sua) con vitamina B6 e B12 (visto che non mangio carne). Le sembra appropriata come cosa?
      Soprattutto, ha detto di non preoccuparmi del valore CK perché sono giovane ma continuo ad avere vertigini e senso di oppressione al petto. Lui, però, continua a dire che è ansia e panico (per i quali vado spesso al PS).

  4. FULVIO 58 TORINO

    CON LA SINDROME DI GILBERT CON IL PASSARE DEGLI ANNI SI PUO TRASFORMARE IN TUMORE AL FEGATO? GRAZIE

  5. Anney

    Salve dottore qualche mese fa mi è stata diagnosticata questa sindrome … e mi capita spesso di avere dolori addominali … volevo sapere se era collegato a Gilbert

  6. Giuseppe

    Salve Dottore,ho 28anni e anche io soffro di sindrome di Gilbert. Da diversi anni nelle analisi che faccio oltra alla bilirubina totale alta(tra 2 e 3) trovo sempre il ferro alto(tra 185-195). Non soffro di anemie(ho fatto tutti gli esami),e il resto dell emocromo é perfetto. Volevo sapere se c’è correlazione tra bilirubina alta e ferro alto o potrebbe essere altro. Grazie,Saluti.

  7. Giuseppe

    Salve Dott,sono stato dal mio medico e mi ha detto che nn ho nulla di particolare. Lo tengo cosi il ferro e amen. non mi ha dato nessuna cura per abbassarlo. Lei cosa mi consiglia? Cosa posso fare? Grazie della risposta.

  8. mariella

    Buongiorno dottore mio figlio ha 16 anni dagli esami e affetto dall’ittero di Gilbert ha la bilirubina alta e i calcoli nella bile e grave? Può ottenenere l’esenzione del ticket grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La sindrome di Gilbert non è grave.
      I calcoli sono da tenere d’occhio, curando l’alimentazione.

      Non credo che si possa richiedere l’esenzione.

  9. Roberto

    Salve Dottore. le chiedo, se una cistite, puo scatenare il morbobo di Gilbert.
    Grazie

  10. Giuseppe

    Salve Dottore. Gentilmente potrebbe dirmi se il Tenormin può far salire i livelli della bilirubina. Visto che lo assumo regolarmente da qualche anno. Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Che io sappia può alterare le transaminasi, ma non la bilirubina.

  11. PASQUALE

    Buongiorno dottore, ho appena ricevuto il risultato delle analisi, dove ho la bilirubina totale a 2.65 su 1.21 max la diretta a 0.82 su 0.41 max e l’indiretta a 1.83 su 0.80 max o da tempo sono a conoscenza di soffrire di questa sindrome, ma non ho fatto esami specifici per esserne certo. Premetto che svolgo attività fisica ogni giorno, avverto stanchezza con difficoltà di concentrazione in alcuni momenti e null’altro. Le analisi della funzione epatica sono perfettamente nella norma. le chiedo se devo fare analisi mirate e se si quali per conoscere se sono affetto o meno da questa sindrome, grazie. Ho 46 anni sono sportivo e a volte per il mio lavoro mi ritrovo a fare dei digiuni di 8/9 ore. Buona giornata

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Appare plausibile che si tratti di questa sindrome, ritengo sufficiente come primo passo verificare con il medico curante.

  12. silvi

    Salve dottore, mio figlio ha questa malattia (morbo di gilbert )spesso le sue feci sono chiarissime….vuol dire che si è aggravato?è normale?
    La ringrazio e attendo la sua risposta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente dipende anche da cosa mangia, ma ovviamente lo segnali anche al medico.

  13. Alberto

    Può succedere qualcosa di grave se eseguo 3 km al giorno di corsa?

  14. Roberto B

    Da ragazzo mi è stata diagnosticata la sindrome di Gilbert senza effetti particolari salvo un leggero colorito “orientale” della pelle (non degli occhi).
    A 45 anni (ora ne ho 50) mi compare una Dermatite Atopica in zona toracica che mi causa pruriti e zone arrossate che non prendono l’abbronzatura. Dopo due allergologi, 2 dermatologi e infiniti test alla fine pare sia il “solito” stress… e me lo sono tenuto per anni.
    Casualmente da solo scopro che l’assunzione di vitamine B migliorano notevolmente la situazione.
    Può esserci un nesso tra la sindome questi sintomi? Suggerimenti? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La carenza di vitamine del gruppo B può essere causa di dermatite, il legame potrebbe essere questo.

  15. Stefano

    Gent.le dott.Cimurro.
    Complimenti per la fruibilità di quanto sopra e per la sua disponibilità.
    Ho 52 anni e soffro (in modo consapevole da molto tempo) di sindrome di Gilbert. Vorrei sapere cosa usare nel caso sia necessario far ricorso ad un analgesico-antipiretico (una banale inflenza, dolore dentale,……) per chi soffre del Gilbert visto che i farmaci più diffusi tipo Tachipirina, Efferalgan, (quelli a base di paracetamolo), riportano espressamente nel bugiardino di porre ATTENZIONE alla loro somministrazione nel caso di Gilbert.
    Grazie della risposta.
    Stefano

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Con l’avallo del medico in genere non ci sono grossi problemi ad usare i farmaci nominati, ma come detto il via libera è prerogativa del suo curante che conosce la sua esatta storia clinica.

  16. carmine

    salve dottore vi volevo chiedere informazzione riquardando sindrome di gilbert.mi fioglio di 15 anni fatto analisi e uscita la bilirubina frazionata metodo colorimento fotometrico.bilirubinemia totale.2.39 mg/dl.esito ,valore normale 1.00…bilurinemia diretta.0.22.mg/dl esito..valore normale 0.30…bilirubinemia indiretta..2.17.mg7dl..fino a 0.70..il medico a detto che potrebbe essere la sindrome.cosa posso fare per accettarmi che e questo.le chiedo e una cosa pericolosa?si puo guarire comporta complicazioni in futuro?ce bisogno di qualche dieta?grazie in anticipo per l”attenzione..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è causa di complicazioni, ma non è possibile guarire; una dieta sana e equilibrata è sicuramente d’aiuto, soprattutto nelle fasi avute della sindrome.

  17. Anonimo

    Buongiorno Dottore,
    ho 35 anni e da 20 anni circa soffro del morbo di Gilbert.
    Ma da 1 anno il problema si sta facendo più intenso, cioè vado di dissenteria quasi sempre e con dolori atroci al lato sinistro dell’addome. Per di più soffro di dolori alle articolazioni. Ho subito interventi per ascessi perianali e svariate volte sono ricorso al PS per emorroidi. A causa di questo non posso prendere impegni molto lontano da casa perché devo andare sempre in bagno.
    Le chiedevo quali esami specifici devo fare per capire se la malattia sta degenerando, e se è possibile che ho il morbo chron.
    C’è un’alimentazione specifica da seguire? intanto grazie mille per la sua cortese attenzione

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non credo che la causa sia la sindrome di G., mi rivolgerei per i sintomi descritti ad un gastroenterologo.

    2. Anonimo

      La ringrazio per la sua celere risposta. Quali esami dovrebbe fare il gastroenterologo? li devo prenotare dal dottore di famiglia? Grazie

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Inizi a parlarne con fiducia al medico di base, se lo riterrà necessario la invierà allo specialista, ma non escludo che possa aiutarla in prima persona.

    4. TOMMY..

      Salve dr. io da molto tempo soffro del morbo di gilbert, ho 47 anni sono una persona sportiva mi alleno 3 volte in palestra 2 di calcetto in totale 5 volte la settimana .sono 15 giorni che avverto stanchezza fisica non riesco a recuperare può essere la patologia del morbo a crearmi questo problema?infine questa patologia può ridurre il ferro? grazie molto per la sua cortese attenzio.

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, possibile.
      2. No, non dovrebbe incidere sulle scorte di ferro.

  18. tommy

    Mi scuso ancora dr .da quello che ho capito devo ridurre l’attività fisica. Ma in questa fase di stanchezza posso prendere qualche integratore? Grz di tutto Dr.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Temo che aiuterebbero poco, meglio qualche attenzione in più alla dieta se ci fosse margine di miglioramento; senta comunque il parere del medico.

  19. Fulvio

    Salve dottore. Quando ho scoperto di avere il Gilbert (14 anni), in seguito a sforzo (tipo serie ripetute di sprint) avevo crisi ipoglicemiche e vomito. Nel periodo tra i 17 e 30 anni questo fenomeno é sparito, ma adesso con 36 anni é tornato. Reggo bene la fatica (sono mezzofondista) e con un po di miele recupero anche in corsa, ma gli sforzi esplosivi sono impossibili. Come posso prevenire le crisi quando devo scattare? Ci sono alimenti che possono aiutarmi?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente temo che non si possa fare molto, ma non ho le competenze per una risposta definitiva, proverei quindi a sentire un medico esperto in medicina dello sport.

  20. Alessandra

    Salve dottore, ho appena scoperto che mia figlia di 12 anni ha la sindrome di gilbert.. Dopo che l’ho portata in ospedale X una forte emicrania, stanchezza,dagli accertamenti sono risultati questi valori: BIL tot 2.31 BIL dir 0.53 BIL ind1.78 ha anche un evidente ittero agli occhi..mi conferma questa diagnosi? Poi mi hanno suggerito come terapia X l’ittero tè verde matt e sera è un cucchiaino di bicarbonato in un bicchiere d’acqua X un 3 settimane… Lei cosa mi consiglia? La ringrazio X la sua disponibilità.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. La diagnosi appare sicuramente plausibile.
      2. Non aspettiamoci miracoli, ma male non fa; il tè verde sarebbe preferibile berlo senza zucchero, ma se proprio non piacesse ne metta il meno possibile. Usi il verò tè in filtri ed eviti le bevande zuccherate pronte.

  21. daniele

    Buonasera, 10 anni fa mi e stata diagmosticata per caso la sindrome di gilbert…. il mio valore di birilubina viaggia sui 4…. ma spesso sale anche fino a 8/9 con conseguente colorazione degli occhi gialli, spossatezza e sonnolenza. A volte mi cita di esser particolarmente stressato e assonnato….. magari la sera dormo anche malr e il giorno dopo sto peggio… mi puo dare qualche dritta in merito?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso avallare l’uso di farmaci.

  22. Mary

    Salve dott la mia nipotina nata lo scorso 2 giugno ha purtroppo il valore della bilirubina sui 2.7 adesso sta facendo le cure x abbassarla che sono state cominciate però 6 giorni dopo la nascita, volevo chiedere se questo valore può dare dei danni neurologici? Ho letto che con valori molto alti la bilirubina può arrivare al cervello…ma non ho trovato un valore di riferimento…! In attesa di una sua risposta porgo cordiali saluti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non mi sento in grado di rispondere.

  23. Leo

    Salve dottore, sono affetto da sindrome di Gilbert…recentemente ho tenuto sotto controllo la bilirubina (per un concorso che sto facendo) e il valore della bilirubina indiretta dalle analisi fatte quest’anno sono:
    gennaio 2016: 3,95
    febbraio 2016: 4,06
    marzo 2016: 3,70
    giugno 2016: 2,91
    Al momento sto facendo una cura prescritta dal mio medico, ma dato che ho bisogno di abbassare un altro po’ il valore della bilirubina desideravo avere un consiglio più specifico sui cibi che potrei mangiare (oltre frutta e verdura) che non causano l’innalzamento della bilirubina, e soprattutto vorrei sapere cosa devo evitare maggiormente. La ringrazio in anticipo!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Vanno evitati i cibi grassi, soprattutto di origine animale, ma purtroppo con la dieta in caso di Gilbert si riesce a intervenire relativamente poco.

  24. Anonimo

    uomo quasi 37enne.
    Esami emocromo.

    bilirubina diretta 0.28
    bilirubina indiretta 1.18 * (val di rif. 0,10-0,90)
    bilirubina totale 1.46 * (val di rif. 0,20-1,20)
    Colesterolo 242

    e’ molto preoccupante?? ho letto di tumori o epatite???? sono preoccupatissimo ho un bambino e non vorrei fare danni

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buongiorno, non mi preoccuperei più di tanto; intanto se avesse avuto un tumore, sarebbe stata la bilirubina diretta ad essere più elevata, l’epatite poi causa alterazione di altri indici epatici AST e ALT per esempio; il riscontro di bilirubinemia indiretta poco elevata è molto comune, esistono sindromi genetiche predisponenti, o problemi ematologici annessi. Se è il primo riscontro nella sua vita ne parli col medico e ripeta gli esami successivamente. Saluti.

    2. Anonimo

      La ringrazio. Temevo per epatiti o tumori. Sono più tranquillo. Ripeterò gli esami.
      Ma può essere collegato al colesterolo alto?
      come posso abbassare la biluribina?
      quella diretta è apposto ho 0,28 (val di rif. 0,10-0,35)

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      …il colesterolo non c’entra. La bilirubina indiretta elevata non si può abbassare dall’esterno, bisognerebbe capirne la causa, ma è davvero un valore basso comunque. AST e ALT forse le trova sotto GOT e GPT, vecchia dicitura, sono enzimi epatici che si elevano in caso di danno e disfunzione epatica.

    4. Anonimo

      ho controllato ed entrambi sono perfettamente nei range (valori di riferimento, il mio valore è sotto la metà del limite indicato in entrambi i casi) indicati… quindi posso escludere l’epatite??

  25. Luca C.

    Salve dottore…sono un ragazzo di 23 anni e da un pò di tempo che sto facendo delle analisi del sangue su richiesta della mia dottoressa e i risultati riguardanti appunto la bilirubina sono troppo alterati.La prima volta che li ho eseguiti è stato nel mese di maggio e i risultati sono stati questi:
    Bilirubina totale 6.80
    Bilirubina indiretta 6.38
    Bilirubina diretta 0.42
    In questi giorni ho ripetuto le analisi e i risultati sono stati questi:
    Bilirubina totale: 6.98
    Bilirubina indiretta: 6.70
    Bilirubina diretta: 0.28
    Mi è stato detto che ho la sindrome di Gilbert. Io sono un ragazzo molto attivo e dinamico però vedo che i miei valori sono troppo elevati. Mi può dire lei qualcosa a riguardo? Sto incominciando seriamente a preoccuparmi. Grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La diagnosi fatta sembra assolutamente plausibile.

    2. Luca C.

      Quindi non devo preoccuparmi? E poi se continuasse ad aumentare quali sarebbero le conseguenze?

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, no nulla di preoccupante è una sindrome molto diffusa…le potrà capitare di vedere la zona bianca degli occhi leggermente gialla (per la bilirubina un pò elevata) è un sintomo normale in questi casi, specie dopo sforzi, attività fisica…stia tranquillo, non comporta niente di grave. Saluti.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.