I sintomi della sclerosi multipla

Ultimo Aggiornamento: 1764 giorni

Link sponsorizzati

http://it.wikipedia.org/wiki/File:SNC21.gif

http://it.wikipedia.org/wiki/File:SNC21.gif

I sintomi della sclerosi multipla possono essere di lieve entità oppure gravi, di lunga o di breve durata, e possono manifestarsi in diverse combinazioni a seconda della zona del sistema nervoso che viene coinvolta. La remissione totale o parziale dei sintomi, soprattutto nei primi stadi della malattia, si verifica nel 70 per cento circa dei malati di sclerosi multipla.

La malattia

La sclerosi multipla è una malattia infiammatoria cronica che colpisce cervello e midollo spinale, ossia il sistema nervoso centrale.

E’ caratterizzata da una progressiva degenerazione della mielina, una sostanza grassa che riveste le fibre nervose permettendo il transito dei segnali dal sistema nervoso centrale agli organi ed ai muscoli del corpo.

Una trasmissione bloccata o fortemente rallentata si manifesta quindi come sintomo della malattia a livello del bersaglio del segnale: se per esempio ad essere interessata è la mielina del nervo ottico a risentirne sarà la vista.

La zona in cui la mielina è stata danneggiata o distrutta viene definita placca, nel tempo una placca diventa più dura a causa della formazione di tessuto cicatriziale: ecco quindi che il nome della malattia deriva da una sclerosi (sono presenti cicatrici) multipla (in molte zone).

I sintomi

Poiché a seconda della zona colpita i sintomi della sclerosi multipla sono diversi, è difficile indicare un decorso di massima: è una malattia non prevedibile, diversa da un soggetto all’altro ed anche per lo stesso paziente i sintomi possono cambiare da un attacco all’altro.

I sintomi elencati di seguito non si manifestano mai tutti, ma possono comparire e sparire a seconda della zona colpita.

L’esordio è in genere immediato, nel giro di minuti o poche ore, tuttavia in una minoranza di casi la comparsa si protrae fino a sei mesi.

I primi sintomi della sclerosi multipla spesso sono:

  • la visione offuscata o doppia,
  • la distorsione del colore rosso-verde,
  • cecità da un occhio solo,
  • debolezza muscolare di uno o più arti,
  • difficoltà di coordinazione e di equilibrio.

Questi sintomi possono essere così gravi da impedire di camminare o addirittura di stare normalmente in piedi, nei casi più gravi la sclerosi multipla può causare la paralisi parziale o totale. Sono comuni anche la spasticità (l’aumento involontario del tono muscolare che causa rigidità e spasmi) e l’affaticamento. L’affaticamento può essere scatenato dallo sforzo e può migliorare con il riposo, oppure può assumere le sembianze di una stanchezza costante e persistente.

La maggior parte delle persone affette da sclerosi multipla presenta anche parestesie, ovvero manifestazioni sensoriali transitorie e anomale, come l’intorpidimento, sensazione di punture di spillo o formicolii; di rado alcune persone possono anche provare dolore. A volte si verifica una perdita di sensibilità. Altri sintomi lamentati di frequente sono: disturbi del linguaggio, tremori e vertigini. In alcuni casi, le persone affette da sclerosi multipla possono anche perdere i capelli.

Circa la metà dei malati presenta deficit cognitivi come difficoltà di concentrazione, di attenzione, di memoria e mancanza di giudizio, ma questi sintomi spesso sono di lieve entità e vengono di norma tollerati. I malati potrebbero non essere consapevoli dei loro deficit cognitivi, spesso è un membro della famiglia oppure un amico che nota per primo il problema. Questi problemi di solito sono di lieve entità e raramente si dimostrano invalidanti; le capacità intellettive e linguistiche di solito non vengono compromesse.

Difficoltà cognitive si verificano quando le lesioni si sviluppano in aree del cervello responsabili dell’elaborazione dell’informazione, questi deficit tendono a diventare più evidenti quando l’informazione da elaborare diventa più complessa. Anche la fatica può andarsi a sommare alle difficoltà di elaborazione.

I ricercatori non hanno ancora scoperto se le alterazioni cognitive causate dalla sclerosi multipla rispecchiano problemi nell’acquisizione o nel recupero delle informazioni, oppure una combinazione di entrambi questi fattori.

I problemi legati alla memoria possono essere invece diversi a seconda del quadro clinico del paziente (malattia recidivante, in remissione, al primo stadio, progressiva, …), ma non sembra esserci nessuna correlazione diretta tra la durata della malattia e la gravità delle disfunzioni cognitive.

La depressione, che non è collegata ai problemi cognitivi, è un’altra caratteristica frequente della sclerosi multipla, inoltre circa il 10 per cento dei pazienti soffre di disturbi psicotici più gravi, come sindrome maniaco-depressiva e paranoia.

Il 5 per cento può essere soggetto a episodi di euforia e disperazione immotivate (cioè non collegate allo stato emotivo reale del paziente), globalmente noti come incontinenza emotiva. Si pensa che questa sindrome sia dovuta alla demielinizzazione del tronco encefalico, l’area del cervello che controlla le espressioni facciali e le emozioni: di solito si registra solo nei casi più gravi.

Con il progredire della malattia, le disfunzioni sessuali potrebbero diventare un problema ed è anche possibile che si perda il controllo degli intestini e della vescica.

Nel 60 per cento circa dei malati di sclerosi multipla il caldo, sia esso ambientale o dovuto all’esercizio fisico, può causare il peggioramento temporaneo di molti sintomi della malattia: in questo caso eliminando la causa del caldo si elimina anche il problema. Alcuni pazienti più sensibili alle temperature alte trovano sollievo temporaneo ai loro sintomi facendo un bagno freddo e, per lo stesso motivo, il nuoto spesso rappresenta una buona opportunità di esercizio fisico per le persone affette da sclerosi multipla.

I sintomi intermittenti della sclerosi multipla possono influenzare l’intero nucleo famigliare, perché i malati possono perdere la capacità di lavorare e nel frattempo trovarsi ad affrontare spese mediche ingenti e spese aggiuntive per l’assistenza in casa e le modifiche all’abitazione e ai veicoli. L’esaurimento emotivo del malato e della famiglia è incalcolabile, i gruppi di aiuto e il la terapia psicologica possono aiutare i malati, le loro famiglie e gli amici a trovare modi efficaci per affrontare i molti problemi che la malattia può causare.

Ricordiamo infine il segno di Lhermitte, costituito da una sensazione di scossa elettrica che percorre la colonna vertebrale e gli arti inferiori in seguito a flessione del collo.

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Symptoms_of_multiple_sclerosis.png

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Symptoms_of_multiple_sclerosis.png

Ricapitolando i sintomi della sclerosi multipla possono essere:

  • Debolezza muscolare
  • Spasticità
  • Menomazione nella percezione del dolore, della temperatura e nel senso del tatto
  • Dolore (da lieve a grave)
  • Atassia (perdita della coordinazione muscolare)
  • Tremiti
  • Disturbi della parola
  • Disturbi della visione
  • Vertigini
  • Disfunzioni vescicali
  • Disfunzioni intestinali
  • Disfunzioni sessuali
  • Depressione
  • Euforia
  • Alterazioni cognitive
  • Affaticamento

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. stefania

    buongiorno dottore,
    ho 33 anni e da circa 8 mesi accuso parestesie spalla braccio destro, formicolii alle dita, dolore braccio sinistro, dolore intorbimento e formicolio alle gambe, stanchezza e giramenti di testa,
    ho eseguito rm cervicale e lombare da cui sono emerse 2 ernie cervicali e 3 lombari, più noduli alla tiroide per i quali ho fatto tutti gli esami del caso ed è emersa tiroidite di hascimoto.
    fatta visita neurologica , tutto ok escluso problema neurologico e mandata da un rematologo dopo 40 gg di antinfiammatori, sto attendendo la visita, il problema è che sto sempre peggio, dimentico le cose e arrivo alle 12 con dolori alla cervicale, alle gambe e questo fastidioso giramento di testa . mi consiglia qualcosa per lenire questi dolori?
    La ringrazio
    Cordialmente Stefania

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso consigliare farmaci e, senza una diagnosi esatta, non mi sento nemmeno di dare consigli sullo stile di vita.

    2. stefania

      la ringrazio,
      l’ho girata alla larga quando la mia domanda è : può essere sm o solo stress?

    1. Anonimo

      che è molto buono come valore ma ancora altino… da premettere che ho anche problemi di diarrea e quindi l’endocrinologo dice che non so quanto assimilo il farmaco

  2. stefaniA

    Ho una situazione particolare un bimbo di 5 anni disabile grave e tutti attribuiscono la mia situazione allo stress ma io mi sto preoccupando poiché i miei parenti mi stanno sottolineando il fatto che nn mi ricordo le cose, che sono sempre stanca e che sembra che sia distratta… Ma io cerco di concentrarmi ma il mio unico desiderio sarebbe riposarmi

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe incidere moltissimo questa stanchezza, al termine degli approfondimenti (se non fosse emerso nulla) non escludiamo che possa essere la causa.

  3. Anonimo

    Salve dottore. Mio padre ha 51 anni, lamenta offuscamento, visione doppia e dolori agli arti. Secondo me la visione doppia è causata da una lettura con un telefono piccolo sforzando l’occhio. Gli esami di controllo sono normali. Mi devo preoccupare???

  4. Anonimo

    Lui ha anche gli occhiali per vedere da vicino…. dottore in famiglia non ci sono casi. Grazie

    1. Anonimo

      Penso quelle che si fanno dall’ottico per vedere se è necessario mettere gli occhiali…. non penso quella dell’usl……..

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Raccomando di rivolgersi ad un oculista per una visita vera e propria; non mi sento di fare ipotesi.

    3. Anonimo

      Ma ci potrebbe essere il rischio… io sono ansioso… lei è l’unoca persona che è disposto ad aiutarmi… lui mi ha detto che li capita quando guarda piccolo, può essere questo??? Da amico…

  5. Anonimo

    Guarda cose in piccolo come le cose del telefono e so che usa gli occhiali anche a lavoro per cose piccole. Non so se gli occhiali (la visita ) l’abbia fatta dall’ausl o dall’ottico. Ad esempio l’altro giorno mi ha detto che vedeva un po’ offuscato ma dopo 30minuti neanche è passato da ciò che mi ha detto lui… io penso invece che nella sclerosi multipla il diaturbo duri giorni e giorni… e poi il semaforo rosso e il verde lo distingue bene…grazie dottore per la fiducia!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non mi è molto chiara la situazione, ma con una visita oculistica potrà togliersi ogni dubbio.

  6. Anonimo

    So solo che mio padre mi doce che gli succede quando guarda per molto tempo scritture piccole… secondo lei può essere preoccupante da sclersi o è coke dice lui.. sa l’ansia non mi riesce a fare frasi di senso compiuto

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non capendo preferisco none esprimere giudizi.

  7. Nadia

    Salve, le spiegherei la mia situazione clinica ma è un po lunga, la faccio breve ma comunque gliela spiego in maniera chiara. Ho 20 anni e dalla fine di settembre ho iniziato ad avvertire sintomi mai provati prima, come stordimento, sensazioni di vuoto totale alla testa, nausea, vertigini, e visione doppia e febbricola (37.2). Tutti sintomi spariti nel giro di 10-15 gg, l’unico sintimo rimasto ad oggi è la diplopia in alto a dx e sx. Siamo a gennaio e ancora non ho un quadro clinico preciso, se non che ho 4 lesioni al cervello, di cui due infiammate, e un tecnico radiologo ha accennato ad un principio di sm. Ora l’ultima cosa che mi rimane da fare è l’esame del liquor, che farò a giorni. Lei cosa ne pensa? La ringrazio anticipatamente qualora sapesse e potesse esporsi riguardo questa situazione.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non mi sento in grado di esprimere giudizi.

  8. alessia

    Nn sò xké ma specialmente la notte ho delle scosse fortissime all’altezza delle coscie ke x quanto mi recano dolore mi sveglio è cerco di cambiare postura piano piano cercando così ke le scosse e i formicolio mi passino…mi creda è indescrivibile la sofferenza ke ho quasi tutte le notti….lei cosa mi consiglia…

  9. luciana

    Io ho invece mamma che da un paio d anni a questa parte nn riesce piu ad avere bene…le spiego, è sempre stata una donna attiva ha sempre camminato tantissimo ma da un paio d anni ad oggi si stanca quando cammina, le gambe se le deve trascinare e in seguito a questo le viene anche una forte tachicardia, ha fatto tutte le visite possibili e immaginabili, neurologica, ortopedica,chirurgo vascolare, cosa dobbiamo fare piu? Grazie anticipatamente

    1. Anonimo

      La riscrivo xche nn so se le è arrivata la risposta
      a tutt oggi nessuna diagnosi, l ultimo dottore le ha detto che potrebbe essere una mancanza di vitamina D, e le ha prescritto tutta una serie di farmaci

    2. Anonimo

      No dottore nn se n è mai parlato di questo, però le posso assicurare che mamma x quello che è stata la sua vita penso prp che soffra un po di depressione….nn abbiamo mai avuto il coraggio di dirglielo e tanto meno di portarla da qualcuno….però lei è buia, apatica, nn ha voglia di uscire, si trascura….ma perché la depressione porta anche questi sintomi?

    3. Anonimo

      Grazie per il momento dottore, mi e stato molto di aiuto…domani abbiamo la visita con un altro neurologo, le farò sapere senz altro…buona serata

  10. alessia

    Sono delle scosse ke mi danno poi un bruciore fortissimo ke sè tocco le coscie le sento anche bollenti.ma quello ke mi fà paura ke sè provo a cambiare posizione il dolore è le scosse sì fanno più dolorose è fitte x cercare di alleviare tutto cerco di rimanere immobile è aspettare ke tutto ciò mi passi…cosa mi consiglia di fare..grazie aspetto sua risposta…Alessia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ho il dubbio che siano crampi, ma ne parli con fiducia al medico per decidere come provare a rimediare (sali minerali, chinino, …).

  11. Chiara

    Buonasera dottore, scusi il disturbo le scrivo perché sono molto preoccupata…Ho 18 anni e avverto un formicolio continuo sotto la pianta del piede sinistro… anche a riposo.. é come se avessi qualcosa che mi vibra sotto la pianta del piede.. questa sensazione svanisce quando mi massaggio il piede o quando cammino .. quando sto seduTa lo avverto… sono ipocondriaca quindi comunque andrò presto a farmi visitare peró vorrei un suo parere .. la ringrazio in anticipo, buona serata

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere solo un po’ d’ansia, ma è corretto verificare con il medico.

  12. Anonimo

    Una domanda:si può avere un inizio di sclerosi,con i vari sintomi,e non vedersi dalla risonanza magnetica?Può succedere?Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La diagnosi avviene sia attraverso strumenti diagnostici che attraverso la visita e l’anamnesi.

  13. Francesco

    Salve dottore
    Sono un ragazzo di 23 anni .. Da 6 mesi soffro di attacchi di panico e ansia .. Mi è scaturita un ipocondria che mi ha portato a effettuare tutte le possibili visite cardiologiche .. Ultimamente avverto forti formicolii su tutto il corpo braccia mani gambe anche testa .. E dei dolori vari a gambe come pizzichi .
    Leggendo della sclerosi sono andato in panico e i formicolii sono peggiorati .. Possibile sia l ansia ? E meglio effettuare visita neurologica ?

  14. Gabriella

    salve dottore. sono una giovane mamma di 25 anni. Sono in cura da un mesetto da uno psicoterapeuta per curare la forte ansia di cui purtroppo soffro da quando ho perso il papà. Le dico questo perché non so se quello che ho può dipendere dall’ansia o da una qualche patologia ben più seria come la sclerosi multipla o se da una semplice postura scorretta. Ieri mattina mi sono svegliata con il braccio intorpidito e la mano formicolante, credevo che il tutto dipendesse dal fatto che dormo praticamente tutte le notti sul lato sinistro in quanto di notte allatto mio figlio mentre riposo. Solo che ormai sono due giorni che il fastidio non passa. Il formicolio si è attenuato quasi fino a scomparire ma l’intorpidimento no. Inoltre da quando ho letto che può essere sintomo di sm ho cominciato ad avvertire un senso di fastidio peggiore. Ieri avevo anche fascicolazioni sempre alla stessa mano. Ora accuso quasi un bruciore al polso (soprattutto mentre digito alla tastiera). Lei che dice? potrebbe essere ansia o una postura scorretta durante il sonno aggravato anche dal fatto che durante il giorno tengo in braccio il bimbo quasi tutto il tempo dallo stesso lato??? o peggio inizio di sclerosi multipla? o solo ansia? spero mi aiuti perchè già sto in paranoia . non ho problemi nel camminare o altro

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Ansia ed affaticamento dovuto allo sforzo di tenere in braccio il bambino.

    2. Anonimo

      Quindi dottore non è il caso di eseguire una visita neurologica ma posso continuare il mio percorso con lo psicologo giusto? Per l’affagicamento cosa posso fare?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. A mio parere sì, senta comunque anche cosa ne pensa il medico.
      2. Con un neonato in caso purtroppo è normale essere stanchi, ma cerchi di ritagliarsi dei momenti solo per lei (una doccia calda un po’ più lunga del solito, una volta in più dal parrucchiere, una passeggiata, …) e quando le è possibile cerchi di riposare un po’ (lasciando magari la bambina al papà od alla nonna).

    4. Anonimo

      Dottore sebbene lei mi abbia appena tranquillizzato, ho paura di quello che mi è successo proprio adesso! Ho iniziato ad avvertire una sensazione di tremore agli avambracci! Mi sono fatta prendere dal panico e subito dopo ho avuto fiato corto tachicardia e stordimento. Ancora adesso mi tremano le mani , e’ una crisi di ansia o altro?

  15. Anonimo

    Buongiorno Dottore,
    sono una ragazza di 27 anni, ed è da qualche mese che ho fitte sparse in testa, fino a poco fa non ci ho dato molto peso perchè lavoro 9 ore al giorno a computer e soffro di bruxismo e poi non era particolarmente forti; però da due domeniche fa la cosa è cambiata. Ho avuto una fitta forte tipo scossa elettrica nella zona occipitale e per tutta la settimana ho avuto un po di mal di testa che mi si attenuava quando andavo a dormire.
    Oltre questo mi capita di avere, sempre nelle ultime 2 o 3 settimane, i nervi (o muscoli non so) che alcune zone tremano, tipo nelle braccia, nelle ginocchia, nei polpacci…a riposo quindi non sotto sforzo. Mi è sempre capitato e credo capiti a tutti ma ultimamente me ne accorgo di più.
    In questo ultimo week end poi mi si è aplificato tutto, fitte in testa, tensione alla nuca e ho avuto anche nausea; poi mentre ero sul divano è come se mi si fosse bloccata una gamba, cioè riuscivo a muoverla ma la sentivo molto rigida! Alchè mi sono preoccupata e sono andata all’ospedale. Dopo l’attesa di 3 ore mi hanno fatto stendere sul lettino e, ad occhi chiusi, mi hanno fatto alzare prima le gambe e poi le braccia…esami del sangue OK e due flebo una di ketoprofene e delorazepam e una di perfalgan. Ora sono 2 gg che sto abb bene, però sinceramente avendo avuto in famiglia una zia malata di Sclerosi Multipla e leggendo tutti questi sintomi mi sono un po’ preoccupata.

    Vorrei sapere anche il suo parere, nel frattempo ovviamente tornerò dal medico e richiederò esami più approfonditi.

    Grazie

    1. Anonimo

      Si è abbastanza stressante soprattutto per il lavoro..poi sono una persona molto ansiosa e faccio fatica a sfogarmi se ho dei problemi…
      Venerdi sn andata dal mio medico (prima di stare poco bene nel week end) mi ha parlato di cefalea tensiva e mi ha consigliato di prendere ALPRAZOLAM 0,25 metà pastiglia due volte al gg. Non sono ancora riuscita a prenderlo, secondo lei dovrei provare?
      Continuo cmq a pensare a questi mal di testa…di solito non ne soffro a parte magari al lavoro per stanchezza o appunto queste fitte sporadiche…e questi tremori dei muscoli secondo lei a cosa posso essere dovuti?
      Purtroppo sono un po’ allarmata perchè in famiglia ne abbiamo avute di tutto e di più, dal cancro al cervello, aneurisma aorta perfortuna tutti andati a buon fine..mia madre dice che sono un po’ influenzata da tutto. Ma le fitte le ho non è immaginazione..

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente sono portato a pensare a cefalea tensiva e tensione muscolare da stress/ansia, ma è ovviamente solo una mia ipotesi.

    3. Anonimo

      Grazie per la sua opinione…per quanto riguarda invece ALPRAZOLAM quindi mi consiglia di prenderlo?
      Comunque la prossima settimana ho prenotato la visita internistica.
      Grazie del consulto.

    4. Anonimo

      Ok, un’ultima domanda.. Gli esami del sangue fatti all ospedale erano ok, pero i globuli bianchi erano diminuiti rispetto agli esami effettuati 1 mese fa… Erano 5.19 contro i 6.50 ( rif. 4.00-10.9)… Secondo lei da cosa puo essere dovuto?

  16. Valente75

    Salve Dottore,
    Ho 40 anni, e da marzo 2014 convivo con un presunto ‘Segno di Froment’ al pollice sx (difficoltà motorie della prima falange ungueale). Dopo una prima EMG si è notata la compressione del nervo ulnare, e sono stato sottoposto a decompressione a novembre 2014. Persistendo il deficit, ho effettuato una RM e una ulteriore EMG che hanno rivelato una denervazione del pronatore rotondo, una compressione del nervo interosseo anteriore e una lieve compressione al polso, per cui i primi di Marzo 2015 mi sono sottoposto nuovamente ad un intervento sia per il tunnel carpale sia di decompressione del nervo interosseo anteriore.
    Forse è ancora presto per trarre conclusioni, ma la mia sensazione è che non ho risolto nemmeno stavolta.
    Il fatto che a volte inciampo (raramente), un minimo di dislessia e una perenne stanchezza, mi fanno pensare ad altre patologie.
    Cosa mi consiglia?
    Grazie in anticipo,
    Cordiali saluti,
    Andrea

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non penso ad altre patologie, ma temo che purtroppo sia una situazione su cui non dispongo delle sufficienti competenze.

    2. Valente75

      Grazie mille per la celere risposta, Dottore.
      Vale lo stesso, o meglio, pensa di poter escludere, anche la SLA, secondo lei? (ovviamente, sono cosciente che siamo su un “forum” online, con i suoi pro e i contro),
      grazie
      Saluti

  17. Andree

    Salve, sto scrivendo qui perche la mia fidanzata ultimamente ha alcune cose molto strane..
    Ieri stava da me e gli faceva prurito la spalla sinistra, lei si grattava e mi diceva che non gli passava, diceva che era come se non trovava il punto dove era il prurito, dice che tipo era dentro, si grattava tutto il tempo si è graffiata tutta diciamo..
    Ieri dopo torna a casa, si è piegata per prende non sò cosa ed ha sentito come una scossa sulla schiena, ultimamente dice che si sente troppo debole, ma stiamo tutti i giorni litigando quasi, quindi pensavo che era lo stress..
    Circa una settimana fa era a casa, aveva gi occhi chiusi con la camera tutta buglia, e lei chiudeva gli occhi e vedava come se ci fosse un faro puntato in faccia, la sensazione era quella, come se ci fosse la luce in stanza e invece era tutto buglio, era di notte senza luci e niente.. sempre qualche settimana fà stava in camera sua e dice che stava dormendo, poi si sveglia accenda la luce e quando apre gli occhi vede come verde, lei ha sottovalutato tutto, ma io ho paura che abbiamo qualcosa di serio… la cosa che mi preoccupa di piu è la cosa che ha visto verde, possibile che è dovuto ad altro e non alla.. sla?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Condivido l’ipotesi di stress, ma ovviamente senta anche il medico.

  18. disfunzioni erettili

    Buongiorno,
    sono un giovane di 35 anni affetto da sclerosi multipla rr da cinque,ad uno stadio 3.5 circa, ho iniziato il tysabri da quattro mesi e da allora ho problemi di mantenimento dell’erezione durante il rapporto, il mio neurologo ritiene che siano causati dalla malattia stessa piuttosto che dalla terapia. Conosce qualche rimedio naturale che possa aiutarmi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso prescrivere nulla; il neurologo non le ha suggerito farmaci?

    2. Marco

      Salve Dottor Cimurro,… compirò 51 anni ad Agosto prossimo, e nel Gennaio del 2009, mi fu diagnosticata “ufficialmente” presso il centro Malattie Demielinizzanti del reparto Neurologico dell’Azienda Ospedaliera Universitaria della mia città, la Sclerosi Multipla in forma (almeno così allora catalogata) Recidivante Remittente.
      Questo, dopo che per una quindicina di anni antecedenti a tale data, era persistita periodicamente tutta una BEN PRECISA sintomatologia, che avrebbe dovuto a mio avviso, insospettire chiunque, (ovvero: parestesie, formicolii, e talvolta fascicolazioni in varie aree del corpo, segno di Lhermitte, alterazioni sensoriali della percezione termica, ecc…) Chiunque, tranne la persona nelle cui mani andai a mettermi nel 2006, che in sede privata (per cui a pagamento) formulò l’erronea diagnosi di: “Angioma” sito nel midollo spinale, all’altezza delle vertebre: C1, 2, 3, e 4,… col quale – a suo dire – avrei dovuto convivere, senza poter far niente, in quanto iramovibile chirurgicamente, data l’area in cui si trovava.
      “Angioma” rivelatosi successivamente, per quello che realmente era: ovvero, una lesione midollare dovuta all’opera dei famigerati Linfociti T 17 “impazziti” e finiti fuori controllo, che come risaputo, attaccano il SNC.

      Per onestà, devo dirle che tale diagnosi fuorviante, mi indusse a “rilassarmi”…. Ed anzichè ascoltare altri pareri, (che quantomeno, avrebbero consentito d’intervenire prima) persi stupidamente, altro tempo prezioso, senza fare assolutamente niente.
      D’altronde non essendo io un medico, pensai che dovevo fidarmi di un professionista. E lo confesso, anche nella segreta speranza, che quanto diagnosticato, corrispondesse a verità.

      La cruda realtà, saltò fuori, con gli esami effettuati tre anni dopo in sede ospedaliera (nuova RMN in MDC e stavolta analisi del Liquor Cefalorachidiano) nel centro sopra citato, presso il quale sono tutt’oggi seguito.
      Ma viste: sia le risposte soggettive del tutto insufficenti ai protocolli terapeutici messi in atto, costituiti da periodici boli di cortisone per via parenterale,… nonchè da Interferone Beta a giorni alterni (nel mio caso equivalsi a “bere acqua fresca”) che l’esacerbarsi degli esiti sintomatologici, fra i quali, grosse difficoltà a percorrere a piedi anche distanze brevi (50 metri, o poco più) a causa della stanchezza muscolare oramai cronica, che limita enormemente la gamba destra nell’alzarsi e muoversi come dovrebbe, e talvolta problemi a tener la schiena eretta, (che in quei casi comportano difficoltà respiratorie) mi venne il legittimo sospetto, che potesse essersi aggiunto (o che già fosse in corso) qualcosa di “ben altro tipo” (caso rarissimo ma non impossibile) al quadro clinico “ufficiale”, (che già di per se, mi basta ed avanza) …come appunto la SLA.

      E in seguito a tale sospetto, richiesi ed ottenni tre anni fa, di poter eseguire un’Elettomiografia, con annessi Potenziali Evocati Somatosensoriali, al fine di poter escludere totalmente, questa malaugurata ipotesi, e fugare così ogni dubbio.
      Cosa che dagli esiti negativi,… è si avvenuta,… ma solo parzialmente.
      Poichè mi sono recentemente giunte “voci” dell’esistenza di un particolare esame ematico che costituirebbe “la prova del 9″ per l’esclusione di quella malaugurata ipotesi.
      Ciò, dicono consisterebbe nella ricerca nel siero, di una determinata proteina, che stando “a queste voci” si svilupperebbe solo in presenza della SLA.
      Esame questo, che so quasi per certo, non essere mai stato eseguito,… e sul quale, i medici “glissano” abilmente, deviando il discorso.

      Mi perdoni Dr. Cimurro, se la metto giù in modo duro e cattivo,… ma oramai, (anche in base ai casi di malasanità di cui si sente in giro) di fiducia, ne ho “zero e se possibile, anche meno”… del tipo: “Oramai sei entrato nei Protocolli della S.M. …e quel business farmacologico, devi continuare a foraggiare!… Se poi muori per altre cose,… chissenefrega,… è un tuo problema,… tanto, la casta dei Baroni della Neurologia,… ne uscirebbe illesa in qualunque caso.”
      Infatti, l’unica cosa che poco tempo fa, hanno saputo propormi, sono stati inutili cicli di chemioterapia con Ciclofosfamide (farmaco questo, sia: cardio, che epato-tossico… nonchè cancerogeno) per tentare di abbattere i “linfociti ribelli” ed alla lunga, forse anche me insieme ad essi. Ottenendo da me un perentorio, categorico rifiuto.

      Inutile dire, che il quadro, allo stato attuale, è pesantemente peggiorato. Pertanto, gradirei sapere da Lei, se per caso fosse a conoscenza di tale esame,… e in cosa nei dettagli consisterebbe. Ed anche, come magari poterlo richiedere privatamente, pagandomelo in toto.
      Oppure, se invece si tratterebbe alla fin fine, solo di una delle tante mere “leggende metropolitane” diffuse “ad arte” all’unico scopo di aumentare tiratura e vendita di un certo tipo di stampa “sensazionalista”.

      Che altro scriverle Dr. Cimurro,… niente, se non che la ringrazio anticipatamente per la sua pazienza,… e che spero di ricevere una Sua risposta!

      Marco.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non occupandomi direttamente di questo campo non sono a conoscenza della proteina di cui parla, ma credo che si tratti di queste:

      http://it.wikipedia.org/wiki/Sclerosi_laterale_amiotrofica#Marcatori_biologici_per_la_diagnosi_.28sperimentazione_dal_2006.29

      Onestamente non ho trovato informazioni in merito recenti (ma per motivi di tempo la ricerca non è stata sicuramente sufficientemente approfondita, me ne scuso) e questo mi porta a pensare che si possa essere rilevato un vicolo cieco purtroppo.

  19. Marco

    Qualcuno, (un medico neurologo) mi disse tempo addietro, che se si fosse trattato di SLA oramai da tempo, non sarei più stato parte “di questo mondo”.
    In quanto, interessando essa i Motoneuroni 1 e 2 del Tronco Encefalico (per cui i centri del respiro) avrei quantomeno dovuto essere oramai da tempo attaccato ad un ventilatore polmonare.
    Non per occasionali sporadiche “crisi respiratorie” dovute quasi certamente alla stanchezza dei muscoli toracici e addominali qual’è il diaframma, bensì, per l’interruzione improvvisa e sempre più frequente, dell’impulso elettrico.
    Inoltre, – sempre a suo dire – la Sclerosi Laterale Amiotrofica, non concederebbe dei tempi relativamente lunghi di sintomi pregressi (com’è accaduto a me) prima di portare all’immobilità totale.

    In effetti, c’è da dire, che sono ancora in piedi: “acciaccato”,…. e “azzoppato come un cavallo”,… ma ancora in piedi.
    Perdipiù, tutt’ora lavoro come Guardia Particolare Giurata sia pure in postazioni fisse, ed esclusivamente di notte, dove non vedendomi nessuno, non posso far brutta mostra di me, e compromettere “l’immagine dell’istituto”, in quanto un mezzo storpio in divisa,… “stona” sempre,… e neanche poco.

    D’altronde, l’alternativa sarebbe una pensione d’invalidità ammontante a “ben 296,00 Euro” (ammesso e non concesso il riconoscimento del 100% d’invalidità) in quanto siamo privati (tutelati da nessuno) e non equiparati alle Forze dell’Ordine vere e proprie. Di cui spesso abbiamo gli oneri,… ma non “gli onori”.

    Che dire quindi, Dr. Cimurro,… non mi resta che sperare nell’esattezza delle affermazioni del sopracitato medico, e continuare a cercare in quella direzione.
    Anche se molto probabilmente, lei non sbaglia affatto, quando scrive che ci si addentrerà in un vicolo cieco!…

    La ringrazio comunque di cuore, sia per l’interessamento, che per la sua tempestiva risposta,… e le auguro di trascorrere una buona serata, e un buon fine settimana!

    Marco

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non ho le competenze per fare di più e di questo mi dispiace moltissimo, ma se mi tiene al corrente mi fa piacere.

    2. Marco

      Buongiorno Dr. Cimurro,… come promesso, sono di nuovo a scocciarla:
      Volevo chiedere un suo personale parere sui due link che più avanti vado a postarle, e che la inviterei a visionare… riportanti: uno la presentazione personale, e l’altro la videoconferenza di un medico agopuntore… (sia agopuntura tradizionale che elettro-agopuntura) …residente a Perugia, che trovatosi a trattare nel corso degli anni moltissimi casi di patologie degenerative, ha messo in atto un metodo,… col quale ha ottenuto risultati strabilianti clinicamente documentati.

      Io avrei altresì trovato anche un’altro medico,… (stavolta a Firenze… la mia città…) …nella quale è nel proprio settore, un professionista assai conosciuto e stimato.
      Egli segue a grandi linee metodologie analoghe, del medico sopracitato, e presenterebbe il vantaggio di essere praticamente “sotto casa”.
      Quindi, devo ancora decidere a quale dei due affidarmi.

      Adesso le posto i due link, al cui riguardo, quando avrà un attimo di tempo. gradirei conoscere una sua opinione.

      https://youtu.be/alk1I60hO4I

      https://youtu.be/gglUjGl1jIY

      Buona giornata.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace non poterla aiutare, ma non credo all’agopuntura.

    1. Cuscinetto

      Buonasera dott. Cimurro volevo chiederle un’informazione…con la risonanza magnetica di testa encefalo e cervicale si possono vedere si possono vedere inizi di malattie di tipo sclerosi o sono esami non giusti?!

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Prima si sottoponga ad una visita neurologica, in un secondo momento verranno eventuamente prescritti esami ritenuti necessari in base a quanto emergerà da sintomi ed anamnesi.

  20. Anonimo

    Buonasera dottore,
    Ormai vivo nella oiu totale angoscia
    Tempo addietro a seguito di un forte agitazione ho iniziato ad avere dolore toracico e formicolio alla mano sinistra. Scomparsi.sono riapparsi poi tempo dopo i formicolii alla mano sinistra,sensazioni di spilli sulla mano.il neurologo in pronto soccorso mi ha detto che devo integrare vitamine.bene.sono iniziati dolori all addome e alla schiena fortissimi.,bolle di aria che scoppiano nell addome (soffro di colon irritabile) e una semsazione di calore tipo bruciore dopo una giornata di sole sul labbro.il medico di base mi ha detto che sto somatizzando e che non c e motivo di pensare ad una risonanza benche mi fosse stata prescitta prr forti cefalee sotto ciclo poi risoltesi con l assunzione di un farmaco.penso conrinuamente alla sm non mi do pace,non.vivo piu.al momento il formicolio non ce l ho piu ma ho l addome gonfissimo e mal di schiena e questo labbro che brucia.il formicolio quando provo a studiare non lo sento e nemmeno rigidtità alla mano. La prego mi dica se sono sintomi della sm,o se sto somatizzando.non.vivo piu

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Indispensabile trattare l’ansia, con farmacoterapia e/o psicoterapia.
      Non c’è motivo di pensare ad altro con le visite fatte.

    2. Anonimo

      buongiorno dottore, oggi effettuerò l’emg , agli arti per capire meglio da dove vengano questi formicolii e aghi di spillo nelle mani , definito dal dottore un esame per tranquillizzarmi .
      L’insonnia continua , mi sveglio di notte per vedere se muovo bene gli arti e se ci vedo bene . la sensazione di aghi ovunque non va via. dopo questo esame posso stare tranquilla

    3. Anonimo

      Dottore elettromiografia ad arto superiore dove formicolava perfetta,il dottore ha detto che se dovesse pubblicare su un libro un modello di riferimento metterebbe il mio esame.mi ha detto di smetterla di farmi cattivi pensieri e di dimenticare la sclerosi che ha sintomi ben piu evidenti.è il direttore del reparto di neurologia dell osspedal dove sono andata.cosa ne pensa?ora houn forte mal di testa ma so che sto scaricando tensione nervosa accumulata.cosa dice lei?

    4. Anonimo

      il mal di schiena che si presenta alla sera è un sintomo? zona lombare piu o meno
      credo di avere esagerato in palestra nei mesi scorsi anche se il mal di schiena si è presentato solo ora , è mai possibile?
      ciò che volevo sapere è se i sintomi di queste malattie sono fissi e costanti o vanno e vengono

      mi scusi ancora e spero di non disturbarla più

    5. Dr. Cimurro (farmacista)

      Spesso è l’ansia a causare questi dolori, a causa della costante tensione muscolare.

  21. Titti

    Salve dottore,
    Le vorrei spiegare la mia situazione. Da un anno non sto bene. Ho cominciato avuto un episodio di formicolio lato dx del corpo, durato qualche giorno… Fatto risonanza è hanno trovato due macchie che il neurologo crede non siano la causa. Questi formicolii sono diminuiti ma spesso ho senso di anestesia sempre lato destro , sopratutto viso polpaccio e braccio. Più recentemente ho dolori al,pavimento pelvico, anche qui il ginecologo non trova una spiegazione (leggero prolasso), dopo test Urodinamico si nota che la mia vescica non si svuota bene. Lo stesso per intestino. Negli ultimi giorni oltre la stanchezza e dolori muscolari ho spesso mal di testa e dolori oculare parte destra. Ho eseguito vari esami sangue ( tiroide, ecc…) ma tranne ferro feriti a bassi non hanno trovato nulla.Non ho disturbi di equilibrio,né di parola anche se ho spesso la testa ovattata.Tutti questi sintomi vanno e vengono ma non posso mai dire di essere in forma. Fisioterapista non trova la causa.Non so cosa pensare e che cosa fare…. Confesso che penso spesso alla sclerosi multipla. Sbaglio?
    Ringrazio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Credo che rifarei il punto con il neurologo, alla luce dei nuovi sintomi comparsi.

      Una domanda, soffre d’ansia (al di là della comprensibile attuale preoccupazione)?

    2. Anonimo

      Si… soffro d’ansia e infatti i sintomi prima degli esami peggiorano.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Valuti di intervenire su questo aspetto a prescindere da tutto, sarà più semplice capire se ci sia qualche problema organico o meno.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.