Scabbia: sintomi, immagini, prevenzione e cura

Ultimo Aggiornamento: 71 giorni

Introduzione

La scabbia è una comune infezione della pelle; il principale sintomo è la formazione di piccole protuberanze dolorose e vesciche dovute ad acari microscopici, in grado di annidarsi nello strato superficiale della pelle per deporre le uova.

La trasmissione avviene di norma nell’ambito del nucleo familiare; tra gli adulti il contagio avviene prevalentemente per contatto sessuale. Il rischio di diffusione tramite indumenti, biancheria da letto e asciugamani utilizzati da pazienti con sintomi tipici della scabbia è basso, ma può aumentare se il paziente è affetto dalla scabbia a croste, caratterizzata da una massiccia infestazione da acari.

La scabbia è endemica in tutto il mondo e colpisce persone di tutti i livelli socioeconomici, senza distinzione di età o sesso. Rara fino a trenta-quarant’anni fa, è divenuta ovunque nuovamente frequente. I motivi delle periodiche ricorrenze della scabbia non sono noti, mentre si conoscono alcuni fattori che ne favoriscono la diffusione, spesso in modo indipendente fra loro.

Nei Paesi occidentali, questi fattori sono costituiti

  • dallo scarso livello igienico,
  • dalla promiscuità,
  • dai viaggi internazionali
  • e, infine, dalla permanenza presso cliniche ed ospedali (anche se di ottimo livello igienico).

L’infestazione è possibile in ogni periodo dell’anno, anche se risulta più frequente in inverno che in estate, per la tendenza al sovraffollamento in luoghi chiusi.

Se non curata la scabbia non guarisce spontaneamente, ma è spesso sufficiente un’unica applicazione della terapia prescritta per risolvere l’infezione.

La scabbia non può essere contratta dal proprio animale domestico (cani e gatti, per esempio), che sono colpiti da parassiti diversi.

Se vengo in contatto con una persona che ha la scabbia, dovrei curarmi?

No, non senza prima aver contattato un medico, che valuterà diversi aspetti prima di prescrivere l’eventuale trattamento preventivo:

  • Tipo di scabbia (la forma crostosa è più contagiosa),
  • grado e durata dell’esposizione (una stretta di mano non è a rischio, diverso è il caso di un rapporto sessuale o comunque un contatto prolungato),
  • momento del contatto (prima o dopo il trattamento del paziente).

Foto

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Acarodermatitis_Hand.jpg

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Acarodermatitis_Hand.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Scabies-burrow.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Scabies-burrow.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/File:ScabiesD08.JPG

http://en.wikipedia.org/wiki/File:ScabiesD08.JPG

Cause

La scabbia è causata da un  un acaro invisibile ad occhio nudo, parassita umano obbligato, non in grado cioè di sopravvivere a lungo lontano dalla pelle umana (36 ore circa); dopo l’accoppiamento gli acari adulti maschi rimangono sulla pelle, mentre le femmine scavano una galleria dove depositeranno le uova. Le femmine scavano ad una velocità di 2-3 mm al giorno e depositano 1-3 uova al giorno nella galleria. Vivono per 4-6 settimane. Le uova si schiudono entro 3-4 giorni, liberando una larva che fuoriesce dalla volta del tunnel, scavando brevi cunicoli (tasche di muta) sulla superficie della pelle, dove rimane sino a maturazione. Dalla deposizione delle uova allo stato di acaro adulto passano 10-13 giorni.

Sintomi

L’incubazione è di circa 3-6 settimane, molto più breve in caso di reinfestazione (1-4 giorni) perchè per il sistema immunitario si tratta a quel punto di una minaccia già conosciuta.

Il sintomo più comune della scabbia è un forte prurito, che può peggiorare di notte o dopo un bagno, quando l’attività degli acari aumenta a causa del caldo. L’infezione da scabbia inizia con piccole protuberanze dolorose, vesciche o pustole che si rompono quando vengono grattate. La pelle colpita dal prurito può diventare più spessa, squamosa, coperta di croste e segnata dai graffi dovuti al prurito. Prurito e segni visibili sulla pelle sono dovuti agli acari presenti nei cunicoli e dei loro prodotti (es. saliva, escrementi).

Il rash cutaneo si presenta con

  • piccole macchie rosse che, se graffiate a causa del prurito, potrebbero causare la formazione di piaghe e croste;
  • brevi linee curve, che sono i cunicoli scavati dagli acari.

Queste tracce visibili della scabbia si presentano come linee corte, ondulate, rossastre o scure sulla superficie della pelle, concentrate in modo particolare attorno al polso e tra le dita, ma anche su

  • palmi delle mani,
  • piedi,
  • gomiti,
  • intorno ai capezzoli (nelle donne),
  • intorno alla zona genitale (negli uomini).

Il rash di solito colpisce tutto il corpo, testa compresa, ma concentrandosi in particolar modo su:

  • ascelle
  • intorno alla vita,
  • interno del gomito,
  • natiche inferiori,
  • parte inferiore delle gambe,
  • piante dei piedi,
  • ginocchia,
  • scapole,
  • area genitale femminile,
  • inguine,
  • intorno alle caviglie.

Le persone anziane, i bambini piccoli e i soggetti con un sistema immunitario indebolito possono manifestarlo anche su testa e collo.

Nei bambini al di sotto dei 2 anni di età, l’infestazione spesso si presenta sotto forma di vescicole e interessa le aree prive di peli del volto, della testa, del collo, del cuoio capelluto, della pianta dei piedi e dietro le orecchie. La scabbia raramente colpisce i bambini con meno di 2 mesi.

Se un paziente affetto da scabbia si gratta sulle zone di pelle colpite dal prurito, aumenta le possibilità che la pelle colpita sia infettata anche dai batteri. L’impetigine, un’infezione batterica della pelle, può verificarsi nella pelle già infetta da scabbia.

Trasmissione

Un paziente è contagioso già durante l’incubazione della malattia, cioè anche prima della comparsa dei sintomi.

La scabbia è altamente contagiosa e di solito viene trasmessa attraverso il contatto prolungato tra le epidermidi, oppure mediante rapporti sessuali con un’altra persona infetta (il preservativo potrebbe non essere sufficiente ad evitare il contagio); gli acari non possono saltare né volare, questo significa che il contagio può solo avvenire attraverso il contatto diretto con il parassita.

L’infezione si diffonde con maggiore facilità nei luoghi affollati e nelle situazioni in cui ci sono molti contatti ravvicinati, come nelle scuole o negli asili: se un compagno di scuola o di asilo di vostro figlio ha la scabbia, sarebbe quindi prudente curare vostro figlio per l’infezione, anche prima che sviluppi i sintomi.

La scabbia sembra possa essere trasmessa anche attraverso il contatto con altri oggetti come vestiti, biancheria, mobili o superfici con cui una persona infetta sia entrata in contatto, ma quest’eventualità è sicuramente più rara.

Gli acari della scabbia possono sopravvivere lontani dall’ospite umano fino a 48-72 ore, al massimo 10 minuti se esposti a una temperatura di 50° o più.

Pericoli

Non sussistono particolati problemi o complicanze legate alla parassitosi, sono però possibili e comuni sovrainfezioni batteriche dovute al grattarsi.

Cura e terapia

In genere la cura della scabbia prevede l’applicazione di specifiche creme su tutto il corpo, ad eccezione della testa, o comunque secondo indicazione medica. L’applicazione deve avvenire sulla pelle fresca e asciutta, non va applicata dopo un bagno caldo perchè verrebbe assorbita anzichè attivarsi sugli strati superficiali della pelle dove è presente l’acaro.

A seconda del tipo di preparazione il medico consiglierà di lasciarla in posa da 8 a 24 ore (Scabianil® per esempio va in genere lasciata 8 ore), prima di lavarla via con una doccia.

Indispensabile nel frattempo procedere a un accurato lavaggio di vestiti, pigiami, biancheria, asciugamani e tutto ciò che possa essere venuto a contatto con la pelle prima del trattamento.

Si consiglia infine di ripetere l’applicazione e il lavaggio dell’ambiente a distanza di 7 giorni, per agire su eventuali uova rimaste vitali.

I sintomi potrebbero persistere ancora per qualche giorno o anche qualche settimana dopo la cura (fino a un mese circa), ma non è necessariamente segno della persistente presenza degli acari, spesso si tratta infatti solo di residue reazioni del sistema immunitario; contattare il medico se il prurito persistesse ancora dopo due settimane o se comparissero nuove linee sulla pelle.

Per ridurre il rischio di re-infezione si raccomanda di evitare rapporti sessuali e altre forme di contatto prolungato fino a guarigione ottenuta.

Si procede infine al trattamento preventivo anche del partner ed eventualmente degli altri famigliari.

Prurito

Per dare sollievo al prurito il medico spesso associa al trattamento vero e proprio un antistaminico o una leggera crema cortisonica.

Ambiente e vestiti

Gli acari della scabbia non sopravvivono più di 2-3 giorni lontano dalla pelle umana, quindi gli oggetti come coperte, vestiti e asciugamani usati dal paziente possono essere semplicemente lavati in acqua calda (ad almeno 50°) o chiusi per qualche giorno (almeno 72 ore) in un sacco chiuso.

Utile l’aspirapolvere nel caso di scabbia crostosa.

Prevenzione

l contatto fisico diretto e prolungato è la modalità di trasmissione più comune per la scabbia ma, poiché gli acari che causano la scabbia possono vivere fino a 2 o 3 giorni nei vestiti, nella biancheria da letto o nella polvere, è possibile il contagio da scabbia da un’altra persona con cui condivide lo stesso letto, la biancheria o gli asciugamani.

In genere una rapida stretta di mano non è quasi mai sufficiente a contagiare, così come altri molto contatti limitati nel tempo come un abbraccio.

Se nella vostra famiglia qualcuno è in cura per la scabbia, anche tutti gli altri membri della famiglia dovrebbero essere sottoposti a cure. I vestiti, le lenzuola e gli asciugamani dovrebbero essere lavati in acqua ad alte temperature. Si dovrebbe passare l’aspirapolvere in tutte le stanze della casa, e il sacchetto dovrebbe essere gettato nella spazzatura dopo l’uso.

Se si è venuti a contatto con una persona affetta da scabbia è necessario:

  • effettuare il trattamento preventivo consigliato dal medico, dopo il bagno o la doccia;
  • sostituire la biancheria personale, le lenzuola, le federe e gli asciugamani dopo ogni applicazione;
  • lavare la biancheria in lavatrice a temperatura superiore ai 60° C;
  • porre in un sacco impermeabile tutto ciò che non è lavabile ad alte temperature (coperte, cuscini, capi in lana), lasciarlo chiuso per almeno 48 ore e poi esporlo all’aria. L’acaro non può sopravvivere a lungo lontano dalla pelle umana.

Riammissione a scuola

Il rientro a scuola può avvenire 24 ore dopo l’inizio della terapia specifica, dopo accertamento da parte della ASL dell’avvenuto inizio trattamento.

Fonti principali e approfondimenti:

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    il mio coinquilino dell’università ha contratto la scabbia, io no perchè al momento sono in un’altra città. Abbiamo camere separate, ma abbiamo in comune cucina e bagno. Oggi è andato dal medico e gli ha prescritto la cura(non so quale). Quando ritornerò all’università e vivrò in casa con il mio coinquilino ( fra qualche giorno) come dovrò comportarmi? Mi consiglia qualche profilassi? Mi conviene cambiare casa per una settimana?
    grazie mille

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Se avete camere separate non ci dovrebbero essere grossi rischi, eviti comunque l’uso di oggetti comuni e i contatti diretti. Parli col medico, in base alla situazione si può considerare una profilassi. Saluti.

  2. Anonimo

    Salve..la mia tortura e iniziata nel Mese di luglio,avevo prurito e andai da un dermatologo che pensando fosse un’allergia mi diede un’antistaminico..a settembre la situazione era peggiorata e cambiai dermatologo…che subito mi disse che avevo la scabbia..da allora cambio le lenzuola tutti i giorni..chiudo i vestiti nelle buste per tre giorni prima di lavarli..ho fatto due cicli da tre giorni con Eurax..ma dopo 10 giorni dall’ultimo ciclo ..ancora prurito.nel frattempo sono rimasta incinta e ora sono di 8 settimane..mi sapete dire cosa devo fare?Non sopporto più questo prurito..sto andando in depressione!!!Attendo una risposta Grazie!

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, il prurito è continuo tutto il giorno? Ha fatto analisi del sangue per escludere varie cause di prurito ( disturbi alla tiroide, sideropenia, ittero, problemi ematologici) ? saluti

    2. Anonimo

      Si,ho fatto tutte le analisi…nn risulta niente……il prurito ogni tanto viene di giorno..ma è concentrato di sera e la notte!

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, bisogna valutare bene il quadro clinico e capire se ci sono ancora esami da tentare, sia dal punto di vista allergologico che dermatologico; spesso la causa del prurito rimane misconosciuta, ma intanto la terapia con gli antistaminici è comunque indicata, per cui sentirei nuovamente il parere dello specialista se non ha benefici.

  3. Anonimo

    Buongiorno , una mia amica ha contratto la scabbia , io ho passato con lei una giornata intera prima della diagnosi , ‘siccome aveva paura già fosse quella non ci siamo mai toccati , se non per passarci L accendino o il cellulare, unica cosa ha guidato la mia macchina .
    Lei pensa ci sia un effettivo rischio di contagio ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Improbabile se ci sono state attenzioni ad evitare contatti.

    2. Anonimo

      Oggi è venerdì. Persona con quale ho stretto mano lunedì ha scabbia. Io non ho nessun dei sintomi. Ho fatto la cura preventiva. Può darsi che sono cotaggiata? Quanto dura periodo di inclinazione della scabbia?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’incubazione è di circa 3-6 settimane, il contagio NON è scontato.

  4. Anonimo

    Dopo un primo trattamento a tutta la famiglia ne ho eseguito un altro.il prurito notturno e ‘ migliorato ma durante il giorno ancora sussiste e ogni tanto sia a me che a mio figlio durante il giorno ritorna.
    Ho poi verificato qualche piccolo e singolo foruncolinosulle gambe.
    Ho il dubbio che il trattamento nn sia stato efficace.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Sì è possibile che la terapia non sia stata del tutto sufficiente, rivaluterei direttamente col medico.

  5. Anonimo

    Salve come si chiama la crema per la scabia o una lieve infezzione su quasi tutto il corpo e normale che si espande giorno per giorno se mi gratto?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso consigliare farmaci (e soprattutto le raccomando di non applicare nulla senza prima una diagnosi).

  6. Anonimo

    Ciao io ho la scabbia pensavo se ne fosse andata ma è ancora lì.. se il mio piumone è avvolto dal copri piumone basta lavare solo il copri piumone o anche il piumone stesso? Domanda due come devo pulire/lavare le cose in mio contatto?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve ha fatto la terapia specifica? solitamente è molto efficace ma può essere ripetuta. Deve lavare tutta la biancheria, gli indumenti , piumone , lenzuola ( tutto ciò che è venuto a contatto con lei) a temperature superiori ai 60 gradi. saluti

  7. Anonimo

    Io contratto la Scabbia l’anno scorso ed è stata una esperienza terribile.
    Comq sono guarita grazie all’ Ivermectina a uso orale che non vendono qui in Italia ma disponibile alla Città del Vaticano su ricetta medica. In una sola somministrazione ho risolto il problema unito alla crema Permetrina 5% che da sola ,dopo averla usata come 10 volte mi aveva solo irritato la pelle.L’ivermectina avrei dovuto riprenderla 7 gg dopo ma a me è bastata una sola somministrazione. I vestiti,coperte e lenzuola li ho lavati a 90° tutti i gg,il materasso l’ho inserito in una fodera per materassi in plastica e spruzzato con il raid ( è tossico per la pelle ) anche se c’era uno spray alla permetrina in farmacia molto più delicato ma meno potente. Poi avevo comprato delle ciabatte in spugna in modo tale da poterle lavare insieme ai pijami.I capi delicati li ho lavati in tintoria e i colorati li ho messi in un sacco della spazzatura e chiusi per 4 settimane,spruzzati con lo spray alla Permetrina della farmacia,al che lavati,asciugati con l’asciugatrice e stirati.La casa la lavavo tutti i gg con la Candeggina e i divani spruzzati con lo spray.Così ho disinfettato tutto il mio ambiente alla grande ,i miei vestiti e le mie cose ma ho avuto la Scabbia per 5 mesi perché né la Permetrina né il Benzoato di Benzile al 25 % messo per 5 gg e ripetuto altri 3 una settimana dopo mi sono stati efficaci.Spero che questo possa aiutarvi.

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Grazie per aver raccontato la sua esperienza, potrà essere sicuramente utile.

  8. Anonimo

    Salve, sono una badante e fino a 10 giorni fa ho seguito da vicino un anziano a cui ieri hanno diagnosticato la scabbia. Cosa devo fare? Devo sottopormi al trattamento?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Contatti già domani il suo medico curante, in base al tipo di contatti avuto deciderà se prescriverle la terapia o meno (un conto è per esempio alzarlo dal letto, pulirlo, … e un conto è assisterlo in casa cucinando, …).

  9. Anonimo

    Si guarisce? È già la seconda volta che devo ripetere il trattamento… 🙁

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Tenga duro, si guarisce; raccomando di attenersi scrupolosamente alle indicazioni del medico, ivi compresa la bonifica ambientale.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, raccomando di usarlo ESATTAMENTE come prescritto.

  10. Anonimo

    Una volta guariti si diventa immuni a nuovi contagi? Oppure si può prendere di nuovo?
    Io ho finito il trattamento ieri, ma sento ancora prudere… 🙁

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Purtroppo non si acquisisce immunità.
      2. Assolutamente normale, il prurito può persistere ancora diversi giorni o più; verifichi comunque periodicamente con il medico che non compaiano nuovi segni sulla pelle, che sarebbero la reale indicazione della persistenza dell’infezione.

La sezione commenti è attualmente chiusa.