Sanguinamento rettale e nelle feci: cause principali e rimedi

Ultimo Aggiornamento: 48 giorni

Introduzione

La proctorragia (sanguinamento rettale) è la perdita di alcune gocce di sangue di color rosso vivo dal retto (ano): il paziente si accorge del sangue sulle feci, sulla carta igienica o nel WC. In questo articolo parleremo soltanto delle perdite di sangue di color rosso vivo, che si verificano sporadicamente.

La perdita continua di grandi quantità di sangue dal retto, con feci di colore nero pece o rosso scuro, può essere causata da altri disturbi, che non descriveremo in questa sede. Andate immediatamente dal medico se soffrite di questo secondo disturbo, molto più grave rispetto al primo.

Le cause del sanguinamento lieve di color rosso vivo possono essere diverse, quindi è molto importante andare dal medico per ottenere una diagnosi precoce. Il sanguinamento rettale, sia lieve sia grave, può essere sintomo di un tumore al colon, che può essere curato con successo se viene diagnosticato precocemente.

Diagnosi

Il medico ispezionerà la zona anale, alla ricerca di ragadi o emorroidi esterne; poi esplorerà l’ano con un dito, coperto da un guanto e lubrificato, alla ricerca di eventuali anomalie nella zona inferiore del retto e nell’ano.

Se necessario, verrà suggerita una colonscopia, cioè un esame in cui viene inserito nell’ano un tubicino (colonscopio) flessibile, grande quanto un dito e con una fonte di luce all’estremità. Il colonscopio serve per esaminare dall’interno il colon. Durante la colonscopia il paziente è sedato, quindi rimane più tranquillo e avverte meno fastidio o dolore.

In alternativa, per diagnosticare le cause del sanguinamento, il medico può consigliarvi la sigmoidoscopia, esame in cui si visualizza la parte inferiore del colon con un tubicino flessibile e più corto, con una telecamera all’estremità. Per esaminare soltanto la parte inferiore del retto e il canale anale, può essere usato l’anoscopio, un tubicino corto (6, 8 cm), utile in particolar modo se il medico sospetta la presenza di emorroidi, ragade anale o di un tumore all’ano.

Prevenzione

Le misure di prevenzione da adottare dipendono dalla causa del sanguinamento. Vi consigliamo di rivolgervi al vostro medico che vi indicherà i provvedimenti specifici da prendere.

Emorroidi

Le emorroidi sono vasi sanguigni che si trovano nell’ano e nel retto: si gonfiano e si congestionano a causa della pressione esercitata su di esse, più o meno come avviene per le vene varicose delle gambe. Le emorroidi possono essere interne (all’interno dell’ano) o esterne (sulla pelle dell’esterno dell’ano).

Le emorroidi sono la causa più frequente del sanguinamento rettale e, di norma, non provocano alcun dolore. Il sanguinamento dovuto alle emorroidi di solito avviene durante l’evacuazione, oppure macchia la carta igienica. Finora non si è riusciti a isolare la causa esatta del sanguinamento delle emorroidi: spesso la patologia sembra essere connessa alla stitichezza, alla diarrea, al rimanere seduti o in piedi troppo a lungo, all’obesità, al sollevamento di pesi e alla gravidanza. I sintomi delle emorroidi possono essere ereditari e, di solito, tendono a comparire con maggior frequenza tra gli anziani. Fortunatamente questo disturbo molto comune non è un fattore di rischio per il tumore e non è in alcun modo connesso al tumore.

Terapia delle emorroidi

La terapia medica delle emorroidi comprende la cura della stitichezza a monte e l’applicazione di creme o supposte a base di idrocortisone. Se la terapia non ha successo, esistono diversi modi per far rimpicciolire o eliminare completamente le emorroidi interne. I diversi metodi hanno differenti probabilità di successo, presentano rischi diversi e hanno diversi tempi di guarigione: il vostro medico ve li illustrerà in dettaglio.

La legatura elastica è l’intervento più comune, eseguito in day hospital. Viene posizionato un elastico alla base dell’emorroide interna: stringendolo, l’emorroide non riceve più sangue, quindi, in pochi giorni, si rimpicciolisce e cade, insieme all’elastico, durante l’evacuazione. Tra le possibili complicazioni si possono avere:

  • dolore,
  • sanguinamento,
  • infezioni.

Prima delle dimissioni, il medico vi prescriverà vari farmaci, ad esempio un antidolorifico e un lassativo ammorbidente. Chiamate immediatamente il medico se avvertite un dolore forte, se avete la febbre o sanguinate molto dall’ano.

La coagulazione laser o a infrarossi e la scleroterapia (iniezione di farmaci direttamente nelle emorroidi) sono altri due interventi ambulatoriali eseguiti però con minor frequenza.

L’intervento chirurgico di rimozione delle emorroidi può essere necessario nei casi più gravi o se i sintomi continuano nonostante la legatura, la coagulazione o la scleroterapia.

Approfondimenti

<

Ragadi anali

Le ragadi anali sono piccoli tagli della mucosa anale. Sono quasi sempre causate dalla stitichezza e dall’eccessiva durezza delle feci, però possono anche essere provocate dalla diarrea o dall’infiammazione dell’ano.

Oltre al sanguinamento rettale, le ragadi anali possono provocare un forte dolore durante e subito dopo l’evacuazione. Le ragadi anali, nella maggior parte dei casi, possono essere curate efficacemente ricorrendo a semplici rimedi pratici, come gli integratori di fibre, i lassativi ammorbidenti (se la causa è la costipazione). Il medico, inoltre, può prescrivere una pomata per alleviare l’infiammazione.

Se le ragadi non guariscono con la terapia farmacologica, si può ricorrere a terapie per rilassare lo sfintere anale (l’anello muscolare dell’ano) o all’intervento chirurgico.

Proctite

La proctite è l’infiammazione della mucosa rettale.

Può essere causata dalla radioterapia per diversi tipi di tumore, da particolari farmaci, da infezioni o da una forma di malattia infiammatoria intestinale (IBD). Può dare la sensazione di evacuazione incompleta e può farvi andare in bagno con urgenza e frequenza.

Tra gli altri sintomi ricordiamo:

  • il passaggio di muco dal retto,
  • il sanguinamento rettale,
  • il dolore nella zona dell’ano e del retto.

La terapia della proctite varia a seconda della causa: il medico vi indicherà quali sono i provvedimenti migliori da prendere.

Polipi

I polipi sono tumori benigni che si sviluppano sulla parete interna del colon. Per la maggior parte sono asintomatici, però alcuni di quelli che si trovano nella parte bassa del colon e del retto possono causare un sanguinamento lieve. È comunque fondamentale rimuoverli, perché alcuni di essi, se lasciati nel colon, potrebbero trasformarsi in tumori.

Tumore del colon-retto

L’espressione “tumore del colon-retto” si riferisce ai tumori che si sviluppano nell’intestino crasso.

Il tumore del colon-retto può colpire sia gli uomini sia le donne di tutti i gruppi etnici, ed è la seconda causa di mortalità per tumore. Fortunatamente si tratta di un tumore che si sviluppa lentamente, quindi può essere curato se i medici lo diagnosticano precocemente.

La maggior parte dei tumori del colon ha origine dai polipi del colon ed impiega diversi anni per svilupparsi, quindi rimuovere chirurgicamente i polipi del colon fa diminuire il rischio di tumore. Il tumore dell’ano è più raro, ma sempre e comunque curabile se diagnosticato precocemente.

Ulcere rettali

Le ulcere rettali singole sono un disturbo piuttosto raro che può colpire sia gli uomini sia le donne: sono collegate alla costipazione protratta e agli sforzi prolungati durante l’evacuazione.

Una zona del retto, che di norma si presenta come ulcera singola, produce sangue e muco, che vengono evacuati. La terapia comprende l’assunzione di fibre o integratori di fibre, per alleviare la costipazione. Per i pazienti con sintomi gravi o fastidiosi può essere necessario l’intervento chirurgico.

 

Fonte Principale: asge.org (traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Sara

    Mi dovrei preoccupare secondo lei? Che gia sono ansiosa di mio😯 cmq ora sento che è passata quella piccola irritazione sicuramente dovuta dalle feci dure credo. grazie per le risposte,gentilissimo .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      No, non si preoccupi, ma raccomando di verificare comunque con il medico; sono comunque ragionevolmente sicuro che non sia nulla di preoccupante.

  2. Kena

    Buon giorno
    Da due settimane ho le feci durissime e oggi ho visto abbastanza del sangue.
    Cosa mi consigliate
    Grazie

  3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
    Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

    Salve, è probabile che le feci dure abbiamo danneggiato la mucosa rettale e/o che abbia delle emorroidi. Deve cercare di bere in quantità adeguata e mangiare più cibi ricchi di fibre per rendere più molli le feci e facilitare l’evacuazione. Se poi ha anche bruciore e disturbi anali è il caso di andare dal suo medico per farsi consigliare qualche prodotto adeguato o controlli specifici. saluti

  4. Rox

    Buonasera da circa un mese ho feci molli (penso dovute a terapia antibiotica durata 3 settimane e completata 10 giorni fa), 3 giorni fa ho avuto diarrea per un giorno intero, ieri ed oggi invece le evacuazioni sono diminuite anche se ho ancora dolore all’addome, da ieri però ho noto sangue vivo ed ho prurito all’ano. Devo preoccuparmi? Può essere normale in seguito alle numerose evacuazioni che sto avendo?

    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere subentrata una gastroenterite, se domani persistesse lo segnali al medico.

  5. Giovanni

    Ciao Dottore ho 22 anni, da 1 mese a cicli alternativi quando vado in bagno noto delle goccie di sangue vivo sulla carta igienica e qualcuna sulle feci che mano mano quando la passo spariscono, aggiungo che quando defeco ho una sensazione di bruciore o qualcosa di tagliente anale e poi il dolore si protrare per qualche minuto e passa dopo aver finito, a cosa puo’ essere dovuto? Ultimamente vado anche stitico e probabilmente soffro di colon irritabile sento come se facessero fatica a scendere e subito dopo il dolore tagliente.

  6. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
    Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

    Salve, potrebbe avere una ragade anale o delle emorroidi infiammate, è consigliabile una scrupolosa igiene locale e una visita proctologica. saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La causa è probabilmente la stitichezza, ma se c’è un’insufficiente igiene intima questa può peggiorare la situazione.

  7. Sterzing98

    Buonasera, dottore da qualche giorno ho notato delle macchie di sangue nelle feci, premetto che non ho mai sofferto di stitichezza, emorroidi e/o ragadi anali …cosa mi consiglia? Devo preoccuparmi?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Deve farsi valutare dal medico, le cause sono molte, e senza approfondimenti non sappiamo cosa possa essere.

  8. Kiara'93

    Salve stasera sono andata in bagno e ho fatto un pò di diarrea ma dopo mi sono anche sforzata…e dopo un pò mi è uscito del sangue..sia sulla cartaigienica e sia quando mi stavo alzando dal vaso qualche gocciolina di sangue rosso acceso..HO DAVVERO MOLTA PAURA!!! Anche perchè prima di andare in bagno avevo un pò di mal di pancia e mi sentivo un pò debole (avevo la temperatura del corpo sui 37..di solito ce l’ho di meno)..tutt’ora mi fa male la pancia un pò…HO MOLTISSIMA PAURA che un pò ho sudato per la paura prima!!! Da premettere che mentre mi stava cadendo il sangue non avevo bruciore all’ano che è il classico sintomo delle emorroidi ..e questo fatto che non avevo bruciore all’ano che mi preoccupa di più..perchè di solito uno dei classici sintomi delle emorroidi sono appunto il bruciore all’ano mentre esce del sangue cosa che a me non è successa. Ho paura di un possibile tumore all’intestino,o allo stomaco, o al colon…come mi devo comportare??? E’ possibile che non si tratta di emorroidi..ma che si sia rotto qualche capillare a furia di sforzarmi?? (che poi non mi sono sforzata tanto neanche)…Se si è rotto qualche capillare è grave o è una cosa innocua?? La mia paura è casomai anche se non sto in bagno, x colpa di questo fatto che mi fa male la pancia..mi esce sangue all’improvviso (tipo come un emoraggia anale) senza preavviso ed è mortale!!!! Come mi devo comportare??? Aspetto qualche altro giorno e poi se risuccede questa cosa (spero di no) chiamo il mio medico??? Ah il mal di pancia può causare un pò di debolezza..perchè ogni volta che ho mal di pancia mi sento anche un pò debole!!! Da premettere che io soffro di cervicale (purtroppo):.da come sintomi acidità di stomaco e un pò di debolezza?? La ringrazio e scusatemi!!!!

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Non mi allarmerei, il sangue che ha visto è sicuramente dovuto allo sforzo che ha fatto, indipendentemente dalla presenza di emorroidi (il cui sintomo non è comunque per forza il bruciore), avrà lesionato la mucosa e da qui la piccola emorragia; non si preoccupi, se dovesse ricapitare o nota altri fastidi le consiglio comunque di farsi valutare dal medico.

  9. Fitfit

    Salve, volevo chiedere, oggi ho avuto un fastidio (tipo la sensazione che si prova qnd si ha bisogno di fare le feci) xo nn era controllabile. Andata in bagno mi è uscito sangue rosso vivo e feci molli. Il sangue non era poco. Vd dal medico? È la prima volta che mi succede.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è opportuno verificare.

      Preciso che con buona probabilità non è nulla di preoccupante, ma se è la prima volta che capita è necessario verificare.

  10. marika

    Salve,oggi andando in bagno e aver fatto le feci mi sono accorta che c’era del sangue sulla carta igienica e anche nel water,non mi fa male eniente cosa potrebbe essere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ragadi, emorroidi infiammate, … Raccomando comunque di verificare con il medico.

  11. Peppe

    Salve sono un ragazzo di 18 anni … l’anno scorso si è verificata la prima emorragia di sangue rosso vivo dall’ano in seguito a defecazione… l’episodio è continuato per un mese …. ma poi mi tranquillizzai leggendo gli effetti collaterali (tra cui risultava l’emorragia dall’ano ) di un farmaco (aisoskin) a cui ero sottoposto per L’acne . Così mi convinsi che il mio problema fosse solo un sintomo di quel farmaco (tra l”altro quando smisi di assumerlo il problema smise pure di verificarsi ) … ora sono circa 4 mesi che non sono più sotto trattamento ma qualche giorno fa il mio problema si è riverificato e sta avvenendo da 3 giorni consecutivi…. a cosa può essere dovuto ? Dovrei preoccuparmi?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, soffre di stipsi? ha dolore quando defeca? ha dolori addominali? Ad ogni modo ne deve parlare con il suo medico.saluti

    2. Peppe

      Innanzitutto grazie per la risposta …. in ogni caso non soffro di stipsi non provo alcun dolore quando defeco e non ho alcun dolore addominale

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Indispensabile verificare con il medico; potrebbe essere un problema banale (emorroidi infiammate), ma è imperativo verificare.

  12. Anonimo

    Buona sera è alcuni giorni che sto passando un influenza abbastanza brutta è due giorni che ho anche diarrea, oggi a mezzogiorno ho mangiato poca pasta con del pomodoro, oggi pomeriggio invece mi sono accorto quando sono andato in bagno che c’era la presenza, sembrava del sangue, poco ma c’era….devo preoccuparmi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Una diarrea frequente può essere causa di irritazione dell’intestino e rottura dei capillari, quindi niente panico, ma senta comunque il parere del medico.

      Plausibile anche che fosse pomodoro.

  13. Lella

    Salve ho un problema che si è ripetuto dopo circa un mese,
    Oggi sono andata in bagno e quando ho finito di defecare il water era pieno di sangue rosso vivo! Adesso ho mal di pancia, ho emorroidi ma il sangue sembra interno nn esterno perché quando mi sono pulita sulla carte era poco sangue ma ho notato tipo un pezzettino di carne cosa de o fare?
    A che tipo di medico devo rivolgermi?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In prima battuta al medico curante, sembra un problema di emorroidi molto infiammate.

  14. Anonimo

    Salve dottore, mio fratello ha effettuato le analisi del sangue occulto nelle feci poiché aveva un dolore all addome. Su tre campioni uno è uscito con presenza di sangue. È preoccupante?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Diciamo che merita qualche approfondimento, ma da solo NON è ancora diagnosi di nulla.

    2. Anonimo

      Le analisi del sangue sono buone…
      Ora Domani deve fare l ecografia alla addome. Grazie

  15. Susy

    Salve dottore sono molto preoccupata da un paio di giorni ho notato che ogni volta che vado al bagno x andare di corpo mi ritrovo sia la carta che il wc piano di sangue. Mi devo preoccupare? Aspetto domani x andare dal mio medico

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Le cause possono essere diverse, emorroidi, ragade anale, serve una valutazione medica ed eventualmente una colonscopia per escludere tutte le cause possibili.

  16. Anonimo

    Salve dottoressa. Per un fastidio alla addome è stato fatto le analisi delle feci. Un campione su tre è risultato con tracce di sangue. Le analisi del sangue sono buone. È preoccupante?
    Sono preoccupato. Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non necessariamente, spesso le cause sono banali (emorroidi infiammate), ma come detto va verificato.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.

Ho preso atto del Disclaimer e dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy