Sanguinamento rettale e nelle feci: cause principali e rimedi

Ultimo Aggiornamento: 1632 giorni

Introduzione

La proctorragia (sanguinamento rettale) è la perdita di alcune gocce di sangue di color rosso vivo dal retto (ano): il paziente si accorge del sangue sulle feci, sulla carta igienica o nel WC. In questo articolo parleremo soltanto delle perdite di sangue di color rosso vivo, che si verificano sporadicamente.

La perdita continua di grandi quantità di sangue dal retto, con feci di colore nero pece o rosso scuro, può essere causata da altri disturbi, che non descriveremo in questa sede. Andate immediatamente dal medico se soffrite di questo secondo disturbo, molto più grave rispetto al primo.

Le cause del sanguinamento lieve di color rosso vivo possono essere diverse, quindi è molto importante andare dal medico per ottenere una diagnosi precoce. Il sanguinamento rettale, sia lieve sia grave, può essere sintomo di un tumore al colon, che può essere curato con successo se viene diagnosticato precocemente.

Diagnosi

Il medico ispezionerà la zona anale, alla ricerca di ragadi o emorroidi esterne; poi esplorerà l’ano con un dito, coperto da un guanto e lubrificato, alla ricerca di eventuali anomalie nella zona inferiore del retto e nell’ano.

Se necessario, verrà suggerita una colonscopia, cioè un esame in cui viene inserito nell’ano un tubicino (colonscopio) flessibile, grande quanto un dito e con una fonte di luce all’estremità. Il colonscopio serve per esaminare dall’interno il colon. Durante la colonscopia il paziente è sedato, quindi rimane più tranquillo e avverte meno fastidio o dolore.

In alternativa, per diagnosticare le cause del sanguinamento, il medico può consigliarvi la sigmoidoscopia, esame in cui si visualizza la parte inferiore del colon con un tubicino flessibile e più corto, con una telecamera all’estremità. Per esaminare soltanto la parte inferiore del retto e il canale anale, può essere usato l’anoscopio, un tubicino corto (6, 8 cm), utile in particolar modo se il medico sospetta la presenza di emorroidi, ragade anale o di un tumore all’ano.

Prevenzione

Le misure di prevenzione da adottare dipendono dalla causa del sanguinamento. Vi consigliamo di rivolgervi al vostro medico che vi indicherà i provvedimenti specifici da prendere.

Emorroidi

Le emorroidi sono vasi sanguigni che si trovano nell’ano e nel retto: si gonfiano e si congestionano a causa della pressione esercitata su di esse, più o meno come avviene per le vene varicose delle gambe. Le emorroidi possono essere interne (all’interno dell’ano) o esterne (sulla pelle dell’esterno dell’ano).

Le emorroidi sono la causa più frequente del sanguinamento rettale e, di norma, non provocano alcun dolore. Il sanguinamento dovuto alle emorroidi di solito avviene durante l’evacuazione, oppure macchia la carta igienica. Finora non si è riusciti a isolare la causa esatta del sanguinamento delle emorroidi: spesso la patologia sembra essere connessa alla stitichezza, alla diarrea, al rimanere seduti o in piedi troppo a lungo, all’obesità, al sollevamento di pesi e alla gravidanza. I sintomi delle emorroidi possono essere ereditari e, di solito, tendono a comparire con maggior frequenza tra gli anziani. Fortunatamente questo disturbo molto comune non è un fattore di rischio per il tumore e non è in alcun modo connesso al tumore.

Terapia delle emorroidi

La terapia medica delle emorroidi comprende la cura della stitichezza a monte e l’applicazione di creme o supposte a base di idrocortisone. Se la terapia non ha successo, esistono diversi modi per far rimpicciolire o eliminare completamente le emorroidi interne. I diversi metodi hanno differenti probabilità di successo, presentano rischi diversi e hanno diversi tempi di guarigione: il vostro medico ve li illustrerà in dettaglio.

La legatura elastica è l’intervento più comune, eseguito in day hospital. Viene posizionato un elastico alla base dell’emorroide interna: stringendolo, l’emorroide non riceve più sangue, quindi, in pochi giorni, si rimpicciolisce e cade, insieme all’elastico, durante l’evacuazione. Tra le possibili complicazioni si possono avere:

  • dolore,
  • sanguinamento,
  • infezioni.

Prima delle dimissioni, il medico vi prescriverà vari farmaci, ad esempio un antidolorifico e un lassativo ammorbidente. Chiamate immediatamente il medico se avvertite un dolore forte, se avete la febbre o sanguinate molto dall’ano.

La coagulazione laser o a infrarossi e la scleroterapia (iniezione di farmaci direttamente nelle emorroidi) sono altri due interventi ambulatoriali eseguiti però con minor frequenza.

L’intervento chirurgico di rimozione delle emorroidi può essere necessario nei casi più gravi o se i sintomi continuano nonostante la legatura, la coagulazione o la scleroterapia.

Approfondimenti

Ragadi anali

Le ragadi anali sono piccoli tagli della mucosa anale. Sono quasi sempre causate dalla stitichezza e dall’eccessiva durezza delle feci, però possono anche essere provocate dalla diarrea o dall’infiammazione dell’ano.

Oltre al sanguinamento rettale, le ragadi anali possono provocare un forte dolore durante e subito dopo l’evacuazione. Le ragadi anali, nella maggior parte dei casi, possono essere curate efficacemente ricorrendo a semplici rimedi pratici, come gli integratori di fibre, i lassativi ammorbidenti (se la causa è la costipazione). Il medico, inoltre, può prescrivere una pomata per alleviare l’infiammazione.

Se le ragadi non guariscono con la terapia farmacologica, si può ricorrere a terapie per rilassare lo sfintere anale (l’anello muscolare dell’ano) o all’intervento chirurgico.

Proctite

La proctite è l’infiammazione della mucosa rettale.

Può essere causata dalla radioterapia per diversi tipi di tumore, da particolari farmaci, da infezioni o da una forma di malattia infiammatoria intestinale (IBD). Può dare la sensazione di evacuazione incompleta e può farvi andare in bagno con urgenza e frequenza.

Tra gli altri sintomi ricordiamo:

  • il passaggio di muco dal retto,
  • il sanguinamento rettale,
  • il dolore nella zona dell’ano e del retto.

La terapia della proctite varia a seconda della causa: il medico vi indicherà quali sono i provvedimenti migliori da prendere.

Polipi

I polipi sono tumori benigni che si sviluppano sulla parete interna del colon. Per la maggior parte sono asintomatici, però alcuni di quelli che si trovano nella parte bassa del colon e del retto possono causare un sanguinamento lieve. È comunque fondamentale rimuoverli, perché alcuni di essi, se lasciati nel colon, potrebbero trasformarsi in tumori.

Tumore del colon-retto

L’espressione “tumore del colon-retto” si riferisce ai tumori che si sviluppano nell’intestino crasso.

Il tumore del colon-retto può colpire sia gli uomini sia le donne di tutti i gruppi etnici, ed è la seconda causa di mortalità per tumore. Fortunatamente si tratta di un tumore che si sviluppa lentamente, quindi può essere curato se i medici lo diagnosticano precocemente.

La maggior parte dei tumori del colon ha origine dai polipi del colon ed impiega diversi anni per svilupparsi, quindi rimuovere chirurgicamente i polipi del colon fa diminuire il rischio di tumore. Il tumore dell’ano è più raro, ma sempre e comunque curabile se diagnosticato precocemente.

Ulcere rettali

Le ulcere rettali singole sono un disturbo piuttosto raro che può colpire sia gli uomini sia le donne: sono collegate alla costipazione protratta e agli sforzi prolungati durante l’evacuazione.

Una zona del retto, che di norma si presenta come ulcera singola, produce sangue e muco, che vengono evacuati. La terapia comprende l’assunzione di fibre o integratori di fibre, per alleviare la costipazione. Per i pazienti con sintomi gravi o fastidiosi può essere necessario l’intervento chirurgico.

 

Fonte Principale: asge.org (traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Buongiorno dottore e da novembre che ogni tanto mi esce il sangue rosso vivo con un po di muco pero va a periodi ogni tanto smette poi riprende dato che soffro anche di colite spastica puo esse causata anche dalla colite e anche dal nervoso grzie tante dottore buona giornata

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Periodiche perdite di sangue vanno sicuramente approfondite con il medico; la causa può essere banale, ma va verificato.

  2. larcher giuseppe

    Da una settimana perdo sangue assieme alle feci ogni volta
    che vado al WC colore rosso vivo . Cosa dipende?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno, se il sangue è rosso vivo è probabile che si tratti di un problema di emorroidi (soprattutto se ha anche dolore alla defecazione) o un di problema intestinale – rettale. E’ necessario parlarne con il suo medico per valutare bene se è il caso di fare qualche indagine. Saluti

  3. Anonimo

    Inizio a preoccuparmi. Sono sempre stata stitica ed ormai da anni convivo con emorroidi. Da 2 o 3 mesi a questa parte evaquo BENE circa 1 volta a settimana; tutti gli altri giorni vado in bagno almeno 8 o 9 volte al giorno e evaquo pochissime feci liquide mischiate con sangue e alcune volte muco. Cosa devo pensare? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere colon irritabile, quindi niente panico, ma va TASSATIVAMENTE verificato con il medico.

  4. Nina

    Mia figlia perde sangue ogni volta che va bagno rettale gli fa molto male che fare stiamo usando creme per emmoroidi,

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, se non dovesse migliorare con l’uso di questi rimedi per le emorroidi e quindi, se dovesse avere ancora tanto dolore e perdite, deve necessariamente essere vista da un dottore, potrebbe anche essere il caso di andare in PS. saluti

  5. guerriero

    salve dottore e un po di tempo che ogni volta che evacuo ogni tanto mi esce un po di muco e qualche striscetta di sangue dato che soffro di colite spastica in piu’ ogni tanto sono stitico e in piu’ dipende a giorni quando faccio le feci molle non mi esce pero quando faccio le feci dure qualche striscetta di sangue mi esce in piu’ puo essere anche causato dal nervoso grazie dottore

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, il sanguinamento può avere diverse cause, anche piccole lesioni della mucosa che si lacerano e sanguinano al passaggio di feci molto dure. Farei comunque un controllo dal medico e una colonscopia se non l’avesse mai fatta, ormai si fa di screening anche in assenza di sintomi.

  6. Anonimo

    Buona sera. Andando in bagno nel corso di questa settimana ho notato che nelle feci (morbide e a pezzi) ci sono tracce di sangue di colore roseo. E sono in preda al panico. Anche perché non lo trovo sulla carta o sul gabinetto. Quindi non credo siano emorroidi

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno, in questo caso è utile che ne parli con il suo medico per essere visitata e per, eventualmente, farsi richiedere un esame delle feci o una colonscopia per escludere problematiche intestinali. Saluti

    2. Anonimo

      Grazie. Lo so. Però ho paura, non poca. Il mio medico la sola cosa a cui ha fatto riferimento è la potenziale presenza di batteri intestinali. Ho fatto una gastroscopia negativa. Mi resta scoprire il tratto inferiore ma ho troppa paura. Intanto quelle tracce di sangue non gocciolano, perciò ho paura da impazzire

    3. Anonimo

      22 anni. Ma non credo che sia improbabile avere un tumore. Perché comunque ci sarà qualche povera ed innocente ragazza come me che purtroppo ci sta passando, o c’è passata. Stitichezza? A volte. Stitichezza intesa come difficoltà nel defecare? Raramente. Ma se inteso come distanza temporale, invece si. A volte sto anche 3 giorni senza andare in bagno. E a volte le mie feci sono normali, altre come in questo periodo sono morbide e a pezzi, altre più dure, altre caprine. Una sola volta in vita mia mi è accaduto di avere un episodio di diarrea liquida. È accaduto tra l’altro il mese scorso, o al massimo 2 mesi fa (non ricordo di preciso). Mi svegliai la notte per andare in bagno e sono andata di corpo completamente liquida. Nel giro di 1 ora c’ero già stata un 4-5 volte. Ed è durato per qualche ora. Non mi era mai capitato prima. Adesso invece in questo tempo, che potrà essere una settimana o poco più, ho questo tipo di feci. Mi vengono degli strani dolori, più che altro oserei dire “fitte” in pancia, nella parte più bassa con la sensazione di dover andare a defecare ma poi in realtà non succede nulla. Quando la faccio succede quello che ho già spiegato. Sangue solo sulle feci che sono morbide e a pezzi, e non sulla carta, sull’acqua o nel water. Motivo per la quale mi spavento molto. Dato che ho letto che in questi casi è più grave.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. L’età invece è di fondamentale importanza nell’anamnesi, inoltre spesso nei casi di tumore il sangue è occulto (non visibile).
      2. Un’emorroide infiammata o una piccola ragade possono spiegare il fenomeno, ma come detto è solo attraverso la visita che sarà possibile una diagnosi.

    5. Anonimo

      Capisco, ma un emorroide non dovrebbe comunque macchiare di sangue anche la carta? Insomma, il sangue non dovrebbe gocciolare anziché essere presente solo sulla cacca?

  7. Anonimo

    Buongiorno dottore,
    è qualche mese che sporadicamente sulla carta igienica trovo delle macchie di sangue rosso vivo, accompagnate da prurito nella zona anale. Evacuo quotidianamente senza problemi o anomalie. Succede per periodi di circa una settimana, poi per due/3 settimane nulla e poi il fenomeno ricompare. Il prurito talvolta è insopportabile. Da cosa può dipendere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente le emorroidi si infiammano leggermente, ma raccomando di verificare con l’aiuto del medico.

  8. Maria

    Buongiorno, ho appena compiuto 23 anni. Da qualche settimana provo dolore durante l’evacuazione e ieri ho trovato anche un po’ di sangue rosso chiaro sulla carta. Guardando allo specchio mi sembra di vedere una piccola protuberanza violacea, possono essere emorroidi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, assolutamente possibile che si siano un po’ infiammate le emorroidi; lo segnali al medico, sono situazioni rapidamente risolvibili con la giusta terapia.

  9. Anonimo

    Salve dottore
    E’ da qualche mese che capita che quando ho diarrea compaiono dei puntini rossi solidi nelle feci. Cosa potrebbe essere?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, purtroppo non possiamo escludere nulla senza avere dati e documentazione in mano. Dovrebbe farsi vedere dal suo medico o uno specialista per escludere la presenza di emorroidi e eventualmente fare un esame delle feci e una colonscopia. Saluti

  10. Anonimo

    salve, ho una figlia di 4 anni ed e’ successo che andando in bagno
    ho notato che la carta igenica si e’ sporcata di sangue color rosso vivo, considerando la sua giovanissima eta’ la cosa mi preoccupa e non poco, potrei avere qualche consiglio? grazie

  11. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
    Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

    Salve, ma ha avuto diarrea, dolori addominali, infiammazione intima? Le feci sono normali?

  12. daniela putignano

    gentilissimo dottore, dopo una settimana e forse piu di una diarrea quasi liquida, che è necessaria la mattina appena mi sveglio per iniziare la giornata, oggi dopo una passeggiata ho defecato ancora in diarrea e poi è partita una emorragia, avevo una fistola esterna e pensavo fosse scoppiata, invece, a distanza di 6 7 ore non smette di uscire sangue rosso vivo, anche se molto minore di allora,,,,,ho avuto tre anni fa un polipo che mi hanno tolto con la colon, e ho fissato la mia colon il 30 agosto pv…e ilmio dottore adesso è in ferie…cosa mi consiglia?? devo andare in ospedale?? io domani dovrei partire per 5 gg per un viaggio…e cosa ne pensa?? grazie…daniela))

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Un parere medico è indispensabile, quindi:
      1. Se il sangue che sta perdendo è abbondante si rivolga in PS,
      2. diversamente si rivolga al sostituto del suo medico o alla guardia medica.

  13. Daniele

    Salve dottore.
    Io anni fa ho avuto questo problema cioè andando in bagno ho notato che c’era del sangue sulla carta igienica. Ora a distanza di almeno 4 anni mi è successo di nuovo ma non solo sulla carta igienica ma anche nel water. (È successo una sola volta) circa 2 settimane fa. Specifico che vado in bagno regolare almeno una volta al giorno e avvolte anche due. quando mi feci visitare anni fa i medici non mi diedero una risposta e sono stato visitato in due ospedali diversi da diversi medici ma niente non sono riusciti a darmi una risposta. Vedendo poi che questo problema non lo avevo più ho lasciato perdere e mi sono tranquillizzato. Ora però è successo di nuovo. Cosa mi consiglia? Non so se può essere utile ma non ho 22 anni non ho emorroidi e quando vado di corpo spesso sento bruciore. Grazie !

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, se è sangue rosso vivo potrebbe trattarsi di una ragade anale (un ulcerazione) o una infiammazione rettale. Sarebbe utile fare una visita proctologica se il disturbo diventa più frequente .Saluti

  14. Anonimo

    Andando in bagno trovo tracce di sangue sulle feci. In bagno ci vado non regolarmente, perché passano anche 3 o 4 giorni. Le feci non sono durissime, e a volte sono sfatte. A pezzi. Altre caprine. Il sangue non lo perdo come negli altri casi che leggo qui, e non lo trovo neanche sulla carta igienica. Solamente sui pezzi di cacca che espello. Non sono tantissimi. Sono puntini di sangue rosso. Cosa potrebbe essere? Spaventatissima perché se fosse emorroide perderei più sangue e/o macchierei comunque la carta igienica. Ho paura di avere un cancro

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente piccole ragadi dovute allo sforzo, ma va comunque verificato con il medico.

      Età?

  15. Anonimo

    Ho scritto il commento 3 volte più o meno ma non lo fa inviare, pertanto se dovesse leggerlo più volte mi scuso, ma non è colpa mia. Comunque le dicevo che ho 22 anni, e che nonostante tutto non credo sia davvero improbabile avere un tumore, perché chissà quanti poveri ragazzi saranno andati via prima del dovuto a causa di malo simili. Comunque non mi accade solo quando mi sforzo, capita anche quando le feci sono più morbide. Il muco rispetto a prima è molto meno presente. Comunque a prescindere da uno sforzo o meno, accade ciò. E mi preoccupa perché non sporco neanche la carta igienica, ed è comunque in piccole quantità. Nel senso qualche puntino qua e la.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, verificherei col medico, ci sono alcuni esami da fare, nel suo caso però mi sembra più una questione infiammatoria, i tumori generalmente causano sangue misto a feci, invisibile dunque, o feci verniciate di sangue, e non puntini come da Lei descritto, stia tranquilla ma ne parli comunque col medico. Saluti.

    2. Anonimo

      “Verniciate” intende tipo strisce di sangue? Come anche nel caso di emorroidi? Che hanno strisce di sangue

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Segnali tutto al medico, ma l’età ci permette ragionevole sicurezza nell’escludere l’ipotesi di tumore, a maggior ragione per i motivi descritti dalla Dr.ssa Fabiani.

    4. Anonimo

      Grazie.
      Anche se l’aspetto del sangue di cui mi parlava la dott.ssa è io tipico anche delle emorroidi. Trovare una striscia di sangue sulle feci. Comunque infiammazione in questo caso? Di quale tipo potrebbe trattarsi? C’è qualcosa che potrei fare per limitare questa possibile infiammazione?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Una striscia può essere causata dalle emorroidi, ma invece fosse “più” verniciata di sangue diventerebbe meno probabile questa spiegazione; credo che la Dr.ssa Fabiani intendesse questo.

      Il dubbio è di malattie infiammatorie intestinali ma, mi creda, continuare a parlarne avrebbe come unica conseguenza quella di accrescere ansie e paure, probabilmente in modo immotivato.

      Ne parli con fiducia al medico, vedrà che arriverà a una diagnosi certa.

    6. Anonimo

      Comprendo. Ma avevate mai prima sentito di un simile problema? Perché leggendo nessuno ha mai avuto un problema così, ma solo di emorroidi. Non ho letto di nessuno che ha avuto problema come il mio. Sangue solo sulle feci. Avete mai visto casi simili?

    7. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Certamente, ed è anche alla luce di questo che consigliamo una visita medica, che è l’unico modo per arrivare a una diagnosi.

    8. Anonimo

      E per casi come questo, quale è stata la diagnosi poi? In genere cosa potrebbe essere?
      (Visita a parte)

    9. Anonimo

      E in casi come al mio, quale era stata una diagnosi?
      Leggo solo di persone che hanno sangue sulla carta o emorroidi. Ma solo sulle feci, no.

    10. Anonimo

      Dato che ha detto “certamente, ed è per questo che consigliamo una visita medica”… Qualcosa mi saprà dire?!:(

  16. Anonimo

    Ho un aggiornamento.
    Andata in bagno, avendo lo stimolo. Feci sfatte, come liquide. Guardo e sul fondo c’erano depositi di feci tipo granulose (non so spiegare bene) e ho notato un pezzettino di sangue che scendeva verso il fondo. Per il resto nelle feci in superficie comunque sfatte, era al solito presente qualche traccia. Poi bruciore anale, tollerabile ma presente. Nell asciugarmi ho notato una specie di muco marroncino, che non so se associare alla fine del ciclo mestruale o se a questo tipo di defecazione. Alzata, sento ancora come se dovessi defecare però in realtà non devo. Ma che malattia potrei avere? Io ho la quasi certezza che sia un tumore.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, non ha aggiunto nulla di nuovo con l’aggiornamento, sinceramente non capisco perché è così sicura di avere un tumore; potremmo star qui ad elencare tutte le patologie e/o anomalie possibili cause di sangue nelle feci, ma sarebbe un discorso sterile e come già detto dal Dott. Cimurro le farebbe solo aumentare l’ansia che mi pare sia già a un livello alto, per cui le consiglio di andare dal medico così da iniziare quanto prima il corretto percorso diagnostico, e affronti la cosa più serenamente perché davvero il tumore è l’ultima delle ipotesi nel suo caso.

  17. Anonimo

    La ringrazio ma come mai online nessuno parla di questo tipo di tracce di sangue? Se ne parla solo per tumore. Per il resto si parla solo di grosse quantità di sangue perse e trovate sulla carta, come nel caso delle emorroidi.
    Comunque con l’aggiornamento non le sembra di aver trovato novità? Non avevo scritto prima di aver avuto una “mini” scarica di diarrea con le solite tracce di sangue. E dopo quel bruciore anale, con sensazione di dover ancora defecare. Chissà…

    1. Anonimo

      Comunque dottori, io pensavo si trattasse di colon irritabile (di cui forse soffrirò anche) però il sangue non c’entra nulla con un colon irritabile ho letto e allora torna la preoccupazione.
      Anzi, ho letto che il sangue può essere sintomo di neoplasie degenerative. Fa un po’ paura questo termine. Cosa significa esattamente?
      Comunque dottore, perdoni la mia insistenza ma vorrei davvero capire. Lei mi ha detto che è capitato di avere visto o sentito di situazioni come le mie: sangue SOLO sulle feci e non sulla carta igienica. E ha poi aggiunto che proprio per questo suggerisce una colonoscopia. Ma a che proposito si sono verificati questi sintomi?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Comprendo l’ansia di questi giorni ma mi creda, continuare a cercare risposte sulla carta non la aiuterà in alcun modo, servono riscontri oggettivi e dati certi.

    3. Anonimo

      E ha ragione. Non lo metto in dubbio! Però una volta per tutte vorrei semplicemente capire qualcosa in più. Per caso si riferiva a qualcosa come tumori? E non me lo ha voluto dire per non farmi preoccupare?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sangue nelle feci può significare tutto (tumore) o nulla (una ragade anale) con mille spiegazioni intermedie (emorroidi infiammate, malattie infiammatorie intestinali, …).

      Con la sua età (mi sembra di ricorda che abbia meno di 30 anni) non c’è alcun motivo di pensare a un tumore, ma non c’è altro modo di avere una diagnosi se non attraverso una visita medica.
      Mi creda, comprendo la sua buona fede, ma non esiste altro modo; né Google, né io né qualsiasi medico su Internet potrà darle le risposte che cerca.

    5. Anonimo

      Ma potrebbe davvero essere un capillare che si spezza? Però non so… E in quel caso il sangue si presenta sotto questo aspetto?

    6. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Anche se io continuassi a risponderle, nella mia esperienza poi si finirebbe per peggiorare ansie e paure. Rassicurarla, oltre una certa soglia, significa far aumentare i dubbi perchè non si potrà mai fornire la “certezza” e, paradossalmente, risposte dettagliate saranno causa di nuove domande.

      Mi dispiace davvero, ma ritengo quindi che sia nel suo interesse che io mi faccia da parte.

    7. Anonimo

      Aggiornamento:
      Feci con macchie rosate. Le cose più assurde accadono a me.

      Grazie dottore

    8. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, come già detto e ripetuto anche dal Dott. Cimurro non aggiunge nessuna indicazione utile per capire di cosa lei soffra, essendo una visita medica con approfondimenti diagnostici l’unico modo per fare diagnosi.

    9. Anonimo

      Ringrazio nuovamente anche lei per il suo intervento. Però io non ho mai detto di voler sapere cosa ho, ma cosa potrei avere. Dandovi dei dati che sicuramente avrete studiato, o visto in altri pazienti, in base alle vostre esperienze ho pensato che avreste potuto dire cosa potrei avere carissimi medici. In linea generale ci saranno cose da poter escludere e cose invece sospette. O sbaglio?
      Sono certa che un colon irritabile ad esempio possa avere a che fare con le mie continue modifiche alla defecazione, ma credo di essere sicura che però il sangue non c’entra nulla col colon irritabile. Perciò andiamo oltre. E mi chiedo. Ma queste tracce di sangue, che oggi ho notato erano delle macchie rosacee sulle feci, sopra, sotto, credo anche dentro perché erano spezzate e quindi si vedevano aperte a metà (mi scuso per il quadro presentato poco carino) possono essere sintomo solo di un tumore? Un tumore che credo possa essere non so, nelle zone dell intestino crasso: colon, retto, ano. Emorroidi non credo diano questo tipo di problema.
      Questa sintomatologia ematica. La gastroscopia fatta quasi un anno fa, era invece negativa.

    10. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno. Mi associo ai colleghi, i sintomi descritti possono suggerire diverse patologie: colon irritabile, malattie infiammatorie intestinali ( es . M di Crohn), emorroidi , ragadi , tumori. Ma senza una visita medica ed eventualmente una colonscopia non è possibile fare diagnosi certe. Vada da un medico. Saluti

    11. Anonimo

      Scusate ma il colon irritabile causa sangue sulle feci? Non che io sappia. Le emorroidi causano questo tipo di sanguinamento? Sono ad ora ho sentito parlare solo di perdita di grandi quantità di sangue per emorroidi e soprattutto non solo sulle feci. Per le ragadi non so come funziona invece

  18. Meghy

    Sono stata operata 8 anni fa di emorroidi..tt bene..da 3 giorni perdo parecchio sangue rosso vivo quando evacuo ed ho bruciore ..mi succede solo al mattino..ho 62 anni ho iniziato a prendere da 2 settimane una compressa di cardiocor al mattino può dipendere da quello? Grazie

  19. Pierluca

    salve, 1 mese fa circa, dopo una serie di uscite a cena e abuso di fritture alcool ecc. nel pieno della notte ho avuto una fortissima colica(da torcermi) con evacuazione di acqua ed ho notato presenza di muco e sangue rosso vivo anche se non in maniera eccessiva…… che mi e’ durato anche il giorno successivo per poi scomparire, da premettere che fin da piccolo ho avuto problemi di colite e gonfiore cosa potrebbe essere (colon irritabile ) ho qualcos’altro?? e indicata una visita da uno specialista?? ho informato il medico curante che mi consiglia di fare l’esame della ricerca del sangue occulto nelle feci……..voi cosa consigliate?? grazie anticipatamente per la risposta

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, verosimilmente le perdite avute erano conseguenza dell’infiammazione colica provocata dagli stravizi alimentari. Se non ha avuto più disturbi del genere, concordo con il suo medico con il fare un test del sangue occulto e se verrà negativo potrà stare ragionevolmente tranquillo; se , invece, ha frequenti perdite ematiche con le feci, e ha familiarità per neoplasie al colon, sarà opportuno fare una colonscopia. Saluti

  20. Anonimo

    Buonasera.
    Volevo cercare di capire da cosa potrebbe dipendere un problema che da un po mi affligge. Quando defeco (a volte feci morbide, altre semu liquide, altre caprine) trovo del sangue su di esse. Il sangue è solamente su di esse, non gocciola. Non macchia neanche la carta igienica. Questa cosa già di suo mi allarma parecchio, poiché dicono che potrebbe trattarsi di un tumore. Oggi ho notato che tale sangue ha una consistenza particolare direi. Non capisco se è misto al muco, oppure se ha proprio una consistenza simile a quella del muco. In ogni caso ho notato oggi che l’aspetto era quello. L’ho notato perché, scusando il quadro poco carino, per curiosità ho voluto provare a preleverne un pezzetto con l’ausilio della carta igienica ovviamente.
    Cosa è?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Non possiamo dirlo, ci sono tantissime cause per quello che descrive, molte delle quali benigne, ma serve ovviamente una visita ed eventualmente una colonscopia per definire bene il quadro.

    2. Anonimo

      Alcune delle quali dott.ssa?
      Emorroidi però non credo proprio. Il sangue non credo sia così in caso di emorroidi.

    3. Anonimo

      A parte, potreste darmi delle delucidazioni?
      Tempo fa scrissi sempre qui, perché soffro di gravi oppressioni al petto e allo stomaco. Di più al petto ultimamente, come pesantezza e riesco a respirare malissimo. Motivo per la quale ho fatto la gastroscopia che però è risultata negativa. Per togliere ogni dubbio ho fatto sia i rx al torace che una spirometria. La spirometria si è presentata sotto forma di 3 respiri, tutti nella norma, apparte l’ultimo che era un po’ più debole ma comunque era normale, mi disse la dottoressa. E i rx non hanno rilevato nulla di anomalo, se non una scoliosi.
      Adesso.. Ho pensato. Ma se io avessi davvero un tumore, e questo mi darebbe problemi ad altri organi, (tipo metastasi) in questo caso polmoni, stomaco, coi rx che qualche mese fa ho fatto, si sarebbe visto se ci fosse stata ad esempio una metastasi o qualsiasi altra cosa? Scusate l’ignoranza in campo, ma se da un lato sono molto curiosa di sapere, d’altro canto è anche vero che se la medicina fosse facile da apprendere, saremmo tutti medici. Un saluto

    4. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, per quanto riguarda i dolori al petto, ha fatto controlli che sembrano escludere un problema gastrico o polmonare. Se questi fastidi si presentano ancora sarebbe il caso di fare un controllo cardiologico.
      Il sangue nelle feci invece è un segno associabile a diverse patologie quali colon irritabile in una fase particolarmente acuta, malattie infiammatorie intestinali ( m. di crohn ), diverticolite, emorroidi, neoformazioni intestinali. Per cui è opportuno parlarne con il medico e decidere se è il caso di fare qualche approfondimento diagnostico ( es. colonscopia). Saluti

    5. Anonimo

      Neoformazioni intestinali intende masse tumorali? E darebbero già questi fastidi?
      E per quanto riguarda le emorroidi, il sangue si presenta così?
      E come mai poi, se posso, ha questa consistenza? Sarà misto al muco?

    6. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. È una delle (tante) ipotesi, quando si procede alla diagnosi non si dà per scontato nulla.
      2. Sì, potrebbe (talvolta ragadi).
      3. Muco e soprattutto acqua.

    7. Anonimo

      Eventualmente in qualche qual modo potrebbe essere correlato un disturbo anche alle vie urinarie? Perché l urina è un po più scura con un piccolo grumo di muco marrone.
      Magari non c’entra neanche nulla

    8. Anonimo

      Ma in casi di problemi gastrointestinali si possono avere anche problemi urinari?
      Comunque continuo a non spiegarmi questo sangue-mucoso sulle feci. Emorroidi? Si presentano così?

    9. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, per esempio chi soffre di colon irritabile è predisposto a piccoli disturbi urinari.
      2. È una delle ipotesi.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.