Rosolia: foto, sintomi e rischi in gravidanza

Ultimo Aggiornamento: 45 giorni

Introduzione

La rosolia è un’infezione che colpisce principalmente la pelle ed i linfonodi. È causata dal virus della rosolia, simile ma non identico al virus che provoca il morbillo, e di norma viene trasmesso respirando le goccioline del naso o della gola degli altri.

Questa malattia è generalmente di lieve entità nei bambini, il principale rischio medico della rosolia è invece l’infezione delle donne in stato di gravidanza, che può provocare la rosolia congenita nel bambino in via di sviluppo; può infatti essere trasmesso dalla mamma al feto attraverso la circolazione sanguigna.

Prima che fossero resi disponibili i vaccini contro la rosolia nel 1969 le epidemie si verificavano ogni sei – nove anni. I bambini in età tra i 5 e i 9 anni erano quelli maggiormente colpiti ed in molti casi si verificavano anche episodi di rosolia congenita. Adesso, a causa dell’immunizzazione dei bambini, ci sono molti meno casi di rosolia, congenita e non.

La maggior parte delle infezioni da rosolia oggi appaiono nei giovani e negli adulti non immunizzati piuttosto che nei bambini. In realtà gli esperti stimano che il 10% dei giovani adulti siano oggi suscettibili di contrarre la rosolia, la quale potrebbe rappresentare un pericolo per i bambini che che questi potrebbero un giorno avere.

Foto

http://it.wikipedia.org/wiki/Immagine:Rubella_Dgk_kind_mitroeteln.jpg

http://en.wikipedia.org/wiki/Image:Rash_of_rubella_on_skin_of_child%27s_back.JPG

Sorgente foto:

  • http://it.wikipedia.org/wiki/Immagine:Rubella_Dgk_kind_mitroeteln.jpg
  • http://en.wikipedia.org/wiki/Image:Rash_of_rubella_on_skin_of_child%27s_back.JPG

Sintomi

L’infezione della rosolia può iniziare con uno o due giorni di lieve febbre (37-38 °C) e gonfiore ai linfonodi, di solito quelli situati nella parte posteriore del collo, dietro le orecchie. Quindi appare un’eruzione cutanea che inizia dal viso e si estende verso il basso. Come questa si diffonde verso il corpo in basso, di solito sparisce dal viso. Quest’eruzione cutanea spesso è il primo segno di malattia di cui si accorge il genitore.

L’eruzione cutanea della rosolia può apparire come per molte altre eruzioni cutanee virali. Appare infatti come un’infiammazione di colore rosa o rosso, i cui punti possono fondersi per formare delle macchie uniformemente colorate. L’eruzione cutanea può provocare prurito e durare fino a tre giorni. Come si cancella l’eruzione cutanea, la pelle colpita, occasionalmente, cade in piccoli fiocchi.

Altri sintomi di rosolia, che sono molto comuni nei giovani e negli adulti, possono includere:

  • mal di testa;
  • perdita dell’appetito;
  • una lieve congiuntivite (infiammazione del rivestimento di occhi le palpebre) ;
  • naso otturato o naso che cola;
  • linfonodi gonfi in altre parti del corpo;
  • dolore e gonfiore delle articolazioni (in particolare nelle giovani donne).

Molte persone con la rosolia invece non manifestano alcun sintomo evidente.

Trasmissione

Il virus può essere identificato su tampone faringeo da 1 a 13 giorni prima dell’esantema (con una maggioranza di casi 5 giorni prima) fino a 2-6 giorni (termine del prelievo dei campioni) dopo l’esantema.

Il virus della rosolia passa da persona a persona attraverso le piccole gocce di liquido che fuoriescono dal naso e dalla gola. Le persone che hanno la rosolia sono contagiose da una settimana prima ad una settimana dopo la comparsa dell’eruzione. Chi è stato infettato, ma non manifesta ancora i sintomi, può comunque già diffondere il virus.

Pericoli

Quando la rosolia contagia una donna incinta, può causare la sindrome della rosolia congenita al nascituro, con conseguenze potenzialmente molto dannose per il feto in via di sviluppo. I bambini che sono infettati dalla rosolia prima della nascita sono a rischio di ritardo di crescita, ritardo mentale, malformazioni del cuore, cecità, sordità, problemi al fegato, alla milza, al midollo osseo.

Dalla dodicesima alla ventottesima settimana la placenta esplica un’azione protettiva ed è quindi più raro che si verifichi un’infezione fetale in questo periodo, maggiormente a rischio è invece il periodo precedente.

E’ possibile verificare l’immunità della madre alla rosolia con il rubeotest, da eseguire prima dell’avvio della gravidanza. L’esame viene comunque ripetuto con le prime analisi del sangue da eseguire in gestazione.

Durata

In letteratura viene riportato un periodo di incubazione di 13-24 giorni (circa 18 giorni di media), questo significa che ci possono volere da 2 a 3 settimane perché un bambino manifesti la rosolia dopo la prima esposizione al virus.

L’eruzione cutanea della rosolia in genere dura tre giorni. I linfonodi possono rimanere gonfi per una settimana o più, il dolore alle articolazioni può durare per più di due settimane. I bambini che hanno la rosolia di solito recuperano entro una settimana, ma gli adulti possono richiedere più tempo.

Cura e terapia

La rosolia non può essere trattata con antibiotici, perché gli antibiotici non funzionano contro le infezioni virali. A meno che non vi siano complicazioni, la rosolia si risolverà da sola.

Ogni donna incinta esposta a malati di rosolia deve invece contattare immediatamente il suo ginecologo.

La rosolia in genere è una malattia lieve, in particolare nei bambini. I bambini colpiti in genere possono essere curati a casa. Controllare la temperatura del giovane malato e chiamare il medico se la febbre diventasse troppo elevata.

Per alleviare i sintomi minori ad un bambino, è possibile somministrare paracetamolo (Tachipirina, Efferalgan, Sanipirina) od ibuprofene (Nureflex, Antalfebal). Evitare di somministrare l’aspirina ad un bambino che ha una malattia virale, perché il suo uso in questi casi  è stato associato con lo sviluppo della sindrome di Reye, che può portare all’insufficienza epatica e alla morte.

Prevenzione

La rosolia può essere prevenuta con un vaccino anti-rosolia. Una larga immunizzazione contro la rosolia è fondamentale per controllare la diffusione della malattia, impedendo in tal modo difetti di nascita causati da sindrome da rosolia congenita.

Il vaccino è di solito dato al bambino dai 12 ai 15 mesi come parte dell’immunizzazione morbillo-parotite-rosolia. Una seconda dose del vaccino è generalmente data dai 4 ai 6 anni di età. Come nel caso di tutte le altre immunizzazioni in programma vi sono importanti eccezioni e circostanze particolari da considerare.

Il vaccino da rosolia non deve essere somministrato ad ogni stadio di gravidanza o in donne che possono diventare gravide entro un mese dalla data di ricevimento del vaccino. Se state programmando una gravidanza, assicuratevi di essere immuni alla rosolia attraverso un esame del sangue con una prova di immunizzazione. Se non siete immunizzate, dovreste prendere il vaccino almeno un mese prima della gravidanza.

Riammissione a scuola

Il bambino può tornare all’asilo o a scuola dopo 7 giorni dalla comparsa dell’esantema.

Quando chiamare il medico

Chiamate il medico se il vostro bambino sviluppa una febbre di 39 gradi o superiore (in un bambino di età inferiore ai sei mesi, chiamatelo se la febbre supera i 38 gradi), o se il bambino sembra avere una malattia più grave rispetto ai lievi sintomi descritti sopra.

Fonte: libera traduzione da kidshealth, a cura di Sara

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anna

    Salve volevo chiedere uniformazione io ho fatto gli esami del sangure e ho visto che e positivo pero sono incinta di 24 settimane cosa succede al feto? Ho cosa avrà quando nascerà?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono positivi gli IgM?

      L’ha già segnalato al ginecologo?

  2. elena

    salve dottore,
    sono una ragazza di 26 anni e dopo l’estate vorrei provare ad avere una gravidanza con il mio compagno.
    le chiedo 1 informazione, mia madre sa per certo che non sono mai stata vaccinata ma non ricorda se io abbia mai avuto la rosolia, posso fare un test per scoprirlo preventivamente? e in caso negativo devo fare il vaccino?
    grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì.
      2. In caso negativo verrà proposto il vaccino, non è che “debba” farlo. Il mio consiglio è comunque di procedere se non fosse immune.

  3. Silvia

    Salve Dottore
    Buonasera dottore
    Sono in gravidanza di 6 messi e mezzo e ho ricevuto adesso i risultati di rosolia dove dalle analisi risulta lo seguente:
    ANTICORPI ANTI ROSOLIA IgG POSITIVO
    ANTICORPI ANTI ROSOLIA IgG 86, 30 iu/ml

    ANTICORPI ANTI ROSOLIA IgM NEGATIVO
    ANTICORPI ANTI ROSOLIA IgM 0,31 index

    E voglio sapere si tutto va bene??
    Grazie mille per la sua risposta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se gli IgM sono negativi è tutto OK; abbiamo anche dei valori precedenti?

    2. Anonimo

      Grazie mille per la sua risposta. Ma solo ho questi esami, la prima volta che ho fatta l’esame due messi fa solo me avevano dato il risultato di il IgG che era positivo e mancava il IgM per quello lo fatto di nuevo e il resultado del IgM e il resusultato e negativo . Grazie di tutto. Buona giornata.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      OK, raccomando comunque di verificarli con il ginecologo.

  4. Laura

    Gentile dottore, in vista del vaccino che faró a ottobre (nella prima gravidanza non sono risultata immune alla rosolia nonostante avessi fatto il vaccino da piccola e richiamo da adolescente) mi è stato consigliato di prendere la pillola già ora e fino ad almeno tre mesi dopo il vaccino. In passato ho già preso la pillola per molti anni e tutte le volte che la sospendevo mi si riscontravano ovaie micropolicistiche con ovulazione non sempre presente, problema che non avevo prima di assumere la pillola.
    Al controllo che ho appena fatto le mie ovaie sono normali e ovulano regolarmente, motivo per cui ho un po’ di preoccupazione a riprendere la pillola… A suo parere è necessario prendere la pillola ai fini del vaccino?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, se come ho inteso la pillola è a uso anticoncezionale per il periodo del vaccino, esistono altri metodi, ne parli col ginecologo.

  5. Natalia

    Buongiorno dottore. Sono incinta di 18 settimane delle analisi risulta che sono positiva al rubeo-test. IgG 39 e IgM 96. Ho tanta paura per il bambino ce qualche rischio??? Domani ripetto gli essami. Grazie

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, si, la rosolia contratta in gravidanza può avere importanti conseguenze sul feto per cui deve far vedere le analisi al suo medico o al ginecologo per gestire al meglio la situazione.Saluti

  6. Annie

    Salve,
    Sono alla 8va settimana di gravidanza, i test rosolia anticorpi igG sono >500.0 e igM è <0.10. Ho tanta paura😯

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Tutto OK, sembra che abbia fatto e superato la malattia in passato, ma raccomando di verificare con il medico.

  7. Marisa

    Salve sono preoccupata da morire ho fatto il test lgm ed è risultato positivo>25 ilmio 29,lho rifatto subito e i valori erano leggermente più bassi,ora la mia ginecologa mi ha consigliato di fare il test di avidità se risultasse positivo quale sarebbe la procedura da adottare😞.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, è in gravidanza? dipende anche dall’età della gravidanza, va valutato il quadro clinico completo, una volta fatto il test. In bocca al lupo!

  8. Eri

    Salve sono un ragazzo di 20 anni e sono in gravidanza 5 mesi da piccola non ho fatto il vaccino rosolina ho fatto glia analisi ma non capisco niente .
    Rosolia igG 6 UI/ML
    Rosolia igM <10 AU/ML

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buonasera, quali sono i valori di riferimento?

    2. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Dal risultato delle analisi emerge che lei non ha mai avuto la rosolia nè la ha adesso.saluti

  9. Anna

    Buona sera sono in gravidanza vorrei capire questi resultati :
    Sierologia del citommegalovirus
    CMV IgG *65,0 U/mL negativo 14

    CMV IgM <5,0 U/mL negativo 22
    GRAZIE

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A che settimana si trova? Questi esami ci dicono che ha fatto e superato la malattia in passato.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente no, anche se non sappiamo con esattezza quando sia stata contratta la prima volta (non possiamo in linea teorica escludere i primi mesi di gravidanza).

  10. Laura

    Salve dottore ho ritirato le analisi per la rosolia e il risultato è questo: risultato igg 158 interpretazione igg presenti risultato igm 0.47 interpreta zione igm assenti…cosa significa?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Significa che ha fatto e superato l’infezione in passato.

    2. Laura

      Sono al primo mese di gravidanza può ripresentarsi? Ma può essere successo anche anni fa o poco tempo fa?

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, probabilmente l’ha contratta in passato, in un periodo antecedente alla gravidanza e quindi ora è protetta.

  11. Anonimo

    Salve dottore, ho letto in alcuni articoli che il vaccino contro la rosolia può provocare l’autismo. Volevo sapere se è vero.

  12. Irene

    Salve dottore
    Sono 3giorni che ho piccole bollicine distribuite su tutto il corpo con un lieve prurito…sono già madre di un bimbo di 1 mese e mezzo ma non capisco da cosa può essere causato tutto ciò…può essere rosolia o che cosa?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, è un sintomo talmente aspecifico che le ipotesi sarebbero troppe, le consiglio di verificare col medico.

  13. Ritaf

    Da qualche giorno mia sorella di 18 anni ha delle macchie rosa per tutto il corpo e anche i linfondi gonfi noi sospettiamo che è rosalia.adesso deve farsi le analisi

  14. ami

    sono alle 13 settimana di gravidanza ho fatto il test per la rosolia risulto negativa questo vuol dire che rischio di prenderla ho tanta paura

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi riporta cortesemente risultati e valori di riferimento di IgM e di IgG?

  15. giuly

    Salve dottore.sono in completo panico.sono incinta del secondo bimbo alla 19 settimana.ultimo ciclo 19 luglio.a settembre ho fatto gli esami e sono risultata immune alla rosolia.ora sono ricoverata in ospedale per puntini pruriginoso.mi hanno fatto gli esami e risulta una reinfezione alla rosolia.a part3 il prurito a gambe e metà pancia nn ho nessun sintomo.anzi sto benissimo.per curare un Eritema nodoso alle gambe mi hanno prescritto 3mg di bentelan 1 per 3 gg.alla seconda compressa è cominciato il tutto(puntini e prurito).ora l’ eritama nodoso è scomparso e ho tutto il resto.potrebbero essere errato il risultato che sia positiva la riattivazione del virus?cosa mi consiglia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma temo che sia una situazione al di là delle mie competenze.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.

Ho preso atto del Disclaimer e dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy