Raucedine, abbassamento della voce ed altri problemi correlati: cause e rimedi

Ultimo Aggiornamento: 1894 giorni

Elencare la varietà dei disturbi in grado di causare problemi alla voce può essere davvero sorprendente, in quest’articolo spiegheremo quali sono le cause più frequenti della raucedine e dei problemi della voce in genere.

Se soffrite spesso di raucedine o notate che la voce cambia per lunghi periodi, vi consigliamo una visita dall’otorinolaringoiatra, cioè dal medico specializzato nella cura dei disturbi dell’orecchio, del naso e della gola.

Disturbi della voce

Laringite acuta

La laringite acuta è la causa più frequente della raucedine e della perdita della voce improvvise: la maggior parte dei casi di laringite acuta è provocata da un’infezione virale che fa gonfiare le corde vocali e queste, gonfiandosi, vibrano diversamente dal solito e causano raucedine.

La miglior cura per questo disturbo è quella di idratarsi bene, parlare di meno e lasciar riposare la voce. Se si sforza troppo la voce durante un episodio di laringite acuta si possono riportare gravi lesioni alle corde vocali.

La maggior parte dei casi di laringite acuta è causata da un virus, quindi gli antibiotici non servono a nulla. Le infezioni batteriche della laringe sono più rare e spesso sono connesse a difficoltà respiratorie. Se ci sono problemi respiratori di qualsiasi tipo, è sempre consigliabile recarsi al pronto soccorso.

Laringite cronica

L’espressione “laringite cronica” è molto generica, quindi occorre individuare le cause del disturbo. La laringite cronica può essere provocata da:

  • reflusso acido,
  • esposizione a sostanze irritanti come il fumo di sigaretta,
  • infezioni lievi (come infezioni delle corde vocali provocate dai funghi in quei pazienti che fanno uso di inalatori per l’asma).

Anche chi si sottopone alla chemioterapia o chi in qualche modo ha problemi al sistema immunitario può contrarre queste infezioni.

Reflusso laringofaringeo

Il reflusso dei succhi gastrici nella gola può causare diversi sintomi a carico della gola o dell’esofago (il condotto che permette il passaggio del cibo dalla bocca allo stomaco).

Tra i sintomi frequenti dell’irritazione della gola dovuta ai succhi gastrici della gola ricordiamo:

  • raucedine (cronica o intermittente),
  • problemi della deglutizione,
  • sensazione di nodo in gola,
  • mal di gola.

Ricordiamo inoltre che il reflusso laringoesofageo si può presentare senza i sintomi del bruciore di stomaco e del rigurgito che di solito accompagnano il reflusso gastroesofageo (GERD).

Affaticamento o maltrattamento della voce

Parlare è una sorta di ginnastica per la quale è indispensabile imparare a respirare bene contemporaneamente all’uso di diversi gruppi muscolari. Non dovrebbe sorprendere che, come in qualsiasi altra ginnastica, esistono modi efficienti e modi inefficienti di usare la voce: parlare troppo e con un tono troppo alto, oppure maltrattare la voce, può causare problemi esattamente come quando si ha mal di schiena perché si è sollevato un peso in modo scorretto.

Le tensioni eccessive nei muscoli del collo e della laringe, ed anche la respirazione scorretta quando si parla, provocano l’affaticamento delle corde vocali, fanno fare uno sforzo maggiore per parlare e causano la raucedine. Se si affatica o si maltratta la voce si possono sviluppare lesioni benigne delle corde vocali, oppure si può soffrire di emorragia delle corde vocali.

Situazioni frequentemente collegate con il cattivo uso della voce:

  • Parlare in luoghi rumorosi,
  • Usare troppo il cellulare,
  • Parlare al telefono appoggiando la cornetta sulla spalla,
  • Usare un timbro di voce scorretto, cioè troppo alto o troppo basso,
  • Non usare un microfono quando si parla in pubblico.

Lesioni benigne delle corde vocali

Le lesioni benigne delle corde vocali sono problemi traumatici di natura non tumorale, causati dal cattivo uso o dal maltrattamento della voce. Le lesioni, che si presentano sottoforma di noduli, polipi o cisti, possono colpire una o più corde vocali, alterandone la vibrazione e causando la raucedine.

I noduli delle corde vocali (anche detti “nodi del cantante”) sono una specie di “calli” delle corde vocali: colpiscono entrambe le corde vocali alla stessa altezza, nel punto di massima tensione, e di solito vengono curati con la terapia della voce, per eliminare il trauma che li ha causati. Diversamente da quanto si pensa, i noduli delle corde vocali possono essere curati facilmente e l’intervento li fa regredire nella maggior parte dei casi.

I polipi e le cisti sono altri tipi di lesioni benigne che si presentano frequentemente, a volte possono essere collegati al cattivo uso o al maltrattamento della voce, però possono anche colpire pazienti che usano correttamente la voce. I problemi di questo tipo di solito devono essere curati con la microchirurgia, in alcuni casi accompagnata dalla terapia della voce, in un approccio combinato.

Emorragia delle corde vocali

Se perdete improvvisamente la voce dopo aver gridato, urlato o averla sforzata in altro modo, probabilmente è in corso un’emorragia delle corde vocali: uno dei vasi sanguigni sulla superficie delle corde vocali si è rotto e i tessuti molli delle corde vocali si sono riempiti di sangue. Si tratta di una situazione d’emergenza, che non va sottovalutata: l’unica cura è quella di far riposare completamente la voce finché l’emorragia non cessa. Se perdete la voce dopo averla sforzata, vi consigliamo una visita dall’otorinolaringoiatra.

Paralisi e paresi delle corde vocali

La raucedine e gli altri problemi possono essere collegati a disturbi dei nervi e dei muscoli della laringe o della faringe, il disturbo neurologico più frequente che colpisce la laringe è la paralisi o l’indebolimento di una o di entrambe le corde vocali.

La paralisi di entrambe le corde vocali è un’eventualità rara e di solito si manifesta con una respirazione rumorosa o con la fame d’aria quando si respira o si parla. Se la corda vocale è paralizzata o debole, sarà la voce a causare problemi, e non la respirazione.

La paresi (indebolimento) o la paralisi della corda vocale può essere causata da un’infezione virale della gola, da un intervento chirurgico nella zona della testa o del collo, da un tumore o da un polipo nelle terminazioni nervose della laringe o da motivi non chiariti. La paralisi delle corde vocali di solito si manifesta con l’abbassamento della voce, che diventa una voce di gola. La maggior parte dei casi di paralisi alle corde vocali guarisce nel giro di alcuni mesi. In alcuni pazienti, tuttavia, la paralisi non guarisce e può richiedere una terapia per migliorare la voce.

La scelta della terapia dipende dalla causa della paralisi delle corde vocali, dall’entità del danno alla voce e dalle necessità del paziente; attualmente non si può ritornare a far muovere le corde vocali paralizzate, però esistono ottime terapie per migliorare la voce.

Una di esse è l’intervento chirurgico per la paralisi monolaterale, che riposiziona la corda vocale paralizzata in modo da migliorarne la vibrazione e il contatto con quella non paralizzata: l’intervento chirurgico può essere eseguito con molte tecniche diverse. La terapia della voce può essere eseguita prima o dopo l’intervento chirurgico sulla corda vocale paralizzata, oppure può essere usata come unica terapia.

Tumore della laringe

Il tumore della laringe è una malattia grave, per la quale occorre consultare il proprio medico. La raucedine cronica dovrebbe essere un segnale di allarme che dovrebbe spingervi a rivolgervi all’otorinolaringoiatra per escludere un tumore alla laringe. È importante ricordare che, facendo attenzione ai cambiamenti della voce, spesso si può arrivare a una diagnosi precoce.

Ricordatevi quindi di ascoltare la vostra voce, perché potreste trarne informazioni utili! Il tumore alla laringe è altamente curabile se diagnosticato nelle prime fasi.

I farmaci possono danneggiare la voce?

Alcuni farmaci, sia con obbligo di ricetta, sia senza ricetta sia erboristici, sono in grado di influenzare la funzionalità della vostra voce. Se il medico vi prescrive un farmaco che può danneggiare la vostra voce, accertatevi che i benefici derivanti dall’assunzione siano maggiori dei rischi potenziali che la voce può correre.

La maggior parte dei farmaci influisce negativamente sulla voce perché diminuisce l’idratazione delle mucose che ricoprono le corde vocali. Le corde vocali, per funzionare correttamente, dovrebbero essere ben lubrificate: se le mucose si disidratano, sarà più difficile parlare, quindi l’idratazione delle corde vocali è fondamentale per la salute della nostra voce.

I farmaci sono anche in grado di influenzare la voce se diminuiscono la densità del sangue: in questo modo le corde vocali corrono un maggior rischio di lesioni o emorragie in seguito ai traumi. I farmaci, inoltre, possono causare la ritenzione idrica (edema) che fa gonfiare le corde vocali. I farmaci delle seguenti categorie sono in grado di influire negativamente sulla voce:

Ricordiamo infine altri farmaci, e disturbi connessi, in grado di influire negativamente sulla voce:

  • Gli ACE inibitori (inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina, cioè farmaci che tengono sotto controllo la pressione sanguigna) possono provocare la tosse o la gola secca in più del 10 per cento dei pazienti. La tosse o la gola troppo secca possono contribuire alle lesioni delle corde vocali.
  • I contraccettivi orali possono causare la ritenzione idrica (edema) nelle corde vocali, perché contengono estrogeni.
  • La terapia ormonale sostitutiva a base di estrogeni, usata nel periodo della menopausa, può avere effetti di intensità variabile.
  • Insufficiente dosaggio di farmaci sostitutivi degli ormoni tiroidei nei pazienti affetti da ipotiroidismo.
  • Gli anticoagulanti (farmaci che fanno diminuire la densità del sangue) possono far aumentare il rischio di emorragia delle corde vocali o formazione di polipi in risposta ai traumi.
  • I farmaci erboristici in genere non sono pericolosi, ma vanno comunque assunti con prudenza, perché alcuni potrebbero avere effetti collaterali sconosciuti, tra cui i disturbi della voce.

Consigli per mantenere in forma la voce

  1. Bevete moltissima acqua: l’idratazione è importante per mantenere la voce in forma, perché contribuisce alla lubrificazione delle corde vocali. Cercate di bere molto (il minimo consigliabile è almeno otto bicchieri al giorno); scegliete bevande senza caffeina e senz’alcool, e bevete lungo tutto l’arco della giornata.
  2. Cercate di non urlare né gridare, perché la voce potrebbe risentirne. Le mucose delle corde vocali sono particolarmente a rischio quando si sforza la voce.
  3. Prima di sforzare la voce o di usarla a lungo, riscaldatela. È noto che i cantanti riscaldano la voce prima di esibirsi, ma molte persone non si rendono conto che è indispensabile riscaldarla anche prima di uno sforzo di altra natura: insegnare davanti a una classe, tenere un discorso o parlare in pubblico. Il riscaldamento può essere molto semplice, ad esempio una scala discendente, con i diversi suoni delle vocali, trillati come fanno i bambini.
  4. Non fumate. Oltre a rappresentare un fattore di rischio tutt’altro che trascurabile per il tumore alla laringe, il fumo provoca anche infiammazione e polipi alle corde vocali che provocano la raucedine e indeboliscono la voce.
  5. Imparate le tecniche di respirazione, respirare bene è fondamentale per avere una buona voce. Prima di iniziare a parlare, prendetevi tutto il tempo per inspirare e non aspettate di essere senza fiato prima di respirare di nuovo.
  6. Usate il microfono. Quando parlate in pubblico, cercate di usare un microfono per sforzare di meno la voce.
  7. Ascoltate la vostra voce. Quando la voce ha qualche problema, ascoltatela. Ricordate che è necessario modificare l’uso della voce, ed eventualmente riposarla, in caso di raucedine, per permettere alle corde vocali di ritornare in piena salute. Sforzare la voce quando siete già rauchi può causare problemi gravi. Se siete colpiti frequentemente dalla raucedine, o se rimanete rauchi a lungo, vi consigliamo di farvi visitare da un otorinolaringoiatra (medico specializzato nella cura dei disturbi delle orecchie, del naso e della gola).

Traduzione ed integrazione di Elisa Bruno

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Eugenio

    Salve, ieri sera dopo molto parlare ad alto volume e “falsetti” vari, ho sentito un bruciore a livello del collo, quindi alle corde vocali. Riesco comunque a parlare normalmente ma oggi, quasi a distanza di 24h, ho comunque un lieve bruciore. Oggi, ho ovviamente cercato di non parlare molto, pur non riuscendo a rimanere in silenzio causa “compagnia”, non potevo isolarmi. Potrebbe essere un trauma quale emorragia? Grazie mille in anticipo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non credo che si tratti di emorragia e mi aspetto che passi nel giro di qualche giorno (a patto di non sforzare la voce), se così non fosse si rivolga con fiducia ad un otorino.

  2. Miriam

    Salve da quasi 15 gg soffro di raucedine con alti e bassi.
    Ho fatto una visita dall’otorinoloringoiatra il quale mi ha diagnosticato un edema alle corde vocale. Dietro mia insistenza, mi ha prescritto un antinfiammatorio – broserd, da prendere ogni 12 ore per 15 gg, ma senza grandi miglioramenti.
    Da cosa può dipendere questa raucedine?, dovrei fare altri controlli ad esempio alla tiroide ? fino ad un anno fa gli esami alla tiroide risultavano negativi inoltre non mi sembra di avere linfonodi ingrossati.

  3. Umberto

    Buongiorno e grazie anticipatamente per prendere visione alla mia richiesta.Mia madre da circa 5 anni è soggetta a polipi al naso che ,a quanto pare ,si sono riformati anche dopo l’intervento fatto 2 -3 anni fa.Il fatto è che oltre ad avere praticamente 365 giorni all’anno il raffreddore,manifesta continuamente e specialmente dopo i pasti,una raucedine abbastanza forte e fastidiosa.Purtoppo(e la capisco),essendo andata avanti anni a provare diversi tipi di farmaci ed opinioni da parte di medici,non vuole prendere in considerazione l’idea di farsi visitare ulteriormente,per paura di dovere subire un secondo intervento che lei descrive molto doloroso e fastidioso.Volevo innanzitutto capire se è normale che per il polipi al naso si manifestino anche questo tipo di disturbi alla voce e alla gola;poi magari avere qualche consiglio su come poter rimediare a questi fastidi.Grazie ancora,cordiali saluti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Purtroppo è normale che si riformino.
      2. Da verificare che non ci sia anche un po’ di reflusso, ma lo scolo retronasale può spiegare il sintomo.

  4. anthony

    Dr.sono già due settimane e mezza che sono con la voce rauca con prurito persistente agli occhi…e normale…en anteprima,,grazie mille

  5. Anonimo

    Buona sera, vi ringrazio vivamente x il tempo che dedicate x leggere il mio prolema. Dunque io dal 28 di gennaio che soffro di laringite, e un calo di voce e tosse molto forte …… anche adesso mi accorgo che il mio tono di voce nn e lo stesso. Ho fatto una cura di antinfiammatorio e poi aereosol con delle gocce di cortisone e dopo 3 giorni ho assunto l antiiotico. ma ancora ho prolemi di voce. cosa mi consigliaTe di fare. La ringrazio vivamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita otorinolaringoiatrica, serve capire la causa esatta.

  6. anonimo

    Buon pomeriggio dottore io avrei un problema e da un paio di mesi che mi manca la voce e respiro a fatica . Premetto che non ho avuto tosse febbre e quant’altro da che cosa può scaturire questo problema? Grazie in anticipo

  7. Mariluz C..

    Il mío problema e della nacida e anche ereditario, ho la voce raunca, sonno nata Nel 51, godo di óttima salude, cosa potra essere?….

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente un qualche disturbo alle corde vocali; ne ha mai parlato ad un foniatra?

  8. Graziella

    Da pochi giorni ho eseguito una gastroscopia allo stomaco e mi ha lasciato prima un forte mzl di gola e successivamente una continua raucedine cosa posso prendere?

  9. Vanny

    Salve dottore mia mamma presenta da qualche giorno raucedine e un po’ di mal di gola con tosse secca. Credo abbia preso un colpo di freddo. Sta curando la tosse con bronchenolo sciroppo sedativo e fluidificante mentre il mal di gola con caramelle disinfettanti del cavo orale. Volevo sapere per quanto tempo potrebbe permanere questo stato di raucedine?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      In genere si risolve in pochi giorni, a patto di non sforzare la voce.

  10. Verina

    Dottore è da un bel po’ di giorni che mi sveglio con la voce bassa che man mano passa parlando e naso chiuso. Poi quando x molto tempo sono in silenzio è leggermente roca e devo fare dei movimenti con la gola per farla ritornare limoida. Ho 20 anni come mai succede questo? Ho sofferto di reflusso. Qualcosa di grave?

    1. verina

      Poi ho la sensazione del nodo in gola quando mangio, è come se non scendesse, si bloccasse il cibo nel bel mezzo del pomo di adamo

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Un’eventuale recidiva del reflusso può spiegare il sintomo, ma in questa stagione è spontaneo pensare ad un’infiammazione dovuta al freddo; se il problema persiste da giorni raccomando di verificare con il medico.

  11. germana

    Buongiorno
    da giovedì scorso ho notato un abbassamento di voce che si manifesta dal pomeriggio tardi fino all’ora di andare a dormire.
    Oggi la raucedine si è manifestata già all’ora di pranzo insieme ad un senso di gola secca. Non ho mai fatto analisi per il reflusso. Sono molto spaventata. Cosa posso fare?
    Grazie
    Cosa posso fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Altri sintomi di qualunque genere?

      In ogni caso il primo passo è la visita medica.

  12. germana

    grazie dottore
    per aver risposto cosi’ presto; non ci sono altri sintomi (stanchezza, dolori di qualche tipo etc…) solo la gola secca

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Bruciore di stomaco? Bruciore al petto? Tosse secca?

  13. Valentina

    Buonasera dottore .Ho avuto un’influenza con mal di gola .Dopo una settimana una tosse secca con prurito alla gola …e mi è andata via la voce ,altri 5 giorni di antibiotico e cortisone ….Sono passati 10 giorni e ancora sono rauca….Che sia ancora infiammata …Grazie .

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      È possibile, anche se a volte serve semplicemente un po’ di pazienza; lo segnali al medico per verificare.

  14. mario

    Dottore è possibile avere un carcinoma all’esofago prima dei 30 anni? Scusi la domanda ma sono ipocondriaco

  15. Rosina

    Buon pomeriggio , mio figlio a dei noduli alle corde vocali, soffre di reflusso esofageo, in più soffre di adenoidi e tonsille, e anche di scialorrea, quindi continui mal di gola, raucedine , fatte tante visite, ma niente risposte efficaci , adesso sono andata da un altro specialista che mi ha dato una cura… Ma sempre malata 😔.. Cosa dovrei fare? Sempre pieno di placche in gola.. Ma quello che mi preoccupa sono i noduli? Praticamente ho studiato e scoperto sola i noduli, confermata poi dall’ultimo specialista … Grazie anticipatamente … Una buona serata . Rosina

  16. Jolly

    Buonasera, mi capitano episodi di raucedine subito dopo aver mangiato, con la necessità di schiarirmi la gola spesso. Potrebbe trattarsi di reflusso? Quali cibi evitare o prediligere in tal caso?

  17. robert

    Dottore perché quando parlo molto, la sera, mi capita di avvertire mal di gola? È una sensazione strana che non riesco nemmeno a definire, è come se avessi la gola secca o un grappolo in gola che non scende giù. Come mai? Non ho problemi nella deglutizione, mangio e bevo perfettamente. Ansia, stress? Sono un soggetto molto ansioso.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      La voce è come se fosse un muscolo, quando lo si sforza è normale che si manifestino piccoli fastidi.

  18. rosario

    Gent.mo Dottore
    Dopo intervento chirurgico in anestesia generale ho avuto un abbassamento di voce, credo disfonia da trauma meccanico delle corde vocali.
    Cosa mi può’ consigliare per risolvere in breve tempo possibile tale problema?
    In attesa La ringrazio e La ossequio!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso prescrivere alcuna terapia.

    2. Anonimo

      A parte la terapia farmacologica cosa potrei fare per migliorarla? Grazie

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Fare il possibile per non sforzare la voce è sicuramente utile (parlare poco e sottovoce).

  19. sara

    Salve a mio figlio è stata riscontrata la diagnosi “ostruzione delle vie aeree superiori secondo Miller & Hyatt a intubazione. Discinesia corde vocali secondo grado da intubazione. Tutto questo purtroppo dopo aver avuto un intervento di appendicite (quindi dopo l’intubazione). Dottore adesso fa uso di cortisone da 7 mesi, ma ancora non può finirlo perché allo stacco di cortisone gli si presenta la disfagia. Vorrei sapere in parole semplice cos’è? Più o meno in quanto tempo si cura?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Si tratta fondamentalmente di infiammazione dovuta dovuta all’intubazione, ma non so dirle i tempi necessari alla risoluzione.

    2. Anonimo

      Dottore mi scusi se la disturbo “ma sono una mamma preoccupata” ma quando si presenta il sintomo della disfagia dopo aver interrotto il cortisone quanto è grave? E se c’è una lesione del nervo, che sintomi porta?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace non saperla aiutare, ma è purtroppo una situazione su cui non ho esperienza.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.