Paralisi facciale (paralisi di Bell): sintomi, cause e cura

Ultimo Aggiornamento: 850 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

La paralisi di Bell (paralisi del nervo faciale) è una malattia che colpisce un solo lato del volto, ogni anno circa 40.000 americani scoprono di esserne affetti. In questo articolo spiegheremo l’anatomia del nervo facciale, le cause, il decorso e le possibili terapie di questa malattia.

E’ una malattia da cui il 75% dei pazienti riesce a guarire completamente.

Anatomia

Nervo facciale

Nervo facciale (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Cranial_nerve_VII.svg)

La maggior parte dei muscoli del volto è controllata dal nervo facciale, cioè dal settimo paio di nervi cranici. Il nervo facciale parte dal tronco cerebrale, attraversa il cranio dentro un canale molto stretto e poi esce dal cranio poco dietro l’orecchio.

Il nervo facciale si dirama da dietro l’orecchio e serve i muscoli del volto: permette alla fronte di muoversi, alle palpebre di chiudersi e alla bocca di chiudersi e di sorridere. Questo stesso nervo raggiunge anche un piccolo muscolo all’interno dell’orecchio, che si occupa di attutire i rumori provenienti dall’ambiente circostante.

Controlla infine le ghiandole salivari e la lacrimazione ed è responsabile della sensazione di gusto avvertita dalla lingua.

Cause

Si ritiene che la causa della paralisi di Bell sia un’infezione del nervo facciale dovuta a un virus.

L’infiammazione causata dall’infezione provoca gonfiore (flogosi) del nervo che, nel suo percorso verso il viso, può risultare strozzato all’interno dello stretto passaggio cranico.

Si pensa che il principale responsabile della paralisi di Bell sia l’Herpes simplex, lo stesso virus che provoca l’herpes labiale; alcune fonti ipotizzano poi che il virus di Epstein-Barr (mononucleosi) possa causare la paralisi. Colpisce in particolar modo le donne incinte, i diabetici e chi soffre di raffreddore o influenza.

Il colpo di freddo, cui spesso si ascrive la causa del problema, non è mai probabilmente il vero fattore scatenante, è invece probabilmente la causa della riattivazione del virus.

Tra le altre malattie in grado di provocare sintomi simili a quelli della paralisi di Bell ricordiamo:

Sintomi

La paralisi di Bell si chiama così perché il primo medico che la descrisse nel 1882 fu lo scozzese Charles Bell. Nei pazienti colpiti il nervo facciale cessa improvvisamente di funzionare, la fase più acuta si registra entro 48 ore dall’inizio dell’episodio.

Il sintomo più evidente di questa malattia è la paralisi dei muscoli facciali: se i muscoli del volto non si muovono, l’occhio non può chiudersi e la bocca si secca, perché cessa la produzione della saliva.

Paralisi di Bell

Paralisi di Bell (http://en.wikipedia.org/wiki/File:Bells_palsy_diagram.svg)

La malformazione del volto provocata da questo tipo di paralisi è piuttosto caratteristica, la metà colpita del viso appare appianata e priva di espressione, ma il paziente può provare dolore e fastidio nella parte sana, che potrebbe sembrargli contratta. Nei casi più gravi la rima palpebrale è ampia e il paziente non riesce a chiudere l’occhio. Il paziente può sentire un senso di pesantezza o di intorpidimento al volto, ma non sono dimostrabili perdite di sensibilità. In alcuni casi si registra alterazione della salivazione, del gusto, della lacrimazione e, talvolta, iperacusia (percezione molto amplificata dei rumori) e/o dolore nella zona dell’orecchio.

La paralisi di Bell, fortunatamente, regredisce senza alcuna cura nel giro di poche settimane o pochi mesi. Il nervo facciale di solito ritorna a funzionare come prima.

Chi soffre di paralisi di Bell può perdere temporaneamente il senso del gusto nel lato della bocca colpito. Questo problema può passare inosservato perché l’altro lato della bocca continua ad avvertire normalmente i sapori.

Pericoli

Anche se la maggior parte dei pazienti si riprende completamente, la guarigione può non essere completa e possono rimanere tracce della paralisi.

In alcuni casi il nervo facciale non guarisce del tutto: le terminazioni nervose che dovrebbero far funzionare le ghiandole salivari finiscono per connettersi con le ghiandole lacrimali, quindi il paziente, anziché produrre saliva, piange. Sono le cosiddette “lacrime di coccodrillo”.

Durante la fase acuta dell’attacco di paralisi di Bell i pazienti dovrebbero proteggere l’occhio colpito. Se le palpebre non riescono a chiudersi perfettamente, infatti, l’occhio può essere facilmente danneggiato dalla polvere, dalla sabbia, dallo sfregamento, ecc.

Probabilmente vi verrà dato un cerotto che vi aiuterà a proteggere l’occhio, soprattutto di notte.

Le lacrime artificiali possono essere utili per impedire la secchezza oculare e danni all’occhio.

Se la paralisi diventasse definitiva, può essere necessario l’intervento chirurgico per restringere l’apertura oculare.

Diagnosi

Per diagnosticare la paralisi di Bell il medico raccoglierà un’anamnesi dettagliata e procederà a una visita approfondita.

Per controllare se il nervo è danneggiato probabilmente dovrete eseguire un’elettromiografia (EMG) e l’esame della conduzione nervosa (NCV).

Durante questi esami vi verranno inseriti dei piccoli aghi nei muscoli del volto, che verranno stimolati con una corrente elettrica di intensità minima. L’esame, anche se non è troppo piacevole, non provoca dolore e di solito è ben tollerato.

Probabilmente dovrete anche eseguire una risonanza magnetica o una TAC per escludere che il problema sia causato da un colpo apoplettico, da un tumore o da un’infezione.

Se la risonanza magnetica o la TAC rivelano la presenza di un colpo apoplettico, di un tumore o di un’infezione, il nervo facciale ha poche possibilità di miglioramento. Il medico di solito scoprirà altri indizi di queste malattie durante la visita.

Cura e terapia

Il 75% dei pazienti affetti da paralisi di Bell guarisce spontaneamente, tuttavia ricerche recenti hanno dimostrato che la terapia con farmaci steroidi e un antivirale (aciclovir) probabilmente è efficace per migliorare la funzionalità facciale. E’ comune l’utilizzo di vitamine del gruppo B, che sembrano avere azione neuroprotettiva.

Gli steroidi (cortisonici) sono farmaci in grado di far diminuire il gonfiore, tra di essi ricordiamo ad esempio il prednisone e il desametasone.

Il massaggio facciale può impedire ai muscoli del volto di contrarsi, mantenendoli flessibili ed elastici per il momento in cui il nervo guarirà. L’intervento chirurgico può essere raccomandato solo in casi rari ed estremi.

Ai pazienti può essere consigliato di indossare un cerotto protettivo o di usare un collirio per proteggere l’occhio e per mantenerlo idratato.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non conosco i centri di riferimento in Italia, ma in prima battuta sentirei forse un neurologo.

  1. anonimo

    è normale k da martedi a oggi k sto facendo le punture k le ho scritto prima nn sento alcun miglioramento??? a parte un pò l okkio k nn lo sento più fastidioso cm i primi gg, m da fastidio solo in alcuni casi….

  2. anonimo

    purtroppo può essere normale e k qndi posso nn avere miglioramento???mi scusi se sn cosi insistente….

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Può essere normale che non ci sia ancora miglioramento, ma con il tempo inizierà a notare segnali positivi.

  3. anonimo

    ok speriamo bene e k sia come dice lei la ringrazio di nuovo x le sue risposte

  4. anonimo

    ah dimenticav ed è una cosa k ho dimenticat d dire ank al mio medico curante….ho perso il senso del gust nella lingua e le altre 2 volte nn mi era capitat o meglio la prima volta nn lo ricord xk ero pikola la seconda volta nn m è success e ora si……..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Può succedere purtroppo ed in linea di massima verrà recuperato, in ogni caso lo segnali anche al curante.

  5. anonimo

    e faccio bene a fare esercizi o dev aspettare un minimo miglioramento x iniziarli a farli???

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Su questo ho sentito pareri discordi, sentirei quindi il neurologo.

  6. anonimo

    ok ank se ancora nn sn andata da un neurologo ma dal medico di base k mi ha prescritt le punture cm finirò la cura farò una visita dal neurologo grazie mille è molt d sostegno……..

  7. Anonimo

    Salve,dopo 23giorni dalla comparsa della paralisi di bell,ho impercettibili miglioramenti,sento la lingua meno felpata,la notte riesco lentamente a chiudere l’occhio senza aiutarmi con la mano,e il labbro inferiore “collabora ‘di più . tutto questo dopo 17siringhe di benexol e nicetile,deltacortene in qnt 55mg a scalare,finirò a maggio,e fisoterapia kabat,e ancora ci vogliono mesi,dicono!!! mi sono armata do tanta pazienza!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Quando si continuano a vedere miglioramenti è un ottimo segno.

  8. Fabio Giannotta

    Buonasera, sono un gran sportivo e adesso fa 3 settimane che ho la paralisi di Bell. La mia domanda e: posso esercitare attivita fisica? Mi manca tantissimo il sudare esercitando corsa e tennis?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Sentirei il preventivo parere del neurologo; lo stress da inattività nel suo caso non aiuta, ma serve qualche cautela per evitare colpi di freddo ed un affaticamento eccessivo.

    2. Fabio Giannotta

      Grazie, spero che il neurologo mi puo dare il via per fare attivita fisica controllata.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.