Palpitazioni e tachicardia: sintomi, cause, cura e prevenzione

Ultimo Aggiornamento: 2155 giorni

Introduzione

Quando si hanno le palpitazioni (o, meglio cardiopalmo) si sente come se il cuore saltasse un battito, oppure battesse troppo in fretta (tachicardia) o con troppa forza. Le palpitazioni possono essere avvertite a livello di torace, gola o collo e si possono verificare durante un’attività oppure quando si è seduti o sdraiati tranquilli.

Le cause possono essere diverse:

  • Emozioni forti,
  • Attività fisica intensa,
  • Assunzione di farmaci come i diuretici e i decongestionanti,
  • Caffeina, alcol, fumo e droghe,
  • Alcune patologie, ad esempio i disturbi della tiroide o l’anemia.

Questi fattori scatenanti fanno battere il cuore più veloce (tachicardia) o più forte del solito, oppure causano l’extrasistole (battito prematuro). In tutti questi casi, il cuore lavora normalmente e le palpitazioni di solito non sono pericolose.

In altri casi, invece, le palpitazioni sono sintomo di un’aritmia, cioè di un problema del ritmo o della frequenza del battito cardiaco. L’aritmia può essere sintomo di disturbi cardiaci, ad esempio di infarto, di insufficienza cardiaca, di problemi a carico delle valvole o del muscolo cardiaco, tuttavia meno della metà dei pazienti che soffrono di palpitazioni è affetta da aritmia.

È possibile diminuire o prevenire le palpitazioni evitando i fattori che le scatenano (ad esempio lo stress o l’assunzione di sostanze stimolanti) e curando i disturbi che le provocano.

Le palpitazioni sono un disturbo piuttosto frequente, di solito non sono né gravi né pericolose, ma possono essere abbastanza fastidiose. Se ne soffrite il medico può decidere se sia necessaria una terapia oppure se siano sufficienti controlli periodici.

Cause

Le palpitazioni possono avere diverse cause, è possibile avvertirle persino quando il cuore batte normalmente o solo leggermente più veloce del normale.

Nella maggior parte dei casi non sono pericolose e scompaiono senza alcuna terapia, ma in alcuni casi possono anche essere sintomo di disturbo cardiaco vero e proprio. In alcuni pazienti, inoltre, non è possibile diagnosticare con certezza le cause.

Se iniziate a soffrire di palpitazioni andate dal medico per effettuare una visita di controllo.

Cause non collegate a disturbi cardiaci

  • Emozioni forti: In situazioni di ansia, paura o stress è possibile sentire il cuore che batte più forte o più in fretta del normale. È possibile avvertire sensazioni analoghe anche durante un attacco di panico.
  • Attività fisica intensa: L’attività fisica intensa può dare la sensazione che il cuore batta troppo forte o troppo in fretta anche se in realtà funziona normalmente, oppure può provocare l’extrasistole (battito prematuro).
  • Problemi di salute: Le palpitazioni possono essere provocate anche da patologie che fanno battere il cuore più forte, che provocano tachicardia o che causano l’extrasistole. Tra le patologie in grado di causare le palpitazioni ricordiamo:
  • Cambiamenti ormonali: I cambiamenti ormonali che si verificano durante la gravidanza, il ciclo mestruale e il climaterio (il periodo che precede la menopausa) possono in certi casi causare le palpitazioni che però probabilmente scompariranno o regrediranno quando i livelli ormonali saranno ritornati alla normalità. In alcune donne, le palpitazioni durante la gravidanza possono essere dovute all’anemia.
  • Farmaci e sostanze stimolanti: Alcuni farmaci sono in grado di provocare le palpitazioni, perché fanno battere il cuore più in fretta o più forte del normale, oppure perchè causano l’extrasistole. Tra di essi ricordiamo:
    • inalatori per l’asma;
    • farmaci usati nella terapia contro l’ipotiroidismo. Se assunti in quantità elevate possono portare all’ipertiroidismo e provocare le palpitazioni;
    • farmaci per la prevenzione delle aritmie. A volte, per curare un’irregolarità del battito, si finisce per provocare altre irregolarità;
    • Anche i farmaci stimolanti da banco possono provocare le palpitazioni, tra di essi troviamo i decongestionanti (contenuti ad esempio nei rimedi contro la tosse e il raffreddore) e alcuni integratori alimentari, anche a base di estratti vegetali.
    • La caffeina, la nicotina (contenuta nel tabacco), l’alcol e le droghe (ad esempio la cocaina e le anfetamine) possono provocare le palpitazioni.

Cause connesse a patologie cardiache

In alcuni casi le palpitazioni sono un sintomo dell’aritmia: l’aritmia è un problema relativo alla frequenza cardiaca, tuttavia meno della metà delle persone che soffrono di palpitazioni è affetta dall’aritmia.

Durante gli episodi di aritmia il cuore batte troppo lentamente (bradicardia), troppo velocemente (tachicardia) o con un ritmo irregolare. L’aritmia è causata dal malfunzionamento di alcune parti del sistema di conduzione elettrica del cuore.

La probabilità che le palpitazioni siano legate a una situazione di aritmia è maggiore se:

  • avete avuto un infarto o siete a rischio,
  • soffrite di patologie cardiache o presentate i fattori di rischio per le patologie cardiache,
  • avete problemi cardiaci di altro tipo, ad esempio: insufficienza cardiaca, problemi alle valvole cardiache o problemi del muscolo cardiaco,
  • soffrite di anomalie elettrolitiche. Gli elettroliti sono i sali minerali, ad esempio il potassio e il sodio, che si trovano nel sangue e nei fluidi corporei. In giuste quantità, sono fondamentali per mantenersi in buona salute e per il buon funzionamento dell’organismo.

Fasce a rischio

Tra i pazienti che corrono un maggior rischio di soffrire di palpitazioni ricordiamo:

  • chi soffre di ansia, attacchi di panico o è molto stressato,
  • chi assume certi farmaci e determinate sostanze stimolanti,
  • chi soffre di problemi di salute non connessi ai disturbi cardiaci, ad esempio di ipertiroidismo,
  • chi soffre di patologie cardiache, ad esempio di aritmia (battito irregolare); chi in passato ha avuto un infarto; chi ha sofferto o soffre di insufficienza cardiaca, disturbi delle valvole cardiache o problemi del muscolo cardiaco.
  • Anche le donne, durante la gravidanza, il ciclo o il climaterio, possono essere maggiormente a rischio perché i cambiamenti ormonali possono scatenare le palpitazioni. In alcuni casi, infine, le palpitazioni che si verificano durante la gravidanza possono essere dovute all’anemia.

Sintomi

Tra i sintomi delle palpitazioni ci sono queste sensazioni:

  • cuore che salta un battito,
  • avere il cuore in gola,
  • cuore che batte troppo intensamente (tachicardia) o troppo in fretta.

Queste sensazioni possono essere percepite all’altezza del torace, della gola o del collo e possono presentarsi durante un’attività o persino quando si sta seduti o sdraiati.

Nella maggior parte dei casi le palpitazioni non devono allarmare, perché il cuore funziona comunque bene. Potrebbero però essere sintomo di un problema più grave se:

  • avete le vertigini o vi sentite confusi,
  • avete il capogiro, credete di essere sul punto di svenire, o svenite,
  • avete difficoltà a respirare,
  • avete dolori, sensazione di pressione o tensione al petto, alla mascella o al braccio,
  • sentite che vi manca il fiato,
  • sudate più del normale.

Se il vostro medico in passato vi ha detto di non preoccuparvi per le palpitazioni, ricontattatelo comunque se:

  • le palpitazioni iniziano a presentarsi con maggior frequenza o diventano più fastidiose,
  • si verificano contemporaneamente ad altri sintomi, ad esempio quelli sopraelencati.

Il medico probabilmente controllerà se le palpitazioni sono sintomo di una patologia cardiaca, ad esempio dell’aritmia (irregolarità nel battito).

Diagnosi

Per prima cosa il medico cercherà di scoprire se le palpitazioni sono legate o meno a un problema cardiaco più serio. Per far ciò, vi chiederà quali sono i vostri sintomi e procederà a un’anamnesi dettagliata, vi sottoporrà a una visita e vi consiglierà di effettuare diverse semplici analisi.

Le informazioni ricavate potrebbero suggerire che le palpitazioni siano provocate da un disturbo cardiaco, in questo caso il medico vi prescriverà ulteriori analisi che lo aiuteranno a diagnosticare il problema e ad elaborare una terapia adatta.

La causa delle palpitazioni può essere difficile da diagnosticare, soprattutto se i sintomi non si presentano con regolarità.

Specialisti coinvolti

Diversi tipi di medici lavoreranno insieme a voi per diagnosticare e curare le palpitazioni. Tra di essi ricordiamo:

  • medico di famiglia,
  • cardiologo (medico specializzato nella diagnosi e nella terapia delle patologie e dei disturbi cardiaci),
  • elettrofisiologo (cardiologo che si occupa del sistema di conduzione elettrica del cuore).

Anamnesi

Il medico potrà rivolgervi diverse domande relative alle palpitazioni, ad esempio:

  • Quando sono iniziate?
  • Per quanto tempo durano?
  • Con quale frequenza si verificano?
  • Iniziano e terminano all’improvviso?
  • Durante le palpitazioni il battito sembra regolare o irregolare?
  • Quali sintomi avvertite durante le palpitazioni?
  • Le palpitazioni si presentano con una qualche regolarità? Ad esempio: iniziano dopo l’esercizio fisico o dopo aver bevuto il caffè? Si presentano in particolari momenti della giornata?

Il medico, inoltre, vi chiederà se fate uso di caffeina, alcol, integratori e droghe.

Visita

Il medico ausculterà il battito cardiaco per scoprire eventuali anomalie, per farlo userà lo stetoscopio.

Il medico, inoltre, cercherà i sintomi degli altri disturbi (come l’ipertiroidismo) che possono causare le palpitazioni.

Esami diagnostici

Nella maggior parte dei casi il primo esame prescritto è l’elettrocardiogramma (ECG), un semplice esame che registra l’attività elettrica del cuore.

L’elettrocardiogramma viene usato per individuare e localizzare la sorgente dei problemi cardiaci. Visualizza la frequenza cardiaca e le eventuali anomalie, registra la forza e la frequenza dei segnali elettrici che attraversano le singole parti del cuore.

Anche se gli esiti dell’elettrocardiogramma sono normali, le palpitazioni possono essere provocate da disturbi di natura non cardiaca. Se il medico pensa che siate in un caso del genere, dovrete eseguire le analisi del sangue per raccogliere ulteriori informazioni sulla struttura, sulla funzione e sul sistema elettrico del vostro cuore.

Elettrocardiogramma dinamico (Holter)

L’elettrocardiogramma standard registra il battito cardiaco per pochi secondi, quindi non è in grado di scoprire eventuali problemi della frequenza cardiaca che non si verificano durante l’esame. Per diagnosticare i problemi temporanei il medico può prescrivervi l’elettrocardiogramma dinamico, che si avvale di un monitor Holter.

Il monitor Holter è uno strumento che registra l’attività elettrica del cuore in un periodo di 24 o 48 ore. I piccoli cerotti (elettrodi) attaccati al torace sono connessi, tramite fili, a un piccolo registratore portatile. Il registratore può essere fissato alla cintura, tenuto in tasca o tenuto al collo a mo’ di collana.

Nelle 24 o 48 ore, si possono svolgere tutte le normali attività, con l’avvertenza di tenere una specie di diario su cui annotare i sintomi e il momento in cui si presentano; infine, sia il registratore sia il diario vanno restituiti al medico che interpreterà i risultati. Il medico può visualizzare come batteva il cuore nel momento in cui avete avvertito i sintomi.

L’event monitor è un dispositivo simile all’Holter, può essere indossato durante le normali attività però registra l’attività elettrica solo in determinati istanti.

In molti monitor di questo tipo è possibile premere un pulsante ogni qualvolta si avvertono i sintomi. Altri dispostivi, invece, entrano in azione automaticamente quando avvertono un’anomalia del ritmo cardiaco.

Gli event monitor possono essere indossati per uno o due mesi consecutivi o per tutto il tempo necessario a registrare l’attività del cuore durante le palpitazioni.

Ecocardiografia

L’ecocardiografia usa le onde sonore per creare un’immagine tridimensionale del cuore. L’immagine mostra la dimensione e la forma del cuore, nonché le valvole cardiache ed eventuali anomalie del loro funzionamento.

Prova da sforzo

Alcuni problemi cardiaci sono più facili da diagnosticare se il cuore lavora a pieno regime e la frequenza cardiaca è molto alta. Durante la prova da sforzo si fanno alcuni semplici esercizi (oppure sono somministrati dei farmaci, se non si possono eseguire gli esercizi) per aumentare l’attività e la frequenza cardiaca e, contestualmente, viene tenuto sotto controllo il battito cardiaco.

Cura e terapia

Nella maggior parte dei casi le palpitazioni non sono pericolose e scompaiono da sole, senza ricorrere ad alcuna terapia.

Il medico probabilmente vi ha già detto di non preoccuparvi, tuttavia se le palpitazioni diventano molto fastidiose o intense sarà necessario approfondire con una seconda visita. Analogamente, vi consigliamo di ricontattare il medico se le palpitazioni peggiorano o diventano più frequenti.

Il medico vi dirà a quali altri sintomi dovrete prestare particolare attenzione e vi indicherà le situazioni in cui è necessario recarsi immediatamente al pronto soccorso.

Le palpitazioni possono essere causate da una patologia o da un disturbo cardiaco, in tal caso il medico vi prescriverà una terapia e vi darà tutti i consigli necessari per guarire.

La terapia dipende dalla causa delle palpitazioni ricordiamo che nella maggior parte dei casi le palpitazioni non sono pericolose e spesso scompaiono senza alcuna cura.

Evitare i fattori scatenanti

Le palpitazioni non sono pericolose, però possono dare molto fastidio. In questo caso il medico può suggerirvi di evitare i fattori e le situazioni che le provocano. Il medico può consigliarvi di:

  • Diminuire l’ansia e lo stress. L’ansia e lo stress, compresi gli attacchi di panico, sono una delle cause principali di palpitazioni non pericolose. Gli esercizi di rilassamento, lo yoga, il tai chi, il biofeedback, l’immaginazione guidata o l’aromaterapia potranno aiutare a rilassarvi.
  • Eliminare o limitare le sostanze stimolanti, ad esempio la caffeina, la nicotina, l’alcol o le anfetamine.
  • Non fare uso di droghe, ad esempio di cocaina.
  • Evitare i farmaci stimolanti, ad esempio i rimedi contro la tosse e il raffreddore e alcuni integratori alimentari ed erboristici.
  • Curare le patologie che causano le palpitazioni

Il medico cercherà di aiutarvi a tenere sotto controllo le patologie (ad esempio l’ipertiroidismo) che possono causare le palpitazioni. Se state assumendo farmaci che provocano le palpitazioni, il medico proverà a prescrivervi un farmaco migliore.

Se le palpitazioni sono causate da un’aritmia (irregolarità del battito), il medico può optare per una terapia farmacologica o chirurgica.

Prevenzione

È possibile prevenire le palpitazioni seguendo questi consigli:

  1. Cercate di diminuire l’ansia e lo stress.
  2. Evitate o limitate le sostanze stimolanti, ad esempio la caffeina, la nicotina, l’alcol e le droghe.
  3. Curate le patologie che possono causare le palpitazioni o l’aritmia (irregolarità del battito).

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. romeo 48 anni

    Da un po di tempo se assumo anche meno di mezzo bicchiere di birra mi vengono delle palpitazioni e problemi di respiro, che passano dopo un ora,grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha mai avuto problemi di gastrite/reflusso?

      Raccomando di segnalare i sintomi al medico.

  2. Manu

    Salve dottore,mi capita spesso di sentire il cuore come se uscisse dal petto,battiti accelerati e forti,anche quando guardo tranquillamente la TV.Ciò mi provoca una strana sensazione come se stessi per morire. Ogni anno faccio l’elettrocardiogramma per motivi sportivi,niente di anomalo,cosa può essere allora?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buonasera, sintomi del genere possono essere causati anche da ansia, stress, eccessivo consumo di caffè, disturbi gastrici, problematiche endocrinologiche quali l’ipertiroidismo. Per cercare di capire la causa è opportuno fare qualche indagine. Ne parli col suo medico. Saluti

    2. Enzo mangiacapra

      Salve dottore sono un ragazzo di 23 anni volevo spiegarvi il mio problema,io di mio sono nervoso e anche tanto ansioso da mesi lavoro in una azienda dove si lavora 12 ore al giorno ed stressante,sono sempre teso nervoso Nn riesco a stare sereno,infatti mi capitano cose strane credo sia lo stress quando provo a rilassarmi,o oppure quando il mio corpo Nn c’è la fa più a mantenere tanto stress mi capita avvolte che ho la tachicardia,in altri situazione avvolte mi capita gonfiore di vene alle tempie come quando una persona sta nervosissimo e mancamenti,volevo consultarmi con voi e d’avere una risposta per capire come posso risolvere tt questo grazie

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, mi sembrano tutti segni e sintomi dovuti a eccessivo stress e ansia. Cerchi di modificare in qualche modo i suoi ritmi. Ogni tanto faccia una pausa, non beva caffè, cerchi di riposare a sufficienza, si ritagli dei momenti liberi. Per sicurezza si faccia comunque visitare dal suo medico per misurare almeno frequenza e pressione. Saluti

  3. Anonima

    Salve dottore io s
    Da un paio di mesi a questa parte sento molto fastidi tipo cuore accelerato ma non sempre nido in gola sudo tantissimo le mani sbadiglio mi snt occhi stanchi mi potresti piomeno dire cosa potrebbe essere

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Le possibili cause sono numerose e non l’ultima l’ansia, ma raccomando di verificare con il medico per escludere patologie cardiache.

    2. Anonimo

      Ne o parlato con il medico e mi DC che può essere l’ansia bo depressione una leggera depressione io o partorito 8 mesi fa e andava TT bene sia al cuore ecc e da un paio di mesi che mi sento cosi

    3. Anonima

      Mi a assegnato mg2 magnesio ma non capisco a cosa potrebbe essere utile?

    4. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, il magnesio può essere utile nei disturbi d’ansia e di ipereccitabilità in quanto ha un effetto calmante – sedativo sul sistema nervoso e miorilassante a livello muscolare. Ovviamente se i disturbi dovessero continuare o peggiorare deve tornare dal medico. Saluti

    5. Anonimo

      Salve dottore ieri sera non mi SN sentita tanto bene o avuto sudorazione poi a un tratto mi SN misurata la pressione avevo battiti 103 minima 100messima 130 mani e piedi freddi sudorazione poi o preso il magnesio e tutto si e regolarizzato non so come spiegarmi TT ciò quale sono le cause.

    6. Anonimo

      Poi sono una molto ansiosa…stamani mi SN svegliato con pensiero xk mi sento cosi ecc anche ..tipo stamani mi sento dietro dietro al collo rigidissimo che prende un po l’inizio della testa ma i medici mi dicono. E ansia non mi fanno fare alcuna visita

    7. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere stato un principio di attacco di panico.

  4. Anonimo

    Una altra volta mi senti cosi al ritorno di una passeggiata pero non dormivo la notte xk la bimba piangeva in quella passeggiata lei stava continuamente a piangere arrivati a casa iniziai a sudare mi mancava l’aria murao la pressione altissima il battiti anche andammo al pronrosoccorso non mi fecero niente mi diedero solo delle gocce del ansia basta senza farmi alcuna visita.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Tecniche di rilassamento e/o psicoterapia e/o farmaci.

  5. Anonimo

    Salve dottore mi assegnato paroxetina ma quando la prendo mi vengono i vertigini e mi bitta giù…io mi prendo la mattina il magnesio e DP 3 ore paroxetina

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      I primi giorni può essere normale qualche piccolo effetto collaterale; lo segnali al medico, ma presumo che le suggerirà di proseguire.

  6. Marinela

    Buongiorno io o fatto un ablazione ventricolare e dopo nemeno un settimana mi sono ritornati i battiti come prima , il periodo è che adesso o anche i battiti molto lenti, nessun cardiologo non sa che disastro c’è mi mandate da uno al altro . Cosa devo fare dove posso andare ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Monzino, di Milano; è uno dei centri di eccellenza a livello italiano.

    2. Roberta

      Salve! E’ normale sentire il battito del cuore nella pancia e fa come dei piccoli sussulti.
      Ho 38 anni e sono un soggetto ansioso purtroppo.

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, si è possibile avvertire il battito cardiaco a livello addominale, si chiama “polso addominale”, solitamente ben apprezzabile nei soggetti magri. Saluti.

  7. Alessandro

    Dottore, io non faccio sempre sport ma quando lo faccio dopo i battiti del cuore tardano a rallentare e rallentano quando la stanchezza sparisce..Io soffro di Doc e sempre di extrasistole ho fatto ecg ecografia e il medico di base mi ha messo qualcosa sul dito e ha detto che il cuore pompa 99/100, non so cosa sia.. comunque appena mi lamentano, gli altri mi iniziano a trattare male dicendo che va tutto bene..Ma è una menzogna!! So che c’è qualfosa che non va!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Lasciamo stare “gli altri”, ma se il medico non ha rilevato nulla di patologico direi che può davvero stare tranquillo.

    2. Alessandro

      E come mai il cuore ci mette tanto a rallentare? Ora è tornato a battere normalmente (dopo sforzo) ci mette addirittura delle ore, va così da un annetto e faccio sport ogni tanto

  8. Alessandro

    Si ma perchè dopo una partita di pallone e sto seduto o sdraiato per mezz’ora il cuore non rallenta ma accelerà? Si ferma dopo ore! Va avanti così da un annetto sarà che non sono allenato e faccio sport una volta ogni tanto?

  9. giu

    salve, sono una ragazza di 20 anni, a volte mi capita di avere delle palpitazioni anche in momenti in cui non svolgo alcuna attività, ad esempio ieri ero sul letto e tutto ad un tratto ho iniziato ad avere queste palpitazioni, così ho voluto misurare la pressione ed era nella norma, così come i battiti.
    io sono una persona ansiosa a prescindere, ma questi con questi episodi mi sento come se avessi il cuore in gola.
    Dovrei fare qualche controllo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Va sicuramente verificato con il medico, ma spesso si tratta di cause banali come stress o reflusso.

  10. Alessandro

    Salve Dottore….ho 47 anni ed oggi ho fatto caso alla mia frequenza cardiaca ed oscilla tra i 53 ai 57 battiti. Premetto che a Gennaio ho fatto tutti gli accertamenti cardiologici e sono tutti ok tranne qualche extrasistole sopraventricolari benigne (da un po’ di tempo sparite), e lieve insufficienza mitralica e tricuspide. Pneumologicamente tutto ok. Sono un ipotiroideo in soggetto ansioso e ipocondriaco. Devo preoccuparmi per questi battiti? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso no, non c’è motivo di preoccuparsi, ma come sempre l’ultima parola spetta al medico.

  11. Ghizlane

    Salve dottore, io sono una ragazza di 15 anni, sono spesso nervosa e anche anziosa e vado in panico per le minime cose . da quando che avevo 13 anni quindi diciamo dall’età dell’adolescenza , sento certe volte il battito del cuore accelerato o certe volte effettua un battito forte all’improvviso , sudo tantissimo anche senza fare attività e in certi casi mi si raffreddano le mani. Voglio solo chiedere se é una cosa pericolosa che può essere collegata a qualche malattia del cuore oppure una cosa normale , le cause e come poter curare questo?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, probabilmente sono sintomi legati all’ansia ma bisogna prima escludere patologie organiche. Per cui è opportuno parlarne con il tuo medico per valutare se è opportuno fare qualche analisi o visita di controllo. saluti

    2. Ghizlane

      Ho già fatto gli analisi e tutto era apposto e ho fatto Anche un controllo al cuore e non c’era niente di anomale. Ma il mio problema é che vado in panico in fretta ad esempio se vedo qualcosa che non va nel mio corpo che può essere solo una cosa normale vado subito in panico e non faccio che allarmare tutto il corpo accelerando il battito del cuore e certe volte anche un calo di zuccheri. Certe volte mi allarmò se vengo punta da qualche insetto senza accorgermi e quindi comincio a pensare a cose negative aspettando che questo possa peggiorare o causare cose pericolose.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Devi davvero sforzarti di reagire con più serenità ai piccoli problemi quotidiani.

      Pratichi sport? Spesso aiuta.

  12. ringo

    salve,
    ad un mio amico oggi è stato consigliato di prendere un antibiotico perchè la sua vicina ha contratto meningite.solo per precauzione. io sono uscito ieri sera con questo amico. ora come mi devo muovere io visto che domani parto in vacanza e sono un pò preoccupato.grazie

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno, se lei non ha avuto nessun tipo di contatto con la vicina non deve fare niente. saluti.

  13. Antonio

    Sono sempre io che scrivo dappertutto… Soffro d ansia.. E sto facendo terapia.. Soffro di cervicale… E sono finito due volte in p.s…ho fatto 2 ECG e tutti e 2 sono apposto… E annualmente faccio ECG da sforzo… E domani mattina lo farò… Ultimamente forse perché ho aumentato citalopram avverto stordimento sudorazione strana..vertigini o sbandamento e vista offuscata.. Ho sempre paura di avere un infarto..e mi fa male il collo da parte sx con fitte ogni tanto tra l osso e il muscolo.. E nn vorrei mai che fosse la vena del cuore.. Cmq sto curando la cervicale… Ma a sx nn passa ancora… La pressione è sempre apposto con battiti sui 60 63..e faccio sport tutto l anno… Salve grazie

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, se i controlli cardiologici sono nella norma credo possa stare ragionevolmente tranquillo. Problemi alla colonna cervicale possono dare dolore e sensazioni vertiginose, ma c’è sicuramente una componente ansiosa e probabilmente di ipocondria. Valuti con il medico se è opportuno modificare la terapia antidepressiva. Saluti

  14. Antonio

    Salve.. Ho fatto pure ECG da sforzo ed tutto ok..adesso a fine mese farò eco..rispetto all altro ieri va un po’ meglio.. Si sono ipocondriaco..cmq..specialmente in questo ultimo periodo…farò pure psicoterapia.. Salve grazie

    1. Antonio

      Ah ultima cosa dopo quanto fa effetto citalopram aumentato da dottore da 8 a 13 gocce..dato che lo prendevo da tempo …ora sono quasi 2 sett…salve grazie

    2. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, solitamente dopo circa 2 – 4 settimane si ha il pieno effetto del farmaco.saluti

  15. Anonima

    Salve dottore sto in fase preciclo e sto avvertendo tachicardia ed è come se avessi paura… la sera prima di addormentarmi mi succede e aumenta quando inizio a preoccuparmi….

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’imminenza del ciclo può essere causa di ansia a causa degli sbalzi ormonali, ma la tachicardia va comunque segnalata e verificata con il medico.

  16. Anonimo

    Buongiorno dottore, da diversi giorni, precisamente da 3 settimane mia madre ha durante la giornata pressione bassa (90-60) alternata a pressione alta (150-100) e tutto questo si verifica nella stessa giornata. In più battiti accelerati, con dolore al cuore e al braccio sinistro. Inoltre è da precisare che prende medicine per curare la depressione. Vorrei sapere come sarebbe meglio agire. Perché l’unica soluzione del medico curante è l’holter pressorico. Cos’altro dovrebbe fare? Grazie

  17. Rosy

    Salve dottore, da un paio di giorni mi capita di avere battiti un po’ alti, e capogiri …! Premetto che sono anemica e che la settimana scorsa ho avuto un flusso più o meno abbondante. Cosa può essere? Dovrei ricontrollare il ferro secondo lei?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, sono sintomi ascrivibili all’anemia, specie se ha fatto sforzi o si è comunque stancata ultimamente; parlarne col medico è una buona idea per un eventuale controllo analitico. Saluti.

  18. Angelo

    Salve dottore non avrai tanta pazienza per leggere tutto ma dovevo sfogare e voglio con tutto il cuore che leggo quello che sto per scriverti, sono un ragazzo di 24 anni peso all’incirca 115kg alto 1,70 abbastanza robusto… ti spiego dettagliatamente cosa mi succede da quando ho avuto la più brutta esperienza di tutta la vita.
    Ero in piazza con amici come tutte le sere mentre bevevo una bottiglia di vino rosso di 1 litro (dopo aver mangiato una fettina di carne) arrivo. In piazza e mi faccio 2 tiri di Spinello (Non fumo più da 2 anni e mezzo) all’improvviso iniziai a non stare bene (Faccia Bianca) la testa scombussolata al punto che mi mancava il respiro e più il respiro mi mancava più mi preoccupavo e andavo in panico accelerando il cuore…. Ho messo la testa sotto l’acqua fredda in una fontana del posto inconsciamente peggiorando la situazione. Stava mio fratello con l’amico che mi diceva continuamente (Che ti senti?) Gli imploravo di portarmi all’ospedale (Mi sento morire se mi vuoi bene portami in ospedale subito). Mentre andiamo a casa mia mamma voleva sapere che era successo e gli ho detto la verità (Bevuto & 2 tiri di Spinello) senza preoccuparmi se si arrabbiava o meno, in quel momento non stavo bene per davvero ed avevo paura che mi succedesse qualcosa. Arrivo in ospedale misura pressione e freq card. il dottore mi dice (STAI BENE SIA DI PRESSIONE CHE BATT. CARD) ma che hai combinato? Gli ho raccontato cosa avevo fatto sempre nel panico più assoluto non stavo un’attimo fermo camminavo avanti e indietro si seccava la bocca a frazione di secondo subito dopo aver bevuto. Il dottore esclamò (per 2 tiri di spinello e 1 litro di vino stai cosi?) Figlio mio non fumare piu se ti vengono cosi brutte e si misi a ridere con mio padre e mio fratello…. Io supplicavo (dottore a me sta succedendo qualcosa la mia testa e come se stesse scoppiando i pensieri viaggiano alla velocità della luce non mi sento bene mi sento svenire mi si chiudono gli occhi cosa mi succede? (Vai a casa LAVATI I DENTI E VAI A DORMIRE) Io non posso fare niente per farti calmare pressione e battito sono apposto. Entriamo in Auto andiamo a casa Mamma mi fa una camomilla e dopo una serata lunga a pensare che mi stava accadendo cedo dopo 4 ore dormendo con la testa sulla tavola. Quando mi sono svegliato per 1 mese 2 sono caduto in depressione, non uscivo più la sera per dormire dovevo rimanere sveglio affinché mentalemtne non mi calmavo pensando a niente… Iniziai di nuovo ad uscire con amici (NUOVI) mi scusai con i vecchi e gli dissi che non volevo sentire più nemmeno l’odore dello spinello.
    Dopo quel maledettissimo giorno, andai al mare in barca prendendo vento in faccia con un po di febbre e per di più buttandomi in acqua per vedere se si toglieva il raffreddore… Torno a casa doccia ecc… Il mattino dopo un dolore alla tempia bruttissimo che durò ben 3 o 4 mesi (Il medico disse e nevralgia o come si chiama) mi tirava un po l’occhio naso tempia mento SINISTRO. Dopo un pò mentre sto a testa in giù seduto a guardare un video sul cellulare improvvisamente mi Tira il collo come tipo un Crampo bruttissimo che iniziai a prendermi tutto il lato sinistro braccio petto testa facendomi portare all’ospedale con cuore a mille nel panico sentendo quella sensazione strana sotto la mascella sinistra dove si trovano i denti… Andai in panico di nuovo e per 1 settimana non ebbi più pace per paura che mi venisse di nuovo. La 2 volta mi e capitato di nuovo mentre ero sdraiato sentivo sempre queste tirate improvvise come se la lingua si tirasse indietro da sola una cosa bruttissima ed io mi alzo di scatto uscendo camminando distraendo la testa a pensare altro (se parlo balbetto) cerco di parlare poco perché più parlo peggio è… Avvolte so calmarmi da solo e dopo 1 giornata o 2 mi passa tutta l’influenza mentale di questi tiri continui… Ed avvolte non riuscendo ad uscire dal panico il mio cuore inizia a battere in velocità tale da farmi preoccupare ancora di più facendo di me schiavo della preoccupazione di (MORTE/INFARTO). Apparte questo ho le ossa della schiena che scricchiolano di continuo volendo colonna vertebrale e avvolte danno senso di bruciore e dolore in qualsiasi posizione… Quando mangio pasta tipo aglio e olio (l’olio inizia a disgustarmi come anche la panna) facendomi sentire sensazioni strane cadendo di nuovo nel baratro del panico. Ora ad esempio sono sdraiato e sento questa sensazione FISSA che io mentalmente non minfaccio prendere dal panico ma e fastidiosa e mi sento continuamente come se qualcuno all’interno del collo tirasse con sensazioni bruttissime e mi prende anche braccio e petto… Mi scrocca la mascella destrabe sinistra in continuazione faccio pressione sia a destra che sinistra la mascella schiocca di brutto e quando mi viene tutto questo sempre la parte sinistra della testa si invoglia in quelle strane sensazioni facendomi alzare camminare con se la casa fosse un manicomio…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      MI sembra di fondo sia subentrato un problema di ansia e proverei ad affrontarlo con l’aiuto della psicologia (magari attraverso uno specialista in terapia cognitivo-comportamentale).

    2. Anonimo

      Ci sono probabilità alte che sia una cosa mentale ormai… Apparte questo toccandomi sia a destra che sinistra della gola noto 2 palle che volendo addirittura riesco a toccarle come se fossero 2 biglie… Cosa possono essere?

  19. Anonimo

    Salve dottore sono una ragazza di 24 anni e quasi un mese che soffro di alcuni fastidi come vertigine ,senso di vuoto alla testa ,stanchezza,tachicardia e senso di svenimenti sono andata in ospedale dove mi hanno messo un holter che a evidenziato battito a 180 e battiti 31 mi dicono che o un blocco atrioventricolare di secondo grado o messo un reveal e attendo risposte nel frattempo sono comparsi nuovi sintomi come leggero Dolore al petto dolore alle caviglie vista annebbiata e fitte all’orecchio e a volte nausea non So se possono essere sintomi dovuti a questo premetto che consultandomi con altri cardiologi mi è stata data un altra diagnosi come disfunzione senoatriale ,tachicardia parossistica sopraventricolare a frequenza ventricolare di 180 battiti al minuto non so più che pensare ogni giorno è sempre peggio se uno di queste diagnosi dovesse risultare confermata quali sarebbero i rischi …e soprattutto la cura grazie mille …

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno. Verosimilmente ha un blocco A-V di II grado tipo Mobitz. Bisogna valutare la sua entità perchè può causare pericolose sincopi .Inoltre una disfunzione seno atriale può causare disturbi del ritmo cardiaco come le tachicardie parossisitiche sopraventricolari che possono dare sintomi come senso di oppressione al cuore e fastidio al petto. Per cui è opportuno studiare bene il quadro per comprendere la gravità dei disturbi e decidere la terapia più adeguata (farmacologica o eventuale impianto di pace maker). saluti

    2. Anonimo

      Grazie mille per la risposta volevo chiederle un altra cosa il reveal che ho inserito da 3 settimane mi porta dei forti bruciore ed ancora sento dolore è normale ? Poi volevo sapere se i sintomi che le ho scritto possono essere dovuti a una delle diagnosi che mi è stata data …cordiali saluti …

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, concordo col parere del collega; intende bruciore allo stomaco? è possibile che sia il farmaco a causarglielo, comunque è bene arrivare ad una valutazione completa. Saluti.

    4. Anonimo

      La ringrazio x la risposta ma io non assumo nessun farmaco e non accuso bruciori di stomaco ma fitte sotto il seno a sinistra a volte capita di avere nausea ,sono sempre stanca mi affatico con facilità ,vertigini ,vista annebbiata molte volte senso di vuoto alla testa e ci è stato un episodio di svenimento..riguardo al reveal xt che mi è stato messo è normale che a distanza di 3 settimana provo ancora dolore e bruciore ….grazie mille x la disponibilità …

    5. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buonasera. Si le ipotesi cardiologiche fatte possono dare i sintomi che ha (svenimenti , capogiri). Per il bruciore nel punto in cui è stato inserito il reveal è opportuno chiedere ai medici che la stanno seguendo. Probabilmente non è niente ma è bene escludere eventuali spostamenti o infezioni. Saluti

  20. Filippa

    Salve dottore sono una persona molto ansiosa e ultimamente(circa un mese fa) in situazioni di stress o periodi di stress mi è capitato di sentire un battito che saltava almeno 3volte al giorno. In questo ultimo mese di vacanza lontano dalle preoccupazioni e tutto non ne ho avvertiti. Adesso che sta per riniziare la sessione d esami ho paura che possa ritornarmi. Dato che li ho solo in periodi di stress posso pensare che la causa sia questa o devo approfondire?grazie della disponibilità

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente è proprio solo ansia, ma va comunque segnalato al medico.

  21. Marco

    Sono un ragazzo di 26 anni, faccio sport regolarmente e non ho mai sofferto di tachicardia. Ultimamente oltre a forti mal di testa, è comparsa la tachicardia.
    Sono stato a visita da un cardiologo, ho effettuato ECG e un’altra analisi e mi ha assicurato che sto bene. A cosa può essere attribuita la tachicardia?
    Può darsi sia collegata all’aria condizionata forte? in quanto io soffro di emicrania se sto esposto troppo all’aria condizionata.

    1. Marco

      Non tanto, diciamo che dipende dalle situazioni. Comunque riesco a gestire abbastanza bene l’ansia.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Avendo escluso problemi cardiaci questa è la causa più probabile, ma una causa comune e spesso poco conosciuta sono i problemi di stomaco (reflusso ed ernia iatale).

  22. Marco

    Ma è possibile che l’eccessivo mal di testa abbia avuto un impatto sulla tachicardia?
    Nel senso che prima di ora non avevo mai avuto mal di testa così lunghi e tachicardia

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In caso di emicrania non è impossibile osservare un aumento della frequenza cardiaca.

  23. Luca

    Buongiorno Dottore, sono Luca e anche io ho gli stessi sintomi. Nel senso che ho da circa 10 giorni la tachicardia, sono stato da un cardiologo a visita che a seguito di un tracciato ECG e di un ulteriore accertamento mi ha assicurato che sono sano. Intanto i mal di testa ci sono (ogni tanto tornano) e poi vanno via. Mentre la stessa tachicardia non accenna a diminuire, anzi la mattina quando mi sveglio mi sembra che sia ancora più forte.
    Come posso comportarmi in questo caso?
    Grazie
    Luca

    1. Luca

      Mi ha chiesto se fossi una persona emotiva! Effettivamente un po lo sono.
      E’ normale che la tachicardia duri da così tanti giorni?
      Ultimamente la sera prima di dormire prendo anche camomilla

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il cardiologo come ha spiegato la tachicardia? Ansia? Reflusso?

    3. Luca

      Mi ha chiesto se fossi una persona emotiva! Effettivamente un po lo sono.
      E’ normale che la tachicardia duri da così tanti giorni?
      Ultimamente la sera prima di dormire prendo anche camomilla

    4. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, ma la tachicardia è stata verificata dal cardiologo o è solo una sua sensazione? quanto ha di frequenza?saluti

    5. Luca

      Verificata da un Cardiologo tramite ECG e un ulteriore accertamento! Il mio battito ora varia tra le 80 e le 90 pulsazioni al minuto, mentre normalmente sono sulle 60/65 max.
      Ho sempre praticato sport e questa è la prima volta che si verifica la tachicardia. Prima di questa ho accusato forti mal di testa (non so se le cose possono essere collegate tra di loro).

    6. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      80-90 battiti non è l’ideale, ma non è tachicardia (e sicuramente l’emotività gioca un ruolo importante).

  24. Francesca42

    Buonasera dottori, sono incinta del primo figlio ho 42 anni e soffro di aritmia. Il cardiologo mi ha sospeso il farmaco dicendo che molte volte in gravidanza le extrasistoli si avvertono meno e anche perché non era un farmaco che potevo prendere nel mio stato. Così è stato ma essendo una persona molto ansiosa, ho dovuto riprendere la paroxetina da venti giorni, mi capita quando devo uscire e nelle situazioni di stress e ansia di andare in tachicardia e poi aritmia. Mi dicono di non preoccuparmi ma la paura è tanta perché ho paura per la bambina, oppure che duri a lungo. È davvero cosi? Voglio dire hanno detto che il mio cuore è sano purtroppo la parte elettrica fa le bizze ma non è pericoloso, e infine cosa fare in quei momenti per far passare prima la palpitazione? Grazie in anticipo per la risposta

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.