Otite esterna nei bambini: sintomi, cause e cura

Ultimo Aggiornamento: 1364 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

2 - Condotto uditivo (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Ear-anatomy.png)

2 - Condotto uditivo (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Ear-anatomy.png)

L’otite esterna è un’infezione del condotto uditivo, l’apertura simile a un tubicino che porta le onde sonore dall’esterno dell’organismo verso il timpano.

Può essere interessato l’intero condotto (otite esterna diffusa) oppure l’infezione può essere localizzata e manifestarsi sotto forma di foruncolo.

Cause

Può essere causata da molti tipi diversi di batteri o di funghi: di solito l’infezione si verifica nei bambini che trascorrono molto tempo in acqua, l’eccessiva umidità nell’orecchio può irritare e lacerare la pelle che riveste il condotto, permettendo l’ingresso dei batteri o dei funghi. Nei climi temperati l’otite esterna si verifica con maggiore frequenza durante l’estate, quando si nuota di più.

Purtroppo, però, non è necessario nuotare per ammalarsi. Tutto ciò che provoca una lesione della pelle del condotto uditivo può causare un’infezione: se la pelle è secca o si ha un eczema, se ci si gratta l’interno dell’orecchio, se si pulisce l’orecchio in profondità con i cotton fioc o se si inseriscono corpi estranei come mollette per i capelli o graffette nell’orecchio, aumenta il rischio di sviluppare l’otite esterna.

Inoltre, se si ha un’infezione dell’orecchio medio, il pus che si accumula nell’orecchio medio può defluire nel condotto uditivo attraverso un foro nel timpano e provocare l’otite esterna.

Sintomi

Il sintomo principale dell’otite esterna è il mal d’orecchio, che può essere anche intenso e peggiorare quando si tira o si schiaccia il lobo dell’orecchio o qualsiasi altra parte dell’orecchio esterno. Una persona affetta da otite media può aver male addirittura quando mastica e a volte il condotto uditivo può prudere, prima di iniziare a far male.

Il gonfiore del condotto uditivo può dare la sensazione di avere le orecchie piene o diverse dal solito: l’orecchio esterno può presentare rossore o gonfiore, mentre i linfonodi vicini all’orecchio possono gonfiare ed essere più sensibili del normale. Si può anche verificare una qualche forma di perdita dal condotto uditivo: all’inizio può essere trasparente, ma poi può diventare opaca, giallastra e assomigliare al pus.

L’udito può essere temporaneamente compromesso, se il pus e i fluidi, oppure il gonfiore del condotto, impediscono il passaggio delle onde sonore nell’orecchio. La febbre non è un sintomo frequente nei casi tipici di otite esterna.

Trasmissione

L’otite esterna non è contagiosa.

Cura e terapia

Orecchio bambino (http://www.flickr.com/photos/ajawin/2796597594/sizes/s/)

Orecchio bambino (http://www.flickr.com/photos/ajawin/2796597594/sizes/s/)

La terapia per l’otite esterna dipende dalla gravità dell’infezione e dal dolore percepito dal bambino. Per i casi meno gravi il medico potrebbe prescrivere gocce che contengono antibiotici (per esempio Anauran®)per combattere l’infezione e degli steroidi per diminuire il gonfiore del condotto uditivo. Le gocce devono essere somministrate diverse volte al giorno, per un periodo variabile dai 7 ai 10 giorni.

Se il gonfiore del condotto uditivo rendesse difficile la somministrazione, il medico potrebbe inserire nel condotto uno stoppino di cotone, che aiuterà a far penetrare il farmaco nell’orecchio. In alcuni casi potrà rimuovere il pus e le sostanze di rifiuto dall’orecchio, con una pulizia o un’aspirazione delicata, in questo modo le gocce potranno funzionare meglio.

Per le infezioni più gravi potrebbero anche essere somministrati degli antibiotici per via orale oltre a procedere ad una coltura di un campione di fluido prelevato dall’orecchio, che contribuirà a identificare i batteri o i funghi responsabili dell’infezione. Per diminuire il dolore è possibile associare antidolorifici.

Una volta iniziata la terapia il bambino comincerà a sentirsi meglio entro un giorno o due. L’otite media di solito guarisce completamente in un periodo variabile tra i 7 e i 10 giorni dall’inizio della terapia.

Automedicazione

Per curare l’otite esterna è necessario l’intervento medico perchè se non si prende alcun provvedimento il mal d’orecchie può peggiorare e l’infezione si può diffondere. Per alleviare il dolore in attesa della visita medica è possibile mettere un asciugamano od un cuscino caldo contro l’orecchio, oppure diminuire il dolore anche con il paracetamolo (Tachipirina®) o l’ibuprofene (Nureflex®, Antalfebal®) dietro consiglio medico.

Dopo la visita seguite le istruzioni mediche per la somministrazione delle gocce o degli antibiotici per via orale, qualora siano stati prescritti. È importante che non bagnarsi le orecchie per l’intera durata della terapia, una cuffia per la doccia può proteggere durante la doccia od il bagno oppure, in alternativa, il medico potrebbe anche consigliare i tappi per le orecchie.

Prevenzione

L’otite esterna può essere prevenuta mettendo nell’orecchio lavato con acqua tiepida appositi farmaci da banco in gocce, soprattutto se il bambino è soggetto all’infezione. Queste gocce sono in vendita in farmacia e dovrebbero essere usate soltanto dietro indicazione del pediatra.

Dopo aver trascorso del tempo in acqua i bambini dovrebbero asciugarsi delicatamente le orecchie con un asciugamano e far fuoriuscire l’acqua piegando la testa di lato. Prima di usare i tappi per le orecchie, chiedete consiglio al medico.

Per evitare traumi all’orecchio i bambini non dovrebbero pulirsi le orecchie da soli e non dovrebbero mettersi alcun oggetto nell’orecchio, nemmeno i cotton fioc.

Quando chiamare il medico

Chiamate immediatamente il medico se il vostro bambino presenta uno dei sintomi seguenti:

  • mal d’orecchio (con o senza febbre),
  • diminuzione dell’udito in una o entrambe le orecchie,
  • fuoriuscita anomala di fluidi dall’orecchio.

Traduzione a cura di Elisa Bruno


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. mamma disperata

    la mia bambina non è passato un mese che ha di nuovo l’otite e sempre dallo stesso orecchio butta pus questa volta più giallastro dell’altra volta però in compenso non ha fabbre alta.
    il pediatra le ha segnato nuovamente antibiotico “abioclav” per 7 gg 7,5 ml 2 volte al dì.Sarà sufficiente questa terapia visto che in così poco tempo è tornato il problema???
    la bambina va in piscina sarà il caso di non mandarla più???

  2. salvo

    ciao, ho 30 anni, ho avuto la febbre per circa 1-2 giorni dopo un colpo di freddo, raffreddore e espulsione di muco che continua dopo quasi 5 giorni… ho notato da ieri di avere come un brufolo gonfio o cmq un gonfiore interno all’orecchio destro che va via dopo aver assunto OKI..
    Ho solo un leggero maldigola, e per il resto ok, il muco stesso tende ad essere più chiaro.. che consiglia? a giorni andrò dal mio medico , grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non posso prescrivere farmaci, mi dispiace.

  3. E.86

    Buongiorno, ieri mi è stato diagnosticato un eczema all`orecchio sx che si presenta gonfio, dà prurito e mi fa sentire male, diciamo tutto ovattato. Le pongo la domanda in questa sezione perché io sto allattando la mia bimba di 4 mesi e mi hanno prescritto Tobradex oto gocce x 10 giorni 3-4 gocce mattino e sera dicendo che non crea problemi. Il bugiardino parla però di sospensione dell`allattamento per i cortosteroidi o qualcosa del genere. Io mi sono fidata del medico e le ho messe, ho letto solo dopo… Lei che mi dice? Ho creato o posso creare problemi alla mia bimba? Meglio smettere? Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il database LACTMed, la banca dati di riferimento per questi dubbi, conferma la scelta del medico, non c’è alcun rischio.

  4. Anonimo

    buongiorno vorrei chiederle, sono un adulto, in caso di male all’orecchio, soprattutto nella zona del trago, si puo trattare di otite? (all ‘altezza del trago quando faccio massaggi circolari, sento proprio una piccolissima pallina.)
    presento sintomi anche come una sensazione di nevralgia ai denti dallo stesso lato e mal di testa.
    grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Essendo un dolore in quella zona mi viene da pensare ad un’infezione più esterna.

    2. Anonimo

      ah capito
      esternamente non si nota nulla, sento solo dolore sulla zona nel confine tra orecchio e mandibola diciamo.
      ho preso degli anti infiammatori ma senza ottenere risultati.

    3. Anonimo

      mi pare di no, il dente del giudizio nell’arcata superiore è già uscito da circa un anno, non mi ha mai dato problemi.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi viene da pensare ad un colpo di freddo, ma il suo medico con la visita potrà essere più preciso.

  5. Angela

    Bn sera ho 57 anni e quando avevo tre mesi ho avuto problema alle orecchie, ma il medico o il farmacista hanno dato a mia madre delle gocce per adulti, così sono svenuta e mia madre mi ha portato all’ospedale Bambino Gesù dove sono rimasta ricoverata per qualche giorno. Volevo sapere se questa cosa mi ha portato nel crescere delle conseguenze! La ringrazio se mi vorrà rispondere e le auguro un felice Anno Nuovo!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente no, ma servirebbero molti più dettagli per una risposta certa.

    2. Angela

      Purtroppo la mia mamma non c’è più, ma da quello che ricordo crescevo magrolina e inappetente tanto che mia madre mi faceva fare delle punture di calcio e vitamine così che piano piano sono andata in sovrappeso, non avevo le mestruzioni regolari e dalle varie ricerche mi è stato diagnosticato l’utero ad incudine e le ovaie policistiche e non ho potuto avere figli, mentre le mie sorelle sono state tutte prolifere. Adesso alla mia età sto ripensando a quel lontano episodio di quando ero neonata, anche perchè mia madre non mi aveva mai detto che sono ricoverata giorni, io pensavo qualche ora in pronto soccorso! Sono state le mie sorelle più grandi che tornando nel discorso mi hanno detto questa cosa, quindi volevo sapere che cosa mi hanno potuto fare e che cosa ho subito in quei giorni. Avrei voluto richiedere la cartella clinica, ma non so nemmeno se a quei tempi la facevano, nel 1956, ma anche se l’avessero fatta ormai è stata distrutta perchè mi sono informata e mi hanno detto che le tengono per 40 anni dopodichè vanno al macero! Mi scusi per questo mio sfogo e la ringrazio e di nuovo Buon Anno!

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non deve scusarsi, al contrario dispiace a me non riuscire ad aiutarla.

  6. orazio

    oggi mi sono accorto che mio figlio (13 anni) ha una palla – tipo polipo – dentro l’orecchio. Di cosa si tratta? sono preoccupato

  7. manu

    Buon guorno! Mia figlia ha avuto male alle orecchie!oggi vorrei fargli la doccia….come faccio?si può?e come faccio a pulire bene senza fare danno?aiuto

    1. Anonimo

      Sei anni da compiere…sta facendo una cura di zitromax….siamo al secondo ciclo di tre gg per una brutta tosse con tanto catarro,,una influenza pesante con febbre e mal di gola,passata quella è arrivato il raffreddore con tutto questo catarro!

    2. Anonimo

      Ma se devo perché ha bisogno di lavarsi i capelli…quale e’ il metodo migliore per pulire le orecchie povera?io ho sempre usato i bastoncini di cotone ma non penso vadano bene,!?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)

      I cotton fioc non vanno MAI usati, nemmeno quando sta bene.

    4. Dr. Cimurro (farmacista)

      Il mio parere gliel’ho detto, non farei la doccia.

  8. stufa!

    Salve, avrei bisogno di un suo parere. Verso novembre ho cominciato ad avere fastidi all orecchio destro. Mal di testa, collo dolente, e vertigini, dolore alla,mandibola e ai denti dell’arcata superiore. Siccome porto un byte, perché ho avuto problemi al condilo credevo fossero sintomi riconducibili a quel problema. Prendevo antiinfiammatori che mi risolvevano per qualche ore il problema.tre settimane fa invece una mattina ho avuto vertigini sudorazione fredda, temperatura corporea bassa e quasi svenimento. Sono andata al pronto soccorso e mi hanno diagnosticato,un’otite media acuta.l otorino mi ha prescritto cephodox e bentelan che ho preso per dieci giorni. Ma il dolore non passava. Le vertigini continuavano. Cosi lunedì mi ha visitato il medico di famiglia ed ha riscontrato ancora pus all’interno dell’orecchio. Mi ha prescritto levofloxacin. Per 5 gg. Ma non ho risolto ancora nulla. Non ho febbre. Ora mi chiedo, è possibile che unotite media acuta sia cosi forte da non essere ancora guarita? Per di più comincio a sentirmi anche indebolita da tutti questi antibiotici.sono stufa! Mi può dare qualche consiglio? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo in alcuni casi non è semplice risolvere, al suo posto mi appoggerei ad un otorino che la segua fino a risoluzione.

Lascia un Commento

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.