Ossiuri: vermi e bambini, prurito ai sederini!

Ultimo Aggiornamento: 1662 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Gli ossiuri sono vermi responsabili della più comune parassitosi intestinale umana: l’infezione da ossiuri (od enterobiosi) colpisce milioni di persone ogni anno, specialmente bambini in età scolare.

Se il tuo bambino ha gli ossiuri non devi preoccuparti! Gli ossiuri non causano nessun danno (solo prurito) e non ci vuole molto tempo per liberarsene; le persone che contraggono questa parassitosi non sono sporche, si può prendere l’enterobio indipendentemente da quante volte ci si lava.

Sintomi

Spesso si possono avere gli ossiuri senza manifestare alcun sintomo ma, se presenti, il più comune è senz’altro prurito intorno al retto. Dopo che le uova dei parassiti sono state ingerite servono circa 1 o 2 mesi perché si inizi ad avvertire prurito al sedere.

Il prurito, di solito, è peggiore di notte ed è causato dalla migrazione dei vermi verso l’area del retto per deporre le uova. Quando un bambino si gratta nell’area che prude, potrebbe formarsi un eczema o un’infezione batterica intorno al retto. Nelle femmine l’infezione da ossiuri potrebbe diffondersi alla vagina e causare un’infezione vaginale.

Se il tuo bambino ha gli ossiuri potresti anche vedere i vermi nel water dopo che è andato in bagno, sembrano minuscoli fili bianchi lunghi circa 1 cm, bianchi e mobili. Potresti anche vederli nella biancheria intima del tuo bambino al mattino.

Si possono inoltre vedere nella zona anale o tra le natiche, nelle bambine si possono trovare anche nella zona vulvare, tra le piccole e grandi labbra.

Trasmissione

L’infezione da ossiuri (conosciuta anche come”infezione da nematodo, enterobiosi o ossiuriasi) è molto contagiosa. Si viene colpiti ingerendo inconsapevolmente microscopiche uova di ossiuri che si possono trovare su superfici quali:

  • biancheria da letto,
  • asciugamani,
  • vestiti (specialmente biancheria intima e pigiami),
  • toilette,
  • attrezzature del bagno,
  • cibo,
  • bicchieri,
  • utensili della cucina,
  • giocattoli,
  • bancone della cucina,
  • scrivanie o tavoli delle mense,
  • sabbiere.

Le uova passano nell’apparato digerente per schiudersi nell’intestino tenue. Dall’intestino tenue le larve di enterobio continuano il loro percorso fino all’intestino crasso, dove vivono come parassiti con la testa attaccata alla parete interna dell’intestino.

Circa 2 o 4 settimane dopo la contrazione della parassitosi  gli enterobi adulti iniziano a migrare dall’intestino crasso all’area intorno al retto; i vermi femmina, soprattutto di notte o al mattino presto, escono dall’ano per depositare migliaia di uova. Quando qualcuno si gratta nell’area dove avverte prurito, le uova microscopiche di enterobio si spostano sulle dita che, contaminate, possono poi trasportare le uova su varie superfici.

Le uova sono purtroppo piuttosto resistenti e possono rimanere vitali (cioè infettive) in un ambiente adatto fino a tre settimane. Non tollerano bene il calore, ma possono sopravvivere a lungo a basse temperature.

Se ti stai chiedendo se gli animali di famiglia sono in grado di trasmettere gli ossiuri al tuo bambino, non preoccuparti: gli ossiuri umani non possono colpire gli animali, compresi cani e gatti.

Cura e terapia

Il tuo dottore potrebbe chiederti di aiutarlo ad effettuare una diagnosi di parassitosi da ossiuri ponendo un pezzo adesivo di cellofan trasparente sul retto del bambino. Le uova dei parassiti si attaccheranno al nastro di cellofan e potranno essere viste al microscopio in un laboratorio. Il dottore potrebbe anche prelevare qualche campione sotto le unghie della mano del bambino per cercare le uova.

Se il tuo bambino ha contratto la parassitosi il medico probabilmente prescriverà a tutta la famiglia una dose di vermifugo (per esempio Vermox o Combantrin) per eliminare l’infezione. Dopo 2 settimane potrebbe essere necessario ripetere la somministrazione.

Sebbene i farmaci vermifughi siano molto efficaci il prurito può durare fino ad una settimana dopo che è stata assunta, in questi casi è possibile associare una crema per alleviare il prurito.

Una particolare attenzione dedicata alla pulizia di casa (incluso il bucato dei pigiami e della biancheria da letto) aiuterà a ridurre la diffusione in famiglia.

Prevenzione

Cercare di prevenire le infezioni da ossiuri non è difficile:

  • ricorda ai bambini di lavare le mani dopo essere andati in bagno, dopo aver giocato fuori, e prima di mangiare,
  • assicurati che facciano la doccia o il bagno e cambino l’intimo ogni giorno,
  • mantieni corte e ben pulite le unghie dei tuoi bambini,
  • raccomandati di non grattarsi intorno al sederino o mangiarsi le unghie,
  • lava i pigiami dei bambini spesso.

Se nonostante il tuo bambino ha preso gli ossiuri, tutti i membri della famiglia dovranno curarsi per prevenire il ripetersi dell’infezione.

Poiché stai cercando di curare l’infezione del tuo bambino, ricorda che gli enterobi sono abbastanza comuni tra i bambini e non sono dannosi, seguendo una breve cura e qualche prevenzione, ti sarai liberata dei vermi in un batter d’occhio.

Quando chiamare il medico

Chiama il dottore se il tuo bambino lamenta prurito al sederino o se si gratta continuamente nella zona rettale o genitale. Gli ossiuri potrebbero anche essere la causa dei disturbi del sonno del tuo bambino o del fatto che ha iniziato a bagnare il letto (l’enterobio può irritare l’uretra, il canale attraverso la quale l’urina lascia la vescica ed esce dal corpo, provocando enuresi).


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. tina

    Buon pomeriggio, ho 15 anni e ho avuto gli ossiuri. Ho preso vermox ma 2 giorni dopo ho notato alcuni vermi ancora vivi nelle feci. Poi per ben 4 giorni sono stata stitica e poi diarrea. Vorrei sapere, dato che sono 2 sintomi da ossiuri, se è questa la causa nonostante vermox (da quando l’ho preso sono scimparei prurito edolore nella zona anale) o se invece ci sono altre cause. Ho
    letto per esempio colon irritabile. O forse perché da quando ho scoperto di avere gli ossiuri sono stressata… Non so proprio cosa pensare e vorrei semplicemente sapere cos’ho se è per via dei vermi la stitichezza e la dirrra nonostante vermox o altro!
    Grazie in anticipo.
    Questi sito è davvero utile e scritto bene e chiaro.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente stress legato all’infezione, oppure irritazione dovuta al farmaco.

      Si ricordi di ripetere la terapia a distanza di due settimane.

  2. sonia

    mia nuora è andata dal pediatra gli ha dato delle fial
    ette da prendere alla sera ma lei evita tutto lo riempie di aglio ….

  3. Anonimo

    Buonasera, sono una maestra e nella classe dove ho fatto alcuni giorni di supplenza c’è stato un caso di ossiuri: secondo lei sono a rischio contagio o posso stare tranquilla? Grazie mille

  4. HELP

    Salve dottore, io sono nei guai. Sono 3 anni che vivo con gli ossiuri. Ho preso così tanto vermox che non ricordo nemmeno io quante volte di preciso (sempre 1 ciclo + 1 ciclo dopo 15 gg). Il gastroenterologo mi ha prescritto il flagil ma leggendo il bugiardino ho visto che il vomito fa parte degli effetti collaterali molto comuni e per di più c’è pure la frase di rischio “può provocare il cancro”. Che faccio? Ho 37 anni e una bimba di 7… Mi scoccierebbe prendermi un tumore degli stupidi vermi. Mi dica qualcosa lei per favore. La ringrazio moltissimo

  5. sara

    Buongiorno dottore, sono due notti che mi sveglio per un prurito anale di NON forte entità. Poi la mattina e durante il giorno non ho nulla. Nelle feci non mi è parso di vedere nessun vermetto.
    Crede che la causa sia altro oppure potrebbero essere ossiuti? Se il cane ha i vermi in pancia può trsmettermeli?
    Grazie

    1. sara

      Stitichezza no, emorroidi di preciso non lo so ma mi pare di avere un piccolo rigonfiamento esterno da tanto tempo. Il medico di base diceva che potrebbe essere un’emorroide

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe più facilmente essere legato a quello, ma se persistesse va comunque indagato con il medico.

    3. sara

      Grazie. Avendo un cane che ha accusato un anno fa vermi i pancia curati con apposita terapia, nell’ipotetico li avesse ripresi, potrebbe avermeli trasmessi? contanto il fatto che ho il vizio di mangiarmi la pelle delle dita anche se dopo aver toccato il cane lavo sempre le mani. Grazie

  6. caty

    salve ho una bambina di 4 anni ed e da piu di un mese che li da fastidio la sua parte intima non tutti i giorni ogni 1 o 2 settimane lo portata dalla pediatra e mi ha detto che non c’era niente e ieri sera li faceva molto male e non riusciva a dormire lavandola l’ho rinfrescata con un po d’acqua tiepida e metento un po di fissan perche era un po arrossata intorno alla sua parte intima dentro ho visto un piccolo verme bianco e mi sono spaventata adesso evo portargli di nuovo dalla pediatra e dirli di questa cosa volevo sapere se mi devo preocupare perche era dentro la sua parte intima

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente è arrivato lì per caso, dopo essere uscito dal sederino; nulla di cui preoccuparsi.

  7. viska

    ho una bambina di 6 anni e da 2 anni ha sempre i vermetti abbiamo fato la cura anche per 6 mesi di fila ma niente .non so cosa fare lei e una bambina pulita.cosa mi consiglia di fare?grazie

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.