Nodo in gola ed ansia: sintomi, diagnosi, pericoli e cura

Ultimo Aggiornamento: 52 giorni

Introduzione

Il nodo in gola (o bolo isterico, o bolo ipofaringeo) è la sensazione di avere qualcosa di fermo in gola che in realtà non c’è. Si tratta di una sensazione molto reale ed il paziente non la esprime semplicemente per lamentarsi.

Il nodo in gola può essere percepito come una massa, una sporgenza, come catarro o come semplice fastidio localizzato: il modo di descriverlo varia molto a seconda del paziente. E’ un disturbo relativamente frequente.

Solo raramente esiste davvero una massa reale in gola (causata da infezioni, problemi di tiroide, tumori, …). In questo articoli tratteremo invece il caso più comune, ossia quando la sensazione di “qualcosa in gola” è di fatto solo un’impressione, anche se particolarmente reale.

Si riesce a guarire dal nodo alla gola?

Probabilmente sì, ma sappiamo che un numero significativo di pazienti continua a lamentare il fastidio alla gola dopo due anni dalla comparsa quindi, se il sintomo persiste, è inutile rimproverarsi di non aver fatto abbastanza. Tuttavia è molto raro che il nodo in gola peggiori con il passare del tempo: se peggiora, andate di nuovo dall’otorino.

Cause

Non è stato finora diagnosticato alcun meccanismo fisiologico o eziologico specifico per il nodo alla gola; alcune ricerche suggeriscono che, nel momento in cui si presentano i sintomi, sia presente un’elevata pressione cricofaringea (dovuta alla muscolatura presente in gola) oppure una motilità ipofaringea anomala (ossia dei movimenti anomali in gola).

La sensazione di avere un nodo alla gola potrebbe anche essere causata dal reflusso gastroesofageo (GERD) o dalla deglutizione e dalla secchezza della gola connesse all’ansia o ad altri stati emotivi.

Tra i disturbi che possono essere scambiati per la sensazione di nodo alla gola ricordiamo i diverticoli cricofaringei (dell’esofago superiore), lo spasmo esofageo diffuso, il reflusso gastroesofageo, i disturbi muscolo-scheletrici (ad esempio la miastenia gravis, la distrofia miotonica e la polimiosite) e le lesioni nodulari del collo o del mediastino che causano la compressione dell’esofago.

Secondo alcuni autori la sensazione di nodo alla gola potrebbe essere sintomo di alcuni disturbi dell’umore (ad esempio una rabbia eccessiva); alcuni pazienti, inoltre, potrebbero essere particolarmente predisposti a questa reazione. Lo stress sembra avere un ruolo nella sensazione di nodo in gola nei due terzi circa dei pazienti, quindi spesso può essere utile modificare lo stile di vita o rilassarsi. Molti pazienti temono che il nodo alla gola sia un sintomo di un tumore alla gola e scoprono di sentirsi meglio appena dopo essersi fatti visitare da un otorinolaringoiatra.

Pericoli

Il nodo in gola è un sintomo del tumore alla gola?

No! In realtà molti dei pazienti che hanno questo sintomo non sono fumatori e quindi è altamente improbabile che abbiano un tumore alla gola.

E’ comunque importante in caso di persistenza del sintomo vagliare con l’aiuto del proprio medico anche questa possibilità.

Diagnosi

Lo scopo principale della diagnosi è quello di distinguere tra la sensazione di nodo alla gola dalla vera e propria disfagia, che indica un disturbo strutturale o motorio della faringe o dell’esofago.

Anamnesi

Il medico vi farà delle domande sui disturbi attuali per avere una descrizione chiara dei sintomi, soprattutto per quanto concerne eventuali dolori durante la deglutizione, le difficoltà di deglutizione (ad esempio la sensazione che il cibo rimanga in gola). Il momento in cui compaiono i sintomi è importante e occorre capire in particolar modo se il sintomo si presenta quando si mangia o si beve, oppure se sia indipendente da queste attività; il medico dovrebbe inoltre indagare esplicitamente sulla connessione tra i sintomi e gli eventi psicologici del paziente.

Il medico vi domanderà inoltre se siete dimagriti (sintomo di un disturbo della deglutizione) o se presentate sintomi di debolezza muscolare.

Visita

Il medico palpa il collo e la gola alla ricerca di eventuali noduli. L’orofaringe viene osservata direttamente e l’otorino tipicamente esamina la bocca, inserendo poi un endoscopio flessibile a fibre ottiche per controllare anche la gola.

Il medico, inoltre, dovrebbe osservare la deglutizione, di acqua e di alimenti solidi, ad esempio dei crackers. È importante l’esame neurologico, con particolare attenzione alla funzionalità motoria.

Sintomi preoccupanti

I sintomi seguenti devono essere immediatamente segnalati al medico:

  • Male al collo o mal di gola,
  • Dimagrimento,
  • Comparsa improvvisa del nodo alla gola dopo i cinquant’anni,
  • Dolore, soffocamento o difficoltà di deglutizione,
  • Rigurgito,
  • Debolezza muscolare,
  • Massa palpabile o visibile,
  • Peggioramento progressivo dei sintomi.

Esami

I pazienti che presentano i sintomi tipici del nodo in gola non hanno bisogno di eseguire particolari esami. Se la diagnosi non è chiara o il medico non riesce a visualizzare bene la faringe, vengono eseguiti gli esami per la disfagia. Tra gli esami tipici ricordiamo

  • l’esofagografia opaca o con mezzo di contrasto,
  • la misurazione del tempo di deglutizione,
  • la radiografia toracica,
  • la manometria esofagea.

Cura e terapia

Il medico rassicura in genere il paziente standogli vicino, perché finora nessun farmaco si è dimostrato efficace per combattere il nodo alla gola. Il medico, inoltre, dovrebbe consigliare al paziente di gestire la depressione, l’ansia o altri disturbi del comportamento sottostanti, indirizzandolo verso uno psichiatra, se necessario. Nel frattempo, può essere utile comunicare al paziente che i sintomi e gli stati emotivi sono collegati.

Attualmente non esiste una terapia specifica per il nodo alla gola tuttavia, se soffrite di reflusso esofageo, può essere utile curarlo. Se ci riuscite, cercate di ignorare il nodo in gola perché, più ci pensate, più sembrerà peggiorare.

La deglutizione eccessiva o il fatto di schiarirsi in continuazione la gola non fanno altro che irritare la gola e peggiorare la sensazione: il paziente può entrare in un circolo vizioso, quindi cercate di non deglutire troppo e di non schiarirvi troppo la gola, anche se vi verrebbe spontaneo.

Se la sensazione di nodo in gola è particolarmente fastidiosa, bere qualcosa di caldo o tenere in bocca una caramella vi aiuteranno a tenere la gola idratata.

Fonti Principali:

(traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Samuele75

    Buongiorno…da quasi 2 anni ho una sensazione di chiusura alla gola e tutto questo è iniziato dopo che ho avuto un grande trauma…sono stato operato di angioplastica per una subocclusione di arteria che Cmq non ha portato danni al miocardio.
    Da allora a tempi alterni (tipo due/tre volte al mese e senza un fattore scatenante, oppure mi lascia tranquillo per mesi per poi ricomparire all’improvviso )viene questa sensazione di chiusura alla gola specialmente se tiro L’aria con il naso.
    Sono andato da tantissimi specialisti e naturalmente ognuno ha dato sua diagnosi e intanto io sono rimasto con il mio problema.
    Mi sono recato dal gastroenterologia (gastroscopia) e otorinolaringoiatria (laringoscopia) che mi hanno detto che è reflusso senza rigurgito dovuto si medicinali cardiovascolari che prendo ordinandomi a cicli o esigenza levopraid d gaviscon.
    Lo psichiatra sostiene che sia invece ansia e per un periodo mi ha prescritto xanax e poi delorazepam.
    Lo pneumologo sostiene che essendo allergico alla polvere..inalando queste particelle possa dare questo tipo di reazione.
    Capite bene che tutti questo non fa altro che confondermi senza ottenere risultati; spero che almeno voi possiate aiutarmi e seguire una Strada ma che sua una delle quella esatta.
    Grazie in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Spesso è necessario procedere per esclusione; ha provato la terapia antireflusso?

    2. Samuele75

      Scusi dottore volevo dire che il levopraid sembrerebbe il farmaco che incidente maggiormente su questa sensazione…mi hanno spiegato che il levopraid serve a rilassare la muscolatura esofagea e questo mi farebbe pensare ad uno stato nervoso accentuato…non so se lei la pensa come me….dato che non ha una sequenza logica o un effetto scatenante all’apparenza

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Le confermo che l’ipotesi di somatizzazione ansiosa è assolutamente plausibile.

  2. bob

    salve dottore a da una settimaana che sento qualcosa nella gola quando inghiottisco mi da troppo fastidio.sono stata al prondo soccorso e la dottoressa i ha controllato la gola la bocca e mi ha detto che non ho niente vi prego io sto in ansia cosa puo essere

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Reflusso, bolo isterico, … Con che diagnosi è stato dimesso?

    2. Anonimo

      dottor cimurro cueste cause di nodo in gola che cosa possono essere.nn credo che sia ansia

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Come già detto, reflusso gastroesofageo, alterazioni della motilità o della conformazione dell’esofago, ma se la visita esclude queste possibilità non resta che pensare a un sintomo d’ansia; se dovesse persistere a lungo e diventare particolarmente fastidioso consulti il medico, magari potrebbe pensare di prescriverle qualche esami di approfondimento.

    4. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      E allora già questo ci fa pensare che non sia nulla di grave, se però la terapia non fosse sufficiente ne parli col medico, valuterà un’eventuale modifica.

    5. Anonimo

      Dottoressa volevo dirle che io non ho fatto. nessun tipo di analisi. il mio medico curante controllandomi la gola mi dissi che non avevo niente.poi una sera mi sentivo cuesto nodo come se mi dovesse strozzare non sapendo che fare mi presi un gaviscon e non il riopan come le dissi in precedenza e il nodo cuasi non lo sentivo.ed ora io lo uso sempre ma non so se faccio male o bene.dottoressa lei che miconsiglia.e cmq grazie per le risposte in precedenza.cordiali saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Spieghi l’accaduto al medico, chiedendo a lui come procedere; molto probabilmente le permetterà di continuare a usare Gaviscon, ma spetta a lui la decisione.
      2. Sollecitare la risposta non serve, rispondiamo comunque il prima possibile.

  3. maria

    Dottore cimurro,volevo un consiglio da lei ,più di un mese che sento un nodo alla gola molto fastidioso, sono andata dall otorino mi ha fatto un endoscopia,mi ha visitato,ma fortunatamente non ho niente,mi ha dato una cura x 15 giorni con aeresol,gastrotuss multicentrum,ho la tiroidite di hashimoto che curo con eutirox,non ho mai avuto noduli(fatta anche l ecografia)niente,x un po è passato ma questo nodo lo sento ancora,che mi consiglia?Ringrazio

    1. maria

      Probabilmente c era un po di reflusso,ma non mi porta nessuna acidità, solo questo nodo,si sono ansiosa però non mi è mai capitato questo fastidio

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Talvolta il reflusso può causare sintomi atipici (come il senso di nodo in gola) senza bruciore; insieme all’ansia sono le cause più comuni per il sintomo che descrive, ma ovviamente sono solo ipotesi.

      Farei il punto con il medico curante.

  4. Anonimo

    il cibo può incidere su cuesto nodo in gola .poco fá ho mangiato un panino con mortadella e provola dopo aver finito mi sentivo cuesto nodo che mi strozzava fortissimo.preso il gaviscon dopo 10 minuti mi sentivo molto meglio.stamattina ho avuto lo stesso identico fastidio mangiando sempre il panino cob mortadella e provola.cmq il nodo non sparisce del tutto pero e cuasi innocuo volevo sapere se il cibo fa aumentare cuesta cosa dato che io mangio spesso panini attento risposta grz anticipatamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Quando si tratta di reflusso la dieta è di fondamentale importanza.

  5. Anonimo

    Salve dott sono 15 giorni che ho un forte pizzicore/dolore lato destro gola! Faccio regolare terapia antireflusso con nexium 40 e Gaviscon dopo i pasti principali! Se pur lento ma inizio ha notare un miglioramento, la cosa che mi preoccupa ovviamente data la mia ipocondria e che penso che questo disturbo possa essere collegato ad una forma di tumore della laringe (la voce è squillante) Cordialità

    1. Anonimo

      Da circa 15 giorni una pasticca al mattino e gaviscon dopo i pasti principali!
      Grazie dottore

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Non c’è motivo di sospettare alcun tumore; la terapia inizia ora a fare effetto, vedrà che andrà ancora meglio nei giorni a venire.

    3. Anonimo

      La ringrazio dottoressa! Più avanti le farò sapere l’evoluzione della terapia!
      Cordialità

    4. Anonimo

      Buonasera dottoressa ho effettuato quest’oggi visita otorino, mi è stata fatta una laringoscopia risultato negativo,il medico ha addebitato la causa dell’infiammazione al reflusso gastrico prescrivendomi visita gastro! In ogni caso dovrò continuare cura con nexium per almeno 2 mesi per vedere risultati efficienti! La ringrazio.
      Cordialità

    5. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Benissimo, quindi nulla di serio, mi raccomando segua la terapia; saluti.

  6. Anonimo

    si guarisce dal nodo in gola ? Ha me prende sti fastidio piu di sera chissa perche .e cuanto provo a ruttare non mi esce bene ma stretto stretto .attento risposta cordiali saluti

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Dipende dalla causa, si è mai fatto valutare in proposito? se è relativo ad uno stato d’ansia ovviamente avrà alti e bassi in base all’umore, per cui è bene seguire un percorso per gestire la situazione, che può diventare anche molto fastidiosa e invalidante, inficiando la qualità della vita.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Significa che bisogna farsi seguire da uno specialista, se fosse l’ansia la causa serve una valutazione psicologica, da qui potrebbe iniziare un percorso di terapia, al fine di gestire e migliorare la situazione.

  7. anonimo

    Salve dottore le volevo chiedere una cosa ho sempre la sensazione di muco alla gola che non vuole avebdere ma se lo spurgo esce fuori una piccola parte cosa può essere premetto che sono anche una persona ansiosa può influire tutto ciò È grave?mi aiuti lei grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Potrebbe essere muco che si forma a causa del reflusso, assume la relativa terapia?

  8. gigi

    Mi rimane il cibo in gola e mi sento soffocare il dottore dice che tengo un nodulo in gola piccolo e nn é da preoccuparsi.

  9. wendy

    ho 64 anni mi e’ stata diagnostica un influenza prescritto eferalgan 1000 l’ho preso x tre gg e successivamente Augumentin x 6 gg.La condizione acuta e’ migliorata benche’ mi sianoo rimasti dei dolori cervicali fortissimi con difficolta a deglutire.La sensazione di continuo scorrere muco attraverso la gola una tosse secca, e questa notte avevo la sensazione di dover ancora digerire e sentivo in gola come ancora del cibo che non riuscivo a far scendere leggero male allo stomaco. Potrebbe trattarsi di reflusso esofageo?

  10. Ele

    Salve dottori,
    Ho 21 e da 2 anni studio canto lirico.
    Da sempre ho amato il canto e vivo sempre con l’absua di poter rovinare la mia voce. Prendo miele, finocchietto e propoli ogni giorno.
    Penso di avere un po’ di reflusso ma allo stesso tempo son sempre stata particolarmente attenta all’alimentazione, l’unica cosa e’ che mangio tanto da sdraiata o seduta sul letto.
    Fatto sta son andata a controllarmi questa estate perche’ sento un qualcosa in gola che pero’ quando canto sparisce, il dottore mi ha detto che non ha visto ne noduli ne altro tipo polpetti, l’unica cosa un leggero rossore quando pronuncio la A mi pare percio’ mi ha prescritto il refalgil. Ma il Refalgil e’ stato disastroso! L’ho usato solo pochi giorni perche’ mi aveva aumentato il reflusso ed il bruciore in maniera assurda!
    Non son piu’ andata da altri dottori.. Ho riniziato canto e risento questo nodo alla gola e questa sensazione di una nocina in gola.. Allo stesso tempo pero’ riesco a salire negli acuti e non provare fatica quando canto anche se sto cantando di fibra in alcuni punti e non mi lascio andare come dovrei ma questo perche’ sono mentalmente presa da questa paura di questa nocciolina. Altra cosa mi ammalo spessissimo alla gola e prima di rimettermi su in piena firma passano parecchie settimane almeno 2 piene.
    Aiutatemi per favore, il mio amore per cantare e’ troppo grande e non resco a stare con questa angoscia.

    Grazie mille!!

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Se avesse delle lesioni, tipo noduli o polipi, non avrebbe comunque sintomi del genere, e anzi avrebbe problemi a cantare, per cui probabilmente è una sua sensazione generata dall’ansia; per stare tranquilla farei una visita specialistica otorinolaringoiatrica, così da verificare direttamente la situazione.

  11. Ele

    Ma e’ normale che mi faccia male anche la lingua sopratutto mentre parlo? O la zona dove piu’ o meno abbiamo le parottidi (sopratutto quando deglutisco)

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è normale, nel senso che non dovrebbe provare dolore, ma come spiegato dalla Dr.ssa Fabiani è importante adesso cercare di capire se non sia una somatizzazione ansiosa.

  12. terry

    Salve dottore vorrei chiedere un consiglio…mio marito e stato con febbre alta gola arrossata e a preso antibiotico..adesso mi dice che sente qualcosa alla gola come se qualcuno lo soffoca..gli viene anche da rimettere cosa potrebbe essere

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Potrebbero esserci delle placche o essere solo sensazioni residue dell’infiammazione, andrebbe visitato.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.

Ho preso atto del Disclaimer e dell'Informativa fornita ai sensi dell'art. 13 del Codice privacy