Nodo in gola ed ansia: sintomi, diagnosi, pericoli e cura

Ultimo Aggiornamento: 1055 giorni

Link sponsorizzati

Introduzione

Il nodo in gola (o bolo isterico, o bolo ipofaringeo) è la sensazione di avere qualcosa di fermo in gola che in realtà non c’è. Si tratta di una sensazione molto reale ed il paziente non la esprime semplicemente per lamentarsi.

Il nodo in gola può essere percepito come una massa, una sporgenza, come catarro o come semplice fastidio localizzato: il modo di descriverlo varia molto a seconda del paziente. E’ un disturbo relativamente frequente.

Solo raramente esiste davvero una massa reale in gola (causata da infezioni, problemi di tiroide, tumori, …). In questo articoli tratteremo invece il caso più comune, ossia quando la sensazione di “qualcosa in gola” è di fatto solo un’impressione, anche se particolarmente reale.

Si riesce a guarire dal nodo alla gola?

Probabilmente sì, ma sappiamo che un numero significativo di pazienti continua a lamentare il fastidio alla gola dopo due anni dalla comparsa quindi, se il sintomo persiste, è inutile rimproverarsi di non aver fatto abbastanza. Tuttavia è molto raro che il nodo in gola peggiori con il passare del tempo: se peggiora, andate di nuovo dall’otorino.

Cause

Non è stato finora diagnosticato alcun meccanismo fisiologico o eziologico specifico per il nodo alla gola; alcune ricerche suggeriscono che, nel momento in cui si presentano i sintomi, sia presente un’elevata pressione cricofaringea (dovuta alla muscolatura presente in gola) oppure una motilità ipofaringea anomala (ossia dei movimenti anomali in gola).

La sensazione di avere un nodo alla gola potrebbe anche essere causata dal reflusso gastroesofageo (GERD) o dalla deglutizione e dalla secchezza della gola connesse all’ansia o ad altri stati emotivi.

Tra i disturbi che possono essere scambiati per la sensazione di nodo alla gola ricordiamo i diverticoli cricofaringei (dell’esofago superiore), lo spasmo esofageo diffuso, il reflusso gastroesofageo, i disturbi muscolo-scheletrici (ad esempio la miastenia gravis, la distrofia miotonica e la polimiosite) e le lesioni nodulari del collo o del mediastino che causano la compressione dell’esofago.

Secondo alcuni autori la sensazione di nodo alla gola potrebbe essere sintomo di alcuni disturbi dell’umore (ad esempio una rabbia eccessiva); alcuni pazienti, inoltre, potrebbero essere particolarmente predisposti a questa reazione. Lo stress sembra avere un ruolo nella sensazione di nodo in gola nei due terzi circa dei pazienti, quindi spesso può essere utile modificare lo stile di vita o rilassarsi. Molti pazienti temono che il nodo alla gola sia un sintomo di un tumore alla gola e scoprono di sentirsi meglio appena dopo essersi fatti visitare da un otorinolaringoiatra.

Pericoli

Il nodo in gola è un sintomo del tumore alla gola?

No! In realtà molti dei pazienti che hanno questo sintomo non sono fumatori e quindi è altamente improbabile che abbiano un tumore alla gola.

E’ comunque importante in caso di persistenza del sintomo vagliare con l’aiuto del proprio medico anche questa possibilità.

Diagnosi

Lo scopo principale della diagnosi è quello di distinguere tra la sensazione di nodo alla gola dalla vera e propria disfagia, che indica un disturbo strutturale o motorio della faringe o dell’esofago.

Anamnesi

Il medico vi farà delle domande sui disturbi attuali per avere una descrizione chiara dei sintomi, soprattutto per quanto concerne eventuali dolori durante la deglutizione, le difficoltà di deglutizione (ad esempio la sensazione che il cibo rimanga in gola). Il momento in cui compaiono i sintomi è importante e occorre capire in particolar modo se il sintomo si presenta quando si mangia o si beve, oppure se sia indipendente da queste attività; il medico dovrebbe inoltre indagare esplicitamente sulla connessione tra i sintomi e gli eventi psicologici del paziente.

Il medico vi domanderà inoltre se siete dimagriti (sintomo di un disturbo della deglutizione) o se presentate sintomi di debolezza muscolare.

Visita

Il medico palpa il collo e la gola alla ricerca di eventuali noduli. L’orofaringe viene osservata direttamente e l’otorino tipicamente esamina la bocca, inserendo poi un endoscopio flessibile a fibre ottiche per controllare anche la gola.

Il medico, inoltre, dovrebbe osservare la deglutizione, di acqua e di alimenti solidi, ad esempio dei crackers. È importante l’esame neurologico, con particolare attenzione alla funzionalità motoria.

Sintomi preoccupanti

I sintomi seguenti devono essere immediatamente segnalati al medico:

  • Male al collo o mal di gola,
  • Dimagrimento,
  • Comparsa improvvisa del nodo alla gola dopo i cinquant’anni,
  • Dolore, soffocamento o difficoltà di deglutizione,
  • Rigurgito,
  • Debolezza muscolare,
  • Massa palpabile o visibile,
  • Peggioramento progressivo dei sintomi.

Esami

I pazienti che presentano i sintomi tipici del nodo in gola non hanno bisogno di eseguire particolari esami. Se la diagnosi non è chiara o il medico non riesce a visualizzare bene la faringe, vengono eseguiti gli esami per la disfagia. Tra gli esami tipici ricordiamo

  • l’esofagografia opaca o con mezzo di contrasto,
  • la misurazione del tempo di deglutizione,
  • la radiografia toracica,
  • la manometria esofagea.

Cura e terapia

Il medico rassicura in genere il paziente standogli vicino, perché finora nessun farmaco si è dimostrato efficace per combattere il nodo alla gola. Il medico, inoltre, dovrebbe consigliare al paziente di gestire la depressione, l’ansia o altri disturbi del comportamento sottostanti, indirizzandolo verso uno psichiatra, se necessario. Nel frattempo, può essere utile comunicare al paziente che i sintomi e gli stati emotivi sono collegati.

Attualmente non esiste una terapia specifica per il nodo alla gola tuttavia, se soffrite di reflusso esofageo, può essere utile curarlo. Se ci riuscite, cercate di ignorare il nodo in gola perché, più ci pensate, più sembrerà peggiorare.

La deglutizione eccessiva o il fatto di schiarirsi in continuazione la gola non fanno altro che irritare la gola e peggiorare la sensazione: il paziente può entrare in un circolo vizioso, quindi cercate di non deglutire troppo e di non schiarirvi troppo la gola, anche se vi verrebbe spontaneo.

Se la sensazione di nodo in gola è particolarmente fastidiosa, bere qualcosa di caldo o tenere in bocca una caramella vi aiuteranno a tenere la gola idratata.

Fonti Principali:

(traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)


Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati



Aggiornamenti

Non perdere i prossimi articoli ed aggiornamenti, iscriviti con il tuo indirizzo di posta elettronica; non riceverai mai SPAM e potrai cancellarti con un solo click in ogni momento

Servizio in collaborazione con FeedBurner (Google)

Domande, suggerimenti e segnalazioni

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Può essere; dopo la visita la dottoressa non le ha detto nulla in proposito?

  1. silvio

    No a detto solo di prendere neoduplamox e le bustine pero ad oggi ancora niente o paura ke sia una cosa grave mi viene sempre da ingoiare o da cacciarlo ma solo a volte esce un po di catarro sto in ansia ancora e qualcosa di grave

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Perchè non dovrebbe passare?
      Perchè pensare sempre al peggio quando non c’è motivo di farlo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Al limite si passerà ad un antibiotico più forte.

  2. silvio

    A me domani e il sesto e ulyimo giorno di neoduplamox dopo ke o finito bisogna aspettare ke puo fare ancora effetto ??

  3. silvio

    Salve dottore l altro ieri o finito la cura un po ce lo ancora a tratti cosa significa

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Qualche piccolo strascico è del tutto normale, senta il parere del suo medico, ma a mio avviso passerà tutto nei prossimi giorni.

  4. ELLI57

    Buonasera Dottore, ormai da circa 2 anni sento un “bolo” in gola simile al catarro che mi obbliga a tossire per cercare di espellerlo. Anche dopo aver espettorato (soprattutto muco bianco e molto raramente pochissimo catarro verdognolo) il problema persiste.
    Alcuni anni fa, a causa di bruciori allo stomaco, feci la gastroscopia e mi fu diagnosticata la gastrite cronica. Da due anni prendo l’omeprazolo consigliatomi dal mio medico in quanto ritiene che il “bolo” sia una conseguenza del reflusso gastroesofageo.
    Ora però quando mi corico (con due cuscini per non stare sdraiata) e respiro sento un rantolio come se si muovesse del catarro e continuo ad ingoiare.
    Sto facendo l’aerosol con l’acqua di Sirmione e vorrei passare alle nebulizzazioni con quella di Tabiano, sempre consigliatemi dal medico.
    Visto però l’inefficacia dell’omeprazolo ed ora dell’aerosol, non vorrei acquistare inutilmente l’apparecchio per l’acqua di Tabiano. Anche mia madre lamentava che al mattino tossiva per espellere quella che lei chiamava “schiuma”.
    (da mia madre ho ereditato pressione e colesterolo alti, che curo dal 2004; mia madre ha avuto un linfoma all’età di 65 anni per fumo passivo, un ictus a 77 ed è deceduta a 85 per leucemia).
    Sto cominciando a preoccuparmi molto. Cosa mi consiglia di fare? Grazie mille.

    1. Anonimo

      Esomeprazolo 40 mg. Il medico dice che sono un po’ ansiosa, io non me ne accorgo…… Tra l’altro ora sono più tranquilla xche da 3 anni non lavoro più.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe in effetti essere ansia, non spenderei soldi in dispositivi se non espressamente consigliati dal medico.

    3. Anonimo

      Grazie Dottore, comincerò con il seguire il suo consiglio riportato in precedenza “Perché pensare sempre al peggio quando non c’è motivo di farlo?”.
      Buona Pasqua!

  5. Sarah

    Buona sera dottore ascolti io domenica sera mi sono bevuta l’acqua coricata sul letto e mi si e’ agruppata sulla gola tipo che mi e’ rimasto qualcosa ho tanta paura e sono agitatissima mi fa male pure il petto non so proprio cosa fare ho molti disturbi anche alla notte e mi fa sempre arruttare

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Rischio zero, probabilmente solo tanta ansia.

      Senta comunque anche il parere del medico.

  6. Sarah

    Buona sera dottore alla fine sono andata all’ospedale per farmi controllare e mi ha detto che ho virus e poi tutto apposto

    1. Sarah

      Ma si figuri dottore ma pero’ e’ normale avere ancora qualcosa nella gola senza che ci sia nulla ed e’ solo un impressione mio ?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Se è virale magari c’è qualche fastidio allo stomaco che le causa questa sensazione, vedrà che passerà velocemente.

  7. Sarah

    Buona sera dottore mi sento ancora disturbata appena prendo le pillole tipo che mi resta bloccato alla gola mi si gonfia la pancia quando bevo molta acqua e mi fa venire lo stinto di vomitare mi sto prendendo troppo di paura apparte del virus

  8. Sarah

    Capisco come posso fare ad essere piu’ tranquilla ? Scusami se le faccio tutte ste domande ma comprendimi

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Tecniche di rilassamento, sport, farmaci, psicoterapia, …

    2. Anonimo

      Grazie per aver messo al primo posto le tecniche di rilassamento. Io il nodo alla gola l’ho annientato solamente con lavoro sul respiro. Ora pratico il respiro consapevole. Difficile ma miracoloso.

  9. Sarah

    Capisco quando sono coricata a pancia in giu’ mi viene sempre da ruttare e sto male ma mi sforzo per arrittare e sto male e non mi fa dormire :'(

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe anche aver ragione, nel senso che potrebbe non essere nulla di preoccupante, ma solo legato all’ansia.

  10. Sarah

    Capisco spero tanto che passa perche’ fa male ovunque sotto il seno la pancia il petto e la gola

  11. marika

    Dottore o questo sintomo in golo da 3 anni ma nel ultimo anno e peggiorato come se avessi qualcosa in gola fermo mi sento o fatto come visite ecografia al collo fibro scopia e basta e mi dice l otoriono ma ancora Passa cosa puo essere

    1. marika

      Comunque ora dottore sto aspettando che vado a fare le analisi alla tiroide e un altra ecografia.

    2. marika

      Dottore o fatto le analisi e ecografia alla tiroide e non ce nulla allora mi chiedo cosa possa essere

    3. marika

      Ke puo essere il bolo isterico ma io mi sento una massa ke si va spostando e ke punge nella gola e a volte o difacoltà a mangiare ma mangio lo stesso

  12. giulio

    salve dottore Cimurro senta io volevo dirle che sono andato a fare gli esami breath test e sono posotivo al batterio helycobacter pylori e il medico mi ha dato delle medicine : azitromicina ,trimonase500mg e esomeprazolo Zenitiva 40 mg .
    Azotromicina era da prendere per 3 giorni
    Trimonase 500mg per 8 giorni
    Esomeprazolo Zenitiva per 1 mese
    venerdi scorso sono andato all ospedale xk non riuscivo a deglutire e a respirare e per di piu non so perchè non ho mai avuto l ansia .
    proèrio l altro ieri mi sono sentito male perchè avevo l ansia sudavo facevo difficoltà a camminare ecco io voglio capire questo virus può fare tutto questo??

  13. giulio

    Salve Dottor Cimurro volevo dirle un altra cosa a mangiare cosa devo mangiare xk ogni volta che mangio ho paura ancora posso soffocare oppure di morire xk oltre a quello che glio hetto prima si è aggiunto sta cosa come posso fare Dottor Cimurro???

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Senta anche il parere del medico, ma probabilmente non ci sono reali rischi di soffocamento, è una sensazione che potrebbe essere dovuta all’ansia.

  14. giulio

    Dott.Cimurro quale può essere la causa di questo problema io prima uscivo viaggiavo mo non so perchè venerdi andai all ospedale e dissero che fu l ugola che va a finire sulla lingua però il problema e che mo sento come un nodo alla gola non so come descrivere questo malessere al medico

  15. giulio

    Scusi se la disturbo dottore ma voglio capire quanso faccio per sputare il sintomo che cè alla gola inizio a sudare non riesco piu a respirare mi fa male la testa non trovo cordinanze nel camminare non so perchè mi può far capire grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso di fondo c’è tanta ansia, ma descriva tutti i sintomi al medico esattamente come ha fatto con me.

  16. Federica82

    Salve dottore,sono disperata,non c’è nessuno che mi crede,giorni fa mi è successo che mi è venuto mal di gola,poi ho notato che quando mi venivano gli attacchi di panico magicamente il dolore spariva e poi riprendeva,questo per almeno 4 giorni,poi una mattina poco dopo essermi svegliata mi sono accorta che mi si addormenta la lingua,passa la lingua e inizzia il labbro superiore,dopo un po di ore invere perdo la sensibilità e ho anche intorpidimento degli arti,questa potrebbe essere un allergia o è tutto legato allo stress? grazie davvero

  17. Federica82

    Ah,dimenticavo,dopo che mi si sono intorpiditi gli arti il maldigola se n’è definitivamente andato,grazie di nuovo

  18. Federica82

    Poi ho un senso di morte imminente,che mi si possa chiudere la gola e muoio soffocata,con dolore al fianco alternativamente,a volte destro,a volte sinistro,tutto accompagnato da sudorazione eccessiva,all’inizio pensavo potrebbe trattarsi di allergia allo zucchero raffinato,ma noi in famiglia abbiamo tutt’altro tipo di allergia,polline,graminacee…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      Con buona probabilità sono tutti sintomi legati a stress e soprattutto ansia.

  19. Anonimo

    Dottore ho 23 anni. Da due giorni ho la gola come chiusa. Ha presente quando si é allergici e la gola si chiude? Uguale. Sec me é un fatto muscolare perché ho un casino di muco deglutisco tantissimo sará questo. Non so che fare. Ho notato che tengo anche leggermente la lingua tra i denti non so perché.

  20. maria

    Io ho gli stessi sintomi,non così gravi,ma il fastidio alla gola si…sicuramente lei mi dirà che é ansia…non capisco perché quando si va da un dottore(almeno con il mio)…qualsiasi sintomo si abbia si conclude che é l’ansia..ma visto che siamo tutti ansiosi..ci potrebbe spiegare come fare per uscirne?io faccio sport,mangio equilibrato e cerco di avere una vita sociale..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ansia si combatte con stile di vita (come sta facendo), tecniche di rilassamento, farmaci, psicoterapia; il primo fattore è imprescindibile, tra gli altri si valuta caso per caso e non sono fra loro esclusivi.

  21. Anonimo

    Salve dottore, premetto che sono un tipo ansioso, e tempo fa soffrivo di attacchi di panico e qualche fenomeno di ansia generalizzata. Spesso mi sentivo un nodo alla gola, andando dal medico di base mi è stato detto che poteva essere un problema di reflusso e mi ha fornito delle indicazioni da seguire. Il tutto passò senza nemmeno seguirle. Solo pochi giorni fa (a distanza di settimane) risento questa cosa ma in modo diverso, nel senso che in episodio, tossendo di mia volontà sono riuscito ad espellere dalla bocca una pallina bianca maleodorante. Credo che sia quella che rimane in gola, posso respirare ma me la sento e non riesco a far uscire nulla, la mia paura più grande è che quella pallina possa bloccarsi in modo che io non possa più respirare. Secondo lei è possibile? Cosa ne pensa?

    1. Anonimo

      No è una pallina bianca, piuttosto dura e maleodorante, in passato succedeva che la sputavo senza dare problemi, ma ora a volte quando respiro la sento bloccata che non mi permette di respirare bene e poi passa, anche se non sono sicuro che sia quella ora.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ritengo che ci siano rischi per la vita, ma segnali l’accaduto anche al medico.

    3. Anonimo2

      Mi scusi se la disturbo ancora dottore, ieri notta sono andato dalla guarda medica e guardando nella bocca fin dove riusciva, non ha trovato nulla. Il sintomo tutt’ora persiste, è un incubo. Ho però notato che ho l’ugola molto più grande del solito quasi da riuscire a toccare la lingua. Dice che il motivo per tutto ciò può essere l’ugola?

    4. Anonimo

      Prova il respiro diaframmatico e consapevole col naso per due giorni e valuta.

  22. Anonimo

    Dottore e’ da oggi che sento una sensazione di gonfiore al collo, sopratutto nelle parti laterali. Può essere legato all’ansia o allo stress? O ci potrebbero essere ulteriori cause?

  23. piero

    salve dottore ho problemi a deglutire da più di un’anno ormai, mentre mastico il cibo in bocca sento un dolore alla gola per non parlare poi quando ingoio e ancora peggio. o provato a fare molte cure o preso mycostatin , diflucan , dactarin gel , poi ho anche fatto una cura per rafforzare le difese immunitarie che e durata sei mesi ma niente sto ancora peggio di prima:) io avevo pensato di farmi fare un’ecografia alla gola per approfondire meglio …. lei che ne pensa? in un referto mi anno diagnosticato un’ipertrofia della tonsilla linguale, sto vivendo una tortura mi creda per finire un pranzo a volte ci impiego anche 2 ore per che il forte dolore alla gola mentre mastico mi rallenta tantissimo … se mi può dare qualche consiglio gliene sarei molto grato.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’otorino ritiene che la causa sia l’ipertrofia riscontrata?

  24. Manuel

    Una persona sana ma comunque con i problemi di ansia depressioni attacchi di panico e problemi nel farsi sempre altri problemi può diventare con il tempo pazza?? Cioè impazzire?

  25. Giusy

    Salve dottore , sono due settimane che ho una sensazione di nodo non proprio alla gola ma un po’ più giù , mi brucia il petto la gola le orecchie il naso dalla parte posteriore e ho gli occhi pesanti … Sono stata dal gastro pensando che fosse esofagite da reflusso e lui mi ha dato una cura da seguire che ho iniziato ieri …ma potrebbe essere faringite o una forma di allergia oltre che ansia ! Grazie!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ansia incide sicuramente, ma dai sintomi condivido l’ipotesi di reflusso.

Lascia una risposta

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.