Nodo in gola ed ansia: sintomi, diagnosi, pericoli e cura

Ultimo Aggiornamento: 1510 giorni

Introduzione

Il nodo in gola (o bolo isterico, o bolo ipofaringeo) è la sensazione di avere qualcosa di fermo in gola che in realtà non c’è. Si tratta di una sensazione molto reale ed il paziente non la esprime semplicemente per lamentarsi.

Il nodo in gola può essere percepito come una massa, una sporgenza, come catarro o come semplice fastidio localizzato: il modo di descriverlo varia molto a seconda del paziente. E’ un disturbo relativamente frequente.

Solo raramente esiste davvero una massa reale in gola (causata da infezioni, problemi di tiroide, tumori, …). In questo articoli tratteremo invece il caso più comune, ossia quando la sensazione di “qualcosa in gola” è di fatto solo un’impressione, anche se particolarmente reale.

Si riesce a guarire dal nodo alla gola?

Probabilmente sì, ma sappiamo che un numero significativo di pazienti continua a lamentare il fastidio alla gola dopo due anni dalla comparsa quindi, se il sintomo persiste, è inutile rimproverarsi di non aver fatto abbastanza. Tuttavia è molto raro che il nodo in gola peggiori con il passare del tempo: se peggiora, andate di nuovo dall’otorino.

Cause

Non è stato finora diagnosticato alcun meccanismo fisiologico o eziologico specifico per il nodo alla gola; alcune ricerche suggeriscono che, nel momento in cui si presentano i sintomi, sia presente un’elevata pressione cricofaringea (dovuta alla muscolatura presente in gola) oppure una motilità ipofaringea anomala (ossia dei movimenti anomali in gola).

La sensazione di avere un nodo alla gola potrebbe anche essere causata dal reflusso gastroesofageo (GERD) o dalla deglutizione e dalla secchezza della gola connesse all’ansia o ad altri stati emotivi.

Tra i disturbi che possono essere scambiati per la sensazione di nodo alla gola ricordiamo i diverticoli cricofaringei (dell’esofago superiore), lo spasmo esofageo diffuso, il reflusso gastroesofageo, i disturbi muscolo-scheletrici (ad esempio la miastenia gravis, la distrofia miotonica e la polimiosite) e le lesioni nodulari del collo o del mediastino che causano la compressione dell’esofago.

Secondo alcuni autori la sensazione di nodo alla gola potrebbe essere sintomo di alcuni disturbi dell’umore (ad esempio una rabbia eccessiva); alcuni pazienti, inoltre, potrebbero essere particolarmente predisposti a questa reazione. Lo stress sembra avere un ruolo nella sensazione di nodo in gola nei due terzi circa dei pazienti, quindi spesso può essere utile modificare lo stile di vita o rilassarsi. Molti pazienti temono che il nodo alla gola sia un sintomo di un tumore alla gola e scoprono di sentirsi meglio appena dopo essersi fatti visitare da un otorinolaringoiatra.

Pericoli

Il nodo in gola è un sintomo del tumore alla gola?

No! In realtà molti dei pazienti che hanno questo sintomo non sono fumatori e quindi è altamente improbabile che abbiano un tumore alla gola.

E’ comunque importante in caso di persistenza del sintomo vagliare con l’aiuto del proprio medico anche questa possibilità.

Diagnosi

Lo scopo principale della diagnosi è quello di distinguere tra la sensazione di nodo alla gola dalla vera e propria disfagia, che indica un disturbo strutturale o motorio della faringe o dell’esofago.

Anamnesi

Il medico vi farà delle domande sui disturbi attuali per avere una descrizione chiara dei sintomi, soprattutto per quanto concerne eventuali dolori durante la deglutizione, le difficoltà di deglutizione (ad esempio la sensazione che il cibo rimanga in gola). Il momento in cui compaiono i sintomi è importante e occorre capire in particolar modo se il sintomo si presenta quando si mangia o si beve, oppure se sia indipendente da queste attività; il medico dovrebbe inoltre indagare esplicitamente sulla connessione tra i sintomi e gli eventi psicologici del paziente.

Il medico vi domanderà inoltre se siete dimagriti (sintomo di un disturbo della deglutizione) o se presentate sintomi di debolezza muscolare.

Visita

Il medico palpa il collo e la gola alla ricerca di eventuali noduli. L’orofaringe viene osservata direttamente e l’otorino tipicamente esamina la bocca, inserendo poi un endoscopio flessibile a fibre ottiche per controllare anche la gola.

Il medico, inoltre, dovrebbe osservare la deglutizione, di acqua e di alimenti solidi, ad esempio dei crackers. È importante l’esame neurologico, con particolare attenzione alla funzionalità motoria.

Sintomi preoccupanti

I sintomi seguenti devono essere immediatamente segnalati al medico:

  • Male al collo o mal di gola,
  • Dimagrimento,
  • Comparsa improvvisa del nodo alla gola dopo i cinquant’anni,
  • Dolore, soffocamento o difficoltà di deglutizione,
  • Rigurgito,
  • Debolezza muscolare,
  • Massa palpabile o visibile,
  • Peggioramento progressivo dei sintomi.

Esami

I pazienti che presentano i sintomi tipici del nodo in gola non hanno bisogno di eseguire particolari esami. Se la diagnosi non è chiara o il medico non riesce a visualizzare bene la faringe, vengono eseguiti gli esami per la disfagia. Tra gli esami tipici ricordiamo

  • l’esofagografia opaca o con mezzo di contrasto,
  • la misurazione del tempo di deglutizione,
  • la radiografia toracica,
  • la manometria esofagea.

Cura e terapia

Il medico rassicura in genere il paziente standogli vicino, perché finora nessun farmaco si è dimostrato efficace per combattere il nodo alla gola. Il medico, inoltre, dovrebbe consigliare al paziente di gestire la depressione, l’ansia o altri disturbi del comportamento sottostanti, indirizzandolo verso uno psichiatra, se necessario. Nel frattempo, può essere utile comunicare al paziente che i sintomi e gli stati emotivi sono collegati.

Attualmente non esiste una terapia specifica per il nodo alla gola tuttavia, se soffrite di reflusso esofageo, può essere utile curarlo. Se ci riuscite, cercate di ignorare il nodo in gola perché, più ci pensate, più sembrerà peggiorare.

La deglutizione eccessiva o il fatto di schiarirsi in continuazione la gola non fanno altro che irritare la gola e peggiorare la sensazione: il paziente può entrare in un circolo vizioso, quindi cercate di non deglutire troppo e di non schiarirvi troppo la gola, anche se vi verrebbe spontaneo.

Se la sensazione di nodo in gola è particolarmente fastidiosa, bere qualcosa di caldo o tenere in bocca una caramella vi aiuteranno a tenere la gola idratata.

Fonti Principali:

(traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno)

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. lory

    Salve ho 44 anni e da circa un mese sento un nodo in gola tutta la giornata. …e quando mangio il cibo.mi scende piano piano voglio precisare soffro di ansia da 18 anni mesi fa mi sono accorta che mi è spuntata una macchia sulla lingua che ho fatto controllare da un otorinolaringoiatria e mi a detto che non era quello che pensavo ma solo un callo duro e che era una cosa vecchia. ..a distanza di venti gg mi a rivista ma niente sempre uguale mi a guardato anche la gola ma 2 ma non avevo ancora sto nodo in gola ho voluto dirle questo x dirgli che già da un otorinolaringoiatria ci sono stata sto passando un periodo stressante e di nervoso bestiale dott cose sto nodo in gola che mi blocca il fiato? ??il mio peso e sempre lo stesso e continuo a mangiare. ….

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, se l’otorinolaringoiatra ha già escluso tutte le cause organiche possibili, probabilmente si tratta di una sensazione legata all’ansia, soprattutto se come scrive ci soffre da molto tempo, può essersi ora consolidata in questi termini, e in questo caso è importante lavorarci su, con l’aiuto di un bravo psichiatra/psicoterapeuta.

  2. luna

    Salve,20 giorni fa sono andata al mare e dopo un pò in acqua ho sentito una scossa ad entrambe le guancie.li per li ho pensato che si trattava di una medusa anche se non avevo segni di rossore e altro e ho solamente applicato del ghiaccio. la sera mi sono fatta controllare da una dottoressa la quale mi ha risposto che con il cambio di temperatura il nervo mi aveva dato una scossa,mi prescrive del bentalen per quella sera,e mi assicura che l’indomani sarebbe passato ma non è passato è peggiorato è da una 20 di giorni che ho questa senzazione di gonfiore sia alla guancia sx sia su tutto il collo mi sono fatta controllare sia dal medico curante che non ha trovato niente sia da un neurologo e da un dentista anche loro niente .non ce la faccio più mi da davvero fastidio preciso che ho l’otite e sono in cura con l’antibiotico abba comunque il mio medico mi ha detto che questa senzazione non è da attribuire alle orecchie e che non ho niente ma è solo frutto della mia testa eppure io lo sento e mi da davvero fastidio.potrebbe dipendere dal ansia,o dallo stress?ho fatto una dieta dove ho perso 20 kg e mi chiedevo se potesse centrare qualcosa o è meglio una visita otorinolaringoiatria?grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, lo stress può sicuramente spiegare la sensazione, soprattutto se il neurologo non ha rilevato nulla.

    2. luna

      grazie mille,però mi chiedo perchè questi problemi sono apparsi subito dopo la scossa?per questo non riesco a convincermi che sia dovuto a stress :(

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, purtroppo senza poterla visitare e sapendo che più colleghi non hanno riscontrato nulla di rilevante non saprei che suggerirle. Se fosse un problema di ansia passerà, cerchi di non pensarci. Potrebbe trattarsi di un problema di infiammazione nervosa ma se il neurologo lo ha escluso…non saprei. Se non dovesse passare ne riparli con il medico. Saluti

  3. Anonimo

    Buongiorno
    A me capita di avere la sensazione che la gola si chiuda..ma la sensazione piu brutta e la mancanza di respiro..catarro in gola e ansia ..brutta sensazione puo esser solo ansia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente sì, ma va comunque verificato con l’aiuto del medico.

  4. suzana

    salve scusa per mio italiano un po scarso🙂 qualqe volta mi e suceso di non poter deglutire pero si come mio martio soffre di stesa cosa non o fatto caso per niente e pasava, soffro di refluso gastrico moltisimo,molte volte sono statta dal
    orl parte la gola infiamatta cronica e la
    alergia al
    poline niente altro o fatto tutti esami di tiroide per causa del sindrome
    del oviao policistico btutto va bene vano bene, sono una persona molto ansiosa e nervosa ogni tantto premdo xanax , sta mattina me e suceso di fare un incubo dove non potevo deglutire mi sono svegliata e o ripreso di dormire ma di nuovo la stessa cosa, adesso o paura di dormire, ulttimamete sono stressata perche devo fare une viagio un po lungo, o paura che divento pazza non lo so cosa
    devo fare

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non si preoccupi, non sta diventando pazza, ma è probabilmente ora di di affrontare l’ansia con qualcosa di più che il solo Xanax; per il nodo in gola è indispensabile risolvere il reflusso.

    2. Anonimo

      grazie per pa risposta la ansia e e dovuta un po dal aborto spontaneo che o avutto 3 mesi fa adesso mi e venutto anche il ciclo per
      il reflusso prendevo la lansoprazol anno scorso per 6 mesi adesso ho iniziato prendero di novo da 2 giorni , invece per la ansia pensavo do fare un precorso terapeutico dal psicologo dopo le vacanze ma ho paura come facio se mi sucede ale vacanze la setessa cosa

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Dovessero verificarsi episodi durante le vacanze potrà tamponarli come ha fatto finora con Xanax, ma vedrà che andrà meglio.

  5. Silvia

    Salve, ho 19 anni da qualche giorno sento come se avessi un nodo in gola alla parte sinistra non ho difficoltà a deglutire né a respirare ma mi da un gran fastidio.
    Ho chiesto al mio medico curante e mi ha detto solo di fare sciacqui con acqua e un po di acqua ossigenata. Ma non faceva nulla, una sera dal forte fastidio sono andata al pronto soccorso e mi hanno solamente detto di avere una infiammazione e di prendere Oki due volte al gg.
    Ma questo fastidio continua ad esserci. Cosa posso fare?
    Grazie.

  6. Silvestro

    Salve, dottore, sono un ragazzo di 23 anni appena compiuti. Avendo quasi sofferto nella mia vita, più da piccolo, di tonsilliti, febbri e quant’altro, alla fine ho scoperto 2 mesi fa che una delle mie tonsille è più grande dell’altra, di preciso quella destra, se non sbaglio ciò si chiama ipertrofia. Anche mia madre ha una cosa affine, il che mi lascia pensare ad una cosa… Congenita? Da una settimana e mezzo, però, sto avvertendo un fastidio in fondo alla lingua, proprio al livello della tonsilla, che è appunto leggermente più grande e ha abbassato di poco un lato dell’arco palatofaringeo. Questo fastidio non è molto marcato, ma è comunque sufficiente a peggiorare il mio stato ansioso, il quale perdura da 3 mesi a causa di una serie di fattori che hanno generato questa mia ansia costante. Sono un soggetto ipocondriaco, e purtroppo tendo ad allarmarmi per ogni minima cosa. Mi dica, gentile dottore, questo problema è grave? O è semplicemente dovuto ad un fattore ansioso? Il medico di fiducia mi ha detto che è puramente normale, ma al momento della visita, fatta a causa di somatizzazioni che nello scorso mese avevo avuto, il fastidio in quel punto non lo avvertivo…

    1. Silvestro

      (Ah, tengo ad aggiungere che, inoltre, da due mesi ho iniziato a soffrire di reflusso gastroesofageo, ma senza rigurgito.)

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Condivido il parere del suo medico, ma il reflusso può sicuramente peggiorare la situazione.

    3. Silvestro

      Ma dottore, è escluso che possa trattarsi di un tumore tonsillare, vero? Sono molto, molto agitato a causa delle cose che giorni fa ho letto in merito… Non sono fumatore, né bevitore, ma la mia igiene orale non è perfettissima, in quanto non mi lavo i denti più di una volta al giorno, ma non ho mai avuto carie in vita mia. Il mio medico di fiducia mi ha sempre liquidato, dopo avermi controllato, con un “sei sano come un pesce, non hai niente”… Sono disperato…

    4. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, se il medico che l’ ha visitata ha escluso problematiche importanti , senza poterti visitare e senza altri dati, non posso suggerire che di fidarti. Il reflusso può causare dolori e fastidi al faringe per cui può essere utile assumere qualche prodotto per il reflusso. Saluti

  7. gennaro

    buonasera io e da una settimana circa che ho avuto il mal di gola poi successivamente ho avvertito come se avessi un nodo in gola fastidiossisimo ho fatto la cura con tachipirina ma non ho risolto del tutto chiamo il mio medico di famiglia mi dice che e un infiammazione e di assumere fortilase per 15 giorni .
    stamattina mi reco in farmacia mi hanno dato bentelan qualcuno puo aiutarmi?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, difficile dare consigli senza vedere la gola. Se ha la febbre, dolore quando deglutisce conviene farsi visitare dal medico. Se è una semplice infiammazione faringea basta assumere qualche antiinfiammatorio. Saluti

    2. Anonimo

      buon giorno dottore guardi il mal di gola non ce e neanche quando degludisco sento un fastidio quando degludisco ora come ora sto prendendo il bentelan e il dottore mi ha detto di prendere anche il polase pero ho visto pochi miglioramenti la gola e stata controllata risulta ok

    3. Anonimo

      no scusi no polase il fortilase!! quando sono a letto e mi sdraio lo sento di piu il fastidio

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Si attenga alla cura prescritta dal medico e vedrà che risolverà nel giro di pochi giorni. Attenzione all’aria condizionata.

    5. Anonimo

      grazie dottore e stato molto cordiale perche in questo periodo sto vivendo con l ansia anche perche ho 26 anni

  8. Max a pezzi

    Buonasera,
    Da un paio di mesi ormai, ed in concomitanza con un ernia cervicale ho problemi a deglutire…ogni qual volta mi accingo a mangiare solidi mi so chiude e addirittura blocca il muscolo della gola… ho fatto quasi ogni sorta di esame quali: gastroscopia, esami del sangue e delle urine, radiografia al bario, rm cranio….tutti con esiti negativi… ed il problema persiste e io quasi non ce la faccio più…mi dicono che può essere una questione psicologica ma non riesco davvero a capire la connessione…voi sapreste aiutarmi? Vi ringrazio anticipatamente.

    1. Max a pezzi

      Perdonate aggiungo qualche informazione:
      Uomo, 30 anni, vita stressante ma sotto controllo, non prendo farmaci ma dopo la gastroscopia prendo deursil e peptazol per un piccolo accenno di ernia iatale e presenza eccessiva di bile nello stomaco.
      Sono un fumatore (max 12 x gg)
      E tutti i medici con la quale ho parlato hanno affermato che non c e attinenza medica con il mio problema… la mattina a colazione riesco ad avere meno problemi ma pranzo e cena nulla la sera peggiora.

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, ha problemi anche coi liquidi? se il problema è proprio una difficoltà a deglutire ci sono altri esami da fare, oltre alla gastroscopia una manometria esofagea, tanto per cominciare, che misura le pressioni nell’esofago per vedere se ci sono alterazioni. Senza aver completato lo studio non si può escludere la base organica del disturbo, fermo restando che può essere legato allo stress. Saluti.

    3. Max a pezzi

      Grazie della sua risposta dottoressa.
      Generalmente non ho problemi con i liquidi, ma certe volte capita anche con questi.
      Sapevo della manometria ma il gastroenterologo per qualche recondito motivo non me l ha praticata e mi ha dato parecchio fastidio siccome la mia situazione sta diventando estrema dato che ho perso peso e mi sto privando oltre al piacere anche del piacere del cibo. Provvederò comunque a farla il prima possibile….ci sono altre teorie per comprendere se è una questione organica?

    4. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno. Se non ha problemi con i liquidi e il problema la mattina non sembra esserci, effettivamente sembrerebbe essere più un disturbo psichico. Probabilmente il gastroenterologo che l’ha vista, valutando tutti gli esami fatti e visitandola avrà ritenuto inutile sottoporla a ulteriori controlli. Tuttavia, se ha ancora dubbi, continua a pedere peso e ad avere disturbi, può sempre rivolgersi ad un altro specialista per ulteriori conferme. Saluti

  9. alberto

    salve,è da quasi una settimana che sento un nodo in gola,lo sento sempre,sono stato dall OTTORINO il quale mi ha guardato la gola e ha affermato che non ho nulla,sto prendendo del pantorc e dell unisimex ma il dolore non passa.

    1. alberto

      da tre giorni che sto assumendo il pantorc al mattino,si qualche volta soffro d ansia o stress ma non penso sia quello,a volte sento del bruciore di stomaco,il medico di famiglia mi ha detto che potrebbe essere del reflusso gastrico,infatti ho assunto anche dell unisimex.il nodo in gola lo sento,quando deglutisco rimane sempre li non mi aumenta o diminiusce,è fisso.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Porti pazienza 2-3 settimane, è il tempo necessario a Pantorc per agire e permetterci quindi di capire se la causa sia il reflusso.

  10. alberto

    Ultima informazione, il pantorc va preso a stomaco vuoto ma dopo averlo preso posdo mangiare qualcosa?

    1. alberto

      inoltre sento anche una sorta di formicolio o ronzio all’orecchio oltre al nodo in gola,spero non sia nulla di grave e che scompari presto..

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, potrebbero essere solo acufeni, disturbo molto comune ma innocuo, se molto fastidioso ripeta la visita otorinolaringoiatrica. Saluti.

    3. alberto

      ok grazie dottoressa,l’importante è che non sia nulla di grave…penso sia solo del reflusso gastro esofago

  11. giuseppe

    Salve è da circa 20 giorni che presentò un nodo alla gola e ho com’è una sensazione che non riesco a respirare. se faccio un respiro è come se non riuscissi ad arrivare fino in fondo è come se non riuscissi ad andare oltre lasciando il respiro a metà. questa cosa si accentua quando sto per addormentarmi perchè ho com’è la sensazione di non riuscire a respirare e mi sveglio all’improvviso. saluti

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, una sintomatologia simile può essere dovuta a molte cause come alterazioni laringee, problemi di reflusso gastroesofageo, semplice sensazione ansiosa o altro. Ne parli con il suo medico per cercare di capire bene il motivo del disturbo e per decidere eventualmente di fare qualche controllo.saluti

  12. Anonimo

    Buonasera dottore dopo aver mangiato carne e bevuto due gocce di birra neanche mezzo bicchiere ho iniziato ad avere un nodo in gola faccio fatica a respirare mi sento chiusa e giramondo di testa…ho l’ansia può essere uno shock anafilattico?posso stare tranquilla?già è passata mezz’ora ho anche la bocca asciutta…ho paura

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, non sono sintomi da shock anafilattico, ma se persiste questa situazione raccomando una visita.

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.