Nausea e vomito in bambini ed adulti: rimedi e pericoli

Ultimo Aggiornamento: 1932 giorni

Introduzione

La nausea è la sensazione di vomito imminente, mentre il vomito è il reflusso del contenuto dello stomaco nell’esofago e nella bocca.

L’organismo adotta alcune tecniche consolidate per reagire alla gamma ampia e sempre nuova di invasori e sostanze irritanti:

  • starnutire serve per espellere gli invasori dal naso;
  • tossire li fa uscire dai polmoni e dalla gola;
  • la diarrea li elimina dall’intestino,
  • il vomito dallo stomaco.

Vomitare è un’azione forzata, accompagnata da una potente contrazione verso l’alto del diaframma; contemporaneamente i muscoli addominali fanno pressione contro lo stomaco rilassato e lo sfintere gastroesofageo si apre. Il contenuto dello stomaco risale e viene espulso.

L’azione riflessa può comprendere anche un aumento della produzione di saliva prima dell’episodio di vomito.

Il vomito è un riflesso complesso e coordinato, controllato da un’apposita zona del cervello che risponde a segnali provenienti da:

  • bocca, stomaco e intestino,
  • apparato circolatorio, che può contenere farmaci o agenti infettivi,
  • centri regolatori dell’equilibrio nell’orecchio (come nel caso del mal d’auto o del mal di mare),
  • altri centri cerebrali che elaborano visioni, odori o pensieri sgradevoli.

Il vomito può essere scatenato da una sorprendente numerosa gamma di stimoli, che variano dall’emicrania ai calcoli renali. A volte, per vomitare, può essere sufficiente vedere qualcun altro che vomita, perché l’organismo tenta inconsapevolmente di proteggersi dallo stesso pericolo a cui ritiene sia stata esposta l’altra persona.

Il vomito è un disturbo piuttosto diffuso, quasi tutti i bambini vomitano diverse volte nel corso dell’infanzia, nella maggior parte dei casi a causa di un’infezione gastrointestinale di natura virale.

Il rigurgito, invece, è un processo di natura diversa: il contenuto dello stomaco rifluisce lentamente nella bocca, spesso con un’eruttazione. È normale che i neonati rigurgitino di tanto in tanto, e di solito la situazione migliora con la crescita; se al contrario il rigurgito peggiora o diventa più frequente, potrebbe trattarsi di reflusso acido e potrebbe richiedere l’intervento del pediatra.

Nella maggior parte dei casi la nausea e il vomito non richiedono un intervento medico urgente tuttavia, se i sintomi continuano per alcuni giorni, sono molto forti o non si riesce a trattenere nulla di ciò che si mangia o si beve, si potrebbe trattare di un disturbo più grave.

Il vomito di solito desta preoccupazione per il connesso rischio di disidratazione: la velocità con cui ci si disidrata dipende da:

  • peso,
  • frequenza degli episodi di vomito,
  • eventuale diarrea.

Quando chiamare il medico

Chiamate l’ambulanza o recatevi immediatamente al pronto soccorso se pensate che il vomito sia provocato dall’avvelenamento o se un bambino ha assunto l’aspirina.

Chiamate il medico se:

  • Il vomito dura da più di 24 ore,
  • Il vomito contiene sangue o bile,
  • Voi o un’altra persona avete molto mal di pancia,
  • Voi o un’altra persona avete mal di testa e il collo rigido,
  • Si manifestano i sintomi della disidratazione.

Tra i sintomi della disidratazione ricordiamo:

  • Aumento della sete,
  • Urine scarse o di colore giallo scuro,
  • Bocca secca,
  • Occhi infossati,
  • Assenza di lacrime,
  • Perdita di elasticità della pelle (se la si tocca o la si pizzica, non ritorna nella posizione normale come al solito).

È inoltre opportuno chiamare il medico se:

  • Il neonato o il bambino è letargico o è molto irritabile,
  • Il neonato vomita di continuo,
  • Il bambino non è in grado di trattenere i liquidi per otto ore o più,
  • Il vomito è ricorrente,
  • L’adulto non è in grado di trattenere i liquidi per 12 ore o più,
  • Le urine sono più scarse del solito (ad esempio il neonato sporca meno pannolini del solito),
  • La nausea continua per molto tempo (e non si è in stato interessante).

Che cosa farà il medico

Il medico vi visiterà attentamente e farà particolare attenzione agli eventuali sintomi della disidratazione; per diagnosticare con precisione la causa della nausea o del vomito il medico vi porrà delle domande sul vostro stato di salute, ad esempio:

  • Quando ha iniziato a vomitare? Per quanto tempo è durato il vomito?
  • Vomita diverse ore dopo i pasti?
  • Avverte altri sintomi come: mal di pancia, febbre, diarrea, perdita di tono della pelle, altri sintomi di disidratazione, gonfiore, mal di testa?
  • Nel vomito c’è del sangue color rosso vivo? Gli episodi di vomito che contiene sangue sono ricorrenti?
  • Vomita del materiale simile ai fondi di caffè?
  • Vomita alimenti non digeriti?
  • Vomita una sostanza verdastra?
  • La nausea e il vomito l’hanno fatta dimagrire?
  • Cerca di vomitare intenzionalmente?
  • Di recente ha fatto dei viaggi? Dove si è recato?
  • Quali farmaci assume?
  • Le persone che recentemente hanno mangiato insieme a lei avvertono sintomi analoghi?
  • È incinta? Potrebbe essere incinta?

Il medico vi potrà prescrivere gli esami seguenti:

  • Esami del sangue (emocromo, elettroliti e valori epatici),
  • Analisi delle urine,
  • Radiografia toracica.

Se la disidratazione è grave, probabilmente vi saranno somministrati liquidi mediante flebo, in ospedale o in ambulatorio. I farmaci antiemetici (antivomito) possono essere utili, però dovrebbero essere usati solo se i benefici attesi sono maggiori dei rischi.

Cura e terapia

In caso di vomito è fondamentale rimanere idratati, bevete di tanto in tanto piccole quantità di liquidi trasparenti, ad esempio di soluzione elettrolitica. Altri liquidi trasparenti, ad esempio l’acqua, la gazzosa o i succhi di frutta, sono ugualmente indicati a meno che il vomito sia molto forte o a vomitare sia un neonato.

Per i bambini allattati al seno la scelta migliore di norma è il latte materno, invece i neonati allattati con latte artificiale di solito dovranno assumere semplicemente dell’acqua o della soluzione reidratante.

Non bevete troppo in una volta sola, a volte è bene bere a cucchiaini. Sforzare lo stomaco può far peggiorare la nausea e il vomito.

Ricominciate ad assumere alimenti solidi dopo sei ore dall’ultimo episodio di vomito e poi ritornate lentamente alla dieta normale.

Gli episodi di vomito di solito sono causati da disturbi virali o alimentari, tuttavia, se avete il dubbio che il vomito sia provocato da disturbi più gravi, recatevi immediatamente dal medico o al pronto soccorso.

Se aspettate un bambino e soffrite di nausee mattutine, chiedete al medico quali sono le terapie più adatte.

Per curare il mal d’auto o il mal di mare vi consigliamo di:

  • sdraiarvi nel caso di mal di mare,
  • Assumere farmaci antistaminici da banco (come la difenidramina, contenuta nella maggior parte dei farmaci contro le chinetosi).
  • Usare un cerotto transdermico a base di scopolamina (Transcop®). Questi cerotti, disponibili in farmacia senza prescrizione medica, sono utili per i viaggi molto lunghi, ad esempio per le traversate transoceaniche. Mettete il cerotto da 4 a 12 ore prima di partire e solo nel caso di pazienti adulti. La scopolamina è efficace, ma può causare effetti collaterali come:
    • bocca secca,
    • visione offuscata,
    • lieve sonnolenza.

Prevenzione

Per prevenire il vomito esistono molti farmaci diversi, in alcune situazioni prevenire il vomito migliora decisamente la qualità della vita.

Traduzione ed integrazione a cura di Elisa Bruno

Revisione scientifica e correzione a cura del Dr. Guido Cimurro (farmacista)
Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto dottore-paziente; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio od indicazione riportata.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

  1. Anonimo

    Salve,dopo quasi due ore di vomito (solo carote della cena) ho iniziato ad avere spasmi senza vomitare, poi un attacco breve di diarrea per poi vomitare 3-4 volte marrone scuro…devo andare al P.S.?

    1. Anonimo

      Altri sintomi non ne ho…solo catarro in gola formato da poco…febbre non ne ho avuta per il momento, solo dolori al petto che adesso ( 1 ora dall’ultima volta che ho rimesso, sempre marrone scuro) sono passati…mi sento debole perché non ho bevuto,(tra un ora mi bevo un te con pane secco) e la pancia fa dei rumorini ogni tanto
      Se sono informazioni uitili ho 16 anni, sono alto poco più di 170cm e peso circa dai 51 ai 53kg

    2. Anonimo

      Ah dimenticavo, ho un forte bruciore di gola quando mando giù la saliva e quando ho vomitato le carote c’erano solo quelle senza il vomito marrone…ché é venuto come scritto prima dopo gli spasmi (dopo che non avevo più cibo nella pancia)

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sembra una sindrome parainfluenzale; il PS mi sembra eccessivo, lo segnali invece telefonicamente al medico.

    4. Anonimo

      Ok grazie, quindi é normale il vomito marrone scuro (tipo fondi di caffè)?
      Se non dovessi rimettere in giornata domani posso tornare a scuola?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere qualcosa che hai mangiato oppure un capillare rotto, ma come detto è consigliabile sentire telefonicamente il medico.

    6. Anonimo

      Un ultima domanda in attesa di andare dal medico…poco fa sono andato ad urinare e l’urina fumava abbastanza quando usciva (il colore mi é sembrato giusto, trasparente sul giallo) mi devo preoccupare o é normale ?(non ho febbre)

    7. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In genere la si vede “fumare” solo quando la temperatura esterna è molto più bassa di quella corporea.

    8. Anonimo

      Ok grazie mille, allora devo riscaldare un po di più il bagno ?…grazie e buona giornata

    9. Terty

      La mia bambina cometa e dissenteria più volte al giorno cosa può mangiare appartenenti i creker i succhi di frutta posso darli

    10. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se vomita costringerla a mangiare potrebbe non essere una buona idea? Quanti anni ha? Da quanto tempo vomita? Ha già avvertito il pediatra?

  2. Mariangela

    Salve dott. Cimurro, mi è capitato, prima di vomitare ieri mattina, di avere delle vertigini più o meno forti. Queste si sono molto calmate dopo aver vomitato. :(
    Si può trattare, visto che siamo a marzo di un virus gastrointestinale?? O ddovrei contattare un medico..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è possibile che sia un virus, ma ovviamente senta anche il parere del suo medico.

  3. lui la plume

    Soffro molto il freddo e nel momento in cui viene spento il riscaldamento centralizzato iniziano i problemi, in genere finisco al pronto soccorso e vengo ricoverato. Per problemi logistici questa volta ho evitato ed ora sto meglio.
    Le cure che normalmente seguo consistono in mezza pastiglia di olmetec 20 per tenere sotto controllo la pressione ed una aspirinetta per mantenere fluido il sangue (la parte bassa della gamba sinistra si era gonfiata molto).
    Ieri, preceduto da un malessere generalizzato e da febbre occhi lacrimanti da qualche giorno minzione dolorosa, è apparsa nausea e vomito, a mezzogiorno il riso in bianco la sera un pò di pasta …. dopo una tazza di the …. appena superano la bocca parte lo stimolo ed il vomito.
    Mia moglie mi ha curato con tachipirina 1000 contro la febbre blefarette per pulire gli occhi ed augmentil per una probabile infezione.
    Il mio medico è in altra città e dove mi trovo sono tutti irrispettosi degli obblighi che anno sottoscritto (visita 15 euro e domiciliare 25)
    ho segnalato più volte il fatto …. ma per un fuori sede non esiste medico.

  4. anna

    Buongiorno dottore, mia figlia da una settimana si sveglia con nausea tanto da non riuscire a fare colazione, poi passa e sta bene fino alla mattina dopo, è cominciato tutto con un episodio di vomito di prima mattina.
    Ha 20 anni, prende la pillola quindi non credo sia incinta, meglio comunque un test di gravidanza? Ultime mestruazioni le ha avuto il 01 giungo.
    Cosa potrebbe essere? La mattina che ha vomitato, la sera prima ha cenato con spaghetti al pomodoro, qui a casa come noi che non abbiamo avuto problemi, quindi non credo sia qualcosa legato al cibo.
    Grazie per i suoi consigli

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ci sono stati errori di assunzione della pillola?
      Problemi di reflusso? Gastrite?

    2. anna

      Errori di assunzione in questo mese no, cioè da quando ha avuto il ciclo di questo mese no, il mese scorso sì una volta, ma pensavo che avendo avuto regolari mestruazioni quel pericolo fosse escluso.
      Allo stomaco da mesi ha un po’ di acidità infatti la dottoressa le ha dato il Riopan, che prende al bisogno.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il reflusso potrebbe spiegare il sintomo, ma il dubbio con un test me lo toglierei.

    4. anna

      Grazie dottore, il test è già affidabile sin da ora o meglio aspettare?
      Inoltre meglio fare anche una visita dal gastroenterologo? Per il discorso del bruciore e reflusso, il medico di base non ha dato molta importanza, ma se è il caso la porta da uno specialista.

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Visto che lo facciamo per il dubbio nato da un sintomo lo può già fare.
      2. Se il test sarà negativo inizierei a segnalare il vomito al medico di base, per capire se effettivamente nasca da un problema di stomaco.

    6. anna

      Mi scusi la disturbo di nuovo, sono appena tornata dalla farmacia e solo ora mi sono accorta che sulla confezione del test c’è scritto “4 giorni prima del presunto inizio delle mestruazioni”. Ma dovrebbero venirle in 29 giugno, sarà valido lo stesso se si fa subito domattina o meglio che vada a prendere un altro test? Il farmacista non mi ha chiesto niente, mi ha dato questo e io non so che tipi esistano, cioè se ce ne sia uno che sia affidabile già ora, quello che mi ha dato è Illa test.

    7. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Buonasera, il test ha validità se viene eseguito ad almeno 2 settimane dal presunto rapporto a rischio, per cui bisogna valutare questo lasso di tempo. Saluti.

    8. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Confermo completamente, visto che se fosse incinta lo sarebbe da diverse settimane proceda pure domani mattina con la prima urina.

  5. Sandra

    Salve dottore stamattina mia madre si è sentita male ed ha vomitato. Premetto che il ciclo le ritarda da una settimana ed è impossibile che sia incinta. Ha 49 anni. È possibile che sia la menopausa?

    1. Roberta

      Salve dottore, mio marito di 43 anni ha spesso episodi di vomito.
      Esordiscono con dolori di stomaco e spasmi, e poi inizia a vomitare senza sosta, fino a che non fa il Plasil iniezione, che è l’unica cosa che lo arresta.
      Ha fatto gastroscopia e colonscopia e sono negative, ma gli episodi continuano a presentarsi circa ogni tre mesi.
      Cosa ci consiglia?
      Grazie per l’aiuto che vorrà darci.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Si potrebbe valutare un supporto psicologico per imparare a gestire meglio i periodi sotto pressione.

  6. Anonimo

    Salve dottore nn so se riesce ad aiutarmi…ho un bambino di un mese nutrito col latte artificiale e da qualche settimana vomita una massimo 2 volte a settimana. Il suo vomito e la sola espulsione di latte a getto di fontana.sono stata dalla pediatra e mi ha detto che e colpa del nasino otturato ma nonostante la cura ancora il bambino mi vomita. Lei crede sia grave? Come devo comportarmi. Da premettere che il mio bambino mangia velocemente e non aspetta le 3h e piange a dirotto per imporgli almeno le 2h e mezza ma ho paura di aumentargli il latte proprio perché ho paura mi vomiti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      2 episodi alla settimana non sembra ancora un problema serio e la pediatra potrebbe davvero aver ragione; per quanto riguarda la dose sta dando meno del previsto?

    2. Anonimo

      No ho accordato con la pediatra 90 ma a volte gliene do 120perche piange a dirotto. Mio figlio e molto lento a mangiare per una poppata c mette anche un ora e mezza perche mangia e si riposa pero poi dopo un ora o poco piu ha giA di nuovo fame. Lei dice potrebbe essere grave? Mi spaventa il vomito, spruzza il latte lontano e tira fuori tutto pero come se fosse latte fresco nn e ricottoso o altro e poco dopo piange che ha fame

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      No, non credo che sia grave, ma rimanga ovviamente in contatto con il pediatra.

    4. Anonimo

      Ma il fatto che vomiti a getto puo portargli problemi? Ieri sera dopo vomitato si disperava, voleva msngiare ma dopo mangiato piangeva ancora. Se vorrei indagare x sapere se e tutto nella norma cosa dovrei fare?

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se la pediatra non ha ritenuto che ci fossero problemi direi che può stare tranquilla, se desidera approfondire può rivolgersi ad un gastroenterologo pediatrico.

  7. Sonia

    Buongiorno dottore. Ieri sera per il mio compleanno sono uscita con amici e (garantisco che non è mia abitudine) ho fatto forse un po’ troppi brindisi… Quando sono tornata a casa mi girava un po’ la testa. Dopo un po’ mi è venuta la sensazione di dover rimettere, ma forse mi sono autoconvinta perché una volta in bagno mi sono dovuta sforzare X rimettere poco niente e con evidenti tracce di sangue rosso vivo!!!!! Mi sono talmente spaventata che mi è passato subito l’effetto dell’alcool!! Mi devo preoccupare??? Non mi era mai successo prima! Io soffro un po’ di reflusso, ma mai da dover rimettere e soprattutto con tracce di sangue! Cosa ne pensa???
    Grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, il sangue potrebbe essere dovuto a piccole lesioni della mucosa dovute allo sfornzo per vomitare o potrebbe aver avuto un sanguinamento da gastrite acuta, si faccia controllare dal medico e le sconsiglio di sforzarsi a vomitare se non ha lo stimolo. Saluti.

    2. Anonimo

      Ma un sanguinamento da gastrite acuta senza particolari sintomi…e’ possibile? In questo periodo a livello di stomaco/reflusso toccando ferro sto abbastanza bene, non sento fastidi bruciori o dolori…

Lascia una risposta

IMPORTANTE: In nessun caso la figura del farmacista può sostituire quella del medico, unico professionista con le competenze e la possibilità legale di formulare diagnosi e prescrivere farmaci. Le considerazioni espresse hanno quindi come unica finalità quella di agevolare in ogni modo il rapporto medico-paziente, mai ed in nessun caso devono prenderne il posto.

Gli interventi inviati potrebbero richiedere fino a 15 minuti per essere visibili sul sito.

La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.

Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un medico, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo medico.

Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.

Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.

Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.